Visualizzazione post con etichetta Eventi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Eventi. Mostra tutti i post

domenica, agosto 27, 2017

Oltre 200 mila in piazza per la Notte della Taranta


LECCE - Non sono nè la paura di attentati, nè le stringenti misure di sicurezza a fermare gli oltre 200 mila spettatori accorsi per partecipare ad uno degli eventi più attesi dell'estate salentina. La Notte della Taranta - quest'anno firmata da Raphael Gualazzi - vanta ospiti illustri, che scatenano al ritmo di pizzica l'ampia platea composta per la maggior parte da giovani under 30.
Dal chitarrista di David Bowie, Gerry Leonard, a Tim Ries, sassofonista dei Rolling Stones, passando per il percussionista Pedrito Martinez e senza rinunciare alla voce di Suzanne Vega: un'armonia musicale che fa ballare il pubblico di Melpignano, insieme agli immancabili ballerini del Corpo di ballo della Taranta.

Libri nel Borgo antico, storie emozionanti e impegno civile nella seconda serata. Domenica il gran finale

di REDAZIONE - La seconda serata di Libri nel Borgo Antico a Bisceglie ha come di consueto offerto la possibilità di presentare i loro libri a decine di autori tra gli angoli più belli della città vecchia, ha replicato l'ottima riuscita della novità dedicata ai giovanissimi con "Libri nel Borgo dei Piccoli", infine ha visto salire sul palco principale di piazza Castello nomi importanti della cultura italiana e dell'impegno civile, concedendosi anche uno spazio per ascoltare un simpatico ma discusso personaggio televisivo.

Ha aperto l'appuntamento serale Antonio Caprarica, giornalista Rai per anni corrispondente d'oltremanica, con la presentazione del suo libro "L'ultima estate di Diana" nel quale ha tracciato un ritratto umano e profondo della principessa, la sua vita, i suoi amori, i suoi tormenti.

Spazio poi a un genere letterario sempre amato, il giallo, con uno degli autori che si sta sempre più affermando nel panorama editoriale italiano: Alberto Garlini ha presentato il suo ultimo romanzo "Il fratello unico. Un'indagine di Saul Lavisoni".

Tra gli incontri più attesi non solo della serata ma di tutta la rassegna, quello con Giovanni Impastato, fratello di Peppino ucciso nel 1978 e icona della lotta alla mafia. Nel libro "Oltre i cento passi", c'è una storia di resistenza, di dignità, di rottura con l'ambiente circostante («La nostra è stata una famiglia di origine mafiosa»), che nel ricordo di Peppino trova la forza per contrastare illegalità e ingiustizie, per denunciare il sistema mafioso ancora lontano dall'essere sconfitto.

Emozionante e allo stesso tempo divertente, l'incontro con un grande maestro del cinema italiano: Pupi Avati. Il regista bolognese è intervenuto in veste di autore del suo finora unico libro "Il ragazzo in soffitta", ma è stato un fiume in piena di storie gustose e a volte commoventi delle persone incontrate nella sua vita: da Lucio Dalla a Mariangela Melato, senza dimenticare l'innocente bugia con cui conquistò la donna che da 53 anni è sua moglie.

Ha chiuso la serata Alberico Lemme, ospite di tanti talk televisivi per parlare di diete, autore del libro "La dieta Lemme", che non lesina sfrontatezza nell'illustrare teorie ardite come «Le calorie sono una bufala, nemmeno i dietologi sanno esattamente come si calcolano».

Intanto è tutto pronto per la serata conclusiva di domenica. Tra gli ospiti principali che si alterneranno in piazza Castello, Wanda Marasco che presenterà "La compagnia delle anime finte", Alessandra Necci con il libro "Alessandra e Lucrezia, le due cognate", Paolo Mieli ed il suo "In guerra con il passato", Marcello Veneziani con "Alla luce del mito".

Per tutto il corso della serata sarà possibile partecipare anche alle visite guidate gratuite e al grande ScambiaLibro, lasciando un libro per prenderne un altro in ciascuno dei lunghi banchetti allestiti nei vicoli del centro storico.

venerdì, agosto 25, 2017

Eremo Club, al via la seconda edizione del Summer Carnival Party

MOLFETTA - Dopo il successo dello scorso anno, sabato 26 agosto dalle 22.30, arriva all’Eremo Club di Molfetta (S.S. Molfetta - Giovinazzo Km. 779, uscita Cola Olidda, ticket  5 euro prima di mezzanotte, 7 post, prevendite disponibili nel circuito booking show. Info: 340/6156380-328/2828244) la seconda edizione del Summer Carnival Party, ideato e organizzato dalle associazioni Link Up e  Just Music Promotion, in collaborazione con Hot Chocolate Black'n'Vibes.

Lo show è ispirato al più grande party d’Europa che si svolgerà lo stesso giorno a Londra, nel quartiere di Notting Hill per celebrare la cultura afro-caraibica, a ritmo di dancehall, reggae, hip-hop, soca e reggaeton. Protagonisti del più grande carnival party dell’estate 2017 i dj CHARLY KS, selecter salentino  con la passione per la reggae music e il barese BIG FAB; a “guidare” le danze, la nota ballerina dancehall JAY SPARKS dal Salento (membro del collettivo Brock Out Dancers) e FAMOUSDANCER UP dalla Giamaica, uno dei massimi esponenti della danza tipica dell’isola caraibica, affiancati da ballerine in abiti tipici del Carnevale estivo. Musica, danza e divertimento con l’Eremo che si trasforma con addobbi e scenografie a tema tropicale/caraibico mentre durante la serata verranno distribuiti gadget “carnival” e saranno disponibili durante l'evento truccatrici per decorazioni al volto e body painting. A completare la serata, prima e dopo gli show degli ospiti, ci saranno le selezioni musicali dei dj del collettivo Hot Chocolate Black'n'Vibes: South Love Vibration, Smorf Sound, Dj Fato aka Supayouth. In sala 2, Pop, Rock & more con i dj  Hardeed e Gaetano Gala.

Charles Selvathurai in arte Charly KS (from Heavy Hammer Sound), leccese classe 1989,  ha il reggae nel sangue. Fa parte della crew Kick Side family dal 2008. Nei suoi dj-set trovano posto vecchie e nuove sonorità come foundation, roots, bashment/dancehall, mescolate con hip-hop, R’n’B e più in generale, black music, condito con numerosi remix auto-prodotti. A contraddistinguerlo nel mixaggio è uno stile conosciuto come “juggling”. Collabora e condivide il palco con artisti nazionali ed internazionali del calibro di Heavy Hammer, BoomDaBash, BlackChiney, SudSoundSistem, Bounty Killer, General Levy, MacroMarco, DjMadkid, Villa Ada, GhettoEden e molti altri. Nel 2012 vince l’IDC Italian dj competition (The Next Generation), gara di selezione musicale di genere “black music”.

Big Fab aka Fabiolone è un punto fermo dell’intrattenimento barese e pugliese. Resident dei party del collettivo Bari Hip Hop Metro e Black Beach Party. I suoi dj-set navigano nell’universo della black music con particolare attenzione a tutte le hit soul, r&b, hip-hop, riuscendo sempre a realizzare set trascinanti e coinvolgenti per il pubblico e il Summer Carnival Party non farà di certo eccezione.

SUMMER CARNIVAL PARTY 2nd edition

Main room: Dancehall - Hip Hop - Reggaeton - Soca

dj Big Fab + dj Charly; dancers Jay Spark + Famous Dancer (from Jamaica)
+South Love Vibration + Smorf Sound + dj Fato

Second floor: Pop, Rock & more
dj Hardeed + Gaetano Gala

Ticket: 5 euro pre-mezzanotte, post 7 euro
 Prevendite disponibili nel circuito bookingshow

Info: 340/3406156380 – 328/2828244
Start: apertura cancelli 22.30
Eremo Club, SS Molfetta-Giovinazzo Km. 779 (uscita Cola Olidda)

Ufficio stampa:
Nicola Signorile (mob. 329/6659847)

venerdì, agosto 11, 2017

Brunori Sas, l'Indie Pop e le nostre storie. Sabato 12 agosto live a Trani


di REDAZIONE - Indie pop. È questa la definizione della combinazione di note adottata da Brunori Sas, calabrese d’origine, classe 1977, primo ad esibirsi sul palco di Fuori Museo – Eventi d’estate 2017 della Fondazione S.E.C.A. con il suo A casa tutto bene Tour.

E mentre la data si avvicina, mancano solo due giorni, le radio mandano i suoi pezzi, le interviste dalle domande più disparate, come, ad esempio quel Sas che segue il cognome. Un omaggio all’azienda di famiglia, la Brunori Sas, appunto.

Spazia tra storie di vita quotidiana, amori, ricordi, rivoluzioni. Tra cinismo ed ironia, passato e futuro, passeggiando per il presente. Non sono solo canzonette ma, orecchiabili, parlano, le sue canzoni, di ognuno. Perché, basta ascoltarle, è impossibile non identificarsi in testi come quello de “Le quattro volte”, ad esempio.

È questo il collante tra l’artista e l’uditore: l’identificazione. Lo spontaneo ritrovarsi protagonista dei suoi testi che fa sorridere, a volte amaro. Una cosa è certa, lasciano un segno, provocano reazioni da cui scaturiscono riflessioni, come ne “La verità”.

La storia di Dario Brunori, in arte Brunori Sas, comincia nel 2009 e cresce, sempre verso la vetta, tra consensi e riconoscimenti. Il cantautore italiano si aggiudica il Premio Ciampi nel 2009, appunto, come miglior disco d’esordio, il KeepOn come miglior Personaggio Live della stagione, la targa Tenco, come miglior esordiente.

Un cammino musicale fatto di successi e di compagni di viaggio: Simona Mazzarro (percussioni e coro), Dario Della Rossa (piano e tastiera), Mirko Onofrio (sax e fiati), Massimo Palermo (batteria).

Tutto da ascoltare, per alcuni, forse pochi, da scoprire, quest’artista dalla sensibilità spiccata, dall’attenzione socio-antropologica acuta, che scruta le vite, la sua, quella di chi lo circonda, per scrivere e produrre specchi dentro i quali riflettersi e porsi domande, ballando, ma riflettendo.

Ad aprire il concerto di Brunori Sas saranno Luca Giura, in arte Molla, compositore interprete e musicista poli – strumentista, accompagnato dall’inseparabile Nico Giannotti alla chitarra ed Orelle, cantautrice dalle sonorità jazz – rock.

L’appuntamento è dunque tra due giorni, con la profondità della musica leggera, che sa entrare con delicatezza e gentilezza, che sa accomodarsi e restare, senza disturbare.

Stelle cadenti: il meglio deve ancora venire


Il suggestivo spettacolo delle stelle cadenti non coincide esattamente con la mitica notte di San Lorenzo. Quest'anno, infatti, l'appuntamento slitta alla notte fra il 12 e il 13 agosto, nella quale si attende il picco di visibilità.
Per l'occasione, le associazioni degli astrofili di tutta Italia hanno organizzato una serie di eventi. Fra i più apprezzati c'è "Calici di Stelle", in collaborazione col movimento del turismo e del vino, anche se non mancano serate all'insegna dell'astronomia e della poesia, leggendo Pascoli, Dante e Tasso sotto la volta celeste.

Le stelle cadenti della notte di San Lorenzo nascono dall'incontro fra il nostro pianeta e le polveri lasciate dalla cometa Swift-Tuttle. L'impatto di queste polveri con l'atmosfera terrestre genera quindi le magiche scie luminose che, nei notturni cieli d'estate, danno vita ai magici spettacoli che conosciamo.

giovedì, agosto 10, 2017

Festival Internazionale dell'arte di strada: 17 agosto, Gagliano del Capo (LE)


di REDAZIONE - Il Festival internazionale dell’arte di strada A Cappello giunge all’ottava edizione, e promette una serata di stupore puro, il 17 agosto a Gagliano del Capo, a partire dalle 21.00. L’obiettivo, di anno in anno rinnovato, è quello di stupire, spiazzare lo sguardo di turisti e salentini, e proporre visioni altre del nostro territorio. Il centro di Gagliano diventa il palcoscenico dei più importanti nomi dell’arte di strada italiana ed internazionale, ospitando spettacolari acrobazie, visioni surreali, incontri comici e poetici, suoni e musiche da tutto il mondo.

“Il festival dell’arte di strada – racconta il direttore artistico, Matteo Greco – vuole essere una porta d’accesso all’inusuale, allo strabiliante, nel cuore dell’estate salentina. Un modo per tornare ad allenare la fantasia, per rieducare lo sguardo alla curiosità e all’interesse verso tutto ciò che non è convenzionale.”

Fra le varie partecipazioni di questa edizione spicca la presenza della Compagnia Mi Santa (Argentina) con il suo Contigo me voy, spettacolo acrobatico aereo e terrestre, che vedrà l’uso contemporaneo del trapezio e del cerchio gigante sotto il campanile della chiesa San Rocco. Altra star della serata sarà il bulgaro Teodor Borisov, reduce da tournée internazionali, che animerà i suoi burattini giganti che si confonderanno con le persone lungo il corso. E ancora, Laura Kibel (Roma) porterà a Gagliano metterà su un teatro usando magicamente i suoi soli piedi, Davide Fontana (Torino) ci porterà nelle atmosfere cariche di suspance degli agenti segreti, i Soul Palco (Napoli) ci porteranno con il loro canto nel calore e nell’irriverenza della tradizione popolare partenopea

Ma lungo le strade del centro si incontreranno anche delle enormi farfalle luminose (Les Brillantes) una sirena che vola fra i tessuti (Ilaria Fonte), un ring improvvisato da un personaggio “catastrofico” (Katastrofa Clown) e una coppia di sposi a dir poco eccentrica (The Squasciò company).

Vedrete il tutto passando certamente fra le creazioni del bollaio matto Yuri Bussi e di Pippi l’arpista, fra le acrobazie esilaranti del Grande Lebuski e fra i mille suoni di Stefano Serino, l’uomo-orchestra. Basterà incamminarsi, nel cuore di Gagliano e dell’estate, per un vicolo o una via, e pronunciare la parola d’ordine: “fantasia”.

Per info: 3294433924
Info espositori mercatino artigianato: 3928836560
pagina fb: A Cappello – Festival dell’arte di strada

mercoledì, agosto 09, 2017

Presentazione del libro Mafia Caporale, presso Giovinazzo


di MARIO CONTINO - Il giorno 8 Settembre c.a., alle ore 19,00, presso la Cittadella della Cultura (Piazza S.Agostino, 2 Giovinazzo), si terrà la presentazione del libro: MAFIA CAPORALE, scritto da "Leonardo Palmisano", edito da "Fandango Libri".

Un libro che tratta un argomento delicato quanto infame ed infamante, ossia la riduzione in schiavitù dell'essere umano, da parte di chi lucra senza scrupoli sulla vita altrui. Secondo il Global Slavery Index 2016, solo in Italia sarebbero 129.600 le persone ridotte in schiavitù in Italia.

Principalmente viene affrontato il tema del "caporalato", lo sfruttamento dei lavoratori da parte di aziende che, pur di guadagnare il più possibile, danno origine o si rendono complici, di un vero e proprio sistema mafioso che favorisce la schiavizzazione di esseri umani.

Dalla scheda del libro possiamo leggere quanto segue:
«"Mafia Caporale" è oggi più forte del collocamento pubblico, e dà vita a una moltitudine di agenzie di somministrazione lavoro dentro le quali lava somme inimmaginabili di denaro sporco. Sarte, braccianti, camgirls, muratori, prostitute, blogger, coccobello!, lavavetri, parcheggiatori, vigilanti, camionisti, mendicanti e minori, sono solo alcuni dei volti della schiavitù di cui ci parla Leonardo Palmisano nel suo viaggio dal nord al sud di Italia».

A mio avviso libro che non dovrebbe mancare nella vostra personale biblioteca, in quanto è doveroso comprendere le dinamiche che sono alla base di un sistema marcio che si riperquote sull'intera società.

Il Prof. Leonardo Palmisano,etnografo e scrittore con cattedra in Sociologia Urbana al Politecnico di Bari, sarà quindi disponibile a chiarire ogni vostro dubbio in merito alla delicata, e sconcertante, questione trattata nel suo libro.

Promotrice di questo evento è l'associazione Progetto Socrate, con il Patrocinio del Comune di Giovinazzo.

martedì, agosto 08, 2017

8 agosto 1991, il Vlora sconvolge la città di Bari


di NICOLA ZUCCARO - Bari, giovedì 8 agosto 1991. Nel corso di una calda mattinata, una montagna galleggiante, paragonabile ad un formicaio umano, cattura l'attenzione dei bagnanti del Lido San Francesco e del Litorale di San Cataldo: è il Vlora. Di lì a poco - sono le 10.30 circa - verso mezzogiorno, attraccherà al Molo Foraneo del Porto barese. In questo preciso punto dello scalo portuale si concludeva così l'odissea del Mercantile inizialmente diretto a Brindisi, ma poi repentinamente dirottato su Bari, a seguito del colloquio telefonico intercorso fra l'allora vice prefetto brindisino, Bruno Pezzuto, e l'allora Capo di Gabinetto della Prefettura barese, Antonio Nunziante. Questo dirottamento fu "motivato" e "giustificato" dal fatto che, non trattandosi di una migrazione composta da poche centinaia di profughi (ma di 20.000 albanesi in fuga) e avendo già Brindisi, nel marzo 1991, fatto fronte ad un precedente e consistente sbarco, la rotta verso Bari divenne a quel punto inevitabile.

Se per il Comandante del Mercantile, Hadim Milaqi, costretto a salpare per l'Italia, terminò un calvario (su misura per un testo di Epica), per la città di Bari iniziarono dei giorni difficilissimi relativamente alla gestione dell'emergenza. Molte furono le difficoltà provocate dalla suddivisione degli interventi di Protezione Civile e legati sia alla sicurezza che all'ordine pubblico (numerosi furono gli albanesi, alcuni dei quali impauriti, che vagavano per la città, fuggendo dal Molo Foraneo, dopo essersi tuffati dalla nave) presso i due luoghi di quella drammatica vigilia ferragostana quali il Porto e lo Stadio della Vittoria. Quest'ultimo, chiuso da un anno al calcio, si trasformò da catino infuocato dal tifo per il Bari, a luogo infernale dove la rabbia e la disperazione si mescolarono, tanto da mobilitare l'Esercito italiano e successivamente le Forze speciali della Polizia di Stato - intervenute sotto il diretto controllo del rispettivo Capo, il Prefetto Vincenzo Parisi. 

Su Bari, anche per la presenza di alcuni rivoltosi e disertori dell'Esercito albanese (inizialmente trasportati dal Porto allo Stadio a bordo dei bus dell'azienda del trasporto urbano e poi, alcuni di essi, ricondotti in Albania, nell'ambito di un ininterrotto ponte aereo) si accesero i riflettori dell'informazione nazionale ed internazionale e si concentrò l'attenzione delle istituzioni italiane. Fra esse, la Presidenza della Repubblica che per voce dell'allora Capo di Stato, Francesco Cossiga, chiese le dimissioni, vocando ad egli, per le funzioni spettanti alla suo ruolo, la rimozione del Sindaco dell'epoca ; il compianto Prof. Enrico Dalfino. Quale fu la motivazione? L'irresponsabilità nella gestione di un'emergenza, le cui colpe dovevano oggettivamente essere attribuite a quella macchina governativa che non riuscì, forse e probabilmente, a prevedere e a frenare per tempo un esodo che mise alla prova la straordinaria solidarietà dei baresi, testimoniata dalla donazione di indumenti e scarpe (la gran parte dei profughi sbarcò scalza al Porto di Bari) e dalla messa a disposizione di alloggi da parte delle parrocchie vicine allo scalo portuale e allo Stadio della Vittoria. 

L'arrivo del Vlora mutò il tessuto sociale di una Bari che dall'agosto 1991 si trasformò in larga parte albanese, per l'inserimento dei componenti della relativa nazionalità, nel contesto lavorativo e universitario, e promuovendo, nello stesso tempo, il capoluogo pugliese quale città italiana, per eccellenza (così la ricordò in una successiva intervista rilasciata nei mesi successivi a quell'evento dal sindaco Dalfino all'emittente televisiva Tele Bari) sul piano dell'accoglienza e dell'integrazione etnico-culturale.

Naso all'insù con gli eventi del Planetario di Bari per la notte di San Lorenzo


Tutti col naso all'insù per la notte di San Lorenzo, che come ogni anno porta migliaia di persone ad ammirare la volta celeste. Per l'occasione, il Planetario di Bari propone tre imperdibili appuntamenti per ammirare lo straordinario fenomeno delle stelle cadenti.

Giovedì 10 agosto, dalle 19:30 presso Villa Framarino al Parco Naturale di Lama Balice, gli esperti della Cooperativa Verderame guideranno i visitatori alla scoperta di flora e fauna del parco e all'osservazione del cielo stellato. Durante l'incontro, tutti gli ospiti potranno scoprire i segreti dell'universo all'interno del planetario che sarà appositamente installato in loco. Successivamente, sarà possibile spostarsi sotto le stelle, per ammirare direttamente la Luna, Saturno e le lune di Giove, per mezzo dei potenti telescopi. Il tutto nella suggestiva cornice delle stelle cadenti.

DURATA: 3h TICKET: € 7,00

Venerdì 11 e Sabato 12 Agosto, per apprezzare al meglio il picco delle Perseidi, dalle 20:00 sarà possibile ammirare i cieli di Puglia dal Parco Nazionale dell'Alta Murgia. Dal centro visite “Torre dei Guardiani”, grazie al più grande telescopio astronomico di Puglia, sarà possibile osservare le Lune di Giove, gli anelli di Saturno, ammassi di stelle, galassie e tanti altri oggetti invisibili dai cieli cittadini. 

TICKET: € 5,00

Info e prenotazioni al: 3934356956 o @ilplanetariodibari.com

Brunori Sas aprirà la rassegna “Fuori Museo” a Trani il 12 agosto


di FRANCESCO BRESCIA – Dario Brunori, meglio noto artisticamente come Brunori Sas, cantautore cosentino, aprirà la rassegna musicale “Fuori Museo” a Trani sabato 12 agosto con il suo A casa tutto bene tour.
La serie di appuntamenti artistici è stata ideata e organizzata dalla Fondazione Seca di Trani, sempre attenta alla sensibilizzazione alle arti e all’intrattenimento culturale di cittadini, visitatori e turisti.
L’artista calabrese si esibirà con il suo live estivo, uno show rinnovato e ampliato nel repertorio e nell’allestimento.
Il concerto sarà l’occasione per riascoltare sia i brani storici del cantautore, sia i brani tratti da “A casa tutto bene”, quarto album di inediti di Brunori Sas, uscito lo scorso 20 gennaio per Picicca dischi, che ha debuttato sul podio della classifica Fimi dei dischi più venduti e che ha anche occupato i primi posti delle classifiche digitali e di streaming.

Dopo Brunori Sas, sabato 19 agosto sarà la volta di un altro nome di spessore della musica italiana: con il suo “Scriverò il tuo nome tour” il cantante bresciano Francesco Renga.
Il 29 agosto la tenace, grintosa e profonda, la meravigliosa voce d’Italia: Fiorella Mannoia farà tappa a Trani con il suo straordinario “Combattente tour”.
Domenica 3 settembre giunge nella perla dell’Adriatico Dodi Battaglia con il suo tour.
Chiuderà la rassegna il 10 settembre Raphael Gualazzi che in Piazza Duomo proporrà il suo Love Life Peace Tour.

Tutti gli appuntamenti si terranno di fronte alla sede della Fondazione Seca (Polo Museale), all’ombra della Cattedrale romanica tra le più incantevoli della Terra di Puglia.

Per info e biglietti: Polo Museale Trani – Fondazione S.E.C.A., piazza Duomo 8/9 (Tel. 0883 582470), www.bookingshow.it, www.ticketone.it, rivendite autorizzate.

Avviati 'cantieri aperti' a Spazio 13, sopralluogo dell'assessora Romano


BARI - Ieri pomeriggio l’assessora Paola Romano ha fatto un sopralluogo nelle aule della scuola Melo che ospitano Spazio 13 dove questo pomeriggio è partito il “cantiere aperto” la Casa del custode. Per 5 giorni si svolgeranno i lavori di riqualificazione degli spazi con la collaborazione , in di alcuni ragazzi dello Spar di Bari – Giovinazzo, seguiti dai volontari di Etnie, un’associazione di promozione sociale, con cui Spazio 13 ha avviato un protocollo di collaborazione.

Nei mesi scorsi, infatti, con cadenza bisettimanale si sono svolti incontri utili a creare reti tra persone e associazioni con l’obiettivo di progettare la nuova vita della scuola Melo, coinvolgendo circa 450 persone in una fase di progettazione partecipata guidata dalle associazioni partner di Spazio 13: Suhd Labs, Small Lab e Lan, degli spazi e delle attività da programmare per l'allestimento, dedicate agli addetti ai lavori e ai comuni cittadini.

A fare da tutor ai ragazzi, che parteciperanno a tutte le attività di cantiere fino all’inaugurazione, ci saranno alcuni artigiani del quartiere Libertà under 35 che sono hanno partecipato al bando emanato da Spazio13 e hanno iniziato a collaborare con Spazio 13. I materiali invece, grazie alla caparbietà di Alessandro Antonacci, dell’associazione leZzanzare, sono stati sponsorizzati da Finish Village srl.

“Spazio 13 è un luogo di rigenerazione che parte dal basso - spiega Paola Romano – e per questo anche tutti gli interventi necessari per l’inaugurazione di metà settembre sono condivisi concretamente con il territorio. Infatti, nei mesi precedenti i ragazzi di Spazio13 hanno selezionato alcuni giovani artigiani del quartiere che faranno da tutor ad altri ragazzi. Per 5 giorni, ad esempio, Davide, pittore residente nel quartiere, che ha meno di 35 anni, guiderà un gruppo di ragazzi dello Sprar nelle pitturazioni di una stanza. Nei prossimi giorni altri artigiani trasferiranno parte delle proprie competenze ad altri ragazzi del quartiere. In questo modo vogliamo creare connessioni intorno ad un polo sociale e culturale; rendere protagonista il territorio e le sue maestranze e trasferire competenze da ragazzi ad altri ragazzi. Cosi riqualifichiamo lo spazio della scuola Melo ma soprattutto costruiamo legami perché sono certa che dopo aver partecipato ai lavori, quei luoghi diventeranno anche di chi li ha sistemati. Vogliamo che i cittadini siano protagonisti del cambiamento e si riapproprino dei luoghi partecipando attivamente al recupero e all'allestimento di Spazio13 attraverso i workshop e le attività del cantiere aperto, per una piccola "rivoluzione culturale e creativa“.

LE ATTIVITÀ
Il cantiere aperto si sviluppa come un grande contenitore di attività ed eventi all'interno della struttura. Dal cantiere sociale - volto ad una integrazione e coinvolgimento del territorio - ai workshop e laboratori rivolti ai professionisti, agli studenti e ai giovani appassionati. I principali momenti sono:
- Autocostruzione
- Recupero
- Momenti formativi
- Call per artisti

IL CALENDARIO:
  • 7/11 agosto
Recupero Casa del custode
a cura di LAN in collaborazione con Ass. Etnie
  • 28 agosto /2 settembre
"Social Furniture. Spazi sociali autoprodotti". Workshop per addetti ai lavori e appassionati.
a cura di SUHD
  • 4/6 settembre
Cantiere aperto alla cittadinanza
Costruzione Arredi del cortile
  • 15/18 settembre
Workshop di Autocostruzione
Diamo a Spazio13 un'area Relax

lunedì, agosto 07, 2017

Polignano a Mare: tutto pronto per 'Meraviglioso Modugno'


BARI - Conto alla rovescia per la VII edizione di "Meraviglioso Modugno", l'attesissimo evento che, anche quest'anno, torna in scena nella splendida Polignano a Mare. Lo spettacolo del 9 agosto vanta un cast molto variegato, con artisti provenienti da tutta Italia. Arisa, Fabrizio Moro, Max Gazzè, Ron e ancora Syria & Tony Canto e gli Ex-Otago: questi sono solo alcuni dei nomi che si esibiranno in onore di Domenico Modugno. Sul palco saliranno anche, da Sanremo, Giovani Marianne Mirage, Francesco Guasti e Leonardo Lamacchia, e, da Amici, Federica Carta. 

Nel corso dell'evento, Antonio Decaro consegnerà - in veste di presidente Anci - una riproduzione della statua di Modugno al sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi. Il premio, come sottolineato dal primo cittadino, Domenico Vitto, e dalla direzione artistica dello spettacolo, è simbolo di rinascita e vuole incoraggiare chi è al lavoro per ricostruire il nostro Paese.

(photo credit: Ansa)

Ostuni si prepara alla terza edizione della " Cena in Bianco "


di REDAZIONE - L'Associazione Ostuni Bianca presenta “A Cena Insieme”, la terza edizione della suggestiva “Cena in Bianco” ad Ostuni prevista Giovedì 10 Agosto 2017 presso l'affascinante scenario di Viale O. Quaranta di cui ricade quest'anno il centenario della sua realizzazione. Si è giunti alla terza edizione della Cena in Bianco della “Città Bianca ", organizzata e promossa dall'Associazione Ostuni Bianca con il patrocinio del Comune di Ostuni in collaborazione con l'associazione Ostuni Shopping, Proloco Ostuni Marina, Unconventional Dinner, Avis Ostuni, Associazione Espressioni d'Arte, Cooperativa Sociale A Ruota Libera, Lions Club Ostuni Città Bianca e Ostuni Notizie. 

Una suggestiva cena collettiva all'aperto , sobria ed elegante, all'insegna del bianco . Tutti sono invitati a partecipare nel rispetto di poche semplici “regole”: ognuno porta da casa tavolo e sedie, tovaglia bianca in tessuto, cesto o borsa pic-nic con le vivande necessarie per la cena. Piatti in ceramica, posate, bicchieri e bottiglie di vetro. Niente plastica, nè carta, nè lattine. Una tavola ben apparecchiata, semplice, carina, elegante. Acqua e vino (no superalcolici), la tradizione in tavola. Tutti seduti ordinatamente vicini. Un solo colore ad unire tutto e tutti, IL BIANCO: sobrio e positivo, elegante e fotografico, un colore che mette in evidenza “il vero volto delle persone”. I cittadini, “inquilini” della Città Bianca e i numerosi vacanzieri, diventano per una sera “attori protagonisti” di una speciale scenografia lungo le bianche mura del Centro Storico della Città Bianca.

Un format, la cui idea chiave si fonda sul vivere la città in maniera inconsueta, all'insegna e nel rispetto di 4 grandi E : Etica ,Estetica , Eleganza ed Educazione.

L'inizio della Cena è previsto per le ore 21.30; già dalle ore 15.00 invece i partecipanti avranno la possibilità di posizionare i propri tavoli lungo Viale O. Quaranta che verranno allestiti a partire dalle 18.30. Inizio cena tutti assieme alle 21.30 con il tradizionale sventolio dei propri tovaglioli. E' della tradizione italiana lo “stare a tavola” che non è solo “mangiare”, ma è la cultura e il piacere del cucinare, del preparare la tavola, per un momento di condivisione con la famiglia e con gli amici. E' a tavola che, senza competizione, le persone si relazionano, si ascoltano e dialogano.

Nell'ambito della serata, ci sarà un momento di solidarietà organizzato da Lions Club Città Bianca di Ostuni con la raccolta di occhiali usati da donare in seguito ad Organizzazioni umanitarie. Come partecipare? Inviando la propria adesione specificando il nome del Capotavola e il numero dei commensali all'indirizzo: ostunibianca2015@gmail.com oppure via sms/whatsapp al 3473009457.


domenica, agosto 06, 2017

12mo Anniversario di Capo Gallo, le commemorazioni


BARI - Oggi, domenica 6 agosto, in occasione del dodicesimo anniversario del disastro aereo di Capo Gallo, l’assessore alle Politiche educative e giovanili Paola Romano interverrà alla cerimonia in ricordo delle vittime dell’ATR 72 organizzata dall’associazione “Disastro Aereo Capo Gallo 6 agosto 2005”.

Questo il programma della cerimonia:
  • ore 17.30 – santa messa nella chiesa di San Sabino- via Caduti del 28 luglio 1943
  • ore 18.30 - deposizione di una corona di fiori nei pressi della stele di Parco Perotti (lato sud)
  • ore 19.00 - saluto delle autorità e conclusioni di Rosanna Albergo Baldacci, presidente dell’associazione “Disastro Aereo Capo Gallo 6 agosto 2005”.
L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Bari e dalla Regione Puglia.

La bici oltre la disabilità


BARI - E' iniziata lo scorso 31 luglio e terminerà l'8 settembre, la serie di 20 incontri riservati ad altrettanti minori, di cui 10 con disabilità, di età compresa tra i 6 e i 18 anni, dal titolo "La bici oltre la disabilità". Il progetto prevede percorsi di avviamento all'uso della bicicletta anche su circuiti pump track, attività di educazione stradale, ciclo-passeggiate ecologiche nel parco di Lama Balice e nella pineta di San Francesco. Per partecipare al progetto è necessario fare richiesta al Municipio di competenza attraverso i servizi sociali e/o il segretariato sociale territoriale. Si potranno contattare i relativi uffici dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle 12.30 - presso piazza Chiurlia, al secondo piano - dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30, oppure contattare i seguenti numeri : 080 / 5772515 - 5772508, oppure il 347-2446471. L'organizzazione sportiva del progetto è stata affidata all'Asd Scuola di Ciclismo "Franco Ballerini".

sabato, agosto 05, 2017

Bisceglie Jazz Festival: La star internazionale Stanley Jordan chiuderà il Bisceglie Jazz Festival il 7 agosto al Teatro Mediterraneo


Sonorità più calde per Guido Di Leone Pocket Orchestra e Francesca Leone come concerto di inizio della terza e ultima giornata del Bisceglie Jazz Festival, organizzato dalla Fondazione SECA di Trani per la Rassegna Fuori Museo, supportato e patrocinato dal Comune di Bisceglie. Un sound orchestrale proposto con l'agilità e la libertà di un piccolo gruppo. Un ensemble di tutto rilievo: Guido Di Leone alla chitarra, Mike Rubini al sax alto, Francesco Lomangino al sax tenore e flauto, Alberto Di Leone alla tromba, Vito Andrea Morra al trombone, Gianluca Fraccalvieri al basso, Fabio Delle Foglie alla batteria, Enzo Falco alle percussioni, alla voce Francesca Leone. Un repertorio che contempla Horace Silver, Cedar Walton, Guido Di Leone, Joe Henderson, Jim Hall,Charles Mingus, Freddie Hubbard, Gerry Mulligan, con arrangiamenti originali scritti dai musicisti della Pocket Orchestra. La voce suadente di Francesca Leone delizierà i nostri lobi con la Bossa Nova, spaziando tra brani e autori del genere: da Jobim a Joyce senza tralasciare la composizione originale “Querida”, che dà il nome al suo disco con la Guido Di Leone Pocket Orchestra, interamente arrangiato da Vito Andrea Morra.


Anche loro saranno intervistati dal critico musicale Alceste Ayroldi che li presenterà al pubblico di Puerto Azul. Il concerto, gratuito, avrà inizio alle 20,30, con diritto di seduta per chi è in possesso dell’abbonamento dell’intero Festival.

La Pocket Orchestra e Francesca Leone saranno inoltre i protagonisti dello swing party che avrà luogo sempre a Puerto Azul, Panoramica Umberto Paternostro, 42, alla fine dei concerti dell’ultima giornata. A cui seguirà il dj set di Papacecio.

Poi ci si sposterà nel Teatro mediterraneo, attiguo a Puerto Azul, per la chiusura del Festival con i fuochi pirotecnici, è il caso di dirlo, (vista la concomitanza con il clou della Festa patronale di Bisceglie). Toccherà alla star internazionale Stanley Jordan, uno dei più virtuosi e famosi chitarristi al mondo, chiudere in bellezza con la sua performance a partire dalle ore 22,30. Prima di lui (dalle ore 21,45, sempre nell’incantevole scenario del Teatro mediterraneo ndr), a ricordare il compianto musicista tranese Davide Santorsola un altro grande della musica jazz, Nico Morelli in piano solo in un toccante tributo.

La testa di serie della kermesse biscegliese, Jordan, si esprimerà in tutta la sua bravura alla chitarra e al piano e sarà accompagnata da Luca Alemanno al contrabbasso e Mimmo Campanale alla batteria. Quest’ultimo anche curatore artistico della rassegna del Bisceglie Jazz Festival, anch’egli con una discografia e una carriera di tutto rispetto che gli ha consentito, anche grazie alla sua versatilità, di collaborare e suonare con i più grandi musicisti della scena jazz e pop internazionale: Novecento, Ron, Billy Preston, Tosca, Mario Rosini, Dirotta su Cuba, Rossana Casale, Lucio Dalla, Roberto Ottaviano, Fabrizio Bosso, Gegè Telsforo, Al Jarreau, Danilo Rea, Paolo Fresu, Stanley Jordan, Dee Dee Bridgewater, Davide Santorsola, Nico Morelli.


Cercare di descrivere adeguatamente ed in poche parole Stanley Jordan è impresa impossibile o quantomeno parziale. Il chitarrista americano è tra le figure più importanti ed originali della storia di questo strumento. Egli rinnova e porta a massimi livelli una tecnica marginale, il "Touch" o "Tapping" che gli permette un uso pianistico della chitarra. Jordan non usa il plettro e non "pizzica", ma ora "percuote" ora "tira" le corde fino a creare un sound in cui le linee melodiche, i contrappunti e le linee di basso s'incrociano, danzano, come se fossero una, due, tre chitarre che suonano insieme. Questa tecnica, in modo più o meno accentuato, la troviamo già nella storia della chitarra (Jimmy Webster, Lenny Breau, etc) ma Jordan ne ha fatto il suo stile e l'ha portata alla più alta espressione finora raggiunta, mescolandola con una sensibilità musicale, ironia ed un gusto per la melodia, che dopo anni oggi gli si riconosce, dopo i primi tempi del "funambolismo tecnico" che gli diede fama mondiale. Dai suoi inizi come musicista di strada a New York e Philadelphia, Jordan è stato attratto da molti stili musicali, dal pop al jazz, alla musica classica, al blues.

Il mercato lo ha posizionato soprattutto nel mondo del jazz, ma cosa possiamo dire di un artista in grado di mettere insieme, con grande intelligenza e musicalità, blues e barocco italiano nella stessa frase? Dove posizionare un artista che nei suoi concerti è in grado di portare una linea di walking bass e accordi jazzistici con una mano, su una chitarra, mentre con l'altra, su un'altra chitarra, suona un tema rock con distorsione e feedback? Perché è il concerto live dove Jordan dà prova di essere capace di catturare il pubblico da solo per oltre 2 ore di concerto e non con prove da circo fini a se stesse.

In una carriera che ha preso il volo nel 1985 con un immediato successo di pubblico e di critica, il virtuoso chitarrista Stanley Jordan ha sempre mostrato una personalità camaleontica, anticonformista e fantasiosa. Che si tratti di audaci reinvenzioni di capolavori del soul o esplorazioni dell'universo pop-rock, così come di eclettiche sperimentazioni solistiche, Jordan riesce sempre a lasciare la sua indelebile impronta in ogni sua interpretazione. Jordan suona anche il piano su un paio di canzoni, rivisitando il suo primo strumento con nuova fiducia e meraviglia.

L’artista ha venduto centinaia di migliaia di copie di dischi: Magic Touch (1985) ad esempio, fu uno straordinario successo (1° nelle classifiche jazz per 51 settimane, due Grammy Nominations, Disco d'Oro in U.S.A e Giappone). È stato artista Elektra e Blue Note (Cornucopia/1990, Stolen Moments/1991, Best of/1998, Live in NewYork/ 1999) e AristaRecords (Bolero/1994). La sua cover di "The Lady in my Life" di Michael Jackson, è ormai uno "standard" del Contemporary Jazz.

Info/biglietti/abbonamenti: Fondazione S.E.C.A. Trani tel: 0883582470 ||

Bar San Giuseppe Via Giovanni Bovio 189 Bisceglie BT cell.:389.6950500 ||

www.bookingshow.it

venerdì, agosto 04, 2017

Premio "Ricerca e Innovazione" a Valerio Micaroni

È stato assegnato al dottor Valerio Micaroni, biologo marino laureato in Coastal and Marine Biology and Ecology, l’edizione 2017 del Premio “Ricerca e Innovazione”: un riconoscimento promosso dal Comune di Monteroni con il Patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, Confindustria di Lecce e di 17 Comuni del Salento. Il Premio, giunto alla VI edizione, è destinato a un/una giovane laureato/a dell’Università del Salento che si sia distinto per carriera universitaria e innovatività del lavoro di tesi, anche in riferimento a utili ricadute per il territorio salentino.

Valerio Micaroni è stato scelto dal Comitato Scientifico per essersi distinto per la brillante carriera universitaria e per la tesi di laurea magistrale “Project Biodiversity Mare Tricase: biodiversity inventory of the coastal area of Tricase (Lecce, Italy) in the Otranto channel”. Questo progetto di tesi aveva già vinto anche il premio Miglior Poster Comitato Fauna d’Italia al Congresso Congiunto dell’Unione Zoologica Italiana e della Società Italiana di Ecologia, svoltosi a Milano nel settembre 2016.

Nel corso della cerimonia di premiazione, avvenuta nei giorni scorsi a Monteroni, il Rettore Vincenzo Zara ha voluto sottolineare «l’ottimo livello di qualificazione professionale offerto dai corsi di studio dell’Università del Salento, che consentono la formazione di laureati di eccellenza in numerosi ambiti disciplinari, in grado di affermarsi e di trovare opportunità di carriera in Italia e all’estero».

Tra questi, appunto, anche il corso di Laurea magistrale in Coastal and Marine Biology and Ecology: assieme ad altri cinque presso la Facoltà di Ingegneria, fa parte di un gruppo di corsi di Laurea Magistrale internazionali erogati interamente in inglese già da diversi anni erogati dall’Università del Salento. Nell’ambito delle azioni di sistema per rafforzare l’internazionalizzazione (didattica e ricerca), il corso in Coastal and Marine Biology and Ecology è stato ulteriormente implementato a seguito di un accordo firmato tra l’Università del Salento e l’Università di Lille 1 (Francia). Questo accordo consentirà un percorso formativo integrato, con rilascio del doppio titolo di II livello (valido cioè sia in Italia che in Francia). Un analogo percorso svolto in collaborazione con lo stesso Ateneo Francese partirà presso la facoltà di Economia (corso di “Economia e finanza”).

Nato a Pescara, Valerio Micaroni si è trasferito a Lecce proprio per frequentare il corso di laurea internazionale UniSalento. Grazie al premio in denaro vinto per il Miglior Poster – Comitato Fauna d’Italia, assieme a una collega di corso ha effettuato un lungo tour di studio in diversi laboratori italiani, entrando in contatto con numerosi specialisti di fauna e flora marina per riconoscere gli organismi raccolti nell’area marina di Tricase. Ha poi presentato un progetto che è stato finanziato dalla fondazione americana PADI per proseguire l’attività del progetto “Biodiversity MARE Tricase”. Attualmente collabora alla realizzazione di corsi di biologia marina per turisti e studenti, ed è inoltre impegnato in attività di tutoraggio per studenti in “Alternanza Scuola-Lavoro”, studenti ERASMUS e studenti che vengono da altre Università italiane ed estere. Ha parallelamente continuato anche le attività di ricerca, contribuendo alla scoperta di nuove specie marine nelle acque pugliesi. Dalla laurea a oggi, il dottor Micaroni ha ottenuto tre diversi contratti professionali nell’ambito di progetti di ricerca nazionali e internazionali, e nei giorni scorsi ha vinto una borsa di studio triennale per iniziare un progetto di dottorato di ricerca in un Ateneo del Nord Italia.

Per l’assegnazione del Premio “Ricerca e Innovazione”, il Comitato Scientifico ha positivamente valutato l’intensa attività condotta nel contesto territoriale durante lo svolgimento della ricerca e le importanti ricadute sulla conservazione della biodiversità e per le prospettive di sviluppo di un turismo sostenibile nel Salento.

Bari: gli appuntamenti gratuiti per tutti in programma nei prossimi giorni promossi dall'amministrazione comunale


Particolarmente ricco il programma degli appuntamenti promossi per i prossimi giorni nell’ambito delle attività estive gratuite sostenute dagli assessorati alle Culture, con il programma Notti di estate, e al Welfare, con il cartellone Bari Social Summer.

Domani, venerdì 4 agosto
· dalle ore 10 alle ore 13, la spiaggia di Pane e Pomodoro torna ad animarsi con balli di gruppo, baby dance e isole di lettura.

· dalle ore 18 alle ore 22, appuntamento al parco 2 Giugno che si trasforma ancora una volta in una grande balera per ospitare una serata danzante aperta a tutti e a tutte.

· in serata, in piazza del Ferrarese, a partire dalle ore 20.30, spazio al teatro con lo spettacolo “Il palchetto della commedia dell’arte” della compagnia Fatti d’arte.

· sempre alle 20.30 appuntamento in via Rocco di Cillo, a Santa Rita, con il Molla duo in concerto. Luca Giura in arte MOLLA è un compositore, un interprete e un musicista poli-strumentista, le cui esibizioni, intese come rappresentazioni del suo mondo, vedono il palco come un parco giochi di energia tra lui e il pubblico.

Sabato 5 agosto
· alle ore 20.30, in piazza Umberto I, a Carbonara, “Eclipse of the moon” con la Pink Floyd cover band in concerto.

Domenica 6 agosto
· dalle ore 19 alle 22, al quartiere Santa Rita, in via Costruttori di Pace, la V edizione di “Ballando sotto le stelle”: una serata danzante aperta a tutti coloro i quali abbiano voglia di stare insieme e divertirsi a ritmo di musica.

· alle ore 20.30, su piazzale Vittorio Emanuele III (lungomare Starita - di fronte all'ingresso di Eataly) il recital concerto di Giuliano Ciliberti“Uno, nessuno, centoMINA”

Inoltre si ricorda che, presso il Museo Civico, è possibile visitare l’esposizione fotografica temporanea “Pandora”, di Valentia Labellarte, a cura di Giulio Spagone (fino a fine agosto). È invece permanente l’allestimento di “Bari e la Grande Guerra. A cent’anni dall’Esposizione del 1919”.

Infine, fino al 10 settembre nello Spazio Murat c’è “Sussi e Biribissi / Sculture e Disegni”, la personale dell’artista Diego Perrone.

giovedì, agosto 03, 2017

Admo alla notte dei briganti


L'Admo il prossimo 6 agosto parteciperà alla Notte dei Briganti nella zona 167bis a Grottaglie. Nell'occasione l'Associazione donatori del midollo osseo nato nella Città della Ceramica nel 2015, lascerà col suo stand, tramite il personale medico qualificato, tutte le informazioni sulla 'tipizzazione' che può avvenire con prelievo del sangue o con la nuova tecnica salivare, per permettere a chi vorrà, di iscriversi nell'elenco dei donatori del midollo e salvare delle vite tramite trapianto non comportando nessun rischio per il donatore che rimarrà anonimo. Se hai tra i 18 e 35 anni, e sei in buona salute, non hai più scuse, diventa donatore dell'Adm, diventa donatore della Vita.

Parte il Salento Opera Festival con “Cavalleria Rusticana”

Si terrà venerdì 4 agosto 2017, con inizio alle ore 21, nella suggestiva Piazza Castello nella Cittadella di Acaya,“Cavalleria Rusticana”, opera lirica in un atto di Pietro Mascagni. L’evento è organizzato dall’associazione culturale “A.S.S.A.”, guidata dal presidente Antonio Carlino e da diverso tempo impegnata nella promozione e salvaguardia del territorio attraverso la realizzazione di numerosi progetti culturali.

L’iniziativa, patrocinata dal comune di Vernole e creata in collaborazione con Tina Falerno e la cooperativa “Acayarej” presieduta da Raffaele Baglivi, nasce da un’idea di Rosanna Mancarella, che dopo aver vissuto per più di vent’ anni a Verona, dove si è esibita come cantante all’Arena, il più grande anfiteatro del mondo è ritornata nel Salento, sua terra natia, con il forte desiderio di creare un festival lirico con titoli di opere molto conosciute ed amate, ossia il Salento Opera Festival. L’evento parte quest’anno con “Cavalleria Rusticana”, un'opera in un unico atto di Pietro Mascagni, su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci e tratta dalla novella omonima di Giovanni Verga. È la prima opera composta da Mascagni ed è certamente la più nota fra le sedici firmate dal compositore livornese. Per l’occasione, “Cavalleria Rusticana” avrà, in un certo senso, una valenza sociale poiché andrà in scena con un allestimento minimalista ed essenziale che riporta agli attuali drammi quotidiani del Mar Mediterraneo, trasformatosi ormai purtroppo, da incontro di popoli e scambio di culture, in un mare di disperazione e morte. Per questo motivo, durante la serata, sfilerà in processione una croce come simbolo delle tragedie degli emigranti che cercano di arrivare in Italia e costruita con rami detti “orfanelli”, restituiti alla terra dopo viaggi duri e faticosi per mare.

Tra gli interpreti di “Cavalleria Rustica”Rosanna Mancarella (Santuzza), Marinella Rizzo (Lola), Tina D’Alessandro (Mamma Lucia), Pantaleo Metta (Turiddu) e Gianfranco Cappelluti (Alfio) che andranno in scena accompagnati dal Coro Salento Opera Festival diretti da Vincenza Baglivo, e dall’orchestra “Comunità Creativa” di Espèro, spin-off dell’Università del Salento, curata da Martino Pezzolla e diretta da Giuseppe Bini. Sul palco anche l’organista e maestro di palcoscenico Antonio Calabrese, a guidare il pubblico all’ascolto sarà invece Giovanna Ciracì. Il service è affidato a Daniel Verdesca, mentre le riprese audiovisive sono a cura di Massimo Cordella.

Per info e prevendita telefonare ai cell 329 6494346 /327 7603357
Per prenotazioni a Lecce: Clinica dell’accendino
Via Imperatore Adriano 31, tel. 0832 303078
Infoline spettacoli 8958950855