Visualizzazione post con etichetta Link. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Link. Mostra tutti i post

venerdì, luglio 24, 2015

Campeggi.com: dal Gargano alla scoperta dell’Italia nei campeggi

A meno di un mese da Ferragosto, l’estate è finalmente entrata nel vivo e per i turisti italiani e stranieri che hanno scelto il belpaese per le proprie vacanze è arrivato il momento di organizzare il proprio soggiorno. Campeggi.com, portale leader del network KoobCamp, propone ai lettori del Giornale di Puglia un viaggio alla scoperta dei campeggi e dei villaggi più gettonati dai vacanzieri, partendo proprio dal Gargano, tra le destinazioni preferite per le ferie al mare.

Ai numerosi turisti che scelgono lo Sperone d’Italia per le proprie vacanze, Campeggi.com dedica l’apposita sezione Campeggi Gargano dove è possibile selezionare le strutture in base ai servizi e alle località più richieste, come Vico del Gargano, Vieste, Mattinata, Peschici, Cagnano Varano, Rodi Garganico o Ischitella.

Se Campeggi Gargano e Camping Puglia sono tra le ricerche più “calde” dell’estate, su Campeggi.com c’è solo l’imbarazzo della scelta per chi deve organizzare la propria vacanza last minute nei campeggi e nei villaggi italiani. Da Nord a Sud, Isole comprese, le proposte sposano la possibilità di usufruire di offerte dedicate e tutta la praticità della ricerca per servizi e zone turistiche.

A proposito di zone, partendo da Nord, tra le destinazioni preferite dai turisti italiani e stranieri che si affidano a Campeggi.com troviamo Sudtirolo e Lago di Garda, la prima preferita dagli escursionisti e da tutti coloro che cercano riparo dal caldo opprimente, la seconda gettonata soprattutto da gli stranieri, in particolare tedeschi e olandesi.

Nel Centro Italia resiste il fascino di due mete tradizionalmente forti per il turismo all’aria aperta, come la Maremma, tra Toscana e Lazio, e la Riviera Adriatica che conferma l’Emilia Romagna tra le destinazioni top ed il progressivo affermarsi di Marche e Abruzzo.

Spostandoci a Sud, oltre alle già citate località della Puglia e del Gargano in particolare, il mondo dei campeggi e dei villaggi riserva una particolare attenzione alle strutture della Penisola Sorrentina e del Cilento, in Campania.

Infine le Isole, con il fascino senza tempo della Sicilia e un cult delle vacanze come la Sardegna, con zone turistiche di grande richiamo come la Costa Smeralda e i suoi dintorni o la Costa Reicon le sue spiagge chiarissime e di sabbia fine.

Salento: come organizzare le tue vacanze low cost

Se è tempo di partire e avete scelto il Salento come vostra meta, non vi rimane che organizzare il viaggio e decidere cosa fare durante le vostre vacanze. Si tratta di una terra ricca di risorse e opportunità, che permette di organizzare vacanze anche con budget piuttosto contenuti.

Questo è possibile anche grazie allʼutilizzo di codici sconto, reperibili su portali online specializzati come codice-sconto365.it che permettono di approfittare di moltissime offerte e occasioni e ridurre drasticamente il costo della vostra vacanza.

Una volta stabilito il budget, decidete subito con quale mezzo spostarvi e, nel caso decidiate di arrivare in Salento con lʼaereo o con il treno per evitare il traffico, oltre ad affrettarvi a prenotare i biglietti online, sbrigatevi anche a noleggiare lo scooter o la macchina con cui poi effettuerete i vostri spostamenti una volta arrivati. In questo modo, sarete sicuri di trovare le offerte migliori e più adatte alle vostre esigenze e non dimenticate di verificare se ci sono dei codici sconto da poter sfruttare in fase di prenotazione del volo.

Ad ogni modo, è consigliabile evitare i periodi di alta stagione rendendo il viaggio molto più facile ed economico. Viene quindi la seconda scelta più importante: dove dormire? Albergo o campeggio? Le opportunità in Salento sono davvero tante e adatte ad ogni esigenza e ogni budget. I campeggi sono ben attrezzati e puliti, gli alberghi offrono ogni tipo di comfort. Lʼunica accortezza è quella di prenotare prendendovi per tempo, specialmente se avete intenzione di partire in momenti di alta stagione, altrimenti dovete puntare su offerte last minute. In questo modo, non rischierete brutte sorprese. Nel caso decidiate di andare in campeggio, chiedete di tenervi da parte una piazzola appartata e all’ombra.

Per quanto riguarda i luoghi da visitare, non fatevi mancare una visita nella bella città di Lecce, dove potrete visitare il bellissimo anfiteatro romano e la piazza principale. Lʼarte barocca la fa da padrone, caratterizzando chiese, monumenti e opere architettoniche. Non mancate di fare un giro per i negozi di artigianato locale, dove potrete trovare la tipica carta pesta e i prodotti in terracotta.

Per chi è allettato dallʼidea di passare delle giornate termali, Santa Cesarea, sul versante ionico, è un luogo perfetto per un relax senza paragoni. Per chi invece cerca un mare indimenticabile, con acque cristalline e paesaggi mozzafiato, allora Santa Maria di Leuca e Marina Pescoluse sono assolutamente imperdibili. Anche conosciute come le Maldive del Salento, vi offriranno giornate marittime davvero indimenticabili. Si tratta inoltre di posti dove è anche piacevole passare la serata, grazie ai tanti locali che animano le notti estive.

giovedì, luglio 16, 2015

Tre esperienze da non perdere a Ischia

Ischia è un vero e proprio scrigno di tesori da scoprire. Conosciuta in tutto il mondo come uno dei maggiori paradisi turistici per il relax del corpo e della mente, l’isola può vantare un repertorio di attrazioni che vanno ben oltre le sue bellissime spiagge e i suoi preziosi stabilimenti termali. Per questo, abbiamo pensato di proporre tre esperienze originali, perfette per tutti quei viaggiatori che, pur avendo prenotato un hotel a Ischia desiderosi di godere delle sue attrattive più note, desiderano scoprire anche i volti meno conosciuti dell’isola.

Partiamo con una visita alla Pineta degli Artisti di via Edgardo Cortese, una speciale oasi di tranquillità, che sa coniugare arte e natura in un’armonia visiva di grande suggestione. Infatti, gli antichi tronchi degli alberi che compongono la pineta sono stati rivalorizzati da un gruppo di artisti che, sotto le direttive del Comune di Ischia e dell’Associazione per la difesa dei pini, li hanno trasformati in veri e propri capolavori scultorei. Una sorta di museo open air, dunque, ubicato nel cuore del capoluogo dell’isola campana, dove il connubio arte – natura si staglia sugli splendidi paesaggi di rocce laviche che sormontano la pineta.

Proseguiamo con un'altra tappa di forte impatto, che non mancherà di dispensare emozioni soprattutto a chi ama la natura: il Belvedere di San Nicola, ovvero la grande terrazza panoramica naturale ubicata nel punto più alto dell’isola. Dalla cima del Monte Epomeo, i visitatori potranno godere di uno dei panorami più belli su Ischia, e spaziare con lo sguardo sino alla penisola sorrentina, il litorale flegreo e le isole Pontine. Il belvederesi trova ubicato nei pressi del borgo di Fontana, da cui si diparte un sentiero panoramico di circa 2 chilometri, percorribile esclusivamente a piedi. Fontana sorge a circa 30 minuti di auto dal centro della località di Ischia: se via piace l’idea di soggiornare in questa parte dell’isola, provate a verificare la disponibilità di alloggi su Venere, Expedia o altri comparatori.

Concludiamo consigliandovi di non perdere l’occasione di esplorare il volto sottomarino dell’isola, con uno dei tour in barca segnalati dal portale turistico della città di Ischia. Questo genere di escursioni dura circa 4 ore e percorre le aree dai fondali più interessanti, svelandone le particolarità e i segreti: isolette sommerse, grotte, masse rocciose, archi naturali e un ecosistema incontaminato vi accompagneranno in questo meraviglioso viaggio, durante il quale avrete anche la possibilità di immergervi in acqua e esplorare tutto a distanza ravvicinata.



lunedì, luglio 13, 2015

Il banco piange, fate il vostro gioco!

Di sicuro non ve la prenderete se non iniziamo la solita omelia da funerale in cui vi raccontiamo di quanta disoccupazione ci sia nel nostro territorio e di come le tasse alte rendono la vita impossibile ai nostri imprenditori, perchè onestamente preferiamo argomentare su qualcosa che possa essere da spunto per lo sviluppo del nostro territorio, piuttosto che un alibi per non mettersi in discussione.

E' vero che le cose non vanno alla grande in Italia, ma è anche vero che ci sono diversi casi in cui è stato dimostrato come con le giuste idee e la buona volontà, si possa crescere anche in piena recessione. Anzi, è risaputo che molti dei miliardari del mondo hanno creato le loro ricchezze proprio nei momenti più bui dell'economia, perchè hanno saputo sfruttare la “strada libera” lasciata da tutti coloro che sono stati condizionati dalle difficoltà del momento.

Cosa manca al nostro territorio per crescere? Nulla! Abbiamo delle coste bellissime e giovani brillanti che non vedono l'ora di giocare in casa, invece di dover regalare le proprie competenze all'estero e questo lo hanno capito le parti politiche di tante regioni, ma tra queste non la Puglia.

Come si apprende dalle pagine del portale CasinoNews a Taormina e San Pellegrino Terme si sta pensando di riaprire i casinò chiusi ed in altre regioni d'Italia di aprirne di nuovi e di certo alla Puglia non mancano delle location fantastiche dove creare resort casinò, in stile americano, dove oltre ai tavoli verdi sia possibile trascorrere una vacanza da mille e una notte. Grazie alla spinta data da alcuni politici si è arrivati a discutere di questi tempi anche in parlamento e la questione, da semplice idea, potrebbe presto trasformarsi in qualcosa di più concreto.

Perchè proprio un casinò? Posti di lavoro, crescita economica di tutto il territorio e nascita di nuove attività che offrono servizi agli avventori dei tavoli verdi. E' risaputo che le località che ospitano un casinò sono in grado di attrarre un bacino di turisti più ampio che non si annulla nella bassa stagione come accade ora sulle nostre coste. Pensate solo a Sanremo: d'estate vive del classico turismo da spiaggia (incrementato ulteriormente dai clienti del casinò) e d'inverno grazie alla casa da gioco che organizza eventi di varia natura (non solo gioco), permette alle strutture ricettive e all'indotto di non abbassare le serrande e di continuare a lavorare.

Il gioco d'azzardo è pericoloso! Eccolo il luogo comune che i media hanno fissato nella mente della gente, ma le cose son ben diverse. Non è il gioco d'azzardo il pericolo, ma gli eccessi.

Non ci credete? Allora provate a bere cinque litri d'acqua tutta d'un sorso e raccontaci come ti senti. Nulla fa male nelle giuste dosi!

Come vedreste migliaia di turisti che popolano il nostro territorio anche nella stagione fredda? Come vedresti centinaia di giovani che oggi sono a spasso senza un lavoro e senza futuro con uno stipendio con cui guardare al domani? Come vedreste una riqualificazione del territorio per renderlo ancora più appetibili per i turisti? Ma soprattutto, come vedreste la scomparsa delle bische, presenti in maniera preoccupante nei territori in cui lo Stato non ha ancora permesso l'apertura di un casinò?

Forse forse, viste le cose sotto questo punto di vista, l'argomento può cominciare a diventare interessante, non trovate?

mercoledì, luglio 08, 2015

I peggiori automobilisti: se li conosci li eviti

Tradizionalmente, nessun simbolo come l’automobile è stato - e probabilmente ancora si conferma - in grado di incarnare il sogno di libertà per intere generazioni, soprattutto per molti giovani che con il passaggio alla maggiore età e grazie alla sudata patente sono finalmente liberi di esplorare il mondo alla guida della loro quattroruote. Quando si parla di libertà, tuttavia, non si può non pensare anche alla questione della civile convivenza, che proprio sulle strade viene quotidianamente messa a dura prova dalla condotta irritante, e a volte decisamente irresponsabile, di automobilisti con una visione tutta loro del codice della strada e delle basilari norme di condotta.

Da alcuni giorni spopola in rete una divertente galleria che descrive, in maniera volutamente ironica, alcuni esemplari delle peggiori categorie di automobilisti, fornendo un agghiacciante campionario di alcuni soggetti dai quali è bene tenersi alla larga quando siete al volante. Tra il serio e faceto, ce n’è per tutti i gusti, cominciando dall’automobilista distratto che, intento al più svariato genere di attività dentro l’abitacolo, dimostra di considerare la propria vettura come una mera estensione delle quattro mura domestiche, per giungere all’inguaribile esibizionista che con molti cavalli e poco cervello - oseremmo dire - si lancia alla conquista dell’asfalto che lo precede con tragicomiche conseguenze. Senza dimenticare la vendicativa nonnina che con cinica determinazione si produce in perfidi scherzi ai danni del primo malcapitato, e con un interessante esempio di guida a quattro zampe, che paradossalmente a qualcuno potrà sembrare persino più disciplinata rispetto agli altri casi.

Non solo i video raccolti, ma anche le informazioni statistiche che li accompagnano, contribuiscono a inquadrare la problematica da un punto di vista differente, facendo riflettere sull’estrema pericolosità del trasporto su gomma che, dati alla mano, si conferma purtroppo come la forma di mobilità più a rischio. Preparatevi a vederne delle belle...

sabato, luglio 04, 2015

Lavoro per tutti con Jobmetoo

Arriva sul web la prima agenzia italiana online che nasce con l'obiettivo di offrire un posto di lavoro alle persone con disabilità e appartenenti alle categorie protette. Stiamo parlando di Jobmetoo. Il portale è riconosciuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e offre lavoro nei più diversi ambiti occupazionali e in tutta italia, da nord a sud.

Ingegneria, no profit, turistico alberghiero, ristorazione, lusso e moda, bancario, Jobmetoo è un vero e proprio motore di ricerca per il lavoro che vi terrà informati sulle nuove offerte di vostro interesse analizzando i dati contenuti nel vostro Curriculum Vitae. Ma non è finita qui. Attraverso il proprio blog, infatti, Jobmetoo prosegue la propria mission, tenendo informati quotidianamente i propri utenti riguardo le tematiche di maggior rilievo nel mondo del lavoro.

Al momento i ruoli maggiormente ricercati nel mercato sono quello di contabile, programmatore, disegnatore tecnico, addetto alle vendite e controller, ma potrete trovare il lavoro che più fa al caso vostro consultando il sito web www.jobmeetoo.com. Registrarsi è davvero facile e - una volta compilato il form - basterà inserire il proprio Curriculum Vitae per iniziare ad acquisire visibilità nel mondo del lavoro ed avere le stesse opportunità occupazionali dei lavoratori non rientranti nelle categorie protette. La mission di Jobmetoo, dopotutto, è proprio questa, garantire parità di trattamento alle persone con disabilità, assicurandone l'inclusione nel mondo del lavoro senza distinzioni e differenze rispetto a tutti gli altri lavoratori.

Dunque, se appartenete alle categorie protette e siete alla ricerca di un posto di lavoro, non esitate. collegatevi al portale Jobmetoo, seguite i pochi e facili step necessari per accedere al database del sito web ed entrate anche voi nel mercato del lavoro. Con Jobmetoo avrete l'opportunità di acquisire subito visibilità a livello nazionale e potrete trovare il lavoro più adatto alla vostra esperienza personale e professionale.

venerdì, luglio 03, 2015

Come far provare ad una donna un orgasmo multiplo

Se lei non ha mai avuto il piacere di provare almeno un orgasmo nella sua vita sessuale precedente a te,in questo articolo troverai le indicazioni che potranno aiutarti a fare in modo che la tua donna lo provi per la prima volta... e poi per assicurarti che lei raggiunga degli orgasmi multipli ogni volta che fate sesso...

L’orgasmo femminile è un “affare” abbastanza grande in qualunque modo lo si guardi o lo si chiami. Le donne, di solito, diventano totalmente dipendenti dagli uomini che possono dar loro orgasmi multipli ogni volta. Purtroppo, questi uomini sono rari, e perciò questo significa che la maggior parte delle donne non ha mai sperimentato degli orgasmi multipli…

La maggior parte delle donne avvertono un unico orgasmo clitorideo durante la maggior parte delle loro avventure sessuali. Queste donne di solito godonodel sesso in una certa misura, ma raramente sono totalmente SODDISFATTE. E per quanto riguarda il 30% delle donne che non hanno mai avuto un orgasmo?

Beh, per loro, il sesso rimane un enigmatico mistero frustrante.

Se la tua donna non ha mai avuto un orgasmo, questo articolo sarà una lettura essenziale per te, perché ho ​​intenzione di insegnarti:

· Come darle il suo primo orgasmo
· Come renderlamulti-orgasmica ogni volta

Facendo quello che ti dirò, diventerai certamente il suo eroe della camera da letto. Più velocemente di quanto pensavi fosse possibile. E quello che sto per insegnartifunzionerà indipendentemente dalle dimensioni del tuo pene edalla tua resistenza sessuale.

Cominciamo!

Per prima cosa è importante imparare a stimolare correttamente il clitoride...
L’orgasmo clitorideo è l’unico tipo di orgasmo che la maggior parte delle donne hanno provato (anche se ogni donna ha la possibilità di sperimentarne molti altri tipi). Si tratta anche, di solito, del più semplice tipo di orgasmo femminile. Quindi ha senso iniziare da questo.

La domanda è… Come si fa ad ottenere un orgasmo clitorideo?

Bene, ci sono due opzioni tra le quali puoi scegliere:

· Il sesso orale
· La stimolazione con le dita

Non c’è un tecnica migliore, in questo caso. Qualunque sia la tua scelta (potrestianche desiderare di sperimentare con entrambe le soluzioni), dovrai essere sicuro che la tua concentrazionericada su tre fattori...

PRESSIONE,VELOCITA’ E MOVIMENTO.
La realtà è che la maggior parte degli uomini pensano che stanno già facendo bene, non appena riescono a trovare il clitoride… Non direi!

Trovare il clitoride non è un grosso problema. Sapere cosa farci è importante!

Ovviamente, ogni donna è un po' diversa, perciò è ovvio che è fondamentale sperimentare

Per quanto riguarda la PRESSIONE, inizia dolcemente e gradualmente ad aumentare la pressione, fino a trovarne una in cui la tua donna gode chiaramente. Lo stesso vale per la VELOCITA’ ed il MOVIMENTO. Questo significa “sperimentare” per capire la tua donna.

N.B. E il vero segreto è che, una volta trovata la pressione, la velocità ed il movimento ai quali la tua donna risponde troppo bene, è importante continuare a mantenere queste modalità fino a quando lei non raggiungerà l’orgasmo clitorideo. Perciò, una volta trovata “la perfezione” in quello che stai facendo, non cambiare nulla!

Ripeto... Non cambiare nulla di quello che stai facendo.

Molti uomini cambiano costantemente ciò che stanno facendo durante il sesso orale o un“lavoro di mano”. Certamente la varietà piace ed incuriosisce, ma l’orgasmo non è programmato per reagire alle variazioni. Quindi, se trovi qualcosa che le piace e poi cambi, corri il rischio molto reale di farle perdere parte dell’eccitazione, e ​​questo significa spesso… che dovrai ricominciare da capo!

Praticamente, cambiare una volta arrivati al movimento, alla velocità ed alla pressione perfetti, è un modo per raffreddarla. Tu non vuoi far questo, vero? Bene! Non cambiare!

Hai bisogno di ulteriori suggerimenti che ti possano permettere di dare alla tua donna il suo primo orgasmo?

Sappi che se, da quando state insieme, tu non sei ancora riuscito a farle provare l’orgasmo, è il momento di smettere di perdere tempo e di farlo al più presto. Dopo tutto, una donna non soddisfatta sessualmente si annoia con il tempo e,quando la pazienza si esaurisce, lei smette di voler fare sesso con te ed inizia a guardarsi intorno…

Quindi questo orgasmo femminile è davvero un affare di grossa importanza… Non credi?

Con questo pensiero in mente, ecco altri suggerimenti per fare in modo che accada:

1. Ricorda di essere sessualmente dominante durante il rapporto. In questo modo lei ti seguirà e si lascerà andare.
2. Ricorda di parlare in maniera sporca e volgare. In questo modo, la stimolazione digitale ed il sesso orale porteranno migliori risultati (SUGGERIMENTO: ovviamente, in quest’ultimo caso, non è possibile parlare con la bocca piena… perciò dovrai farlo prima o comunque all’inizio).
3. Se lei dice cose come “Non riesco a raggiungere l’orgasmo”, tu non preoccuparti e resta convinto del fatto che, grazie a te, potrà farlo.

Infine, ricorda che...

Sarà circa un milione di volte più facile dare quel primo orgasmo alla tua ragazza se lei è... intelligente, emotivamente sana e sessualmente fiduciosa. Se scegli una donna che non ha queste caratteristiche, non aspettarti di fare del vero buon sesso con lei, o che possa diventare facilmente multi-orgasmica!

OK. A questo punto abbiamo superato il primo livello: l’orgasmo clitorideo.Congratulazioni!

Adesso dovrai fare in modo che lei arrivi ad ottenere degli orgasmi multipli OGNI volta che fate sesso. Anche se ti sembra un’utopia… stai tranquillo perché non lo è.
Ma allora come diavolo si fa a farlo?

Beh, la stimolazione del clitoride non funzionerà in questo caso perché, spesso, dopo il primo orgasmo clitorideo, la maggior parte delle donne diventano troppo sensibili e non raggiungeranno il secondo. Così il tuo obiettivo dovrà essere avviare il suo processo orgasmico vaginale. Facendolo potrai anche riuscire a darle 5, 10, 15 o più orgasmi OGNI volta che fate sesso.Ed è inutile dire che la vostra vita sessuale diventerà estremamente divertente, intensa ed eccitante.

Se vuoi approfondire l’argomento e capire esattamente come puoi dare ad una donna un orgasmo multiplo (in modo che ti implori di fare sesso con te), ti consiglio di leggerti questi due manuali “Il Maestro del Piacere Femminile” e “Come Diventare un Dio Del Sesso”. All’interno di questi due corsi vengono svelati i punti chiave che ti permetteranno di far godere appieno qualsiasi donna.

mercoledì, giugno 24, 2015

Il nuovo film di Checco Zalone: trama e casting per comparse

Checco colpisce ancora. In questi giorni Luca Medici, meglio conosciuto come Checco Zalone, è alle prese con le riprese del suo quarto film, di cui si conosce già qualche dettaglio circa la trama e l'ambientazione, mentre il titolo non è ancora stato svelato.

Dopo il grande successo ottenuto con Sole a Catinelle, film disponibile ancora oggi in streaming su Infinity tv, a distanza di quasi due annil'attore pugliese ha deciso di orientarsi verso una nuova pellicola incentrata su un tema assai scottante in questo periodo: un posto di lavoro fisso.

Trama e ambientazione.
Il film, con la regia di Gennaro Nunziante e di Checco Zalone stesso, sarà girato tra l'Italia meridionale e la Norvegia, e ha come protagonista un italiano, uno fra gli ultimi privilegiati ad avere ancora un'occupazione lavorativa a tempo indeterminato, ma che all'improvviso si ritrova in una situazione di mobilità, a causa della nuova riforma del lavoro. Dovrà dunque misurarsi con una serie di ostacoli ed incombenze che lo porteranno a viaggiare da Lampedusa in Norvegia, pur di non perdere il lavoro, scontrandosi con una cultura completamente diversa da quella italiana, fatta di persone precise, intransigenti alle regole, estremamente agiate e con tanti vantaggi economici. Nonostante ciò, nel paese scandinavo si registrano numerosi casi di depressione sfociati nel suicidio, a cui il protagonista non riesce a dare una valida motivazione.

Conversano: il paese di Checco Zalone come set del film.
Tra le location utilizzate per girare alcune scene della nuova pellicola dell'attore pugliese, è stato selezionato il suo paese natale, Conversano, in provincia di Bari. Dopo diversi sopralluoghi anche nei paesi limitrofi, la scelta è ricaduta su questo paesino pugliese, dove non sonomancati l'affetto e la partecipazione dei suoi concittadini.
Secondo alcune indiscrezioni, la scena principale sarà ambientata nei pressi di Castello Marchione e il liceo della città, in cui lo stesso Checco Zalone ha studiato in passato.
Il Sindaco del paese, Giuseppe Lovascio, è molto orgoglioso di questa decisione in quanto la curiosità verso i film del comico pugliese, tanto amati dal pubblico, contribuirà ad accrescere la notorietà di Conversano, incrementando anche l'afflusso turistico verso la città e le zone adiacenti.
Inoltre, nei giorni precedenti si sono svolti i casting per le comparse che faranno parte delle diverse scene e l'affluenza è stata davvero notevole.

I casting per le comparse.
Le selezioni si sono tenute presso il Pala San Giacomo di Conversano, in gruppi suddivisi in due giornate organizzate dalla Tao Due. Solo nella prima mattinata di provini, sono state visionate oltre 200 aspiranti comparse maschili e femminili, di età compresa prevalentemente tra i 20 e i 35 anni. La casa produttrice ha richiesto figuranti di tutte le età, dai 18 agli 80 anni e di diverse etnie. Tra i requisiti non sono mancati dettagli eccentrici e stravaganti, come un quartetto d'archi, il possesso di autovetture degli anni '80 e uomini e donne con look appartenenti alla stessa decade.

Ma cosa ha spinto tante persone a presentarsi ai provini per questo film? Da alcune interviste rilasciate durante i due giorni di selezione, si evince come molti abbiano deciso di intraprendere questa esperienza per misurarsi con un ruolo diverso dal proprio, al fine di superare i propri limiti e mettersi alla prova.

Altri hanno colto l'occasione di lavorare con un campione d'incassi come Checco Zalone, per riscattarsi verso persone che non hanno riposto fiducia in loro in passato, una sorta di schiaffo morale a chi ha sminuito le loro capacità di mettersi in gioco.

Dunque, non ci resta che attendere le prossime vacanze natalizie per vedere il nuovo capolavoro messo in porto dal grande attore di Conversano, il quale con il supporto dei suoi concittadini di sicuro non deluderà le aspettative dei suoi fan.

mercoledì, giugno 10, 2015

Nasce il nuovo blog di BANCOMAT®, come è formata una Carta di Pagamento



Infografica a cura del Consorzio BANCOMAT®

A chi di noi non è mai capitato di utilizzare una Carta di Pagamento nella vita di tutti i giorni? E’ uno strumento importante, per tanti fondamentale, che moltissimi di noi usano quotidianamente, per grandi, ma anche piccole transazioni. Ma in realtà, guardando con attenzione la nostra Carta di Pagamento, siamo proprio sicuri di essere a conoscenza delle diverse parti costitutive di essa e dei diversi simboli presenti sul fronte e sul retro? La risposta per molti è no, visto che, nonostante si utilizzi la tessera Bancomat sempre più frequentemente, vi sono ancora tantissimi dubbi e dei chiarimenti che lasciano l’utente solo con la propria curiosità.

Per questo motivo, il Consorzio BANCOMAT® ha lanciato una nuova infografica, Conosci la tua carta di pagamento, uno strumento innovativo, ma allo stesso tempo semplice da utilizzare, con animazioni collegate a delle descrizioni di facile comprensione, che permettono all’utente di poter conoscere meglio le diverse parti della Carta di Pagamento tra cui il marchio internazionale, il codice numerico e l’ologramma, componenti fondamentali della tessera Bancomat. Un’animazione permette di poter ruotare l’immagine della Carta di Pagamento, mostrando il fronte ed il retro della stessa, potendo così avere una visione completa di ogni elemento.

Perché è importante il nuovo blog di BANCOMAT®? Perché permette agli utenti di poter utilizzare al meglio uno strumento importante quale quello della Carta di Pagamento, fornendo informazioni chiare e utili. Perché è di semplice utilizzo, con animazioni e descrizioni facilmente consultabili anche da chi non è esperto di informatica. Perché fa in modo che si scoprano componenti delle quali finora, distrattamente, se n’è ignorata l’esistenza. Insomma, grazie al Consorzio BANCOMAT® è nata finalmente la soluzione ai problemi di tutti coloro che utilizzano la Carta di Pagamento.