Visualizzazione post con etichetta Potenza. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Potenza. Mostra tutti i post

venerdì, dicembre 30, 2016

Carabinieri: nel 2016 'dati positivi'

Per la provincia di Potenza sono "positivi" i dati sull'attività 2016 dei Carabinieri: è questo il giudizio espresso nella tradizionale conferenza stampa di fine anno dal comandante provinciale dell'Arma, colonnello Daniele Scardecchia, il quale ha sottolineato "l'egregio lavoro svolto dalle 76 stazioni presenti sul territorio potentino" e ha evidenziato che "sono diminuiti i reati, mentre sono aumentati gli arresti". Durante l'incontro con i giornalisti, Scardecchia ha poi messo in risalto "l'attenzione dell'Arma verso le fasce più deboli, come bambini, prostitute e persone sfruttate: nelle nostre caserme e nelle nostre stazioni - ha detto - ai primi posti ci sono gli 'ultimi'".
Condividi:

sabato, dicembre 26, 2015

La magia del Presepe vivente nel borgo antico di Filiano

Tutto è pronto per il Presepe vivente di Filiano, uno degli appuntamenti più attesi delle festività natalizie, che anche il pomeriggio di lunedì 28 dicembre a partire dalle ore 18:00 alle ore 21:30 ripresenterà, con i suoi allestimenti e figuranti, tutte le più caratteristiche tappe della natività. Una riproduzione in carne e ossa della Natività di Gesù, che però qui prende una connotazione originale e caratteristica: l’animazione. Ogni scena viene infatti riprodotta da figuranti che ripropongono la vita quotidiana di un tempo: c’è il fabbro che batte sull’incudine, le lavandaie e le filatrici, i pastori che producono il formaggio. I visitatori vengono immersi nella Betlemme del passato, un mondo antico in cui mangiare il pane appena sfornato, toccare la lana delle pecore, cedere il passo alle guardie. Il tutto in una cornice suggestiva come quella del borgo antico di Rione Pace. Vito Sabia, uno degli organizzatori della Pro Loco Filiano, ci tiene a sottolineare come sia un lavoro esaltante e che dimostra lo spirito di iniziativa sempre fervida e di volontà dei propri compaesani – “Quella del Presepe è un’esperienza incredibile. L’inizio del viaggio nella Chiesa d’origine e i due passaggi dell’annunciazione a Maria e l’arrivo dei Re magi sono sempre profondamente emozionanti per chi lo vede per la prima volta ma anche per chi ci lavora oramai da anni”. Sono migliaia le persone che dal 1988, anno in cui si tenne la prima rappresentazione – svoltasi per più edizioni negli anni '90, poi sospesa e ripresa nel 2013 - all’interno del giardino della Chiesa madre, hanno dato vita a questa iniziativa organizzata dalla Pro Loco di Filiano, in collaborazione con la Parrocchia “Maria SS. del Rosario” e il Forum giovanile “C63” e con il patrocinio del Comune di Filiano, dell’APT Basilicata e dell’Unpli Basilicata. Anche quest’anno saranno circa duecento i figuranti, tra viandanti e in postazione fissa, che si immedesimeranno con passione nei più diversi ruoli al punto da rendere sempre più realistiche ed emozionanti allo stesso tempo le scene della nascita di Cristo. “Una manifestazione cresciuta velocemente sia dal punto organizzativo che in termini di visitatori”. – dichiara il presidente della Pro Loco Filiano, Vito Filippi – “Più di mille persone lo scorso anno sono stati presenti alla manifestazione, nonostante le condizioni atmosferiche rigide e avverse. Quest’anno prevediamo il doppio delle presenze”.
Condividi:

lunedì, dicembre 21, 2015

Tolve, tutto pronto per il presepe vivente

TOLVE (PZ) - Lo scenario delle antiche cantine sotto la rupe di Tolve ospiterà nei giorni 22 e 23 dicembre 2015 la rappresentazione del Presepe Vivente, su iniziativa della locale associazione di arte, cultura e spettacolo Zéfiro Lab, guidata dal presidente Nicola Stigliani. La manifestazione, quest’anno alla terza edizione, vede il coinvolgimento di circa ottanta figuranti e la collaborazione di alcune associazioni di altri comuni lucani: Pro Loco Cancellara, Pro Loco Brindisi Montagna, Pro Loco Acerenza, Federazione Lucana Carretti, Associazione Culturale Acheruntia.

Il programma, per la prima volta articolato in due giornate, prevede l’apertura della rappresentazione alle ore 18.00 in Piazza Mario Pagano, dove il ballerino Daniel Loncar eseguirà una coreografia di Sabrina Del Duca sulle note del brano “Furioso” del compositore Rocco Mentissi. A seguire ci sarà la partenza del corteo, diretto verso l’area tra le grotte della rupe, che per l’occasione saranno illuminate da luci scenografiche e faranno da sfondo alle tradizionali scene del Presepe Vivente. In questo modo il percorso delle cantine, già di per sé suggestivo, sarà ancor più valorizzato, a tutto vantaggio della fruizione degli abitanti di Tolve, ma anche dei visitatori che giungeranno da fuori.

Nei pressi del Presepe Vivente, lungo Corso Umberto, saranno allestiti alcuni stand enogastronomici, dove sarà possibile degustare piatti tipici della tradizione lucana, grazie alla partecipazione dello chef Antonio Stigliani dell’Associazione Cuochi Potentini.

La direzione artistica dell’evento, affidata a Rocco Mentissi e Mimmo Venezia, ha voluto mantenere una continuità con le edizioni precedenti, realizzate con il prezioso supporto del professor Tonino Venezia, l’iniziatore della tradizione presepiale vivente nella comunità tolvese, ma allo stesso tempo ha proposto una novità nella scelta di una tematica a cui ispirare il Presepe Vivente. Nella rappresentazione, infatti, è stato inserito un richiamo alla fuga in Egitto, che Giuseppe e Maria, assieme a Gesù neonato, furono costretti a compiere subito dopo la visita dei Magi, per scampare alla strage degli innocenti ordinata da Erode. In questo modo si vuole lanciare agli spettatori un chiaro messaggio di fraternità, solidarietà, integrazione e accoglienza, in riferimento a coloro che ogni giorno scappano da guerre, dittature e carestie, mettendo a repentaglio la loro vita per cercare accoglienza in Europa.
Condividi:

martedì, marzo 24, 2015

Morti bianche a Venosa, sei denunciati

POTENZA - Sono 6 le persone denunciate in stato di libertà alla magistratura - con l'accusa di concorso in omicidio colposo - al termine delle indagini avviate dai Carabinieri dopo la morte di due operai, avvenuta il 22 ottobre 2014 a Venosa, nel Potentino. I due operai precipitarono da un tetto, da un'altezza di alcun i metri, riportando lesioni mortali. Le persone denunciate sono accusate di aver omesso di adottare "idonee cautele e misure di sicurezza" al fine di impedire gli incidenti sul lavoro.
Condividi:

giovedì, luglio 31, 2014

Scossa sismica fra Potenza e Cosenza: nessun danno

ROMA - Questa mattina alle 5.29 è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 3.5 nella zona del Pollino al confine tra Basilicata e Calabria, tra le province di Potenza e Cosenza. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 8,2 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni potentini di Rotonda e Viggianello e di quello cosentino di Morano Calabro. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose.
Condividi:

venerdì, luglio 12, 2013

Ruba teschi per minacciare amici, denunciato

POTENZA - Un caso piuttosto insolito e macabro dal potentino. Per vendicarsi di un litigio con due conoscenti, ha profanato due tombe per rubare teschi e lumini, ''depositati'' poi sui sedili posteriori delle loro automobili come vendetta e atto intimidatorio: in seguito ad alcune segnalazioni e alle indagini, l'uomo (di 29 anni) è stato rintracciato a Muro Lucano dai Carabinieri e denunciato.

L'uomo, che ha confessato tutto, ed è stato denunciato per minaccia aggravata, furto aggravato e violazione di sepolcro.
Condividi:

sabato, giugno 29, 2013

Potenza, al San Carlo 700 libri per pazienti

POTENZA - Proseguono le iniziative per i pazienti del San Carlo. Libri per ''curare'' l'anima mentre si cura il tempo, e anche per far trascorrere piu' velocemente il tempo che, in un ospedale, e' solitamente piu' lungo.

E' questa, in sostanza, la ''missione'' dei circa 700 volumi della biblioteca dell'ospedale San Carlo di Potenza, aperta ai pazienti, ai loro parenti e al personale sanitario. L'iniziativa e' stata presentata oggi. I libri sono tutti registrati su cataloghi cartacei e multimediali.
Condividi:

Ordigno a Sant'Arcangelo, tutto su calendario

POTENZA - L'uomo che colloco' un ordigno rudimentale vicino al Comune di Sant'Arcangelo aveva addirittura segnato sul suo calendario l'ora in cui la bomba doveva esplodere. Davanti ai carabinieri che lo hanno fermato, si e' giustificato dicendo di essere esasperato dalla crisi e dalla disoccupazione.

L'ordigno, posizionato in un vicolo adiacente al Comune, era stato realizzato utilizzando una bombola (carica a meta') e un innesco rudimentale, con del materiale imbevuto di liquido infiammabile. (ANSA)
Condividi:

venerdì, ottobre 26, 2012

Pollino: Gabrielli, allerta resti alta

POTENZA. Il capo della protezione civile, Franco Gabrielli, è arrivato a Mormanno per fare il punto della situazione.

"Il sistema di Protezione civile con cui è stata affrontata l'emergenza sismica nel Pollino, anche in relazione allo sciame in atto in questa zona da tempo, è stato improntato alla massima trasparenza". Lo ha detto a Mormanno il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli. "Lo dimostra - ha aggiunto Gabrielli - il sito del Comune di Mormanno, in cui il sindaco Armentano ha pubblicato tutto il carteggio tra il Dipartimento della Protezione Civile e la Commissione Grandi Rischi".

 "E' stato importante che gli abitanti del Pollino fossero preparati all'evento sismico perché questo ha consentito a tutto il sistema di fronteggiare l'emergenza con grande efficienza", ha continuato. ''Adesso si tratta di predisporre tutti gli interventi necessari per mettere in sicurezza gli edifici pubblici e privati che hanno subito danni, ed in questo senso - ha aggiunto il capo della Protezione Civile - l'ospedale assume un'importanza prioritaria. Poi bisognerà pensare agli edifici privati e a quelli di culto''.

"Nessuno ci può dire se la scossa della scorsa notte abbia rappresentato l'apice dello sciame sismico in corso da tempo in questa zona, che è e resta sotto questo aspetto ad alto rischio", ha spiegato Gabrielli, a conclusione del vertice operativo nel Comune di Mormanno. "Questo lo devono sapere tutti - ha concluso - e io non posso fornire alcuna rassicurazione. L'allerta deve restare quindi molto alta".
Condividi:

Terremoto sul Pollino: crolli ed evacuazioni, 1 morto

Il massiccio del Pollino
(GUARDA IL VIDEO - VIDEO 2 - VIDEO3). Trema la terra sul Pollino ed è panico tra la gente riversata per le strade sin dalle prime ore della notte. Un sisma di magnitudo 5 è stato registrato all'1:05 tra Calabria e Basilicata, e avvertito fino in Campania. Un anziano è morto d'infarto. A Mormanno pazienti trasferiti in altri ospedali.

Il capo della protezione civile, Franco Gabrielli, arriverà in mattinata a Mormanno per fare il punto della situazione dopo la scossa di terremoto di magnitudo 5 della scorsa notte. Gabrielli incontrerà l'unità di crisi che è stata costituita per seguire gli sviluppi della situazione e si recherà nell'ospedale di Mormanno che è stato evacuato per i danni subiti a causa del sisma.

Sono state registrate finora oltre 100 repliche della scossa di terremoto che nella notte ha colpito l’area del Pollino. Lo rende noto il funzionario di sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Rita Di Giovambattista. Al momento, la replica piu’ forte, di magnitudo 3.3, è avvenuta all' 1:16. Altre repliche rilevanti sono avvenute alle 4:25 e alle 4:40, entrambe di magnitudo 2.9.

La mappa del terremoto 
OLTRE 100 SCOSSE DI ASSESTAMENTO NELLA NOTTE - Sinora sono state registrate finora oltre 100 repliche della scossa di terremoto che nella notte ha colpito l’area del Pollino con una magnitudo 5.0 poco dopo l’una di notte. Lo rende noto il funzionario di sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Rita Di Giovambattista. Al momento, la replica piu’ forte, di magnitudo 3.3, si è verificata all’ 1:16, pochi minuti dopo la principale. Altre repliche rilevanti sono avvenute alle 4:25 e alle 4:40, entrambe di magnitudo 2.9. Lo sciame sismico sul Pollino è iniziato a inizio settembre 2010, poco più di due anni fa. In questo lasso di tempo sono state 3.500 le scosse che hanno colpito il Pollino, di cui 25 superiori alla magnitudo 3.0. Quella di stanotte è stata la più forte. Prima di stanotte, la più forte era stata quella del 28 maggio 2012, di magnitudo 4.3.

DUE ANNI DI SCIAME SISMICO - L’area del Pollino, che si trova tra la Basilicata e la Calabria, è stata interessata negli ultimi due anni da una sequenza sismica caratterizzata da periodi di attività frequente intervallati da periodi di relativa calma. Dal 1 ottobre ad oggi (4 ottobre ore 11.00), si sono verificati 122 eventi di cui 105 di magnitudo minore di 2.0, 14 di magnitudo tra 2.0 e 3.0, 3 di magnitudo tra 3.0 e 4.0 (Iside, http://iside.rm.ingv.it). L’evento più forte di questi ultimi quattro giorni è il terremoto ML3.6 avvenuto il 1 ottobre alle ore 22:28 italiane.

STORIA DI TERREMOTI - Dal punto di vista storico, grazie al Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani (CPTI11, http://emidius.mi.ingv.it/CPTI11/), sappiamo che il Pollino e l’intera zona di confine tra Calabria e Basilicata nel passato non hanno avuto terremoti distruttivi (con magnitudo Mw superiore a 6). Infatti, per quest’area ci sono notizie relative a terremoti di energia moderata: il terremoto del 1693 di magnitudo pari a 5.7, quello del 1708 con magnitudo stimata 5.5 e l’evento del 1998 di magnitudo pari a 5.6. Questi eventi non hanno prodotto effetti di danneggiamento superiori al grado VIII-IX della Scala Mercalli MCS (vedi post). Di contro, studi paleosismologici, che studiano i terremoti molto antichi, hanno trovato prove significative dell’esistenza di importanti faglie sismogenetiche nella zona, dove sismogenetiche vuol dire che possono generare terremoti. Inoltre, la sismicità più recente nella regione è caratterizzata dalla presenza di sequenze sismiche; una delle più significative negli ultimi decenni è quella della Valle del Mercure, caratterizzata dall’evento sismico di magnitudo Mw 5.6 avvenuto il 9 settembre 1998. (Fonte: http://ingvterremoti.wordpress.com/2012/10/04/speciale-terremoti-pollino-storia-e-attualita/#more-2223)
Condividi:

venerdì, ottobre 28, 2011

Acqua: De Filippo a Fitto, stop progetto nuova condotta Sinni

POTENZA. Il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, ha scritto al ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, per chiedergli di ''congelare il progetto di raddoppio della 'canna del Sinni' finanziato alla Puglia con Fondi Fas nell'ambito del Piano Sud''.
La lettera - si legge in una nota - ''e' stata scritta a seguito della decisione assunta congiuntamente oggi da Basilicata e Puglia di insediare un tavolo tecnico che decidera' cosa effettivamente realizzare con i 180 milioni di euro dei Fas che erano stati destinati al raddoppio della condotta.
Condividi:

martedì, ottobre 18, 2011

Venerdì 21 ottobre esplosivi per demolire svincolo su Sa-Rc

POTENZA. Due ''blocchi temporanei'' della circolazione automobilistica sono stati programmati per venerdi' 21 ottobre sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria, dalle ore 15 alle 16, per consentire la demolizione - con l'uso di esplosivi - delle vecchie rampe di ingresso e di uscita dello svincolo per Lauria nord (Potenza). Lo ha reso noto l'Anas. La demolizione e' stata decisa in vista del completamento del nuovo svincolo per Lauria nord. I blocchi saranno tra Lagonegro sud e Lauria sud.
Condividi:

Censimento: a Potenza e Matera schede per un approfondimento

MATERA. Il 38 per cento delle famiglie residenti a Potenza e Matera riceveranno i questionari con schede rosse per contribuire a una rilevazione piu' approfondita dei dati che saranno raccolti durante il 15/o censimento generale 2011 sulle popolazioni e abitazioni gestito dall'Istituto nazionale di statistica (Istat). L'invio dei moduli dettagliati, contrassegnati dal colore rosso, e' avvenuta in maniera casuale e contribuira' a definire il cambiamento delle famiglie negli ultimi dieci anni.
Condividi:

martedì, settembre 13, 2011

Feneal-Uil ad Al: serve tavolo su appalti e bandi

POTENZA. E' necessario ''un tavolo con il sindacato confederale delle costruzioni per un confronto a 360 gradi sul programma di lavori gia' definito'' da Acquedotto lucano, e ''per verificare se e' stata realmente imboccata una strada innovativa e piu' trasparente in materia di appalti''. Lo ha chiesto il segretario generale regionale della Feneal-Uil Domenico Palma, in riferimento alla pubblicazione sulla stampa ''di otto avvisi-bandi di gara di Acquedotto Lucano per l'affidamento del servizio di conduzione di impianti di depurazione di fognatura pubblica.
Condividi:

lunedì, settembre 12, 2011

Avigliano: il 17 e il 18 settembre la 'Festa' lucana del Pdl


POTENZA. Per due giorni, il 17 e il 18 settembre, Avigliano (Potenza) ospitera' ''Pdl in festa 2011'', con incontri e dibattiti su temi di politica nazionale e regionale, a cui parteciperanno, tra gli altri, il sottosegretario all'Universita', Guido Viceconte (che e' anche coordinatore lucano del partito), il 17 settembre, e il ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, il giorno successivo. Il programma della manifestazione e' stato illustrato ai giornalisti a Potenza, da dirigenti e consiglieri regionali, provinciali e locali del partito. (ANSA).
Condividi:

"L'eccellenza del San Carlo di Potenza va rafforzata"


POTENZA. La riorganizzazione del sistema sanitario della Basilicata ''deve rappresentare l'occasione per il rafforzamento delle esperienze con una maggiore interazione con il sistema nazionale delle eccellenze''. Lo ha detto oggi l'assessore regionale alla sanita', Attilio Martorano, nel corso della riunione del consiglio comunale di Potenza dedicata all'azienda ospedaliera regionale ''San Carlo''. Secondo l'assessore, ''parlare del futuro del San Carlo significa affrontare la riorganizzazione complessiva del sistema basata su criteri di razionalizzazione e di efficienza''.
Condividi:

Incidenti lavoro: Basilicata, calo del 4,4% fra 2006 e 2009


POTENZA. Fra il 2006 e il 2009 in Basilicata gli infortuni sul lavoro sono diminuiti del 4,4 per cento: il dato e' emerso oggi, a Potenza, durante i lavori della Commissione d'inchiesta del Senato sugli infortuni sul lavoro.
La Commissione, presieduta da Oreste Tofani, ha ascoltato il presidente della giunta regionale, Vito De Filippo, e gli assessori Attilio Martorano e Rosa Mastrosimone. Un'ulteriore riduzione degli incidenti (pari allo 0,6 per cento) si e' registrata nel 2010, confermando - ha sostenuto la Regione - ''l'efficacia delle misure messe in campo''.
Condividi:

sabato, luglio 02, 2011

Elisa Claps: applausi e commozione per l'addio

POTENZA. Un lungo applauso di cinquemila potentini ha accolto la salma di Elisa Claps all'arrivo in piazza Don Bosco. Con quindici minuti di ritardo rispetto all'orario previsto (9,30) sono iniziate le esequie della studentessa lucana uccisa il 12 novembre del 1993, il cui corpo e' stato ritrovato il 17 marzo scorso, nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinita' di Potenza. Per volere della famiglia, la cerimonia funebre si tiene all'aperto e non in una chiesa. A celebrarla e' Don Marcello Cozzi, animatore di Libera Basilicata. Tra i concelebranti anche Don Luigi Ciotti, fondatore dell'associazione.

LA CERIMONIA TRA LACRIME E APPLAUSI - E' uscita nel silenzio dalla camera ardente la bara di Elisa. Dietro la bara c'erano la mamma di Elisa, Filomena Iemma e i due fratelli, Gildo e Luciano. Dalla camera ardente allestita nel liceo classico di Potenza il corteo funebre si e' diretto verso piazza Don Bosco.
Un lunghissimo applauso e il lancio di petali bianchi sul carro funebre hanno segnato il passaggio del feretro davanti al palazzo dove abita la famiglia Claps. Lungo il tragitto, dalla camera ardente a piazza Don Bosco, il corteo, scortato dalla Polizia e dalla Polizia municipale, si é fermato a via Mazzini: è stato aperto il portellone posteriore del carro funebre e le persone che attendevano il passaggio hanno applaudito a lungo e hanno lanciato petali bianchi. Molte persone erano in lacrime e in tanti hanno salutato la bara dai balconi circostanti. La madre di Elisa, Filomena Iemma, e i figli, Gildo e Luciano, sono nelle automobili che seguono il carro funebre.
Al termine dei funerali, Don Marcello le ha passato l'aspersorio e mamma Filomena ha benedetto con l'acqua santa la bara della figlia Elisa: così, in un momento di estrema commozione, si è conclusa la cerimonia in piazza Don Bosco.
Condividi: