Visualizzazione post con etichetta Scheda. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Scheda. Mostra tutti i post

mercoledì, settembre 05, 2012

Scheda: Fessenheim, i reattori più anziani d'Europa


La Centrale nucleare di Fessenheim è una centrale nucleare francese situata presso la città di Fessenheim, in Alsazia. La centrale possiede due reattori PWR francesi costruiti dalla Framatome da 880 MW ognuno. L'impianto possiede i due più vecchi reattori funzionanti in Francia.

+ LA SCHEDA / I reattori più anziani d'Europa

La centrale sorge presso una centrale idroelettrica fluviale, questo le consente di non dover utilizzare torri di refrigerazione in caso di basso apporto di acqua dal fiume.
A luglio 2011 l'ANS ha stabilito che verrà rilasciata una licenza di funzionamento per il primo reattore di ulteriori 10 anni.

Questa sarà concessa se verrà rafforzato il basamento di cemento, da completare entro il 30 giugno 2013; e verranno apportati miglioramenti ai sistemi per la rimozione di potenza residua nel caso di una perdita di funzione di raffreddamento, da completare entro la fine del 2012. Il secondo reattore è attualmente sottoposto alle verifiche del terzo decennio di funzionamento. (Fonte: Wikipedia.it)

giovedì, aprile 05, 2012

Umberto Bossi story

ROMA. Dopo trent'anni il senatur Umberto Bossi lascia la leadership della lega Nord. E' il 1982 quando il Senatur da' vita, assieme a Roberto Maroni e Giuseppe Leoni, alla 'Lega Autonomista Lombarda', di cui diviene subito segretario nazionale. Dopo due anni, nel 1984, nasce la 'Lega Lombarda' che poi diverra' Lega Nord. Dieci anni dopo, nel 1994, Bossi conquista le prime pagine dei quotidiani con una foto 'inusuale' fino ad allora per un leader politico: lo scatto, infatti, immortala il fondatore del Carroccio in canottiera. Il momento e' delicato, c'e' in ballo la tenuta del primo governo Berlusconi. Bossi raggiunge il Cavaliere in Sardegna. Di li' a poco, a dicembre, la Lega rompe l'alleanza con Berlusconi. Ma, prima, Bossi passa alle cronache come uno dei convitati del 'patto delle sardine', quando siede a tavola assieme a Massimo D'Alema (che diventera' premier) e Rocco Buttiglione.

Ma e' proprio al Cavaliere che Bossi deve il primo ingresso a palazzo Chigi di esponenti della Lega, fino ad allora movimento che si era caratterizzato per una lotta senza quartiere contro "Roma ladrona" dopo gli anni di Tangentopoli, in cui i leghisti mostravano il cappio in aula. Lo stesso Bossi entrera' a far parte per la prima volta del governo nel 2001, quando il Cavaliere lo nomina ministro delle Riforme e della Devoluzione. Nel 2004 viene colpito da un ictus e si ritirera' dalle scene per una lunga convalescenza che termina con l'elezione al Parlamento europeo nel 2006. Stesso anno in cui Bossi riprende l'antica battaglia secessionista e da' vita al 'parlamento padano'. Dalla canottiera in poi Bossi 'stravolge' tutti i 'canoni' tradizionali del segretario di partito e di uomo di governo: sono ormai famosi i gesti del dito medio mostrato ai giornalisti, gli epiteti coloriti e a volte anche pesanti con cui rispondeva alle domande dei cronisti. Ma anche, soprattutto dopo la malattia che lo colpi' nel 2004, i pugni a mo' di scherzo con i quali il Senatur era solito salutare non solo i giornalisti ma anche colleghi di partito e amici. Ma soprattutto a far guadagnare al leader delle camicie verdi i titoli piu' 'flashati' sono le sue espressioni colorite: dall'ormai famoso 'ce l'ho duro', al piu' recente 'fora da i ball'. Ma e' anche il leader che insulta il Tricolore ("ci si puo' pulire il c...o") e l'Inno di Mameli sostituito dal Va' pensiero. Bossi siede su uno scranno del Parlamento per la prima volta nel 1987, conquistando un posto in Senato (da li' il soprannome di 'Senatur'), mentre nel '92 passa alla Camera.

Nel '94 inizia il lungo sodalizio con Berlusconi, interrotto nello stesso anno, e poi ripreso per interrompersi nuovamente lo scorso novembre, quando il Cavaliere decide di fare un passo indietro per consentire la nascita del governo Monti. Lo strappo tra i due alleati viene confermato anche alle amministrative che si terranno a maggio. Tante le battaglie portate avanti dal Senatur, prima fra tutte quella per la secessione della Padania. E' invece di quasi 10 anni prima, nell'87, il primo 'giuramento' di Pontida, quando sul pratone verde Bossi raduna quasi 5mila militanti. Poi, l'ingresso nelle stanze del potere e delle istituzioni fanno 'virare' la Lega verso il Federalismo: e' quasi fatta quando Berlusconi lascia a Monti la guida del governo. Fino ad oggi Bossi ha sempre guidato la Lega, il 'capo' indiscusso del movimento padano.

sabato, gennaio 14, 2012

La scheda: Costa Concordia

BARI. Costa Concordia con la sua lunghezza di 290 metri, 52 metri d'altezza, 1500 cabine per una capacità totale di 3.700 passeggeri, è la nave da crociera più grande della marineria italiana. La sua stazza infatti raggiunge le 112.000 tonnellate mentre la Costa Magica, ha una stazza appena inferiore: 105.000 tonn.
Grazie alle sue caratteristiche straordinarie Costa Concordia offre ai crocieristi una stabilità maggiore, e quindi una navigazione tranquilla e confortevole anche d'inverno.

La nave ha tredici bar, cinque ristoranti, un teatro, un percorso joggin di 170 metri, casino' e discoteca, un' area giochi per teenagers e un club per i bambini con piscina riservata.

Caratteristiche tecniche COSTA CONCORDIA

Cantieri costruzione: Fincantieri - Genova
Battesimo: 7 Luglio 2006 Civitavecchia
Madrina: Eva Herzigova
Crociera inaugurale: 9 Luglio 2006
Bandiera: Italiana (Porto di Registro: Genova)
Stazza: 114.500 GRT
Lunghezza: 290,2 metri
Larghezza: 35,5 metri
Ponti: 17 (13 dedicati ai passeggeri)
Velocità di crociera: 21,5 nodi (massima: 23,2 nodi)
Cabine: 1.500 cabine di cui 827 con balcone
Passeggeri: 2.979 letti bassi - 3.780 capacità massima
Equipaggio: 1.100 membri d'equipaggio

La scheda: Isola del Giglio

BARI. Isola del Giglio è un comune sparso italiano di 1.465 abitanti della provincia di Grosseto in Toscana.
Prende il nome dall'omonima isola dell'Arcipelago Toscano e comprende anche l'Isola di Giannutri, situata alcuni chilometri a Sud-Est.
I collegamenti con la terraferma sono garantiti da traghetti con imbarco a Porto Santo Stefano, gestiti dalle compagnie di navigazione Maregiglio e Toremar. Nei mesi estivi l'accesso all'isola con veicoli è condizionato al pagamento di una piccola quota.
L'isola deve il suo nome al termine greco aigylion e dalla successiva trasformazione latina aegilium, in riferimento a popolazioni di capre selvatiche.