Visualizzazione post con etichetta Trasporti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Trasporti. Mostra tutti i post

mercoledì, febbraio 22, 2017

Bari, cavi della linea metro tranciati e aeroporto isolato

BARI - Ferrotramviaria ancora sotto attacco. Nella notte scorsa, in cinque punti diversi, la linea elettrica aerea è stata resa inutilizzabile, provocando gravi disagi ai passeggeri e l'isolamento dell'aeroporto di Bari-Palese. E' il quarto episodio - informa l'ufficio stampa - che si è verificato a distanza di 20 giorni.
Condividi:

martedì, febbraio 21, 2017

Bari, appaltato da Rfi il sottopasso tra viale Einaudi e Japigia. "Un'opera strategica fondamentale"

BARI - L’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso rende noto che, nell’ambito dei lavori complementari relativi allo spostamento del nodo ferroviario a sud di Bari, RFI ha appaltato i lavori del sottopasso che congiungerà via Diomede Fresa, prosecuzione stradale di viale Einaudi, a viale San Pio, la strada ubicata alle spalle della rotatoria realizzata tra via Caldarola e via Salapia, nel quartiere Japigia.

Si tratta di un’opera molto importante che consentirà di collegare due quartieri divisi dai fasci di binari ferroviari che corrono paralleli a via Amendola. L’intervento deriva da un’opera di compensazione ottenuta in cambio della futura demolizione del ponte di San Pio che collega via Omodeo con viale Magna Grecia. Il viadotto sarà, infatti, abbattuto per poter essere ricostruito in modo tale da consentire la realizzazione, al di sotto della infrastruttura, di più binari ferroviari, che oggi ospitano solo le tratte delle Ferrovie Sud Est, proprio in vista dello spostamento del nodo ferroviario e della necessità di far transitare più linee lungo lo stesso tracciato. Pertanto, il sottopasso, che sarà realizzato preventivamente, assicurerà il collegamento tra i quartieri San Pasquale e Japigia durante la ricostruzione del ponte.

Il nuovo viadotto assicurerà le attuali quattro corsie, anche se più ampie per adeguarle alla normativa vigente, con l’aggiunta di una pista ciclabile bidirezionale, che si collegherà alle piste ciclabili realizzate su via Caldarola e un marciapiedi che consenta una migliore fruibilità del ponte da parte dei pedoni.

“Questo intervento, previsto per il 2018, rappresenta un’opera di fondamentale importanza per il deflusso dei veicoli in ingresso in città, oltre a collegare due quartieri separati dai binari - commenta Giuseppe Galasso -. In questo modo si compone il progetto complessivo della viabilità di questa zona della città che tiene dentro una serie di interventi fondamentali, tra cui: l’allargamento di via Amendola, la realizzazione del nuovo ponte di San Pio e la realizzazione delle due rotatorie in via Caldarola, in particolare quella che incrocia via Salapia, dove confluirà il sottopasso che sarà realizzato. Infatti, durante il cantiere per la ricostruzione del ponte, proprio la rotatoria di via Salapia sarà l’incrocio nevralgico per il collegamento tra diverse aree della città e garantirà il flusso di veicoli in totale sicurezza. Quando il nuovo ponte di San Pio sarà realizzato, avremo ben due collegamenti tra queste aree che consentiranno di snellire notevolmente i flussi di traffico. Ovviamente anche le due piste ciclabili, in fase di realizzazione su via Caldarola, si riconnetteranno al nuovo ponte San Pio, creando quindi un percorso unico. Nell’ambito degli interventi legati al progetto delle due rotatorie di via Caldarola sono previsti anche interventi di riqualificazione urbana degli spazi tra la chiesa della Resurrezione e il mercato coperto di via Caldarola, dove saranno anche piantumati nuovi alberi”.
Condividi:

lunedì, febbraio 20, 2017

Alitalia, Delrio: "Problema serio, preoccupato"

ROMA - Quelli di Alitalia sono "problemi seri. Non si affrontano a cuor leggero. Preoccupazione c'è, eccome". Lo sostiene il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, che ha definito la situazione della ex compagnia di bandiera, durante un suo intervento a margine della presentazione del Polo Mercitalia delle Ferrovie dello Stato alla stazione Centrale di Milano.

Nel frattempo la compagnia, a causa dello sciopero proclamato per la giornata del 23 febbraio dalle sigle sindacali Usb e Cub Trasporti e dalle associazioni professionali Anpac e Anpav (per l'intera giornata ad eccezione delle fasce garantite 7-10 e 18-21) e dai sindacati confederali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl-Ta (dalle 14 alle 18), è stata costretta a cancellare il 60% dei voli programmati, sia nazionali che internazionali (sul sito è disponibile la lista dei voli cancellati).

Alitalia impiegherà su alcune rotte domestiche e internazionali aerei più capienti per facilitare la riprotezione dei passeggeri. Negli aeroporti di Fiumicino e Linate la compagnia ha previsto un rafforzamento del proprio personale per assicurare la massima assistenza ai clienti.

E' stato anche incrementato il numero degli addetti al call center. Sul sito sono inoltre pubblicate informazioni dettagliate sulle modalità di riprotezione che prevedono il rimborso del biglietto o la possibilità di cambiare il proprio volo senza alcuna penale fino al 10 marzo. Alitalia invita tutti i viaggiatori che hanno un volo prenotato per il 23 febbraio - e anche per la serata del 22 febbraio e per la prima mattinata del 24 febbraio - a verificare lo stato del proprio volo, prima di recarsi in aeroporto, chiamando i seguenti contatti telefonici: dall'Italia il numero verde (gratuito) 800.65.00.55, dall'estero il numero +39.06.65649
Condividi:

Voli, Air Dolomiti: un’estate di bellezze da scoprire con il nuovo collegamento Brindisi – Monaco

BRINDISI - Per tutto il mese di agosto è possibile volare tra il Salento e la capitale della Baviera Dalle incantevoli spiagge del litorale Adriatico pugliese al cuore della Baviera: Air Dolomiti fa decollare le mete dell’estate. Per tutto il mese di agosto, infatti, la Compagnia Aerea italiana del Gruppo Lufthansa opera sulla tratta Brindisi – Monaco di Baviera, creando un ponte tra queste due città capaci di conquistare gli occhi del viaggiatore più esigente.

I voli, operati 4 volte a settimana, permettono di raggiungere la Baviera e visitare i castelli, i musei e le monumentali chiese di questo territorio per concedersi una vacanza culturale dove non mancano delizie enogastronomiche e panorami incantati in cui si fondono arte e storia.

I passeggeri in partenza dalla Germania potranno invece scoprire la Puglia raggiungendo la porta d’accesso al Salento, per trascorrere un agosto all’insegna di sole, acque cristalline e delle tradizioni di questo angolo del Belpaese. Il collegamento – attivo dal 31 luglio al 27 agosto - seguirà gli operativi sotto riportati: EN 8260 Monaco – Brindisi 18:30 – 20:15 operativo il lunedì, venerdì e domenica EN 8261 Brindisi – Monaco 20:55 – 22:45 operativo il lunedì, venerdì e domenica EN 8260 Monaco – Brindisi 10:05 – 11:50 operativo il giovedì EN 8261 Brindisi – Monaco 12:30 – 14:20 operativo il giovedì.

In poco meno di due ore, sarà quindi possibile raggiungere la destinazione prescelta per regalarsi una vacanza all’insegna del relax, alla scoperta di nuovi orizzonti. I viaggiatori possono scegliere tra le tariffe Light, Plus ed Emotion. A partire da 30 € tariffa Light one –way tasse incluse. La tariffa è soggetta a disponibilità limitata. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Air Dolomiti www.airdolomiti.it
Condividi:

giovedì, febbraio 16, 2017

Volotea annuncia nuovo volo Bari-Corfù, +15% passeggeri trasportati nel capoluogo

BARI - Volotea, la compagnia aerea che collega città di medie e piccole dimensioni, vola sempre più in alto e taglia un altro importante traguardo a Bari: nel 2016 sono stati infatti circa 209.000 i passeggeri che hanno scelto la low cost per i propri spostamenti da e per la Puglia, con un incremento del +15% rispetto al 2015. Ma non è tutto! Al portfolio voli Volotea da Bari si aggiunge dall’estate 2017 anche il nuovo collegamento alla volta di Corfù, portando così a 15 le destinazioni raggiungibili con il vettore dallo scalo pugliese.

“Chiudere l’anno all’insegna del successo è un’ulteriore conferma di come la nostra strategia si sposi perfettamente con le esigenze di viaggio dei nostri passeggeri – afferma Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea –. Dall’avvio delle nostre attività, ci siamo impegnati per ampliare il nostro network di destinazioni e, a giudicare dai risultati ottenuti, crediamo di essere riusciti a fare breccia nel cuore dei nostri passeggeri. Siamo orgogliosi di aver registrato un’importante crescita presso lo scalo di Bari dove, per il 2017, continueremo ad investire, incrementando del 15% il numero di rotte disponibili”.

“I risultati ottenuti nel 2016 – conclude Muñoz - ci fanno affrontare con rinnovato entusiasmo il nuovo anno: ci auguriamo di raggiungere presto nuovi traguardi a Bari e nel resto del nostro network. Dalla Puglia saremo in vendita nel 2017 con più di 303.000 posti e opereremo oltre 2.400 voli verso 15 destinazioni”.

“Aeroporti di Puglia  e Volotea – dichiara Marco Franchini, Direttore Generale di Aeroporti di Puglia – sono legati  da un’intesa commerciale basata su stretti rapporti di collaborazione che in questi anni, con reciproca soddisfazione, hanno portato alla crescita del network e a eccellenti risultati in termini di passeggeri. Tutto ciò è frutto di una programmazione attenta, costante in termini d’impegno, ma soprattutto condivisa, favorita dalla capacità di Aeroporti di Puglia di adattarsi a differenti modelli di business, e di sviluppare relazioni sempre più strette con vettori che riconoscono il gestore aeroportuale pugliese quale interlocutore attento e in grado di garantire eccellenti standard di servizio”.

“Siamo fiduciosi – conclude Marco Franchini - che Aeroporti di Puglia e Volotea possano consolidare ancor di più le intese commerciali favorendo così lo sviluppo del traffico aereo e con esso la crescita della nostra regione”.

Il vettore insieme al management di Aeroporti di Puglia, ha ideato un ventaglio di destinazioni ricchissimo, che prevede 5 collegamenti in Italia (Venezia, Verona, Catania, Olbia, Palermo), 2 in Spagna (Ibiza e Palma di Maiorca) e 8 in Grecia (Atene, Creta, Mykonos, Skiathos, Zante, Santorini, e le due novità del 2017 Preveza-Lefkada e Corfù). Tutte le rotte Volotea sono disponibili sul sito www.volotea.com, nelle agenzie di viaggio o chiamando il call center Volotea all’895 895 44 04.       
Condividi:

sabato, febbraio 11, 2017

Nebbia fitta su Bari, disagi per i bus Amtab

di NICOLA ZUCCARO - Una fitta quanto inspiegabile nebbia ha avvolto Bari nel primo pomeriggio di sabato 11 febbraio. Puntuali i disagi verificatisi nella circolazione stradale e per la quale non poche sono state le difficoltà incontrate dai conducenti dei bus Amtab lungo il percorso che unisce via Napoli alla via Nazionale. Quest'ultima collega il capoluogo a Palese.
Condividi:

martedì, febbraio 07, 2017

Trenitalia, linea Foggia-Termoli: nuovo furto di rame

FOGGIA - Ennesimo furto di cavi in rame lungo la tratta ferroviaria tra Apricena e Lesina (FG). Per questo motivo dalle 13.30 alle 16.45 la circolazione ferroviaria è stata rallentata con invetriabili disagi per i viaggiatori. Coinvolti dieci treni con rallentamenti fino a 40 minuti. Lo rende noto Trenitalia.

Da inizio anno a oggi - prosegue la nota - sono stati quindici i furti messi a segno sulla medesima tratta. L’asportazione di rame non comporta – nel modo più assoluto – problemi di sicurezza alla circolazione dei treni, ma solo rallentamenti e ritardi. La sottrazione del materiale, infatti, provoca l’attivazione istantanea dei sistemi di sicurezza che governano le tecnologie in uso nella gestione del traffico ferroviario, con arresto immediato dei treni. RFI ha sporto denuncia contro ignoti.
Condividi:

venerdì, febbraio 03, 2017

Euromobility, Regione Puglia firma protocollo per redazione piani mobilità sostenibile

BARI - L’assessore alle Infastrutture e mobilità, Giovanni Giannini, ha firmato oggi con il direttore scientifico di Euromobility, Lorenzo Bertuccio, un protocollo d’intesa per la redazione dei Piani urbani della mobilità sostenibile (PUMS). A disposizione ci sono circa 12 milioni di euro di fondi comunitari per aiutare i Comuni e gli enti locali a redigere i piani, che non riguardano più la sola mobilità, ma si interessano anche di sicurezza stradale e di inquinamento.

“Diamo una mano ai comuni – ha detto Giannini – proprio per ribadire la volontà della Regione di applicare la mobilità sostenibile. Che non è solo, ma anche, la mobilità ciclistica ma significa predisporre corsie preferenziali, semafori intelligenti, rinnovo del parco rotabile dei bus e potenziamento del traporto pubblico. Sono iniziatitive ineludibili per tutelare la salute delle persone, esposte in città sempre più ai pericoli dell’inquinamento da traffico e da Pm10”.

“Noi – ha proseguito – non partiamo da zero. Abbiamo già in Regione la cultura necessaria per la redazione di piani di mobilità: abbiamo già varato le linee guida regionali in materia. Con questo strumento e grazie all’esperienza di Euromobility possiamo proseguire su questa strada: a Bari si terrà ad Aprile la prima conferenza nazionale sui PUMS e la Puglia sarà a Dubrovnik per un’iniziativa europea sul tema della mobilità sostenibile. Daremo quindi attuazione al piano regionale dei trasporti e alla legge regionale

Abbiamo individuato l’associazione Euromobility con cui lavorare congiuntamente alla predisposizione delle Linee Guida regionali, per la competenza specifica in materia di mobilità sostenibile e mobility management e per la lunga esperienza maturata”.

Euromobility è un organismo tecnico e di supporto al Ministero dell’Ambiente, e gestisce l’Osservatorio italiano dei PUMS. L’ associazione sarà affiancata da un gruppo di lavoro regionale costituito da funzionari dell’Assessorato regionale ai Trasporti. Le Linee Guida saranno redatte attivando una fase partecipativa che coinvolgerà enti locali e stakeholders già a partire dal 21 e 22 marzo, quando si svolgerà a Bari la prima Conferenza Nazionale sui PUMS; questa sarà l’occasione per condividere conoscenze, definire programmi di lavoro ed indirizzi.

Condividi:

mercoledì, febbraio 01, 2017

Mobilità sostenibile, Regione Puglia verso accordo con Euromobility

BARI - Venerdì 3 febbraio alle ore 11.00, nell’assessorato ai Trasporti della Regione Puglia (Nuova sede Japigia - Via Gentile 52, sala riunioni, 4° piano), l’assessore Giovanni Giannini e il direttore scientifico di Euromobility, Lorenzo Bertuccio, firmeranno il protocollo di intesa per la redazione delle linee-guida regionali sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile (PUMS).

L iniziativa, prima in Italia, si propone di fornire agli enti locali pugliesi gli strumenti operativi per la redazione dei PUMS, necessari sia per pianificare in maniera corretta e sulla base delle buone pratiche europee i trasporti e la mobilità, sia per poter accedere ai fondi FESR nel settore trasporti come richiesto da Bruxelles, in attesa che siano messe a punto le norme nazionali di recepimento.

La firma del protocollo avverrà alla presenza della stampa e nell’occasione saranno illustrati ai giornalisti i contenuti dell’accordo.
Condividi:

martedì, gennaio 31, 2017

Boom FlixBus in Puglia: 400mila passeggeri in un anno e mezzo

MILANO - Continua a crescere il numero dei passeggeri che viaggiano con FlixBus verso le 120 città italiane collegate dalla start-up della mobilità: secondo l’ultimo bilancio della società, sono già state trasportate in regione ben 400.000 persone, un traguardo in cui si riflette la grande ricettività dei Pugliesi nei confronti di un servizio ora in procinto di estendersi ad altri centri in vista dell’estate.

Gli autobus FlixBus raggiungono attualmente dieci città della regione, da cui è possibile viaggiare, senza cambi, verso città a breve-medio raggio ma anche mete nazionali a lunga distanza: i centri interessati dal servizio sono Bari, Foggia, Brindisi, Lecce, Taranto, Andria, San Severo, Manfredonia, Altamura eGravina in Puglia. Da Bari, Brindisi e Lecce è possibile, ad esempio, viaggiare fino a sei volte al giorno verso Napoli e Roma (raggiungibili anche da Andria); la capitale è collegata anche con Foggia, Taranto, Manfredonia, Gravina e Altamura. A Matera si arriva, invece, da Bari (in un’ora), Gravina (in 40 minuti) o Altamura (in 20 minuti), oltre che da San Severo, Andria e Taranto. Tra gli altri collegamenti disponibili dalla Puglia, vi sono poi quelli con le grandi città del nord e centro Italia, quali Torino, Milano, Bologna e Firenze, e con importanti snodi della Riviera Adriatica come Pescara, Ancona e Rimini.

Secondo Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia, sono due i fattori che fanno della Puglia un’area strategica su cui continuare a investire: «Con la sua ricchezza di tesori artistici e naturali, la Puglia è una delle mete turistiche più ambite al mondo, e la necessità di una rete di collegamenti efficace è sempre più sentita. Inoltre, il grande bacino di giovani che, per studio o lavoro, si spostano costantemente verso le altre regioni ci motiva a estendere a breve il nostro servizio innovativo e per tutte le tasche a nuove città».

FlixBus mira a offrire ai propri passeggeri un servizio confortevole e flessibile, in linea con le esigenze di un’utenza che desidera vivere il viaggio come un’esperienza vera e propria: a bordo degli autobus sono disponibili, oltre alla toilette, Wi-Fi gratuito e prese elettriche, ideali per chi vuole lavorare in viaggio. I biglietti possono essere acquistati sul sito www.flixbus.it, tramite la app gratuita, nelle agenzie di viaggio affiliate e direttamente dal conducente alla partenza, a prezzo pieno e secondo la disponibilità.
Condividi:

martedì, gennaio 24, 2017

Trenitalia, linea Bari-Taranto: rubati 1800 metri di rame

BARI - Rubati altri 1.800 metri di trecce di rame lungo la linea di alimentazione elettrica dei treni tra Acquaviva delle Fonti e Sannicandro (BA). A distanza di pochi giorni, questa notte ignoti hanno tranciato e asportato, con le medesime modalità, altre trecce di rame.

Disagi per i viaggiatori. Per tutta la giornata di oggi, fino alle 12 di domani, la circolazione sul tratto interessato avverrà su un solo binario. I treni in partenza da Bari e diretti a Taranto allungheranno i tempi di viaggio di circa 10 minuti. Alcuni treni potranno limitare il percorso o essere sostituiti con bus.
                                                                         
Su questa tratta, da giugno 2016 a oggi si sono registrati ben cinque episodi di furto o tentata asportazione di trecce di rame lungo la linea di alimentazione elettrica. Quello che ha avuto maggiori ripercussioni si è verificato all’inizio di quest’anno con  più di 100 treni coinvolti con ritardi fino a 30 minuti.
A metà settembre del 2016 i treni coinvolti sono stati 90 con ritardi fino a 10 minuti. A fine luglio sono stati 30 con ritardi analoghi, mentre nel mese di giugno sono stati 90 i treni coinvolti con ritardi fino a 15 minuti.

L’asportazione di rame non comporta – nel modo più assoluto – problemi di sicurezza alla circolazione dei treni, ma solo rallentamenti e ritardi. La sottrazione del materiale, infatti, provoca l’attivazione istantanea dei sistemi di sicurezza che governano le tecnologie in uso nella gestione del traffico ferroviario, con arresto immediato dei treni.

RFI ha sporto denuncia contro ignoti.
Condividi:

venerdì, gennaio 20, 2017

Aeroporto di Treviso: l’hub che connette Bari e Venezia in tre ore

Dalla Puglia al Veneto, un viaggio lungo in treno, a volte infinito in macchina, una destinazione lontana, tanto che veniva scelta da molte giovani coppie come viaggio di nozze. Parliamo ovviamente degli anni ’60-’70, poi i tempi si sono notevolmente ridotti e le persone hanno iniziato a spostarsi in maniera sempre più comoda e rapida. Oggi per raggiungere la meravigliosa Venezia si impiega da Bari un totale di 3 ore, imprevisti permettendo: poco più di un’ora il volo, 40 minuti di trasporto tra l’aeroporto di Treviso e Venezia, cui si aggiungono i classici tempi di attesa.

Dal Veneto alla Puglia, per un itinerario turistico tra cibo, mare e arte

Ad approfittare di questa ormai consueta “prossimità” tra le due ragioni non sono solo i locali, veneti e pugliesi, ma anche i numerosi turisti (stranieri e nostrani) che visitano l’Italia e vogliono scoprirne tutte le bellezze, passando dalle meravigliose e imponenti Dolomiti al mare caraibico del Salento, oppure dalla degustazione di prosecchi all’assaggio delle interminabili prelibatezze gastronomiche della Puglia.

Un viaggio tra colori, odori e sensazioni che non può lasciare indifferenti. Già visitare una città come Venezia rappresenta spesso il fiore all’occhiello di una vacanza italiana; se poi ci si aggiungono esperienze gastronomiche, spiagge da sogno e capolavori artistici, il pacchetto è davvero imperdibile. Basti pensare che nella sola Puglia sono presenti città come Lecce (barocca), Ostuni, Alberobello (la città dei trulli), solo per citarne alcune, che richiedono una visita approfondita e lasciano un segno indelebile. Di contro, in Veneto, oltre alla visita della già citata Venezia e di Verona, ci si può immergere nella magnificenza naturale delle montagne. In ogni stagione.

È possibile scoprire due culture differenti, due mondi differenti, uniti da un comune denominatore: la passione per cibo, arte e natura, portate in questi luoghi ai loro massimi livelli.
Condividi:

mercoledì, gennaio 18, 2017

I binari della paura, il Codacons diffida Ferrotramviaria

di NICOLA ZUCCARO - "Questa situazione di degrado non è più tollerabile!". Nel precedere l'iscrizione nel relativo registro della Procura della Repubblica di Trani di altri indagati per il disastro ferroviario del 12 luglio 2016 lungo la tratta Andria-Corato, l'avv. Alessandro Amato tuona così anche per un'altro incidente sfiorato il 10 gennaio scorso all'altezza del Casello di Santo Spirito, dove la barriera del passaggio a livello incustodito è rimasta colpevolmente ferma, in posizione verticale, con il semaforo spento, malgrado il passaggio del treno.

Quanto riferito dal legale e Presidente del Codacons Puglia va al di là di una semplice rilevazione che, considerati i precedenti e simili episodi verificatisi anche lungo alcune tratte delle Ferrovie Sud Est, funge da premessa per chiedere l'immediato intervento della Ferrotramviaria S.P.A. affinchè si provveda al controllo, alla manutenzione e alla messa in sicurezza dell'intera rete ferroviaria e delle sue pertinenze quali, appunto, le barriere ai passaggi a livello e i semafori.

La Ferrotramviaria Spa - come affermano gli avvocati Scalioti e Durso del Codacons - nell'assumere dei precisi obblighi di manutenzione e di controllo della sicurezza, è tenuta ad effettuare una verifica costante di tutti i presidi ferroviari, a pena di perdita della concessione. Un epilogo che potrebbe prendere corpo qualora, decorso il termine dei 30 giorni per gli opportuni monitoraggi dell'intera Rete Ferroviaria del Nord Barese, in caso di mancato ottemperamento degli stessi e della diffida trasmessa alla Ferrotramviaria, il Codacons Puglia dovesse chiedere l'intervento della Regione Puglia per la risoluzione del contratto di servizio vigente.

LE PRECISAZIONI DI FERROTRAMVIARIA - Con riferimento all’episodio riportato da alcuni organi di stampa in ordine ad un presunto mancato funzionamento del passaggio a livello di Bitonto su via Molfetta, in data 17 gennaio, Ferrotramviaria ritiene doveroso precisare quanto segue.

Contrariamente a quanto riferito sulla stampa, il passaggio a livello in questione era perfettamente funzionante. Alcuni automobilisti, in palese violazione delle norme del codice della strada e incuranti dei segnali di preavviso ottico-acustici, hanno impegnato il passaggio a livello mentre le barriere erano in fase di chiusura restando intrappolati tra di esse.

Le auto non ingombravano comunque la linea ferroviaria perché il passaggio a livello è dotato di apposite piazzole di ricovero ma il treno, nel rispetto delle vigenti normative, si è comunque arrestato prima di impegnare il passaggio a livello stesso.

A richiesta del personale di bordo è intervenuta una squadra che ha provveduto all’apertura delle barriere per liberare le auto, provvedendo anche a rilevare le generalità dei proprietari. All’apertura delle barriere si sono fatte defluire le numerose automobili ferme per la lunga attesa al passaggio a livello e solo dopo si è provveduto alla richiusura delle barriere e a far avanzare il treno.

A causa di tale palese violazione delle norme del codice della strada il traffico ferroviario ha subito oltre 40 minuti di ritardo. Gli automobilisti coinvolti saranno sanzionati ai sensi del regolamento di polizia giudiziaria e denunciati per interruzione di pubblico servizio.

E’ evidente quindi che le foto pubblicate si riferiscono alla fase di deflusso delle auto dopo l’apertura manuale delle barriere.

Ferrotramviaria, per rispetto alle Autorità inquirenti alle quali ha dato fin dal primo momento la massima collaborazione e per rispetto alle vittime dell’incidente del 12 luglio 2016, ha finora inteso non replicare a notizie e fatti riportati dagli organi di informazione come verità accertate che proiettano una immagine totalmente distorta di una azienda che da ottant’anni opera sul territorio del nord Barese. E’ il caso di questo e di altri recenti episodi avvenuti in prossimità di passaggi a livello che mai in nessun caso avrebbero potuto concretizzarsi in pericolo per gli utenti ferroviari e stradali.
Condividi:

lunedì, gennaio 16, 2017

Nomine, M5S: "Onesti presidente sia di Adp che del competitor Trenitalia. Incarichi inconciliabili"

BARI - “Come fa Tiziano Onesti, ad essere al tempo stesso presidente di Aeroporti di Puglia e presidente di una società come Trenitalia che è tra i principali competitor di Adp nel settore Trasporti?” è l’interrogativo degli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che continuano la loro battaglia in seguito alle nomine del cda di AdP ”Anche in merito alla nomina di Onesti chiederemo un parere all’ANAC. Non si discutono le sue competenze e capacità ma ci sembra quantomeno difficile che riesca a conciliare i due incarichi riuscendo al tempo stesso a fare gli interessi di entrambe le aziende”.

Nei giorni scorsi i pentastellati avevano già comunicato l’intenzione di richiedere un parere all’ANAC in merito ad un potenziale conflitto d’interessi della poliziotta Beatrice Lucarella, scelta come componente del cda di Aeroporti di Puglia. Una scelta, avevano detto, fatta da Emiliano più sulla base di accordi politici che per merito, dal momento che la poliziotta Lucarella, anche vicepresidente dei giovani imprenditori di Confindustria Taranto, è risultata essere vicina agli ambienti politici di Taranto e Martina Franca, entrambi comuni che andranno alle amministrative a breve.

“Non si contano più le nomine di amici, conoscenti, ex assessori ed ex consiglieri di Emiliano da quando è diventato presidente della Regione. - proseguono i cinquestelle - Un ex PM dovrebbe distribuire incarichi talmente delicati avendo come stella polare il bene del territorio e dei cittadini e non le convenienze personali o politiche. Perseverando con queste scelte Michele Emiliano non solo continua a danneggiare il territorio ma si dimostra una volta di più un vero ‘vecchio vecchissimo politico’”.
Condividi:

venerdì, gennaio 13, 2017

Adp, lascia Acierno, Onesti nuovo presidente

BARI - L'assemblea degli azionisti di Aeroporti di Puglia (Adp) ha deliberato oggi la nomina dei nuovi organi sociali. L'assemblea, presieduta dall'amministratore unico Giuseppe Acierno, ha nominato il consiglio di amministrazione, si legge in una nota di Adp, "nelle persone del professore Tiziano Onesti, che assumerà la carica di presidente", e dei consiglieri "Antonio Vasile e Beatrice Lucarella".

Quali componenti del "collegio sindacale sono stati nominati" Daniela De Vincenzo (designata dal ministero dell'Economia) in qualità di presidente, e i sindaci Paolo Botticelli (designato dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti) e Michele De Chirico (designato dalla Regione Puglia).

Durante il suo intervento, Acierno ha ringraziato Adp, i dirigenti e i lavoratori per gli "eccellenti risultati raggiunti in anni d'impegno comune: dal 2013 a oggi - ha dichiarato - il numero dei passeggeri è cresciuto di oltre un milione, circa il 18% in più, e ottimi risultati sono stati raggiunti sul piano dei ricavi cresciuti dell'11%, e per il Mol (Margine operativo lordo) cresciuto del 43%". Acierno ha ricordato poi "l'attivazione di ulteriori 28 collegamenti internazionali rispetto al dato del 2012". 
Condividi:

giovedì, gennaio 12, 2017

"Alitalia gestita male"

ROMA - La situazione di Alitalia ci dice che l'azienda "è stata gestita male". A dichiararlo il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda parlando a Radio anch'io rispondendo a una domanda sulla situazione della compagnia aerea e sul rischio di esuberi.

"E' un'azienda - ha dichiarato - totalmente privata che ha problemi significativi di gestione. Non esiste che si parli di esuberi prima di parlare di piano industriale. Nessuna azienda si salva senza piano industriale".

Il ministro ha affermato che le colpe della gestione di Alitalia "non devono ricadere sui lavoratori". Calenda ha ricordato che l'azienda è privata e che il giudizio spetta agli azionisti ma che il Governo non vuole sentire parlare di esuberi prima di parlare del piano industriale.

"Tra tre settimane" ci sarà un piano "forte e coraggioso" per Alitalia, sostiene il presidente Luca Cordero di Montezemolo: il progetto su cui già si lavora "sarà ulteriormente rivisitato da un advisor industriale condiviso tra i due soci perchè non deve essere solo dei manager ma pienamente condiviso da soci arabi e soci italiani". Rispettare i tempi "si deve", "è imperativo". Sarà la base per un "costruttivo" confronto con Governo e sindacati, "triangolo importante per affrontare in modo drastico e condiviso il modello di business".
Condividi:

"Il Frecciarossa doveva essere il primo passo per infrastrutture ferroviarie adeguate nel Salento"

BRINDISI - "Il sospetto che il collegamento del Salento con il nord attraverso il treno Frecciarossa fosse solo un “promo” estivo c’è stato sin dal primo momento. Ora è stato il treno “superveloce” è stato già eliminato, certificando la concezione che la Puglia nasca e muoia a Bari": la sindaca di Brindisi, Angela Carluccio, interviene sulla questione del convoglio superveloce che Trenitalia ha deciso di far giungere solo sino al capoluogo regionale.

“L’arrivo del Frecciarossa sino a Lecce - aggiunge la sindaca - seppure a velocità ridotta, doveva costituire il primo passo verso un progetto di adeguamento delle infrastrutture ferroviarie a quelle del resto dell’Italia. Al Sud servono investimenti per il trasporto ferroviario e il Salento, ormai al vertice delle classifiche nazionali per turismo (e i numeri dell’aeroporto di Brindisi lo certificano) non può essere penalizzato ulteriormente da chi forse spera che sia opportuno chiudere a Bari la porta della Puglia”.

Condividi:

martedì, gennaio 10, 2017

Frecciarossa a Lecce: sospese le corse dal 15 gennaio. "Propaganda con i soldi dei cittadini"

LECCE - Sulla soppressione del treno Frecciarossa fino a Lecce, ​interviene Diego De Lorenzis, deputato pugliese del M5S in Commissione Trasporti alla Camera. “I politici hanno preso in giro i salentini!” - dichiara De Lorenzis - “I festeggiamenti e le passerelle per il Frecciarossa a Lecce sono terminati presto, ora l’azienda conferma quello che aveva già dichiarato e che tutti sapevano: sono servizi a mercato che si sostengono solo con la tariffa e la tratta non è remunerativa! L’ennesima dimostrazione che una politica senza competenza, carente di valutazioni adeguate ma piena di slogan per consenso elettorale, porta al fallimento, tanto a pagare non sono mai i politicanti di mestiere, buoni a riempirsi solo la bocca!”.

“Lo avevamo detto mesi fa, quando tutti gli Onorevoli di professione e il presidente di Regione Emiliano parlavano di vittoria! La sperimentazione ha solo dimostrato che il problema non è mai stata l’assenza dei Freccia, ma l’assenza di un servizio di trasporto regionale efficiente, veloce e capillare. Sbagliata la diagnosi, errata la terapia, ovviamente! Tutti i partiti hanno approfittato di questa situazione disastrosa, come confermato dallo scandalo delle Ferrovie Sud Est, e oggi si mostrano scandalizzati per aver 'puntato' su una finta soluzione che con un poco di approfondimento anche uno studente al 1 anno di economia avrebbe compreso non essere attuabile!”.

“L’opinione pubblica fa bene a chiedere maggiori servizi e una qualità maggiore ma è ovvio che non può risolversi tutto con la presenza del Frecciarossa: i cittadini pugliesi dovrebbero pretendere che le loro tasse siano investite nel trasporto pubblico locale che è il vero problema del Salento: nessuno si lamenterebbe oggi se ci fossero collegamenti regionali veloci, frequenti, senza attese per raggiungere il Freccia che parte da Bari e viceversa. Garantire il diritto alla mobilità è l’obiettivo del M5S che si realizza innanzitutto con un servizio puntuale, efficiente e costante per le centinaia di migliaia di pendolari, studenti e turisti in Salento! La propaganda la lasciamo ai partiti!”.

Anche il sindaco di Lecce critica aspramente i vertici di Trenitalia per la cancellazione del Frecciarossa e attacca governo nazionale e regionale. “Un dietrofront inaccettabile, un altro colpo basso per Lecce e il Salento. L'epilogo del Frecciarossa Milano-Lecce è una vicenda che rasenta il ridicolo. Promesse non mantenute, scelte opinabili, mancanza di attenzione: siamo il capro espiatorio d'Italia, la periferia "permanente" del nostro Paese.

Le responsabilità sono di un governo nazionale che si dimostra sordo alle necessità della Puglia e di un governo regionale assolutamente "baricentrico". Questo territorio merita rispetto e rivendica le stesse opportunità di sviluppo delle altre regioni, conclude il sindaco leccese.
Condividi:

mercoledì, gennaio 04, 2017

Aeroporti, 2016 da incorniciare: superata quota 6,5 mln di passeggeri

BARI – Con 6.635.794 passeggeri (+6.9% rispetto al consuntivo 2015), la rete aeroportuale pugliese raggiunge e supera uno storico traguardo, conseguito grazie alla costante crescita del traffico, soprattutto nella componente internazionale.
 
                                                                BARI          BRINDISI TOTALE
PASSSEGGERI GEN – DEC 2015 * 3.958.815 2.250.111 6.208.926
PASSSEGGERI GEN – DEC 2016 * 4.312.496 2.323.298 6.635.794
DIFFERENZA 2015 - 2016 353.681 73.187 426.868
% 2015 - 2016 8,9% 3,2% 6,9%
* Totale al netto dei transiti

“Questo storico risultato rappresenta la naturale progressione di un percorso funzionale al costante miglioramento dei volumi di traffico perseguito con grande determinazione” ha dichiarato Giuseppe Acierno, Amministratore Unico di Aeroporti di Puglia.

“La conferma viene dal dato del quadriennio 2013 – 2016 nel quale i passeggeri – arrivi più partenze – sono aumentati di 1.051.625 unità, con un incremento del +18,8%. Ciò ha consentito che nel 2016, in un sol colpo, fossero raggiunti due obiettivi, sia a livello di rete aeroportuale sia per l’aeroporto di Bari, al cui conseguimento ha contribuito non poco il positivo confronto con tutti i partner – lavoratori, proprietà, compagnie aeree – che hanno creduto in questo traguardo di crescita.

“ Si tratta – ha concluso Giuseppe Acierno – di un processo destinato a proseguire, come dimostrano le novità annunciate per la prossima stagione estiva sul piano dei collegamenti, soprattutto internazionali. Il rafforzamento del network è un obiettivo che va curato con la massima attenzione, specie in funzione dei benefici che da esso ne derivano per il <Sistema Puglia>  nel suo complesso. Un’attenzione che non riguarda solo l’incremento del traffico, ma che è anche rivolta alla qualificazione di tutti gli scali della rete regionale che, con le proprie peculiarità e caratteristiche, contribuiscono insieme alla crescita economica e sociale della nostra regione”.

Passando all’analisi più dettagliata del traffico passeggeri 2016, si conferma in tutta la sua evidenza il consistente miglioramento del dato che si riferisce alla linea internazionale che cresce, a livello di rete regionale, di 243.844 passeggeri, pari al + 14,3% rispetto all’anno precedente.

Sull’aeroporto di Bari, come evidenziato, per la prima volta è stata superata la soglia dei quattro milioni di passeggeri: nell’anno appena terminato, infatti, il totale passeggeri (arrivi + partenze) è stato di 4.312.496 unità, il +8,9% rispetto al totale 2015. Di queste 4.240.866 (+9,4%) rappresentano il totale dei voli di linea, che somma 2.770.434 passeggeri di linea nazionale (+6,4%) e 1.470.432, +15,5%, di linea internazionale.

Buono anche il consuntivo per l’aeroporto del Salento di Brindisi dove nel 2016 i passeggeri, totale tra arrivi e partenze, sono stati 2.323.298, ossia il +3,2% rispetto ai 2.250.111 passeggeri del 2015. Anche per l’Aeroporto del Salento, il più alto incremento percentuale (+10,8%) è stato registrato per il traffico di linea internazionale (dai 426.647 passeggeri del 2015 ai 472.632 dello scorso anno). Ottima la progressione del traffico charter i cui passeggeri nel 2016 sono stati 42.571, con un incremento del + 28,8% rispetto al dato del 2015; incrementi più contenuti per i passeggeri di linea nazionale attestatisi a quota 1.805.124, il +1% rispetto al precedente anno. 
Condividi:

lunedì, gennaio 02, 2017

Proseguono lavori per il parcheggio della scuola Perone, nei pressi del ponte Adriatico


di REDAZIONE - Proseguono, in questi giorni di vacanza dalle lezioni scolastiche, i lavori per la realizzazione di un parcheggio interno alla scuola Clementina Perone, nelle vicinanze del ponte dell’Asse Nord Sud, che consentirà ai genitori che accompagnano ogni giorno i propri figli a scuola di sostare brevemente con l’auto in una zona sicura.

Nello specifico si stanno ultimando in queste ore gli interventi per la segnaletica orizzontale che serviranno a delimitare l’area per la cosiddetta sosta “kiss&ride”.

La questione, sollevata da alcuni cittadini, è stata oggetto di una serie di incontri dell’assessore e dei tecnici dei settori Viabilità ed Edilizia scolastica del Comune con la dirigente scolastica, con cui si è giunti all’intesa di utilizzare degli spazi interni per ricavarne un’area per la sosta che permettesse ai genitori di sostare brevemente.



Resta quindi confermato l’impegno di consegnare i lavori entro il termine delle vacanze natalizie in modo da permettere ai genitori di usufruire di 16 nuovi posti auto interni alla scuola già alla ripresa delle attività scolastiche. L’area avrà due differenti punti di accesso, uno per l’entrata e uno per l’uscita, per evitare manovre scomode e perdite di tempo.

I docenti, che precedentemente utilizzavano la zona interna per il parcheggio, dovranno utilizzare due nuove aree dedicate alla sosta ricavate nella zona retrostante e sul lato della scuola, per un totale di 40 posti auto, uno dei quali riservato ai disabili.
Condividi: