Visualizzazione post con etichetta Bari. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Bari. Mostra tutti i post

'Ricercatori Determinati': mobilitazione generale delle università baresi

BARI - Giovedì 6 dicembre alle ore 12.00, a Bari, presso l’atrio coperto del Politecnico “Campus Ernesto Quagliariello” si svolgeranno i “funerali” dell’Istruzione e della Ricerca pubblica.

Siamo dottorande/i, assegniste/i di ricerca, borsiste/i, collaboratrici/collaboratori a progetto, ricercatrici/ricercatori a tempo determinato che si sono riuniti sui contenuti del documento “Ricercatori determinati: Perché noi no? Stesso lavoro, stessi diritti” e stanno dando vita al movimento “Ricercatori determinati”.

Chiediamo in particolare, un piano straordinario di assunzioni e una riforma del pre-ruolo che consentano almeno di recuperare nei prossimi quattro anni i circa 20.000 posti di ricercatori e docenti strutturati persi dal sistema nazionale universitario negli ultimi 10 anni.

I ricercatori precari rappresentano oggi la maggioranza del personale che permette il “normale” funzionamento delle università. Investire sul nostro futuro significa Investire sul futuro del Paese.

Dopo diverse iniziative negli atenei, nell’assemblea nazionale tenutasi a Roma il 17 novembre u.s., abbiamo lanciato un appello alle studentesse e agli studenti, ai docenti associati e ordinari, al personale tecnico amministrativo e bibliotecario strutturato e precario ad una mobilitazione generale in tutti gli atenei nella prima settimana di dicembre ed in particolare nella giornata di giovedì 6 dicembre, attraverso forme simboliche di protesta, flash mob, lezioni in piazza, assemblee permanenti, per sfociare venerdì 14 dicembre, nelle ore decisive della discussione della Legge di Stabilità 2019, in una manifestazione nazionale a Roma per:

-       rivendicare il diritto universale allo studio;
-       il riconoscimento e la valorizzazione delle professionalità che operano negli atenei;
-       lo stanziamento di risorse adeguate per il rinnovo del CCNL “Istruzione e Ricerca”;
-       per la stabilizzazione dei precari ed un reclutamento ordinato e ciclico che porti fuori dal perenne stato di emergenza il sistema universitario pubblico italiano;
-       il superamento dello scellerato sistema dei punti organico che penalizza le categorie più deboli, i ricercatori precari e il personale tecnico amministrativo e bibliotecario;
-       fermare l’esternalizzazione e la privatizzazione dei servizi.

Bari, con 'Van Gogh Alive – The Experience' riapre ufficialmente il Margherita

BARI - Sarà un'inaugurazione all'insegna della grande arte internazionale e della multimedialità quella che si terrà giovedì 6 dicembre a Bari, quando la mostra Van Gogh Alive – The Experience verrà ufficialmente aperta all'interno del rinnovato Teatro Margherita. Dopo aver superato le 500.000 presenze in Italia, aver realizzato numeri da record nelle tappe in Australia, Stati Uniti e Russia ed aver avvicinato il pubblico di tutte le età al genio impressionista olandese, l'evento arriva ora nel capoluogo pugliese con un percorso espositivo studiato appositamente per gli ambienti del Teatro Margherita.

L'itinerario segue infatti quello creativo del pittore, soffermandosi con particolare cura sul decennio che va dal 1880 al 1890, durante il quale Van Gogh viaggiò da Parigi a Saint-Rémy fino ad Auvers-sur-Oise. Van Gogh Alive – The Experience è prodotta da Cube Comunicazione e Time 4 Fun, e ideata da Grande Exhibitions vede il patrocinio dell'Assessorato all'industria turistica e culturale della Regione Puglia ed il Comune di Bari ed ha ricevuto il sostegno di Auriga, Banca Popolare di Bari, Primiceri, Nuova Orsud e AN-Light. La tappa barese della mostra si sviluppa come un viaggio nei luoghi diventati fonti di ispirazione per le sue opere più celebri e consente al visitatore di immergersi in un ambiente illuminato dalle immagini del grande maestro, mostrate in maniera nitida e reale per coinvolgere emotivamente il visitatore e farlo sentire totalmente inserito nel contesto delle opere. Tale risultato è ottenuto grazie alla tecnologia SENSORY4™, che raccoglie oltre 3.000 immagini delle opere di Van Gogh e le mostra per la prima volta in grandi dimensioni, su superfici appositamente realizzate per restituire un'esperienza unica nel mondo dell'arte.

L'inaugurazione della mostra avrà inoltre una doppia valenza per Bari, poiché rappresenterà l'apertura ufficiale del Teatro Margherita dopo i lavori di ristrutturazione appena conclusi, segnando quindi una vera e propria riconsegna di questo luogo alla fruizione dei cittadini. In piena continuità con gli obiettivi strategici del Teatro – che intendono incrociare il genius loci con le migliori espressioni globali delle arti – questo magnifico spazio polifunzionale si propone come elemento fondamentale del Polo Contemporaneo delle Arti. La sua riapertura intende dunque realizzare una concreta valorizzazione territoriale integrata del patrimonio culturale, incrementando e diversificando l'offerta culturale del capoluogo pugliese grazie all’utilizzo di tre spazi di fondamentale importanza per la città: l'ex Mercato del Pesce, lo Spazio Murat ed il Teatro Margherita.

Grazie all'utilizzo di 50 proiettori ad alta definizione, una grafica multi-canale e un suono surround, Van Gogh Alive – The Experience si propone come una mostra mirata a creare uno dei più coinvolgenti ambienti multi-screen al mondo, che verrà arricchita dalla eccezionale colonna sonora creata con le musiche di Vivaldi, Lalo, Schubert, Bach, Saint-Saëns, Debussy, Tchaikowskij e Handel). Dopo l'inaugurazione la mostra resterà visitabile per due mesi (dalle ore 9 alle 19 dal lunedì al giovedì, dalle 9 alle 22 il venerdì, sabato e domenica), con biglietti disponibili ali seguenti costi: 14 euro per il biglietto intero, 12 euro per gli studenti universitari, i visitatori over 65 e i diversamente abili, 8 euro per i ragazzi dai 6 ai 12 anni, ingresso gratuito per i minori di 6 anni accompagnati da un familiare.

Sono previste inoltre attività specifiche dedicate a gruppi organizzati e scuole, con iniziative laboratoriali e visite guidate.

Per informazioni e prenotazioni: www.vangoghbari.com familiare.

Impatto aereo Ryanair con volatile, volo per Bari deviato

BARI - Questa mattina il Boeing B-737/800 di Ryanair, subito dopo il decollo dall'aeroporto di Düsseldorf-Weeze è stato colpito in pieno da un uccello causando un danno ai sensori dell'aereo. L'impatto, ha fatto sì che il comandante e il primo ufficiale vedessero sui loro computer di bordo dati erronei e non coerenti tra di loro. Il velivolo è stato deviato sullo scalo di Colonia-Bonn dove è atterrato dopo circa 45 minuti di volo per consentire la verifica di eventuali guasti tecnici. I passeggeri, diretti a Bari, una volta a terra, sono stati assistiti dal personale della compagnia e riprotetti su un altro aereo che li ha portati a destinazione poche ore dopo. L'aereo Ryanair B-737 sarà sottoposto alla manutenzione in modo tale da poter verificare la reale portata dei danni causati dal bird strike.

L’urto tra uccelli e aerei non è affatto un evento raro, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, mentre i casi drammatici come quelli del volo 1549 raccontato nel film sono più unici che rari. I pennuti protagonisti del bird strike sono spesso gabbiani reali, oche, balestrucci, rondoni e barbagianni. Gli aerei sono progettati per resistere all’impatto anche di grossi uccelli: ali, motori, finestrini sono testati con un cannone pneumatico che “spara” polli congelati nelle parti più delicate dell’aeroplano per verificare che l’aereo non abbia danni. Altrimenti sarebbe una vera strage, e non solo di sfortunati pennuti.

In Italia, su quasi 1300 “bird strike”, 933 sono avvenute a quote “da drone”, 300 piedi (circa 100 metri di quota) e l’aereo ha registrato qualche danno solo in 37 occasioni, anche se 92 incidenti sono stati impatti multipli con uno stormo. Inutile dire che a farne le spese è sempre stato il povero uccello, non ci sono stati feriti e mai. L’apparato più resistente è il finestrino, che non è mai stato danneggiato, tutt’al più lo si è dovuto ripulire. I più delicati i motori, che hanno riportato qualche danno in dieci incidenti (su 42), e il muso, che si è ammaccato 12 volte su 111 incidenti.

Progetto 'Pet care', Emiliano: "Grazie a chi ha innescato questa catena di opportunità"


BARI - Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha partecipato questa mattina alla presentazione delle prime attività della “Pet Care” nel reparto di Oncoematologia pediatrica del Policlinico di Bari.

Con Emiliano, il consigliere regionale Paolo Pellegrino primo firmatario della legge regionale che ha reso possibile l’utilizzo di animali a fini di cura negli ospedali e il Dg del Policlinico, Giovanni Migliore.

I soggetti coinvolti sono Apleti (Associazione Pugliese per la Lotta contro le Emopatie e i Tumori nell’Infanzia), associazione Vir Labor e il reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlicinico. Un labrador nero femmina di sette anni, Megan, ha effettuato in sette mesi 31 sedute di Attività Assistita con Animali (AAA) per 16 bambini da 2 a 19 anni in terapia per malattie come leucemia linfoblastica acuta, sarcoma di Ewing, LNH e glioma a basso grado di malignità.

L’equipe è formata da Nicola Santoro, direttore UOC Oncoematologia, Carlo Ciceroni, veterinario, Teodoro Semeraro, addestratore ENCI e ideatore del progetto, Alessandra Cretì, addestratrice, Rosa Maria Daniele, medico, Chiara Rutigliano, psicologa Apleti e Giovanna Natile, responsabile Apleti.

“Un particolare ringraziamento va – ha detto Emiliano -  a tutti coloro che nel reparto di Oncoematologia Pediatrica hanno consentito l’applicazione della Pet Therapy, la relazione tra un bimbo in cura e un cane meraviglioso che si chiama Megan.

In particolare voglio ringraziare i volontari dell’Apleti che sono qui come delle sentinelle di civiltà e di amore.

E voglio anche ringraziare Teodoro, papà di un bimbo che ha fatto un’esperienza in questo ospedale, e che però aveva una capacità particolare nell’addestramento dei cani: ha innescato questa catena di opportunità che ci porta oggi ad utilizzare la terapia con gli animali per rendere le giornate lunghissime dei bimbi in questo luogo più serene e più simili alla loro vita quotidiana in casa. Quindi oggi è una giornata bellissima.

Abbraccio la responsabile barese dell’Apleti  Giovanna Natile.  E attraverso lei ringrazio tutti e in particolare chi dirige questo reparto, il dott. Nicola Santoro, che sta facendo un lavoro magnifico con tutti i suoi collaboratori per la lotta ai tumori dei bambini”.

L’obiettivo è trasformare l’attività in terapia e educazione assistita, aumentando il numero delle sedute e validarne i risultati scientifici, visti i miglioramenti registrati nelle condizioni emotive, motivazionali e relazionali e del processo riabilitativo dei piccoli pazienti grazie all’interazione con l’animale. Alleviando la sofferenza fisica e psicologica del piccolo paziente, è consentito di affrontare al meglio ricovero e terapie, con aumento di autostima, di sicurezza, delle capacità motorie e di relazione.

Emiliano ha poi indossato una maglietta dell’Apleti donatagli dal piccolo Ethan, in cura nel reparto, con una frase che invita a mandare a quel paese la leucemia.

Bari 2019: centrodestra alle primarie il 10 febbraio


di NICOLA ZUCCARO - Domenica 10 febbraio 2019 gli elettori d'area del centrodestra saranno consultati per la scelta del candidato della coalizione in corsa nelle Amministrative di maggio per la poltrona di sindaco di Bari. E' quanto ufficializzato nella mattinata odierna nel corso di una conferenza stampa convocata dai vertici locali di Fratelli d'Italia, di Noi con l'Italia e della Lega. L'insolita luogo dove la stessa si è svolta e rappresentata dall'insolito scenario della Terrazza del Fortino di Sant'Antonio Abate, ha metaforicamente fatto da cornice - con vista sul mare di Bari - all'apertura di nuovi orizzonti da parte del centrodestra, in attesa di conoscere la posizione di Forza Italia.

L'assenza del Partito azzurro all'appuntamento di stamane non ha impedito ai vertici provinciali e regionali dei 3 soggetti politici precedentemente menzionati di calendarizzare le tappe di avvicinamento alla scadenza pre-elettorale di febbraio. Entro la metà di gennaio dovranno essere accolte e definite le candidature. Dopodichè si aprirà il confronto pre-selettivo che precederà di circa 20 giorni la fatidica data nella quale si individuerà lo sfidante di Antonio Decaro e tutti gli altri aspiranti sindaci di Bari.

Calcio, Peroni-Ssc Bari: presentata la nuova partnership

BARI - È stata presentata questa mattina, a Palazzo di Città, la nuova partnership tra la Peroni e la Ssc Bari. La Peroni, infatti, sarà la birra ufficiale della squadra biancorossa nel corso dell’attuale stagione calcistica. Come lo scorso anno, sarà la Peroni 3.5, l’ultimo prodotto dell’azienda, ad affiancare la neonata società calcistica durante il campionato. 

All’incontro con la stampa sono intervenuti il sindaco di Bari Antonio Decaro, l’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli, Michele Tatone, direttore vendite sud Italia Peroni - canale Horeca, Pierluigi Quattrini, Events & Sponsorship Manager Peroni, Matteo Scala, club manager della Scc Bari, Giovanni Cornacchini, allenatore della squadra, e l’attaccante del Bari Roberto Floriano.

“La birra Peroni torna ad essere sponsor del Bari, rinnovando anche in serie D un rapporto nato lo scorso anno - ha esordito il sindaco Antonio Decaro -. Sia la Peroni sia la nostra squadra di calcio sono due marchi riconosciuti da tutti sul nostro territorio. Durante il periodo in cui ho dovuto decidere le sorti della nuova società, ho potuto capire quanto sia stretto il legame tra la città e la squadra di calcio. Lo stesso può dirsi della Peroni, un’azienda solida che è a Bari da quasi 70 anni. L’anno scorso ho avuto modo di visitare lo stabilimento, incontrare i lavoratori e assistere alla produzione delle nuove linee. Ormai è un vero e proprio brand cittadino, forse secondo solo alle orecchiette baresi. Per questo siamo a Palazzo di Città: qui abbiamo voluto presentare questo nuovo rapporto tra due simboli fortemente identitari e strettamente legati alla città di Bari”.

“In Peroni - ha dichiarato Michele Tatone - siamo particolarmente contenti di confermare il nostro sostegno e la nostra vicinanza alla squadra del Bari e di condividerne valori e passioni”. 

“Sono felice di essere qui per suggellare una partnership così importante e portare i saluti del presidente De Laurentiis - ha detto Scala -. Da quando è iniziato questo percorso di rinascita del calcio a Bari la vicinanza alla società da parte dell’intera città e del tessuto imprenditoriale locale e nazionale è stato fondamentale. In questi primi mesi di vita stiamo cercando di creare basi solide per costruire una struttura aziendale che, con il tempo, possa diventare sempre più forte. E in questo percorso la vicinanza di partner commerciali come Birra Peroni è importante. Sappiamo quanto sia forte il legame fra la città e il brand Peroni, per questo siamo felici di averlo al nostro fianco in questa stagione sportiva”.

Alla conferenza non ha potuto partecipare il presidente Luigi De Laurentiis che però ha voluto inviare un suo saluto: “Sono felice di questo accordo, perché ha un forte valore identitario. È il primo che lega la nostra società a una realtà storica, come Peroni, e che in questa stagione farà sì che sia al nostro fianco come birra ufficiale della squadra”.

Bari, il rifiuto degli scivoli in via Putignani


di LUIGI LAGUARAGNELLA - Solito scivolo occupato. Solita situazione scomoda per le persone disabili che non possono passare da quello scivolo che spetta prima di tutto al loro passaggio. Ma non alle ruote dei cassonetti della spazzatura (come nelle foto).

Tutta l'area del marciapiedi è occupata da immondizia e cartoni. Solita situazione: non è la prima volta che si assiste ad immagini del genere e che occorre accompagnare l'amica per strada alla ricerca dello scivolo libero più vicino. Nella zona non sono poche le aree per il passaggio dei disabili occupate da auto, immondizia, contenitori dei rifiuti: basta farsi un giro lungo il quadrilatero tra via Calefati, via Putignani e le strade vicine.

Le foto sono di lunedì sera in via Putignani ad angolo via S. Visconti, ma anche stamattina ad occupare lo scivolo ci sono i cassonetti...

La Manna di San Nicola

di VITTORIO POLITO - San Nicola, patrono di Bari, rappresenta un punto di riferimento non solo per i baresi e gli italiani, ma anche per molti Paesi stranieri, soprattutto per la Russia, mentre alla Manna spetta il primo posto tra le devozioni nicolaiane.

La presenza a Bari delle reliquie di San Nicola, e quindi del miracoloso “sacro licor” (manna o myron nel mondo greco o miro per i russi), ha influito non solo sulla storia della città, ma ha alimentato notevolmente l’interesse, la devozione ed il pellegrinaggio verso la Tomba del Santo, sia da parte dei baresi e degli italiani, sia da parte del mondo ortodosso e soprattutto del popolo russo, che riconosce in Nicola “il Santo”.

San Nicola, come tutti sanno, è protettore del mare, dei bambini, degli operatori commerciali, e quindi della Camera di Commercio. In sostanza, il Santo di Mira (anzi di Bari) rappresenta per la nostra città, e non solo, un punto di riferimento per l’incontro tra i popoli, per gli scambi culturali, commerciali e per l’ecumenismo. San Nicola è anche motivo di avvicinamento della Chiesa cattolica a quelle Ortodosse, come testimoniato il 7 luglio 2018 dallo storico incontro di Bari tra Papa Francesco, accolto da una popolazione in festa, ed i rappresentanti delle Chiese orientali, salutati uno per uno e ringraziati per aver accettato il suo invito. Al termine del saluto ai patriarchi, è entrato in chiesa ed ha salutato uno per uno i padri della comunità domenicana che custodisce le reliquie del santo taumaturgo di Mira, retta oggi da padre Giovanni Distante o.p.

La rivista “Nicolaus – Studi storici”, diretta da padre Gerardo Cioffari o.p., realizzata da Levante Editori per il Centro Studi Nicolaiani, riporta nel n. 28, 2004, un interessante capitolo dello stesso padre Cioffari, storico della Basilica, nel quale tratta della devozione per la “La Manna di S. Nicola”, attraverso testimonianze storiche, riferendo nelle sue note alcune curiosità. San Nicola, ad esempio, non è l’unico Santo a cui è connessa la devozione della manna (il liquido variamente designato, è in realtà “un’acqua quasi pura”). Prima di lui fu celebre San Menas, un soldato romano di stanza in Palestina e in Siria, che rimase folgorato dall’insegnamento di Gesù e si convertì al cristianesimo; ma con l’avanzare della devozione nicolaiana, cedette il passo a San Nicola considerato il “Santo per eccellenza”. Le testimonianze in tal senso non si contano e vengono da molto lontano e certamente l’attrattiva della sua figura, come sostiene padre Cioffari, è legata proprio a questo fenomeno.

Cioffari sostiene anche che il termine “manna”, da tempo in uso nella chiesa occidentale e specificatamente riferito a San Nicola, è alquanto fuorviante. Il pensiero va, infatti, a quel cibo leggero piovuto dal cielo per salvare dalla fame gli Israeliti che in fuga dall’Egitto erano diretti alla Terra promessa. Il domenicano colto parla anche della manna nel mondo greco, come fattore trainante per i pellegrinaggi, dell’antica liturgia ed anche di alcuni componimenti poetici sull’argomento.

Non va dimenticato che la manna, spesso, rappresenta l’ultima ancora a cui i malati ricorrono dopo l’esaurimento dei metodi della medicina scientifica, «prescindendo dal problema se si tratti di miracolo o meno, quest’acqua ha le caratteristiche della reliquia. Il fedele nel berla o nell’ungere la parte malata del corpo, crea una vicinanza del proprio corpo a quello di San Nicola. A questo punto tutto passa in secondo piano, scienza, arte, letteratura, per fare spazio alla fede; non la fede cristiana in quanto tale, che non viene messa in discussione dal credere o meno ai miracoli connessi alle reliquie, ma la fede come fiducia nell’aiuto del Santo». E i miracoli sono una risposta alla richiesta di aiuto.

Va precisato, infine, che l’acqua che viene distribuita in boccettine nella Sala delle Offerte non è totalmente l’acqua che si è formata nella tomba del Santo durante l’anno. Infatti, normalmente si raccoglie una quantità media di qualche decilitro, e quindi su migliaia di devoti se ne potrebbero accontentare ben pochi. Quella che viene distribuita proviene da grandi boccioni di acqua benedetta, in cui è stata versata la “manna” raccolta il 9 maggio di ogni anno.

Il padre domenicano Pio Scognamiglio, nel 1925, fece analizzare la Manna dal prof. Riccardo Ciusa, direttore pro tempore del Laboratorio di Chimica Generale dell’Università di Bari, consegnando due campioni, del 1810 e del 1925, dai quali risultò che la composizione era pressoché simile, come si può rilevare dal sottostante certificato.

Il Villaggio di San Nicola in Fiera apre al grande pubblico dal 7 dicembre

BARI - Sarà Lorenzo Branchetti, volto amato dalle bambine e dai bambini per le sue performance televisive ed ora protagonista di Natale con Yoyo su Rai Yoyo, ad inaugurare la prima edizione de “Il villaggio di San Nicola”, che da quest’anno sorgerà nella Fiera del Levante di Bari. L’attore si esibirà con il suo spettacolo dalle ore 19.00, ma dal mattino nel villaggio del Santo patrono di Bari e amico di tutte le genti, decine saranno gli eventi, i laboratori e gli spazi di racconto e di discussione che si susseguiranno tutto il giorno.

In programma infatti:

La grande Festa dei Giganti
The Frenchmole Show
Show Cooking per bambini con Cucina Mancina
Le Stelle di Hokuto in concerto
Spettacolo interattivo di danze medievali
Live cooking di cucina africana
Coro Gospel Just a Little Soul Chorus
Spettacolo interattivo di danze russe
Concerto natalizio a cappella con “Gaudeus”
Gli sbandieratori di San Nicola
Danze indiane
Mostra fotografica Am’ a sci’ a la Caravélle
Mostra fotografica Bari e San Nicola
Mostra fotografica Sguardi su San Nicola
Film “Nicola lì dove sorge il sole”
Cartone animato “Nicolhouse”
Tombolata coi popoli
Live cooking di cucina russa
"Un vuoto nella pancia", presentazione del libro di Francesca Sivo
"Punzogino il clown e Polento", presentazione del libro di Elena Leone
Danze del Mondo

A intrattenere i piccoli visitatori de “Il villaggio di San Nicola” saranno anche i laboratori organizzati dalle associazioni di volontariato che lavorano sul territorio per favorire l’integrazione tra popoli e la conoscenza delle diverse culture che arricchiranno la kermesse:
I giochi di una volta
Io ti aiuto, corso di disostruzione pediatrica
San Nicola di tutti
Insieme nella cucina del mondo
Costruiamo l’angelo della pace
Balliamo le danze medievali
Baby Show Cooking
I costumi per San Nicola
Facciamo il pane di San Nicola
Mamme del Mondo a colori
Giocando con l’alfabeto russo
Tomboliamo
I volti di San Nicola trucchi e acconciature storiche
“You know my name”, laboratorio audiovisivo
Voce e armonia, laboratorio corale
Il mondo di San Nicola
Artigianato natalizio e di tradizione
Diversi ma uguali
Impara i mandala
Care for People e i simulatori di guida mobili
Come si fanno le trecce africane?
Le mamme del Libertà colorano il Natale
Gnomi e lanterne del bosco di San Nicola
Dance in Christmas
Ri-creiamo il Natale
Il giro della colonna della Pace
Spazio selfie con San Nicola
Truccabimbi

Il countdown è partito: mancano quattro giorni all’apertura delle porte de “Il villaggio di San Nicola”. Un evento dedicato a grandi e piccini nel nome del Santo Patrono della città di Bari.

Candidato sindaco di Bari '19: centrodestra verso le primarie senza Forza Italia

di NICOLA ZUCCARO - Sarà ufficializzato nella mattinata di martedì 4 dicembre 2018, nel corso di una conferenza stampa convocata dai vertici provinciali di Bari e di Foggia, dai coordinatori regionali di Fratelli d'Italia, della Lega di Salvini e di Direzione Italia, il ricorso alle primarie che individueranno il candidato sindaco della coalizione di centrodestra che scenderà in campo nella competizione elettorale della primavera del 2019, per il rinnovo delle amministrazioni comunali delle 2 città precedentemente menzionate. E' quanto anticipato al Giornale di Puglia da Filippo Melchiorre. L'attuale Consigliere comunale di Fratelli d'Italia è in lizza per contendersi la prestigiosa candidatura con Fabio Romito (Lega) e con Davide Bellomo (Noi per l'Italia).

In attesa di conoscere la posizione di Forza Italia, storicamente legata e/o vincolata alla candidatura calata se non imposta dall'alto, il ricorso alle primarie di coalizione potrebbe rappresentare (il condizionale è obbligatorio per ulteriori conferme) un fatto inedito per il centrodestra; esso, infatti, sin dalle sue origini ha optato sin da subito per il tavolo delle trattative, preferendolo alla consultazione pre-elettorale con gli elettori d'area.

Bari, schianto fatale a Poggiofranco: muore portapizze

(ANSA)
BARI - Dramma a Bari, dove un giovane rider di 19 anni è deceduto nell’impatto della sua moto contro una Citroen C3 il cui conducente, risultato negativo all’alcol test, è indagato per omicidio stradale. Il dramma si è consumato venerdì 30 novembre nel capoluogo verso le 22.30 su viale Madre Teresa di Calcutta, nel tratto di strada tra via Camillo Rosalba e viale De Laurentis, nel quartiere Poggiofranco.

Dopo l’impatto le condizioni del 19enne sono apparse subito gravi. Il 19enne è stato soccorso e trasportato d’urgenza al pronto soccorso del Policlinico dove questa mattina, alle quattro circa, è morto.

La Polizia locale ha sequestrato i mezzi coinvolti nell’incidente, eseguito i rilievi e sta ricostruendo la dinamica dell’accaduto.

Bari, "Scene di degrado sugli autobus Amtab"


BARI - Una delle, oramai, ben conosciute “piaghe di Bari” è l’inefficienza di Amtab S.p.a, che ,ogni giorno, dovrebbe adoperarsi al fine di garantire un servizio doverosamente funzionale. Purtroppo questo non sempre accade sebbene non sia impossibile un servizio che adempia alle semplici e quotidiane richieste dei suoi utenti, nonché “finanziatori”, nonché cittadini di Bari. Così in una nota Sos Città.

Le situazioni di degrado che pervadono molti degli autobus in giro per la città sono numerose: esempio lampante è l’interno della navetta B del Park&Ride che collega il parcheggio di Pane e Pomodoro con piazza Massari. (Matricola mezzo n. 7003). Sedili usurati, condizioni igienico-sanitarie visibilmente discutibili e malcontento generale dei cittadini.

A questo proposito i membri dell’associazione Sos città affermano “Supportiamo un servizio innovativo qual è il Park&Ride, ma, come al solito, si costruisce e ci si dimentica di manutenere. La presenza di navette usurate e sporche genera uno scontento da parte dei cittadini che è ben giustificabile” - e incalzano ironicamente - “Ci troviamo in un Park&Ride o in un Porc&Rub, dati anche i numerosi furti che si verificano nei vari parcheggi?”

L’azienda in questione (Amtab S.p.a.) riceve annualmente finanziamenti pubblici cosicché possa garantire il trasporto pubblico. Detti soldi sono necessari al fine di gestire la mobilità dei cittadini, ma vi dovrebbe essere un uso e una gestione più intelligente del danaro pubblico: acquistare nuovi autobus per azzittire il malcontento generale e mostrare che “qualcosa si è fatto” non basta.

Garantire la pulizia, il tempismo, il decoro, percorsi comodi, ma sopratutto la presenza del servizio in sé non è fantascienza, ma sono realtà presenti in numerose città europee e italiane. Non è sufficiente acquistare nuovi autobus, dato che, come sempre, il problema riguarda la mancata manutenzione.

3 dicembre 1943: il 'Della Vittoria' perforato risvegliò Bari

di NICOLA ZUCCARO - Bari, 3 dicembre 1943. All'indomani dell'incursione aerea della Luftwaffe sul capoluogo pugliese, mentre le navi colpite bruciavano lungo le banchine del porto, iniziò la conta dei danni non solo presso lo scalo portuale ma anche sul resto della città. Le autorità competenti, impegnate nell'estrarre i corpi senza vita e i feriti rimasti sotto le macerie dei numerosi edifici nella vicina Bari vecchia, nei Quartieri Murat e Libertà, rilevarono, nel contempo, la distruzione di alcune infrastrutture in uso alle forze armate anglo-americane.

Fra queste lo Stadio della Vittoria, che subì il 'perforamento' della pensilina sovrastante la Tribuna coperta e del terreno di gioco per la caduta di 2 bombe. L'impianto sportivo costruito quale monumento per onorare i Caduti della Prima Guerra Mondiale si apprestava così, e amaramente, a festeggiare il 16 dicembre (data di apertura al pubblico con la gara Bari-Comense 3-1, nel e del 1934) i suoi primi 9 anni di vita.

Ai danni subìtì dallo Stadio della Vittoria sarebbe opportuno attribuire la stessa visibilità, alla pari delle altre deflagrazioni che caratterizzarono il bombardamento aereo su Bari e ancora ritenuto, a 75 anni di distanza dal relativo compimento, uno dei più gravi episodi di Guerra chimica perpetrati durante il Secondo conflitto mondiale.

Voli: arriva il Bari-Madrid di Iberia Express

(Pixabay)
BARI – Aeroporti di Puglia comunica che, dal 1° luglio 2019, la compagnia spagnola Iberia Express avvierà un proprio collegamento tra Bari e Madrid. Il volo, attivo sino al prossimo 13 settembre, sarà operato ogni lunedì e venerdì.

Il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti, commentando l’annuncio della nuova rotta, sottolinea che “questo volo arricchisce il network di destinazioni internazionali collegate alla Puglia, nel quadro di una strategia, che, da un lato, punta a incrementare le connessioni offerte e, dall’altro, mira a far crescere, per numero e qualità, le compagnie attive negli aeroporti della nostra Società: con Iberia Express, infatti, si rafforza la presenza del gruppo IAG holding, già operante su Bari e Brindisi con British Airways e Vueling. Un’offerta così articolata – prosegue Tiziano Onesti – permette di sviluppare il mercato e di intercettare diversi segmenti di traffico; inoltre, l’avvio di questo volo favorisce una migliore accessibilità ai maggiori snodi intercontinentali europei.

La capitale spagnola, infatti, oltre a essere l’hub della compagnia iberica, è uno dei principali punti di collegamento in prosecuzione con il Centro e Sud America, mercato sul quale il vettore Iberia è uno dei più importanti player. Peraltro, la scelta di operare i voli verso Madrid ogni lunedì e venerdì può rappresentare un’interessante opportunità per attrarre quanti – anche dalla Spagna – vorranno trascorrere un soggiorno all’insegna dell’arte e della cultura, nonché di una eccellente offerta enogastronomica”.

Per Thomas Weimann, Head of network, Scheduling & slots di Iberia Express, “questa nuova rotta dimostra l’attenzione di Iberia express al mercato italiano ed è un atto di fiducia nei confronti della Puglia. Ci auguriamo che sempre più turisti spagnoli possano godere delle attrazioni che Bari e questa parte della costa italiana hanno da offrire. In aggiunta, questo nuovo servizio fornirà più possibilità per i pugliesi che vogliono volare a Madrid, ma anche di collegarsi con più di 130 destinazioni che il gruppo Iberia offre attraverso questo hub.

Bari, in fase di installazione le telecamere e gli altoparlanti in via Sparano

BARI - L’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso rende noto che sono cominciate oggi le operazioni di montaggio di 20 delle 45 telecamere previste nel progetto di riqualificazione di via Sparano. Le restanti 25 saranno montate in corrispondenza degli incroci per cui si attende la fornitura dei pali previsti, oggetto di una gara già in corso. Tutte le telecamere saranno da subito collegate con la sala operativa della Polizia locale.

Contemporaneamente stanno procedendo le operazione di installazione di circa 20 altoparlanti che saranno in funzione entro la prossima settimana.

In questi giorni si stanno ultimando inoltre le lavorazioni sulla pavimentazione della zona di piazza Umberto, dove a breve sarà rimossa l’intera recinzione. Per l’avvio delle festività saranno piantumati anche gli arbusti e le essenze nelle aiuole che sono state tutte ultimate.

P.a.: al via a Bari Master Tecnopolis

BARI - La mancanza di consapevolezza del valore del digitale ha portato la Pubblica Amministrazione, negli anni, a sottovalutare l’importanza di dotarsi di competenze tecnologiche, manageriali e di informatica giuridica necessarie. Non a caso sin dal 2016 è stata approvata la legge (seguono riferimenti normativi) per avviare il processo di transizione al digitale della PA partendo dalla “crescita della conoscenza” del personale, con la necessità di istituire all’interno degli uffici pubblici, obbligatoriamente dal 1 gennaio 2019, nuove figure tra le quali il Responsabile della transizione al digitale, che deve essere dotato delle adeguate competenze tecnologiche, di informatica giuridica e manageriali.

Tale sentiero di progresso può essere reso praticabile solo a condizione che i lavoratori siano adeguatamente competenti nella conoscenza delle norme di legge e nell’utilizzo delle tecnologie e degli strumenti oggi disponibili e in fase di implementazione, oltreché pronti al continuo aggiornamento delle proprie capacità. Tecnopolis, società dell’Università di Bari, con la collaborazione di CSIPA S.r.l. (Centro Servizi per la Pubblica Amministrazione) e con il patrocinio di AGID – Agenzia per l’Italia Digitale e ANCI Puglia organizza lo Short Master SpID (Supporto per l’Innovazione Digitale) per l’anno 2019/2020.

Il Master, che sarà presentato martedì 4 dicembre a Tecnopolis alla presenza di 20 Comuni che hanno già aderito all’iniziativa e il Sindaco Antonio Decaro, é un percorso di formazione giuridica e tecnica per i diversi livelli di dipendenti pubblici teso ad accrescere le conoscenze e l’abilità digitale richiesta al dipendente pubblico, completato da azioni di supporto tecnico nella corretta applicazione del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) ed accompagnamento nella transizione al digitale. La proposta nasce dalla stretta collaborazione tra Tecnopolis e CSIPA, una delle aziende nate nello stesso Parco tecnologico, costituita da esperti di collaudato valore, integrati da docenti della Università di Bari. Viene offerta ad ogni Amministrazione un’occasione formativa seguita da una proposta di sviluppo personalizzata che la accompagna in tutto il percorso di personalizzazione e adozione della innovazione digitale. Lo Short Master SpID, rivolto al personale dipendente della pubblica Amministrazione, inizia nel mese di gennaio 2019 e termina a dicembre 2020.

L’attività didattica è svolta presso la sede di TECNOPOLIS PST – S.p. per Casamassima Km. 3 – Valenzano (Ba) e si compone di n. 18 moduli formativi (9 lezioni per ogni anno con cadenza mensile - esclusi i mesi di Luglio/Agosto/Dicembre) nei quali sono divulgati gli aspetti giuridici in materia di digitalizzazione e dematerializzazione della pubblica amministrazione, privacy, appalti e contratti digitali, trasparenza, anticorruzione, antiriciclaggio. L’attività didattica è svolta da docenti appartenenti a CSIPA, Università di Bari e Tecnopolis. 7 le aree di contenuto su cui si articolerà : generale, organizzazione interna, economico finanziaria, appalti e contratti, trasparenza, sicurezza informatica e protezione dei dati. All’attività didattica, si affiancano diverse attività tecniche e di supporto con le quali, l’operatività necessaria per attuare la transizione al digitale. Le attività sono svolte da CSIPA S.r.l. presso la sede dell’Ente e determinate in funzione della dimensione dell’Ente.

Bari, festività natalizie: aperture straordinarie mercati settimanali

BARI - L’assessorato allo Sviluppo economico rende noto che, con apposita ordinanza, sono state disposte le aperture straordinarie nel periodo delle festività natalizie del mercato giornaliero coperto di Santa Scolastica e dei mercati settimanali di merci varie.

Questo il calendario: · mercato giornaliero coperto Santa Scolastica: il 7 dicembre fino alle ore 20; il 16 dicembre fino alle ore 14.30; il 30 dicembre fino alle ore 14.30 · mercato settimanale del venerdì in via De Ribera (quartiere San Paolo): il 9 dicembre fino alle ore 14; il 23 dicembre fino alle ore 14 · mercato settimanale del giovedì in via Salvemini il 16 dicembre fino alle ore 20 · mercato settimanale del martedì in via Vaccarella (Carbonara): il 23 dicembre fino alle ore 20; il 30 dicembre fino alle ore 14. Con la stessa ordinanza è stata data facoltà a tutti gli operatori dei mercati rionali giornalieri, compreso quello di Santa Scolastica, di poter esercitare la vendita nell’arco della giornata, con il seguente orario: · domenica 23 dicembre apertura alle ore 7 e chiusura alle ore 24 · lunedì 24 dicembre apertura alle ore 7 e chiusura alle ore 17 · lunedì 31 dicembre apertura alle ore 7 e chiusura alle ore 17.

“Con l’approssimarsi delle festività natalizie - commenta l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone - abbiamo concordato con gli operatori mercatali un calendario di aperture straordinarie che consentano ai baresi di fare acquisti in tutta la città potendo contare su un vasto assortimento di prodotti a prezzi accessibili. Confermata anche l’apertura dei mercati giornalieri nelle giornate del 23, 24 e 31 dicembre, appuntamenti obbligati per la spesa dei giorni più belli dell’anno”.

Bari, nasce il Giardino 'Giacomo Princigalli'


BARI - Si è tenuta questa mattina, alla presenza dei familiari, del sindaco Antonio Decaro e dell’assessore alla Toponomastica, Angelo Tomasicchio, la cerimonia di intitolazione del giardino ubicato su via Ignazio Lojacono, nei pressi dello Showille, a Giacomo Princigalli, membro della Costituente regionale ed esponente politico della città di Bari.

L’area verde, ubicata nel territorio del II Municipio, gli è stata dedicata a seguito di una petizione promossa da un movimento d’opinione tra intellettuali, esponenti politici e cittadini comuni, che l’amministrazione comunale ha accolto per non dimenticare il suo impegno in favore del bene comune e per la tutela della cosa pubblica.

“Siamo qui, oggi, insieme ai familiari e agli amici di Giacomo - ha detto il sindaco Antonio Decaro - per intitolargli uno spazio pubblico della città, come proposto all’indomani della sua scomparsa da Peppino Caldarola, amico di una vita e storico militante della sinistra barese, Peppino ha scritto allora che la memoria delle persone è fondamentale per scrivere una storia comune. Se c’è una cosa che ho imparato facendo il sindaco, è proprio l’importanza che il ricordo ha nella memoria comune e nel processo di costruzione di un’identità condivisa. Da quando sono sindaco, ho compreso quanto le donne, gli uomini, gli avvenimenti che hanno contribuito a scrivere la storia della nostra città non siano perduti nell'oblio del passato ma restino vivi nella città del presente: nei gesti, nelle parole, nei luoghi che ogni giorno ascoltiamo e attraversiamo".

"Giacomo è stato un uomo che non ha mai rinunciato a dire la sua, anche quando questo ha significato andare controcorrente, risultare scomodo o irriverente; lo ha fatto perché nella sua vita non ha mai smesso di spronare la comunità a cui sentiva di appartenere  a crescere e a diventare migliore. Anche lo spazio verde che oggi gli intitoliamo può e deve migliorarsi attraverso la cura di chi ama questa città, proprio come la amava lui. Affidiamo al suo ricordo un luogo da tutelare dagli attacchi di chi disprezza il bene pubblico pensando che le cose di tutti non appartengano a nessuno e per questo possano essere rovinate o distrutte. Al contrario noi vogliamo  assumere l'impegno di Giacomo per il bene comune e la tutela  della cosa pubblica  come paradigma del vivere comune, facendo tesoro del suo insegnamento. Il  nostro augurio è che i baresi, quelli giovani e meno giovani, possano,  attraverso questo  luogo, ricordare la sua vita, la sua passione civile e il suo impegno per la città di  Bari e farlo proprio, senza arrendersi mai a vederla uguale a se stessa, ripiegata sui suoi vizi e le sue virtù”.

Sanità e welfare, Cgil Cisl e Uil: "Emiliano ascolti le nostre proposte e dia risposte concrete"

BARI - È partita stamattina da Bari la mobilitazione di Cgil Cisl Uil Puglia per denunciare le gravi condizioni dei servizi socio-sanitari in Puglia e per ristabilire che il diritto alla salute ed alle cure sia assicurato in modo uniforme in tutto il Paese e nella nostra regione.

“Servono più risorse per sanità e welfare per garantire l’universalità delle prestazioni e la centralità del servizio pubblico – spiegano i Segretari generali di Cgil Cisl Uil regionali, Pino Gesmundo, Daniela Fumarola, Franco Busto – registriamo crescenti criticità che pregiudicano il diritto alle cure all’accesso alle prestazioni sociali: dalle liste di attesa alla medicina territoriale, dal servizio di 118 ai punti di primo intervento, assistiamo ad un progressivo collasso dei servizi e una crescente insoddisfazione dei cittadini in molti casi costretti a ricorrere al privato con costi insostenibili o ad alimentare la mobilità passiva verso altre regioni”.

Sul Welfare le cose non vanno meglio. “Dopo l’approvazione del Piano regionale e delle politiche sociali in Puglia sono pochissimi gli ambiti che hanno avvito tavoli di confronto con i sindacati per la definizione dei Piani sociali di zona registrando un arretramento sull’equità dell’accesso alle prestazioni che ricade sulle fasce più fragili della popolazione. Dal Governatore Emiliano – incalzano i Segretari di Cgil Cisl Uil – ci aspettavamo già dalla riunione di sabato mattina a Bari, forme di collaborazione previste dall’accordo che lo stesso Emiliano aveva siglato il 12 dicembre del 2016 (due anni fa) con le segreterie dei sindacati confederali regionali sui temi della sanità. Il risultato è stato che ci siamo rivisti dopo due anni per sentirci dire che va tutto bene”.

L’attivo unitario di stamane avvia la mobilitazione in tutte le province con volantinaggi e presidi per informare i cittadini. Il 12 dicembre Cgil Cisl Uil Puglia terranno una prima manifestazione sotto la sede della Giunta regionale a Bari a partire dalle 9:30. “Il Presidente Emiliano – osservano infine Gesmundo e Busto a nome di Cgil e Uil – farebbe bene ad ascoltare le proposte dei sindacati piuttosto che esacerbare gli animi dedicandosi alle critiche sui social alla Segretaria della Cisl, Daniela Fumarola, alla quale va tutta la nostra solidarietà“.

La mobilitazione regionale sarà la prima, in Italia, nell’ambito della Piattaforma nazionale presentata da Cgil Cisl Uil per la riforma del sistema sanitario a 40 anni dalla approvazione della Legge 833.

Stadio San Nicola: la giunta approva due delibere per la manutenzione dell'impianto sportivo

BARI - Su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, la scorsa settimana la giunta ha approvato due delibere relative alla manutenzione dell’impianto sportivo dello stadio San Nicola. Si tratta di due provvedimenti che riguardano gli interventi sugli impianti e le attività di tipo edile di competenza comunale.

La prima delibera interessa l’approvazione del progetto esecutivo per un accordo quadro biennale per lavori di manutenzione non programmata e di pronto intervento sugli impianti tecnologici, idrici, elettrici, di illuminazione, di irrigazione, di climatizzazione e riscaldamento, antincendio e a gas metano, sulle centrali termiche, sulle cabine di trasformazione di media e bassa tensione, con i relativi quadri di comando, e sui gruppi di pressurazione dello stadio comunale. Questo tipo di manutenzione potrà quindi essere effettuato a chiamata e in base alle necessità che man mano dovessero presentarsi. L’importo complessivo dell’accordo quadro ammonta a 633mila euro.

La seconda delibera è lo studio di fattibilità per un accordo quadro di durata biennale riferito alle lavorazioni di tipo edile. Riguarda, cioè, il rifacimento e la ristrutturazione di pavimentazioni, strutture in cemento armato e tutto ciò che concerne gli aspetti strutturali dell’impianto sportivo. L’importo complessivo ammonta a 1 milione e 970mila euro.

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Brasile2014 Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Estate Esteri Eventi Expo 2015 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia