Visualizzazione post con etichetta Bari. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Bari. Mostra tutti i post

Delitti di mafia a Bari: maxi-operazione della Squadra mobile


BARI - Operazione degli Agenti della Squadra Mobile di Bari, che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di nove persone ritenute responsabili, a vario titolo, di traffico, detenzione e spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di arma da fuoco e ricettazione.

Le indagini, coordinate dalla Procura di Bari, sono collegate a quelle su omicidi avvenuti nel quartiere Japigia di Bari nei primi mesi del 2017. Le ordinanze di custodia cautelare riguardano persone che gravitavano nell'area delle organizzazioni criminali di Japigia.

Il primo delitto fu quello di Francesco Barbieri avvenuto a gennaio del 2017, e a seguire quello di Giuseppe Gelao, in cui rimase ferito anche Antonio Palermiti, a marzo del 2017, e quello di Nicola De Santis avvenuto nell'aprile del 2017.

A scuola in limousine, monta la protesta sul web


BARI - Un giorno da star, ma solo per un bimbo e i suoi amichetti, e monta la protesta sul web: "Cara Preside, oggi una limousine lunga 5 metri attendeva una bimba di 8 anni e solo alcuni dei suoi compagni di classe all'uscita dalla 'sua' scuola pubblica, accanto al pulmino pubblico pagato dal Comune. Stasera toccherà a noi famiglie circostanziare il significato di quella bravata, riportando i nostri figli alla realtà. Tanto già lottiamo con il mito dei calciatori e dei ballerini di Amici, adesso dobbiamo solo aggiungere il mito della limousine per il compleanno di 8 anni". A scriverlo è una mamma che in un post Facebook si rivolge alla preside della scuola, alle porte di Bari, frequentata dai suoi figli. Tra i commenti c'è chi scrive di essere dispiaciuto "per la bimba vittima innocente di un cattivo insegnamento"; ma anche chi si domanda: "Se un genitore può permettersi di regalare un giorno così al suo bambino deve essere messo alla gogna?".

Bullismo, Emiliano al Salvemini: "Impegno della Regione a tutela dei giovani contro le insidie del web"

BARI - Nell’ambito della giornata internazionale contro il bullismo e il cyber bullismo “Safer Internet Day”, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha rinnovato oggi e per il sesto anno consecutivo, nel Liceo “Salvemini” di Bari, la convenzione tra Regione Puglia, Azienda ospedaliera universitaria Policlinico Consorziale e Ufficio scolastico regionale.

La Regione Puglia, insieme con il suo presidente Michele Emiliano, conferma il suo pieno impegno nella lotta alle violenze giovanili sia online che offline, proprio in considerazione della drammaticità del fenomeno della violenza e della prevaricazione, confermato dai dati statistici nazionali e internazionali.

Emiliano ha detto che “la firma di questa intesa tra Regione Puglia, USR e Policlinico per proteggere i nostri ragazzi dalle insidie del web costituisce per un verso un atto di difesa, ma è anche un atto di attacco così possiamo trasmettere o scambiare delle esperienze per gestire la presenza sul web: perché oggi si comincia a stare sul web a tre-quattro anni e si continua per tutta la vita salvo che non venga fuori un’altra tecnologia che superi internet. Bisogna attrezzarli, un po’ come facevamo una volta contro il rischio di essere adescati, solo che oggi questo rischio si corre con uno smartphone. Bisogna insomma metterli in condizione di capire in che tipo di giungla sono entrati. Ma internet non è solo una giungla: è anche una cosa straordinariamente bella che trasmette sensazioni, consente creatività e quindi bisogna anche difendere questo luogo, un po' come abbiamo difeso le nostre città. Non farli uscire di casa o non consentirgli l'accesso a internet non serve. La difesa non è un taglio delle opportunità: noi dobbiamo attraverso questi strumenti mettere in condizione i nostri ragazzi e anche i loro insegnanti e le loro famiglie di capire cosa accade e di gestire al meglio le situazioni. Una sinergia istituzionale che attraverso le molteplici attività del programma #Teen Explorer, ideato dal servizio di psicologia Giada del Policlinico – Giovanni XXIII di Bari, intende fornire supporto per la realizzazione di interventi per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di bullismo, cyber bullismo, adescamento online violenze di rete.

Con Emiliano hanno partecipato la direttrice dell’Ufficio scolastico regionale Anna Cammalleri, il direttore generale del Policlinico/Giovanni XXIII, Giovanni Migliore e la dirigente regionale Francesca Zampano.

#TEEN EXPLORER è il programma di prevenzione dei pericoli per la salute dei bambini e degli adolescenti associati al bullismo, cyberbullismo e adescamento online, ideato dal Servizio di Psicologia-GIADA dell’Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari dell’A.O.U. Policlinico- Giovanni XXIII di Bari, e realizzato in partnership con le ASL regionali.

Bari '19: Pani e Lattanzio incontrano la cittadinanza sabato 9 febbraio


BARI - Per gli esponenti e gli attivisti del Movimento 5 Stelle continuano gli incontri con la cittadinanza nei quartieri di Bari, il prossimo appuntamento è fissato per sabato 9 febbraio dalle ore 10:00 al quartiere San Paolo di Bari in strada Capo Scardicchio (strada che porta verso l'Ospedale del San Paolo) con un gazebo per incontrare ed ascoltare la cittadinanza.

Durante l'incontro si discuterà della tanto attesa rotatoria annunciata dal 2005, prevista nei Piani Triennali, ma mai realizzata dalle amministrazioni comunali!

Parteciperanno all'evento Elisabetta Pani, Candidata sindaca M5S - Bari 2019  e il portavoce parlamentare Paolo Lattanzio (Camera dei Deputati). Saranno presenti anche i portavoce Comunali e Municipali del M5S Bari.

Bari, al via le operazioni di installazione di altre 23 panchine sul lungomare di San Cataldo


BARI - Il presidente del Municipio III Massimiliano Spizzico rende noto che sono cominciate nella mattinata di giovedì 7 febbraio 2019, le operazioni per l’installazione di 23 nuove panchine sul lungomare Paolo Pinto, a San Cataldo. Le sedute sono analoghe a quelle collocate circa due anni fa sul lungomare Starita, nel tratto compreso tra il ristorante Antica Santa Lucia e il Cus Bari.

“Due anni fa, quando abbiamo montato le prime panchine sul lungomare di San Cataldo, avevamo promesso ai residenti che avremmo dato seguito al percorso di sedute e così è stato - ha commentato Massimiliano Spizzico -. In questo modo il litorale di quella parte di città sarà ancora più accogliente, anche perché, proprio di fronte all’ingresso monumentale della Fiera del Levante, mesi fa abbiamo installato anche i nuovi lampioni. Si tratta di un’area strategica per l’amministrazione comunale e il Municipio, su cui stiamo investendo molto attraverso i progetti di riqualificazione di tutto il lungomare”.

Il costo degli interventi, finanziati con fondi del Municipio III, ammonta a 9mila euro.

Bari, aggiudicata la gara per la realizzazione di 14 playground


BARI - È stata aggiudicata nella giornata di mercoledì 6 febbraio 2019 - in via definitiva la gara, finanziata con 2 milioni di euro da un bando per il Credito sportivo del 2017, per la realizzazione di 14 tra playground e aree sportive attrezzate diffuse su tutto il territorio cittadino.

Il progetto, che riguarda aree pubbliche con destinazione a verde nonché aree di proprietà comunale di pertinenza di scuole, prevede anche la fornitura degli arredi e degli attrezzi a servizio delle diverse discipline e attività sportive nei vari playground.

Le aree individuate sono luoghi in quartieri centrali e periferici, nuove lottizzazioni in corso di completamento, aree esistenti in disuso o aree a verde da completare, già provviste di campi da gioco, nonché aree libere da attrezzare, per le quali sono previsti interventi di ripristino e di rifacimento, come pure interventi ex novo.

Tutte le opere saranno caratterizzate dalla qualità tecnico funzionale e di relazione, dalla conformità alle norme ambientali, urbanistiche e di tutela dei beni culturali e paesaggistici, dal rispetto dei vincoli esistenti (idro‐geologici, sismici, forestali), dalla compatibilità con le strutture preesistenti, dall’accessibilità e adattabilità, secondo quanto previsto dalle normative vigenti, e dalla manutenibilità.

“L’obiettivo di questo intervento - ha commentato l’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli nel corso della conferenza stampa di questa mattina - è non solo quello di dotare i quartieri, soprattutto quelli periferici, di nuovi impianti e attrezzature per incrementare l’attività sportiva amatoriale ma anche, e soprattutto, di creare luoghi dedicati al tempo libero che possano accrescere le occasioni di incontro e aggregazione in funzione sociale. La nostra idea è quella di utilizzare e promuovere lo sport come antidoto alla marginalità sociale e alla devianza, oltre che come stile di vita sano. Tra gli interventi che ci stanno più a cuore quello a Sant’Anna, con un playground pubblico che risponderà almeno in parte alla carenza di infrastrutture e servizi - non a caso è uno dei primi interventi, da cronoprogramma - e quello sotto il ponte Adriatico, uno spazio urbano insolito che sarà valorizzato per offrire ai residenti del Libertà, storicamente privo di spazi di aggregazione, un nuovo luogo per praticare sport e stare insieme. I lavori riguardano sia la riqualificazione di spazi abbandonati, come quello di via Minervino a Palese, sia il rifacimento di strutture sportive esistenti ma ormai degradate, come quella del parco Green Mission di Santa Rita o il campetto da calcio di viale delle Regioni al San Paolo, che sarà dotato di manto in erba sintetica. Non mancano, ovviamente, gli interventi sui parchi più frequentati della città, penso a parco 2 Giugno e alla pineta San Francesco, come pure quelli su piazze e giardini, tanto in centro quanto in periferia. Parliamo di interventi definiti in base all’effettivo utilizzo degli spazi esistenti e alle richieste del territorio, diversificati per tipologia e importi: si va dagli oltre 400mila euro previsti per la realizzazione del playground di Sant’Anna ai 3000 euro dell’intervento su parco Giovanni Paolo II al San Paolo. Si tratta del più grande intervento sulle infrastrutture sportive diffuse e gratuite mai realizzato nella nostra città che, sempre più, si sta configurando come una palestra a cielo aperto”.

Durante l’incontro è stata inoltre presentata la soluzione di realtà virtuale, sviluppata da TIM, relativa allo skate park previsto sotto il ponte Adriatico che, con un tablet o utilizzando degli occhiali per realtà virtuale, consentono di visualizzare le evoluzioni del parco acrobatico. L’applicazione è stata realizzata da TIM nell’ambito del Progetto MISE Bari-Matera 5G e completa le esperienze di visualizzazione immersiva della “Bari del Futuro”, che sono state presentate alla Fiera del Levante 2018.

I lavori inizieranno nel mese di marzo per concludersi entro ottobre prossimo. Di seguito l’elenco completo delle aree con l’indicazione degli interventi previsti:

1. Viale delle Regioni - San Paolo

Sarà realizzato un nuovo campo da calcetto in erba sintetica, dotato di impianto di illuminazione con accensione temporizzata e di reti di protezione. Saranno inoltre sistemati il viale di accesso e l’area a verde perimetrale.

2. Parco Giovanni Paolo II - San Paolo

Una struttura con canestro sarà installata all’esterno della pista di pattinaggio, sulla quale saranno eseguite le segnature di un’area da basket per aumentarne la fruibilità.

3. Pineta San Francesco - San Girolamo

L’attuale pista da pattinaggio potrà essere utilizzata anche per l’hockey inline, grazie ad interventi di segnatura delle aree e di modifica della recinzione esistente. Nel corso dei lavori saranno ristrutturate e messe in sicurezza le gradinate e installata una struttura prefabbricata da destinare a deposito attrezzature hockey.

4. Parco 2 Giugno - San Pasquale

Il campo da basket esistente sarà interamente riqualificato con il rifacimento del manto, la sostituzione dei canestri con tabelloni a sbalzo, la realizzazione della rete di protezione alle spalle dei canestri. Sarà inoltre realizzato un nuovo campo da basket, anch’esso dotato di illuminazione con accensione temporizzata.

Gli interventi prevedono inoltre il rifacimento del percorso di accesso ai campi da basket, l’installazione di attrezzature per attività a corpo libero con pavimentazione antitrauma nello spazio adiacente ai campi e il rifacimento del campo da bocce. Quest’ultimo vedrà la sostituzione del manto in erba sintetica e l’installazione di strutture prefabbricate per il deposito delle attrezzature da gioco.

5. Campo calcetto I.C. Japigia - scuola “San Francesco”

Il manto superficiale del campo da calcetto esistente sarà completamente rifatto e dotato di illuminazione con accensione temporizzata. Nel corso dei lavori sarà realizzato un sistema che consentirà l’accesso al campo anche dall’esterno, cosicché l’impianto possa essere utilizzato anche in orari extrascolastici dai ragazzi del quartiere. Infine sul muretto perimetrale saranno installate sedute in legno per il pubblico.

6. Via Mimmo Conenna - Sant’Anna

Sarà realizzato un nuovo campo da basket con canestri a sbalzo, dotato di sistema di illuminazione con accensione temporizzata. Saranno installati anche degli attrezzi ginnici ed elementi di ginnastica calistenica. Saranno sistemati il viale di accesso e l’area a verde perimetrale.

7. Ponte Adriatico (sotto ponte) - Libertà

Al di sotto del ponte sarà realizzato un playground con due aree destinate al basket 3 contro 3 con canestri spalla a spalla, dotate di illuminazione con accensione temporizzata e recinzioni di protezione. Una parte della superficie dell’area sarà trasformata in uno skate park attraverso la posa in opera di cemento senza l’impiego di strutture prefabbricate, a garanzia di configurazioni il più possibile performanti per quanti amano questa disciplina.

(L’elaborazione in realtà virtuale dello skate park sarà disponibile a breve sul sito www.bariinnovazionesociale.it).

8. Largo Monsignor Magrassi - Catino

Questa piccola piazza ospiterà un’area ludica per bambini con un’altalena, due giochi a molla, un dondolo a bilico, una giostra rotante, una struttura giochi di piccole dimensioni con scivoli accessibili a bambini con disabilità e pavimentazione antitrauma. Lo spazio di 2500 mq, dotato di impianto d’illuminazione notturna permanente, sarà arricchito da viali e percorsi pavimentati, panchine e aiuole.

9. Piazza Diaz - Madonnella

In una delle piazze più frequentate dai baresi saranno realizzati uno spazio per il tempo libero e la socializzazione con 2 tavoli in pietra con segnatura per scacchi e dama, una struttura per la pratica del tennistavolo in cemento per uso esterno e nuove panchine. L’intervento sarà completato con un’area fitness dotata di attrezzi per la ginnastica calistenica.

10. Green mission - Santa Rita

Il campo da calcetto in erba sintetica sarà riqualificato e dotato di illuminazione con accensione temporizzata e reti di protezione. Saranno inoltre sistemati il viale di accesso e l’area a verde perimetrale.

11. Giardini Chiara Lubich - Carrassi

Nei giardini adiacenti alla Chiesa Russa sarà realizzato uno spazio per il tempo libero e la socializzazione con un tavolo in pietra con segnatura per scacchi e dama, 2 strutture per la pratica del tennistavolo in cemento per uso esterno e nuove panchine. L’intervento prevede anche l’installazione di una giostra per i più piccoli accessibile anche ai bambini con disabilità.

12. Parco degli Aquiloni - Picone

Nel giardino esistente saranno installate una nuova struttura ginnica per la pratica calistenica e un’altalena doppia accessibile anche ai bambini con disabilità.

13. Via Minervino - Palese

Sarà realizzato un nuovo campo pluridisciplinare da basket e pallavolo con canestri a sbalzo e rete di protezione per il campo, dotato di illuminazione con accensione temporizzata. Il progetto prevede anche la realizzazione dei viali di accesso e la sistemazione a verde dell’area di 6500 mq.

14. strada La Penna - Torre a Mare

Sarà realizzato un nuovo campo da calcetto in erba sintetica.

Bari, in funzione il nuovo impianto di illuminazione pubblica in Strada Torre Tresca

BARI - Dalla serata di mercoledì 6 febbraio 2019 è in funzione il nuovo impianto di pubblica illuminazione realizzato su strada Torre Tresca, nei pressi dello stadio San Nicola.

L’intervento, dell’importo complessivo di circa 300mila euro, ha interessato 1,2 chilometri di strada, compreso un tratto di via Ludwig, con l’installazione di 50 corpi illuminanti con tecnologia a led su pali di 8 metri, il cui funzionamento può essere controllato a distanza.

I lavori hanno anche riguardato l’illuminazione dei due piazzali adibiti a parcheggio vicini: nel più grande è stato installato un palo da 12 metri che monta sei proiettori da 1000 watt ciascuno, mentre in quello più piccolo un palo da 12 metri con quattro proiettori, sempre da 1000 watt.

Nel corso del cantiere si è proceduto inoltre alla predisposizione del sistema di videosorveglianza.

Salute: studio Università di Bari svela i benefici del trattamento dell'ernia del disco con laser Theal therapy


BARI - Secondo gli esperti ben 4 italiani su 5 soffriranno di ernia del disco nel corso della propria vita. Una patologia molto diffusa che può essere combattuta grazie a Theal Therapy l’innovativa tecnologia laser di Mectronic, utile a garantire guarigioni sempre più rapide e risultati efficaci. Il suo funzionamento è stato confermato da uno studio condotto da un team di esperti dell’Università di Bari e pubblicato sull’American Journal of Arthritis.

Le ernie discali rappresentano un’anomalia della colonna vertebrale molto diffusa e con cui addirittura 4 italiani su 5 saranno costretti a convivere nel corso della propria vita. Da Milly Carlucci a Barbara D’Urso, fino ad arrivare a Gianluigi Buffon e Robbie Williams, sono molteplici i personaggi del mondo dello spettacolo ad aver sofferto di tale patologia. Le ernie discali si manifestano soprattutto nella fascia d'età tra i 35 ed i 45 anni, quando il nucleo centrale è ancora ben idratato e gelatinoso. In genere, con i trattamenti tradizionali, si osserva un buon recupero nell’arco di alcuni mesi, periodo durante il quale la porzione del disco erniata tende a ridursi di volume.

Per combattere in maniera più rapida ed efficace l’ernia del disco è stata creata in Italia la Theal Therapy, la terapia laser made in Italy brevettata da Mectronic e scelta da AC Milan e Atalanta BC per la cura dei propri giocatori: la terapia sfrutta diverse lunghezze d’onda che si possono dosare tra loro per ottenere il mix perfetto per una determinata patologia e per un determinato paziente, adattando il trattamento in base a parametri fisiologici come età, dolore, fototipo e tipologia di tessuto, migliorando notevolmente le performance terapeutiche e riducendo i tempi di recupero. L’efficacia di Theal Therapy è stata dimostrata da uno studio condotto dagli esperti della Clinica Ortopedica della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Bari, pubblicato recentemente dall’American Journal of Arthritis, che hanno monitorato 20 pazienti dell’età media di 60 anni affetti da dolori lombari cronici. Seguiti minuziosamente attraverso un trattamento di 5 sedute a settimana, per un totale di 10 sessioni, i pazienti hanno riscontrato una notevole riduzione del dolore ed un miglioramento nel recupero del processo funzionale a soli 10 giorni dalla fine del trattamento e in un lasso di tempo compreso tra i 2 e i 12 mesi. Questi risultati clinici si sono rivelati coerenti con gli effetti biologici attesi per ogni lunghezza d'onda somministrata con Theal Therapy.

Ma in cosa consiste questa diffusa problematica? L’integrità del disco invertebrale viene compromessa in due fasi: “bulging discale” o profusione, ed ernia discale vera e propria. Nel primo caso le fibre dell’anulus discale sono stirate ed allungate con perdita della loro elasticità. Nel secondo, invece, l’anello fibroso si rompe sotto la spinta del nucleo polposo che fuoriesce al di fuori di esso. Tale patologia si configura molto spesso come il risultato di una progressiva graduale degenerazione del disco. Con il passare degli anni si assiste infatti a una progressiva perdita di idratazione dei dischi che quindi riducono la loro elasticità, diventando più esposti a strappi e rotture anche in seguito a traumi o pressioni di minore entità. Spesso un trattamento conservativo permette di affrontare temporaneamente la situazione: evitando i movimenti e le posizioni che inducono dolore, assumendo farmaci antinfiammatori e ricorrendo alle terapie fisiche è infatti possibile ottenere la riduzione o la scomparsa dei sintomi nel 70% dei casi.

“Visito regolarmente pazienti affetti da patologie della colonna come lombosciatalgie, radicolopatie ed ernie discali. Il trattamento conservativo di queste patologie è sempre preferibile ed in quest’ottica Theal Therapy si è rivelato un prezioso alleato di medici e fisioterapisti per ridurre il dolore e per accelerare i tempi di recupero – spiega il dott. Johnny Casagrande, neurochirurgo dell’Ospedale Circolo di Varese – Si tratta di una metodica sicura ed efficace per il trattamento conservativo di tali patologie che agisce direttamente sull’infiammazione, eliminando la componente infiammatoria e quindi il dolore associato. Theal Therapy consente di ridurre e disidratare l’ernia, riducendola di volume e facendo sì che la stessa vada a comprimere meno o non vada più a comprime la radice nervosa. Abbiamo finalmente trovato nella cura conservativa delle patologie discali un grande alleato e i risultati sono stati eccellenti”. A livello di prevenzione, alcuni fattori che possono favorire il rischio di una comparsa di un’ernia del disco e che quindi sono da evitare possono essere il sovrappeso, le prolungate posture scorrette e l’esecuzione di attività che sottopongono a eccessivo stress la colonna lombare, come il sollevamento di pesi che vanno a sovraccaricare la schiena. Anche altre condizioni, come la presenza di diabete e il fumo di sigaretta sembrano aumentare il rischio di sviluppare un’ernia del disco, la cui comparsa si fa più comune con il passare degli anni, anche se in genere è difficile che si manifesti dopo i 60 anni.

Puglia: Sviluppo del Mezzogiorno e Zone economiche speciali


di DONATO FORENZA - Negli ultimi vent'anni si stanno verificando nuovi programmi dell’economia e condivisione delle politiche di sviluppo del territorio. Presso la sede del Circolo Unione, il prof. Avv. Ugo Patroni Griffi, Ordinario di Diritto Commerciale presso l’Università degli Sudi Aldo Moro di Bari, ha tenuto una relazione sul tema. “Le Zone Economiche Speciali”; il docente, dal 2017 è Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mare Adriatico meridionale di cui fanno parte i porti di Bari, Brindisi Manfredonia, Barletta e Monopoli.

Il Presidente del Club Rotary Bari, Giorgio Salvo ha coordinato la serata afferente a “Le zone economiche speciali” che tratta  tematiche strategiche di economia e sviluppo e riveste peculiare rilevanza. Infatti, le ZES costituiscono punti cardinali per lo sviluppo innovativo di vaste aree del  Mezzogiorno e dell’Italia. Bisogna sempre e comunque salvaguardare le specificità, l’identità e le peculiarità culturali dei contesti territoriali;  condividendo le risorse è possibile implementare processi di cambiamento idonei per tradursi in azioni concrete per i cittadini.

Dalla chiara relazione del prof. Patroni Griffi sono state evidenziate le peculiarità delle ZES. Egli ha analizzato mirabilmente  le complesse linee programmatiche afferenti le ZES, enucleando con eficace sintesi la loro valenza. Queste Zone sono ritenute regioni geografiche dotate di normativa economica differente dalla legislazione in atto nella nazione di appartenenza, e sono state costituite secondo linee programmatiche avanzate per ottimizzare risorse, attrarre maggiori investimenti e capitali stranieri. Vengono definite Speciali: in virtù di opportuni incentivi fiscali, in relazione allo strumento legislativo originario. Tra le peculiarità sistemiche delle ZES  erano indicate le specificità di comprendere:  un’area portuale, un interporto, una zona industriale e varie piattaforme logistiche collegate da infrastrutture adeguate per i trasporti.

Nel nostro paese, l’istituzione delle ZES è correlata al Decreto del Sud (2017) che prevedeva opportune  misure per consentire crescita economica nel Mezzogiorno, tra le quali: creazione di nuovi posti di lavoro, incremento di esportazioni, aumento di processi di innovazione per superare il divario economico e sociale tra Sud e Nord Italia. Per la sua valenza poliedrica, tali modelli peculiari di sviluppo economico connesso alla programmazione multiobbiettivo ha riscontato esiti positivi, diffondendosi  anche in alcuni Paesi Arabi. Si ritiene che nel mondo se ne registrino oltre 500. In Europa un esempio di ZES si verificata in Polonia, ove sono circa 24 avviate prima dell’entrate nella U.E. E’ opportuno però che  coloro che vogliono investire nel meridione sappiano di avere un interlocutore innovativo e una burocrazia semplificata.

Le ZES in Puglia sono ormai una viva realtà: infatti i porti, aeroporti e zone industriali sono cointeressati. Inoltre, la Giunta Regionale, ha approvato i piani di sviluppo strategico per la costituzione delle ZES che si suddivideranno in Adriatica e Ionica che si estenderà dalla Provincia di Taranto sino alla Basilicata. La conferenza ha riscontrato vivo consenso dei partecipanti. Riteniamo che il sistema ZES potrà attuare un rilevante sviluppo economico in sinergia con paradigmi innovativi in armonia con i principi della sostenibilità, la solidarietà e la tutela del paesaggio.

Bari, avvio lavori Parco Rossani: sopralluogo di Decaro

BARI - Questa mattina, il sindaco Antonio Decaro, accompagnato dagli assessori all’Urbanistica e ai Lavori pubblici, Carla Tedesco e Giuseppe Galasso, e dal presidente del Municipio II Andrea Dammacco, ha effettuato un sopralluogo alla ex Caserma Rossani per verificare i primi lavori nell’ambito del cantiere per la realizzazione del parco.

A realizzare gli interventi previsti - manutenzione del verde, piantumazione di nuove alberature e realizzazione di strutture sportive dilettantistiche nell'area di circa 30.000 mq compresa tra le vie De Bellis, Petroni e Benedetto Croce – è un raggruppamento temporaneo di impresa capeggiate dall’azienda agricola vivaistica Pichichero che ha già cominciato le demolizioni delle murature interne, ripulito l’intera area di cantiere e predisposto i saggi per testare la profondità della piastra centrale.

“Sono iniziati da qualche giorno i lavori per la realizzazione del parco della Rossani – spiega Decaro – progettato dall’architetto Fuksas e condiviso con i cittadini attraverso un importante percorso di partecipazione che ne ha determinato modifiche e miglioramenti. L’obiettivo che ci siamo dati è quello di realizzare un grande parco di circa 30.000 mq all’interno di area ancora più vasta che arriva a sfiorare gli 80.000 mq. Spazio che sarà interamente riqualificato e su cui esistono già progetti e finanziamenti. Quest’area è chiusa alla città dal 28 marzo 1991, quindi da 28 anni e il dibattito sul suo futuro ha addirittura radici ben più lontane, da circa 40 anni la città si interroga su cosa realizzare all’interno di questi enormi spazi nel cuore di Bari. Intere generazione hanno conosciuto della ex caserma Rossani solo il muro perimetrale dall’esterno, che gli ha impedito non solo di conoscere le aree interne ma anche la sua storia. Ora finalmente non sarà più così, perché ogni spazio diventerà un luogo, a cominciare da questo grande parco urbano che stiamo realizzando. Sarà un parco con tanto verde, attività per bambini, per lo sport, per il benessere e per stare insieme. Accanto a questo ci sarà la public library regionale, per cui i lavori sono pronti a partire negli edifici che costeggiano il futuro parco e l’Accademia delle belle arti che è oggetto di una progettazione in fase avanzata. Ogni singolo metro quadro di questo luogo tornerà a vivere e si farà conoscere dai residenti ma anche da tutta la città. Tra ventotto anni ci saranno baresi che conosceranno una caserma Rossani aperta, verde, con tante persone all’interno e non avranno mai visto questi luoghi chiusi.

Il parco Rossani è uno dei dieci parchi a cui in questi anni abbiamo lavorato, dal finanziamento alla progettazione alle procedure di gara, in questi giorni aggiudichiamo anche la procedura del parco dell’ex gasometro e siamo pronti per presentare alla città il progetto del parco della Rinascita, nella ex Fibronit.

Nello specifico, il progetto del parco, all’interno del quale non sorgerà alcuna nuova costruzione, prevede:

·        sentieri ciclopedonali di attraversamento dell'area;
·        recinzione senza murature e con barriera verde;
·        skate plaza;
·        demolizione delle tribune esistenti;
·        incremento delle alberature con essenze autoctone;
·        installazione di corpi illuminanti a basso consumo;
·        creazione di orti urbani;
·        aree per agility dog;
·        individuazione di percorsi secondari (percorsi natura).

Per quanto riguarda le opere a verde, nel corso dei lavori si procederà a:

·        il rinfoltimento della vegetazione su un'area di 3500 mq negli spazi già verdi;
·        la piantumazione di 192 alberi, di cui 18 esemplari di pino domestico, 10 di casuarina, 16 di bagolaro, 5 di olivo, 6 di mandorlo, 10 di arancio amaro, 26 di leccio, 18 di siliquastro, 8 di mimosa, 9 di eucalipto, 8 di acacia, 10 di carrubo, 10 di alloro ad albero e 10 di melograno;
·        a piantumazione di arbusti, quali alloro, mirto, lentisco, oleandro, ginepro, coronilla, teucrium, melograno nano, cisto, lavanda, salvia, rosmarino, edera rampicante e vite canadese;
·        la posa in opera di manto erboso per 4.388 mq.

Secondo il progetto esecutivo, tutta l’area interessata dai viali pedonali e dalla piastra di calcestruzzo sarà sistemata a verde, in parte valorizzando quanto già presente nel sito, in parte piantumando e rinfoltendo la vegetazione esistente. Il disegno del suolo tiene conto della posizione degli alberi presenti senza abbattere gli alti fusti cresciuti sul terreno abbandonato da tempo. In particolare la soletta di cemento ospiterà alcune attività (campo da basket multi sport, giochi ed aree per bambini), la rampa per gli skate verrà realizzata al posto della buca dell’orchestra, la vegetazione sarà concentrata in porzioni di suolo di forma organica.

Il tempo previsto per l’esecuzione dei lavori è pari a 300 giorni.

A Bari si corre per la prevenzione cardiovascolare con 'Running Heart'


BARI - Il 17 febbraio alle ore 10,00 si correrà per la terza edizione di Running Heart, la corsa del cuore, l’iniziativa organizzata da Massimo Grimaldi, il noto aritmologo pugliese, presidente regionale dell’ANMCO, Associazione dei cardiologi ospedalieri. Obiettivo è implementare, durante la settimana di Cardiologia aperta, la cultura della prevenzione delle malattie cardiovascolari attraverso un corretto stile di vita che preveda lotta al fumo, esercizio fisico e sana alimentazione. È previsto un percorso di 2,5 Km di passeggiata tra i vicoli della città vecchia, partendo da Piazza del Ferrarese. Sarà un evento competitivo, gara valida Fidal, e non (per chi non ama correre), che si svolgerà in un’atmosfera di colori, festa e gioia.

AMA Cuore Bari, l’associazione barese che opera a favore di chi è colpito da una patologia cardiovascolare, è main sponsor della Running Heart 3^ edizione e parteciperà agli eventi del 16 e 17 febbraio. Sono aperte le adesioni per costituire AMA CUORE BARI per partecipare alla passeggiata ludico-motoria di domenica ed effettuare l'elettrocardiogramma gratuito sabato pomeriggio alle ore 16,00 in piazza del Ferrarese. Le iscrizioni, aperte a tutti, sono raccolte direttamente dal presidente o inviando una mail di conferma/telefonata. Inoltre, al termine della corsa, saranno donati 2 defibrillatori.

Sabato 16 sarà istituito il “Villaggio del Cuore”, in Piazza Ferrarese: nelle ore 10-12 e 16-20, Unità mobili cardiologiche saranno a disposizione per eseguire elettrocardiogrammi gratuiti con il rilascio della Bancomheart, una carta personale con codice segreto per accedere a dati clinici in qualsiasi momento e da qualsiasi computer, smartphone o tablet. Un’opportunità da non perdere per chi non si è mai sottoposto a ECG e pratica sport a livello amatoriale.

Info: AMA CUORE BARI, associata al Conacuore (coord. Nazionale Ass.ni del Cuore), accreditata ASL BA - Azienda Policlinico Bari, Viale Lazio n.5,  Bari

Save the children: a Bari 'La Stanza di Alessandro'


BARI - L’assessora al Welfare Francesca Bottalico è intervenuta nella mattinata di martedì 5 febbraio 2019, alla presentazione de “La Stanza di Alessandro”, l’installazione esperienziale realizzata da Save the Children e dall’assessorato al Welfare del Comune di Bari in rete con l’Università degli studi “Aldo Moro”, nell’ambito della campagna nazionale “Abbattiamo il muro del silenzio” promossa da Save the Children.

L’iniziativa è finalizzata a sensibilizzare i cittadini sui traumi subiti dai bambini vittime di violenza assistita in quanto spettatori di episodi di violenza domestica, un fenomeno che negli ultimi 5 anni ha riguardato 427mila minori in Italia, testimoni diretti o indiretti di violenza in casa nei confronti delle proprie madri.

“La violenza di genere, in particolare quella che si consuma tra le mura domestiche - ha dichiarato Francesca Bottalico - rappresenta un fenomeno molto complesso, dagli effetti spesso dannosi non solo per la donna ma anche per i figli. La campagna Abbattiamo il muro del Silenzio, voluta fortemente anche a Bari dall’assessorato al Welfare e dalla rete Generare culture non violente, intende accendere i riflettori sulle dinamiche della violenza assistita che rischia di passare in secondo piano ma che, invece, assume pari, se non maggiore importanza, in quanto si riversa sui minori provocando danni a livello comportamentale, psicologico, fisico, cognitivo e sociale, compromettendo i processi di crescita e sviluppo. E spesso, purtroppo, tutto questo dolore finisce per innescare una spirale di nuova violenza, una volta divenuti adulti. Diventa perciò fondamentale investire sulla formazione e, specialmente, sulla consapevolezza degli adulti affinché si possa intervenire e tutelare insieme, per quanto possibile, il mondo dell’infanzia”.

L’installazione resterà nell’Ateneo dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” fino a giovedì 7 febbraio (ingresso via Nicolai - piano terra). 

Giustizia: venti giudici su 21 ritirano la domanda di trasferimento a Bari


BARI - Un altro duro colpo per la giustizia barese. Non sarebbero stati sufficienti infatti gli incentivi in termini di punteggio decisi dal Csm per indurre i giudici a trasferirsi nel capoluogo pugliese: delle 21 domande, presentate per la copertura di 8 posti nel tribunale del capoluogo pugliese, ben 20 sono state ritirate. A darne notizia l'edizione de "la Repubblica" di Bari.

Le revoche delle richieste di trasferimento sarebbero avvenute nonostante poco prima di Natale il Csm avesse indicato quegli 8 posti (più 1 al Tribunale di Foggia) come "a copertura necessaria" ovvero con possibilità di raddoppio del punteggio di anzianità per i magistrati che li avessero occupati per almeno quattro anni. Tale decisione era stata presa dal plenum del Consiglio su proposta della Terza commissione, della quale fa parte il giudice barese Giovanni Zaccaro, che aveva posto all'attenzione dell'organo di autogoverno la difficile situazione in cui si trovano gli uffici giudiziari di Bari a causa di carenze di organico, che penalizzano soprattutto l'ambito dei giudicanti, in particolare nel settore civile.

La disaffezione dei magistrati nei confronti di Bari sarebbe collegata all'esistenza di carichi di lavoro estremamente onerosi (con ruoli che possono arrivare fino a 3.000 cause all'anno, processi pendenti dalla fine degli anni '90 e rinvii che si spingono fino al 2022), determinati dall'esistenza di una pianta organica vetusta e non commisurata alle attuali esigenze del Distretto.

Bari, arrestati clandestini aggressori. Lega: "Ora vanno espulsi"


BARI - Sono stati arrestati dalla forze dell'ordine i due immigrati clandestini, rei di aver aggredito una donna per derubarla del cellulare afferrandola per il collo. Plaude la Lega: “Ringrazio gli agenti della polizia che con prontezza hanno rintracciato e arrestato i due immigrati clandestini, colpevoli di aver aggredito una donna per derubarla del telefonino afferrandola per il collo", dichiara in una nota l'on.Tateo.

"Auspichiamo che, dopo l'arresto, i due criminali irregolari vengano prontamente espulsi come da norme del decreto sicurezza di Salvini. Quest'ultima aggressione è l'ennesima dimostrazione, se ancora ce ne fosse bisogno, che Bari sotto la gestione Decaro vive tempi di insicurezza, anche dovuti alla presenza di clandestini criminali che nessuno ha mai voluto rimandare a casa loro", ha aggiunto Tateo.

Bari, presentata la campagna di sensibilizzazione #pensaachiresta rivolta ai più giovani

(Pixabay)
BARI - #Pensaachiresta è la campagna di sensibilizzazione presentata nella mattinata di lunedì 4 febbraio 2019 a Palazzo di Città, con l’obiettivo di richiamare l’attenzione dei giovani sul tema dell’abuso di alcol e droghe, sulla dipendenza da smartphone e sulle drammatiche, spesso tragiche, conseguenze.

L’iniziativa è stata realizzata all’interno del progetto “No Alcol No Crash”, gestito dalla cooperativa CAPS e finanziato dalla presidenza del Consiglio dei Ministri - dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile nazionale e dipartimento per le Politiche Antidroga, in rete con il Comune di Bari, il Comune di Bitonto, l’ASL (dipartimento Dipendenze patologiche) e l’ufficio del Garante dei diritti del Minore della Regione Puglia.

I dettagli della campagna di prevenzione frutto di un’analisi compiuta a stretto contatto tra gli psicologi del CAPS e gli esperti di LaboratorioCom.it, l’agenzia di comunicazione che l’ha ideata, sono stati illustrati dal presidente CAPS Marcello Signorile.

Alla conferenza stampa hanno partecipato le assessore al Welfare e alle Politiche educative e giovanili, Francesca Bottalico e Paola Romano, il sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio, il direttore del dipartimento Dipendenze patologiche dell’ASL di Bari Antonio Taranto e Magda Terrevoli in rappresentanza dell’ufficio del Garante regionale dei diritti dei minori.

“Il progetto che presentiamo oggi - ha detto Francesca Bottalico - è il frutto del lavoro quotidiano che tante realtà del nostro territorio svolgono insieme all’amministrazione sui temi della prevenzione, della cura, della formazione e della sensibilizzazione sul contrasto alle dipendenze. L’obiettivo che s’intende raggiungere con questa iniziativa è quello di creare un piano di interventi coordinato, in sinergia con gli attori sociali e gli operatori coinvolti, diretto a prevenire il tasso di incidentalità stradale causato dall’uso di droghe o alcool facendo leva sulla sensibilità dei minori. Tra l’altro, l’amministrazione comunale da diversi anni è attiva su vari fronti: abbiamo recentemente festeggiato con soddisfazione il primo compleanno dell’iniziativa “Care for People”, che consiste nell’impiego di una unità di strada che per 365 giorni all’anno lavora sul territorio nelle ore serali, nei luoghi di aggregazione giovanile - sale da gioco, concerti - e anche nelle piazze e nelle scuole, coinvolgendo le famiglie, per proporre momenti di sensibilizzazione legati ai diversi tipi di dipendenze, da sostanze e non”.

 “L’ingresso di questa iniziativa nelle aule delle scuole medie e superiori - ha spiegato Paola Romano - rappresenta una scelta precisa dell’amministrazione, che spera così di parlare direttamente ai giovani prima che questi possano venire a contatto con le sostanze psicotrope. Purtroppo, gli studi ci raccontano del consumo di alcol già a 12-13 anni e quindi ci rivolgeremo ai ragazzi partendo proprio dai più giovani, quelli che frequentano la prima media, rivolgendo loro un messaggio che non li colpevolizzi ma che punti sulla bellezza della vita quotidiana. In momenti di crescita così delicati, infatti, non si può far leva sulla repressione dei comportamenti. Siamo convinti che i dirigenti scolastici appoggeranno con entusiasmo questa iniziativa, e che potremo arrivare davvero a toccare il cuore di migliaia di studenti baresi”.

Il sindaco Michele Abbaticchio ha sottolineato che “la mia amministrazione ha aderito con entusiasmo a questa iniziativa, che si inserisce appieno in una serie di azioni promosse dalla Città metropolitana di Bari, quali ad esempio Porta Futuro, o ai Cantieri dell’Antimafia sociale: un legame tra noi e il capoluogo che sottolinea l’unità di intenti nello svolgimento di importanti funzioni educative a vari livelli. Nel caso delle droghe, per il territorio di Bitonto il problema dell’assunzione di queste sostanze è molto sentito, come dimostra l’omicidio, avvenuto nel dicembre del 2017, di Anna Rosa Tarantino, un’anziana colpita per errore da una pallottola sparata da persone che si stavano contendendo il monopolio del traffico di droga nella città vecchia. Attualmente questo tema non mi risulta essere al centro di nessuna agenda politica nazionale o comunitaria. Tra l’altro, a Bitonto è stato messo su un ‘teatro contro le dipendenze”, ma le sensibilità coinvolte sono ancora troppo poche. Come amministratore locale, invoco una legge statale che imponga alle scuole di trattare a lezione temi come l’antimafia sociale o, appunto, le conseguenze dell’abuso di sostanze psicotrope”.

Marcello Signorile si è soffermato sugli aspetti tecnici dell’iniziativa, sottolineando che “l’azione di sensibilizzazione è ad ampio raggio, e si spinge ai giovani ma anche ad altre fasce di età. Si tratta inoltre di un progetto complementare rispetto all’unità di strada organizzata dall’assessorato al Welfare del Comune di Bari, che avrà la peculiarità di penetrare all’interno delle scuole medie e degli istituti superiori della città, grazie al contributo offerto dall’assessorato alle Politiche giovanili. Questo perché ci siamo resi conto che la sensibilizzazione nei confronti di questi temi deve partire dai giovanissimi e, sulla base dei risultati di alcuni questionari che recentemente abbiamo somministrato a circa duemila ragazzi di 13 anni di età, abbiamo constatato che l’uso dell’alcool inizia già a questa età, mentre percezione dei pericoli connessi ai comportamenti scorretti è scarsa. I tre spot pubblicitari della campagna non servono a colpevolizzare l’individuo, ma presentano un approccio più morbido, che fa leva sui tre valori che nessuno di noi vorrebbe perdere: famiglia, amicizia, amore”.

Antonio Taranto, infine, ha osservato che “un comportamento corretto deriva da un fisico efficiente, in un individuo che a sua volta agisce positivamente nell’ambito di una città ben strutturata, cioè in una comunità unita capace di veicolare messaggi positivi, esattamente come quello promosso da questa campagna di sensibilizzazione”.

Magda Terrevoli, condividendo le finalità del progetto e apprezzandone la valenza, ha assicurato l’impegno dell’Ufficio del garante regionale dei diritti dei minori a fare da grancassa all’iniziativa collaborando così al raggiungimento degli obiettivi alla base del progetto.

Il progetto “No Alcol No Crash” mira a ridurre il numero di incidenti attribuibili a comportamenti relativi all’uso e abuso di sostanze, promuovendo una cultura della guida sicura nei locali, nelle spiagge e nei gruppi informali, attraverso la distribuzione di etilotest, materiale informativo e con il supporto di sussidi dimostrativi: simulatori di guida, occhiali alcovista, allestimento di percorsi ebbrezza, al fine di riproporre i pericoli legati all’incidentalità.

L’obiettivo generale è l’informazione sulla stretta correlazione tra uso di sostanze psicoattive e incidentalità stradale e la sensibilizzazione di un vasto numero di persone con la finalità di ridurre comportamenti a rischio legati all’assunzione di sostanze psicoattive e la diminuzione del tasso d’incidentalità. Il filo conduttore sarà relativo all’accrescimento della consapevolezza della percezione del rischio, inevitabilmente alterata con l’assunzione di sostanze psicoattive e la promozione di comportamenti di guida responsabile nei setting legati al mondo del divertimento, in luoghi di formazione, incontro e socializzazione, coinvolgendo giovani moltiplicatori dell’azione preventiva.

La campagna è disponibile sui social network di Coop. Soc. CAPS (Facebook e Youtube); inoltre, i video realizzati nell’ambito dell’iniziativa saranno proiettati a Bari nei cinema multisala CIAKI e Galleria.

Fse: sequestrate aree vicino via Oberdan


BARI - In relazione alla notizia del sequestro preventivo, avvenuto nella mattinata di martedì 5 febbraio 2019, di alcune aree ubicate in prossimità di via Oberdan a Bari, Ferrovie del Sud Est (Gruppo FS Italiane) precisa che le particelle catastali poste sotto sequestro sono esterne all’area ferroviaria. Lo rende noto l'azienda.

Le aree di competenza di FSE saranno bonificate. L’iter per la bonifica del sito - si legge ancora nella nota - è stato avviato ed è in fase avanzata. Conclusa a novembre 2018 la Conferenza di Servizi con l’approvazione dell’analisi di rischio sito, Ferrovie del Sud Est ha avviato la redazione del progetto di bonifica che sarà completato entro maggio 2019, nel rispetto dei termini di legge.

L’appalto dei lavori sarà bandito dopo l’approvazione del progetto da parte degli Enti preposti.

Arte: 'Van Gogh Alive – The Experience' prolunga la sua permanenza a Bari


BARI - A due mesi dall'inaugurazione la mostra Van Gogh Alive – The Experience continua ad attirare visitatori e appassionati d'arte, che arrivano da ogni parte del Meridione e riempiono le sale del rinnovato Teatro Margherita. Dopo aver superato le 50.000 presenze e al fine di soddisfare le richieste del pubblico, la mostra prolungherà la sua permanenza a Bari e proseguirà per le prossime settimane. Vengono anche modificati gli orari di apertura nei giorni dal lunedì al giovedì, quando l'accesso sarà consentito dalle 9.00 alle 21.00, mentre si conferma l'orario dalle 9 alle 22 nelle giornate di venerdì, sabato e domenica (ultimo ingresso un'ora prima dell'orario di chiusura).

Van Gogh Alive – The Experience è una mostra prodotta da Cube Comunicazione e Time 4 Fun. L'evento ha ricevuto il patrocinio dell'Assessorato all'industria turistica e culturale della Regione Puglia ed il Comune di Bari ed ha ricevuto il sostegno di Auriga, Banca Popolare di Bari, Primiceri, Nuova Orsud e AN-Light. Grazie all'utilizzo di 50 proiettori ad alta definizione, una grafica multi-canale e un suono surround, Van Gogh Alive – The Experience si propone come una mostra mirata a creare uno dei più coinvolgenti ambienti multi-screen al mondo, arricchito inoltre dalla eccezionale colonna sonora creata con le musiche di Vivaldi, Lalo, Schubert, Bach, Saint-Saëns, Debussy, Tchaikowskij e Handel).

I biglietti sono disponibili ai seguenti costi: 14 euro per il ticket intero, 12 euro per gli studenti universitari, i visitatori over 65 e i diversamente abili, 8 euro per i ragazzi dai 6 ai 12 anni, ingresso gratuito per i minori di 6 anni accompagnati da un familiare.

Per informazioni e prenotazioni: www.vangoghbari.com

Bari, in Largo Albicocca il Gran ballo di San Valentino


BARI - A due anni dalla riqualificazione di largo Albicocca nella città vecchia a cura del Comune e di Ikea, l’amministrazione comunale intende festeggiare la giornata di San Valentino con un grande ballo di piazza insieme a tutti i cittadini.

Il 14 febbraio 2017 largo Albicocca è stato consacrato ufficialmente come la piazzetta degli innamorati, diventando da allora meta di centinaia di cittadini e turisti.

Per questo, grazie alla collaborazione di Amgas srl, l’amministrazione comunale invita tutta la cittadinanza al “Gran ballo di san Valentino – A Bari si accende l’amore” un’occasione per stare insieme, divertirsi e vivere la giornata dedicata all’amore con una festa di comunità.

“In questi anni, quel luogo si è consacrato ufficialmente come la piazza dell’amore – spiega il sindaco Decaro –. Sono centinaia i cittadini e i turisti che in questi anni sono stati il largo Albicocca e ne hanno diffuso le immagini promuovendo spontaneamente la nostra città. Per questo ci è sembrato giusto organizzare una festa dedicata all’amore in quel luogo che è entrato nel cuore di tanti baresi. Un grande ballo, aperto a tutti, non solo a persone in coppia, perché San Valentino è soprattutto la festa di chi ama, a prescindere dalla sua situazione sentimentale del momento. Quindi sono invitati a partecipare cittadini in coppia, single, giovani, meno giovani. A questi  si aggiungerà la “spazzola”, l’elemento che scombinerà i piani delle coppie e che ci permetterà di trascorrere una serata ballando e divertendoci. Fino al 14 febbraio chiederemo a tutti i cittadini, attraverso i canali social, di scegliere i brani che vorranno ascoltare quella sera in piazza, componendo così la playlist dell’amore della città di Bari”.

L’appuntamento è per giovedì 14 febbraio alle ore 19 in largo Albicocca nella città vecchia.

La Sly United sorpassa la SSC Bari


di NICOLA ZUCCARO - Il pallone barese ha sorriso per metà nella domenica appena trascorsa. A far da contraltare alla sconfitta della SSC Bari per 1-0 sul campo della Turris nella gara di cartello della quinta giornata del Girone I della Serie D 2018-2019, è stata la vittoria interna della Sly United per 5-0 sullo Stornarella. Alla luce di questo successo, la compagine allenata da mister Nicola Quarto militante nel Girone A del Campionato pugliese di Prima Categoria 'scavalca' la SSC Bari, consolidando così la vetta del proprio raggruppamento con 55 punti. Tre lunghezze in più della squadra allenata da Mister Cornacchini che, prima del fischio di inizio al "Liguori" di Torre del Greco, era a pari punti (52) in questa specifica classifica del calcio barese.

Bari, assalto in gioielleria: 3 arresti


BARI - Sono stati tratti in arresto dai carabinieri, su disposizione della magistratura, i tre presunti autori della rapina compiuta nella gioielleria 'Sarno Oro', del centro commerciale 'Mongolfiera' Santa Caterina di Bari, il 7 giugno 2018. Si tratta di tre pregiudicati brindisini di 25, 27 anni e 20 anni.

I banditi fecero irruzione nell'ipermercato con i passamontagna calati sul viso e indossando tute da lavoro bianche: dopo aver costretto la commessa della gioielleria a rimanere immobile ed accovacciata in un angolo del negozio, con grossi martelli spaccarono le vetrine del punto vendita impossessandosi di monili in oro ed argento. Il valore della refurtiva ammontava a circa 60mila euro.

Poi guadagnarono la fuga a bordo di un'autovettura sportiva che fu trovata qualche ora più tardi in una zona di campagna. E' stato grazie ai reperti trovati nella vettura che è stato possibile estrapolare il Dna dei presunti autori.

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Immobiliare Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia