Visualizzazione post con etichetta Bat. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Bat. Mostra tutti i post

Fervono i preparativi per la II edizione del 'Galà internazionale Salto con l'asta al castello - Città di Barletta 2022'


BARLETTA - Fervono i preparativi per la II edizione del "Galà internazionale SALTO CON L'ASTA AL CASTELLO - Città di Barletta 2022", in programma domani 18 giugno 2022, alle ore 20,00, nella spettacolare cornice del Castello di Barletta (BT).

Fervono i preparativi per la II edizione del "Galà internazionale SALTO CON L'ASTA AL CASTELLO - Città di Barletta 2022", l’evento sportivo serale in programma domani, a partire dalle ore 20,00, nella spettacolare cornice del rivellino del Castello di Barletta (ingresso principale).

La manifestazione, organizzata dal Gruppo Sportivo AVIS Barletta in collaborazione con ASD "IoCorro", vede Eusebio Haliti e Lorenzo Giusto, rispettivamente in qualità di responsabile organizzativo e tecnico e gode dei patrocini di Patto educativo provinciale, Regione Puglia, Città di Barletta, Sport e Salute, FIDAL e CONI Puglia.

Questo secondo evento di caratura agonistica rientra nel ben più articolato calendario di eventi “19”72 Un anno di Atletica", nel segno della Freccia del sud, cominciato lo scorso 25 marzo al teatro Curci di Barletta con l’appuntamento culturale I Dialoghi dell’Atletica, la rievocazione dei XXII Giochi Olimpici di Mosca del 1980, in occasione del settantesimo anniversario della nascita di Pietro Mennea, e si concluderà l’11 settembre con il Mennea day allo stadio comunale Puttilli.

«Due le novità essenziali dell’edizione 2022» – sottolinea Lorenzo Giusto, promotore dell’atletica leggera, con all’attivo l’organizzazione di ben 5 edizioni biennali (a partire dal 2010) del Meeting Internazionale del Salto con l'Asta in Piazza -Jumping in the Square. «La prima è che, finalmente, dopo la pandemia che ha allentato la sua corsa, la manifestazione sarà aperta al pubblico, la seconda che sarà tutta al femminile, con atlete di caratura nazionale ed internazionale. Tra queste spicca la nazionale portacolori dei Carabinieri Roberta Bruni con un personale di mt. 4,70, che ha partecipato all'ultimo "Golden Gala Pietro Mennea 2022" a Roma, e proprio l’altro giorno a Innsbruck in Austria, nel Golden Roof Challenge, ha vinto la gara con 4,66. A Barletta la Bruni proverà a stabilire il record italiano. Così come un’altra atleta in gara, di nazionalità ucraina, Yana Hladiychuck del 1993, con un personal best mt. 4,61, che ha gareggiato negli ultimi Mondiali Indoor di Belgrado, tenterà di stabilire il record ucraino».

In gara in totale 9 atlete tra cui le americane Kate Dalily e Tommi Hintnaus e la svizzera Lea Bachmann. L’astista elvetica superò proprio a Barletta nel Galà dello scorso anno il suo personal best di mt. 4,35, stabilendone un altro di 4.38 metri, che le valse la vittoria.

Nell’idea degli organizzatori c’è la forte determinazione di promuovere l’atletica pugliese, avendo riservato la possibilità di partecipare al Galà internazionale a delle atlete della regione, come le astiste Federica Triunfo, classe 1996, foggiana della U.S. Foggia con un personal best mt. 3,90, 3ª classificata recentemente agli Universitari di Cassino, ha partecipato a tutti i campionati italiani di categoria. E la tarantina Francesca Semeraro, del 1997, dell’Atletica Locorotondo con un personal best di mt. 4,20. Primatista regionale, pluricampionessa nelle categorie giovanili, ha partecipato ad incontri internazionali, vestendo la maglia Azzurra, era in gara nell’edizione 2021 del Galà a Barletta.

«Questo è un bel momento per l’atletica nella città della disfida - commenta Eusebio Haliti, direttore sportivo dell’Avis Barletta e organizzatore dell’evento -, vorrei ricordare che il gruppo sportivo, nel cui blasone basta citare il nome di Pietro Mennea, vanta due atleti nella Diamond League in due discipline diverse: Marn Peter nei 5.000 metri e l’astista brasiliano Thiago Braz». Quest’ultimo è sicuramente il colpo dell’anno del GS Avis, medaglia d'oro olimpica nel salto con l'asta a Rio 2016, primatista olimpico con 6,03 metri, e bronzo ai giochi di Tokyo dello scorso anno.

È fondamentale sfruttare l’onda lunga delle recenti vittorie olimpiche e Barletta, in particolare, deve riprendersi la scena che le spetta di diritto nel segno del grande Pietro Mennea.

L’appuntamento è domani sera, 18 giugno, nei giardini del superbo Castello Svevo della Città della Disfida per lo spettacolare Galà internazionale Salto con l’asta, città di Barletta 2022.

Tutte le informazioni su: www.meetinglafrecciadelsud.it.

Trani, Mons. D'Ascenzo scrive ai maturandi


MICHELE MININNI -
L’Ufficio Scuola Servizio diocesano per l’Insegnamento della Religione Cattolica della Diocesi Trani Barletta Bisceglie ha reso noto la lettera che l’Arcivescovo Mons. Leonardo D’Ascenzo indirizza a tutti i maturandi nell’approssimarsi dell’esame finale del ciclo di studi nella scuola secondaria di secondo grado. Di seguito il testo integrale della missiva:

«Cari ragazzi e ragazze,

è giunto anche per voi il tempo tanto atteso ed emozionante dell’esame di maturità, a conclusione di un percorso di vita che vi ha visti crescere e sognare con i vostri compagni di scuola, i vostri educatori e i vostri genitori.

Al termine di questo ciclo di studi siete chiamati a dare prova della vostra “maturità”, ma anche della vostra umanità.

Nel corso di questi anni avete imparato non solo a crescere culturalmente e professionalmente, ma anche umanamente, perché, mentre nella vostra mente avete accumulato esperienze culturali e formative, nel vostro cuore è cresciuta la consapevolezza che non siete più i ragazzini timidi del primo anno di scuola superiore, ma siete diventati uomini e donne capaci di riflettere, di prendere decisioni e scelte che segneranno il resto della vostra vita adulta.

Allora forza, con coraggio e con entusiasmo (e un pizzico di buona adrenalina) siate pronti ad affrontare questa bella esperienza degli esami, un momento che resterà nel vostro cuore come una pietra fondamentale della vostra esperienza di crescita e che difficilmente dimenticherete col passare degli anni.

Come vostro padre in Gesù Cristo vi immagino, in questo periodo di esami, in attesa sulla banchina del porto, pronti a salpare sulla nave della vostra vita che vi porterà a vivere esperienze bellissime che vi faranno ancora crescere. Come sempre, quando si sta per partire, ci saranno i “saluti di rito”, vi abbraccerete con i vostri compagni di classe, con i vostri insegnanti e, una volta saliti sulla nave, piangerete di gioia e di nostalgia per il tempo trascorso tra i banchi di scuola, e di entusiasmo per il viaggio che incomincerete nel mondo dell’Università o del lavoro.

Ora vi è chiesto l’ultimo sforzo di studio, non per poter dire: “Basta! Ora sono libero!”, ma per ricominciare a camminare con un cuore adulto e fortificato.

Siate costruttori di pace in questo mondo che, oggi più che mai, ne ha tanto bisogno. Voi siete la speranza dell’umanità, perché si mettano a tacere, una volta per tutte, le parole di odio, di orgoglio e di discriminazione. Testimoniate che è ancora possibile realizzare una società in cui i nemici si stringono la mano e lavorano per il bene della persona umana e del mondo intero. Auguri a tutti voi!

Vi affido alla Divina Sapienza, perché diriga il vostro cuore a cercare sempre il bene e il bello che c’è in voi, immagine e somiglianza di Dio».

Si aprirà a Parigi la XXI edizione dei Dialoghi di Trani

TRANI (BT) - Aspettando la XXI edizione dei Dialoghi di Trani, in programma dal 20 al 25 settembre, gli organizzatori della rassegna culturale tranese, a tre mesi dall’inizio, annunciano un altro prestigioso riconoscimento: un invito speciale ad aprire la prossima edizione del festival, intitolata “Convivere”, direttamente in Francia presso l’Istituto italiano di cultura di Parigi (IICP).

Il 20 settembre i Dialoghi riprenderanno dalla sede dell’IICP presso l'Hôtel de Galliffet in rue de Varenne al numero 50, splendido palazzo neoclassico di fine ‘700, già sede del Ministero degli Affari Esteri francese, che ha accolto illustri personaggi, quali Benjamin Constant, Chateaubriand, Madame de Staël.

Il titolo del primo dialogo di questa speciale parigina è “L’appartenenza linguistica, il linguaggio e la sua manipolazione” e a confrontarsi saranno tre scrittori esperti della manomissione delle parole e della trasformazione della realtà indotta dalla deformazione del linguaggio: lo scrittore ed ex magistrato barese Gianrico Carofiglio; il glottologo e scrittore Diego Marani, dal 2021 direttore dell’Istituto italiano di cultura a Parigi; la scrittrice e germanista Maddalena Fingerle, classe 1993, vincitrice del Premio Calvino 2020 e della sesta edizione del Premio Fondazione Megamark con il romanzo “Lingua Madre”. Il dialogo sarà preceduto dall’inaugurazione della XXI edizione dei Dialoghi di Trani, con la partecipazione di Aldo Patruno, Direttore Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territori della Regione Puglia e di Rosanna Gaeta, direttrice artistica dei Dialoghi di Trani.

Per i Dialoghi di Trani l’invito presso l’Istituto italiano di cultura a Parigi rappresenta un riconoscimento di valore per il costante impegno profuso dal festival nel corso di questi primi 20 anni, nell’affrontare temi di grande spessore e attualità, dando un contributo attivo per la promozione della cultura, a cominciare dalle scuole del territorio e dalle librerie.


Il direttore dell’Istituto italiano di cultura di Parigi, Diego Marani, elogia la rassegna tranese e commenta:«L’Istituto italiano di cultura di Parigi è lieto di ospitare quest’anno l’evento di apertura dei Dialoghi di Trani. In vista della fiera del libro di Parigi del 2023 che vedrà l’Italia ospite d’onore, questa è un’occasione per attirare l’attenzione del mondo culturale francese su un festival letterario di pregio, che spicca nel panorama italiano per la sua originalità. L’evento parigino coincide anche con la mostra Apulia, che si tiene anch’essa all’Istituto e che per tre mesi metterà in scena la regione Puglia con reperti antichi, produzioni artistiche contemporanee e eventi culturali».

«Siamo onorati e felici di questa nuova collaborazione con l’Istituto italiano di cultura a Parigi, che apre i Dialoghi ad una dimensione europea raggiungendo un pubblico nuovo, ampio e attento ai nuovi scenari della cultura italiana – dichiara Rosanna Gaeta, direttrice artistica dei Dialoghi di Trani – Il festival, che si colloca tra gli eventi orientati all’internazionalizzazione, quest’anno avrà la Romania come Paese ospite ed estende il suo sguardo sui Balcani per nuovi progetti culturali».

Il festival I Dialoghi di Trani, organizzati dall’Associazione culturale La Maria del porto e dall’Assessorato alle Culture della Città di Trani, in collaborazione con la Regione Puglia, ha ottenuto altri prestigiosi riconoscimenti come: l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e il premio Mibact per la migliore manifestazione di promozione del libro e della lettura. Ha al proprio attivo, inoltre, collaborazioni con la Fondazione Bellonci, la Cittadella di Assisi, l'Istituto Treccani, la Scuola Holden, il Salone del Libro di Torino e la Fondazione Feltrinelli.

Moda: premiata la centenaria Nugnes 1920 a Palazzo Beltrani come attività storica del tessuto economico tranese proiettata nel futuro


TRANI (BT) - Nell’ambito dell’incontro conclusivo dell’articolato progetto “Trani. Economia e lavoro. La storia, il presente e il futuro”, dedicato al comparto della sartoria tranese, è stata premiata a Palazzo delle Arti Beltrani Nugnes 1920, in qualità di attività che ha magnificato il tessuto economico della città.

Con il convegno di approfondimento storico “La sartoria a Trani. L'ordito e la trama di una storia di eleganza senza tempo”, che ha visto come relatrice la presidente dell’Associazione Traninostra Angela Di Nanni, si è inteso aprire idealmente lo scrigno di bellezza e operosità della città di Trani per far risplendere una gemma preziosa: l’arte della sartoria.

Di particolare pregio durante il convegno le parole di Elisabetta Nugnes sulle prospettive della sartoria d’eccellenza a Trani nel suo intervento “Il futuro del nostro passato”.

Grazie al magistrale lavoro di tanti sarti, quest’arte antica e complessa, fatta di attenzione ai materiali, di gusto e di lavorazioni complesse ha reso famosa nel tempo la città adriatica.

È stata focalizzata l’attenzione durante la serata sull’eleganza iconica degli anni Sessanta, non tralasciando lo sguardo attento al futuro e avviando un percorso di rivalutazione e promozione dell’artigianato locale di qualità.

La serata, introdotta dai saluti dall’assessore alle Culture Francesca Zitoli e del neo assessore alle Attività produttive, Commercio, Artigianato, Politiche per lo sviluppo Leo Amoruso, ha dato anche la possibilità di ammirare abiti d’epoca della sartoria tranese, esposti per l’occasione nelle sale di Palazzo Beltrani, ed è stata allietata da letture letterarie a tema a cura di Giuseppe Francavilla dell’associazione Il Carro dei Guitti.

Al termine del convegno, che ha visto grande successo di pubblico, Niki Battaglia, direttore di Palazzo Beltrani, e l’assessore Amoruso hanno consegnato il riconoscimento a Anna Maria Di Lauro e Anna Cocola, rispettive mogli di Franco e Tonino Nugnes, in rappresentanza dell’azienda Nugnes 1920, che da oltre 100 anni ha saputo mantenere salde le proprie radici ed evolversi nella moda con un linguaggio contemporaneo, sul territorio locale e nazionale.

Trinitapoli, parte la campagna promozionale dei meloni retati dell'azienda Musciolà


MICHELE MININNI
- Parte la campagna promozionale dell'Azienda Ortofrutticola Musciolà di Vittoria Maffione del melone arancione (Cucumis melo) è una pianta rampicante della famiglia delle Cucurbitaceae.Il termine melone indica sia il frutto che la pianta stessa, a seconda dei contesti in cui viene utilizzato:

• gruppo reticulatus, o meloni retati, di media grandezza, polpa bianca o giallo-verde, con superficie reticolata;
• gruppo inodorus, meloni d'inverno, polpa biancastra o rosata con buccia liscia, dal gusto intermedio tra la pera ed il melone, costituiscono il tipico piatto di Natale nella tradizione siciliana ed italiana in generale.

L'Azienda Musciolà di Trinitapoli situata nella provincia di Barletta Andria Trani parte con un importante obiettivo da raggiungere al termine della stagione: allargare la platea di consumo e diffondere il marchio di qualità di questo prodotto inimitabile in tutta Italia, in particolare al Nord e Centro.

Per raggiungere questo obiettivo la nuova campagna di comunicazione studiata dall'Ufficio Comunicazione della Ditta , ampliata rispetto allo scorso anno, racconterà al grande pubblico “l’unicità di questo frutto, versatile in cucina e dalle straordinarie proprietà organolettiche che si è sempre voluto valorizzare sin dai primi passi della costituzione dell'Azienda casalina.

Per un mese, ci saranno comunicati stampa sui giornali telematici e sopratutto sui social con spot particolari su come viene prodotto il melone dalla raccolta di giugno fino ai primi giorni di luglio,le melonaie, che esprimono al meglio i valori organolettici e il grado zuccherino non inferiore ai 12 gradi come richiesto da Disciplinare.

"Tutti i nostri clienti – ci dice Vito Musciolà -hanno confermato anche per quest’anno la fiducia verso la denominazione, con richieste in linea con i consumi".

Covid Puglia: +1.932 casi e 5 decessi. Tasso al 19%

BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia si registrano 1.932 nuovi casi di contagio da Coronavirus su 10.139 test analizzati nelle ultime 24 ore, per una incidenza del 19%.

I decessi sono stati cinque.

I nuovi casi sono stati individuati nelle province di Bari (629), Bat (192), Brindisi (142), Foggia (343), Lecce (392), Taranto (204). Sono residenti fuori regione altre 18 persone risultate positive in Puglia mentre per altre 12 la provincia è in via di definizione.

Delle 21.023 persone attualmente positive 207 sono ricoverate in area non critica (ieri 216) e 9 in terapia intensiva (ieri 10). (ANSA).

Al via il Festival Internazionale del Tango di Trani: “Evento straordinario, ormai è il festival del tango della Puglia”

BARI - “Uno degli eventi di punta dell’estate pugliese”: così l’assessore al turismo della Regione Puglia ha presentato la nona edizione del Festival Internazionale del Tango di Trani in programma dal 14 al 17 luglio in piazza Duomo, ai piedi della Cattedrale di Trani. “Ho accolto con favore l’invito ad essere al fianco del festival del tango, i grandi eventi culturali sono centrali nell’offerta turistica della nostra regione e questo lo è assolutamente. Credo che possa definirsi il festival del tango della Puglia”. L’assessore regionale prosegue lodando i numeri della manifestazione. “I dati sono importanti e significativo è il fermento intorno all’evento strettamente radicato nel territorio, che non si ferma al nord barese: la Regione Puglia sarà al fianco dell’organizzazione come attivatore culturale e sociale nell’offerta pugliese”. Lopane ha ammesso simpaticamente di non essere incline alla danza, ma ha sottolineato che il tango, considerando le origini tranesi e pugliesi del geniale compositore argentino Astor Piazzolla, debba rappresentare un attrattore per la Puglia. “Continueremo ad essere al fianco della manifestazione”, ha chiosato.

La kermesse è stata presentata questa mattina presso la Presidenza della Regione Puglia alla presenza, oltre che dell’assessore regionale, anche del vice sindaco Fabrizio Ferrante e dell’assessore alla cultura Francesca Zitoli, a rappresentare il Comune di Trani. Presenti naturalmente gli organizzatori della manifestazione Claudia Vernice e Giuseppe Ragno.

“Ormai questo festival è una certezza nella programmazione culturale della città”, ha sottolineato Ferrante. “Non potrebbe essere altrimenti considerando le origini tranesi di Astor Piazzolla. E’ un evento che per noi rappresenta un motivo di orgoglio. Per questo siamo al fianco di Claudia e Giuseppe, non solo dal punto di vista amministrativo, ma anche con il cuore”. “Il festival rappresenta l’epifania di un lavoro che dura un anno intero, oltre l’importanza ricoperta dal punto di vista turistico, è il dialogo interculturale uno dei tratti caratteristici di questa manifestazione”, ha aggiunto Zitoli. “Attività culturali come questa danno valore aggiunto alla città grazie al dialogo tra culture extra europee e i numeri di quest’anno danno forza a questo concetto, visti i paesi di provenienza dei partecipanti al Festival”.

“La direzione artistica è affidata anche quest’anno a Miguel Angel Zotto e Daiana Guspero, la coppia di ballerini di tango più importante al mondo”, ha poi sottolineato Claudia Vernice. “Avremo inoltre coppie di maestri argentini e italiani. Saranno protagonisti di un’edizione straordinaria dal punto di vista delle prenotazioni: abbiamo coppie che arriveranno da Canada, California, Emirati Arabi, Giappone e poi da tutta Europa, compreso il Principato di Monaco”. “E’ una grande emozione presentare il festival nella Presidenza della Regione Puglia”, ha infine dichiarato Giuseppe Ragno. “E’ un grande traguardo. Essere annoverati dell’assessore Lopane come uno degli eventi più importanti dell’estate pugliesi ci rende molto orgogliosi. Richiamerà turisti da tutta Italia e da tutto il mondo, a cui daremo la possibilità di vivere un’esperienza unica a Trani e in Puglia. (com.)

Presentata a Barletta la II edizione del "Gala internazionale Salto con l'asta al castello - Città di Barletta 2022"

BARLETTA - È stata presentata ieri nel dehor dell’hotel La Terrazza a Barletta la II edizione del "Gala internazionale SALTO CON L'ASTA AL CASTELLO - Città di Barletta 2022". Molte le anticipazioni per l’evento sportivo serale in programma per sabato prossimo nella spettacolare cornice del Castello di Barletta (BT).

La manifestazione, organizzata dal Gruppo Sportivo AVIS Barletta in collaborazione con ASD "IoCorro", vede Eusebio Haliti e Lorenzo Giusto, rispettivamente in qualità di responsabile organizzativo e tecnico e gode dei patrocini di Patto educativo provinciale, Regione Puglia, Città di Barletta, Sport e Salute, FIDAL e CONI Puglia.

Questo secondo evento di caratura agonistica rientra nel ben più articolato calendario di eventi “19”72 Un anno di Atletica", cominciato lo scorso 25 marzo al teatro Curci di Barletta con l’appuntamento culturale I Dialoghi dell’Atletica, la rievocazione dei XXII Giochi Olimpici di Mosca del 1980, in occasione del settantesimo anniversario della nascita di Pietro Mennea, e si concluderà l’11 settembre con il Mennea day allo stadio comunale Puttilli.

«Due le novità essenziali dell’edizione 2022» – sottolinea Lorenzo Giusto, promotore dell’atletica leggera, con all’attivo l’organizzazione di ben 5 edizioni biennali (a partire dal 2010) del Meeting Internazionale del Salto con l'Asta in Piazza -Jumping in the Square. «La prima che finalmente, dopo la pandemia che ha allentato la sua corsa, la manifestazione sarà aperta al pubblico, la seconda che sarà tutta al femminile, con atlete di caratura nazionale ed internazionale. Tra queste spicca la nazionale portacolori dei Carabinieri Roberta Bruni con un personale di mt. 4,70, che ha partecipato all'ultimo "Golden Gala Pietro Mennea 2022" a Roma, e proprio l’altro giorno a Innsbruck in Austria, nel Golden Roof Challenge, ha vinto la gara con 4,66. A Barletta la Bruni proverà a stabilire il record italiano. Così come un’altra atleta in gara, di nazionalità ucraina, Yana Hladiychuck del 1993, con un personal best mt. 4,61, che ha gareggiato negli ultimi Mondiali Indoor di Belgrado, tenterà di stabilire il record ucraino».

Un’attenzione particolare poi spetta all’atleta Great Nnachi, di origini nigeriane, del Cus Torino, classe 2004, con un personal best di mt. 4,07. Campionessa italiana Indoor Juniores sia nell’asta che nei 60 mt. negli ultimi campionati di febbraio 2022, nominata dal Presidente Sergio Mattarella Alfiere della Repubblica. Nonostante il prestigioso riconoscimento, è ancora in attesa di ricevere la cittadinanza italiana. In gara in totale 9 atlete tra cui l’americana Kate Dalily e la svizzera Lea Bachmann. L’astista elvetica superò proprio a Barletta nel Galà dello scorso anno il suo personal best di mt. 4,35, stabilendone un altro di 4.38 metri, che le valse la vittoria.


Nell’idea degli organizzatori c’è la forte determinazione di promuovere l’atletica pugliese, avendo riservato la possibilità di partecipare al Galà internazionale a delle atlete della regione. In conferenza, infatti, a indossare la maglia dell’evento, sono state le astiste Federica Triunfo, classe 1996, foggiana della U.S. Foggia con un personal best mt. 3,90, 3ª classificata recentemente agli Universitari di Cassino, ha partecipato a tutti i campionati italiani di categoria. E la tarantina Francesca Semeraro, del 1997, dell’Atletica Locorotondo con un personal best di mt. 4,20. Primatista regionale, pluricampionessa nelle categorie giovanili, ha partecipato ad incontri internazionali, vestendo la maglia Azzurra, era in gara nell’edizione 2021 del Galà a Barletta.

«Non dimentichiamo - sottolinea Davide Colella, capo settore salti in elevazione della FIDAL Puglia – che questo tipo di manifestazioni vanno proprio nel segno della ‘Street atletica’, che la Federazione a livello nazionale e locale sta perseguendo, ovvero organizzare e sostenere una serie di eventi in piazza, popolari, che possano avvicinare i giovani al mondo dell’atletica. La Puglia – conclude Colella – ha tre grandi scuole di Salto con l’asta a Foggia, Trani e Taranto, che negli anni hanno sfornato atleti di caratura nazionale e internazionale, come ad esempio Francesca Semeraro e Luigi Colella (Fiamme Gialle) con un personal best di 5,53 stabilito a Foggia. Nei campionati italiani assoluti a Rieti, svoltisi dopo una challenge di qualificazione a Firenze, tre sono gli atleti della stessa specialità “Salto con l’asta”: la stessa Francesca con il fratello Luca Semeraro e Federica Triunfo di Foggia.

«Questo è un bel momento per l’atletica nella città della disfida - commenta Eusebio Haliti, direttore sportivo dell’Avis Barletta e organizzatore dell’evento -, vorrei ricordare che il gruppo sportivo, nel cui blasone basta citare il nome di Pietro Mennea, vanta due atleti nella Diamond League in due discipline diverse: Marn Peter nei 5.000 metri e l’astista brasiliano Thiago Braz». Quest’ultimo è sicuramente il colpo dell’anno del GS Avis, medaglia d'oro olimpica nel salto con l'asta a Rio 2016, primatista olimpico con 6,03 metri, e bronzo ai giochi di Tokyo dello scorso anno.

Presenti in conferenza anche l’atleta olimpionica di Rio 2016 Veronica Inglese che ha sottolineato come «Barletta debba farsi vetrina dello sport e cogliere le potenzialità di questo sport spettacolare come il salto con l’asta e gli sforzi organizzativi di Haliti e Giusto vanno sicuramente in questa direzione». Le hanno fatto eco le parole di Marcello Degennaro, referente per la sesta provincia pugliese di Sport e salute, nuovo organismo del CONI (destinato esclusivamente alla preparazione olimpica), azienda pubblica italiana che si occupa dello sviluppo e della valorizzazione dello sport in Italia. Secondo Degennaro, infatti, dobbiamo sfruttare l’onda lunga delle recenti vittorie olimpiche e Barletta, in particolare, deve riprendersi la scena che le spetta di diritto nel segno del grande Pietro Mennea.

L’appuntamento è per il prossimo sabato, 18 giugno, nel superbo Castello Svevo della Città della Disfida per lo spettacolare Galà internazionale Salto con l’asta, città di Barletta 2022.

Tutte le informazioni su: www.meetinglafrecciadelsud.it

Trinitapoli: agli Open di Trani di karate e kick boxing successo per la palestra 'Fight club'


MICHELE MININNI -
Grande successo della Palestra Fight Club e Fitness di Trinitapoli al Gara Open Città di Trani disputata domenica 12 Giugno. "I nostri Atleti,- ci dice il coach Michele Di Toma- alla loro prima Competizione hanno fatto sentire la presenza. Gara disputata sia nel Karate che nella Kick Boxing, dove ho partecipato come atleta,un ringraziamento và al Maestro Seba Mask Mastrulli per l’invito e a tutti quelli che credono in noi".

Questi i risultati degli atleti casalini: 

1° Posto Michele Di Toma,
1° Posto Garofalo Vincenzo,
1° Posto Pezzolla Cosimo,
2° Posto Samarelli Andrea,
3° Posto Garofalo Nicole,
3° Posto Mango Cosimo.

Bat, completamento di tre murales del Cpia 'Gino Strada': a Margherita di Savoia, Minervino e Trinitapoli


PIERO CHIMENTI
- «Quando ci è venuta l'idea di realizzare un murales in ogni città della BAT, cioè in ogni sede del CPIA "Gino Strada", avevamo chiaro in mente il nostro proposito: rendere visibile a tutti la presenza di una scuola, la scuola statale degli adulti, che offre un servizio gratuito, pubblico ed essenziale; una scuola che consente non solo agli immigrati di imparare la lingua italiana, ma anche a tutti gli italiani, che da giovani sono stati allontanati dalla scuola, di rimettersi in gioco, di conseguire la licenza media, di assolvere all'obbligo scolastico e, perché no, di giungere persino ad un diploma di scuola superiore»: così il dirigente scolastico Paolo Farina, nell'annunciare il completamento di altri tre murales del CPIA BAT "Gino Strada", rispettivamente nelle città di Margherita di Savoia, Minervino Murge e Trinitapoli.

«Il murales di Margherita di Savoia si intitola SaliAmo e raffigura un giovane che, arrampicandosi su un albero, arriva in cielo: abbiamo voluto giocare – prosegue Farina – con il sostantivo "sale", Margherita è la capitale del sale, per ricordare che la pubblica istruzione è il più rapido ascensore sociale che esista, permettendo a tutti una concreta possibilità di riscatto».

«Il murales di Minervino Murge riprende il concetto del lifelong learning e si intitola Never stop exploring: perché non si finisce mai di imparare, purché ci sia la passione giusta ad animarci».
«Anche il murales di Trinitapoli ha un messaggio inequivocabile, Nessuno escluso, e si ispira alle parole del dott. Gino Strada, Non ci possiamo voltare dall'altra parte, di fronte alle troppe ingiustizie del mondo le quali si perpetrano sempre a danno dei più poveri e dei più deboli».

«Con opere come queste – conclude Farina – vogliamo immediatamente rendere visibile l'identità e la mission della nostra Scuola, una scuola tempio di accoglienza e di dialogo tra le culture, una scuola aperta a tutti e che da tutti impara. Un sincero ringraziamento al designer Daniele Geniale senza la cui creatività e la cui opera tutto questo non sarebbe stato possibile».

Il murales di Margherita di Savoia, realizzato presso la Scuola Media "Pascoli", in Corso Vanvitelli 4, sarà inaugurato oggi, 16 giugno, alle ore 11:00.

Il murales di Minervino Murge, realizzato sulla facciata del Palazzetto dello Sport, in via Giuseppe di Vittorio, sarà inaugurato domani pomeriggio, alle ore 18:00.

Il murales di Trinitapoli, realizzato presso la sede AVIS in via Meucci, angolo via Mulini, sarà inaugurato mercoledì 22 giugno, alle ore 19:00.

Trinitapoli, estate con i laboratori creativi per ragazzi al Parco degli Ipogei


MICHELE MININNI -
L'Associazione Tautor di Mariangela Lo Zupone, gestore del Museo degli Ipogei e del Parco cittadino degli Ipogei ed insieme alla Pro Loco di Trinitapoli del presidente Emanuele Giachetta hanno organizzato per tutti i mesi di giugno e luglio le attività di laboratorio dal titolo “ Play parco “ che serviranno a far diventare l’ archeologia un percorso conoscitivo, divertente e stimolante per la creatività dei partecipanti.

Il Parco comprende una serie di edifici sotterranei costruiti circa 1700 anni a. C. e il famoso Ipogeo dei Bronzi una vera e propria necropoli che rappresenta un unicum in tutta Italia per l’ Età del Bronzo. Progettate diverse attività di laboratorio: Dall’argilla al vaso,il mio amico scheletro,giocare alla preistoria,la magia dell’arte preistorica, archeo fumettando, archeo fotografando, un’ armatura per un giovane guerriero,trama o ordito,caccia al tesoro, lapbook degli Ipogei ed il piccolo archeologo. I laboratori sono indirizzati ai ragazzi dai 5 ai 10 anni, si terranno tutti i lunedì e mercoledì dalle ore 17.30 alle 19.30.

Il primo laboratorio denominato dall’ argilla al vaso si terrà lunedì 20 giugno e servirà a far comprendere il concetto di tempo attraverso l‘analisi e la manipolazione dei reperti ceramici e dopo la visione di un breve filmato che spiegherà le origini dell’ argilla, la storia della produzione ceramica, la tecnica di lavorazione, di cottura e decorazione dalla preistoria all’ età classica. Subito dopo si passerà, sotto la guida di un esperto a manipolare l’ argilla per poi costruire un vero e proprio vaso da portare a casa alla fine dell’esperienza.

"Con queste iniziative – ci dice il presidente Pro Loco Giachetta- cerchiamo di valorizzare sempre di più la storia e la natura della realtà trinitapolese". Al termine di ogni laboratorio è prevista la consumazione della merenda offerta dall’ Oleificio Casale di Trinitapoli. Appuntamenti successivi per il giorno 22 giugno, il 2° laboratorio ” Il mio amico scheletro”. Per info e prenotazioni contattare il numero 3491641909 , un'esperienza certamente da fare per bambini e famiglie.

Covid Puglia: +2.018 casi e 7 decessi. Tasso al 16,6%


BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia si registrano 2.018 nuovi contagi da Covid-19 su 12.089 test analizzati nelle ultime 24 ore, per una incidenza del 16,6%.

I decessi sono sette.

I nuovi casi sono stati individuati nelle province di Bari (601), Bat (222), Brindisi (162), Foggia (399), Lecce (397), Taranto (206). Sono residenti fuori regione altre 23 persone risultate positive in Puglia. 

Delle 20.061 persone attualmente positive 216 sono ricoverate in area non critica (ieri 206) e 10 in terapia intensiva (come ieri ).

Poliziotto suicida a Canosa, "Fondamentale uno sportello di ascolto e un sostegno psicologico nelle caserme"


CANOSA DI PUGLIA (BT) - “La promozione del benessere psicologico e della salute riguarda tutti ed in particolare, aggiungerei, chi si occupa della sicurezza altrui. Anche i rappresentanti delle forze dell'ordine possono essere vittime di significativi eventi traumatici, connessi al servizio svolto e necessitare di intervento specialistico per accogliere e gestire le proprie fragilità. È fondamentale, dunque, imparare a riconoscere i segnali di malessere, quali ad esempio ansia, depressione, rabbia, affaticamento fisico, disturbi del sonno ed attivare tempestivamente i primi livelli di intervento, dando a ciascuno la possibilità di affrontare la sofferenza, il disagio, non da soli, in modo da prevenire atti estremi come quello accaduto ieri”. Lo psicologo e psicoterapeuta Antonio Di Gioia, Dirigente psicologo della Asl Bat nel Dipartimento delle dipendenze patologiche, già presidente dell’Ordine degli psicologi della Regione Puglia, si esprime in merito al suicidio di un agente in servizio avvenuto nel Commissariato di Polizia di Canosa di Puglia.

“Siamo dinanzi all’ennesimo episodio che coinvolge appartenenti alle forze dell’ordine” continua lo psicologo. “Un poliziotto giovanissimo, un dramma che ha provocato immenso dolore ai familiari e ai colleghi, per cui non mi sento assolutamente di esprimere opinioni affrettate, ma un atto che sottolinea quanto sia importante prestare l’attenzione necessaria alle persone che svolgono questo lavoro stressante, logorante e che facilmente​ possono essere “colpite” del fenomeno del burnout. Una sindrome che induce chi ne soffre a vivere uno stato di malessere psicofisico e di deterioramento emotivo che “frantuma” l’equilibrio psicologico della persona influendo negativamente sulla qualità della vita”.

Le cause sono da ricercare in più ambiti. “Togliersi la vita è un atto finale di enorme sofferenza psichica vissuta in solitudine, ​ una scelta dettata da uno stato depressivo grave, anche se a volte appare una decisione lucida”.

Ad intervenire in merito alla vicenda anche la psicologa e psicoterapeuta Daniela Sannino, la quale sostiene che di fronte ad eventi così drammatici non si può non considerare il complesso intreccio tra fattori individuali, familiari e ambientali. “Esiste, tuttavia, una strada ed è quella della prevenzione. Psicologi e psicoterapeuti intervengono nel trattamento degli stati depressivi e, di conseguenza, nella prevenzione del suicidio e valutano anche la necessità di un invio a farmacologi esperti per un’eventuale terapia psicofarmacologica di supporto. La figura di uno specialista è fondamentale all’interno delle caserme affinché si possa​ riconoscere segnali di malessere, di disagio e poter cogliere cambiamenti nel comportamento e nell'umore, notare un'improvvisa tendenza a isolarsi, o venire a conoscenza di problematiche personali importanti, in modo da occuparsi non solo delle divise, ma soprattutto delle persone che le indossano”.

Covid Puglia: +3.004 casi e 8 decessi. Tasso al 13%

BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia si registrano 3.004 nuovi contagi da Covid-19 su 14.678 test analizzati nelle ultime 24 ore, per una incidenza del 20,46%, in aumento rispetto agli ultimi giorni (ieri era del 13%).

Le persone decedute a causa del Covid-19 nelle ultime 24 ore sono state otto.

I nuovi casi sono stati individuati nelle province di Bari (985), Bat (307), Brindisi (195), Foggia (589), Lecce (571), Taranto (314). Sono residenti fuori regione altre 32 persone risultate positive in Puglia. Provincia in definizione per altri 11 casi.

Delle 20.548 persone attualmente positive 206 sono ricoverate in area non critica (ieri 237) e 10 in terapia intensiva (ieri 11).

Al via il Festival internazionale del tango di Trani


BARI - Giovedì 16 giugno, alle ore 10.30, presso la sala “Di Jeso” della Presidenza della Regione Puglia (lungomare Nazario Sauro, 33 – I piano - Bari), si terrà la presentazione alla stampa dell’edizione 2022 del Festival internazionale del Tango di Trani.

Nel corso della presentazione saranno comunicate le novità della kermesse internazionale dedicata alla danza più sensuale al mondo, giunta alla nona edizione.

Alla conferenza interverranno: Gianfranco Lopane, assessore al turismo della regione Puglia; Amedeo Bottaro, sindaco di Trani; Francesca Zitoli, assessora alla cultura del Comune di Trani, Giuseppe Ragno e Claudia Vernice, organizzatori del Festival.

La programmazione artistica di Palazzo Beltrani entra nel vivo con un concerto fuori programma dell’orchestra Virtuós Mediterrani di Alicante


TRANI (BT) - Entra nel vivo la programmazione artistica di Palazzo delle Arti Beltrani, contenitore culturale polifunzionale della città di Trani. La stagione di eventi 2022, prodotta dall’Associazione Delle Arti con il patrocinio di Costa Sveva e del Festival internazionale Castel dei Mondi di Andria, con il sostegno della Regione Puglia e della Città di Trani, inizia con una chicca internazionale fuori cartellone. Direttamente dalla Spagna, l’orchestra da Camera Virtuós Mediterrani di Alicante, un ensemble di ben 22 elementi, si esibirà giovedì 16 giugno, a partire dalle 20,30, nella splendida cornice di Corte Davide Santorsola. La giovane ma virtuosa formazione orchestrale si costituisce appena un anno fa, nel marzo 2021, in occasione di un concerto di Pasqua nella Concattedrale di San Nicola ad Alicante, dove esegue lo Stabat Mater di Pergolesi, in un momento molto difficile per gli artisti e per il mondo intero alle prese con la pandemia. Il repertorio dei Virtuós Mediterrani in meno di un anno ha abbracciato spartiti dal barocco alla musica contemporanea, passando per la musica sacra e lirica, oltre a opere di compositori dell'America Latina e della Spagna. Anche a Trani il suo direttore e fondatore, il Maestro venezuelano Gerardo Estrada Martínez, dalla carriera internazionale, proporrà un programma che spazia da Boccherini a Mangani, da Geminiani a Telemann, da Piazzolla a Villani Cortês. Una sorprendente performance sarà quella del giovane solista Giuseppe Maria Francesco Cotugno che ci delizierà con i suoi virtuosismi al clarinetto.

È solo il primo appuntamento di un ricco ed eterogeneo cartellone di eventi artistici che spalanca i battenti del maestoso Palazzo Beltrani a Trani (BT). Va in scena, venerdì 17 giugno, il primo spettacolo della II edizione della rassegna nazionale “Teatro a Corte” - Premio Giovanni Macchia, con la direzione artistica di Enzo Matichecchia, in collaborazione con Compagnia dei Teatranti A.P.S. di Bisceglie, Unione Italiana Libero Teatro e vari Enti teatrali italiani. Un cartellone di spettacoli di teatro amatoriale, scelti dopo un'accurata selezione di numerose proposte di compagnie che, da tutta Italia, hanno partecipato ad un bando, e il cui spettacolo migliore, votato dal pubblico, riceverà il premio dedicato a Giovanni Macchia (Trani 1912 - Roma 2001), illustre critico letterario, saggista e accademico italiano di origini tranesi. La splendida Corte Santorsola si spalanca “Al Gran Cafè Chantant” della Compagnia dei Teatranti di Bisceglie. La pièce, con la regia d Enzo Matichecchia, narra gli espedienti per campare di un gruppo di teatranti di prosa classica alle prese con la "crisi del settore" di inizio Novecento a causa dello straripante successo di una nuova forma di spettacolo, il cafè chantant o caffè-concerto, per lo più formato da numeri di arte varia e rappresentato in locali nei quali si potevano anche consumare vivande e bibite nel corso dello stesso spettacolo. A questi artisti si aggiunge un pout-pourri di personaggi con le loro miserie e le loro vittorie, tra scappatelle, guapperie e discutibili ambizioni artistiche, il tutto condito da esibizioni canore dal vivo, battute e divertenti gags per sorridere ed allo stesso tempo riflettere su un particolare momento di crisi etico-sociale del tempo, sotto certi aspetti simile a quello dei giorni nostri.

Torna sabato 18 giugno con la IV edizione “Jazz a Corte”, il festival musicale en plein air in cui la Corte Santorsola si apre alle varie sfumature del jazz mediante sonorità, ispirazioni, declinazioni della vasta gamma del genere musicale, in cui i musicisti affermati del territorio e nomi internazionali hanno trovato uno spazio privilegiato per esibirsi. Pensata come attività di divulgazione del jazz e dello swing, la rassegna è in collaborazione con il Dino Risi Jazz Corner di Trani. I due affermati jazzisti Francesca Leone (voce) e Guido Di Leone (chitarra) proporranno il loro nuovo lavoro discografico “Coração Vagabundo” della Abeat Records. Con Gianluca Fraccalvieri al basso, Fabio Delle Foglie alla batteria e Enzo Falco alle percussioni, l’affiatato e affascinante duo, interpretando, a partire dalle ore 21,00, canzoni senza confini e senza età, darà un incantevole tributo alla bossa nova. Il movimento cultural-musicale brasiliano, sviluppatosi negli anni ‘60 grazie alla creatività di musicisti di jazz e poeti, si è presto divulgato in tutto il mondo attraverso le meravigliose composizioni di Tom Jobim, Joao Gilberto Vinicius de Moraes, Baden Powell, Roberto Menescal, Joyce, Caetano Veloso.

Chiude questa prima settimana di programmazione estiva di Palazzo Beltrani, domenica 19 giugno, alle ore 21,00, la presentazione (ad ingresso libero) del nuovo lavoro letterario di Felice Di Lernia per i tipi di Bordeaux Edizioni di Roma. Su iniziativa dell’Associazione delle Arti dialogheranno con l’autore di “Tieniti forte. Lettere al figlio che parte” il sindaco della città di Trani Amedeo Bottaro e Cecilia Di Lernia. Il libro è un “viaggio al centro della famiglia” in quaranta brani: intuizioni in presa diretta, pubbliche ammissioni, stralci di diario, lettere, sogni e svelamenti che partono da un altrove assoluto, la vita privata dell’autore, e rimandano al sentire e al sapere di ciascuno e di ciascuna, in una dinamica di rispecchiamenti nella quale è possibile perdersi. Con il suo registro autenticamente autobiografico, spesso venato di ironia e mai fine a se stesso, questo libro si offre alla riflessione sulla propria esistenza, tocca il sentire urgente di tante e di tanti, genera vortici di interrogativi, guardandosi bene dal risolverli. Antropologo, dalla seconda metà degli anni Ottanta Felice Di Lernia si occupa di famiglie e scritture autobiografiche in luoghi e situazioni di condivisione, accoglienza, cura e sofferenza. Sempre per Bordeaux, nel 2015 ha pubblicato ‘Mio fratello è figlio unico (ma ha molti follower)’ e nel 2018 ‘Eppure il vento soffia ancora’, nel 2019 con Maurizio Coletti ha curato l’edizione italiana di ‘Tra segreto e vergogna: la violenza filio-parentale di Roberto Pereira’ e, con Mauro Croce l’anno prima, l’edizione italiana di ‘Psicologia della liberazione di Ignacio Martin-Baró’.

È visitabile, inoltre, sino al 21 agosto 2022, la mostra Rinascimento “RINASCIMENTO. Architettura - Ingegneria - Scienza - Tecnica” dell’ingegner Giuseppe Manisco, dedicata agli ingegneri del Rinascimento, in collaborazione con l’Associazione CREATTIVAmens di Galatone (Le).

Per prenotare: È possibile acquistare i biglietti direttamente presso il botteghino del Palazzo delle Arti Beltrani tutti i giorni dal martedì alla domenica, ad eccezione del lunedì, dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 16:00 alle ore 20:00. Oppure on line sulla piattaforma: i-ticket: www.i-ticket.it/groups/stagione-artistica-palazzo-delle-arti-beltrani-2022

Info: tel.: 0883500044 / e-mail: info@palazzodelleartibeltrani.it

Barletta Piano Festival: il premio Busoni Jae Hong Park guida la Disfida con gli astri del pianoforte

(ph: Tiberio Sorvillo Luca Guadagnini)
BARLETTA - Un recital del pianista canadese di origini ucraine Eugene Skovorodnikov il 15 luglio aprirà il Barletta Piano Festival 2022, che il 31 luglio ospiterà l’astro nascente degli ottantotto tasti, il coreano Jae Hong Park, vincitore del Concorso Busoni 2021. Previsto anche un omaggio alla produzione pianistica del compositore salentino Ivan Fedele, tra gli esponenti di punta della post-avanguardia europea e per nove edizioni direttore artistico della Biennale Musica di Venezia. Tra l’altro, il festival diretto da Pasquale Iannone e organizzato dagli Amici della Musica “Mauro Giuliani” avrà tre anteprime di «confine», l’8 luglio con il trio jazz del pianista Bruno Cesselli coadiuvato da Alessandro Tuchet al contrabbasso e Luca Colussi alla batteria (concerto realizzato con Pordenone Piano City), il 9 luglio con il progetto per dieci musicisti Triangolaritmia del percussionista Vincenzo Mazzone e l’11 luglio con il duo composto dal sassofonista Gaetano Di Bacco e dal pianista Giuliano Mazzoccante.

Interamente in programma all’Hotel La Terrazza (inizio concerti ore 21.15), la manifestazione prevede importanti collaborazioni con istituzioni internazionali, a partire proprio dal recital del 15 luglio di Eugene Skovorodnikov dedicato a Schubert e Ciaikovskij e realizzato con la canadese Music Encore Concert Society. La Hochschule für Muzik Franz Liszt di Weimar è, invece, partner nel recital del 16 luglio con la pianista tedesca Gerlinde Otto dedicato alle Variazioni Goldberg di Bach.

Il 23 luglio sarà di scena la veneta Gloria Campaner, un curriculum nel quale spiccano esibizioni alla Carnegie Hall di New York e alla Kioi Hall di Tokyo, mentre il 25 luglio l’Orchestra della Fondazione Politeama Città di Catanzaro diretta da Andrea Calabrese affiancherà i solisti Marco stallone nel Primo Concerto di Beethoven e Giulia Falzarano nel Secondo Concerto di Chopin.

(Eva Gevorgyan)

Dalla collaborazione con il Conservatorio Ciaikovskij di Mosca nascono, invece, i concerti delle russe Natalia Trull (27 luglio) ed Eva Gevorgyan (28 luglio), finalista allo Chopin di Varsavia, il concorso dei concorsi per un pianista. Quindi, l’esibizione, il 31 luglio, del premio Busoni 2021, il coreano Jae Hong Park, nella cui esecuzione si ascolteranno musiche di Schumann, Scriabin e Franck.

Dal lontano Oriente arriva anche la giapponese Aki Kuroda, pianista di frontiera attesa il 1° agosto in un omaggio ad Astor Piazzolla nel trentennale della scomparsa. E anche Carlo Guaitoli, per vent’anni collaboratore di Franco Battiato, conosce bene le musiche extracolte, anche se il 2 agosto suonerà Chopin, Janacek e Prokofiev.

Il 4 agosto ci sarà Leonora Armellini, vincitrice nel 2010 del Premio Janina Nawrocka allo Chopin, dove lo scorso anno si è classificata quinta assoluta. Quindi, l’omaggio del festival a Ivan Fedele, ospite d’onore della serata del 6 agosto. Illustrata da Fiorella Sassanelli, la produzione pianistica del compositore pugliese verrà eseguita da Camilla Chiga, Marco Stallone, Modesto Picci, Roberto Di Napoli e Angelo Nasuto.

Completa la programmazione una masterclass di perfezionamento pianistico condotta da Pasquale Iannone che si completerà con due concerti dei corsisti in calendario l’8 e il 10 agosto.

Info: 347.6195215 – www.barlettapianofestival.it. pianofestivalbarletta@gmail.com.

San Ferdinando di Puglia: vittoria di Arianna Camporeale. All'opposizione Salvatore Puttilli, Elena Pestillo e Maria Riccarda Scaringi


MICHELE MININNI
- Ecco la composizione totale del nuovo Consiglio Comunale di San Ferdinando di Puglia:

Sindaca:

CAMPOREALE ARIANNA

Consiglio comunale:

BRUNO PINO (Città Futura)
DIPAOLA OTTAVIA (Città Futura)
PETRIGNANO CINZIA (Città Futura)
CAPRIUOLI GRAZIA (Città Futura)
MUOIO PEPPINO (Città Futura)
ZINGARO PINO (Città Futura)
MANCO FLORA (Città Futura)
CAPACCHIONE FABIO (Città Futura)
LOMBARDI ROBERTO (Città Futura)
DIPACE GRAZIA (Città Futura)
PATRUNO ANDREA (Città Futura)

---

PUTTILLI SALVATORE (Ripartiamo Insieme)
CRAMAROSSA TERESA (Ripartiamo Insieme)
PESTILLO ELENA (ViviAmo San Ferdinando)
RONDINONE DANIELA (ViviAmo San Ferdinando)
SCARINGI MARIA RICCARDA (Progressisti e Democratici).

Arianna Camporeale sindaca: "Subito tutti insieme al lavoro per San Ferdinando di Puglia"


MICHELE MININNI
- "Un risultato che premia il mio rapporto costante con questa comunità. Ora lavoriamo da subito per il benessere di San Ferdinando, con l'aiuto di tutti, anche delle minoranze".

Quando lo scrutinio è giunto al 78%, il dato provvisorio del 35% stacca largamente gli altri contendenti alla carica di sindaco del Comune Ofantino. 

Alle 16.53, Arianna Camporeale esce dal comitato di Via Ofanto, e si gode l'applauso dei sostenitori.

Amministrative '22: Melucci "travolge" Musillo e resta sindaco di Taranto

NICOLA ZUCCARO - Rinaldo Melucci per e con la coalizione di centrosinistra resta sindaco di Taranto. Il primo cittadino uscente del capoluogo ionico è stato rieletto con il 61% delle preferenze, distaccando di 30 punti il candidato del centrodestra Walter Musillo, fermatosi al 31%.
© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo