Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post

Ministra francese all'Italia: "La ricreazione è finita"


ROMA - Proseguono le tensioni tra Italia e Francia. Il richiamo dell’ambasciatore francese a Roma "non è un atto di drammatizzazione ma un modo per dire che la ricreazione è finita": a dichiararlo all’emittente ‘Radio Classique’ la ministra francese per gli Affari europei, Nathalie Loiseau.

La ministra francese, in merito alla recente visita del vice presidente del Consiglio italiano, Luigi Di Maio, ai ‘gilet gialli’, denuncia “una ingerenza fuori luogo, un gesto ostile da persone che sulla carta sono governanti e la cui priorità dovrebbe essere gli interessi degli italiani”.

Non ha dubbi la Loiseau, secondo la quale con il suo gesto il vicepremier ha dimostrato sostegno “non a un leader politico ma a qualcuno che ha lanciato un appello alla guerra civile, al rovesciamento del presidente, a un governo militare, una cosa mai accaduta prima”.

Interrogata sulle responsabilità di Parigi e di Roma nella crisi in corso, Loiseau valuta che il presidente Emmanuel Macron “aveva ragione di denunciare i nazionalismi in Europa – senza citare un paese piuttosto che un altro – dicendo che rappresentano un aggregato di interessi di categoria nazionali che non generano mai soluzioni ma aggravano i problemi. Purtroppo è quello che sta accadendo ora"

Francia, Toninelli: "Popolo amico ma chiedano scusa"


GENOVA - "Non c'è nessun tipo di scontro con la Francia. La Francia commise un grave errore nel 2011 e ne stiamo pagando le conseguenze noi italiani principalmente. E' un peccato che non chiedano scusa su quel grande errore che hanno commesso, ma quando dicono che noi e i francesi siamo cugini è vero. E' un popolo amico ma se si commettono degli errori bisogna chiedere scusa e si potrà rimediare". Così il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, in visita al cantiere di ponte Morandi, dove oggi si smonta il primo grande impalcato. (Courtesy Giuseppe Sciortino)


20 anni senza Pinuccio Tatarella


di NICOLA ZUCCARO - Bari 8 febbraio 1999. E' la mattinata di un tranquillo lunedì quando dall'Ospedale delle Molinette di Torino, dov'era ricoverato per un delicato intervento chirurgico, giunge la notizia della morte di Giuseppe (Pinuccio) Tatarella. Il capoluogo pugliese (presso il quale Tatarella, appena ventenne, si trasferì dalla natia Cerignola per poter intraprendere gli studi in Legge) si ritrovò orfano di un esponente di spicco che volle fare di Bari sin dal 1979 (anno della sua elezione alla Camera dei Deputati nel Collegio elettorale che comprendeva anche Foggia nelle file del MSI) la sede di quel laboratorio politico in cui poter costruire il Centro-Destra, prima con Alleanza Nazionale e poi con Oltre il Polo.

Da fervente anticomunista, sosteneva che la maggioranza degli italiani (all'epoca) non era di sinistra. Fiero esponente del meridionalismo missino, Tatarella si impegnò tenacemente. anche mediante un'intensa attività giornalistica nel sdoganare la destra italiana dal retaggio fascista, al fine di poterla emancipare sul piano del dialogo e dell'inclusione di quei soggetti che non si riconoscevano nella relativa cultura politica. Un atteggiamento che gli valse il soprannome di Ministro dell'Armonia, durante la conduzione del Ministero delle Poste e Telecomunicazioni ed in qualità di vice presidente del Consiglio dei Ministri nel primo Governo presieduto da Silvio Berlusconi, sostenuto dalla maggioranza politica del centrodestra, risultata vincitrice delle elezioni politiche del 27 marzo 1994. 

La sua prematura scomparsa privò la politica italiana di una mente pensante nel delicato passaggio parlamentare e non solo strettamente politico-partitico dalla Prima alla Seconda Repubblica. Fu assertore della tesi di modifica del sistema elettorale per l'elezione dei membri al parlamento nazionale, proponendo l'introduzione di una relativa Legge caratterizzata dalla convivenza del proporzionale con il maggioritario e che prese il nome di "Tatarellum".

Sicurezza, i parlamentari foggiani M5S a Conte: "Maggiori investimenti in Capitanata"


ROMA - I parlamentari M5S Faro, Giuliano, Lovecchio, Menga, Naturale, Pellegrini e Troiano si esprimono in merito alla questione sicurezza sul territorio foggiano. “In qualità di parlamentari della provincia di Foggia, abbiamo chiesto un incontro al Presidente Conte per fare il punto della situazione su temi importanti per il nostro territorio. In primo luogo, abbiamo affrontato il tema degli investimenti e il Presidente ha confermato la sua attenzione, ribadendo l’importanza del Contratto di Sviluppo Istituzionale per la provincia di Foggia. A questo proposito ci ha informato che sono stati trasmessi alla presidenza del consiglio più di 100 progetti; il termine ultimo entro cui inviare i progetti verrà reso noto con un DPCM. Il Presidente Conte - e su questo aspetto concordiamo pienamente - auspica che i vari progetti presentino caratteristiche di coesione e sostenibilità e che puntino a una valorizzazione complessiva del territorio.

"Questo impegno diretto del governo e del Presidente del Consiglio - prosegue la nota del M5S - renderà la provincia di Foggia il laboratorio ideale per lo sviluppo di territori trascurati dall'azione politica e amministrativa.

Il tema sicurezza, è strettamente correlato al contratto di sviluppo anche dal punto di vista del Presidente e, a questo proposito, abbiamo ricordato la situazione attuale auspicando un maggior impiego di forze dell’ordine e magistrati per contrastate la criminalità organizzata e non. Abbiamo anche colto l'occasione per esprimere grande apprezzamento per i risultati raggiunti dagli investigatori in queste ultime settimane e mesi.

La parola d’ordine in Capitanata, è investimenti. "Sappiamo che i cittadini si aspettano molto da noi e dal governo, soprattutto perché per anni la provincia è stata poco attenzionata e, nei territori, si era persa la speranza di poter ripartire.

Come rappresentanti della provincia di Foggia, invitiamo tutti gli interessati a collaborare affinché il progetto complessivo di rilancio della Capitanata raggiunga al più presto il suo obiettivo. Siamo a disposizione dei cittadini e dei nostri attivisti per chiarimenti e segnalazioni su questi aspetti", conclude la nota.

Ex Ilva, Emiliano: "Fabbrica non metta più a rischio vita persone"


BARI - “Terreni contaminati, paura per l’inquinamento della falda acquifera, ipotesi di getto pericoloso di cose e gestione di rifiuti non autorizzata: grazie anche all’Arpa Puglia, la Procura di Taranto ha sequestrato le collinette create artificialmente all’interno dell’Ilva, a ridosso del quartiere Tamburi. La procura dice che l’area va subito messa in sicurezza e bonificata. Così in una nota Michele Emiliano.

La Regione Puglia - prosegue Emiliano - non ha alcun potere sulla fabbrica, ma stiamo lavorando da tre anni incessantemente per monitorare la situazione sotto il profilo della salute e dell’ambiente,  perché riteniamo inaccettabile che in Italia una fabbrica possa funzionare mettendo a rischio la vita delle persone.

Ci stiamo battendo per la decarbonizzazione dell’ex Ilva, perché solo eliminando il carbone si potranno abbassare i livelli di inquinamento.
Chiediamo di parlare di questo col Governo e con Arcelor Mittal, vogliamo rompere l’assordante silenzio che da Roma è calato sul destino della acciaieria.

Noi non ci fermeremo finché non verranno prese le decisioni giuste per il bene dei cittadini di Taranto”.

È il commento del Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano alla notizia del sequestro da parte della Magistratura delle collinette all’interno dell’ex Ilva di Taranto che si trovano a ridosso del quartiere Tamburi, conclude.

Regionali Puglia: Emiliano incontra Lacarra


di REDAZIONE - “La Direzione del PD pugliese all’unanimità (tranne un voto contrario) decise due mesi fa di sostenere la mia ricandidatura attraverso il metodo delle Primarie. Il centrosinistra pugliese ha poi deciso di svolgere le primarie il 24 febbraio e il 10 febbraio come termine per le candidature. Qualcuno si è lamentato della velocità di svolgimento delle primarie, dopo che queste decisioni sono state assunte da organismi di cui non faccio parte. L’unità del centrosinistra per me va tutelata in ogni modo, perché su questa coalizione si basano gli ultimi 14 anni di governo della regione e di molte città pugliesi: per questo ho comunicato a Marco Lacarra la mia disponibilità a spostare la data della presentazione delle candidature".
Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine dell’incontro con il segretario regionale del PD Marco Lacarra.

“Il popolo del centrosinistra ci chiede unità, io sono disposto a fare le primarie anche se avrei potuto chiedere, come ha fatto Antonio Decaro, di non svolgerle - ha continuato Emiliano - ma sono convinto che le primarie siano il metodo più trasparente e democratico per decidere le alleanze e i programmi di una grande coalizione. Sin dal mio primo mandato da sindaco abbiamo costruito il programma in maniera partecipata, dal basso, con i cittadini, archiviando la stagione in cui i candidati e i programmi venivano scelti nelle segrete stanze e calati dall’alto. Le primarie sono nate in Puglia per unire il centrosinistra e per realizzare progetti di buon governo. Non celebrarle significa assumersi la responsabilità di dividere questa coalizione con tutti i rischi che questo comporta.
Per me l’unità della coalizione e il dialogo tra le varie componenti intorno a principi e valori che ci uniscono e ci distinguono dagli altri avversari politici è un valore che va responsabilmente tutelato.
Se sarà così, noi costruiremo un patto con il popolo del centrosinistra e rivinceremo le Regionali, chiunque sia il candidato che vincerà le primarie. Perché saremo uniti, e le idee, i valori, il programma verranno prima dei singoli”.

Marco Lacarra, apprezzando la disponibilità del Presidente Emiliano dichiara: “spero venga recepito come invito all'unità e al dialogo”, ed ha subito convocato la segreteria del PD e il tavolo del Centrosinistra domani al fine di concordare la possibilità del rinvio. Mentre l’incontro con i parlamentari e i consiglieri regionali del PD si terrà svolgerà Lunedì prossimo".

Diciotti, Salvini: "Non chiedo favori a nessuno"


ROMA - Sul caso della nave Diciotti "non chiedo favori o aiutini a nessuno, ognuno voterà secondo coscienza". Così il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ai microfoni di Radio Anch'io. "La politica deve decidere se ho agito nell’interesse del mio paese - ha aggiunto il ministro - lascio che tutti leggano le carte, non chiedo favori o aiutini a nessuno, ognuno voterà secondo coscienza. Il Senato dovrà dire se quello di Salvini è stato un atto nell’interesse della sicurezza italiana per smuovere la comunità internazionale, per difendere la patria come prevede la costituzione".

Taglio parlamentari, Di Maio: "Allo stupore non c'è mai fine, Pd ha votato contro"


ROMA - La seduta in aula al Senato sulla riforma per il taglio dei parlamentari. Il testo è stato approvato con larga maggioranza.

"Allo stupore non c'è mai fine, il PD ha votato contro, dopo il Referendum Costituzionale che abbiamo bocciato lo scorso anno, hanno votato contro, a dimostrazione che non volevano tagliare il numero dei parlamentari, ma semplicemente impedire ai cittadini di eleggere i senatori." Così, il vice premier Luigi Di Maio in una diretta Facebook a seguito dell'approvazione in Senato del taglio del numero dei parlamentari. (Fonte Facebook Luigi Di Maio)


"Stia zitto!": Tria zittisce Brunetta che lo interrompe, scoppia bagarre in Aula


ROMA - Bagarre in aula durante l'intervento del Ministro dell'Economia e delle Finanze, Giovanni Tria. Il ministro viene interrotto dal deputato di Forza Italia, Renato Brunetta, gli risponde così: "Stia zitto". (Cortesy Web tv Camera dei deputati)


Bullismo, Emiliano al Salvemini: "Impegno della Regione a tutela dei giovani contro le insidie del web"

BARI - Nell’ambito della giornata internazionale contro il bullismo e il cyber bullismo “Safer Internet Day”, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha rinnovato oggi e per il sesto anno consecutivo, nel Liceo “Salvemini” di Bari, la convenzione tra Regione Puglia, Azienda ospedaliera universitaria Policlinico Consorziale e Ufficio scolastico regionale.

La Regione Puglia, insieme con il suo presidente Michele Emiliano, conferma il suo pieno impegno nella lotta alle violenze giovanili sia online che offline, proprio in considerazione della drammaticità del fenomeno della violenza e della prevaricazione, confermato dai dati statistici nazionali e internazionali.

Emiliano ha detto che “la firma di questa intesa tra Regione Puglia, USR e Policlinico per proteggere i nostri ragazzi dalle insidie del web costituisce per un verso un atto di difesa, ma è anche un atto di attacco così possiamo trasmettere o scambiare delle esperienze per gestire la presenza sul web: perché oggi si comincia a stare sul web a tre-quattro anni e si continua per tutta la vita salvo che non venga fuori un’altra tecnologia che superi internet. Bisogna attrezzarli, un po’ come facevamo una volta contro il rischio di essere adescati, solo che oggi questo rischio si corre con uno smartphone. Bisogna insomma metterli in condizione di capire in che tipo di giungla sono entrati. Ma internet non è solo una giungla: è anche una cosa straordinariamente bella che trasmette sensazioni, consente creatività e quindi bisogna anche difendere questo luogo, un po' come abbiamo difeso le nostre città. Non farli uscire di casa o non consentirgli l'accesso a internet non serve. La difesa non è un taglio delle opportunità: noi dobbiamo attraverso questi strumenti mettere in condizione i nostri ragazzi e anche i loro insegnanti e le loro famiglie di capire cosa accade e di gestire al meglio le situazioni. Una sinergia istituzionale che attraverso le molteplici attività del programma #Teen Explorer, ideato dal servizio di psicologia Giada del Policlinico – Giovanni XXIII di Bari, intende fornire supporto per la realizzazione di interventi per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di bullismo, cyber bullismo, adescamento online violenze di rete.

Con Emiliano hanno partecipato la direttrice dell’Ufficio scolastico regionale Anna Cammalleri, il direttore generale del Policlinico/Giovanni XXIII, Giovanni Migliore e la dirigente regionale Francesca Zampano.

#TEEN EXPLORER è il programma di prevenzione dei pericoli per la salute dei bambini e degli adolescenti associati al bullismo, cyberbullismo e adescamento online, ideato dal Servizio di Psicologia-GIADA dell’Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari dell’A.O.U. Policlinico- Giovanni XXIII di Bari, e realizzato in partnership con le ASL regionali.

Rifiuti, Zullo: "Ancora chiacchiere da Emiliano, la Tari così non diminuisce"


BARI - Il presidente del gruppo regionale di Direzione Italia, Ignazio Zullo, contesta la soluzione adottata sulla Tari. "Ancora chiacchiere - dichiara Zullo -: il presidente Emiliano continua imperterrito a prendere in giro i pugliesi, perché non è vero che la Tassa sui Rifiuti diminuirà dopo aver calmierato i prezzi del conferimento a discarica dell’indifferenziato. Perché l’importo della Tari è comprensivo di tanti costi: da quello dei dipendenti a quello dei trasporti, per cui sarebbe meglio se gli impianti fossero di prossimità e non distanti km e km con i rifiuti che viaggiano in lungo e in largo per la Puglia (se non anche fuori regione).

Senza contare - prosegue - che l’aumento della raccolta differenziata fa diminuire il rifiuto indifferenziato che viene sempre meno conferito in discarica e quindi il suo costo incide sempre meno sulla tariffa. Di contro gli introiti della raccolta differenziata (che dovrebbero far diminuire la tassazione) sono irrisori per i Comuni, ma ingenti per i privati che smaltiscono i rifiuti differenziati. Un esempio concreto: il conferimento dell’organico in discarica costa 92 euro a tonnellata, ma il gestore dell’impianto oltre che a incassare questa cifra, poi incassa quella della vendita del compost. Insomma, incassa due volte. Mentre il Comune non solo paga il costo del conferimento, ma per effettuare la raccolta differenziata deve assumere altro personale. E’ indubbio che vi è un vantaggio ambientale, ma che viene pagato a caro prezzo dai cittadini, perché così come formulato dalla Regione Puglia è totalmente anti-economico.

Ricapitolando: intervenire sui costi del conferimento in discarica dell’indifferenziato non solo è anacronistico (visto che è sempre meno), ma incide poco sulla tassazione. Emiliano lo sa, ma continua a raccontare chiacchiere, ma i pugliesi ormai lo conoscono: il presidente più non credibile e affidabile che la Puglia abbia mai avuto!, conclude Zullo.

Bari '19: Pani e Lattanzio incontrano la cittadinanza sabato 9 febbraio


BARI - Per gli esponenti e gli attivisti del Movimento 5 Stelle continuano gli incontri con la cittadinanza nei quartieri di Bari, il prossimo appuntamento è fissato per sabato 9 febbraio dalle ore 10:00 al quartiere San Paolo di Bari in strada Capo Scardicchio (strada che porta verso l'Ospedale del San Paolo) con un gazebo per incontrare ed ascoltare la cittadinanza.

Durante l'incontro si discuterà della tanto attesa rotatoria annunciata dal 2005, prevista nei Piani Triennali, ma mai realizzata dalle amministrazioni comunali!

Parteciperanno all'evento Elisabetta Pani, Candidata sindaca M5S - Bari 2019  e il portavoce parlamentare Paolo Lattanzio (Camera dei Deputati). Saranno presenti anche i portavoce Comunali e Municipali del M5S Bari.

Ex Ilva, sequestrate colline ecologiche. "Governo e Arcelor Mittal facciano la propria parte"

TARANTO - Tre collinette 'ecologiche', estese su un'area di circa 9 ettari, che erano state realizzate per mitigare gli effetti dell'inquinamento e delle emissioni odorigene del polo siderurgico ex Ilva, ora ArcelorMittal, sono state sequestrate dai carabinieri del Noe di Lecce.

L'ass. Borraccino interviene sul caso dell'ex Ilva. "Dopo il sequestro, da parte della Procura di Taranto, delle collinette ecologiche che Ilva aveva realizzato perché avrebbero dovuto mitigare l'impatto ambientale verso la città, serve un intervento chiaro da parte del Governo. Le analisi dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente - prosegue Borraccino - dimostrerebbero che questi enormi cumuli sono paragonabili a delle discariche abusive. Auspico un rapido ed efficace intervento del Governo per consentire alla città di Taranto, ed al territorio jonico, di eliminare ogni rischio che potrebbe nuocere alla salute pubblica. Rivolgiamo ad Arcelor Mittal l'invito ad essere quanto più responsabile possibile ed attenta a questi temi. Occorre affrontare seriamente il discorso delle bonifiche non più procrastinabile", conclude Borraccino.

MAZZARANO: "CANCELLARE SUBITO NORMA IMMUNITA' PENALE" - “Arcelor Mittal ha il dovere di rimuovere con urgenza il potenziale inquinante prodotto dalle colline ecologiche realizzate a ridosso del rione Tamburi, che come hanno stabilito i carabinieri dopo il sequestro, sono una vera e propria bomba ecologica”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale del Pd, Michele Mazzarano, alla luce del sequestro operato dai militari del Noe, che ieri hanno posto i sigilli alle cosiddette collinette ecologiche dell’Ilva.

“Non è tollerabile scoprire che un’opera spacciata dall’Ilva come barrieramento per tutelare i cittadini dalle polveri sottili - ha aggiunto Mazzarano - fosse in realtà una clamorosa presa in giro, un vero e proprio attentato alla salute pubblica”. “Auspico che, anche alla luce di questi nuovi accadimenti - ha concluso Mazzarano - il governo italiano rimedi agli errori fatti finora, cancellando innanzitutto la norma che consente di godere dell’immunità penale a chi si rende protagonista di questi crimini”.

Salvini: "Vi auguro un buon Sanremo, so che lì non mi amano "


TERNI - "Vi auguro un buon Sanremo, so che lì non mi amano, però ormai canto sempre sotto la doccia 'Questo piccolo grande amore'. Così Il Ministro dell'interno Matteo Salvini scherza con i sostenitori di Terni. Fonte Facebook: Matteo Salvini


Tav, Salvini: "Bizzarro che Francia abbia dossier e io no". Toninelli: "Aspetti"


ROMA - Matteo Salvini va all'attacco sulla Tav. Il vicepremier è pronto a querelare chi parla di voto di scambio Tav-Diciotti e critica la consegna ai francesi dell'analisi costi-benefici della Tav prima di renderla nota ai partner di governo. "Da vicepresidente del Consiglio che rappresenta gli italiani non ho l'esame costi-benefici sulla Tav, ma ce l'hanno a Parigi. Non ne so nulla, non ho visto nemmeno una pagina. È abbastanza bizzarro", ha commentato Salvini l'invio del dossier sulla Torino-Lione alla Francia da parte del ministero dei Trasporti, nel corso di una visita a Terni.

E il ministro Toninelli sgombra il campo dagli equivoci. '"Oggi consegniamo il dossier sui costi-benefici alla commissione Ue. Matteo avrà un po' di pazienza e attenderà 24 ore", prima di vederlo. Lo afferma il ministro per i Trasporti a margine del flash mob per il restituion day. "Abbiamo dato la relazione prima alla Francia perché si tratta di un trattato internazionale. Matteo deve avere ancora un po' di pazienza, quando sarà il momento gliela porterò io personalmente in busta chiusa", spiega ancora il titolare del Mit.

Scilipoti Isgrò (FI): "Governo Conte come Maduro"


ROMA - "Il Governo Conte ha posto l' ennesimo voto di fiducia, questa volta sul dl semplificazioni. E' segno di debolezza da parte di un esecutivo che, almeno sulla carta, non dovrebbe temere sorprese o imboscate. Il prolungato ricorso al voto di fiducia rappresenta un esproprio delle prerogative del Parlamento, davanti al quale ogni democratico deve esprimere sdegno . In tutta sincerità non vi è molto da stupirsi, visto che il Governo, non ha preso le distanze, come altri Paese europei hanno fatto, dal dittatore del Venezuela Nicolas Maduro. Con il ricorso alla fiducia Conte fa come Maduro, annulla ed umilia la democrazia": lo dichiara in una nota il senatore di Forza Italia e Presidente di Unione Cristiana Domenico Scilipoti Isgrò.

Puglia: oltre 8 milioni dalla Regione per gli impianti sportivi di 102 Comuni

BARI - Sono stati firmati oggi in Fiera 102 disciplinari per il potenziamento e la realizzazione di impianti sportivi comunali. Sono intervenuti i Sindaci e i delegati di tutti i Comuni che hanno partecipato al bando promosso dalla Regione.

“Mi congratulo con i Sindaci per la rapidità e l’efficienza con le quali hanno impiegato gli oltre otto milioni di euro messi a disposizione dalla Regione per rafforzare l’impiantistica sportiva. Si tratta di un intervento di grande valore perché gli impianti non servono solo alle società sportive, che in maniera eroica portano avanti la loro attività in mezzo a tante difficoltà, ma servono anche per dare la possibilità di migliorare quei contenitori sociali che si usano per tante iniziative:  ad esempio, per fare riunioni sulla legge per la partecipazione, che ci sta dando tante soddisfazioni, per fare piccoli spettacoli, tenere eventi legati alle scuole, per organizzare manifestazioni culturali o di natura artistica” ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. “Non ci sono precedenti di politiche di questo genere in Regione Puglia – ha aggiunto Emiliano - è la prima volta che la Regione destina tante risorse allo sport e di questo bisogna dare atto all’Assessorato e agli uffici regionali per il grande lavoro fatto insieme agli uffici di tutti i Comuni”.

L’assessore allo Sport Raffaele Piemontese ha dichiarato: “La Regione Puglia per la prima volta ha finanziato con oltre otto milioni e mezzo di euro 102 impianti sportivi pubblici dei Comuni della Regione Puglia. Quindi è una ristrutturazione dell'impiantistica sportiva e riteniamo che questi siano contenitori sociali utili per poter dare l'opportunità a tutti i cittadini pugliesi di fare sport all’interno di strutture comunali. Significa anche dare socialità, significa fare in modo che i cittadini possano fare sport per avere migliori stili di vita nei quartieri popolari, nei quartieri di periferia e avere modelli positivi anziché modelli negativi. È un investimento soprattutto sociale che abbiamo fatto in maniera imponente perché lo sport significa vita”.

Ha aggiunto la dirigente regionale Francesca Zampano che “oggi si sottoscrivono i 102 disciplinari relativi agli importi ammessi a finanziamento nel bando per i contributi per l'adeguamento degli impianti sportivi comunali. Si tratta complessivamente di 8 milioni 565 mila euro di risorse finanziarie sul bilancio autonomo, di cui circa 7 milioni e mezzo già impegnati in favore dei 102 comuni che hanno presentato istanza e sono stati ammessi a finanziamento. L’importo ammissibile per ciascun contributo è di 100.000 euro: abbiamo un plafond di interventi vario, che va da realizzazioni da 6.7 milioni e quindi con contributi di cofinanziamento importanti da parte degli enti locali, a piccoli interventi di manutenzione ordinaria. L’obiettivo è quello di cominciare a intervenire sulla riqualificazione funzionale degli impianti che sono patrimonio degli enti locali del territorio per renderli più fruibili e a disposizione a beneficio dell’intera popolazione”.

Pesca, M5S: “Sosteniamo i pescatori che protestano contro le norme europee e la legge 154/2016 a firma Pd”


BARI - “Il comparto della pesca è vitale per la Puglia, per questo non possiamo che sostenere i nostri pescatori e chiedere una modifica delle norme europee, che penalizzano soprattutto chi pesca nel basso Adriatico e nello Jonio”. Lo dichiara il consigliere del M5S Mario Conca.

“Se i pescatori sono in questa situazione è anche a causa dei precedenti Governi - continua il pentastellato - la legge 154 del 2016, votata da Renzi e da Martina, è una condanna che sta ammazzando una categoria intera. Sanzioni che non potrebbero essere superiori di 5 volte il valore del pescato, nei fatti vanno dai 4mila ai 75mila euro, 88 volte in più rispetto alla media europea. I mari del sud hanno dalle sessanta alle novantadue specie di pesce vendibili, molte delle quali, però, più piccole delle maglie delle reti che i pescatori sono costretti ad utilizzare per legge. Le capitanerie applicano le leggi e le marinerie sono inermi e stanno legittimamente protestando perchè non riescono a sfamare le proprie famiglie. Le reti previste dal legislatore vanno bene per i mari del nord, dove il pescato è di taglia più grossa, ma sono inutilizzabili nei mari del sud. I pescatori devono far fronte a sedici adempimenti giornalieri che ne  limitano l'attività e ne fanno scemare la redditività con sanzioni assurde. Se un peschereccio dimentica di fare la chiamata alla capitaneria, e può succedere, si becca una sanzione di duemila euro. Vanno cambiate le norme europee e, in attesa della modifiche alla sciagurata legge del 2016, per cui i nostri parlamentari si stanno impegnando, sospendere le sanzioni come chiesto dai sindaci per evitare problemi di ordine pubblico. Bisogna consentire - conclude Conca - l'utilizzo di reti a maglie piccole e ridurre le multe, derogando da subito per il basso Adriatico e il mar Jonio. I pescatori non sono soli e a tutti i livelli istituzionali c’è il massimo impegno per poterli mettere nelle condizioni di lavorare al meglio, per aiutarli a superare la parcellizzazione e a diversificare".

Gazzetta del Mezzogiorno, Congedo e Gemmato (Fdi): "I commissari sapranno ben gestire"


BARI - "Siamo certi che i commissari sapranno gestire al meglio l'azienda e che i giornalisti e i collaboratori de La Gazzetta del Mezzogiorno potranno finalmente trovare pace". È il commento del consigliere e coordinatore regionale di Fratelli d'Italia Erio Congedo e del deputato pugliese Marcello Gemmato. "Anche questa settimana, per tre giorni, i lettori del sud Italia non potranno usufruire del servizio di informazione di una delle più grandi testate giornalistiche del Mezzogiorno. Ci auguriamo che presto le criticità possano rientrare e che vengano garantiti i diritti e la dignità dei lavoratori".

Savona alla Consob, Pd: "Incompatibile"


ROMA - Sarà Paolo Savona il nuovo presidente della Consob. Dopo le ripetute indiscrezioni trapelate fino a ieri, è arrivata l'ufficialità della nomina dell'attuale Ministro per gli Affari Europei al vertice della Commissione nazionale che vigila sul regolare andamento borsistico in Italia.

Il dicastero vacante sarà affidato ad Interim all'attuale presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte.

Attacca il Pd: "Il ministro Savona non può fare il presidente della Consob, il governo non può ignorare le leggi. Le ragioni di incompatibilità di Savona sono diverse". Lo dichiara Simona Malpezzi, vicepresidente del gruppo dem a Palazzo Madama.

"Il ministro - sottolinea - ha lavorato fino a maggio 2018 per il fondo Euklid, quindi per un soggetto vigilato da Consob, in più risulta in conflitto con le leggi Madia e Frattini. Se il Cdm approvasse la nomina, pur in presenza di tali incompatibilità, ci troveremmo di fronte ad una situazione gravissima e senza precedenti".

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Bricolage Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia