Visualizzazione post con etichetta Taranto. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Taranto. Mostra tutti i post

A Taranto un nuovo aiuto contro l’usura e il racket

TARANTO - A causa della crisi anche a Taranto sono sempre più i privati cittadini, ovvero artigiani, agricoltori e commercianti, che non riescono a onorare i propri debiti, una situazione disperata che, nei casi più estremi, può spingere persino al suicidio.

Eppure esiste una via di uscita legale: la Legge 3/2012, la cosiddetta “Legge salva suicidi” emanata proprio per risolvere le crisi da sovraindebitamento.

La legge 3/2012 prevede, infatti, la possibilità di rivolgersi al Tribunale a seguito di una crisi da sovraindebitamento: in caso di situazione di effettiva difficoltà economica, accertata dal giudice e dall’esperto contabile, il debitore può proporre ai creditori – privati, banche o Equitalia – un “piano di rientro” che tiene conto delle sue reali possibilità economiche e disponibilità patrimoniali.

In questa fase della procedura viene assistito da uno degli Organismi di Composizione della Crisi (OCC) accreditati dal Ministero della Giustizia, composti da professionisti le cui capacità e sensibilità giocano un ruolo fondamentale per la migliore riuscita dell’operazione.

Sul nostro territorio opera l’OCC (Organismo di Composizione della Crisi) “I Diritti del Debitore Segretariato Sociale del Comune di Torricella” che ha anche una sede operativa a Taranto; questo OCC è iscritto dal Ministero della Giustizia al n.217 del Registro Organismi deputati a gestire procedimenti crisi da sovraindebitamento Art 4 DM 202/2014.

L’iniziativa è stata presentata dal presidente, il commercialista Giuseppe Gianfreda, in occasione di un corso di approfondimento sulla “Legge salva suicidi” tenuto, presso la sede tarantina dell’organismo, dal dottore Alessandro Salvatore di Catania, uno dei massimi esperti nazionali della materia.

«Il nostro Organismo di Composizione della Crisi – ha spiegato il presidente Giuseppe Gianfreda – è composto da professionisti di comprovata esperienza che hanno sviluppato una particolare sensibilità e disponibilità nei confronti di chi vive il disagio di un sovraindebitamento, non a caso il nostro è un “Segretariato sociale”, distinguendosi così da altri OCC: la nostra mission principale, infatti, è la tutela dei diritti del debitore sanciti dalla Legge».

«Nel percorso previsto dalla Legge Salva Suicidi il ruolo dell’OCC è fondamentale – ha poi detto Giuseppe Gianfreda – perché da un lato deve disporre di professionalità di elevatissimo livello, in grado di analizzare la documentazione sulla situazione debitoria e relazionarsi con il magistrato, da un altro deve saper approcciare con il dovuto tatto il debitore: spesso, infatti, si tratta di persone terrorizzate che vivono il loro dramma in solitudine, vittime dei metodi “poco ortodossi” utilizzati per costringerli a pagare i debiti».

Giuseppe Gianfreda ha concluso annunciando che «l’OCC “I Diritti del Debitore Segretariato Sociale” ha avviato accordi di collaborazione con organizzazioni di volontariato del territorio che condividono questo approccio “sociale”: l’associazione di volontariato “Securitas Mundi” e l’Associazione “AntiRacket Taras” che gestisce da anni in Città Vecchia a Taranto lo Sportello Comunale Anti Racket-Usura».

Presente all’incontro, infatti, anche il commercialista Alfredo Cerabino, presidente dell’associazione “Securitas Mundi”: «abbiamo già aiutato numerose persone che, non riuscendo più a onorare i propri debiti, vivevano una situazione disperata – ha raccontato il dottor Alfredo Cerabino – uomini e donne spesso vessati da personaggi senza scrupoli che avevano imposto loro tassi usurai: grazie alla Legge salva suicidi oggi stanno uscendo da questo incubo!»

Tutti gli interessati possono rivolgersi alla sede tarantina dell’OCC il Segretariato Sociale “I Diritti del Debitore“, in via Anfiteatro n.5 (info 0997387192 o mail occtorricella@libero.it) dove riceveranno una consulenza, gratuita e senza impegno alcuno, da parte di professionisti che potranno valutare la possibilità di applicare i benefici della Legge 3/2012, la cosiddetta “Legge salva suicidi” per uscire da una situazione di sovraindebitamento.

La Legge 3/2012 “salva suicidi”

Le disposizioni della “Legge salva suicidi” si rivolgono ai soggetti non fallibili, ovvero privati che non svolgono attività professionale o imprenditoriale (o che, pur svolgendole, hanno contratto debiti per motivi estranei ad esse) e ad enti e imprese che svolgono piccole attività commerciali e che quindi sono escluse dalla possibilità di ricorrere alla Legge Fallimentare.

Non possono usufruire della “Legge salva suicidi” i soggetti sottoposti a procedure concorsuali, coloro che abbiano usufruito della legge negli ultimi 5 anni o che, pur ammessi ai benefici, ne sono decaduti per insolvenza.

Il piano prevede le scadenze e le modalità di pagamento dei creditori, suddivisi in classi, le eventuali garanzie rilasciate per l’adempimento dei debiti, le modalità per l’eventuale liquidazione dei beni; il piano, inoltre, può anche prevedere l’affidamento del patrimonio del debitore ad un fiduciario per la liquidazione, la custodia e la distribuzione del ricavato ai creditori.

Per la redazione del piano di rientro il debitore è obbligato ex lege a fornire tutta la documentazione necessaria per la quantificazione del debito e mettere a disposizione i propri beni e patrimonio: la procedura prevista dalla Legge 3/2012 è complessa e richiede, per il professionista incaricato, la perfetta conoscenza della posizione debitoria di chi vuole accedervi.

In base alla Legge 3/2012 i creditori non riceveranno l’intera somma cui hanno diritto, ma solo la parte che realisticamente il debitore può permettersi di pagare.

Tra i creditori si possono annoverare anche le banche: se, a titolo esemplificativo, un privato ha contratto un mutuo di 100.000 euro che non riesce più a pagare a causa di un’effettiva difficoltà economica, egli può proporre all’istituto una riduzione della somma. Molto spesso alla banca, a causa della crisi del settore immobiliare, converrà raggiungere un accordo con il cittadino piuttosto che vendere l’immobile all’asta. Lo stesso discorso vale per Equitalia che, non potendo effettuare un pignoramento sulla prima casa, così riuscirebbe a rientrare in possesso almeno di una parte della somma.

Per quanto riguarda i fornitori, la legge salva-suicidi prevede delle agevolazioni fiscali in quanto questi percepiranno delle cifre inferiori rispetto a quelle pattuite precedentemente.

La “Legge salva suicidi” L. 3/2012 stabilisce tre diverse modalità di assolvimento dei propri doveri nei confronti dei creditori, ovvero:

- piano del consumatore: è il debitore, ovvero il privato cittadino, a proporre un piano di pagamento rateizzato dell’importo dovuto ai creditori; la proposta dovrà essere omologata dal Tribunale;

- accordo del debitore: enti e imprese non fallibili, ma anche privati cittadini, presentano il proprio piano di pagamento che dovrà essere accettato dal 60% dei creditori ed omologato dal Tribunale;

- liquidazione del patrimonio: il debitore cede il proprio patrimonio per il pagamento del debito, nella misura delle proprie reali disponibilità. I beni esclusi dalla cessione al creditore sono quelli non pignorabili, i crediti necessari per alimentazione e mantenimento, e quelli derivati da stipendio nella misura di quanto necessario per il mantenimento della famiglia.

Mottola: le serenate nel borgo medievale aprono il festival


MOTTOLA (TA) - Le musiche dal mondo in una sola sera: sabato Mottola si veste a festa e regala grandi suggestioni con le ‘Serenate’ nel centro storico medievale Schiavonia. Un viaggio tra pop rock o melodie spagnole, tango o latin jazz: cinque in tutto le postazioni all’aperto in cui si alterneranno tantissimi artisti, con i loro repertori più belli. I concerti si snoderanno tra vicoli e piazzette, dando la possibilità ai visitatori di scegliere un percorso musicale personalizzato. Non a caso, ‘Serenate’ è a tutti gli effetti uno degli appuntamenti più seguiti del Festival Internazionale della Chitarra- città di Mottola. Se il Festival quest’anno raggiunge il traguardo delle 27 edizioni, per questo evento nell’evento sono ben 20, a dimostrazione della formula particolarmente apprezzata.

Ci saranno i Radicanto con l’omaggio a Domenico Modugno ‘Un sogno così’, con la voce narrante di Maria Giaquinto, le chitarre di Giuseppe De Trizio e Adolfo La Volpe e le percussioni di Francesco De Palma; mentre El Barrio Libertad (Teresa Barbieri, voce, baile e palmas, Dario Fraccalvieri chitarra flamenca e palmas e Giovanni Chiapparino, cajon, percussioni e palmas) proporrà un imperdibile repertorio di flamenco.

Giuseppe D'amati (voce e chitarra), Giuseppe Giannotta (piano) e Nicolò Dipace (basso) riuniti nel loro Robadamati Trio proporranno una musica social e Paolo Zappi- voce, chitarra e loop- un pop rock. Tocchi di Spagna, invece, con il Duo RiGa e le chitarre di Riccardo Calogiuri e Gabriella Lubello e di tango con Le 13- le tre donne chitarriste (Silvia Boccadamo, Carla Canitano, Maria Luisa Petrelli) e i tangueros Mariano Pendinelli e Francesca Rizzello.

Grande energia con l’Euroband Murgia's Street Band e il latin jazz di Maurizio Di Fulvio Trio (Alessia Martegiani alla voce, Maurizio Di Fulvio alla chitarra e Ivano Sabatini al contrabbasso). Infine ci sono loro: i ragazzi di Euro Strings, la rete di festival che mette insieme le migliori rassegne europee. Sul palco Yuki Saito, Misael Barraza Diaz, Emmanuel Sowicz e Radu Valcu.

L’ingresso è libero. Unico suggerimento: la puntualità, per poter godere al meglio dei concerti che inizieranno dalle 20:30. In ogni location, gli artisti si alterneranno con dei programmi musicali da 40 minuti. Come sempre, saranno a disposizione numerosi posti a sedere e le mappe con orari e luoghi delle esibizioni.

Il Festival è organizzato dall’Associazione Accademia della Chitarra con il supporto di Unione Europea, Regione Puglia, Comune di Mottola, Lions Club Massafra-Mottola “Le Cripte” e Pro Loco. Info: www.mottolafestival.com e 346. 2264572.

Ilva: Fabio Riva assolto a Milano

MILANO - Arriva l'assoluzione dall'imputazione di bancarotta fraudolenta per Fabio Riva. Il Gup di Milano Livia Castellucci ha assolto oggi "perché il fatto non sussiste" l'ex vicepresidente dell'Ilva dal capo di accusa per il dissesto del gruppo siderurgico e di Riva Fire, società controllante all'epoca del fallimento. A riferirlo fonti giudiziarie al termine del processo con rito abbreviato cui Riva ha avuto accesso dopo aver cercato per due volte di patteggiare, vedendosi bocciare come non congrua la proposta di pena concordata.

Da questo procedimento erano già usciti altri due membri della dinastia Riva, Adriano e Nicola, grazie a due patteggiamenti rispettivamente da 2 anni e sei mesi e 3 anni.

Il patteggiamento di Adriano Riva, nel frattempo deceduto, era arrivato dopo la volontà di far rientrare in Italia oltre 1,2 miliardi di euro rintracciati dalla procura in alcuni trust basati sull'isola di Jersey, nel canale della Manica. Soldi che, secondo l'accusa, sarebbero stati sottratti alla società negli anni, e che sono stati vincolati per buona parte al risanamento ambientale del sito di Taranto.

L'assoluzione di Fabio Riva - che a suo carico per la vicenda Ilva ha anche una condanna definitiva a 6 anni e tre mesi per truffa ai danni dello Stato - secondo i suoi legali Salvatore Scuto e Gian Paolo Del Sasso non cambierà la sorte dell'accordo transattivo sugli 1,2 miliardi.

Taranto, Emiliano consegna nuove case popolari: "Finalmente queste famiglie hanno una casa per coltivare la loro felicità"

MONTEIASI (TA) - “Siamo a Monteiasi, abbiamo appena consegnato le nuove case popolari. Erano bloccate da molti anni ma l'Arca Ionica, guidata dall'avvocato De Candia, è riuscita a rimettere in moto tutto e con il direttore dei lavori, l'architetto Alfieri, e l'aiuto del Sindaco ha realizzato in poco tempo un ottimo lavoro. Vedere tutte queste famiglie che finalmente hanno una casa che consenta di coltivare la loro piccola felicità, mette energia e voglia ancora di combattere per tutti voi”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano nel corso della consegna di 12 nuovi alloggi ERP a Monteiasi (Ta), a cura dell’agenzia regionale per la casa e l’abitare Arca Ionica. Queste case, assegnate secondo regolare graduatoria del Comune, erano attese da oltre trent’anni.

“Sono felice - ha proseguito Emiliano - di potere consegnare queste case popolari che non sono la soluzione dell'emergenza abitativa, ma rappresentano comunque una piccola goccia nell'oceano. E di piccole gocce è fatto il mare quindi il fatto che stiamo tanto insistendo - questa è la seconda consegna di case popolari nella provincia di Taranto in pochi giorni e altre ne seguiranno - è anche un modo per stimolare tutti i Sindaci a fare proposte di accordi pubblico-privato che possano dare all'housing sociale una dimensione maggiore".

"L’housing sociale è un modo per dare a famiglie con redditi non coerenti con l'affitto a mercato, la possibilità di avere una casa. C'è gente che non è felice mai, nonostante ricchezze e poteri enormi. E poi ci sono gli sguardi di queste persone che prendono possesso finalmente della loro casa. Mi auguro che oggi possa cominciare una piccola felicità anche per queste famiglie”. Alla consegna ha partecipato anche l’assessore Mino Borraccino.



Verso Taranto 2025: nasce il Master in Management e Diritto dello Sport

TARANTO - L’obiettivo è creare i manager sportivi del futuro, in vista della candidatura di Taranto a sede dei Giochi del Mediterraneo 2025. Parte dallo Jonio un percorso post universitario di I livello finalizzato a formare figure professionali in grado di rispondere alle esigenze operative provenienti dal settore.

Nasce dalla forte intesa tra Università LUMSA – Edas Taranto e Scuola dello Sport Coni il master in Management e diritto dello Sport che verrà presentato in conferenza stampa sabato 6 luglio alle ore 10:00 presso la sede LUMSA in piazza Santa Rita a Taranto. All’incontro con i giornalisti saranno presenti il direttore del Master prof. Antonio Panico, Elio Sannicandro, consigliere nazionale Coni, il presidente del Coni Puglia Angelo Giliberto e i componenti del comitato scientifico Dario Lupo, giudice d’appello Coni, e il procuratore federale Coni Michele Rossetti. Per il Comune di Taranto, l’assessore allo sport Fabiano Marti.

Il Master, che attribuisce 60 CFU, e che partirà nel prossimo anno accademico, si avvale di illustri docenti di fama nazionale e di esperti del mondo dello sport. Il percorso di studi è rivolto a coloro i quali siano in possesso di una laurea di I livello, interessati ad acquisire specifiche competenze in materia di management e diritto sportivo. I partecipanti otterranno strumenti utili per assumere ruoli di responsabilità nel mondo dello sport a più livelli: da quello delle società professionistiche sino al mondo dell’associazionismo sportivo. Le lezioni si terranno a Taranto e prevedono stage, attività laboratoriali ed esperienza sul campo.

Borraccino, fiera aerospazio a Grottaglie: chiesta collaborazione a Governo


BARI - "Ho trasmesso una nota formale al Ministro dello Sviluppo Economico, on. Luigi di Maio, per chiedere la collaborazione del Governo italiano nella organizzazione di una grande fiera dell'Aerospazio da realizzarsi, nei primi mesi del 2020, presso l'Aeroporto di Grottaglie". Così l'assessore allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino.

"Come è noto, il settore dell'aerospazio in Puglia - prosegue - ha acquisito negli ultimi anni un ruolo strategico via via crescente per lo sviluppo dell'economia regionale, con la presenza di oltre 560 imprese (tra grandi multinazionali, PMI e start-up) che operano direttamente e indirettamente in questo campo, occupando oltre 7.550 addetti, molti dei quali dedicati ad attività di ricerca e innovazione.

Questo ruolo strategico per la Puglia viene riconosciuto, oggi, anche a livello internazionale come ho potuto constatare direttamente durante la partecipazione della Regione Puglia al "Paris Air Show", svoltosi a Parigi dal 17 al 23 giugno, evento durante il quale abbiamo presentato, dinnanzi a una platea composta dai principali operatori del settore su scala mondiale, i punti di forza del "Sistema Puglia" riscuotendo grande interesse e attenzione.

L'evento che intendiamo organizzare potrà rappresentare una straordinaria occasione per creare una rete di contatti e di opportunità di business fra il mondo delle imprese innovative e delle start up del settore aerospaziale con investitori italiani e internazionali, in modo da dare una ulteriore e significativa spinta alla crescita di questo comparto della nostra economia.

L'Aeroporto di Grottaglie rappresenta certamente la location ideale per questa iniziativa dal momento che è già sede di importanti insediamenti industriali e tecnologici, e costituisce un'infrastruttura strategica della rete aeroportuale regionale, gestita da Aeroporti di Puglia SpA. Come noto, il "Marcello Arlotta" vanta la più grande pista d'atterraggio d'Europa, ed è stato recentemente designato dal Governo Italiano e dall'Enac come sede del primo e unico spazioporto italiano, da cui potranno decollare orizzontalmente i vettori del futuro, nonché unica sede nel Sud Europa di un'area "Test Bed" per la sperimentazione delle nuove soluzioni aeronautiche, in particolare per i droni.

La fiera internazionale di Grottaglie alla quale stiamo già lavorando sarà caratterizzata da un ricco programma di esposizioni, convegni e workshop, cui seguiranno sessioni di incontri B2B e singole presentazioni delle aziende che avranno a disposizione spazi espositivi dove presentare idee e prodotti, incontrare le imprese partner e i potenziali investitori.

Per questo, vista l'importanza strategica che questo appuntamento può rivestire per lo sviluppo della Puglia, ho voluto proporre al Ministro Luigi Di Maio (dopo averne parlato, in occasione del Paris Air Show, anche con il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e con il Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta) di collaborare per la realizzazione di questo evento che, tra l'altro, si inserisce perfettamente nell'ambito degli obiettivi e degli interventi previsti dal Tavolo Istituzionale permanente per l'area di Taranto, coordinato dallo stesso Ministro Di Maio, senza dimenticare che l'Aeroporto di Grottaglie rientra nella ZES Ionica di recente istituzione e rappresenta certamente uno snodo di fondamentale importanza anche per questo.

Auspico, pertanto, nel pieno rispetto del principio di leale collaborazione tra diversi livelli di governo, che il Ministro per lo Sviluppo Economico assicuri il suo contributo, anche attraverso il coinvolgimento dell'ICE, l'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, dal momento che sono certo che dalla buona riuscita di questo evento potranno esserci significative ricadute positive per il territorio nonché per l'immagine della Puglia e dell'Italia nel mondo", conclude Borraccino.

Calcio, Taranto: Ragno nuovo allenatore, acquistati Genchi e Guaita


di FRANCESCO LOIACONO - In serie D Nicola Ragno è il nuovo allenatore del Taranto. Una scelta questa del presidente Giove che potrebbe rivelarsi determinante. Ragno infatti qualche anno fa portò il Bisceglie alla promozione in C. Ingaggiati l’attaccante Genchi, 33 anni e la punta argentina Guaita sempre di 33 anni dal Potenza. Interesse per il difensore Allegrini del Cerignola. Contatti col Mantova per il mediano Manzo. 

Trattativa col Nardò per il centrocampista Versienti. Sembra difficile i ripescaggio degli jonici in C a meno che dopo il 12 luglio ci siano molte mancate iscrizioni per motivi economici. Solo in quel caso i ripescaggi per i quali c’è tempo fino al 4 luglio, potrebbero essere riaperti con nuovi termini. Presto sarà definita la sede del ritiro precampionato e la data in cui sarà lanciata la campagna abbonamenti. Sarà allestita una squadra competitiva per puntare alla corsa verso la promozione in C.

14enne aggredito per strada: arrestato presunto aggressore

di PIERO CHIMENTI - Episodio di bullismo nel tarantino, dove un ragazzo di 14 anni è stato aggredito con pugni e calci mentre era in una strada di Pulsano dove la vittima ha dei parenti, procurandogli la frattura del setto nasale, un'ematoma ad un occhio e la rottura di due denti. L'aggressione, avvenuta per futili motivi, avrebbe visto protagonisti un suo coetaneo, individuato dai carabinieri, spalleggiato da altri minorenni.

Ex Ilva, Lezzi: "Respingere privilegi, no a ripristino immunità"


ROMA - “È doveroso respingere, con serietà e responsabilità, la spinta verso la conservazione di privilegi inaccettabili quali il ripristino dell'immunità per Arcelor Mittal. Non esiste alcun precedente di questo genere e mi auguro che nessuno voglia svendere un'intera città come ha fatto il governo Renzi. Arcelor non ha nessuna ragione di aver timore se prosegue con gli impegni che ha assunto. La norma è chiara. Siamo il governo del cambiamento che deve assicurare equità. Coraggio e schiena dritta”.
Lo scrive su Facebook il ministro per il Sud Barbara Lezzi.

Bulli a Manduria, gli psicologi pugliesi: “Emergenza sociale”


BARI - Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene in relazione agli sviluppi delle indagini sui fatti di Manduria, che hanno portato al fermo di altri giovani, in particolare minorenni, e ribadisce la ferma convinzione della necessità di attività di prevenzione nelle scuole, nei Comuni, nel territorio. “Nella scuola bisogna aumentare spazi relazionali, di socializzazione, avviare percorsi di educazione alla legalità, alla socioaffettività con il gruppo classe”. “Nei Comuni, nel territorio, c’è la necessità di azioni di sostegno alle famiglie durante tutte le fasi evolutive”, sottolinea il presidente degli psicologi pugliesi.

“Non si può e non si deve più parlare di noia, è diseducativo anche solo accettare questa ipotesi”, prosegue Di Gioia. “E' anche venuto meno il senso di rispetto del prossimo, di tolleranza, vi è più la tendenza ad esaltare l'io, l'individualismo, la competizione a scapito del riconoscimento dell'alterità. Non ci si pone un limite, si è decisi a superarlo per ricoprire un ruolo di leadership negativa all’interno del gruppo, calpestando qualsiasi sentimento che rimandi alla tolleranza, alla coesione, allo stare bene insieme”.

“La comunità fino ad alcuni anni fa censurava comportamenti a rischio”, aggiunge il Consigliere dell’Ordine degli Psicologi Antonio Calamo Specchia. "Oggi prevale il senso di vergogna o addirittura la tendenza a giustificare. È necessario lavorare per ripristinare il senso di coesione delle nostre comunità attorno a dei valori condivisi, primo fra tutti il rispetto dell’altro”, conclude Calamo Specchia.

“Gli psicologi possono operare nella scuola, nei Comuni, a disposizione della cittadinanza per intervenire prima in situazioni particolari come questa, con il coinvolgimento dei Servizi territoriali”, conclude Di Gioia. “I ragazzi coinvolti in questa triste vicenda saranno certamente supportati da colleghi qualificati, a disposizione delle autorità che stanno lavorando sul caso”.

ArcelorMittal, Congedo e Gemmato (Fdi): "Di Maio incapace di gestire vertenza"


di REDAZIONE - L'incapacità del ministro Di Maio e del M5S nel gestire la vertenza ex Ilva rischia di avere conseguenze drammatiche sulla delicata questione che abbraccia più fronti: ambientale, dell'intero indotto, del tessuto sociale e dello sviluppo economico e produttivo del territorio tarantino. Proprio l'incapacità di gestire i rapporti e le trattative, l'incompetenza tematica e strategica, hanno portato inevitabilmente a una condizione di attrito tra le parti, con la minaccia di chiusura dell'impianto, il 6 settembre prossimo, giunta ieri dall'ad di ArcelorMittal. Il Governo registri le richieste delle parti e si impegni nel minor tempo possibile a trovare una soluzione: l'eventuale protrarsi delle condizioni attuali rischia di sfociare in uno scontro sociale che il territorio tarantino, già vessato dalla vicenda, non merita. Così Erio Congedo, consigliere regionale, e Marcello Gemmato, deputato pugliese di Fratelli d'Italia, in una nota diffusa alla stampa puglise nella giornata di giovedì 27 giugno 2019.

Enogastronomia: la qualità secondo Filippo Bartolotta


TARANTO - Il vino e la qualità secondo il sommelier Filippo Bartolotta. Intervista a cura di Edoardo Giacovazzo a margine della V Edizione del Due Mari WineFest di Taranto. Montaggio video a cura di Daniele Martini.

Punto nascita di Castellaneta, Inac Due Mari: "Scongiurare la chiusura"


BARI - "Le insistenti voci che circolano ormai da giorni in merito al rischio di chiusura del Punto Nascita dell'Ospedale San Pio di Castellaneta sono inquietanti e stanno generando non poco allarme. In quanto Presidio Ospedaliero Occidentale, il bacino d'utenza è compreso in una vasta area della provincia di Taranto. Ancora una volta la scure dei tagli si abbatterebbe su servizi indispensabili per la popolazione di tutta una zona che sarebbe ulteriormente penalizzata da questo provvedimento, finora soltanto ventilato, ma nell'aria da troppo tempo": Inac Due Mari esprime preoccupazione per la paventata sospensione delle attività nel reparto di Pediatria per tre mesi, a partire dal primo luglio, che potrebbe rappresentare l'anticamera della soppressione. Il Patronato dell'Area Brindisi-Taranto promosso dalla Cia-Agricoltori Italiani che tutela i diritti previdenziali, sociali e sanitari teme che la notizia, fin qui ufficiosa, possa rivelarsi fondata alla luce della carenza di organico.

"Chiediamo all'Asl di Taranto di fare chiarezza e rassicurare i cittadini. Il territorio non può pagare lo scotto di sciagurate politiche che hanno determinato un'insufficienza di specialisti - afferma il direttore provinciale CIA Due Mari Vito Rubino - Già cinque anni fa circolarono indiscrezioni, poi fortunatamente disattese nei fatti, e anche allora a traballare fu proprio il Punto Nascita. E ancora, quasi due anni fa la mancanza di anestesisti fu all'origine di uno stop degli interventi, fino a mandare in tilt tutto il reparto di chirurgia. La verità è che l'Ospedale di Castellaneta non ha mai avuto personale medico a sufficienza per funzionare come dovrebbe. E in ballo c'è sempre la salute dei cittadini. Siamo stanchi dei proclami per poi assistere al graduale impoverimento di quello che, lo ricordiamo, su carta, è un ospedale di primo livello. È il momento che anche la Regione Puglia che ha sempre espresso la volontà di potenziare l'ospedale di Castellaneta, considerato dallo stesso Governatore un riferimento per il territorio e un’eccellenza in molti campi, faccia concretamente la sua parte affinché sia garantita l'efficienza e, una volta per tutte, la struttura venga davvero rafforzata". 

Un nuovo ambulatorio di Emodialisi a Castellaneta: oggi la posa della prima pietra

CASTELLANETA (TA) - Si è tenuta questa mattina, alle ore 10.30, la posa della prima pietra per la costruzione del nuovo ambulatorio di Emodialisi realizzato dall'Ospedale "F. Miulli" nella città di Castellaneta (TA). Per l'occasione sono intervenuti S.E. Mons. Giovanni Ricchiuti (Governatore E.E. Ospedale “F. Miulli”) e S.E.R. Mons. Claudio Maniago per la benedizione di rito, nonché il sindaco di Castellaneta avv. Giovanni Gugliotti.

 L'edificio, situato in Via Mater Cristi n. 7, intende rispondere al fabbisogno sempre più impegnativo di salute per i pazienti in dialisi e sarà operativo dai primi mesi del 2020. Il lavoro del nuovo ambulatorio sarà realizzato in stretta coordinazione con l'Unità Operativa Complessa di Nefrologia e Dialisi del Miulli, diretta dal dott. Carlo Lomonte, e vedrà l'implementazione del servizio di dialisi domiciliare integrata.

Sono passati quasi trent’anni da quando l’Ospedale Miulli, con coraggiosa lungimiranza, avviò l’attività ambulatoriale di emodialisi aprendo proprio a Castellaneta un centro ad assistenza limitata. Grazie a questa attività è stato possibile garantire il servizio di emodialisi ai numerosi utenti che da quel territorio – comprendente Castellaneta, Mottola, Laterza, Ginosa, Palagiano e Palagianello – si recavano all'Ospedale di Acquaviva delle Fonti. Il centro è cresciuto negli corso degli anni sia per numero di pazienti che per prestazioni dialitiche, offrendo al territorio un servizio di alta qualità e professionalità nonché garantendo anche un’attività di visite specialistiche ambulatoriali.

Oggi, più che nel passato, in considerazione dell’aumento dell’età e della fragilità dei pazienti, si avverte l’esigenza di de-ospedalizzare i trattamenti dialitici, offrendo anche la possibilità di una dialisi domiciliare integrata. Grazie alla partnership con NephroCare, di concerto con le Istituzioni locali e regionali, l’Ospedale Miulli va ora a realizzare un nuovo e moderno servizio di dialisi ad assistenza decentrata. Lo spazio, dotato delle più moderne tecnologie, permetterà l’implementazione di tecniche dialitiche innovative e la possibilità di offrire trattamenti depurativi personalizzati, ritagliati sui bisogni e le preferenze del paziente.

Il centro di Castellaneta, che conterà 14 posti per la dialisi, copre una superficie di 766 mq, per un volume di progetto di 2.686 mc; la superficie verde che verrà realizzata è pari a 2.261 mq ed il parcheggio sarà di 230 mq. L'edificio, inoltre, può essere definito “a energia quasi zero”, in quanto sono rispettati tutti i requisiti di legge e gli obblighi di integrazione delle fonti rinnovabili. Le tecnologie verdi presenti constano di pannelli fotovoltaici, luci led, pannelli solari, pompa di calore con surriscaldatore e riutilizzo acque meteoriche per irrigazione.

Sanità, Perrini: "Smettetela con piccole inaugurazioni, Taranto ha bisogno di strutture d’eccellenza"


BARI - “Più che un invito questo è un monito che io rivolgo ai miei colleghi consiglieri regionali tarantini di maggioranza: evitate di fare campagna elettorale sulla Sanità, aprendo qui e là reparti o piccole nuove strutture solo per accontentare qualche amico e per sperare in un ritorno di consenso". Così il consigliere regionale di Direzione Italia, Renato Perrini.

"In questi ultimi tempi quasi ogni giorno - prosegue Perrini - assistiamo a un’inaugurazione dopo l’altra e sono seriamente preoccupato perché per me che continuamente ho monitorato la situazione sia strutturale sia assistenziale degli ospedali tarantini mi riesce difficile capire come si possano aprire nuovi reparti se poi non ci sono medici, infermieri e operatori socio-sanitari sufficienti per quelli che ci sono??? ".

"I miei colleghi che vanno a mantenere i nastri lo sanno che gli ospedali tarantini, e non solo questi, sono al collasso e come è possibile immaginare di aprire altri spazi sanitari… Il rischio è la paralisi completa. Taranto e il suo territorio ha bisogno di una Sanità di eccellenza e quindi strutture all’altezza non di ‘contentini’”, conclude Perrini.

Ultimatum di ArcerlorMittal: "Tutele o si chiude il 6 settembre"

TARANTO - E' aut aut di ArcelorMittal. O si trova una soluzione e permangono le tutele legali per l'attuazione del piano ambientale per l'ex Ilva di Taranto o chiuderà il 6 settembre: è netta la posizione dell'Ad di ArcelorMittal Europa, Geert Van Poelvoorde. A stretto giro la replica del vicepremier Di Maio: "Io non accetto ricatti. Qui la legge è uguale per tutti. Ilva resti aperta, non hanno nulla da temere, le soluzioni si trovano", ha detto, a quanto si apprende, in una riunione con i suoi collaboratori.

Nel frattempo Matteo Salvini rimarca anche su questo fronte una distanza tra Lega e M5s: "Io avrei lasciato la garanzia legale. Di Maio mi assicura che non rischia, io mi fido". E avverte: "Con 15 mila posti di lavoro non si scherza. Non si può cambiare un contratto in corso d'opera. Non ci possiamo permettere la chiusura", "gli imprenditori arrivati adesso hanno ereditato una situazione disastrosa e in nove mesi non possono sistemarla".

Serie D: il Taranto interessato a Giappone e Iadaresta


di FRANCESCO LOIACONO - A Taranto in D il presidente Giove è molto attivo sul calcio mercato. Potrebbe arrivare dal Marsala il portiere Giappone per il quale sembra raggiunto l’accordo con la società siciliana. Da definire l’intesa economica col calciatore. La società rossoblu jonica è interessata all’attaccante Iadaresta il quale dopo avere giocato in prestito nel Bari in D è tornato al Latina, compagine proprietaria del cartellino. Contatti col Cerignola per il centrocampista Longo. Da decidere l’eventuale conferma o no del centravanti Favetta. Se dovesse andare via dalla città dei due mari potrebbe essere ceduto al Brindisi in D. La punta Massimo è stata ceduta al Monterosi in serie D. Molto probabile che il nuovo tecnico sia Nicola Ragno che tre anni fa ottenne la promozione in C col Bisceglie. Da decidere l’avvio della campagna abbonamenti e il luogo in cui i pugliesi svolgeranno il ritiro precampionato.

Pensionato ucciso da baby gang: 9 nuove ordinanze, 8 sono minorenni

TARANTO - Nuove evoluzioni sul caso di Antonio Stano, il 65enne morto lo scorso 23 aprile a Manduria dopo essere stato picchiato e bullizzato da una baby gang a Manduria. La Polizia di Stato di Taranto e il Servizio Centrale Operativo di Roma hanno dato esecuzione a 9 ordinanze emesse dai Giudici per le indagini preliminari presso il Tribunale ordinario e quello per i minori nei confronti di un maggiorenne e di minorenni, ritenuti a vario titolo gravemente indiziati in concorso dei reati di tortura, lesioni, danneggiamento e violazione di domicilio aggravati, nei confronti dell'anziano vittima delle angherie della baby gang.

Il filmato si riferisce ad una delle aggressioni del periodo di Carnevale, contestate nei provvedimenti restrittivi notificati oggi a un maggiorenne e a otto minorenni. L'aggressione, portata a termine da una seconda baby gang, ha elementi in comune con quella precedentemente identificata dagli inquirenti, che aveva portato all'esecuzione di 8 fermi il 30 aprile scorso. Nel video si nota Stano sull'uscio di casa che grida: "Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza".

E poi lo scherno dei bulli. "Vedi che le persone dormono a quest'ora, sai?". E il pensionato cerca di attirare l'attenzione dei vicini gridando: "Sono solo, aiuto". La baby gang ripete: "Dai, la foto, mettiti in posa". E il 66enne: "Aiuto, aiuto". Seguono parole di scherno e insulti. Poi il telefonino che si abbassa al passaggio di un'auto, e l'incursione nell'appartamento. Si sentono nitidamente le urla di paura di Stano, che scappa nel corridoio. Poi viene colpito con le mazze.

Seimila firme contro ArcelorMittal


di PIERO CHIMENTI - Un esposto di oltre 6 mila firme è stato consegnato alla Procura della Repubblica di Taranto, dove sono denunciate con foto e video le emissioni cancerogene di ArcelorMittal; allegata alla documentazione anche la dichiarazione del Ministero dell'Ambiente per attestare con forza il rilascio da parte del siderurgico di emissioni non convogliate sia di giorno che di notte, soprattutto da parte di reparti come cokeria, Acciaierie e altiforni che nel 2012 sono stati sequestrati dalla magistratura.

Liviano: incontro con Gianrico Carofiglio

BARI - "Le parole sono pistole cariche" è il suggestivo tema dell'incontro con il magistrato e scrittore di fama internazionale Gianrico Carofiglio, ospite, venerdì 28 giugno, del consigliere regionale Gianni Liviano e dell'associazione "Le città che vogliamo". 

L'appuntamento è alle ore 19 al Molo Sant'Eligio (in corso Vittorio Emanuele II n. 1 in città vecchia a Taranto) per una conversazione sul potere del linguaggio che vedrà Carofiglio dialogare con il consigliere regionale Gianni Liviano. 

La comunicazione social, che con gli anni va sempre più massificandosi per la facilità di accesso a piattaforme come Facebook e Twitter (ma anche altre), finisce per esercitare una notevole influenza anche sul linguaggio. Ma, soprattutto, ha fatto sì che, molto spesso, le parole vengano utilizzate in maniera distorta e, a volte, triviale. 

Di qui l'idea, spiega il consigliere regionale Liviano, "di puntare l'attenzione su questo fenomeno e di farlo parlandone con chi delle parole ne ha fatto e ne fa un uso quotidiano. Per questo abbiamo pensato di invitare Gianrico Carofiglio". 

L'incontro di venerdì sera rientra nell'ambito di "Quando la politica è bella", percorso di formazione alla politica, organizzato da Liviano in collaborazione con "Le città che vogliamo", incentrato sul tema "La comunità" e che ha visto in precedenza gli interventi del caporedattore de Il Mattino, Marco Esposito, di mons. Francesco Savino, vescovo di Cassano allo Jonio, di mons. Giovanni Ricchiuti, vescovo di Acquaviva, del magistrato Armando Spataro, delle sorelle Andra e Tatiana Bucci, testimoni dell Shoah, e di Paolo Verri, direttore generale della Fondazione Matera2019. 

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Immobiliare Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia