Tennis: dall’11 al 18 Novembre a Londra le finali Atp

(Pixabay)
di FRANCESCO LOIACONO - A Londra in Inghilterra dall’11 al 18 novembre si svolgeranno le finali di tennis maschile ATP, tra i migliori otto giocatori in classifica al mondo. Si giocherà sul cemento alla “O2 Arena”. Lo spagnolo Rafa Nadal infortunato alla caviglia non parteciperà, al suo posto sarà in campo l’americano Isner. Nadal assente per dolori al ginocchio anche nel torneo di Parigi Bercy in Francia, vinto a sorpresa dal russo Karen Chacanov che ha sconfitto in finale 7-5 6-4 il serbo Djokovic, non è più il numero 1 della classifica ATP. Occupa il secondo posto.

Al vertice della classifica mondiale ATP c’è Nole Djokovic, terzo lo svizzero Roger Federer. Domenica 11 novembre il sudafricano Anderson affronterà l’austriaco Thiem, Federer dovrà vedersela col giapponese Nishikori. Lunedì 12 il tedesco Zverev giocherà contro il croato Cilic, e Djokovic con Isner. Martedì 13 Niskikori contro Anderson, e Cilic con Isner.

Mercoledì 14 Djokovic sfiderà Cilic, e Federer affronterà Anderson. Giovedì 15 Djokovic contro Zverev e Federer dovrà vedersela con Thiem. Venerdì 16 Thiem giocherà contro Nishikori e Zverev con Isner. Sabato 17 si disputeranno le due semifinali, e domenica 18 la finale.

Tar del Lazio respinge il ricorso dell’Entella: i liguri restano in serie C

(Pixabay)
di FRANCESCO LOIACONO - Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso dell’Entella che chiedeva di essere ammesso in serie B al posto del Cesena, penalizzato di 15 punti nella scorsa stagione per illecito amministrativo. La B resta a 19 squadre.

La società ligure aveva fatto ricorso al Tar del Lazio dopo il parere favorevole del Collegio di garanzia del Coni, il quale accogliendo l’istanza dell’Entella aveva deciso che la classifica di B della scorsa stagione doveva essere riscritta, e il Cesena nel frattempo fallito, e che sta giocando in D, doveva essere classificato all’ultimo posto al termine dello scorso torneo, per ammettere i liguri, che sono retrocessi in serie C.

La Lega di B e la Federcalcio, non hanno mai voluto applicare la sentenza del Collegio di Garanzia del Coni, in attesa di questa pronuncia del Tar Lazio. L’Entella dovrà continuare a giocare nel girone A di serie C. La Viterbese giocherà in questa stagione nel girone C.

Il presidente dell’Entella Gozzi chiederà un risarcimento in denaro alla Federcalcio. La situazione sembra definitiva per ora. Ma il 15 novembre ci sarà l’ultima pronuncia nel merito del Consiglio di Stato, che ha accettato il ricorso della Lega di B contro il ritorno della B a 22 squadre.

Giornata mondiale del diabete: al via eventi a Bari e in Puglia

(Pixabay)
BARI - A novembre tornano nelle piazze pugliesi gli stand della Giornata Mondiale del Diabete, principale campagna per la prevenzione e la diffusione delle informazioni sul diabete istituita nel 1991 dalla International Diabetes Federation IDF e dalla Wold Health Organization.

Medici, infermieri e volontari saranno a disposizione per distribuire materiale informativo, fornire consulenza medica e soprattutto per sottoporre gratuitamente i cittadini all’esame della glicemia, una semplice puntura sul dito per scoprire il livello degli zuccheri nel sangue.

La Giornata del Diabete, con oltre 500 eventi programmati in Italia e più di 30 in Puglia, vede il coinvolgimento dei diabetologi della SID (Società Italiana di Diabetologia), SIEDP e delle associazioni di persone con diabete. Gli eventi nella città di Bari sono coordinati dall’Unità Operativa dell’Università di Bari di Endocrinologia (prof. Francesco Giorgino) e dalla sezione pugliese della Società Italiana di Diabetologia (prof. Luigi Laviola) con i diabetologi del Policlinico e dell’Ospedale Giovanni XXIII (dott.ssa Elvira Piccinno, dott.ssa Marcella Vendemiale, dott.ssa Clara Zecchino, dott.ssa Maria Felicia Faienza), con il contributo prezioso della Associazione Diabetici Baresi Onlus e della APGD (Associazione Pugliese per l’aiuto al Giovane con Diabete), con il patrocinio del Comune di Bari e dell’Ordine Interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Barletta-Andria-Trani.

L’appuntamento a Bari è per domenica 11 novembre, ore 9:30-13:00, in due diversi luoghi della città. Presso il palazzo dell'Economia, in corso Vittorio Emanuele II n.113, dove si trova il Punto Accoglienza Tributi, saranno fornite informazioni sulla prevenzione del diabete nell’adulto con possibilità di misurazione gratuita della glicemia per tutti i cittadini. Nella Biblioteca per Ragazzi del Parco 2 Giugno di Bari e nel parco giochi antistante è prevista la distribuzione di materiale divulgativo e informativo sul Diabete di Tipo 1, per la prevenzione della chetoacidosi e la diagnosi precoce. Il tema scelto quest’anno è “Famiglia e Diabete”, con l’intento di aumentare la consapevolezza dell’impatto che il diabete ha sulla famiglia. L’evento al Parco sarà l’occasione per incontrare incontro con le famiglie, i bambini e i ragazzi, con letture animate per i piccoli, esibizioni canore e passeggiata sportiva nel parco per tutta la famiglia. E’ prevista inoltre anche la presenza dell’Unità Mobile di Emergenza dei Farmacisti volontari della Protezione Civile per lo screening gratuito alla popolazione e la collaborazione dei Paradontologi iscritti SIDP per una campagna di prevenzione sulle paradontopatie.

L’iniziativa si replica domenica 18 novembre ad Alberobello in Piazza del Popolo dalle ore 10 alle ore 13,30.

Dalla sera di sabato 10 novembre, inoltre, la Giornata del Diabete sarà celebrata con l’illuminazione in blu della torre del Palazzo della Città Metropolitana di Bari, sul Lungomare, come segno che accomuna tanti monumenti in tutta Italia.

Lunedì 12 novembre saranno illuminati la Fontana di Piazza Principe di Piemonte e il Castello di Grottaglie e dal 10 al 18 novembre sarà illuminato di blu il Trullo Sovrano di Alberobello.

Per tutta la settimana sono previsti convegni e incontri a tema in diverse città della regione, da Foggia a Lecce (il programma completo degli appuntamenti è consultabile sul sito www.diabeteitalia.it), mentre sabato 17 novembre, a Bitonto, si disputerà una partita di calcio con i ragazzi della diabetologia pediatrica.

Nuova sede Consiglio, M5S deposita integrazione agli esposti di luglio: "Tanti gli ulteriori sprechi emersi"

BARI - La consigliera del M5S Antonella Laricchia ha depositato ieri un’integrazione agli esposti già depositati a luglio presso Procura della Repubblica, ANAC e Corte dei Conti sui costi della nuova sede del Consiglio Regionale. Ieri mattina si è inoltre recata personalmente presso il comando provinciale della Guardia di Finanza:

“Ho chiesto al Comandante provinciale della Guardia di Finanza - dichiara Laricchia - di fare chiarezza sugli ulteriori elementi emersi domenica nella trasmissione di Giletti. La Regione ha voluto concentrare l’attenzione solo sulle 1600 plafoniere costate ciascuna 637 euro (a cui aggiungere il 12% per parcella progettisti e il 22% di IVA, giungendo ad un costo per la Collettività di € 870 ciascuna), per cui è stata creata addirittura un’apposita commissione di vigilanza, ma sono tante le spese folli che andrebbero controllate, come abbiamo verificato leggendo i documenti in nostro possesso”.

Nell’integrazione agli esposti vengono aggiunte le spese sostenute per l’efficientamento energetico dell’edificio Tra queste vi sono quelle per il Gruppo Elettrogeno da 1.250 kVA, previsto dalla 5^ variante al posto di quello originario da 1.025 kVA. Un Gruppo Elettrogeno più potente del 20-25% , che ha portato un aumento del costo di € 108.586. Quello iniziale aveva infatti un prezzo di € 119.999 e da indagini di mercato si è rilevato che, ad un aumento di circa il 20% della potenza del Gruppo, sarebbe dovuto corrispondere un aumento del costo di circa il 20-25%. Invece, il prezzo è passato da € 119.999 a € 228.586. Altra anomalia segnalata è quella che riguarda i cavi elettrici di grossa sezione, e cioè quelli che alimentano i quadri principali dell’edificio, arrivati alla quantità spropositata di 19,6 chilometri, per un enorme maggior costo di € 290.739. Un’anomalia che vale anche per i canali zincati, posizionati a soffitto dell’edificio, in cui vengono alloggiati i cavi elettrici. Anche in questo viene segnalata la quantità in più di 17,72 chilometri con un aumento di costo di € 271.104.

“Ci sembra quantomeno “strano” - commenta Laricchia - che chi da una parte continua a giustificare alcuni aumenti di costi con l’esigenza di migliorare l’efficienza energetica dell’edificio, e quindi di abbassare i consumi di energia elettrica, specie per il condizionamento ambientale, dall’altra abbia contestualmente sentito la necessità di sostituire i gruppi elettrogeni iniziali con gruppi elettrogeni più grandi e ovviamente più costosi, anziché più piccoli. Per non parlare dei 19 chilometri di cavi a grossa sezione che sembra quantomeno improbabile possano essere inseriti in un edificio di 6+4 piani, ciascuno dei quali lungo circa 100 metri.”

L’attenzione dei cinquestelle si è concentrata anche sulle  1012 “Postazioni Lavoro, un numero più che raddoppiato rispetto alle iniziali 462. Postazioni il cui costo è aumentato del 250%, passando da € 102,36 a € 268,22 per l’aggiunta di sole n. 2 prese e n. 2 spie luce. È stato poi evidenziato il costo per 4 “Pozzi Idrici Trivellati, per il raffreddamento delle macchine di condizionamento: per ciascuno è infatti previsto un prezzo di € 63.376, a fronte di un prezzo massimo di mercato che, secondo i cinquestelle, dovrebbe attestarsi attorno agli €17.500 - 18.000. “La stessa Sezione Lavori Pubblici, nella precedente versione della 5^ Perizia di Variante del 2016 aveva già previsto gli stessi pozzi, applicando però a ciascun un prezzo di € 44.156,59 mentre poi, solo qualche mese dopo, il prezzo è stato fatto lievitare da € 44.156 a € 63.376, con un incremento del 50% per ragioni che ci sfuggono”.

“Alla luce di quanto sta emergendo - conclude Laricchia - ci sembra ancora più assurda la bocciatura della mozione che avevamo presentato lo scorso settembre in Consiglio per chiedere la sospensione del pagamento dei progettisti. Una bocciatura arrivata con il voto contrario anche dei consiglieri di centrodestra, che oggi a quanto pare hanno cambiato idea e parlano di vicenda gravissima. Questo ovviamente non ci sorprende dal momento che le responsabilità per questi sprechi vanno equamente distribuite in tutti i vecchi partiti e alcuni dei politici che ora si accodano alla nostra battaglia sedevano in Consiglio già nel 2003, quando questa vicenda ha avuto inizio.”

Al Demodè di Bari arriva Noyz Narcos, il maestro del rap



ll maestro del rap Noyz Narcos venerdì 9 Novembre, arriverà a Modugno (Ba) al Demodè per l’attesa tappa live prevista dal suo “Enemy Tour” che lo vedrà protagonista sui palchi delle principali città italiane per tutto l’inverno. Considerato come uno dei migliori rapper di sempre e maestro d’ispirazione per moltissimi giovani della nuova generazione hip hop, Noyz Narcos, al secolo Emanuele Frasca, dopo anni di assenza dalle scene musicali è tornato re indiscusso con il suo ultimo lavoro, un vero e proprio best seller della cultura urban che si avvale delle produzioni dei migliori producers della scena odierna: da Night Skinny a Sine, non mancano inoltre le produzioni di Parix, David Ice, Boss Doms e st Luca Spanish.

Durante l’”Enemy tour 2018”, il rapper proporrà dal vivo tutti i brani tratti dal nuovo album d’inediti Enemy (Thaurus/Island Records), senza dimenticare inoltre i maggiori successi che hanno segnato definitivamente l’inizio della sua carriera, consacrandolo come idolo rap tra i più apprezzati di sempre. Grazie ad un flow unico e contraddistinto da uno stile inimitabile, Noyz Narcos, in questa nuova dimensione live, sarà pronto a far scatenare il grande pubblico con numerose sorprese.

Da “Enemy”, brano che titola l’album, a “Sinnò me moro”, singolo che ha anticipato uscita del disco, omaggio alla cantautrice romana scomparsa Gabrielle Ferri e alla sua Roma, e “Niente per Niente”, sono solo alcuni dei brani inclusi nel disco, che si arricchisce inoltre di preziosissime collaborazioni e featuring con alcuni dei migliori rapper del panorama italiano, come il feat con Salmo nel brano “Mic check”, “Sputapalline” in feat con Coez, “Casa Mia” in feat con Luchè e Capo Plaza, “R.I.P.” con Achille Lauro, “Matanza” in feat con Rkomi e “Borotalco” feat Carl Brave & Franco.

Le prevendite per le nuove date dell’Enemy tour sono disponibili su ticketone al seguente link https://bit.ly/2Rq0gs0 . L’intero tour è ideato e organizzato da Thaurus Live, nota agenzia di booking e management di riferimento nel panorama rap italiano.

Canali ufficiali dell'artista:
Facebook: facebook.com/ NoyzNarcosReal

Canali ufficiali Thaurus Music
Sito ufficialewww.thaurus.it

Bari, presentato a Palazzo di Città 'I Giochi d’un tempo'

BARI - È stato presentato nella mattinata di giovedì 8 novembre 2018 a Palazzo di Città, il progetto “I Giochi d’un Tempo” dell’associazione Lab 4 Project, tra i vincitori dell’edizione 2018 di “Orizzonti Solidali”, il bando di concorso promosso dalla Fondazione Megamark in collaborazione con i supermercati Dok, A&O, Famila e Iperfamila.

Si tratta di attività progettuali, in programma dal prossimo 20 novembre fino a giugno, dedicate alle persone anziane e ai bambini e ispirate ai giochi di una volta, ai laboratori artigianali, creativi e della tradizione gastronomica del nostro territorio. Nel corso di questi mesi si terranno tre appuntamenti in quattro scuole d’infanzia e primarie di Bari (scuola Pinuccia Modugno, istituti comprensivi Garibaldi e Umberto I - San Nicola e XI circolo didattico San Filippo Neri), durante i quali i frequentatori del Centro anziani comunale e giovani inoccupati insegneranno a circa 500 bambini una serie di attività ludiche e laboratoriali tipiche del passato, con il supporto di educatori specializzati. I bambini potranno imparare a divertirsi con la trottola, la molla, con il cerchio e tanti altri giochi e conoscere la preparazione dei piatti della cucina tradizionale. Obiettivo del progetto è quello di far rivivere agli anziani i momenti del loro passato e far conoscere alle giovanissime generazioni la storia di giochi semplici, aggregativi e coinvolgenti dalla grande valenza educativa. Al termine degli incontri scolastici saranno organizzati due eventi: una giornata da trascorrere in una masseria didattica, dove tutti insieme potranno giocare, preparare e mangiare pietanze dei nostri nonni e ammirare da vicino i prodotti della terra, e le Olimpiadi dei giochi d’un tempo, incentrate sulle attività ludiche mostrate nel corso delle fasi progettuali.

L’iniziativa è stata illustrata dalla referente del progetto Concetta Schiavariello, dal rappresentante della Fondazione Megamark, dalle assessore al Welfare e alle Politiche educative e giovanili, Francesca Bottalico e Paola Romano, dal direttore del dipartimento regionale Turismo, Economia della cultura e Valorizzazione del territorio Aldo Patruno e dai rappresentanti delle scuole coinvolte, dai rappresentanti delle scuole coinvolte e da alcuni anziani del centro comunale.

“La nostra associazione - ha esordito Concetta Schiavariello - si prefigge lo scopo di promuovere l’inclusione sociale. Il progetto nasce da un bisogno riscontrato sul territorio in cui, a seguito di molti cambiamenti sociali, culturali ed economici, i rapporti tra diverse generazioni sono diventati più problematici e, a loro volta, generano ulteriori problemi. Per questo abbiamo pensato di far incontrare gli anziani con i bambini di venti classi delle scuole coinvolte in modo che possano scambiarsi reciprocamente saperi ed entusiasmo. In più, abbiamo voluto inserire dei ragazzi che non hanno ancora avuto esperienze nel mondo del lavoro affinché possano imparare un mestiere”.

“Voglio ringraziare la Fondazione Megamark, valido attore del nostro territorio che ci consente di dare gambe a tante attività sociali, e Lab 4 Project per averci scelto come partner sin da subito - ha proseguito Francesca Bottalico -. Quando siamo stati contattati dall’associazione abbiamo pensato immediatamente alla carica esplosiva delle persone che frequentano il nostro centro anziani, una ricchezza per questa città. Questo progetto ha il grande merito di offrire loro la possibilità di dedicare del tempo ai bambini e di poterlo fare al di fuori dei spazi convenzionali del welfare. Questa è la nostra concezione di welfare, che si basa proprio su attività svolte nei luoghi pubblici e tra le persone, per far sì che nascano nuovi legami e relazioni più forti. E i nostri anziani hanno una vitalità e una forza invidiabili, due caratteristiche fondamentali in un periodo storico in cui emergono spesso egoismi e individualismi. Pertanto sono certa della riuscita dell’iniziativa, cui garantiremo tutto il nostro supporto”.

“Questo progetto dà l’idea della costruzione di una comunità su cui l’amministrazione comunale sta investendo da quattro anni - ha dichiarato Paola Romano -. Per creare delle comunità credo sia necessario unire due generazioni così lontane e promuoverne lo scambio di informazioni ed emozioni. I nostri bambini non conoscono i giochi che si facevano una volta, da cui sicuramente potrebbero trarre molti insegnamenti. Quindi ci è sembrato un ottimo modo per fare incontrare i due protagonisti del progetto, anche perché molti dei piccoli non hanno più i loro nonni. Inoltre le fasi progettuali sono molto ampie e strutturate e quindi mi auguro davvero che questa iniziativa possa estendersi anche ad altre scuole di altri Municipi di Bari”.

I Giochi d’un Tempo gode del patrocinio della Regione Puglia e prevede il supporto degli assessorati al Welfare e alle Politiche educative e giovanili del Comune di Bari.

Bari, restyling via Sparano: al via il cantiere dell'ultima intersezione


BARI - Sono cominciati nei giorni scorsi i lavori per la realizzazione dell’ultima intersezione prevista lungo il percorso di via Sparano, all’angolo con via Abate Gimma, dove si stanno realizzando quattro aiuole con sedute e piantumazioni. L’incrocio in questione ospiterà diverse tipologie di  arbusti e 6 esemplari di acero trilobo (acer_monspessulanum), che nel periodo tra aprile e maggio fiorisce di giallo.

Contemporaneamente si stanno ultimando le lavorazioni sugli incroci di Putignani, Piccinni, Abate Gimma e nella parte centrale di piazza Umberto dove, nella residuale area di deposito del cantiere, è arrivato tutto il materiale necessario al completamento delle lavorazioni, compresi gli arredi urbani per i salotti alle intersezioni.

In corso anche le lavorazioni riguardanti tutti gli impianti tecnologici, in particolare la videosorveglianza, la diffusione sonora e l’illuminazione per la parte relativa ai nuovi quadri elettrici che verranno installati all’interno di piccoli vani tecnici mimetizzati tra gli arredi in corrispondenza degli incroci.

“Manca poco più di un mese al termine del cantiere di restyling di via Sparano - commenta l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso -. Saranno trenta giorni di lavoro serrato per completare tutte le aree oggetto di intervento e liberare la strada dalle recinzioni di cantiere. Questo era un impegno che avevamo preso sin dal primo momento con i commercianti che si preparano allo shopping natalizio e con i cittadini. È stato sicuramente il cantiere più importante della città e siamo consapevoli che in tanti hanno dovuto fare sacrifici e sopportare una serie di disagi. Questo sarà per Bari e per i baresi il primo Natale con la nuova via Sparano, che oggi si presenta in una veste completamente rinnovata. Proprio perché siamo in dirittura d’arrivo, monitoreremo giorno per giorno i lavori in cantiere per assicurarci che tutto prosegua senza intoppi. Sono stati due anni intensi, segnati da momenti belli e meno belli che hanno caratterizzato la gestazione di quest’opera. Sapevamo sin dall’inizio che non si sarebbe trattato del semplice rifacimento di una strada ma che stavamo intraprendendo una vera e propria trasformazione urbana che potrà incrociare o meno il gusto di tutti i cittadini ma che ci ha permesso, oggi, di avere una piazza dello shopping, nel cuore del quartiere murattiano, crocevia di baresi e turisti. La nuova via Sparano è un’area sicuramente più moderna, più sicura, più illuminata, più accogliente, all’altezza del percorso che sta facendo la nostra città”.

Bruxelles: Universita’ di Bari e Confcommercio insieme per un master in Politiche europee ed europrogettazione

BARI - Nell’ambito di una study visit presso il Parlamento europeo ospitata dall’eurodeputato Rosa D’Amato (M5S), si è tenuta presso gli uffici della delegazione di Bruxelles di Confcommercio-Imprese per l’Italia, una tavola rotonda/dibattito sul tema “Fondi UE: come fare di più – Panoramica sulla Programmazione”.

Nel corso dell’incontro, al quale hanno preso parte gli eurodeputati Andrea Cozzolino (PD), Elena Gentile (PD) e Laura Ferrara (M5S), oltre alla stessa On. D’Amato, e rappresentanti delle Istituzioni Ue e della Regione Puglia, il Rettore dell’Università “Aldo Moro” di Bari, prof. Antonio Uricchio, il Vicepresidente nazionale di Confcommercio, dott. Alessandro Ambrosi, ed il responsabile del Coordinamento Politiche Internazionali della Regione Puglia, dott. Bernardo Notarangelo, hanno discusso dei futuri sviluppi di un percorso formativo per l’attivazione di un Master di primo livello, di un Corso di Alta Formazione e di uno Short Master destinato ai dipendenti della Pubblica Amministrazione in Politiche europee ed Europrogettazione, che saranno i primi del loro genere nel Sud Italia. Nella delegazione barese di Confcommercio anche il Direttore Leo Carriera.

La Confcommercio Bari-Bat , la Confcommercio Bruxellese l’Università di Bari “Aldo Moro” , hanno poi firmato un’intesa su queste tematiche già avviata, tra l’altro nei mesi scorsi, che definisce programmi didattici internazionali e particolarmente attenti alle esigenze delle realtà imprenditoriali e delle istituzioni locali del territorio, per la formazione di figure professionali di alto livello nel settore delle politiche europee e dell’europrogettazione, che con le loro competenze potranno servire ad intercettare sempre più e meglio le opportunità di finanziamento dirette e indirette dell’Unione Europea.

In particolare, il Presidente di Confcommercio Bari BAT Alessandro Ambrosi e il Rettore dell’Università degli Studi di Bari “A. Moro” Prof. Uricchio Antonio Felice si sono impegnati ad avviare nell’anno accademico 2019/2020

il Master Universitario di primo livello in “Politiche e finanziamenti europei ed europrogettazione” finalizzato alla formazione di professionisti qualificati nel settore della europrogettazione e della gestione di fondi e progetti finanziati con finanziamenti europei in grado di supportare imprese e consorzi di imprese, soggetti istituzionali ed organizzazioni del terzo settore nella partecipazione ai bandi di finanziamento europei, insistenti su fondi europei sia diretti che indiretti, e nelle successive fasi di implementazione e gestione dei relativi progetti;
il corso di Alta Specializzazione in Europrogettazione;
lo Short Master in Europrogettazione per la Pubblica Amministrazione.

Aqp: "Il Palazzo dell'acqua svela i suoi tesori"

BARI - Palazzo dell’Acqua, il luogo dove sgorga l’elementum vitae, come riporta un’iscrizione sulla facciata principale, è la tangibile espressione di un antico, grande progetto: portare l’acqua in Puglia e rendere produttiva una terra cronicamente assetata, migliorando le condizioni di vita dei suoi abitanti.

Un excursus artistico-culturale sulla storia dell’Acquedotto Pugliese e dell’arrivo dell’acqua buona in Puglia saranno al centro della conferenza stampa che anticipa l’apertura al pubblico del Palazzo a partire da sabato 10 novembre. Nel corso dell’evento sarà inaugurata la mostra fotografica “Serbatoi d’acqua”, a cura dell’artista Ingrid Simon.

Intervengono:

Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia
Micaela Paparella, Presidente I Municipio di Bari
Rossella Ressa, Capo delegazione FAI di Bari
Simeone di Cagno Abbrescia, Presidente di Acquedotto Pugliese
Nicola De Sanctis, Amministratore delegato di Acquedotto Pugliese

Danni maltempo, Damascelli: "Ennesima batosta per gli agricoltori. Urgono misure di sistema"

BARI - “È un bollettino di guerra, la conta dei danni causati dal maltempo che si è abbattuto sulla nostra regione: 25 milioni in tutto, con migliaia di ulivi sradicati dal vento o spaccati in due. L’olivicoltura pugliese non ha mai vissuto un periodo così difficile”. Così Domenico Damascelli, consigliere regionale di Forza Italia e vicepresidente della Commissione Agricoltura.

“La nostra Puglia - sottolinea - soffre: soffrono gli agricoltori, soffre l’economia, e a patirne le conseguenze sono tutti i pugliesi. Il Governo di una regione agricola tanto importante, o comprende che deve mettere a sistema una programmazione economico-finanziaria per sostenere il mondo agricolo in caso di calamità, oppure non ha capito quale regione sta governando. Più volte abbiamo sollecitato lo stanziamento di fondi regionali per le calamità, ma la Giunta Emiliano ha fatto orecchio da mercante”.

“La legge nazionale in materia - aggiunge - è del tutto superata, perché non rifonde i danni agli agricoltori e non porta alcun beneficio. Questa legge va cambiata, ed è un’istanza di cui deve farsi portavoce il nostro assessore, in qualità di coordinatore di tutti gli assessori regionali all’Agricoltura, in sede di Conferenza Stato-Regioni”.

“Per uscire dall’emergenza e recuperare una situazione tanto grave - continua Damascelli - il Governo regionale si attivi subito, chiedendo lo stato di calamità naturale e predisponendo immediate verifiche sul campo, non come quelle lacunose effettuate a seguito delle gelate di febbraio, da cui sono rimasti esclusi territori fortemente colpiti. Per supportare l’economia agricola della Puglia urgono interventi di sistema, considerata la continua emergenza che stiamo vivendo. E non può il Governo regionale ignorare questa situazione, senza andare in soccorso di un comparto produttivo tanto prezioso, che rappresenta il dna della nostra regione”.

“Occorre un tavolo verde regionale permanente - conclude Damascelli - per mettere a punto strategie concrete contro calamità e Xylella, tavoli di filiera in tutti i comparti del settore primario per valorizzare i nostri prodotti e assicurare ai consumatori un Made in Puglia di qualità. Occorre un lavoro serio, che non vediamo e che invece è essenziale per ridare ossigeno alla nostra economia in affanno”.

Turismo: convegno internazionale a Taranto

BARI - Il Consorzio Mari di Taranto invita al Convegno internazionale “Mediterraneo e Oceano Indiano, dialogo tra mari: l’India incontra Taranto quale centralità del Mediterraneo. Imprese, logistica, turismo, cultura. Opportunità di interscambio”.

La manifestazione si terrà alle ore 16.30 di domani, venerdì 9 novembre presso il Castello Aragonese di Taranto.

Il convegno rientra in una visita di tre giorni a Taranto di una importante delegazione ufficiale dell’Ambasciata della Repubblica d’India a Roma, con la presenza di Gloria Gangte, Vice Ambasciatrice della Repubblica dell’India in Italia, e di Shyam Chand, direttore Sezione commerciale Ambasciata dell'India a Roma.

I lavori del convegno, moderati da Nicla Pastore, saranno introdotti da Antonio Melpignano, presidente Consorzio Mari di Taranto, per proseguire con i saluti istituzionali di Rinaldo Melucci, Sindaco di Taranto, di Michele Emiliano, presidente Regione Puglia, dell’Ammiraglio di Divisione Salvatore Vitiello, comandante del Comando Marittimo Sud Marina Militare, e dell’avvocato Sergio Prete, presidente Autorità di Sistema del Porto di Taranto.

Il convegno entrerà poi nel vivo con gli interventi di Terenzio Lo Martire, coordinatore tecnico Consorzio Mari di Taranto, Salvatore Guerriero, presidente PMI International, Gianni Azzaro, consigliere comunale e consigliere nazionale ANCI, Gloria Gangte, Vice Ambasciatrice della Repubblica dell’India in Italia, e Shyam Chand, direttore Sezione commerciale Ambasciata dell'India a Roma.

Le conclusioni saranno affidate a Vera Corbelli, Segretario Generale del Distretto dell’Appennino Meridionale e Commissario Straordinario per le Bonifiche.

Poli Bortone: "Mezzogiorno grande assente nel Governo pentastellato"

LECCE - Il Mezzogiorno pesantemente danneggiato dal DEF, nel quale è presente il finanziamento per l' autonoma delle regioni Veneto e Lombardia. Il governo legastellato è stato fin qui abilissimo nell'indurre i media a dar vita a dibattiti di basso spessore sul reddito di cittadinanza per coprire la manovra disgregatrice dell'unità d'Italia finanziando l'autonomia di Veneto e Lombardia. Un grande Partito del Sud oggi si impone più che mai: non una velleità ma una necessità. È vergognosa l'operazione a forbice: assistenzialismo al Sud, autonomia al Nord. È urgente ormai unirsi per dar vita alla macroregione del Mezzogiorno con coraggio e determinazione! Lo afferma in una nota Adriana Poli Bortone.

Storia e leggende del popolo delle aquile

di FRANCESCO GRECO - Curioso e tragico il destino del popolo albanese, che da sempre vive oppresso “dall'occupante di turno e i più elevati capiclan”. Un potere tribale, retto da “una piramidalità gelosa ed esibita” e da leggi morali che echeggiano mondi perduti. 
 
Dai Pelasgi – i loro “padri”, per quel poco che si riesce a capire - al geniale Scanderbeg che beffò i Turchi, Re Zogu e l'occupazione fascista, passando per l'ateismo militante di Henver Hoxia e gentile signora omaggiata finanche da Madre Teresa la macedone. Una terra dove “la polizia politica sapeva tutto, controllava tutto, soffocava tutto” e poi i flirt con Urss e Cina (“Non si può certo chiamare zio il porco”), l'isolamento e l'ortodossia marxista, i piani industriali falliti, la Sigurimi che cambia nome ma non concept, la visita di Giovani Paolo II e Prodi, gli aiuti economici dell'Occidente, la nascita del Partito democratico (gemmazione del Partito del lavoro nato dalle ceneri del comunismo), Ramiz Alia (Scutari), anni '80, cupo burocrate svezzato a Mosca critico con la perestrojka, che tentò di usare per eternare il partito e impedire la deriva del Paese, e poi Vlora 91 (“Lamerica”), le rivolte, le galere aperte, le truffe con le finanziarie tollerate da Sari Berisha, fino a Fatos Nano e oggi Edi Rama.

Una storia tormentata, un dna complesso, un po' tragedia greca, un po' commedia latina.
 
Poco meno di 3 milioni di abitanti sparsi su 28.746 km quadrati, profonde differenze antropologiche e religiose fra Nord e Sud, la gente delle coste (commerci e artigianato) e dell'interno rurale (pastorizia, allevamenti, agricoltura), divisa in quattro confessioni religiosi, nell'anno dedicato all'eroe nazionale Giorgio Castriota Scanderbeg (morì nel 1468, 550 anni fa), che dovrebbe rappresentare l'elemento unificante della Nazione, un saggio aiuta a leggere il loro passato e a tentare di decifrare il futuro. 
 
”Storia del popolo albanese” (Dalle origini ai giorni nostri), di Ettore Marino (Cosenza, 1966), Donzelli Editore, Roma 2018, pp. 220, euro 26,00 entra negli interstizi più reconditi della storia dell'Albania dall'identità sfaccettata, sospesa fra Oriente e Occidente, Balcani e Mediterraneo. e dà un retroterra dialettico a un Paese dinamico e vivo di oggi, che sta nella Nato e vorrebbe far parte dell'Europa (che è nei suoi cromosomi), che da un anno ha riconfermato il riformista Edi Rama (un artista), il cui Pil cresce tumultuosamente grazie anhe all'intreccio fra l'economia legale e nera, e le cui bellezze sconosciute richiamano 5 milioni di turisti all'anno in questo secondo decennio del XXI secolo. Corruzione e giustizia abborracciata, traffici sporchi, ecc. E' come aver liberato un animale selvaggio.   
 
Arbresh di Vaccarizzo Albanese, Marino ci ha messo la passione dell'appartenenza, la profondità delle radici dei padri, il pathos della memoria insonne quanto impietosa, che nulla tace, nasconde, addomestica. Attingendo col metodo più rigoroso a una bibliografia sconfinata.
 
Dal poeta Agolli (morto un anno fa) a Kadare, l'esito è un saggio utile, necessario, che spiega le sedimentazioni storiche di un paese amico, dipana splendori e miserie di un popolo che noi del Sud sentiamo “fratello” tante e di varie modulazioni sono le sovrapposizioni storiche e culturali.
 
Magari lo adottassero nelle scuole di Tirana e Valona, formatterebbe le ultime, inconsce resistenze che tarpano ali alla nuova Albania. 

Champions, Cska Mosca-Roma 1-1: ottavi di finale più vicini

(Fc Roma)
di STELLA DIBENEDETTO - Se in campionato non ha ancora trovato il ritmo giusto, in Champions League, la Roma di Eusebio Di Francesco ha trovato la strada giusta che conduce direttamente agli ottavi di finale. In trasferta, i giallorossi hanno battuto il Cska Mosca per 2-1 grazie alle reti di Manolas e Lorenzo Pellegrini. Partita buonissima anche di Kluivert e nel finale del giovane Zaniolo. Per i russi, invece, in dieci uomini per l’espulsione all’11’ della ripresa di Magnusson per doppio giallo. nonostante le ottime gare di Ahmetov e Oblyakov è arrivata la sconfitta.

Per il popolo romanista è così arrivata una vittoria importante che ipoteca il passaggio del turno. Per conquistare la fase agli ottavi di finale della Champions League, alla Roma, basterà portare a casa un punto con Real Madrid e Viktoria Plzen per essere sicuri del passaggio del turno.

Nonostante sia soddisfatto della vittoria, però, Di Francesco non abbasse le difese e invita i suoi a fare sempre meglio. "Potevamo fare molto meglio nella gestione della gara e nella ricerca del terzo gol - ha detto Di Francesco al termine della partita ai microfoni di Sky- . Non mi piace che la mia squadra si accontenti. Quando in certe situazioni vuoi gestire poi rischi di prendere gol su una palla buttata. Avevamo la potenzialità e tutta la forza per poter essere pericolosi, come abbiamo dimostrato in alcune occasioni: siamo bravi a giocare in verticale lì davanti e dovevamo farlo di più".

Simona Carpignano non ce l'ha fatta: recuperato il corpo dalle macerie

di PIERO CHIMENTI - L'attesa si è trasformata in dolore per la famiglia Carpignano, che ha sperato fino all'ultimo che la loro Simona non fosse tra le macerie delle palazzine crollate a Marsiglia in rue d’Aubagne. La tragica sentenza è giunta in giornata, quando i soccorritori hanno estratto il corpo senza vita della 30enne tarantina. La giovane pugliese, giunta nella città portuale francese per trovare lavoro, impiegata come interprete, aveva ottenuto la giornata libera dai suoi impegni lavorativi.

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Brasile2014 Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Estate Esteri Eventi Expo 2015 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia