Rapina in banca nello Spezzino: quattro uomini in fuga


PRATI DI VEZZANO (LA SPEZIA) - É successo a Prati di Vezzano (Liguria) in una filiale Crédit Agricole. I malviventi hanno portato via un bottino di alcune migliaia di euro. Non si registrano feriti. 

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Vezzano Ligure, della Compagnia di Sarzana e del nucleo investigativo del comando provincia della Spezia. 

Secondo le prime testimonianze, i rapinatori sono rimasti dentro la filiale per 20 minuti. Si sono fatti consegnare prima i cellulari dai clienti e dai dipendenti e poi i soldi.

Brindisino 34enne trovato morto in Inghilterra: si indaga per omicidio

SHEFFIELD - Un 34enne pugliese, Carlo Giannini, è stato trovato morto in un parco di Sheffield. L'uomo lavorava in un ristorante della città inglese.

La morte del 34enne risalirebbe alla notte tra l'11 ed il 12 maggio. Giannini da tempo non viveva più con la sua famiglia a Mesagne. Dopo alcune esperienze lavorative in Germania, da diversi mesi si era trasferito in Inghilterra, trovando impiego in un ristorante.

La polizia ha aperto un'indagine per omicidio e sta cercando di ricostruire l'accaduto.

Elon Musk fa dietrofront: "Resto impegnato a voler comprare Twitter"

LOS ANGELES - Marcia indietro sulla marcia indietro. Dopo aver dichiarato che l'accordo con il social era stato "temporaneamente sospeso', Musk ha specificato, con un altro tweet, che resterà ancora impegnato all'acquisizione. Il titolo del social network dell'uccellino resta in calo a Wall Street e chiude la seduta a -9,7%.

Damascelli: "A lavoro per la sanità, basta prese in giro"


BITONTO (BA) – “Le nostre intenzioni di potenziamento dei servizi sanitari nell’ex ospedale di Bitonto sono state condivise anche dalla direttrice del Distretto Socio Sanitario, Rosella Squicciarini, con cui ho avuto un proficuo incontro”. Lo ha dichiarato il candidato sindaco, Domenico Damascelli. 

"Proprio nella giornata di ieri la giunta regionale pugliese ha approvato il documento programmatico che dà il via agli investimenti di medicina di prossimità con le risorse previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Missione 6) per il sostegno, in particolare, alla rete assistenziale territoriale, ovvero alle Case di Comunità, Ospedali di Comunità e Centrali Operative territoriali (Cot). Per la Asl di Bari ci saranno a disposizione oltre 72 milioni di euro e tra questi alcune risorse dovrebbero essere destinate anche a Bitonto, per riqualificare la struttura e per nuove apparecchiature, tra cui una Tac di ultima generazione. "Non si può, però, creare una scatola nuova ma vuota, priva del contenuto: è necessario, per questo, che Asl e Regione assegnino alla nostra struttura territoriale anche un maggior numero di personale sanitario. In questo quadro sarà importante avviare dei percorsi di potenziamento degli ambulatori diagnostici e specialistici attivi, oltre all’Unità di Degenza Territoriale (Udt), che potrebbe essere ammodernata con i fondi del Pnrr. A ciò si aggiunge anche un potenziamento del ‘Percorso donna’ con screening di primo e secondo livello attraverso il consultorio, che vede anche la presenza del ginecologo, fino ai percorsi pre-parto. Insisteremo, inoltre – ha aggiunto il candidato sindaco -, perché non venga spostato né il servizio della terapia del dolore, né quello della neuropsichiatria infantile, affinché i piccoli pazienti siano assistiti nella struttura sanitaria". Fondamentale sarà il potenziamento della Porta Unica di Accesso, della Assistenza Domiciliare Integrata, dell'Unita Operativa fragilità e complessità assistenziale, oltre ai tre servizi dipartimentali di prevenzione, salute mentale e dipendenze patologiche. Damascelli, inoltre, ha fatto richiesta anche di riattivazione di un punto prelievo per le analisi del sangue sulle frazioni e su questo sarà necessario fare pressioni su Asl e Regione". 

“L'Udt o Ospedale di Comunità (è lo stesso e identico servizio) annunciato in pompa magna da taluni consiglieri regionali come se fosse una novità, era già attivo a Bitonto da circa 20 anni e, probabilmente, nemmeno lo sanno. Solo oggi, in campagna elettorale, si ricordano della sanità territoriale – ha continuato –. Chiedo a questi esponenti politici fino ad ora cosa hanno fatto, dove sono stati, perché quando chiudevano gli ambulatori e i cittadini subivano disagi, nessuno se ne interessava? L'atteggiamento peggiore è ricordarsi della sanità solo in campagna elettorale. Sia nel mio ruolo di consigliere regionale, sia quando non ricoprivo più incarichi, ho combattuto tutti i giorni, anche da soldato semplice, affinché fossero garantiti ai cittadini le prestazioni sanitarie necessarie per la tutela della propria salute. Continuerò, come ho sempre fatto – ha concluso Damascelli -, a farmi sentire a differenza di chi lo fa solo per strumentalizzazione e opportunità politica: la sanità è materia molto delicata, che va approfondita e i cittadini non vanno presi in giro”.

Ucraina, il Pentagono a Mosca: "Serve subito un cessate il fuoco"

(Drop of Light/Shutterstock)

ROMA - Per la prima volta da febbraio il capo del Pentagono Austin ha parlato col ministro della Difesa russo Shoygu. Gli Stati Uniti hanno ribadito l'importanza l'importanza di mantenere aperti i canali di comunicazione e chiesto al Cremlino di fermare le operazioni militari in Ucraina.

L'adesione di Finlandia e Svezia alla Nato sarebbe 'un errore' come quello dell'ingresso della Grecia nell'Alleanza Atlantica, ha detto il presidente turco Erdogan. 'Non voglio che si ripeta lo stesso errore commesso con l'adesione della Grecia', ha affermato, accusando Stoccolma ed Helsinki di 'ospitare terroristi del Pkk', il Partito dei Lavoratori del Kurdistan: 'Non abbiamo un'opinione positiva', ha insistito.

Il presidente russo Vladimir Putin e i membri del Consiglio di sicurezza russo hanno discusso dell'operazione militare in Ucraina e delle potenziali minacce poste dalla decisione di Finlandia e Svezia di entrare nella Nato. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Ucraina, operazioni Medevac (Medical Evacuation): partito dalla Puglia il primo team sanitario di valutazione

BARI - È partito questa mattina dall’aeroporto militare di Pratica di Mare, con un velivolo messo a disposizione dalla Guardia di Finanza, il primo team sanitario di valutazione, nell’ambito delle operazioni Medevac (Medical Evacuation) gestite dalla Cross di Pistoia per il Sud Italia, per il tramite della referente sanitaria regionale, dottoressa Anna Maria Natola.

La Puglia è la prima regione del Mezzogiorno a mettere a disposizione un team sanitario di valutazione, che è atterrato in tarda mattinata all’aeroporto di Rzeszow, in Polonia.

Il team sarà in missione sino al prossimo 21 maggio e darà il cambio al team sanitario di valutazione della Regione Lombardia. Il loro compito è quello di stabilire le priorità d’imbarco di pazienti, in particolar modo per coloro che necessitano di ospedalizzazione, che poi verranno smistati nelle varie regioni italiane.
Il team pugliese partito oggi è composto dal dottor Antonio Puzzovio, medico coordinatore della Centrale Operativa Bari-Bat, il dottor Emanuele Cea, anestesista presso l’ospedale di Putignano e Nicola De Giosa, infermiere presso la Terapia intensiva del Policlinico di Bari.

Nella giornata di domani è previsto l’arrivo di un’altra paziente oncologica che sarà destinata all’ospedale di San Giovanni Rotondo. La paziente giungerà con un volo privato a Pescara e sarà presa in carico con un’ambulanza del nosocomio foggiano.
© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo