Scudetto Inter, un titolo firmato Antonio Conte

(via Inter.it)

LUIGI LAGUARAGNELLA
- La matematica ha consegnato il diciannovesimo scudetto all'Inter il 3 maggio, con Lukaku e compagni ad attendere il risultato di Sassuolo-Atalanta, dopo la vittoriosa trasferta di Crotone dell'1 maggio. Proprio questa data è dolce per i nerazzurri. Il titolo firmato Antonio Conte arriva, infatti, a cinquant'anni dalla vittoria del campionato '70-'71. 

Una cavalcata in rimonta al Milan assegnò l'undicesimo titolo all'Inter allenata d Invernizzi. In quella stagione memorabile fu la rovesciata di Boninsegna nel 5-0 contro il Foggia, ma a dare il titolo di campioni d'Italia fu proprio la vittoria sul campo del Crotone il 2 maggio con relativa attesa dei risultati delle avversarie il due. Proprio come accaduto qualche giorno fa.

Tra queste coincidenze di date, un cerchio che, in qualche modo pare chiudersi è il fatidico 5 maggio del 2002 in cui l'Inter di Cuper perse malamente il titolo generando una vera e propria goduria del popolo juventino che si aggiudicò il ventiseiesimo scudetto. A comandare il centrocampo bianconero c'era proprio Conte che durante i festeggiamenti dichiarò: "Stiamo ancora godendo". Quel Conte che adesso sta facendo impazzire di gioia il popolo interista. Corsi e ricorsi, coincidenze e aneddoti, eppure uno scudetto è sempre carico si simbologia.

Posta un commento

0 Commenti