Visualizzazione post con etichetta Turismo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Turismo. Mostra tutti i post

La legge sulla bellezza pugliese arriva a Londra


LONDRA - L’Ambasciata italiana a Londra e l’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con la Prince of Wales Foundation del Principe Carlo, la rete internazionale INTBAU e la chapter INTBAU ITALIA ospiteranno domani, 13 giugno, a Londra, “The Making of Beauty in Puglia”, l’iniziativa internazionale di promozione della Legge Regionale sulla Bellezza, il disegno di legge promosso dall’assessorato regionale alla Pianificazione Territoriale ed elaborato da un apposito comitato tecnico-scientifico.

L’evento, promosso anche con la collaborazione dell’Ufficio Scientifico dell’Ambasciata d’Italia a Londra, del Teatro Pubblico Pugliese e di Legacoop Puglia, intende promuovere la legge come best practice internazionale e metterla a confronto con le esperienze inglesi realizzate dalla Prince’s Foundation e dalle più importanti università londinesi come Buckingham e Kingston.

La tappa londinese inizierà domani alle 18 e 30 nell’Istituto Italiano di Cultura con una delegazione del Tavolo della Bellezza che illustrerà il percorso del disegno di legge e gli obiettivi che intende raggiungere, anche grazie alla partecipazione con le comunità locali, sul tema della valorizzazione e della tutela del paesaggio pugliese.

A seguire sarà presentato e sottoscritto il Manifesto Europeo The Making of Beauty in Practice, in collaborazione con INTBAU/The Prince’s Foundation (Fondazione di Architettura, Urbanistica e Arti tradizionali e la rete internazionale, entrambe fondate e patrocinate dal Principe Carlo). A concludere la giornata “La Vera Grande Bellezza Jazz Concert” con con Gianna Montecalvo ed Eugenio Macchia.

A settembre invece, in collaborazione con Legacoop Puglia,sarà il borgo di Biccari, nel Foggiano, ad ospitare un workshop sulla Bellezza e sul patrimonio delle comunità locali, custodi della valorizzazione della bellezza naturale, artistica e identitaria.

“È motivo d’orgoglio per tutta la Puglia – hanno affermato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore regionale alla Pianificazione territoriale Alfonso Pisicchio – poter illustrare, in una sede internazionale così prestigiosa, il lavoro svolto negli ultimi 18 mesi per dotare la nostra Regione, per la prima volta in Italia, di una legge sul tema della Bellezza. Una legge, nello spirito della Regione Puglia quale Casa della Partecipazione, nata dal basso, partecipata con tutti i territori e che mette al centro i bisogni di ogni singolo individuo”.

“Con questa norma – hanno continuato Emiliano e Pisicchio - la nostra azione politica è tesa al miglioramento della qualità della vita, tanto nei centri abitati quanto nelle periferie. Stiamo tracciando un percorso chiaro, soprattutto per le future generazioni, su tutto ciò che contrasta con la nostra idea di tutela del paesaggio, del territorio e dell’ambiente. Non a caso nella legge si parla di “Mosaico Puglia” perché a ciascun territorio, dal Gargano al Salento passando per la Murgia e la Valle d’Itria, vengono riconosciute le singole peculiarità. E quando a dicembre 2017 abbiamo iniziato questo viaggio della conoscenza con un comitato tecnico-scientifico di comprovata esperienza, non immaginavamo mai che il nostro lavoro potesse oltrepassare i confini non solo pugliesi, ma anche nazionali. Arrivando persino alle reti internazionali di architettura e urbanistica fondate e patrocinate dal Principe Carlo”.

“Ora – hanno concluso il Presidente e l’assessore - il prossimo obiettivo è avviare l’iter legislativo per arrivare in tempi strettissimi all’approvazione della legge in Consiglio Regionale”.

"Calo del turismo nel Salento? Adesso pensiamo ad offrire il miglior servizio possibile ai nostri ospiti"


LECCE – Nel corso del Primo Consiglio Direttivo del Coordinamento Provinciale dei Locali Serali, svoltosi Venerdì 7 Giugno u.s., il neo eletto gruppo, presieduto dal Presidente Danilo Stendardo, ha dapprima nominato Vice Presidente il consigliere Andrea Carlucci ed a seguire ha trattato varie tematiche poste all’ordine del giorno. Ovviamente, ci si è soffermati ad analizzare il dato emerso da un'indagine del Sole 24Ore, curata da Jfc, sul calo del turismo in Salento. Queste le dichiarazioni in merito a margine dell’incontro rilasciate dal Presidente Stendardo e condivise dai colleghi consiglieri.

«Turismo in calo? Abbiamo appena iniziato la stagione e con tutta onestà, almeno nei centri storici, non stiamo riscontrando diminuzioni rispetto lo scorso anno, anzi i numeri sembrano incoraggianti. Invitiamo tutti i colleghi a tirare i conti a fine stagione, continuiamo ad offrire il nostro miglior servizio come sempre. Nella nostra terra i prezzi nei Pubblici Esercizi sono gli stessi sia l’estate che l’inverno, non si truffano i turisti consegnando loro menù differenti con notevoli ed irriguardosi sovrapprezzi proprio nel segno dell’onestà, legalità ed ospitalità che ci contraddistingue. Sollecitiamo, pertanto, tutti gli imprenditori al rispetto delle regole per garantire una leale concorrenza, continuando a vigilare sulla presenza di eventuali abusi e distorsioni che ledono la categoria e segnalandoci come sempre i possibili illeciti immediatamente. Purtroppo, comprendiamo che il maltempo di Aprile e Maggio ha notevolmente danneggiato l’inizio delle attività dei colleghi nelle località marine ai quali va il nostro sostegno ed augurio di ripetere, e soprattutto aumentare, i risultati che con enormi sacrifici si sono ottenuti negli scorsi anni grazie al duro lavoro.»

A conclusione del Consiglio Direttivo, il consigliere Marco De Matteis ha rassegnato le dimissioni. A lui vanno i nostri più sentiti auguri per l’importante carica ottenuta nella nuova giunta comunale leccese, saprà certamente tutelare gli interessi della collettività come ha saputo fare da Presidente e Consigliere del nostro Coordinamento.

A Castellaneta 3 Vele per 'Il mare più bello 2019'


CASTELLANETA (TA) - Il vento della bellezza soffia forte su Castellaneta e gonfia 3 "vele" della prestigiosa Guida Blu 2019, la pubblicazione annuale di Legambiente e Touring Club Italiano, che recensisce le località turistiche attente all’ambiente, dove trascorrere una vacanza all’insegna di natura e acqua pulita, ma anche eccellenze enogastronomiche, itinerari e luoghi d’arte.

Dopo il riconoscimento della Bandiera Blu, giunge un nuovo vessillo per la principale località turistica della provincia di Taranto, con 340.000 presenze nel 2018, a conferma del percorso virtuoso che l'Amministrazione Gugliotti ha intrapreso nel valorizzare assieme al mare l'intero territorio, con la scoperta dei luoghi di storia e cultura, promuovendo un turismo sostenibile, con strutture ricettive di qualità che si coniugano con la tutela e la salvaguardia dell'ambiente.

«Siamo partiti da una vela ottenuta, sino al 2016, ed oggi siamo riusciti ad arrivare a tre - commenta il sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti - un risultato storico che ci sprona a proseguire su questo percorso che mette insieme un mare pulito con la salvaguardia dell'ambiente, a partire da una differenziata al 70%, passando dalla promozione della mobilità sostenibile con percorsi ciclopedonali e colonnine di ricarica elettrica, fino ad arrivare alla promozione di un turismo esperenziale, fatto di scoperte del territorio.

Protagonista di questo percorso è l'intera comunità, grazie al lavoro sinergico dell'Amministrazione con le associazioni e gli imprenditori locali, per la promozione dei prodotti tipici e l'organizzazione di eventi e manifestazioni che portano alla scoperta dell'intero territorio, mettendo in connessione la costa con il borgo ed il Parco delle Gravine, che diventa giorno dopo giorno sempre più ricco di sentieri e di occasioni di scoperta di luoghi di assoluto pregio naturalistico, anche grazie ad eventi sportivi di qualità».

Nuovi stabilimenti balneari in Puglia, Della Valle denuncia: "Due pesi e due misure"


LECCE – Alla luce delle recenti aperture di nuovi stabilimenti balneari nelle aree di Bari e Brindisi Nord, “non si può non constatare, ancora una volta, come la geografia del turismo pugliese sia caratterizzata da una netta divisione tra l’area della Valle d’Itria – nella quale vengono attuate politiche di sostegno al turismo di tutte le fasce, incluso il mercato del lusso – e il Salento, al quale di fatto viene inibito l’accesso al mercato turistico di fascia medio-alta e alta che darebbe un grosso contributo alla crescita economica di questo meraviglioso territorio”. È la dura presa di posizione di Mauro Della Valle, presidente di Federbalneari Salento, che interviene per lanciare un monito alla Regione Puglia, alle istituzioni e agli esponenti politici locali. 

“Prendiamo atto sempre di più - spiega - che, pur vivendo nella stessa regione, ciò che è consentito in termini di investimenti turistico-balneari da Brindisi in su, non è purtroppo consentito da Brindisi in giù. Un fatto inspiegabile e paradossale – prosegue - se pensiamo che ancora oggi, nella provincia di Lecce, molti gestori dei lidi faticano a capire se possono o meno mantenere in piedi le strutture, mentre qualche chilometro più a nord fioccano nuovi stabilimenti grazie a investimenti milionari e a una sinergia costruttiva tra pubblico e privato che ha permesso di recuperare e valorizzare interi tratti di costa e così garantire lavoro, tutela ambientale e anche servizi sulle spiagge per tutti”.

Secondo Della Valle, è dunque sempre più forte il rischio che in Puglia si stiano creando economie turistiche a due velocità. “Rispetto a questa nefasta divisione in due della regione dal punto di vista turistico – sostiene - la politica non può chiamarsi fuorio, peggio, attribuire la colpa alle diverse Procure della Repubblica o alle Soprintendenze che interpretano in maniera diversa le leggi e i regolamenti regionali. La responsabilità dello sviluppo turistico di tutta la Regione dovrebbe essere in capo alla politica e a chi amministra e non è più tollerabile che si continui su questa strada, dividendo la Puglia in aree di serie A e di serie B”. 

Federbalneari critica anche il “singolare regolamento regionale delle ‘stelle marine’ che ambisce, quale alibi, a migliorare la qualità dei servizi all’interno dei lidi, ma che di fatto non affronta il problema ormai decennale di una pianificazione della costa, costringendo e delegando ai tribunali lo sviluppo del territorio”. 

“La qualità dei lidi salentini è innegabile – sottolinea Mauro Della Valle – ma certamente deve continuare a crescere, dobbiamo aprirci a nuovi target per non rischiare di soccombere, migliorando tanto le strutture quanto i servizi offerti. Ecco perché dico che, oggi più che mai, serve una visione strategica di sviluppo dell’intero comparto turistico-balneare salentino e la politica non può e non deve tirarsi indietro, tantomeno adottare due pesi e due misure.  Ci auguriamo che le schiarite arrivino presto”.

"Il turismo in Puglia perde appeal"


di PIERO CHIMENTI - Si apre la nuova stagione con previsioni che non appaiono rosee per la Puglia. Dopo un trend di crescita costante degli ultimi anni, il turismo nel Salento subirà una perdita di presenze dell'11%, che sul fatturato inciderà del 14%. Lo prevede Jfc in un'analisi per il Sole 24 Ore.

Questo calo di presenze si registra su tutte le zone turistiche dell'Italia, fatta eccezione della Sardegna, della parte sud del Lazio e della costa friulana che continueranno a registrare aumenti di turisti.

A far registrare la crisi delle mete turistiche italiane ed in particolare quelle del Mezzogiorno sono la voglia di nomadismo dei visitatori sempre più alla ricerca di offerte last minute e la mancanza di disponibilità economica degli italiani passata dal 18,4% del 2018 al 34,4% di quest'anno.

Capone: "La Puglia è ancora una regione trendy"

(Pixabay)
BARI - La Puglia è una regione ancora trendy nonostante dieci anni di crescita costante dei flussi turistici, in particolare dall’estero, e il Salento ha ancora grande appeal. L’estate 2019, slittata per via del maltempo, partirà nel migliore dei modi.  La conferma arriva da alcuni indicatori di tutto rispetto che incutono fiducia sull’andamento dell’anno in corso per la Puglia, nonostante le previsioni sfavorevoli di alcuni recenti studi. Come ad esempio la ricerca JFC ripresa dal Sole24Ore che descrive uno scenario al ribasso per la regione ma si basa in realtà su un campione ridotto e raccolto in 11 località del balneare pugliese.  

La conferma di un andamento ancora una volta positivo, arriva da una molteplicità di fonti raccolte dall’Osservatorio regionale sul Turismo: i dati Expedia sulle prenotazioni e il fatturato da gennaio a maggio, i dati SPOT/ISTAT finora trasmessi da un campione di 2.500 strutture ricettive del territorio (il 50% delle attive da gennaio a maggio), i dati Expedia sulle prenotazioni e il fatturato da gennaio a maggio, l’analisi dei prezzi effettuata da Travel Appeal, i dati di Aeroporti di Puglia sul traffico passeggeri negli scali di Bari e di Brindisi, e infine le conferme che giungono dall’approfondita ricerca sull’impatto economico del turismo affidata agli esperti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. 

I dati Istat/SPOT, parziali e provvisori, trasmessi direttamente da 2.500 strutture ricettive del territorio (il 50% di quelle attive nel periodo da gennaio ad aprile 2019) attestano un andamento pressoché stazionario rispetto all’anno precedente e che tiene conto degli effetti del maltempo che ha inciso sugli short break disincentivando, nei primi mesi dell’anno, i viaggi di prossimità. 

Per Expedia, invece, l’agenzia leader dei viaggi online, nel periodo da gennaio a maggio 2019 cresce il fatturato delle prenotazioni alberghiere (+23,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) e dell’acquisto di biglietti aerei con destinazione Puglia (+5,1% sul 2018), per un totale di 3,2milioni di dollari, ben il 14% in più rispetto all’anno precedente. Expedia conferma l’aumento di acquisto di camere del +28% rispetto al periodo gennaio/maggio dell’anno precedente per un totale di 10mila notti, mentre l’incremento di acquisti di biglietti aerei è stato del +4,4% con buone performance soprattutto da Stati Uniti, Regno Unito, Svizzera, Germania, Austria e Polonia.

Risultati più che lusinghieri che emergono anche dalla fonte Aeroporti di Puglia: +10,5% i passeggeri negli scali di Bari e Brindisi da gennaio a maggio, con +12,5% solo a maggio rispetto all’anno precedente. Puglia sempre più internazionale: +21% il traffico dalla Germania e dal Regno Unito, +24% dalla Francia e +17% dalla Spagna. Ancora a due cifre gli incrementi da Svizzera, Romania e Ungheria. 

Per quanto riguarda i prezzi, secondo la piattaforma di Travel Appeal - che raccoglie e monitora la presenza digitale delle strutture pugliesi attraverso l’analisi dei siti di recensioni, delle OTA e dei social media più diffusi in Italia come TripAdvisor, Booking.com, Google, Expedia, Hotels.com, TheFork, Facebook, Airbnb, Homeaway e altri – il prezzo medio di una camera in Puglia nel mese di giugno 2019 sarà di 117 euro, il 3,5% in più rispetto all’anno scorso.

“La Regione non può certo intervenire nelle scelte libere e imprenditoriali degli operatori del turismo, ma sento di fare un appello agli operatori turistici pugliesi ad essere competitivi, puntando su qualità dell’offerta e sul migliore rapporto possibile qualità/prezzo - commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone – La Regione è a fianco degli operatori. L’offerta ricettiva è cresciuta del +7% e del +3% per i posti letto. E crescono anche gli occupati nel comparto turistico, +4% dal 2017 al 2018. E questo anche grazie agli incentivi per la realizzazione o ristrutturazione di strutture alberghiere (Pia turismo e Titolo II). Invitiamo quindi gli imprenditori ad utilizzare gli incentivi a disposizione e a migliorare le loro strutture. Non dimentichiamo che la Puglia nel Mediterraneo compete con destinazioni che sono storicamente mete ambite del turismo internazionale. Non solo, oltre ai paesi del Nord Africa, che dopo un momento di crisi sono oggi nuovamente sfidanti sul piano dell’attrazione turistica, si sono aggiunti alcuni paesi dell’Est Europa che sono diventati nuove mete interessanti. Per questo a maggior ragione l’obiettivo per raccogliere la sfida è puntare assolutamente sulla qualità e su prezzi veramente competitivi”. 

La Puglia, comunque, non è più una destinazione a esclusiva vocazione balneare ma offre di anno in anno un’offerta sempre più ampia di percorsi culturali, naturali, enogastronomici; gli stranieri la prediligono per i borghi storici e i paesaggi naturali che si dipanano dalla costa all’entroterra, 365 giorni l’anno e non più solo in piena estate. Lo conferma anche l’indagine condotta dagli economisti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia che hanno intervistato in profondità 400 turisti che hanno trascorso un soggiorno in Puglia. Sono sempre meno coloro che scelgono la Puglia per il mare (dal 67% del 2016 al 50% del 2018) mentre aumenta la quota di coloro che optano per un soggiorno itinerante rivolto alla ricerca dei borghi e delle vie del gusto. Il 50,3% degli intervistati pensa di ritornare in Puglia in futuro. Il 26,7% ci tornerà nel 2019 scegliendo la medesima località, mentre il 9,0% sceglierà un’altra località. Tra questi ultimi, le località prescelte sono soprattutto quelle del Gargano e del Salento.

Puglia: via libera al registro delle strutture ricettive non alberghiere

(Pixabay)
BARI - Una buona notizia per la Regione Puglia è arrivata oggi dalla Avvocatura Generale dello Stato: il Governo ha rinunciato all'impugnativa presso la Corte Costituzionale della l.r. 57/2018, che aveva introdotto in Puglia il Codice identificativo per le strutture non alberghiere.  Ha avuto esito positivo la nota con cui la Regione Puglia aveva chiesto al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo di desistere dall'impugnativa, anche a seguito della sentenza dello scorso aprile della Corte Costituzionale che si era pronunciata su un’analoga impugnativa nei confronti della Regione Lombardia. La Corte ha ritenuto non fondata l’impugnativa del Governo in quanto è legittimo per la Regione prevedere che anche i locatori turistici e i loro intermediari si debbano munire di un apposito codice identificativo di riferimento per ogni singola attività ricettiva da utilizzare nella pubblicità, nella promozione e nella commercializzazione dell’offerta turistica; si tratta di una legittima conseguenza dell’esercizio da parte della Regione della propria competenza residuale in materia di turismo, di un adempimento amministrativo (acquisizione del Codice identificativo di struttura) precedente ed esterno al contratto di locazione turistica, che non incide sulla libertà negoziale e sulla sfera contrattuale che restano disciplinate dal diritto privato.

“Abbiamo voluto dotare di un codice identificativo tutte le strutture ricettive non alberghiere,  che a differenza degli alberghi , sono soggette a vincoli meno stringenti, per porre un argine al proliferare dell’abusivismo e garantire un sistema di accoglienza nel rispetto delle regole. Il contenzioso sollevato dal Governo ci era sembrato inutile e ingiusto, posto che, cosa ancora più grave, una legge sull’argomento, più volte annunciata, non era stata ancora emanata; e soprattutto in questo momento in cui dobbiamo difendere la crescita del turismo e garantire trasparenza e legalità nei confronti di chi invece rispetta le leggi e paga le tasse – commenta l’Assessore Capone - La Regione Puglia ha inteso creare una mappa del rilevante fenomeno della concessione in godimento a turisti di immobili di proprietà, a prescindere dallo svolgimento di una attività imprenditoriale, proprio per poter esercitare al meglio le proprie funzioni di vigilanza e controllo delle attività turistiche. Con Pugliapromozione abbiamo commissionato numerose ricerche per conoscere l’entità del sommerso nel settore ricettivo in Puglia. In base ai dati rilevati il moltiplicatore turistico per l’intera Puglia è stato nel 2016 di 5,15. In altre parole per ogni presenza turistica Istat ve ne sono state altre 4,6 che non sono state rilevate e non appaiono. Che esista in Puglia una proliferazione di strutture non alberghiere, non tutte codificate, lo dimostrano le migliaia di annunci sui vari siti di prenotazioni, oltre ai dati di Federalberghi. Adesso, finalmente, superata l’impugnativa del Governo, con la creazione del  Registro regionale delle strutture ricettive non alberghiere e l’obbligo di indicare il codice in ogni forma di promozione e pubblicità, si semplificano i controlli e si pongono le basi per diminuire l’abusivismo e garantire una offerta nel rispetto delle regole”.

La Puglia sotto i riflettori a Madrid e a Barcellona

MADRID - Una presenza davvero straordinaria quella della Puglia in questi giorni in Spagna, a Madrid e Barcellona. In occasione della Festa della Repubblica italiana, la Regione Puglia, insieme a Pugliapromozione, ha colto l’occasione per mostrare le sue bellezze nell’ambito dei grandi eventi del sistema Italia, intercettando un pubblico internazionale vastissimo.

“Passione Italia” a Madrid e “La Festa! Italia Repubblica creativa” a Barcellona hanno infatti proposto un ricco programma che ha visto la Puglia protagonista con concerti, spettacoli, degustazioni, mostre d’arte, laboratori, promozione diretta ad operatori turistici e pubblico.  I progetti sono stati realizzati in collaborazione anche con Teatro Pubblico Pugliese, Puglia Sounds e Apulia film Commission. 

È stata lanciata inoltre una imponente campagna “Puglia, unexpected Italy”, nelle stazioni centrali e metropolitane, totalmente brandizzate #weareinpuglia. Di grande impatto l’allestimento negli enormi spazi comuni. Oltre dieci milioni di viaggiatori e pendolari in transito dalle stazioni di Madrid e Barcellona dal 20 maggio ad oggi hanno potuto conoscere e ammirare la Puglia sui videowall e sulle decine e decine di pannelli digitali dedicati esclusivamente alla regione. La combinazione di treni ad alta velocità e per pendolari consente di raggiungere un target ampio, chi va al lavoro o in università, ma anche chi vive la stazione per attraversare la città. La campagna "Puglia, unexpected Italy" promuove la Puglia all’estero come terra autentica e contemporanea, viva e ricca di eventi in tutti i periodi dell’anno. 

A rappresentare la Regione nel corso delle celebrazioni a Barcellona c’è oggi il presidente Michele Emiliano accolto dalla Console Generale d’Italia, Gaia Danese, impegnata a moltiplicare i ponti di dialogo culturale tra l’Italia e la Spagna, valorizzando la scena creativa italiana contemporanea e in particolare della Puglia, regione ospite dell’edizione della Festa di quest’anno.

“Stiamo promuovendo alla grande la Puglia in Spagna - ha detto il presidente Emiliano - mettendo insieme le attività istituzionali che sempre l'Italia realizza per celebrare la festa della Repubblica con la promozione della nostra Regione: questo ci consente operazioni pubblico-pubblico che costano un po' meno, ma di grande impatto ed emozione. Queste giornate sono dense di eventi, a cominciare dalle feste pugliesi al terminal Grimaldi: le luminarie della cassa armonica dominano il porto di Barcellona. Siamo grati al consolato che si occupa della cultura italiana in questa importantissima città europea, per l’ospitalità e la visibilità che sta dando alla Puglia. E soprattutto per l’attenzione nei confronti di artisti pugliesi come Giorgio Di Palma e Francesco Arena che hanno già fatto esibizioni e installazioni di arte contemporanea grazie all'Istituto italiano di cultura. Di enorme rilievo è la nostra campagna di promozione all’interno delle stazioni centrali di Barcellona e Madrid (Emiliano ha visitato la Stazione Sants di Barcellona, ndr.) Avete visto quanta gente passa da questi snodi? Milioni di persone che stanno guardando le nostre inserzioni pubblicitarie, che vanno insieme al lavoro fatto sia a Madrid che a Barcellona di incontro con le grandi agenzie di viaggio e i grandi buyers. Con questa massiccia operazione abbiamo messo insieme il nome dell'Italia col nome della Puglia. E la Puglia in questo momento è l'Italia che non ti aspetti”.

Le iniziative culturali connesse alla Regione Puglia interessano prestigiose location come la Filmoteca de Catalunya, la Fundació Enric Miralles e l’Istituto Italiano di Cultura a Barcellona.

“A Barcellona siamo molto emozionati per questa festa nazionale 2019 - ha detto la Console, Gaia Danese - stiamo riuscendo veramente a valorizzare il talento e la creatività italiana grazie all'investimento, al sostegno e all'entusiasmo con i quali la Regione Puglia con tutte le sue agenzie di promozione del cinema, della musica, dell'arte e del design, che sono venute in forze a festeggiare insieme alla grandissima collettività italiana presente in questa circoscrizione consolare, parliamo di più di 95mila italiani dei quali 30mila almeno a Barcellona. Il porto si è illuminato grazie alle luminarie venute direttamente da Putignano con la ditta Faniuolo alla quale siamo estremamente grati. Grazie alla collaborazione con la Camera di commercio italiana di Barcellona abbiamo potuto degustare prodotti pugliesi e di alta qualità italiana dei ristoranti presenti a Barcellona. E abbiamo anche ascoltato la meravigliosa musica pugliese, partendo dalla Taranta e dalla pizzica di Enza Pagliara, arrivando fino a un DJ famoso ad Ibiza come Alex Kennon pugliese doc e Nicola Conte, famoso in tutto il mondo. Per tutto questo siamo estremamente grati alla Puglia, per questo ponte culturale che, con il supporto dell'Istituto italiano di cultura, stiamo alimentando tra territori che si assomigliano molto perché rappresentano le due rive del Mediterraneo”.

A Barcellona oggi si tiene anche la sesta tappa del BuyPuglia Tour 2019, l’evento organizzato da Pugliapromozione, in partenariato con ENIT Agenzia Nazionale del Turismo, per presentare la Puglia quale destinazione di viaggio agli operatori turistici e ai rappresentanti della stampa spagnoli. Il BuyPuglia Tour mira a creare opportunità di business per le imprese pugliesi attraverso incontri di networking organizzati con aziende turistiche delle principali città europee collegate alla nostra regione con voli diretti.  Le precedenti tappe dell’edizione 2019 del Tour si sono tenute a Praga, Francoforte, Mosca, Vilnius e, lo scorso 30 maggio, Madrid. Barcellona è la seconda tappa spagnola, a conferma del valore crescente di questo mercato.

La Spagna è tra i primi dieci mercati esteri per la Puglia e nel 2018 gli arrivi e i pernottamenti in Puglia hanno visto un aumento rispettivamente del 36% e del 34% rispetto all'anno precedente. I collegamenti aerei diretti tra Spagna e Puglia hanno svolto un ruolo chiave nella costante crescita dei flussi dalla Spagna registrati negli ultimi cinque anni. La Spagna è ben collegata alla Puglia con voli diretti da molte città spagnole: Madrid, Barcellona, Siviglia, València, Ibiza e Palma de Maiorca.

Il mercato spagnolo ha alti margini di sviluppo per la Puglia: i suoi turisti, che sono principalmente interessati all'offerta artistica e culturale e al buon cibo, stanno allargando i loro orizzonti di viaggio in Puglia.

Ph credits: ©️Alice Brazzit

Festa della Repubblica con la Notte della Taranta a Mosca e a Tirana

BARI - Ambasciatrice della cultura italiana, La Notte della Taranta, sbarca a Mosca e Tirana per la Festa della Repubblica con due concerti dell’Orchestra Popolare sul tema scelto dal Ministero della Difesa per la Parata 2019: l’inclusione. Suoni e danze contro ogni forma di discriminazione e emarginazione, sottolineando la natura cosmopolita dell’evento culturale estivo più importante nel panorama musicale italiano.

Il compleanno della Repubblica sarà festeggiato a Mosca il 2 giugno nel Giardino botanico di Prospekt con un concerto gratuito alle 15:00, aperto a tutta la città. Saranno il Console Generale Francesco Forte e l’Ambasciatore d’Italia in Russia Pasquale Terraciano a dare il via ai festeggiamenti organizzati dall’Ambasciata d’Italia in Russia e dal Consolato generale d’Italia a Mosca in collaborazione con Regione Puglia,  l’Istituto italiano di Cultura, l’Italia National Turist Board e l’ICE.

Repertorio tradizionale salentino tra pizziche e ballate per il pubblico di Mosca con i musicisti e i cantanti dell’Orchestra Popolare: Salvatore Galeanda (voce e tamburello), Stefania Morciano (voce e tamburello), Roberto Chiga (tamburello), Attilio Turrisi (chitarra battente), Roberto Gemma (fisarmonica), Arduino Panaro (basso), Cosimo Pastore (mandolino), Antonio Donadeo (batteria) e i ballerini Andrea Caracuta e Serena Pellegrino.

A Tirana sarà l’ambasciatore Alberto Cutillo ad accogliere l’Orchestra Popolare, sabato 1 giugno, nella Cattedrale ortodossa. Il concerto de La Notte della Taranta, in programma alle ore 15:00,  si inserisce nel ricco calendario di eventi culturali promossi dall’Ambasciata d’Italia in tutta l’Albania.

 “Quest’anno ampliamo i festeggiamenti per la Festa della Repubblica e puntiamo sulla cooperazione, sulla formazione e soprattutto sulla cultura come migliore strumento di conoscenza tra cittadini e istituzioni dei nostri due Paesi”, afferma l’Ambasciatore d’Italia a Tirana, Alberto Cutillo.

I canti della tradizione salentina saranno interpretati da Antonio Amato e per la prima volta sul palco con La Notte della Taranta da Consuelo Alfieri, 23 anni di Palmariggi (LE), cantante e musicista emergente che affiancherà Antonio Marra (batteria), Gianluca Longo (mandola), Alessandro Monteduro (percussioni), Nico Berardi (fiati), Mario Esposito (basso) con la direzione artistica di Daniele Durante (chitarra). A danzare la pizzica per il pubblico d’Albania ci sarà Laura Boccadamo.

“L’Orchestra per la Festa della Repubblica si fa in due e si allarga ai giovani musicisti, ai nuovi talenti del panorama musicale salentino che continuano a diffondere la pizzica e a innovare i temi della cultura popolare, spiega Massimo Manera presidente della Fondazione La Notte della Taranta. Torniamo a Mosca e Tirana con entusiasmo e orgogliosi di rappresentare la Puglia nel panorama internazionale”.

Puglia sotto i riflettori all’ILTM Asia/ Pacific a Singapore


SINGAPORE - Una bella scoperta! Questo è la Puglia per i buyer asiatici che partecipano all’ILTM Asia Pacific che si svolge dal 27 al 30 maggio 2019 a Singapore. La Puglia  è a Singapore con Pugliapromozione, rappresentata da Carlo Bosna e Manuela Lenoci, nel padiglione di Enit con un corner informativo e un’agenda giornaliera di appuntamenti di circa 30 incontri con buyer di prestigio. 

Nella giornata di ieri incontri con buyer dall’ Australia, Cina, Bielorussia, New Zeland, Hong Kong , Korea, Filippine, Giappone. Tutti estremamente interessati alla Puglia che non conoscevano affatto. Molto impressionati tutti dalla varietà di offerta del territorio e dalla bellezza dei luoghi. Tutti cercano esperienze per conoscere il territorio ma sempre come appendice di un viaggio a Roma, Napoli, Venezia e Milano, non essendoci voli diretti da Bari o Brindisi.

ILTM - The International Luxury Travel Market è uno degli eventi B2B più importanti al mondo per il settore dei viaggi di lusso. Nel corso dell’anno, è organizzato in 7 tappe in 4 continenti (America del Nord, America Latina, Cannes/Europa, Africa, Arabia, Asia-Pacifico, Cina) e rappresenta una piattaforma globale innovativa nel settore dei viaggi di lusso finalizzata alla creazione di una rete esclusiva di imprese d'elite. Nel 2018 Pugliapromozione ha partecipato alle edizioni del Nord America, Cannes/Europa, Asia/pacifico e Cina. Quest’anno la prima tappa è stata in Brasile per ITLM America Latina a metà maggio a San Paolo. A seguire Singapore, per il secondo anno consecutivo, quindi sarà la volta di Cina e di ILTM Mondo.

Sole, mare, cultura, musica e sport: a Vieste è già estate


BARI - Vieste vuole confermare il ruolo di regina del turismo pugliese, e lo fa attraverso una serie di eventi che vanno a completare la già qualitativa offerta turistica. Questa mattina a Foggia, nel Palazzo della Provincia, il sindaco, Giuseppe Nobiletti e gli assessori Rossella Falcone e Dario Carlino, hanno illustrato il nutrito Cartellone del Viestestate 2019. Una serie di eventi che vanno dalla cultura, alle tradizioni popolari, dallo sport allo spettacolo, alla musica, ma anche archeologia e magia. Il via già il 29 maggio con la rassegna culturale “Il Mistero di Monnalisa” a cura di Officina delle Arti. 

Dal 30 maggio al 2 giugno due grandi eventi sportivi nelle acque del Gargano: l’European Freestyle Pro e la Regata velica dei Parchi da Vieste a Lastovo (Croazia). Il 31 maggio e il 1° giugno spazio al Festival della magia con Silvan e Alexis Arts. Un altro evento sportivo a carattere nazionale il 22 e 23 giugno con una tappa del campionato italiano di beach volley. Giugno è anche il mese dell’inaugurazione del Museo archeologico in programma il 27, e di Battiti Live. 

Luglio si apre con un ospite di eccezione: il geologo Mario Tozzi, e prosegue con la rassegna “Vieste Archeo Film, il festival internazionale del cinema di archeologia, arte e ambiente presentato da Alessandro Cecchi Paone. Il 28 luglio spazio alla musica classica con il conferimento del premio alla carriera a Katia Ricciarelli. Festambiente Sud chiude il mese di luglio ospitando Paolo Fresu, Jacques Morelembaum , Daniele Sepe., Murubutu, Goran Bregovic, Alborosie.

Altro appuntamento ormai di casa a Vieste è il Mundial Summer Beach Soccer. Ad agosto torna la grande musica popolare con Serenata alla Tarantella che quest’anno ospiterà il maestro Antonio Castrignanò. Tra fine agosto e inizio settembre “Vieste in love”, una settimana di amore ed eventi speciali. Il programma completo di Viestestate 2019 è disponibile sul sito e sulle pagine social del Comune di Vieste.

I mega-yacht approderanno al Molo San Cataldo di Bari

(Pixabay)
di NICOLA ZUCCARO - Un porto turistico quale attrattore per il marketing territoriale. E' quanto auspicato dal sindaco uscente di Bari Antonio Decaro e firmatario in rappresentanza della Amministrazione comunale del protocollo con l'Autorità Portuale del Levante e con la Direzione Marittima della Puglia-Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Bari per la sistemazione e la valorizzazione del Molo di San Cataldo.

Un tempo adibito a punto di approdo delle navi-petroliere, il braccio estremo dello scalo portuale barese sarà il luogo presso cui attraccheranno i maxi-yacht  e i 3 pattugliatori della Guardia Costiera, ciascuno ospitanti 200 persone. Un numero elevato che, alla pari di quello contenuto dalle mastodontiche imbarcazioni turistiche, potrà avere delle ricadute positive sull'economia cittadina, risolvendo l'annoso problema del loro attracco e che a tutt'oggi, fortunosamente e provvisoriamente, avviene presso il vicino approdo del Centro universitario sportivo di Bari.

Turismo: all'IMEX di Francoforte riflettori puntati sulla Puglia

(Pixabay)
FRANCOFORTE - La Puglia mira a diventare sempre più meta del turismo 'Mice', puntando su esperienze integrate di viaggio, su buona cucina, ottimi alberghi e sul rispetto dell'ambiente. In questi giorni Pugliapromozione è presente ad  IMEX - The worldwide exhibition for incentive travel, meetings and events a Francoforte, nello stand dell’ ENIT Pugliapromozione con sette operatori pugliesi della meeting Industry . Proprio a Francoforte Pugliapromozione inaugura un nuovo strumento di comunicazione e promozione dell’offerta congressuale della Regione Puglia. Ai buyer presenti vengono distribuite chiavette USB logate al cui interno trovano il catalogo “Puglia Venues Directory” con l’inserimento delle nuove strutture MICE che si sono aperte in Puglia nonché l’aggiornamento dei contatti di quelle gia esistenti e la nuova campagna di comunicazione dedicata appunto al Mice. La novità più importante della nuova edizione di “Puglia Venues Directory” è rappresentata dal suo supporto digitale. Il catalogo sarà sfogliabile su pc attraverso una chiavetta USB inserita in una Card brandizzata Pugliapromozione, che sarà distribuita nelle fiere di settore e nelle altre occasioni di incontro con i buyer nazionali e internazionali di eventi e congressi.

La Puglia quindi a Francoforte insieme al meglio della Meeting Industry internazionale, con 5.100 buyer qualificati con forte potere di acquisto e capacita' decisionale e oltre 3.500 espositori provenienti da 150 Paesi. Alla kermesse parteciperanno 57 operatori italiani tra convention bureau e club di prodotto, alberghi e resort, centri congressuali, organizzatori professionali e aziende che commercializzano servizi, presso lo stand Enit/Italia nel padiglione 8.

“Imex è un evento internazionale tra i più importanti nel settore. Per le aziende pugliesi nel mercato M.I.CE offre l’opportunità di relazioni commerciali proficue, soprattutto per la qualità dei buyers presenti.  – commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Pugla - La Puglia ha i titoli per poter ricoprire un ruolo di primo piano nel mercato della meeting Industry grazie alla qualità e alla varietà delle proprie strutture congressuali e alberghiere, alle vastissime opportunità di post-congress, alla forza di un brand che evoca forti emozioni.Oggi, dunque, rispetto a una Puglia che non è più solo mare e sole, le nostre keyword sono destagionalizzazione e internazionalizzazione. Questo vuol dire potenziamento delle strutture, incentivi alle imprese e miglioramento della qualità dell’accoglienza. In questo contesto il segmento turistico Mice rappresenta una occasione importante per incrementare il Pil turistico regionale in quanto genera un livello di spesa mediamente elevato, riduce la stagionalità, contribuisce alla riqualificazione delle destinazioni”.

 Secondo le prime anticipazioni sui dati 2018 dell'International Congress and Convention Association (Icca), l'Italia conta 522 eventi realizzati e cresce del +1,4% rispetto al 2017. Sono i dati che riguardano il settore turistico dei convegni e degli incentivi nel quale l’Italia sta scalando posizioni nella graduatoria dei Paesi maggiormente richiesti. E’ al 6/o posto nel mondo e 5/o nella classifica europea Icca delle principali destinazioni per numero di incontri d'affari. A presentare le ultime tendenze di settore l'Ufficio Studi Enit che, attraverso questionari inviati agli operatori di settore presenti con l'Agenzia all'Imex di Francoforte dal 21 al 23 maggio, ha individuato gli ultimi trend Mice (Meetings, Incentive, Congress, Events). Si punta su turismo esperienziale (44,4% delle associazioni di operatori), alta cucina e benessere (29,4 dell'hotellerie) ed ecosostenibilita' (nel 25% degli enti territoriali). Stando alle elaborazioni dell'Ufficio studi Enit, la cultura, l'arte e la possibilità di fruire delle destinazioni in termini di 'saperi' e di 'saper fare' rappresentano asset imprescindibili per un posizionamento competitivo. L'hôtellerie punta sul fattore del valore aggiunto dato dall'haute cuisine e dal wellness; le associazioni di operatori sono quelle che più degli altri soggetti di mercato spingono sul volano del turismo esperienziale, in grado di valorizzare le singole capacità imprenditoriali incentrate sui fattori comuni del territorio (tradizione, cultura materiale e immateriale, produzioni tipiche agroalimentari e artigianali). Quella del turismo esperenziale in particolare è la carta vincente per la Puglia in questo settore che rappresenta una grande opportunità di crescita sia del turismo che dell’economia in generale.

Bari tra le dieci regine del turismo. Decaro: "Città risponde a pregiudizi su terroni"


BARI - Bari è tra le dieci regine europee del turismo. Questo pomeriggio il sindaco di Bari Antonio Decaro, accompagnato dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dall’assessore alle Culture e al Turismo del Comune di Bari Silvio Maselli, riceverà a Firenze il premio “Best in Europe 2019”, che la guida Lonely Planet assegna ogni anno alle 10 migliori mete turistiche da visitare in Europa. 

Al fianco di Bari saranno premiate Alti Tatra (Slovacchia), Madrid (Spagna), Arctic Coast Way (Islanda), Erzegovina (Bosnia - Erzegovina), Shetland (Scozia), Lione (Francia), Liechtenstein, Vevey (Svizzera) e Istria (Croazia). 

“Sono felicissimo, orgoglioso più che mai della mia città - commenta il sindaco Decaro -. E non posso che dedicare questo prestigiosissimo riconoscimento a tutti quelli, tra i miei concittadini che ogni giorno, rispettando e amando la loro città, hanno contribuito a trasformarla da anonimo capoluogo di provincia, di cui non si conosceva bene nemmeno la posizione sulla cartina geografica, in una grande star del turismo internazionale. 

Eppure questo traguardo non è per noi una sorpresa. Sono anni, infatti, che lavoriamo giorno e notte investendo nelle straordinarie potenzialità della nostra città, senza rassegnarci a quel destino di marginalità a cui qualcuno avrebbe voluto relegare Bari, la Puglia e l’intero Sud. 

Bari oggi dimostra che non esistono storie già scritte per chi ha il coraggio e la forza di alzare la testa, di lottare, di credere nei propri valori, nella bellezza, nella cultura, nell’accoglienza. Non esistono storie già scritte per chi sa combinare la valorizzazione di un patrimonio paesaggistico, artistico e architettonico di eccellenza ad attente e lungimiranti politiche di marketing territoriale e di promozione dell’immagine. 

Ci dicevano: al Sud non esiste il lavoro di squadra. E noi abbiamo risposto lavorando gomito a gomito con la Regione Puglia, con le associazioni di categoria, con le strutture ricettive e con il sistema pubblico e privato dei trasporti. Ci dicevano: “Non siete maturi per accogliere grandi eventi internazionali”. E noi abbiamo risposto ospitando il G7 delle Finanze, l’incontro di Papa Francesco con i patriarchi delle chiese del Mediterraneo e tantissime manifestazioni sportive di livello europeo e mondiale. Ci dicevano: la vostra festa del patrono è solo una sagra di paese. E noi abbiamo risposto trasformandola in un evento spettacolare capace di portare nelle strade di Bari trecentomila persone, provenienti da tutto il mondo.

Ai pregiudizi e agli stereotipi sui terroni noi abbiamo risposto trasformando Bari in una capitale del turismo del sud Europa, ideale per programmare una vacanza in un territorio eccezionale, quello dell’area metropolitana, che è a tutti gli effetti uno dei più belli al mondo. 

Fare i conti con il passato e investire sul futuro. Abbandonare pratiche di illegalità e compromesso e scommettere su giovani, turismo, servizi, legalità e accoglienza. Ecco la ricetta che ci ha portato fin qui. Ma attenzione: oggi festeggiamo questo traguardo, ma da domani siamo già pronti a ripartire. Perché il futuro di Bari è appena cominciato”. 

“Bari è la città italiana scelta da Lonely Planet tra le migliori destinazioni in Europa del 2019! Best in Europe, destinazione imperdibile da visitare quest’anno! - dichiara il presidente Emiliano -. “Dalla città portuale un tempo malridotta, che sorge sul tallone d’Achille italiano, si gode la rinascita avvenuta nel corso di un decennio”. Questo riconoscimento premia tanti anni di lavoro. Un incessante lavoro di squadra. Un lavoro che parla di legalità, di rispetto dell’ambiente, di difesa del mare, di lotta all’inquinamento e all’abusivismo edilizio, di mobilità sostenibile, di investimenti enormi in infrastrutture. Un lavoro che parla di cultura ed eventi, grandi e piccoli, che coinvolgono tutti, che ha ricucito il centro con le periferie e unito la città capoluogo con l’intera regione. Abbiamo investito nelle relazioni internazionali, creato ponti con il Mediterraneo e con il mondo intero.

Dalle macerie del Petruzzelli alla riapertura dell’orizzonte con l’abbattimento di Punta Perotti. Dai fiori al posto delle auto a Bari vecchia, alla metropolitana che dall’aeroporto internazionale porta in pochi minuti alla stazione centrale, per collegarsi al resto della Puglia. 

Sto andando a Firenze, con il Sindaco Antonio Decaro e la squadra di Pugliapromozione protagonista di questo risultato, per celebrare con Lonely Planet un traguardo che ci proietta verso nuovi grandi obiettivi.

Bari è considerata da Lonely Planet, la più autorevole delle guide turistiche, tra le dieci migliori destinazioni europee da visitare insieme a Madrid (Spagna), Lione (Francia), Alti Tatra (Slovacchia), Arctic Coast Way (Islanda), Erzegovina, (Bosnia-Erzegovina), Shetland (Scozia), Liechtenstein, Vevey (Svizzera) e Istria (Croazia). Ai tanti giovani e turisti che verranno a trovarci dico che siete tutti i benvenuti, vi aspettiamo in Puglia!”. 

Bari, nuova direzione al femminile per la catena alberghiera iH Hotels


BARI - Il panorama dell’ospitalità barese ha un nuovo volto femminile, scelto dal General Manager di iH Hotels Group Mauro Troisi, per dirigere il Grande Albergo delle Nazioni e l’Hotel Oriente. A ricoprire la nuova carica sarà Giovanna Petrosillo (nella foto), con un lungo trascorso nel settore alberghiero di alto livello e del Mice. Arriva alla direzione con uno scopo preciso: rafforzare ulteriormente il brand come leader di lusso nella regione (e non solo), mirando alla piena soddisfazione dei clienti attraverso diverse attività di marketing ed un programma di sviluppo sostenibile, ottimizzando la unique selling proposition e le grandi potenzialità delle due strutture, unendo la tradizione del made in Italy al tipico gusto locale per l'ospitalità, creando così un’esperienza autentica. 

“Il trend è evidente, la Puglia è sempre più destinazione turistica di alto livello, ideale per ogni tipo di target, soprattutto in ambito enogastronomico” - ha commentato la new entry del Gruppo iH – “Il mio obiettivo è promuovere il territorio pugliese già ricco di contenuti, far percepire subito al cliente la qualità del servizio offerto, grazie alla mia grande esperienza nel mondo turistico pugliese e mediante i processi legati all’accoglienza con il supporto di un team qualificato e sempre formato, anche in ambito digital.” Perfettamente in linea con la mission di iH, Giovanna Petrosillo, è una donna con grande esperienza nel mondo dell’ospitalità, con forte vocazione business e banqueting. Nel settore da oltre 30 anni, ha iniziato la sua carriera presso il Mercure Villa Romanazzi Carducci a Bari, acquisendo una vasta esperienza all'interno dell'azienda nella quale ha ricoperto una posizione manageriale negli ultimi 19 anni. 

"Mi sento estremamente onorata per il nuovo ruolo nella mia meravigliosa città”, ha dichiarato la neo direttrice. I due hotel affidati alla sua direzione sono gestiti da iH Hotels Group: una catena emergente nel mercato dell’ospitalità con stile italiano e cuore orientale, con sede centrale a Milano. Il presidente e Ceo di IH Hotels Group, il dottor Francesco Hu, manager laureato all’Università Bocconi di Milano insieme a suo fratello Michele, anche lui laureato alla Bocconi, e alla famiglia Wen, hanno creato il Gruppo iH che nel 2018 contava 11 strutture (tra Milano, Roma e Firenze) quando, con una mossa strategica, ha allargato il suo portafoglio acquisendo altre 13 strutture del gruppo alberghiero Piazza Di Spagna View. Ad oggi gli alberghi del Gruppo iH sono 30 tra hotel di lusso, business, aparthotel, luxury guest house e resort, in 12 città italiane (da Courmayeur ad Agrigento) e con un totale di 3036 camere collocandosi tra le prime catene alberghiere italiane.

Nei prossimi anni il gruppo mira ad uscire dai confini nazionali ed espandersi in capitali europee, costruendo una presenza sempre più forte anche a livello internazionale. Entusiasta, determinata, e con tanta voglia di mettersi in gioco, Giovanna Petrosillo, con la passione per l’enogastronomia (derivante dai suoi studi universitari) e del design, rappresenta la persona ideale per assumersi la responsabilità di guidare verso ulteriori traguardi le strutture iH a Bari. Nella sua Puglia dirigerà l’iH Hotels Bari Oriente, un elegante 4 stelle ospitato a Palazzo Marroccoli, l’edificio in stile liberty nel tratto architettonicamente più nobile di Corso Cavour, e il lussuoso iH Hotels Bari Grande Albergo delle Nazioni, l’unico cinque stelle in città con posizione dominante sul mare, anch’esso ospitato in un palazzo monumentale dei primi del Novecento dell’architetto Calza Bini. A completare l’offerta dei due hotel ci sono le ampie sale meeting per eventi, sia di tipo business che dedicati al wedding, e i rooftop: uno con vista sulla cupola del Petruzzelli e sul quartiere murattiano, l’altro ospita il rinomato ristorante Polvere di Stelle con affaccio sul lungomare di Bari, più una spa con piscina panoramica.

Turismo: la Puglia protagonista a Shanghai


SHANGHAI - Pugliapromozione è alla fiera ITB China di Shanghai, con un’area Puglia all’interno dello stand ENIT. L’ITB è un importante evento business-to-business e business-to-consumer che ha luogo in diverse capitali globali e nella Repubblica Popolare Cinese è giunto alla sua terza edizione. La fiera ha luogo all’interno del prestigioso World Expo Convention & Exhibition Center di Shanghai dal 15 al 17 maggio 2019.

La presenza di Pugliapromozione,rappresentata da Francesco Muciaccia, si sviluppa su di una superficie brandizzata messa a disposizione dall’ENIT all’interno del Padiglione Italia.

ITB China dal 2017 è la fiera B2B di viaggi dedicata esclusivamente al mercato cinese a cui partecipano 850 top buyers nazionali, 700 espositori internazionali e migliaia di professionisti del settore provenienti da tutto il mondo.

In concomitanza con la fiera si svolgerà ITB China Tourism Conference: 120 esperti provenienti da tutto il mondo condividono le loro competenze e introducono le ultime tendenze nel mercato cinese dei viaggi dei prossimi anni.

Le iniziative si inseriscono nel piano integrato di azioni dedicate al mercato cinese che nel 2018 ha avuto inizio con la sottoscrizione dell’accordo fra Pugliapromozione e CITS – China International Travel Service. Tale accordo ha fatto registrare da subito numeri importanti per la Puglia: + 11% nei flussi di incoming dalla Cina rispetto al 2018 (dati: Osservatorio del Turismo della Regione Puglia) e +18% nei primi due mesi del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018 (dati CITS - China International Travel Service).

Nelle serate del 14 e 16 maggio due eventi dedicati ad operatori del settore e stakeholder locali, il primo organizzato dalla stessa ITB, il secondo dall’ENIT, in occasione dei quali è prevista una degustazione di vini pugliesi. 

 Domenica 19 maggio, inoltre, è in programma l’evento ‘Apulia connects China’: iniziativa promozionale della destinazione Puglia organizzata dall’Associazione dei Pugliesi a Shanghai Apulian Way che vedrà la partecipazione di Xenia Chang, nota blogger cinese conduttrice della trasmissione China Food&Travel, e di un key opinion leader di ritorno da un educational tour in Puglia per presentare al pubblico video e racconti della loro esperienza. L’evento sarà arricchito dalla degustazione di piatti tipici preparati da 3 chef pugliesi residenti a Shanghai e del lancio degli account ufficiali dell’Associazione sui più importanti canali social della Repubblica Popolare, fra cui le note piattaforme Weibo e Wechat. 

Le attività rientrano nell’elenco delle iniziative approvate e sostenute da Pugliapromozione nell’ambito dell’avviso pubblico riservato alle associazioni dei pugliesi nel mondo iscritte all’albo regionale ex L.R. 23/2000.

La Puglia del lusso all’ILTM America Latina a San Paolo


SAN PAOLO - La Puglia partecipa in questi giorni all’ILTM America Latina in programma a San Paolo del Brasile dal 14 al 17 maggio 2019 presso il Bienal Pavillion incastonato nell’Ibirapuera Park: i buyer che partecipano a questo evento provengono da ciascun paese dell’America Latina, con prevalenza da Brasile e Messico.

ILTM - The International Luxury Travel Market è uno degli eventi B2B più importanti al mondo per il settore dei viaggi di lusso. ILTM, nel corso dell’anno, è organizzato in 7 tappe in 4 continenti (America del Nord, America Latina, Cannes/Europa, Africa, Arabia, Asia-Pacifico, Cina) e nasce per essere una piattaforma globale innovativa nel settore dei viaggi di lusso finalizzata alla creazione di una rete esclusiva di imprese d'elite. Nel 2018 Pugliapromozione ha partecipato alle edizioni del Nord America, Cannes/Europa, Asia/pacifico e Cina. Quest’anno la prima tappa è proprio San Paolo, mentre le prossime saranno Singapore, Cina e ILTM Mondo.

Secondo l’Osservatorio turistico regionale è una crescita straordinaria e a tre cifre quella registrata sul mercato turistico brasiliano: complessivamente +183% gli arrivi e +195% le presenze in Puglia dal 2013 al 2018. Con 16mila arrivi (+22% rispetto al 2017) e 40mila presenze nel 2018 (+19%). ) il Brasile si colloca infatti al 18° posto del ranking regionale per numerosità delle presenze, preceduto dal Canada e seguito dal Giappone. Anche l’Argentina registra un importante crescita con 10.560 arrivi (+20% rispetto al 2017) e 24.332 presenze (+23%). 


Le principali destinazioni sono Bari, meta nella quale si concentrano il 18% pernottamenti, Lecce (11%), Polignano a mare (11%), San Giovanni Rotondo (8%) e Fasano (7%). I mesi prescelti per il viaggio in Puglia sono settembre (18% dei flussi), giugno (16%), luglio (14%) e aprile (7%). Il 77% dei turisti brasiliani soggiorna in strutture alberghiere, in particolare in hotel 4 stelle. “I tassi di crescita registrati in Puglia negli ultimi anni indicano un interesse sempre maggiore verso le diverse destinazioni turistiche della regione, in particolare quelle del balneare, del religioso e del luxury con grande attenzione verso i prodotti enogastronomici locali. 

Secondo l’Enit infatti per il 60% dei brasiliani il buon vino e il cibo sono fattori determinanti nella scelta del viaggio – commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della regione Puglia -La manifestazione  rappresenta una importante opportunità di promozione per la Puglia, sia per il numero di operatori buyer presenti all’evento, sia perché ILTM resta il luogo ideale per proporre nuove destinazioni e per scoprire le ultime tendenze del mercato latino-americano, emergente e che presenta enormi potenzialità di sviluppo per la destinazione Puglia.” La Puglia interessa il Brasile soprattutto per il segmento Luxury, wedding e honeymoon, come è emerso anche dalla recente esperienza di fam trip realizzata in Puglia con il tour operator Milessis Operadora, in partnership conPugliapromozione, Alitalia Brasile ed ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo).

La partecipazione di Pugliapromozione, rappresentata da Nica Mastronardi e Irene Giorgio, alla tappa di San Paolo avviene tramite un desk personalizzato con il brand Puglia e l’acquisizione di un’agenda prefissata di appuntamenti con i Buyer (oltre 50) e si realizza nell’ambito del progetto “Promozione della destinazione Puglia”, azione del Piano Strategico del Turismo.

'Italia Repubblica Creativa': la Regione Puglia sotto i riflettori a Barcellona

(Pixabay)
BARCELLONA - Il Consolato Generale d’Italia a Barcellona, l’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona, la Camera di Commercio Italiana di Barcellona, e la Regione Puglia insieme con il programma di mostre ed eventi “Italia Repubblica Creativa” che celebrano la Festa della Repubblica Italiana portando in Catalogna alcune delle esperienze contemporanee più importanti della scena artistica e culturale della Puglia, regione ospite dell’edizione di quest’anno.

Grazie alla collaborazione e al sostegno di Pugliapromozione, agenzia regionale del turismo, ad Apulia Film Commission e Puglia Sound, agenzie regionali dedicate al cinema e alla musica, Italia Repubblica Creativa prevede un calendario di eventi e iniziative culturali che esplorano i territori artistici del cinema e della musica, della fotografia e del design attraverso mostre, installazioni ed eventi in diverse prestigiose location di Barcellona come la Filmoteca de Catalunya, la Fundació Enric Miralles e l’Istituto Italiano di Cultura. 

L’evento si svolge nell'ambito del progetto ITmakES - Vivere ALL’italiana, che ha come obiettivo dare visibilità alla scena creativa italiana contemporanea moltiplicando al tempo stesso i ponti di dialogo culturale tra l’Italia e la Spagna.

“Italia Repubblica Creativa centra pienamente l’obiettivo di costruire ponti culturali tra persone e territori, in questo caso mediterranei, come la Puglia e la Catalogna, e di fare  dialogare le professionalità che caratterizzano la comunità italiana a Barcellona, il talento italiano e quello locale, promuovendo i settori forti del soft power culturale italiano e della nostra industria creativa: il cinema, la musica, l’arte contemporanea, il design e la gastronomia. Tutto questo con il sostegno anche delle aziende del sistema Italia” sottolinea Gaia Danese, Console Generale d’Italia a Barcellona. 

Il presidente della Regione Puglia, che sarà presente in occasione della festa della Repubblica a Barcellona dal 2 al 4 Giugno, ha dichiarato: 
“La presenza della Puglia in Spagna e a Barcellona rientra in una strategia di costruzione di rapporti culturali con altri paesi dell’Unione Europea. Ma rientra soprattutto nell’ambito di una promozione turistica del brand Puglia in Spagna. Dal 2017 al 2018 gli arrivi degli spagnoli in Puglia sono cresciuti del 28%. Saremo per questo sia a Madrid che a Barcellona. Saremo nelle due città con campagne outdoor e con il Buy Puglia Tour oltre ad una iniziativa con i Pugliesi nel Mondo.

A Barcellona in particolare per un mese, grazie all’invito della console generale Gaia Danese e al supporto della Camera di Commercio Italo-Spagnola a Barcellona, abbiamo organizzato molti eventi per promuovere il brand Puglia.

Ringrazio Pugliapromozione per il coordinamento delle attività e Teatro Pubblico Pugliese e Apulia Film Commission per il contributo all’evento.”

I coordinatori dell’iniziativa sono stati scelti nell’ambito della scena creativa Italiana a Barcellona: le agenzie creative e piattaforme curatoriali Boiler, Labóh e La Mastrolitto ci propongono quattro appuntamenti legati a differenti aree dell’espressione artistica contemporanea. 

“In linea con la filosofia dell’Istituto Italiano di Cultura, che propone da tempo il meglio della contemporaneità italiana in vari settori, abbiamo selezionato per la maggior parte artisti emergenti, per restituire al pubblico di Barcellona la realtà della Puglia creativa di oggi, una realtà che parla un linguaggio allo stesso tempo locale e internazionale con una forza che muove la società in avanti” - afferma Angelo Gioè, direttore dell’Istituto Italiano di Barcellona.

“Non è la classica Puglia da cartolina quella che abbiamo voluto mostrare attraverso questi progetti ma un ritratto artistico autentico, corale, dove si ritrovano elementi ricorrenti e comuni a tutte le discipline come il mito, la relazione con la natura, lo scorrere del tempo, la dimensione festosa in contrasto con quella domestica, il desiderio di evadere e sperimentare” spiegano i commissari presenti alla presentazione ieri a Barcellona Anna Mastrolitto, Miriam Giordano e, per Boiler, Ivan Maria Vele, riassumendo ciascun progetto. 

"DEVIAZIONI. Puglia fuori traccia” offre una tre giorni di rassegna cinematografica alla Filmoteca de Catalunya di film girati negli ultimi anni in Puglia con il supporto di Regione Puglia e Apulia Film Commission. La rassegna mostrerà la Puglia attraverso lungometraggi, cortometraggi, e la sonorizzazione dal vivo di un documentario inedito, con musica elettronica, con la presenza dei registi Alessandro Piva, Luciano Toriello, Davide Barletti e Pierluigi Ferrandini e del musicista Fedele Ladisa (Agents of Time). Curata da Apulia Film Commission con Anna Mastrolitto (LiveSoundtracks) y Luciano Toriello (MAD Produzioni). Dal 14 al 16 maggio.

"EROSIONI. Puglia: leggende, utopie, visioni” è un racconto visivo, fresco e multiforme, del paesaggio contemporaneo pugliese attraverso le opere di artisti, perlopiù originari del territorio, che utilizzano la fotografia e l’immagine in movimento come strumento di analisi e ricerca. L’esposizione sarà ospitata dalla Fundació Enric Miralles. Curata da: Ilaria Speri e Massimo Torrigiani/Boiler. Dal 23 maggio al 18 giugno.

“MUTAZIONI. Nuove forme dell’artigianato e del design in Puglia” indaga la relazione tra la memoria e le tecniche tradizionali e la ricerca di nuove espressioni per la progettazione contemporanea. Questo dialogo prenderà forma attraverso l’installazione artistica ad opera del giovane ceramista Giorgio Di Palma, che si realizzerà nel giardino dell’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona. Curata da: Miriam Giordano/Labóh con la collaborazione di Giusy Ottonelli/Puglia Design Store. Inaugurazione 28 maggio.

LA FESTA! del 2-3 giugno, celebrazione conclusiva aperta a tutta la cittadinanza, si svolgerà sul lungomare del porto di Barcellona, al Terminal Grimaldi. Durante tutta la domenica sono previsti workshop, Dj set, spettacoli e concerti realizzati in collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese/Puglia Sounds. Protagoniste la pizzica e la taranta con Enza Pagliara ed il suo gruppo (Dario Muci, Michele Bianco, Giorgio Di Stante, Francesco De Donatis e Floriana Guida); lunedì sera il concerto di chiusura ci trasporterà nelle sonorità dall’acid-jazz alla bossa nova di Nicola Conte e Carolina Bubbico per poi terminare la serata con una dj session a cura di Davide Squillace, special guest.
La Puglia più popolare e festosa verrà ricreata grazie all’arte e al lighting design delle autentiche luminarie pugliesi della storica azienda Faniuolo di Putignano. “La fabbrica delle suggestioni” sbarcherà a Barcellona con due elementi classici delle celebrazioni patronali: la cassa armonica che accoglierà gli spettacoli e i discorsi delle autorità, e il portale, vera e propria architettura di luce che accenderà di magia l’ora del tramonto.

A condire entrambe le giornate, "The Authentic Italian Table"  (3° edizione di Taste-It street food 100% italiano), evento di promozione della tradizione culinaria italiana, dei prodotti autentici italiani, delle tecniche e territori artigianali, organizzato dalla Camera di Commercio Italiana-Barcellona. L'evento, che fa parte del progetto "True Italian Taste" promosso e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da Assocamerestero per valorizzare e salvaguardare il prodotto agroalimentare italiano. True Italian Taste fa parte del programma "The Extraordinary Italian Taste"

“Il Terminal Grimaldi per due giorni ospiterà la migliore cucina italiana di Barcellona: un viaggio nel mondo dei sapori dove scoprire i segreti della cucina dei migliori ristoranti della città e le ultime tendenze gastronomiche italiane” spiega Igor Garzesi, Presidente della Camera di Commercio Italiana-Barcelona.

Il programma prevede numerose attività per imparare a preparare, a tutte le età, pasta fresca, pizza e altre ricette tipiche italiane, nonché vivere un'esperienza unica con lo spettacolo Burrata Show dell’azienda Murgella. 

Italia Repubblica Creativa ha ricevuto il supporto del Comune di Barcellona e del Port de Barcelona.

L’iniziativa è resa possibile anche grazie al contributo dei main partners: Grimaldi Lines e Banco Mediolanum; partner tecnici: SEAT, Artemide; partner: Assiteca, Birrificio Poretti, Campari, Divella, Hevolus, Illy, Murgella, Sabores de Italia, Technogym. 

Italia Repubblica Creativa è illustrata dall’immagine del nostro mediterraneo reinterpretata da Piero Percoco. 

La Puglia su due ruote? Due blogger internazionali in tour nella regione

BARI - La Puglia, dall’11 al 13 maggio, ha ospitato 2 importanti blogger, giornaliste e fotografe per promuovere il turismo in bicicletta. Sami Moreno Sauri, influencer, blogger, ciclista e fotografa spagnola che ha realizzato reportage in bicicletta dalla Route 66 alle più importanti  capitali mondiali, e Ann-Sophie Deldycke, giornalista e fotografa documentarista belga impegnata anche nella realizzazione di scatti pubblicitari per importanti brand internazionali. Entrambe hanno partecipato all’ottava edizione del Festival internazionale ‘Full Bike Day: la Bicicletta in tutte le sue Forme', organizzato dall’Associazione Aeneis 2000, che si è svolto per l'intera giornata del maggio a San Vito dei Normanni  e Serranova di Carovigno.

Il loro tour è proseguito ad Ostuni, Torre Guaceto, il Parco secolare degli ulivi, le spiagge della costa, l'antica via Traiana, Mesagne e nella Città di Brindisi. Due donne impegnate nella comunicazione social e nelle arti visuali che mettono spesso al centro della loro attenzione l’utilizzo della bicicletta e le peculiarità dei territori che visitano: natura, percorsi, cibo, turismo lento e situazioni. “Quello del ciclismo è un segmento importantissimo perché attraverso le due ruote si riesce a conoscere meglio la Puglia più bella ed autentica. Si tratta di una forma di turismo completamente ecosostenibile e che si differenzia dai flussi tradizionali di massa”, spiega  l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia. 

Dal Gargano al Salento sono sempre di più coloro che praticano questo tipo ti turismo. Un target in massima parte straniero e che ama la natura ma anche i siti storici e l’enogastronomia. "Mi è piaciuto  molto interagire con le persone che ho incontrato in Puglia, una regione bellissima e ideale per il turismo in bicicletta. Qui ho scoperto anche tanti bravissimi artigiani e appassionati che ristrutturano biciclette classiche e storiche”, ha commentato Sami Moreno Sauri. “Mare, campagna, cibo ottimo, vino e centri storici di una bellezza mozzafiato che sembrano sospesi nel tempo. Per non parlare dello street food che ogni ciclista può trovare nei suoi itinerari”, ha commentato Ann-Sophie Deldycke,  arrivata in Puglia il giorno dopo aver ricevuto il prestigioso premio internazionale ‘Pink Lady: Food Photografer of the Year 2019’. 

Visitare Londra spendendo poco

(Pixabay)
Si dice che Londra sia molto costosa, ed è vero, ma allo stesso tempo è disseminata di attrazioni gratuite: i musei, ad esempio. Vale per quelli più classici (come il British e il Natural History, a ingresso libero tutti i giorni della settimana), ma anche le esposizioni più particolari, come l’Hunterian Museum, che ospita (tra le altre cose) scheletri deformati e reperti in salamoia. Una varietà simile si riscontra anche tra i parchi; fotografare la statua di Peter Pan a Kensington Gardens o i 320 cervi di Bushy Park non vi costerà un penny, così come ammirare i pellicani che vengono nutriti al St. James Park e perdervi tra i sentieri di Hampstead Heath.

Ci sono poi tutta una serie di momenti che fanno parte della stessa essenza di Londra: assistere al Cambio della Guardia, alle 11 di ogni giorno di fronte a Buckingham Palace, è un piacere completamente gratuito (ma consultate il calendario ufficiale, perché a volte gli orari cambiano). Anche attraversare l’incrocio di Abbey Road, ascoltare i rintocchi del Big Ben, infervorarsi con gli oratori dello Speaker’s Corner e scattarsi un selfie tra le luci di Piccadilly Circus sono attività a costo zero, che fanno parte tuttavia di ogni viaggio londinese che si rispetti. E poi la musica: a Londra è possibile ascoltare gratuitamente i musicisti del Royal College of Music e i cubani del Ronnie Scott’s Jazz Club (badate però di entrare nel locale prima delle 19:00). E perché pagare per un giro sul London Eye quando potete salire fino a Parliament Hill, o scattare il Tamigi da Greenwich Park, senza spendere un penny?

Dormire gratis, per quello che ne sappiamo, ancora non è possibile. Ma un altro trick per visitare Londra spendendo poco è scegliere di pernottare in un ostello: visitate la pagina Expedia ostelli per vederne una lista aggiornata e cercare di trovare quello che fa per voi!

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Bricolage Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia