Visualizzazione post con etichetta Brindisi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Brindisi. Mostra tutti i post

Rapina a Venezia, 4 brindisini in manette

di PIERO CHIMENTI - Sono finiti in manette i quattro responsabili della rapina a Dolo, in provincia di Venezia, avvenuta lo scorso ottobre, messa a segno chiudendo nel retrobottega la commessa e l'altra persona presente all'interno della gioielleria per un bottino dal valore di 45 mila euro.

L'accusa per i brindisini è di rapina pluriaggravata in concorso e porto e detenzione illegale di arma da fuoco. Ad assistere alla rapina furono due giovani, che diedero l'allarme ai carabinieri e contribuirono alle indagini identificando l'auto con cui si sono dati alla fuga i rapinatori.

Ferrarese (Invimit), "Al Sud gli investitori più la burocrazia che la criminalità"

ROMA -“Pensavo di dover fare i conti con i tradizionali stereotipi su un Sud dominato dalla criminalità organizzata, per cui le grandi aziende preferiscono non investirvi per il timore di cadere nei ricatti delle mafie. E invece ho scoperto un aspetto ancora più inquietante”. A dirlo è Massimo Ferrarese, presidente di Invimit, il fondo immobiliare dello Stato, che spiega così i retroscena di un incontro avuto a Roma con un grande gruppo imprenditoriale internazionale interessato a effettuare investimenti importanti, nessuno dei quali nel meridione d’Italia. E lo fa inviando una lettera a governatori, parlamentari, sindaci delle regioni meridionali.

“Ho chiesto se evitassero le nostre regioni del Sud per il timore di pressioni mafiose. Mi hanno guardato sorridendo e mi hanno detto: assolutamente no. La nostra paura è di dover affrontare una pubblica amministrazione inaffidabile. Abbiamo fatto investimenti in passato al Sud, ma ci siamo trovati sempre a dover fare i conti con una burocrazia che rallenta e danneggia qualsiasi progetto. Per questo motivo, e non certo perché riteniamo che al Sud ci sia più criminalità che al nord, abbiamo deciso di evitare qualsiasi piano industriale".

"Il problema della mancanza di investimenti al Sud, dunque, più che la mafia è una lentezza burocratica che provoca maggiori danni della criminalità. Io più volte ho sottolineato a potenziali investitori che non si può fare di tutta l'erba un fascio perché abbiamo anche degli ottimi amministratori. Ma ciò purtroppo non è sufficiente. Se non si troverà il modo di adeguare le pubbliche amministrazioni delle nostre regioni a quelle del Nord, con uno snellimento delle pratiche e un maggior controllo sui tempi con cui autorizzazioni e concessioni vengono assegnati - e soprattutto la certezza di non vedersi improvvisamente annullare quanto già ottenuto - il Sud resterà sempre più isolato, respingendo non solo gli investimenti dei grandi gruppi internazionali ma anche degli imprenditori autoctoni che decideranno, anche loro, di investire all’estero".

"Per questo - conclude il presidente di Invimit rivolgendosi ai governatori, ai parlamentari e ai pubblici amministratori delle regioni del Mezzogiorno - vi invito a individuare un percorso comune che consenta di offrire, se non agevolazioni a potenziali investitori, almeno un percorso autorizzativo che non abbia nulla da invidiare per professionalità, rapidità e certezza a quello offerto dalle pubbliche amministrazioni del Nord Italia”.

Tragico incidente sulla Ss7: auto avvolta dalle fiamme

di PIERO CHIMENTI - Un tragico incidente stradale è avvenuto sulla superstrada Ss7. All'altezza di Latiano, nel brindisino, una Bmw ed una Seat per cause ancora da accertare sono entrate in collisione, facendo ribaltare e prendere fuoco quest'ultima vettura.

Tra le fiamme è morto un uomo di 64 anni, ex sindaco di San Vito dei Normanni, che viaggiava col figlio che è riuscito a salvarsi. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco che hanno tentato di spegnere le fiamme, insieme al 118 e carabinieri.

Al Verdi di Brindisi 'La Bohème', botteghino aperto anche sabato e domenica

BRINDISI - «Opera in Puglia» approda a Brindisi, nel Nuovo Teatro Verdi, con l’opera della giovinezza, della voglia di vivere. «La Bohème», immortale e amatissimo capolavoro di Giacomo Puccini, in arrivo lunedì 23 aprile alle ore 20.30, segna il primo appuntamento della stagione lirica diretta da Giandomenico Vaccari.

Posti ancora disponibili: oltre ai turni ordinari (lunedì, mercoledì e venerdì ore 11-13; martedì e giovedì ore 17-19), la biglietteria del Teatro Verdi sarà aperta al pubblico anche sabato 21 e domenica 22 aprile ore 11-13 e 17-19. Lunedì 23 aprile, giorno dello spettacolo, ore 11-13 e a partire dalle 19.

Lo spettacolo sarà preceduto da una guida all’opera, a cura del docente Corrado De Bernart e del direttore artistico della rassegna Giandomenico Vaccari, che si svolgerà venerdì 20 aprile alle ore 18.30 nella sala conferenze del Complesso ex Scuole Pie a Brindisi (via Tarantini, 35).

Puccini aveva cominciato a lavorare alla Bohème nel gennaio 1893 (lo precisa lui stesso in polemica con Leoncavallo che reclamava la priorità dei diritti sul soggetto), scrisse l’ultima nota della partitura il 10 novembre 1895, provando «l’effetto di avere visto morire una mia creatura». Opera in quattro quadri, «La Bohème» debuttò al Teatro Regio di Torino con la direzione di Arturo Toscanini nel 1896. La sua genesi fu piuttosto complessa, ma fin dalla prima esecuzione torinese il pubblico la acclamò, a differenza della critica che invece non ne fu troppo convinta (un critico accennò addirittura alla “abdicazione” di Puccini). «Una vita gaia e terribile»: è quella dei bohémien. In una Parigi fredda e invernale quattro giovani artisti tirano a campare con pochi soldi, cercando di mangiare qualcosa e godendo di sprazzi di vita al Caffè Momus. «Bella età d’inganni e d’utopie», dice uno di loro. L’intreccio tra due storie d’amore, quelle di Marcello con Musetta e di Rodolfo con Mimì, è l’occasione per mostrare anche il lato oscuro dell’amore: i litigi tra innamorati e le gelosie reciproche svaniscono quando irrompe qualcosa di più grande, come la morte. «La Bohème» è l’opera dei giovani per eccellenza in cui sogni e realtà si mescolano, le passioni si intrecciano e l’amore vince su tutto, nonostante la morte.

Un trionfo di emozioni, impasti, colori, caratteri, personalità, che descrive un universo umano così vicino e insieme lontano da noi. La soffitta di Parigi è metafora della vita di tutti i giorni in cui l’arte in tutte le sue forme trionfa sovrana e trova adeguata completezza solo nell’amore. Un amore forte, vivo, struggente e maledettamente bello. Questa messa in scena dà luce e colore alla giovinezza e sottolinea la leggerezza accattivante della quotidianità dei protagonisti per poi marcare con sensibilità il dramma della povertà e della malattia con un gioco di contrasti e allusioni sceniche e registiche, che rendono lo spettacolo intenso e coinvolgente, così come il riso e il pianto conseguenza l’uno dell’altro. Come nella vita reale.

Debutto assoluto nel ruolo di Mimì per la sanvitese Angela Nisi (in passato più volte nelle vesti di Musetta), soprano che sa imporre agilità vocale e una grande padronanza scenica: Rodolfo è interpretato dal tenore franco-tunisino Amadi Lagha, dotato di un timbro schietto, caldo, tipicamente mediterraneo. Completano la compagine artistica: Italo Proferisce (Marcello), Marco Camastra (Shaunard), Federico Benetti (Colline), Diana Tugui (Musetta), Giorgio Schipa (Benoît/Alcindoro) e Federico Buttazzo (Parpiugnol). Regia di Alessandro Idonea. Dirige l’Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento il M.O Gianluca Martinenghi. Le scene sono del Teatro Petruzzelli di Bari, realizzate nel 2008 per il Teatro Piccinni. Il «Coro Opera in Puglia» sarà diretto da Emanuela Aymone, il coro di voci bianche da Luigi Mazzotta.

La scrittura travagliata del libretto, ad opera di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, è testimoniata dalla lettera che il primo scrisse all’editore Giulio Ricordi: «Vi confesso che di questo continuo rifare, ritoccare, aggiungere, correggere, tagliare, riappiccicare, gonfiare a destra per smagrire a sinistra, sono stanco morto. Se non fosse stato per la grande amicizia che ho per voi e per il bene che voglio al Puccini, a quest’ora me ne sarei liberato in malo modo. (...) Nel tempo dato a questi rattoppi avrei potuto scrivere comodamente quattro articoli per la ‘Nuova Antologia’».

Foto ©Samuele Vincenti

Basket, Happy Casa Brindisi-Capo d’Orlando 74-75: sconfitta immeritata per la squadra di Vitucci

di FRANCESCO LOIACONO - In A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha perso 75-74 in casa contro il Capo d’Orlando. Nel primo quarto 11-0 per i siciliani con le schiacciate di Faust. I pugliesi sono rimasti in partita con i sottomano di Smith. Ma il Capo d’Orlando si è aggiudicato 18-13 questa fase di gara. Nel secondo quarto in avanti 34-33 la squadra di Mazzon con Knox e Atsur. Però stavolta Brindisi con Cardillo è riuscito ad imporsi 35-34.

Nel terzo quarto in vantaggio la squadra di Vitucci 49-43 con le triple di Mesicek. Lydeka eccellente con le “bombe” da tre punti. I pugliesi hanno trionfato 59-55. Nel quarto e ultimo quarto Suggs imprendibile sotto le plance,72-67 per Brindisi. I siciliani sono rimasti a galla con Likhodey e Stojanovic. Mesicek ha sbagliato in modo incredibile i tiri liberi. Molto preciso Knox che ha permesso al Capo d’Orlando di vincere questo quarto e l’intera partita 75-74.

Sconfitta immeritata per l’Happy Casa Brindisi al “Pala Pentassuglia”. E’ terzultimo in classifica a 16 punti. Nel prossimo turno giocherà in casa col Cremona. I lombardi hanno perso 96-89 in casa col Trento. Il Milano ha espugnato 98-93 il parquet del Cantù ed è primo da solo a quota 42. Il Venezia ha avuto la meglio 68-61 sul Brescia. Il Bologna ha vinto 67-65 a Torino. Il Sassari si è imposto 80-69 a Pistoia. L’Avellino ha battuto Pesaro 103-81. Il Varese ha sconfitto 80-73 il Reggio Emilia.

Orologi contraffatti, arresti in Puglia

di PIERO CHIMENTI - Sei arresti tra la provincia di Brindisi, Taranto e Napoli sono stati eseguiti dalla Guardia di finanza di Brindisi per i reati di riciclaggio e ricettazione di orologi di lusso contraffatti. Il commercio illecito sarebbe avvenuto oltre che in Italia anche in alcuni Paesi Ue.

Xylella, Cia Puglia: "Obiettivo: bloccare l’espansione del batterio"

FASANO (BR) – “L’obiettivo su cui tutti dobbiamo lavorare, senza divisioni o inutili polemiche, è uno solo: fermare l’avanzata della Xylella”. Nell’incontro di Fasano, lunedì 16 aprile, è stato Giannicola D’Amico, vicepresidente regionale di CIA Agricoltori Italiani di Puglia, a ribadire con forza la necessità di lavorare tutti nella stessa direzione: organizzazioni agricole, agricoltori ed enti preposti, con un ruolo fondamentale della Regione Puglia e un maggiore sostegno da parte del governo nazionale e dell’Unione Europea.

“E’ una guerra e, come tale, va combattuta: è prioritario intervenire celermente completando tutti gli espianti e procedendo ai reimpianti nella zona infetta. Per ogni nuovo focolaio, il ‘fronte nemico’ della Xylella avanza mangiandosi altri ettari di territorio. Dobbiamo invertire la tendenza, ma per fare questo serve cominciare realmente la controffensiva”, ha dichiarato Gianluca Cisternino, assessore all’Agricoltura del Comune di Fasano. Fasano e i comuni del comprensorio, inoltre, hanno chiesto che la Regione Puglia intervenga con risorse straordinarie per gli interventi obbligatori di prevenzione riguardanti strade, canali, parti di terreno non comprese nei campi delle aziende agricole.

All’incontro, è intervenuto il capitano Sandro D’Alessandro, vicecomandante provinciale dei Carabinieri Forestali di Brindisi, che ha ribadito l’urgenza, da parte degli agricoltori e di tutti gli attori pubblici interessati, di ottemperare alle misure obbligatorie di prevenzione contro la Xylella: la lotta agli stadi giovanili degli insetti vettori con mezzi meccanici è obbligatoria nelle aree delimitate (zona infetta, contenimento e cuscinetto) nel periodo che va da marzo al 30 aprile ed è raccomandata nella zona indenne della Regione Puglia. E’ necessario eliminare le piante erbacee spontanee, ospiti delle forme giovanili dei vettori. Il controllo degli stadi giovanili dei vettori è obbligatorio nei terreni agricoli, extra agricoli e nelle aree urbane, attraverso le lavorazioni superficiali del terreno, la trinciatura e l’interramento della vegetazione spontanea.

Dal primo giorno di maggio 2018, come già previsto dalla normativa vigente, agli agricoltori che non si atterranno alle prescrizioni sarà comminata una sanzione pecuniaria e, cosa ancora più pesante, verrà negato l’accesso ai benefici dei fondi comunitari. Sulla Xylella, Cia Due Mari, guidata dal presidente provinciale Piero De Padova, sta lavorando da anni e nell’ultimo mese ha ulteriormente intensificato le azioni di informazione e gli incontri con gli agricoltori, con un’azione di informazione continua, capillare, affinché tutti sappiano non solo quali sono gli obblighi ma anche qual è il modo migliore per contrastare l’espandersi del batterio. Particolarmente interessante l’intervento di Crescenza Dongiovanni, del Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura “Basile-Caramia”, con l’aggiornamento dei risultati ottenuti dalla scienza per trovare nuovi e più efficaci soluzioni contro l’avanzare della xylella.

“Oggi, martedì 17 aprile, saremo a Montalbano (Br), nella sala convegni della Società Operaia di Mutuo Soccorso di via Puccini”, ha ricordato Giannicola D’Amico. “Non possiamo fermarci”, ha aggiunto il vicepresidente CIA Puglia, “perché l’obiettivo è fare il 101% per fermare l’avanzata della xylella. In tutta la Puglia bisogna prendere coscienza che l’espandersi del batterio mette drammaticamente a rischio l’intera economia della regione, non solo l’agricoltura, poiché il comparto primario per i pugliesi è lo snodo principale che, a raggiera, interseca e alimenta ogni altro settore, compresi il commercio, l’enogastronomia, il turismo e i servizi”, ha concluso D’Amico.

Al Bano, "Sono preoccupato per i miei figli e voglio tutelarli. Da oggi parlate con me solo come cantante"

ROMA - Nella mattinata di giovedì 12 aprile, Federica Panicucci, in seguito alle polemiche dei giorni scorsi, ha parlato telefonicamente con Al Bano.

Il cantante ha preferito non intervenire in trasmissione e ha chiesto a Federica Panicucci di riportare, nel corso di "Mattino Cinque", le sue parole per evitare di sollevare un altro polverone.

Di seguito la dichiarazione: "Albano telefonicamente mi ha detto di essere molto arrabbiato. Ha definito questa situazione assurda e squallida. Chiede che non se ne parli più. Quando gli ho sottolineato che lui stesso, rilasciando quell’intervista, ha fatto sì che ci fosse un proseguo in tutto questo lui mi ha risposto che l’ha rilasciata per mettere un freno, per mettere un punto alle voci che si stavano rincorrendo in quei giorni. Al Bano dice di essere molto preoccupato per i suoi figli perché sentono, vedono, leggono, vanno a scuola e si confrontano con gli altri compagni. Afferma di temere per loro, per quello che possono provare psicologicamente. Oltre a tutto questo chiede che non se ne parli più, chiede quanto meno che si parli di lui soltanto come cantante e che il resto non venga più raccontato. Mi ha pregato di dire che trova tutto questo assurdo e squallido. Che deve tutelare i suoi figli, la sua vita privata e non vorrebbe più che si parlasse di tutta questa questione. È molto arrabbiato".

Xylella fastidiosa: novità e obblighi per gli agricoltori

FASANO (BR) Si terrà lunedì 16 aprile, alle ore 18.30, nella Sala di Rappresentanza del Comune di Fasano, l’incontro organizzato da CIA Agricoltori Italiani, in collaborazione con il Comune di Fasano, sulla “Xylella fastidiosa: novità e obblighi per gli agricoltori”.

All’incontro interverranno: l’assessore all’Agricoltura del Comune di Fasano, Gianluca Cisternino; il vicepresidente regionale di CIA Puglia, Giannicola D’Amico; Crescenza Dongiovanni, del Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura “Basile-Caramia”; Ruggiero Capone, comandante provinciale Carabinieri Forestali Brindisi.

Turismo: nasce 'Wonderful Italy - Puglia Centrale'

ROMA - Wonderful Italy è un progetto di rilancio e innovazione fondato sull'ospitalità in abitazioni private locali e sui servizi ed esperienze turistiche. Ha l'obiettivo di contribuire allo sviluppo di località turistiche non convenzionali, puntando sulla creazione di una rete di piccoli imprenditori locali.

L’Hub Puglia Centrale affianca il successo dell'Hub Sicilia Occidentale (Palermo e Trapani) e il recentemente lanciato Hub Sicilia Orientale (Siracusa e Ragusa). Wonderful Italy è stata fondata da OltreVenture, il principale fondo di impact investing italiano.

Intervengono:

Vittorio Carparelli, Assessore al turismo, marketing territoriale ed eventi del comune di Ostuni
Gianfranco Ciola, Direttore del Parco Naturale Regionale Dune Costiere "da Torre Canne a Torre San Leonardo"
Lorenzo Allevi, Amministratore Delegato Oltre Venture
Michele Ridolfo, Amministratore Delegato Wonderful Italy
Roberto Ungaro, Amministratore Delegato Wonderful Italy - Hub Puglia Centrale
Paolo Grigolli, Direttore SMT - Trentino School of Management 

Basket, Trento-Happy Casa Brindisi 85-68: netta sconfitta per i pugliesi

di FRANCESCO LOIACONO - In A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha perso 85-68 a Trento. Nel primo quarto, Trento in avanti 8-0 con le schiacciate di Sutton e Silins. Moore ha tenuto in gara i pugliesi. Ma Trento si è aggiudicato 21-15 questa fase di partita.

Nel secondo quarto Gomes e Shields infallibili con le triple, 33-27 per gli altoatesini. Smith ha permesso alla squadra di Vitucci di restare nel match. Però Trento si è imposto di nuovo 46-30. Nel terzo quarto Forray eccellente con le “bombe” da tre punti, 52-37 per la squadra di Buscaglia. Tepic e Iannuzzi in evidenza per Brindisi con i sottomano. Trento ha trionfato 62-53. Nel quarto quarto Flaccadori e Hogue validissimi sotto le plance, 72-56 Trento. Suggs non ha mollato. Trento ha vinto questo quarto e l’intera partita 85-68.

Netta sconfitta per Brindisi. Nel prossimo turno giocherà in casa col Capo d’Orlando. I siciliani sono stati sconfitti 75-73 in casa dal Varese. Il Milano ha vinto 90-78 sul Torino ed è primo da solo a 40 punti. Il Venezia si è imposto 81-76 a Reggio Emilia. Il Brescia ha espugnato 80-76 il parquet del Sassari. L’Avellino ha superato 95-72 Cremona. Il Cantù ha vinto 88-83 a Bologna. Il Pesaro ha battuto 80-72 il Pistoia dopo un tempo supplementare.

Fratelli d'Italia, Meloni nomina Congedo Commissario a Brindisi

BRINDISI - Il consigliere regionale Erio Congedo è stato nominato nella giornata di ieri (lunedì 9 aprile 2018) commissario di Fratelli d'Italia in provincia di Brindisi. La nomina è partita dal leader nazionale di Fratelli d'Italia, on. Giorgia Meloni.

Scu, arrestata compagna boss Buccarella

ROMA - I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Brindisi hanno eseguito in queste ore l'ordine di esecuzione per la carcerazione per associazione di tipo mafioso, finalizzata alla commissione di rapine ed estorsioni, nei confronti della 62enne compagna del boss della Sacra Corona Unita Giovanni Buccarella deceduto nell'agosto scorso. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Lecce.

La donna, riconosciuta colpevole dei reati di associazione di tipo mafioso finalizzata alla commissione di rapine ed estorsioni, condannata alla pena di 6 anni e 8 mesi di reclusione, è stata in regime di custodia cautelare in carcere per 1 anno e 4 mesi tra il 2012 e il 2014.

La condanna riguarda una serie di attività criminose commesse nel 2010 in diverse località della provincia di Brindisi. Tra i reati contestati, le estorsioni ad aziende attive nel fotovoltaico.

Fratelli d'Italia a Brindisi, sosterrà la candidatura dell'avv. Massimo Ciullo

BRINDISI - Il partito di Giorgia Meloni si schiera al fianco dell'avv. Massimo Ciullo nella competizione per il rinnovo del consiglio comunale di Brindisi.

L'avv. Ciullo -esponente storico della destra brindisina, già candidato al Senato della Repubblica con Fratelli d'Italia ed erede morale dell'esperienza di buon governo del compianto sindaco Mimmo Minniti- incarna la figura politica che in questo momento può meglio rappresentare un centro destra di governo unito e vincente.

L'auspicio è che attorno alla candidatura di Massimo Ciullo possa completarsi l'intera coalizione di centro destra brindisina che appena un mese fa ha dimostrato di essere vincente a livello nazionale e che dimostra la sua compattezza rappresentandosi in maniera unitaria, in fase di consultazione per la formazione del governo, di fronte al presidente della Repubblica.

A Roma come a Brindisi il valore dell'unità va perseguito. E' quanto sottolineato in una nota, dal Presidente regionale di Fratelli d'Italia, On.Marcello Gemmato. 

Brindisi, cerca di corrompere Cc: arrestato 64enne

di PIERO CHIMENTI - Un agricoltore di Villa Castelli, nel brindisino, è stato arrestato dai carabinieri di per istigazione alla corruzione, ricettazione di attrezzi agricoli e detenzione abusiva di un fucile con matricola cancellata.

L'uomo di 64 anni avrebbe infatti offerto 10 mila euro affinché i militari 'soprassedessero' su delle attrezzature detenute nel suo garage, che sarebbero risultate rubate e perfettamente funzionanti.

Donazione di organi nella notte all'ospedale Perrino di Brindisi

BRINDISI - La notte fra il 5 e il 6 aprile, presso l’Ospedale Perrino di Brindisi, è avvenuto un prelievo di organi da un paziente di 69 anni, il primo del 2018. Tutti gli organi prelevati sono risultati idonei al trapianto.

Le operazioni, iniziate con l’accertamento di morte e la richiesta del consenso ai figli nel primo pomeriggio del 5 aprile, sono proseguite con le attività di prelievo, iniziate in sala operatoria dopo la mezzanotte e concluse all’incirca alle ore 8.00 di questa mattina.

L’équipe medica coordinata dal Dr. Massimo Calò ha lavorato, come sempre, in sinergia con il Centro Regionale Trapianti. I reni, prelevati da un’equipe di Foggia, sono stati destinati al Centro Trapianti di Bari, mentre il fegato è stato prelevato da un’equipe proveniente dalla Sardegna e giunto al Centro Trapianti di Cagliari. Infine, le cornee sono state prelevate da un oculista dell’Ospedale Perrino ed avviate alla Banca nazionale di Mestre.

Ringraziamo i familiari che in un momento così drammatico sono riusciti ad esprimere un gesto di generosità che ridona speranza ai tanti pazienti in attesa di trapianto. Un gesto utile anche ad infondere in ognuno di noi la consapevolezza del ruolo determinante che si può svolgere nel sistema dei trapianti attraverso la manifestazione della propria volontà a donare. Perché esprimere un SI alla donazione non costa niente e farlo in vita risparmia ulteriore dolore a chi deve prendere decisioni per i propri congiunti.

Truffa all'Inps: intascava soldi del padre morto dal 2014

di PIERO CHIMENTI - La Guardia di finanza di Brindisi ha arrestato un uomo di 41 anni del posto, che dal 2014 ha intascato la pensione del padre non comunicando all'Inps l'avvenuto decesso. A favorire la truffa erano due dipendenti dell'ufficio postale. In casa dell'indagato, le Fiamme Gialle hanno trovato libretti postali e carte di credito intestate al defunto genitore in cui avvenivano le transazioni illecite ammontanti ad oltre 10 mila euro.

A Borgo Egnazia arriva la 'Festa di primavera'


SAVELLETRI DI FASANO (BR) - La fine del freddo in Puglia si festeggia calorosamente, come ogni cosa in questa regione, e in questo particolare momento di passaggio dal freddo ai fiori, si avverte nell’aria un intenso bisogno di rigenerazione, tanto nella natura, quanto nelle persone.

Ispirandosi ai tradizionali falò nei borghi e negli incroci di campagna, dove il vecchio viene accatastato e bruciato per far spazio al nuovo, anche la suggestiva Piazza di Borgo Egnazia è tutta un fervore di fascine per la Festa di Primavera, grande evento in onore della nuova stagione.

Così Borgo Egnazia avvia la stagione dei nuovi inizi con una magnifica serata in Piazza, una festa tra fuoco e musica, in un carosello di prelibatezze pugliesi e un crescendo di corpi danzanti al ritmo dei tamburelli.

La Festa di Primavera, inedita e sorprendente, prevede una cena tradizionale pugliese in Piazza e culminerà con un grande falò, in cui una Fenice (alta quasi cinque metri) sarà bruciata tra le mura bianche del Borgo. Simbolo di rinascita ma anche omaggio all’arte artigiana pugliese, la Fenice è opera di Deni Bianco, maestro cartapestaio di eccezionale talento artistico, più volte vincitore delle ultime edizioni dello storico Carnevale di Putignano.

Un omaggio alla tradizione ma anche un segno del forte legame tra Borgo Egnazia e il territorio, in una celebrazione delle tradizioni e delle eccellenze di Puglia nel primo tepore della nuova stagione.

Info e prenotazioni: www.borgoegnazia.it - +39 080 2255772

Basket: Happy Casa Brindisi-Sassari 105-98 dopo un tempo supplementare, vittoria importante per i pugliesi

di FRANCESCO LOIACONO - In A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha vinto 105-98 in casa contro il Sassari dopo un tempo supplementare. Nel primo quarto in avanti i pugliesi 7-0 con le schiacciate di Tepic. I sardi sono rimasti in partita con Planicic. Ma Brindisi si è aggiudicato 23-21 questa fase di gara.

Nel secondo quarto la squadra di Vitucci sul 33-27 per merito dei sottomano di Lydeka. Mesicek in evidenza sotto le plance. Bostic ha tenuto a galla Sassari. I pugliesi si sono imposti di nuovo 48-38. Nel terzo quarto Sassari propositiva con le “bombe” da tre punti di Stipcevic. Suggs ha consentito un 57-45 a Brindisi. I pugliesi hanno trionfato 66-60. Nel quarto quarto Planicic ha portato in vantaggio Sassari sul 70-69. Stipcevic eccellente dalla lunga distanza per la squadra di Pasquini. Ma Giuri e Smith hanno fatto valere la loro classe per Brindisi. Grande equilibrio, 87-87. Necessario il tempo supplementare. Nell’extra time Mesicek ha portato la squadra di Vitucci sul 100-98. Jones e Hatcher hanno tenuto nel match i sardi. Però Brindisi ha vinto il supplementare 105-98 e l’intera partita.

Successo importantissimo per i pugliesi nella corsa verso la salvezza. Sono terzultimi in classifica con 16 punti. Nel prossimo turno giocheranno a Trento. Gli altoatesini hanno vinto 107-59 in casa contro il Capo d’Orlando. Il Milano ha superato 92-78 Reggio Emilia. I lombardi sono primi da soli a quota 38. Il Brescia ha avuto la meglio 86-71 sul Cantù. Il Cremona ha battuto 91-78 il Bologna. Il Pistoia ha espugnato 84-77 il parquet del Torino. Il Varese ha vinto 88-68 contro il Pesaro. Il Venezia ha avuto la meglio 88-74 sull’Avellino.

Rete aeroportuale italiana, Congedo: "Emiliano spieghi tecnicamente in Consiglio se c'è il rischio di depotenziamento di Bari e Brindisi"

BARI - "Non è ben chiara la linea tecnica lanciata dal presidente Michele Emiliano nel momento in cui dichiara di “voler utilizzare i guadagni degli aeroporti di Bari e di Brindisi per Foggia e Taranto” a seguito del riconoscimento, con decreto interministeriale, dell'esistenza di una rete aeroportuale pugliese prima in Italia. Ancor meno chiaro è il motivo per cui su cinque aeroporti pugliesi se ne salvino quattro, escludendo quello di Galatina. E' sicuramente motivo di orgoglio ricevere un riconoscimento di questo calibro, ancor più perché si parla di infrastrutture ben gestite e ben funzionanti, ma le dichiarazioni del governatore della Regione Puglia rischiano di scatenare una guerra di campanile. E'impensabile dover affrontare con tanta faciloneria un argomento così determinante per l'economia regionale e territoriale. Chiedo dunque ad Emiliano di chiarire in Consiglio regionale quale sia la reale posizione e quale l'idea della Regione sul tema e in che modo egli intende distribuire (magari illustrando al Consiglio un piano di gestione) gli utili degli aeroporti di Bari e Brindisi, peraltro questi già colpiti dallo spostamento del centro Enav dalla Puglia a Roma Ciampino". Così Erio Congedo, consigliere regionale Fratelli d'Italia Puglia, in una nota.