Ad Section

Visualizzazione post con etichetta Brindisi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Brindisi. Mostra tutti i post

Serie D: il Fasano è primo, il Foggia bloccato a Brindisi

Serie D: il Fasano è primo, il Foggia bloccato a Brindisi

di FRANCESCO LOIACONO - Dopo la settima giornata di andata del girone H di serie D c’è una nuova capolista, è il Fasano con 15 punti. La squadra della provincia di Brindisi si impone 3-0 in casa sul Francavilla in Sinni. I biancazzurri passano in vantaggio nel primo tempo con Cavaliere di sinistro. Raddoppiano nella ripresa con Diaz di destro, e segnano la terza rete con Forbes, tiro rasoterra. Il Foggia ex leader di questo girone si fa bloccare sull’1-1 in trasferta dal Brindisi nel primo dei tre derby pugliesi. Nel secondo tempo in gol i dauni con Iadaresta di testa. Ma il Brindisi pareggia con D’Ancora di destro. Il Foggia è secondo con 14 punti, il Brindisi terzo a quota 13.

Nel secondo derby pugliese il Taranto supera 1-0 allo stadio “Iacovone” l’Altamura. Per gli jonici decisivo il gol segnato nel primo tempo da Manzo di testa. Il Taranto è quarto a 12 punti, l’Altamura quartultima a quota 7. Nel terzo derby pugliese il Cerignola pareggia 0-0 in casa col Bitonto. Il Cerignola è quintultimo a 8 punti, il Bitonto terzo con 13. Il Casarano pareggia 0-0 allo stadio “Capozza” col Sorrento ed è quinto a 10 punti. L’Andria vince 3-0 ad Agropoli ed è quarta a quota 12. Il Gravina perde 4-1 in casa col Gladiator. I murgiani sono quinti a 10. Il Nardò perde 3-1 in trasferta col Grumentum Val d’Agri. I salentini sono penultimi in classifica con 3 punti.

Apre a Cisternino la VII Conferenza internazionale de 'I Borghi del Mediterraneo'

Apre a Cisternino la VII Conferenza internazionale de 'I Borghi del Mediterraneo'

CISTERNINO (BR) - Cisternino e la Valle d'Itria sono pronti ad accogliere gli ospiti e i viaggiatori attesi in occasione della VII Conferenza Internazionale de I Borghi del Mediterraneo che quest’anno avrà il titolo: Costruire in Bellezza. Le molte declinazioni del concetto di bellezza - architettonica, paesaggistica, culturale, ambientale - sono proposte come filo conduttore dell'attività istituzionale, imprenditoriale e sociale per scongiurare l'abbandono e valorizzare i patrimoni di preziosi contesti territoriali.

La conferenza sarà ufficialmente inaugurata giovedì 17 ottobre alle ore 18.30, presso il Cineteatro Paolo Grassi, dove si succederanno gli interventi dei rappresentanti delle istituzioni e delle organizzazioni che hanno partecipato alla realizzazione dell'evento. Nell'ordine, interverranno: Luca Convertini, sindaco di Cisternino; Fiorello Primi, presidente nazionale dell'associazione “Borghi più belli d’Italia”; Loredana Ficarelli, prorettore del Politecnico di Bari; Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia; Loredana Capone, Assessore all'Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia; Domenico Vitto presidente regionale dell’ANCI; Pascal Bernard, Presidente dell'associazione Les Villages plus beaux de France; Francisco Mestre, Presidente del Club Los Pueblos más bonitos de España; Amine Jules Iskandar, Presidente dell'associazione Les Plus Beaux Villages du Liban. Gli interventi saranno moderati da Antonella Caramia, speaker di Radionorba.

A seguire il convegno, sarà presentata la pubblicazione Borghifragili (LabEdizioni 2019), volume che raccoglie i migliori contributi delle due edizioni precedenti della Conferenza, realizzato a cura di Mario Saponaro, assessore allo Sviluppo economico del Comune di Cisternino e coordinatore della Conferenza, e Mariangela Turchiarulo, docente del Politecnico di Bari.

L'inaugurazione sarà chiusa da due eventi musicali: l'esibizione della Banda e del Coro dell'Istituto comprensivo di Cisternino, diretti dai maestri Mino Lacirignola e Tonia Mastromarini; il concerto del gruppo folk Radicanto, tappa del tour 2019 Le Indie di Quaggiù.

Ancora nel pomeriggio di giovedì 17 saranno aperte al pubblico le mostre allestite in occasione della Conferenza:

Borghi in Mostra: curata dal Politecnico di Milano, l'esposizione occupa spazi pubblici, locali privati, luoghi all'aperto del borgo di Cisternino per promuovere i progetti e le proposte di ricerca elaborate da università e accademie italiane con l'obiettivo di valorizzare e riqualificare i borghi in Italia.

Portali del Mediterraneo: è la mostra fotografica realizzata con gli scatti dei partecipanti al contest Portali del Mediterraneo.

Famiglia Lagravinese: nel settecentesco palazzo è ricostruita la storia della famiglia che ebbe parte in alcune delle più importanti vicende del '900, non ultima l'elaborazione della Costituzione della Repubblica.

La Forma ed il Symbolo: è una nuova ricognizione delle opere pittoriche donate da Adriana Notte alla città di Cisternino, ospitata nella storica struttura della Torre Civica. La mostra è impreziosita da una serie di scatti dell'autrice realizzati da Giulio Marchioli.

"È un onore ed un piacere aprire le porte del nostro bellissimo borgo ai tanti ospiti della Conferenza e a quanti vorranno condividere le tante attività programmate nei giorni che vanno dal 17 al 20 ottobre", afferma il sindaco di Cisternino Luca Convertini.

"Abbiamo profuso il massimo impegno, e ringrazio i cuore tutti quanti si sono applicati all'organizzazione dell'evento, per mettere a disposizione di cittadini, imprenditori, organizzazioni civiche e turisti tante opportunità di conoscenza, confronto e partecipazione che fanno della Conferenza Costruire in Bellezza un'esperienza immersiva nel microcosmo sociale e urbanistico punteggiato dai borghi del Mediterraneo.

Auguro a tutti di trascorre giornate interessanti, rilassanti e divertenti, e che ciascuno abbia l'opportunità di donare il proprio originale contributo e partire con un più ricco bagaglio culturale ed emotivo".

La Conferenza è stata organizzata dal Comune di Cisternino, l'Associazione Borghi più Belli d'Italia e il Politecnico di Bari con il decisivo sostegno finanziario della Regione Puglia.

La partecipazione al convegno inaugurale darà diritto ai crediti formativi per gli iscritti agli Ordini professionali degli Architetti e degli Ingegneri ed al Collegio dei Geometri.

Basket: primo storico successo dell'Happy Casa Brindisi a Milano

Basket: primo storico successo dell'Happy Casa Brindisi a Milano

(credits: Happy Casa Fb)
di FRANCESCO LOIACONO - Nella quarta giornata di andata di A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha vinto 92-89 a Milano. Primo quarto, Rodriguez 4-0 per i lombardi. Banks ribalta, 12-11 per i pugliesi. Banks, 18-13. Stone allunga 24-21. Questa fase di gara termina in parità, 24-24. Secondo quarto, Stone 34-26 per l’Happy Casa. Gaspardo, 40-28. Brown, 47-36. Iannuzzi, 51-42. Di nuovo Iannuzzi, Brindisi si impone 53-46.

Terzo quarto, Stone 60-51 per la squadra allenata da Frank Vitucci. Brown, 66-54. Banks, 72-54. I pugliesi trionfano 74-61. Quarto quarto, Micov tiene in gara Milano,ma 77-67 Happy Casa. Brown, 79-70. Banks, 84-81. Thompson, 88-84. Banks, l’Happy Casa vince questo quarto e 92-89 tutta la partita. Primo storico successo di Brindisi a Milano. I pugliesi sono secondi in classifica con 6 punti. Migliori realizzatori, nell’Happy Casa Stone 26 punti, nel Milano Rodriguez 28 punti. Nel prossimo turno Brindisi giocherà in casa contro Pesaro.

Cisternino, tutto pronto la 3a edizione di 'Borgo Infuocato'

Cisternino, tutto pronto la 3a edizione di 'Borgo Infuocato'

(credits: Marangi)
CISTERNINO (BR) - A colorare la calce bianca degli antichi edifici di Cisternino, saranno le fiamme roventi della terza edizione di “Borgo infuocato”, che si terrà quest’anno dal 18 al 20 ottobre 2019 nell’ambito della conferenza internazionale dei “Borghi del Mediterraneo”.

Un importantissimo evento internazionale dove il fuoco rappresenta la vitalità e la forza dei piccoli borghi - come ha dichiarato l’assessore al turismo Mario Saponaro - che vogliono emergere ed ergersi a valide destinazioni turistiche.

L’unico festival nel sud Italia dedicato interamente al fuoco, patrocinato dal Comune di Cisternino ed organizzato dall’Associazione Smile con la direzione artistica di Manuel Manfuso che ha ideato e porta avanti questo straordinario evento dalla prima edizione.

Gli spettacoli si svolgeranno in Piazza Garibaldi, Piazza Marconi e Piazza dell’orologio e saranno così suddivisi: la serata del venerdì 18 ottobre vede l’esibizione di Manu Circus un artista circense che proverà ad essere amico del fuoco tra oggetti lanciati per aria e mille equilibri instabili e che si esibirà nuovamente anche nella serata di sabato; lo spettacolo di Retrò circus dove Monè-Monè, personaggio nei panni di un clown scapigliato di altri tempi, si esibirà in giocoleria di fuoco, mangiafuoco, sputafuoco, ed infine l’immancabile Dely De Marzo fire show con il suo spettacolo unico, a tratti grottesco, che passa da fontane di fuoco, a pioggia di gocce infuocate da non perdere anche domenica 20 con nuove performance.

Sabato 19 ottobre sarà il turno di Menti Ardenti che intreccia mito greco e fuoco in performance singole e di gruppo; Volcanalia con il suo spettacolo di mangiafuoco, sputafuoco e il raro utilizzo dei vapori intrecciate insieme con maestria e Manu Circus con un nuovo spettacolo.

Domenica 20 ottobre sarà la volta di Sylvie fire show con il suo spettacolo di fuoco e fachirismo che lascerà tutti con il fiato sospeso, mentre Monsieur Cocò vi porterà in magiche atmosfere tra  Il calore del fuoco, il suono dei cocci di vetri rotti e  dolci melodie; infine un nuovo spettacolo di Dely De Marzo Fire show, per chi se lo fosse perso venerdì 18.

Scintille a parte, fatevi un giro tra le bancarelle dell’handmade in corso Umberto, seguite i profumi dello street food arrivando in Via S. Quirico per degustare qualcosa al volo e, per i più piccini, recatevi in piazza Pellegrino Rossi per l’area gonfiabili.

INGRESSO GRATUITO
BORGO INFUOCATO
18/19/20 ottobre 2019
CISTERNINO - CENTRO STORICO

Brindisi vola a Malta con Ryanair per la Summer 2020

Brindisi vola a Malta con Ryanair per la Summer 2020

BARI – Si arricchisce l’offerta per la Summer 2020 per i viaggiatori che transitano in Puglia. A partire dal prossimo marzo, infatti, sarà possibile raggiungere Malta da Brindisi, con una cadenza di due volte a settimana, con un volo diretto Ryanair.

“Cresce ancora la sinergia con la compagnia irlandese, commenta il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti. Siamo certi che la nuova destinazione  troverà favorevole accoglienza sia per il traffico incoming sia per coloro che volessero raggiungere un arcipelago ricco di storia e cultura che si affaccia  sul Mediterraneo e che condivide con la nostra terra  frammenti di bellezze architettoniche e tradizioni.

Stiamo lavorando in sintonia con le linee tracciate nel nostro piano industriale: i numeri straordinari con i quali abbiamo chiuso la stagione appena trascorsa, confermano la strategia  che stiamo perseguendo con particolare riferimento al network internazionale, favorendo le frequenze dei collegamenti con l’Europa e con i paesi del Mediterraneo”.

Per celebrare la sua nuova rotta Brindisi - Malta, Ryanair ha lanciato una vendita di posti sulla sua rete europea con il 25 per cento di sconto per i viaggi tra novembre e maggio, che devono essere prenotati entro domenica 13 ottobre, sul sito www.ryanair.com.

Basket: l'Happy Casa Brindisi supera 88-78 il Brescia

Basket: l'Happy Casa Brindisi supera 88-78 il Brescia

di FRANCESCO LOIACONO - Nella terza giornata di andata di A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha vinto 88-78 in casa col Brescia. Primo quarto, Brown 5-3 per i pugliesi. Thompson, 11-7. Cain impatta per i lombardi, 11-11. Banks, l’Happy Casa si impone 20-18. Secondo quarto, Horton 23-22 Brescia. Banks, 33-27 per la squadra allenata da Frank Vitucci. Ikangi allunga 39-32. Banks, Brindisi prevale di nuovo 49-39. Terzo quarto, Brown 56-46 Happy Casa. Zanelli, 67-62. I pugliesi trionfano 67-62.

Quarto quarto, Stone 76-69 Brindisi. Thompson, 79-71. Brown, 81-73. Brindisi vince 88-78 questo quarto e tutta la partita. Successo importante per l’Happy Casa, secondo consecutivo dopo quello in trasferta contro la Virtus Roma. I pugliesi sono secondi in classifica con 4 punti. Migliori realizzatori. Nell’Happy Casa Banks 31 punti e Thompson 18. Nel Brescia Abass e Cain 15 punti. Nel prossimo turno i pugliesi giocheranno a Milano. I lombardi hanno vinto 88-73 in casa contro Trieste.

Serie D: Foggia e Andria da tre punti, ko Taranto e Brindisi

Serie D: Foggia e Andria da tre punti, ko Taranto e Brindisi

di FRANCESCO LOIACONO - Nel primo dei cinque derby pugliesi della sesta giornata di andata del girone H di serie D il Foggia ha vinto 1-0 in casa col Taranto. A decidere la gara un gol realizzato nel secondo tempo da Tortori di destro su passaggio di Cannas. Il Foggia è primo in classifica da solo con 13 punti, il Taranto quarto a quota 9.

Nel secondo derby pugliese l’Andria ha vinto 3-2 a Gravina col Brindisi. Nel primo tempo in vantaggio il Brindisi con Maglie di sinistro. L’Andria ha pareggiato con Palazzo su rigore dato per un fallo del portiere Lacirignola sullo stesso Palazzo. Nel secondo tempo l’Andria è andata di nuovo in gol con Palazzo, tiro al volo. L’Andria ha realizzato la terza rete con Banegas su rigore concesso per un fallo di Boccadamo sullo stesso Banegas. Il Brindisi ha segnato con Ancora di destro. L’Andria è quarta con 9 punti, il Brindisi secondo a 12. Nel terzo derby pugliese il Bitonto ha superato allo stadio “Degli Ulivi” 1-0 il Gravina. Determinante la rete segnata nel secondo tempo da Patierno di testa su cross di Turitto. Il Bitonto è secondo con 12 punti, il Gravina terzo a quota 10.

Nel quarto derby pugliese il Fasano ha vinto 3-1 ad Altamura. Nel secondo tempo in gol il Fasano con Corvino di destro. Ha raddoppiato El Kabbou di sinistro. I murgiani hanno segnato con Guadalupi su rigore dato per un fallo di Diop su Dorato. Il Fasano ha realizzato la terza rete con Diaz, tiro rasoterra. Il Fasano è secondo con 12 punti, l’Altamura terzultima a 7. Nel quinto derby pugliese il Nardò ha vinto 1-0 in casa col Cerignola. Decisiva la rete segnata nella ripresa da Aquaro con un tiro dalla lunga distanza. Il Nardò è penultimo a 3 punti, il Cerignola terzultimo a quota 7. Il Casarano ha vinto 2-0 in trasferta col Grumentum. I salentini sono quarti con 9 punti.

Xylella: ritrovati altri 4 alberi infetti a nord di Brindisi, 2 sono in area demaniale

Xylella: ritrovati altri 4 alberi infetti a nord di Brindisi, 2 sono in area demaniale

BRINDISI - Con determina del dirigente della Sezione Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia del 1° ottobre scorso è stata disposta la estirpazione di altri 4 ulivi infetti riscontrati negli ultimi giorni in agro di Fasano a nord di Brindisi. Continuano, purtroppo ad arrivare i risultati del monitoraggio avviato il 5 agosto scorso da Arif (l’Agenzia regionale per gli interventi irrigui e forestali). Monitoraggi che hanno portato alla individuazione di altri quattro ulivi infetti sul territorio di Fasano.

Due ricadono in un terreno di proprietà privata posto ridosso della strada statale 379 lato monti, nei pressi della uscita per la zona industriale Fasano sud. Gli altri due, invece,  ricadono sempre a ridosso della statale 379 nei pressi della uscita “Torre Canne sud”, in un’area intestata a “Demanio dello Stato Ramo Strade”, e sono distanti poche centinaia di metri a linea d’aria dall’altro olivo infetto ritrovato a dicembre scorso.

“Ormai è una battaglia contro il tempo ma anche contro i ritardi o addirittura i mancati adempimenti da parte delle pubbliche amministrazioni proprietarie di strade e terreni – dichiara il vicepresidente della Cia – Agricoltori Italiani di Puglia Giannicola D’Amico -. I due alberi infetti ritrovati negli ultimi giorni nei pressi della statale 379 all’altezza della uscita “Torre Canne sud” ricadono, infatti, in un’area di pertinenza Anas, sulla quale non sono state minimamente eseguite né le buone pratiche agricole né i trattamenti fitosanitari, al momento unica azione preventiva possibile, insieme alle eradicazioni. Gli sforzi e i sacrifici degli agricoltori vengono così vanificati dalla mancata esecuzione delle buone pratiche e dei trattamenti fitosanitari da parte degli enti pubblici titolari di strade, canali, ferrovie, terreni interessati dalla emergenza Xylella – prosegue D’Amico -. Anche su questo va aperta una seria riflessione e servono risorse aggiuntive, oltre quelle già stanziate e da stanziare per gli agricoltori, da destinare agli enti pubblici. È inaccettabile, infatti, che migliaia di agricoltori nei mesi scorsi, sobbarcandosi ingenti spese non previste e mai ristorate, abbiano eseguito le lavorazioni ai terreni e i trattamenti fitosanitari rispettando tempi e norme, mentre gli enti pubblici, per i noti problemi di mancanza di risorse economiche, non abbiano fatto altrettanto. L’esecuzione delle buone pratiche da parte della stragrande maggioranza degli agricoltori nei mesi scorsi, come anche la celerità con la quale in appena 7 giorni sono stati eradicati gli altri due alberi ritrovati infetti a Fasano, grazie proprio alla sensibilità e alla disponibilità dei proprietari, si scontrano purtroppo con i mancati adempimenti che, invece, avrebbero dovuto e devono fare gli enti pubblici sulle aree di propria competenza. Ci auspichiamo ora che chi ha competenza sul Demanio dello Stato Ramo Strade non perda tempo e proceda immediatamente alla eradicazione di queste piante come prescritto dalla Regione Puglia. Da sempre sosteniamo che la Xylella non avrebbe atteso i tempi della politica, della burocrazia e della giustizia. Senza dimenticare che questi ultimi ritrovamenti ricadono nella Piana degli Ulivi Monumentali, che oltre ad avere un valore produttivo ha anche un importante valore paesaggistico e di forte appeal turistico. E a tal riguardo sollecitiamo la Regione Puglia a varare, senza perdere altro tempo, le linee guide per i sovrainnesti degli ulivi monumentali, che restano al momento l’unica speranza per poter tutelare gli ulivi secolari”.

“Speriamo che le altre decine e decine di alberi per i quali si attendono le analisi sia a Fasano che nel resto dei territori monitorati, sia in provincia di Brindisi che in provincia di Taranto, risultino negativi, altrimenti la situazione si comprometterà ulteriormente – evidenzia il presidente della Cia – Agricoltori Italiani Due Mari (Taranto –Brindisi) Piero De Padova -. Non bisogna abbassare la guardia e occorre seguire alla lettera i protocolli scientifici senza rincorrere notizie false e teorie surreali, che tanto credito hanno avuto in questi ultimi anni. Occorre che il monitoraggio delle piante ma anche del vettore non subisca battute di arresto, Anzi va potenziato ed esteso anche alle aree sulle quali, invece, non è più previsto, proprio per non lasciare morire interi territori e un intero patrimonio, come purtroppo avvenuto per il Salento. Il tutto – conclude De Padova - anche per consentire anche gli “abbattimenti volontari”, con un adeguato ristoro agli agricoltori e con l’obbligo di reimpianto sia di olivo che di altre specie consentite. Come occorre non perdere un minuto di tempo per far eseguire le eradicazioni, assicurando agli agricoltori danneggiati ristori concreti, certi e rapidi”.

Basket: l'Happy Casa vince a Roma

Basket: l'Happy Casa vince a Roma

di FRANCESCO LOIACONO - Nella seconda giornata di andata di A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha vinto 87-63 fuori casa contro la Virtus Roma. Primo quarto, Banks e Brown 8-0 per i pugliesi. Thompson, 13-5. Tripla di Gaspardo, 25-8. L’ Happy Casa Brindisi si impone 27-14. Secondo quarto, Campogrande 32-16 Happy Casa. Gaspardo allunga 35-16. Brown, la squadra allenata da Frank Viitucci prevale di nuovo 43-27. Terzo quarto, Thompson 45-27 Brindisi. Brown, 51-27. Radosavljevic, “bomba” da tre punti 54-27. Banks, 58-32. I pugliesi trionfano 69-47.

Quarto quarto, Thompson e Martin 75-47 Happy Casa. Martin, 78-47. Thompson, 84-47. Il Brindisi vince questo quarto e 83-67 tutta la partita. Successo meritato per l’Happy Casa Brindisi. I pugliesi sono sesti in classifica con 2 punti. Migliori realizzatori, nell’Happy Casa Thompson 21 punti e Banks 17. Nella Virtus Roma Buford 17 punti e Jefferson 10. Nel prossimo turno l’Happy Casa Brindisi giocherà in casa col Brescia. I lombardi hanno vinto a sorpresa 73-65 a Milano.

Serie D: vincono Brindisi e Foggia vincono, ko il Taranto

Serie D: vincono Brindisi e Foggia vincono, ko il Taranto


di FRANCESCO LOIACONO - Nella quinta giornata di andata del girone H di serie D il Brindisi ha vinto 2-1 in casa col Grumentum ed è primo in classifica con 12 punti. Nel primo tempo in vantaggio i pugliesi con Marino di destro. Hanno raddoppiato con l’argentino Montaldi di testa. I lucani hanno segnato con Cavalieri di sinistro. Nel primo dei tre derby pugliesi il Foggia ha vinto 1-0 a Cerignola. Decisivo il gol realizzato nel secondo tempo da Campagna, tiro da pochi metri. Il Foggia è terzo con 10 punti, il Cerignola quinto a quota 7.

Nel secondo derby pugliese il Casarano ha vinto 1-0 allo stadio “Capozza” col Nardò. Determinante la rete segnata nella ripresa da Morleo su punizione. Il Casarano è sesto con 6 punti, il Nardò ultimo a 0. Nel terzo derby pugliese il Gravina ha vinto 2-0 in casa con l’Altamura. Nel primo tempo è passato in vantaggio il Gravina con Mbida, velocissimo di destro a mandare il pallone in rete dopo che il portiere Guido aveva parato un rigore a Santoro. Nella ripresa Santoro di sinistro ha raddoppiato. Il Gravina è terzo con 10 punti, l’Altamura quinta a quota 7.

Il Taranto ha perso a sorpresa allo stadio “Jacovone” 1-0 col Sorrento. Per i campani decisivo il gol segnato da Bonanno di destro nel secondo tempo. Il Taranto è quarto con 9 punti. Il Bitonto ha vinto 2-0 a Nocera Inferiore. I pugliesi sono quarti a quota 9. Il Fasano ha perso 1-0 in casa col Gelbison, ed è quarto con 9 punti. L’Andria ha pareggiato 2-2 a Francavilla in Sinni ed è sesta a quota 6.

Luca Argentero al Verdi: al via la vendita dei biglietti

Luca Argentero al Verdi: al via la vendita dei biglietti


BRINDISI - Da oggi in vendita presso la biglietteria del Teatro e online su Vivaticket i biglietti per lo spettacolo fuori abbonamento che apre la nuova stagione del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi. Appuntamento con l’attore torinese domenica 20 ottobre alle ore 20.30: al centro dello spettacolo le vicende di tre grandi sportivi italiani che hanno fatto epoca.

Parte oggi la vendita dei biglietti per lo spettacolo «È questa la vita che sognavo da bambino?» con Luca Argentero, titolo che apre la stagione 2019-20 del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi (domenica 20 ottobre, ore 20.30). I biglietti sono disponibili presso la biglietteria del Teatro (orario di sportello dal primo ottobre: dal lunedì al venerdì, ore 11-13 e 16.30-18.30) oppure online sul circuito Vivaticket. Prosegue intanto la campagna abbonamenti per la stagione alle porte con le diverse opzioni di scelta, dalla formula completa a 13 spettacoli ai miniabbonamenti che comprendono ciascuno 6 spettacoli.

I prezzi. Intero: € 25 (primo settore), € 22 (secondo settore), € 18 (galleria). Ridotto per under 25, over 65, dipendenti di aziende ed enti convenzionati, associazioni per gruppi di minimo 15 persone: € 22 (primo settore), € 20 (secondo settore), € 16 (galleria). Studenti fino a 25 anni: € 10 in tutti i settori. Ragazzi fino a 12 anni e gruppi scolastici di minimo 15 studenti: € 6 in tutti i settori.

Lo spettacolo. In «È questa la vita che sognavo da bambino?», Luca Argentero racconta la storia di tre grandi personaggi dalle vite straordinarie che hanno inciso profondamente nella società, nella storia oltre che nella loro disciplina. Raccontati sia dal punto di vista umano sia sociale, con una particolare attenzione alla narrazione dei tempi in cui hanno vissuto e si sono confrontati. “Luisin” Malabrocca, Walter Bonatti e Alberto Tomba, tre sportivi italiani che hanno fatto sognare, tifare, ridere e commuovere diverse generazioni.

“Luisin” Malabrocca, “l’inventore” della Maglia Nera, il ciclista che nel primo Giro d’Italia dopo la guerra si accorse per caso che arrivare ultimo, in una Italia devastata come quella del 1946, faceva molta simpatia alla gente: riceveva salami, formaggi e olio come regali di solidarietà. Automaticamente attirò anche l’attenzione di alcuni sponsor, al punto che arrivare ultimo divenne presto una opportunità appetibile anche dal punto di vista dei guadagni. In poco tempo arrivò anche la popolarità. In lui le persone riconoscevano l’anti-eroe che è nel cuore di ogni italiano, ma, insieme alla popolarità, emersero nuovi sfidanti in una incredibile corsa a chi arrivava ultimo.

Walter Bonatti, l’alpinista che dopo aver superato incredibili sfide con la roccia, il clima e la montagna, arrivato a oltre ottomila metri d’altezza, quasi sulla cima di una delle montagne più difficili da scalare del mondo, il K2, scoprì a sue spese che la minaccia più grande per l’uomo è l’uomo stesso; eppure la grande delusione del K2 lo spinse ancora più in là a mettersi alla prova in nuove sfide in solitaria, nuove scalate impossibili e infine a viaggiare in tutto il mondo. Tutto ciò per trovare la cosa più importante della vita: se stesso.

Alberto Tomba, il campione olimpico capace di fermare il Festival di Sanremo con i suoi trionfi. L’insolito sciatore bolognese che, grazie alla sua leggerezza nella vita e aggressività sulla pista, è arrivato a essere conosciuto in tutto il mondo come “Tomba la bomba”. Uno dei più grandi campioni della storia dello sci che ha radunato intorno alle sue gare tutto il Paese, incarnando la rinascita italiana forse illusoria ma sicuramente spensierata degli anni Ottanta.

Tre storie completamente diverse l’una dall’altra, tre personaggi accomunati da una sola caratteristica: essere diventati, ognuno a modo proprio, degli eroi.

Il premier a Ceglie, visita presso la Fondazione San Raffaele - presidio ospedaliero di alta specialità

Il premier a Ceglie, visita presso la Fondazione San Raffaele - presidio ospedaliero di alta specialità

CEGLIE MESSAPICA (BR) - Alla vigilia di San Raffaele, arcangelo a cui è dedicata la Fondazione che gestisce il Presidio ospedaliero ad alta specialità di Ceglie Messapica, la visita del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sottolinea anche un anniversario importante a chiusura del 2019: i primi venti anni di attività al servizio del territorio pugliese e non solo, durante i quali la Fondazione San Raffaele è diventata punto di riferimento per la  capacità costante di offrire prestazioni di alta qualità, anche grazie a strumentazioni all’avanguardia. 

Una dimostrazione è l’esoscheletro  riabilitativo robotizzato per la deambulazione di persone con deficit motori agli arti inferiori (paraplegie e tetraplegie complete ed incomplete, emiplegie, sclerosi multipla, ictus). Un vero gioiello della tecnologia a supporto ed integrazione dei percorsi riabilitativi tradizionali, che è stato presentato oggi, 27 settembre, in occasione della visita del Premier, che ha voluto incontrare ospiti e operatori del presidio ospedaliero.

Il Presidente Conte ha visitato anche il Centro per lo sviluppo dell’età evolutiva “Fondazione Silvana Paolini”, dove era atteso da un gruppo di bambini che gli ha donato un quadro. Il disegno raffigura il logo della Fondazione.

Particolarmente emozionante il momento della presentazione del robot, indossato da una paziente di 28 anni, che ha subito una lesione midollare importante a seguito di un incidente d’auto che le impedisce di camminare. L’applicazione dell’esoscheletro le ha permesso di alzarsi e muovere dei passi nella palestra della struttura.

I robot indossabili sono strumenti altamente innovativi in campo riabilitativo finalizzati a favorire la riorganizzazione del controllo motorio dopo lesioni cerebrali o midollari favorendo una intensità di esercizio che coniuga la capacità di pianificare il movimento con l’allenamento cardiovascolare.

L’esoscheletro utilizzato è un dispositivo in acciaio e carbonio che si attiva per mezzo di quattro motori elettromeccanici alimentati da due batterie.  Dei sensori invece captano e riconoscono l’assetto posturale del paziente fornendo informazioni (calcolo e modulazione della forza da impegnare, ampiezza e durata delle attività motorie) che un computer elabora e traduce in tempo reale al fine di assistere il paziente nella stazione eretta, nel bilanciamento e nella deambulazione passiva, attiva o attiva assistita. 

Il suo utilizzo consente di re-impostare movimenti degli arti inferiori alterati o impossibili da eseguire consentendo una verticalizzazione precoce e sicura così come una ri-attivazione muscolare e articolare per mezzo di esercizi ripetitivi finalizzati alla riprogrammazione del ciclo del passo. Ma non solo. Consente di migliorare significativamente i tempi di ripresa e la capacità di camminare anche di pazienti colpiti da ictus in fase subacuta, non deambulanti. La notizia, recentissima, è emersa da uno studio coordinato proprio dall’IRCCS San Raffaele di Roma, che ha coinvolto diversi centri di riabilitazione italiani, pubblicato lo scorso febbraio dalla prestigiosa rivista scientifica European Journal of Physical and Rehabilitation Medicine.

Il presente messaggio, corredato eventualmente degli allegati, contiene informazioni riservate rivolte esclusivamente ai destinatari indicati nello stesso. La diffusione, distribuzione e/o la copia del contenuto del presente messaggio da parte di qualsiasi soggetto diverso dai destinatari è severamente vietata dalle disposizioni normative vigenti, tra cui il D.Lgs. 196/2003 e ss.mm., il Regolamento (UE) 2016/679 e il D.Lgs. 30/2015. In mancanza di autorizzazione del destinatario, è proibito distribuire, stampare o copiare, in tutto o in parte, il messaggio e gli allegati e vi invitiamo a distruggerli e darne immediata comunicazione inviando una e-mail all'indirizzo del mittente. La Società non potrà essere ritenuta in alcun modo responsabile per eventuali conseguenze pregiudizievoli e/o danni derivanti dall’utilizzo del presente messaggio di posta elettronica.

Al via la sesta edizione della Settimana del benessere sessuale

Al via la sesta edizione della Settimana del benessere sessuale

BRINDISI - Al via la sesta edizione de “La settimana del benessere affettivo e sessuale, educare a tutte le età” con eventi di promozione della salute affettiva e sessuale. Il progetto “La Settimana del Benessere Affettivo-Sessuale 2019” è patrocinato dal Ministero della Salute, dalla Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica, dal Comune di Mesagne, dalla Provincia e dal Comune di Brindisi ed è a cura della dottoressa Gabriella Gravili, esperta di dinamiche relazionali e sessuali, formatrice e coach per lo sviluppo del potenziale umano, counseling sessuologico e cyberbullismo.

Questa nuova edizione, centrata sulla promozione di stili di vita salutari, è focalizzata sull’educazione: all’affettività e alla sessualità consapevole negli adolescenti; all’uso consapevole del web e dei social da parte di adolescenti e adulti, con una specifica attenzione alla prevenzione di quelle forme di cyberbullismo che si materializzano nel sexting; alle dinamiche di coppia.

Il programma della Settimana prende avvio mercoledì 2 ottobre presso la Feltrinelli Point di Brindisi, in corso Umberto I, 113,  alle ore 18.30 con la presentazione del libro “Punto G” attraverso il quale il giornalista Gianmarco Di Napoli e Gabriella Gravili dialogheranno sull’universo affettivo e sessuale del femminile, occasione per riscoprire nuove forme di intimità nella coppia stessa, oggi sempre più affaticata dalla frenesia del quotidiano.

Altre iniziative di carattere culturale, di sensibilizzazione e informazione si terranno presso l’Auditorium del Castello di Mesagne.  E’ previsto il Cineforum “Liberi di essere, liberi di amare nella cultura del rispetto”, quattro proiezioni di film a tema con introduzione e dibattito facilitato da Gabriella Gravili sui temi dell’eduzione all’affettività e della prevenzione al cyberbullismo. Presenta le proiezioni Katja Cucinelli.

Il primo appuntamento si terrà giovedì 3 ottobre, alle ore 20.00, con la proiezione di “Disobedience”, una delicata indagine sui pregiudizi che condizionano e discriminano la libertà di essere e di amare, anche in una città all’avanguardia come Londra.

Sabato 5 ottobre, destinatari gli studenti delle classi quarte e quinte dell’IISS “Epifanio Ferdinando” di Mesagne, alla presenza del Dirigente, Dott. A. Guglielmi,  si terranno due proiezioni del film “Disconnect” a partire dalle 8.15: cinque storie di adulti e di adolescenti che si intrecciano e che vengono intrappolate dall’uso inconsapevole dei social e del web. Sarà presente il Dott. Walter Lombardi, esperto di settore.

“Her – Lei”, in programma venerdì 11 ottobre alle ore 20.00, è la storia d’amore ambientata in una realtà nella quale le interazioni sentimentali sono poco “reali”, tanto che il protagonista si innamora di un’intelligenza artificiale e scopriremo se “finalmente” almeno in questa dimensione “virtuale” riuscirà a vivere felice e contento.

 “Liberi di Essere, liberi di Amare” è anche la Mostra di pittura che sarà ospitata nell’Auditorium del Castello da giovedì 3 a venerdì 11 ottobre. Saranno esposti i lavori di artisti salentini di fama nazionale ed esordienti: Tania Medico e Lucia Costantini di Brindisi; Valentina D’Andrea di Lecce; Viviana Cazzato, Ajnos di Presicce; giovani esordienti Ambra Grande e Giacomo Faggiano di Brindisi e Mesagne.  Il percorso espositivo è un’esplorazione della dimensione intima; la sensualità e le relazioni affettive sono le muse ispiratrici.

Il programma prevede la Consulenza Gratuita di primo contatto sui temi e sulle domande legate alla sfera relazionale, affettiva, sessuale dell’individuo, della coppia, e per un’educazione più consapevole degli adolescenti. Si richiede prenotazione telefonica al numero 329 4486226.

Sostenitori degli Eventi: Gravili Consulting HRD e Cantine Due Palme di Cellino San Marco.

Conte: "Lavoriamo ad incentivi per l'uso della moneta elettronica"

Conte: "Lavoriamo ad incentivi per l'uso della moneta elettronica"

CEGLIE MESSAPICA (BR) - Il Governo "pensa ad incentivi per l'uso della moneta elettronica, a usare le carte". Così il capo del Governo, Giuseppe Conte, a Ceglie Messapica durante il forum organizzato dal giornale online Affari Italiani. "Stiamo lavorando ad una manovra espansiva. Pensiamo che sia il momento", ha aggiunto. "Ma gli italiani - ha aggiunto - non pagheranno di più, anzi ci saranno meccanismi premiali. Il tutto in una ottica di alleggerimento della pressione fiscale. Ho già detto che questo patto è pagare tutti per pagare meno". 

Il premier ribadisce quindi che il governo vuole disinnescare le clausole di salvaguardia per l'aumento dell'Iva, sottolineando che "il governo sta valutando qualche rimodulazione con beneficio per tutti gli italiani".

Il presidente del Consiglio si è poi detto d'accordo con "il carcere per i grandi evasori", annunciando che la prossima riforma della Giustizia inasprirà le pene per chi nasconderà al fisco somme consistenti.

Xylella e taglio piante infette, Amati: "Arif non faccia proclami ma agisca"

Xylella e taglio piante infette, Amati: "Arif non faccia proclami ma agisca"

BARI - “Il compito di Arif non consiste in annunci e proclami, ma in azioni concrete. I proprietari dei due alberi di Fasano, a cui va il più sentito ringraziamento, hanno già comunicato la disponibilità: a quando l’intervento dell’Arif? Si può sapere la data in cui saranno effettuati i trattamenti preventivi e l’estirpazione?”. Lo comunica il Presidente della Commissione regionale bilancio,  Fabiano Amati.

“Dopo l’adozione nei giorni scorsi degli atti di estirpazione di numerosi ulivi infetti, con il caso più avanzato riguardante il territorio di Fasano, è partita una notevole e giusta campagna di comunicazione per accelerare i tempi. A questa campagna sta partecipando anche l’Arif, cioè l’agenzia incaricata di eseguire i provvedimenti di estirpazione, che però omette di riferire la cosa più importante, cioè la data in cui saranno effettuate le operazioni. Ciò rileva in particolare per il caso di Fasano, ove i proprietari delle due piante hanno già dato ampia disponibilità con comunicazione ufficiale, cioè collaborando in modo encomiabile con l’amministrazione pubblica. Se dunque la comunicazione non vale più dell’azione, ci aspettiamo che già dalla giornata di domani possano cominciare le operazioni previste o al più tardi nei primi giorni della settimana prossima. Staremo a vedere. Resta ovviamente e clamorosamente in piedi - conclude Amati - la questione di tutte le piante infette oggetto di ordinanza d’estirpazione ancora non eseguite, nonostante la scadenza dei termini assegnati. Ribadisco per l’ennesima volta la questione, perché la battaglia per contenere la Xylella non si fonda sulla produzione di carte ma sulla esecuzione di ciò che nelle carte è scritto”.

Basket: l'Happy Casa Brindisi perde 69-64 in casa con Cantù

Basket: l'Happy Casa Brindisi perde 69-64 in casa con Cantù

di FRANCESCO LOIACONO - Nella prima giornata di andata di A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha perso 69-64 in casa con Cantù. Primo quarto, Young 10-3 per i lombardi. Banks impatta per i pugliesi, 17-17. Gaspardo, l’Happy Casa si impone 20-19. Secondo quarto, Collins 26-23 per Cantù. Di nuovo Collins, 29-28. Wilson, i lombardi prevalgono 36-31. Terzo quarto, Martin del Brindisi riduce a -1, 38-39 Cantù. Collins allunga 46-38. Haynes, 54-49. Cantù trionfa 59-51. 

Quarto quarto, Campogrande tiene in corsa la squadra allenata da Frank Vitucci, ma 54-61 per i lombardi. Brown mantiene in partita l’Happy Casa, 63-64 per gli avversari. Clark, Cantù vince questo quarto e 69-64 tutta la partita. Sconfitta immeritata per l’Happy Casa Brindisi. Migliori realizzatori, nei pugliesi Banks e Brown 17 punti, nei lombardi Young 22 punti e Pecchia 10. Nel prossimo turno l’Happy Casa Brindisi giocherà fuori casa contro la Virtus Roma.

Movimento civico 'Noi Ci Siamo': "Situazione politica locale attuale richiede impegno"

Movimento civico 'Noi Ci Siamo': "Situazione politica locale attuale richiede impegno"

FRANCAVILLA FONTANA (BR) - L'attuale situazione politica locale e nazionale richiede l'impegno del movimento civico NOI CI SIAMO per colmare gli evidenti vuoti creati dalla carenza di ideologie e valori. Per le ragioni sopraelencate il Movimento riprende le sessioni di studio del Venerdì su questioni ed argomenti GLOCAL (AMBIENTE, PROMOZIONE CULTURALE, POLITICHE EUROPEE, COMUNICAZIONE, ECONOMIA, ETC.) Una prima panoramica delle prime sessioni : 1) Festa Patronale e Promozione Turistica: l'immagine della Città. 2) La Rivoluzione del Parlamento U.E. del 19/09/2019 su comunismo e nazi-fascismo. 3) La stabilità amministrativa è un obiettivo? Politica,social e comunicazione. 4) Noi con Greta Thunberg: le azioni di tutela ambientali. Vi aspettiamo alle ore 18.30 venerdì 27 settembre presso la sala riunioni del Caffè Nausicaa (Via Roma) per trattare il primo argomento insieme. La cittadinanza è invitata a partecipare. Così il direttivo di Noi Ci Siamo (Giovanni Di Palmo e Antonio Camarda).

Xylella: si sposta il fronte verso il nord della Puglia

Xylella: si sposta il fronte verso il nord della Puglia

TARANTO – La Xylella fastidiosa avanza inesorabilmente verso il nord della Puglia. All’esito delle prime analisi a seguito del monitoraggio avviato il 5 agosto scorso dalla Regione Puglia, attraverso l’Arif (l’Agenzia regionale per gli interventi irrigui e forestali), sono stati ritrovati due alberi infetti sul territorio di Fasano, in contrada Sant’Angelo, proprio di fronte all’ingresso del mercato ortofrutticolo.

In totale sono 61 i nuovi alberi ritrovati infetti nelle province di Brindisi e Taranto a seguito del monitoraggio avviato ad agosto (come riportato da Infoxylella): 2 a Fasano, 1 a Ostuni, 1 a Francavilla Fontana, 1 a San Michele Salentino, 15 a  Carovigno, 20 a Ceglie Messapica, 6 a San Marzano e 15 a Montemesola.

I due alberi ritrovati a Fasano rappresentano il fronte più a nord dei ritrovamenti, e sono distanti circa 7 chilometri più a nord dall’altro albero infetto che era stato ritrovato sino all’altro giorno a Fasano in agro di Torre Canne (ritrovamento del dicembre 2018).

«Da sempre sosteniamo che la Xylella non avrebbe atteso i tempi della politica, della burocrazia e della giustizia – dichiara il vicepresidente della Cia Agricoltori Italiani di Puglia Giannicola D’Amico – Tempi sui quali hanno anche influito i tanti condizionamenti avvenuti negli anni scorsi ad opera di negazionisti che non hanno fatto altro che ritardare interventi di prevenzione che avrebbero certamente limitato il fenomeno. Il ritrovamento di due alberi a Fasano, nella Piana degli Ulivi monumentali, desta molta preoccupazione e apprensione, sia perché confermano l’avanzata della infezione che ormai sta mettendo a serio rischio la Piana, che oltre ad avere un valore produttivo ha anche un importante valore paesaggistico e di forte appeal turistico; sia perché i due ritrovamenti all’estremo nord della provincia di Brindisi determineranno una nuova delimitazione delle aree interessate dalla Xylella».

«Speriamo – prosegue D’Amico - che le altre decine e decine di alberi per i quali si attendono le analisi sia a Fasano che nel resto dei territori monitorati, sia in provincia di Brindisi che in provincia di Taranto, risultino negativi, altrimenti la situazione si comprometterà ulteriormente. Auspichiamo che sul fronte eradicazioni, al momento unica azione preventiva possibile insieme alle buone pratiche e ai trattamenti fitosanitari, si proceda speditamente sia per l’espianto dei 650 ulivi già oggetto di decreto di abbattimento sia per i nuovi focolai riscontrati dalle ultime analisi. Il nostro riferimento è sempre stata la scienza e non la fantascienza, pertanto è necessario attuare quanto previsto dalle norme in materia. Come auspichiamo anche che la Regione Puglia vari, senza perdere altro tempo, le linee guide per i sovrainnesti degli ulivi monumentali. La pratica del sovrainnesto al momento resta l’unica speranza per poter tuelare gli ulivi secolari».

«Alla approvazione delle linee guida deve seguire lo stanziamento di risorse specifiche per i sovrainnesti dei monumentali, per le quali auspichiamo anche l’intervento del Ministero delle Politiche Agricole, al quale chiediamo anche lo stanziamento dei fondi promessi dal precedente Governo, in modo che si possa procedere con i reimpianti nel Salento, superando anche una serie di vincoli che stanno ulteriormente compromettendo l’intera olivicoltura salentina e il futuro di decine e decine di migliaia di imprese olivicole e di frantoi» – conclude il vicepresidente di Cia Puglia.

«I nuovi focolai ritrovati a Montemesola e San Marzano, purtroppo, confermano come anche in provincia di Taranto vi sia un consolidamento delle infezioni – evidenzia il presidente della Cia Agricoltori Italiani Due Mari (Taranto–Brindisi) Piero De Padova – Non bisogna abbassare la guardia e occorre seguire alla lettera i protocolli scientifici senza rincorrere notizie false e teorie surreali, che tanto credito hanno avuto in questi ultimi anni. Occorre che il monitoraggio delle piante ma anche del vettore non subisca battute di arresto. Anzi va potenziato ed esteso anche alle aree sulle quali, invece, non è più previsto, proprio per non lasciare morire interi territori e un intero patrimonio, come purtroppo avvenuto per il Salento. Come occorre non perdere un minuto di tempo per far eseguire le eradicazioni, assicurando agli agricoltori danneggiati ristori concreti, certi e rapidi. Infine – conclude De Padova - va sostenuta con vigore la ricerca scientifica affinché si possano trovare soluzioni per far fronte a quella che ormai è una emergenza che non riguarda la sola Puglia, ma l’intera olivicoltura nazionale ed europea, se si considera anche che focolai di Xylella sono stati anche ritrovati in altri paesi europei». (Franco Gigante)

Masseria tra gli ulivi pugliesi per Raoul Bova

Masseria tra gli ulivi pugliesi per Raoul Bova

di PIERO CHIMENTI- L'attore romano ha acquistato una masseria completa di solarium e piscina che si trova nelle campagne di Fasano, nel Brindisino. A far nascere l'amore tra la Puglia e l'attore romano è stato Michele Placido che, durante le riprese di un film a Nardò, consigliò al 48enne di visitare la zona brindisina ormai sempre più zona vip.

Borgo Egnazia: arriva l’autunno ma la festa continua

Borgo Egnazia: arriva l’autunno ma la festa continua

SAVELLETRI DI FASANO (BR) – Settembre segna la fine dell’estate, ma è anche il mese che porta con sé tutti i colori e i sapori della “seconda primavera” in Puglia. Continua così la magica stagione delle Feste a Borgo Egnazia, la rassegna in cui ogni evento è un omaggio emozionante e sentito alle feste di paese che caratterizzano i borghi di questa terra. 

Sabato 28 settembre la suggestiva Piazza del Borgo si animerà con tutti i profumi e le calde tonalità della “Festa d’Autunno”, una celebrazione gioiosa in cui riscoprire le tradizioni della vita contadina e della cucina pugliese, un’occasione per regalarsi una notte al Borgo e lasciarsi incantare dalle storie raccontate da artigiani e massaie locali: ricette tipiche e opere fatte a mano dedicate ai frutti autunnali dimenticati ma valorizzati dall’arte.

Numerosi e affascinanti sono i racconti legati a questa stagione che hanno ispirato le lavorazioni antiche dei tessuti, la pittura e la ceramica, con raffigurazioni incantevoli della natura e delle luci d’autunno. Non mancheranno la musica, musa delle notti danzanti d’autunno, e i prodotti appena raccolti, protagonisti di una stagione ricca di gusto e sapore.

Una serata imperdibile che racconterà la vera essenza dell’autunno in Puglia, il tempo in cui ogni foglia è un fiore, che esplode in un tripudio di sorprendente bellezza e immensa varietà di colori.
Come se la natura si fosse risparmiata tutto l’anno per il gran finale.

L’evento è aperto anche ai visitatori esterni e non solo agli ospiti di Borgo Egnazia. 
Per prenotazioni e maggiori informazioni  Tel. 080 225 5000 - https://www.borgoegnazia.it/events/cnt/festa-d-autunno/ 

Iscriviti ora