Visualizzazione post con etichetta Brindisi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Brindisi. Mostra tutti i post

II Edizione Festival Costa dei Trulli: al via con Le Vibrazioni


FASANO (BR) - Si apre con un concerto eccezionale il Festival Costa dei Trulli 2019. Lunedì 17 giugno alle 21, sul palco in Piazza Ciaia a Fasano, il gruppo Le Vibrazioni si esibirà in una tappa del fortunato Così sbagliato summer tour, che anticipa le date del tour europeo, in programma da settembre. Dal palco di Fasano la band, composta da Francesco Sarcina, Stefano Verderi, Marco Castellani e Alessandro Deidda, suonerà il suo ultimo singolo “Cambia” lanciato nel gennaio scorso ed eseguirà i brani contenuti in V, il quinto album di inediti da cui sono stati estratti il singolo sanremese Così sbagliato e Amore Zen, canzone che vede la partecipazione del rapper Jake La Furia. Le Vibrazioni, ovviamente, riproporranno live anche i loro successi più conosciuti come Dedicato a te, Vieni da me e In una notte d'estate.

Il Festival Costa dei Trulli è una rassegna di concerti itineranti nei comuni di Fasano, Monopoli, Conversano, Castellana Grotte e Alberobello, realizzata con la direzione artistica di Gaetano Partipilo. Dopo l'apertura del 17 giugno il festival proseguirà fino al 31 agosto con sette appuntamenti a ingresso libero degli 11 complessivamente in programma.

Il Festival “Costa dei Trulli” è realizzato con il contributo di Regione Puglia (Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020) e grazie al sostegno di due main sponsor: Vini di Puglia Varvaglione e Autoclub, e di Torre Cintola Green Blue che partecipa come sponsor tecnico. È patrocinato dalla Città Metropolitana di Bari.

Musica, ma anche cultura, arte, reading, il Festival offre un’ampia scelta di proposte culturali, il tutto per raggiungere un traguardo ambizioso: fare rete tra i comuni, superando i campanilismi, al fine di valorizzare le bellezze e la cultura dei luoghi, creando una fonte di benessere per chi vive il territorio e un’ulteriore occasione di attrattività e per chi lo sceglie come meta delle vacanze.

Il Festival “Costa dei Trulli” è finanziato dalla Regione Puglia, Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020, ed è patrocinato anche dalla Area Metropolitana di Bari. Si avvale della collaborazione e del supporto di: Il Riscatto delle Cicale | Comunicazione Web Editoria; Sistema Museo coop.a r.l.; Associazione Pro Loco di Monopoli; Neamedia Comunication; CTG Egnatia di Monopoli; Koinè – Associazione culturale di promozione turistica; FAI | Sezione di Brindisi. Nonché della sinergia con le seguenti Istituzioni Scolastiche: Conservatorio “Nino Rota” | Monopoli; IISS “da Vinci” di Fasano; Polo Liceale di Monopoli; IISS “G. Salvemini” | Fasano.

Capone: "La Puglia è ancora una regione trendy"

(Pixabay)
BARI - La Puglia è una regione ancora trendy nonostante dieci anni di crescita costante dei flussi turistici, in particolare dall’estero, e il Salento ha ancora grande appeal. L’estate 2019, slittata per via del maltempo, partirà nel migliore dei modi.  La conferma arriva da alcuni indicatori di tutto rispetto che incutono fiducia sull’andamento dell’anno in corso per la Puglia, nonostante le previsioni sfavorevoli di alcuni recenti studi. Come ad esempio la ricerca JFC ripresa dal Sole24Ore che descrive uno scenario al ribasso per la regione ma si basa in realtà su un campione ridotto e raccolto in 11 località del balneare pugliese.  

La conferma di un andamento ancora una volta positivo, arriva da una molteplicità di fonti raccolte dall’Osservatorio regionale sul Turismo: i dati Expedia sulle prenotazioni e il fatturato da gennaio a maggio, i dati SPOT/ISTAT finora trasmessi da un campione di 2.500 strutture ricettive del territorio (il 50% delle attive da gennaio a maggio), i dati Expedia sulle prenotazioni e il fatturato da gennaio a maggio, l’analisi dei prezzi effettuata da Travel Appeal, i dati di Aeroporti di Puglia sul traffico passeggeri negli scali di Bari e di Brindisi, e infine le conferme che giungono dall’approfondita ricerca sull’impatto economico del turismo affidata agli esperti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. 

I dati Istat/SPOT, parziali e provvisori, trasmessi direttamente da 2.500 strutture ricettive del territorio (il 50% di quelle attive nel periodo da gennaio ad aprile 2019) attestano un andamento pressoché stazionario rispetto all’anno precedente e che tiene conto degli effetti del maltempo che ha inciso sugli short break disincentivando, nei primi mesi dell’anno, i viaggi di prossimità. 

Per Expedia, invece, l’agenzia leader dei viaggi online, nel periodo da gennaio a maggio 2019 cresce il fatturato delle prenotazioni alberghiere (+23,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) e dell’acquisto di biglietti aerei con destinazione Puglia (+5,1% sul 2018), per un totale di 3,2milioni di dollari, ben il 14% in più rispetto all’anno precedente. Expedia conferma l’aumento di acquisto di camere del +28% rispetto al periodo gennaio/maggio dell’anno precedente per un totale di 10mila notti, mentre l’incremento di acquisti di biglietti aerei è stato del +4,4% con buone performance soprattutto da Stati Uniti, Regno Unito, Svizzera, Germania, Austria e Polonia.

Risultati più che lusinghieri che emergono anche dalla fonte Aeroporti di Puglia: +10,5% i passeggeri negli scali di Bari e Brindisi da gennaio a maggio, con +12,5% solo a maggio rispetto all’anno precedente. Puglia sempre più internazionale: +21% il traffico dalla Germania e dal Regno Unito, +24% dalla Francia e +17% dalla Spagna. Ancora a due cifre gli incrementi da Svizzera, Romania e Ungheria. 

Per quanto riguarda i prezzi, secondo la piattaforma di Travel Appeal - che raccoglie e monitora la presenza digitale delle strutture pugliesi attraverso l’analisi dei siti di recensioni, delle OTA e dei social media più diffusi in Italia come TripAdvisor, Booking.com, Google, Expedia, Hotels.com, TheFork, Facebook, Airbnb, Homeaway e altri – il prezzo medio di una camera in Puglia nel mese di giugno 2019 sarà di 117 euro, il 3,5% in più rispetto all’anno scorso.

“La Regione non può certo intervenire nelle scelte libere e imprenditoriali degli operatori del turismo, ma sento di fare un appello agli operatori turistici pugliesi ad essere competitivi, puntando su qualità dell’offerta e sul migliore rapporto possibile qualità/prezzo - commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone – La Regione è a fianco degli operatori. L’offerta ricettiva è cresciuta del +7% e del +3% per i posti letto. E crescono anche gli occupati nel comparto turistico, +4% dal 2017 al 2018. E questo anche grazie agli incentivi per la realizzazione o ristrutturazione di strutture alberghiere (Pia turismo e Titolo II). Invitiamo quindi gli imprenditori ad utilizzare gli incentivi a disposizione e a migliorare le loro strutture. Non dimentichiamo che la Puglia nel Mediterraneo compete con destinazioni che sono storicamente mete ambite del turismo internazionale. Non solo, oltre ai paesi del Nord Africa, che dopo un momento di crisi sono oggi nuovamente sfidanti sul piano dell’attrazione turistica, si sono aggiunti alcuni paesi dell’Est Europa che sono diventati nuove mete interessanti. Per questo a maggior ragione l’obiettivo per raccogliere la sfida è puntare assolutamente sulla qualità e su prezzi veramente competitivi”. 

La Puglia, comunque, non è più una destinazione a esclusiva vocazione balneare ma offre di anno in anno un’offerta sempre più ampia di percorsi culturali, naturali, enogastronomici; gli stranieri la prediligono per i borghi storici e i paesaggi naturali che si dipanano dalla costa all’entroterra, 365 giorni l’anno e non più solo in piena estate. Lo conferma anche l’indagine condotta dagli economisti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia che hanno intervistato in profondità 400 turisti che hanno trascorso un soggiorno in Puglia. Sono sempre meno coloro che scelgono la Puglia per il mare (dal 67% del 2016 al 50% del 2018) mentre aumenta la quota di coloro che optano per un soggiorno itinerante rivolto alla ricerca dei borghi e delle vie del gusto. Il 50,3% degli intervistati pensa di ritornare in Puglia in futuro. Il 26,7% ci tornerà nel 2019 scegliendo la medesima località, mentre il 9,0% sceglierà un’altra località. Tra questi ultimi, le località prescelte sono soprattutto quelle del Gargano e del Salento.

Aeroporti di Puglia: confermato a maggio l’incremento del traffico passeggeri su Bari e Brindisi


BARI – Aeroporti di Puglia comunica che nel mese di maggio, i  passeggeri in arrivo e in partenza dagli aeroporti di Bari e Brindisi sono stati 745mila, in crescita del +12,6% rispetto a maggio del 2018. In particolare si segnala l’incremento del 24% delle linea internazionale, determinato dal +22,2% (221mila passeggeri) di Bari e dal +30% (70mila passeggeri) di Brindisi.

Il consuntivo dei primi cinque mesi dei passeggeri – in arrivo e partenza – su Bari e Brindisi è di 2,9milioni, in crescita del +10,5% rispetto allo stesso periodo del 2018. La linea nazionale, con  1,89 milioni di passeggeri,  registra un  incremento del 6,7%, mentre la linea internazionale fa registrare +19,3%.  Relativamente ai singoli scali, nei primi cinque mesi, i passeggeri su Bari sono stati 1,98 milioni ( +13,8%) e 916mila (+4%) quelli su Brindisi, 210mila dei quali  riferiti a voli di linea internazionale (+21,2%).

“Il dato del mese di maggio e dei primi cinque mesi, consolida il trend positivo sin qui evidenziato e caratterizzato dal continuo riscontro positivo degli indici, specie di quelli  riferiti al traffico internazionale” dichiara Tiziano Onesti Presidente di Aeroporti di Puglia.

“A tale risultato contribuisce l’avvio di nuovi collegamenti già partiti all’inizio della summer e ai quali, ben presto, se ne aggiungeranno altri. Va sottolineato anche il positivo andamento in questa prima parte dell’anno della linea nazionale, il tutto nel solco del piano strategico approvato dal CdA. Ancora una volta i nostri aeroporti si confermano sempre più supporto fondamentale per la crescita del territorio, grazie anche al lavoro congiunto con le Agenzie di sviluppo della Regione Puglia.”

Arresto sindaco San Pietro Vernotico, M5S: “Per il bene del paese Rizzo rassegni le dimissioni”


BARI - Il consigliere regionale del M5S, Gianluca Bozzetti, si esprime in merito all’arresto dell'attuale sindaco di San Pietro Vernotico Pasquale Rizzo e dell’ex sindaco Maurizio Renna, nell’ambito delle indagini sul fallimento della società partecipata Fiscalità Locale Srl. 

“Ringraziamo la Magistratura e auspichiamo sia fatta quanto prima chiarezza su una annosa e oscura vicenda Sanpietrana e sull’operato di tutte le amministrazioni che si sono avvicendate negli ultimi anni al governo di questo martoriato Comune. L’accelerazione degli eventi rende però doveroso da parte del sindaco e per il bene del paese, un rispettoso passo indietro. Rizzo - prosegue Bozzetti - rassegni subito le proprie dimissioni e faccia valere le sue ragioni nelle sedi opportune senza che la sua posizione processuale sia da ostacolo al futuro funzionamento della macchina amministrativa. Va garantita la dovuta serenità agli inquirenti ed alla Magistratura per il prosieguo delle indagini. Fin dai tempi della campagna elettorale il Movimento 5 Stelle di San Pietro Vernotico ha denunciato le criticità legate alla gestione finanziaria della partecipata fallita, continuando poi con le denunce in consiglio comunale attraverso l'operato della portavoce Selena Nobile. Ora è tempo di dire basta, non è più possibile tergiversare sulla generale questione dell’autonomia finanziaria che il paese ha vissuto negli ultimi anni. San Pietro Vernotico e tutti i suoi cittadini chiedono uno scatto d'orgoglio e non meritano tale umiliazione”, conclude Bozzetti.

Schiaffi e pugni all'ex: arrestato 18enne brindisino


BRINDISI - Ieri 31 maggio, personale della Sezione Volanti della Questura di Brindisi ha tratto in arresto, sottoponendolo agli arresti domiciliari, un ragazzo brindisino, di anni 18, per atti persecutori nei confronti della giovane ex fidanzata. Alla fine dello scorso anno i due ragazzi si erano innamorati ed avevano iniziato una relazione sentimentale, ma quella che doveva essere una situazione di felicità si è invece, da subito, dimostrata difficile per il carattere estremamente geloso, possessivo, iracondo e violento del giovane. 

Talmente frequenti erano stati i litigi ed anche le percosse subite, mai denunciate in precedenza, che la ragazza decideva di interrompere la loro relazione, ma il giovane non accettando la fine del rapporto sentimentale, con reiterate condotte molestava, minacciava, ingiuriava e violentemente aggrediva la malcapitata, cagionandole un grave e perdurante stato di ansia e di paura, generando nella stessa timore per la propria incolumità. 

Dal mese di marzo, numerosi erano stati gli episodi in cui la ragazza aveva subito aggressioni anche violente da parte del giovane; in uno di questi il 18enne, davanti al portone dell’abitazione della ragazza, dopo averle inviato un messaggio minaccioso, ha provocato due violenti boati simili a colpi di arma da fuoco spaventando anche altri abitanti del palazzo. Il giorno successivo, con altro messaggio inviato all’ex fidanzata, si attribuiva il gesto. C’erano stati anche brevissimi periodi di riappacificazione e per questo motivo la giovane non aveva presentato alcuna denuncia; solo nei giorni scorsi, all’ennesima lite in cui la ragazza subiva due forti pugni al costato e la distruzione del proprio telefono cellulare, la giovane decideva di formalizzare la querela. 

L’ultimo evento è datato 25 maggio: il giovane si è presentato nuovamente alla porta di casa della ragazza e con il pretesto di volere dei chiarimenti sul termine del loro rapporto sentimentale, improvvisamente l'ha aggredita violentemente colpendola più volte con schiaffi, calci e pugni, provocandole lesioni in varie parti del corpo giudicate guaribili in venti giorni. Tale ennesimo episodio è stato immediatamente comunicato all’Autorità Giudiziaria che subito ha emesso ordinanza della misura coercitiva degli arresti domiciliari a carico del 18enne.

"Ryanair e Puglia binomio straordinario per il successo turistico"

BARI - "Ryanair e Puglia sono un binomio straordinario. Ryanair è un partner per la Regione, esiste una amicizia e una solidarietà tra di noi che ha contribuito al successo turistico della Puglia. Questa compagnia continuerà a servire la Puglia, aumenterà il numero dei voli, ma non lo farà più con un finanziamento pubblico bensì attraverso un accordo commerciale con Aeroporti di Puglia. Accordo che Adp potrà allargare anche alle altre compagnie per ottenere gli stessi incentivi per la effettuazione dei voli".
Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenuto questa mattina in conferenza stampa a Bari insieme con il Presidente di AdP Tiziano Onesti e il Chief Commercial Officer di Ryanair, David O’Brien per annunciare le novità nel rapporto con la compagnia aerea irlandese che prevede per gli anni 2019/2020 di contribuire in Puglia al trasporto di quasi 4 milioni di clienti l’anno da e per gli aeroporti di Bari e Brindisi con complessivamente 47 rotte, 30 da Bari e 17 da Brindisi. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche gli assessori regionali al Trasporto Giovanni Giannini e all’Industria turistica e culturale Loredana Capone.

“Si tratta – ha continuato Emiliano - di un sollievo notevole per il bilancio della Regione Puglia che spendeva in passato 70 milioni di euro, 12 milioni di euro l'anno, e questo per noi è un risultato molto importante perché in questo modo avremo un abbassamento dei costi ma anche un aumento dei voli”.

“Abbiamo chiesto a Ryanair di esaminare seriamente la possibilità di utilizzare almeno uno degli altri due aeroporti pugliesi, quello di Foggia o quello di Taranto. Noi naturalmente speriamo che Ryanair, ma anche altre compagnie, ci facciano offerte, manifestazioni di interesse per questi aeroporti che possono essere ristrutturati e adeguati alle esigenze dei nuovi vettori. Questo perché la Puglia è lunga e quattro aeroporti sono meglio di due”.

“Il capo di Ryanair, David O’Brien ha lanciato un allarme – ha continuato il Presidente – e cioè l'idea che sta balzando a questo Governo italiano piuttosto singolare, di finanziare il buco dell'Alitalia aumentando le tasse comunali aeroportuali.


Naturalmente noi siamo totalmente contrari a questa ipotesi perché il modello di trasporto di Ryanair, ma anche di altri vettori, un modello di trasporto regionale (si parte cioè dai capoluoghi di regione o da altri aeroporti regionali e si va direttamente all'estero senza passare dagli hub di Roma o di Milano) è un meccanismo che aumenta il flusso turistico perché ovviamente prendere due aerei anziché uno solo rende più difficile la scelta di andare in alcune località turistiche tra le quali la Puglia.

Il volo diretto è di fondamentale importanza, se si aumentano le tasse municipali si rischia di gravare anche fino al 30 per cento in più di costi per queste compagnie low cost che ovviamente potrebbero essere indotte a smontare i voli regionali e a convergere tutte su Roma. Noi ci opporremo fermamente a questa ipotesi”.

Emiliano ha poi chiarito la relazione, che ora sarà diretta, tra AdP e Ryanair. “AdP ha fatto un accordo bancario per il quale c'è una disponibilità, come succede per tutti i cittadini e le aziende, fino a 60 milioni di credito. Questo a dimostrazione della solidità finanziaria di Aeroporti di Puglia. Dopodiché c'è un accordo che va finanziato da Aeroporti di Puglia, in misura molto inferiore che in passato perché in passato noi abbiamo speso soldi importantissimi ma insostenibili per le finanze della Regione Puglia. La Regione non spenderà più questi soldi, Aeroporti di Puglia dovrà dare questo incentivo nella misura in cui gli è consentito dagli utili che realizzerà”.

“In questi anni di nostra gestione – ha sottolineato infine il Presidente - Aeroporti di Puglia costano meno che in passato, hanno risparmiato moltissimi soldi, stanno stringendo su tutto e con questi ricavi noi pensiamo di potere remunerare tutti quei vettori che ci offriranno dei voli, voli che peraltro provocano utili all'aeroporto sia chiaro, è un'attività economica come tutte le altre e gli aeroporti in Europa devono stare al mercato non possono essere sostenuti con danaro pubblico, altrimenti ci sono infrazioni europee”.

“Da oggi – ha spiegato l’assessore Loredana Capone – voi trovate in Puglia più rotte e maggiori frequenze per Bari e per Brindisi. Le trovate con minor costo per la Regione rispetto a quanto prima investiva e anzi le trovate senza costi diretti per la Regione poiché è direttamente Aeroporti di Puglia che vi provvede, facendo ricorso al mercato finanziario e le trovate senza aumentare le tariffe. Quindi praticamente più rotte e più frequente senza ulteriori oneri per la Regione e senza aumento delle tariffe e per giunta con un aumento dei posti di lavoro”.

“Così – ha proseguito l’assessore - la nostra regione sarà ancora più accessibile, soprattutto nei periodi di bassa stagione, e il brand Puglia potenziato a livello internazionale. Più 199% è, infatti, la previsione sul traffico internazionale della compagnia irlandese da qui al 2024. 

Un risultato straordinario per la Puglia che nel 2018 ha visto il tasso di internazionalizzazione arrivare al 25,6% per gli arrivi, con un incremento del +4,3% in soli tre anni. Accessibilità, destagionalizzazione, internazionalizzazione, accoglienza: sono queste le azioni strategiche che la Puglia ha individuato, per prima in Italia, in un piano strategico per il turismo regionale “Puglia365”. 

“Credo che se un partner così rilevante a livello economico come Ryanair ha scelto di fare con noi questo tipo di accordo, vuol dire che ha trovato un luogo dove l'investimento può rendere e questo investimento deriva dalla bellezza della Regione e dalla capacità di accoglienza che ha questa Regione”.

Borgo Egnazia: Puglia gourmet protagonista


SAVELLETRI DI FASANO (BR) – Nell’anno della Stella Michelin al Due Camini, domenica 26 maggio Borgo Egnazia celebra per la prima volta la Puglia gourmet con una inedita Festa in Piazza: una notte “di stelle”, un evento che per la prima volta riunisce in questo scenario unico alcuni tra i migliori chef stellati del panorama gastronomico pugliese.

Borgo Egnazia conferma così il suo continuo impegno nella valorizzazione delle eccellenze pugliesi e propone questa serata per celebrare una nuova visione della cucina regionale che è in costante crescita. Negli ultimi anni, infatti, la nota e amata tradizione culinaria pugliese è diventata punto di partenza per lo sviluppo di originali interpretazioni contemporanee firmate da talentuosi chef, che, con impegno e creatività, hanno reso la Puglia una delle regioni più interessanti e vivaci nell’attuale panorama gastronomico nazionale.

Una serata per festeggiare tutti insieme la crescente importanza per la regione Puglia di una cucina enogastronomica di qualità come uno dei migliori veicoli di promozione per la regione stessa.

“Stelle di Puglia” sarà quindi una grande festa nel cuore pulsante di Borgo Egnazia, in cui la più autentica tradizione culinaria pugliese sarà esaltata dall’innovazione e dalla creatività degli chef stellati che si muoveranno in direzioni differenti (e in alcuni casi imprevedibili). Ogni ristorante ospite si racconterà proponendo un piatto che lo rende contemporaneo ma sempre legato ai sapori della Puglia, per una cena tanto inedita quanto gustosa. 

Protagonista di questo magnifico evento sarà prima di tutto Domingo Schingaro, executive chef del Due Camini, affiancato da tanti colleghi e amici: i due chef stellati Maria Cicorella e Antonio Zaccardi del Pashà, Felice Sgarra, lo chef stellato del ristorante Umami di Andria, ora anche al Grotta Palazzese di Polignano a Mare, Teresa Buongiorno di Osteria Già Sotto l’Arco, la chef Antonella Ricci e Vinod Sookar di Al Fornello da Ricci, lo chef Stefano Di Gennaro del Ristorante Quintessenza. Un’esperienza che si annuncia già memorabile, aperta a tutti gli appassionati gourmet che vogliono in una sola serata scoprire e apprezzare i piatti che hanno reso celebri questi chef.

Per maggiori informazioni https://borgoegnazia.it/stelle-di-puglia 
In caso di condizioni meteo avverse, l'evento si svolgerà in un'area coperta.

Brindisi: 15 milioni di aiuti per l'area di crisi industriale


BRINDISI - È stato attivato lo scorso 25 gennaio, con una circolare del Ministero dello Sviluppo economico, l’intervento di rilancio aree di crisi industriale ai sensi della legge 181/1989 che interesserà la provincia di Brindisi. La misura promuove la realizzazione di una o più iniziative imprenditoriali nel territorio dei Comuni brindisi finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti. A disposizione per la concessione delle agevolazioni ci sono risorse finanziarie pari a 14,9 milioni di euro. Le imprese che insistono sul territorio brindisi potranno presentare domanda di accesso alle agevolazioni entro il prossimo 28 maggio ad Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa.

“Il ministro Di Maio sta dando seguito all’accordo di programma per i Comuni del territorio della provincia di Brindisi sottoscritto il 4 gennaio 2018 sottoscritto tra Ministero dello Sviluppo economico, Regione Puglia e Invitalia – commenta il deputato pugliese Emanuele Scagliusi (M5S) – L’obiettivo è il rilancio delle attività imprenditoriali, la salvaguardia dei livelli occupazionali, il sostegno ai programmi di investimento e sviluppo imprenditoriale. Mi auguro – conclude il parlamentare 5 Stelle – che le imprese brindisine sappiano cogliere questa opportunità, intercettando i fondi a loro disposizione”.

Donazione multiorgano al Perrino di Brindisi

BRINDISI - Nella notte fra il 22 e il 23 maggio 2019 presso l’Ospedale Perrino di Brindisi, è avvenuto un prelievo di organi da una donna di 62 anni, il primo del 2019. Tutti gli organi prelevati sono risultati idonei al trapianto.

Le operazioni, iniziate con l’accertamento di morte e la richiesta del consenso al marito nel primo pomeriggio di ieri, sono proseguite con le attività di prelievo, iniziate in sala operatoria dopo la mezzanotte e concluse nella mattinata di oggi.

L’équipe medica dell’Ospedale Perrino ha lavorato, come sempre, in sinergia con il Centro Regionale Trapianti che, una volta allertato, inserisce i dati di compatibilità immunologica nella banca dati nazionale e consente così di attivare la procedura di individuazione del ricevente basata sulle caratteristiche genetiche e sulle urgenze cliniche dei pazienti in attesa. I reni e il fegato sono stati destinati al Policlinico di Bari, i polmoni sono stati prelevati da un’equipe di Bergamo, mentre le cornee sono state prelevate da un oculista del nostro Ospedale e inviate alla Banca nazionale di Mestre.

Ringraziamo - si legge nella nota dell'Asl Brindisi - i familiari che nonostante il dolore per la perdita improvvisa sono riusciti ad esprimere un gesto così altruista e di fondamentale importanza per chi è in attesa di trapianto. Un gesto utile anche a far riflettere sul ruolo determinante che ognuno di noi può avere nel sistema dei trapianti attraverso la manifestazione della propria volontà a donare.

Basket, play off: Happy Casa Brindisi ko contro il Sassari


di FRANCESCO LOIACONO - Nella terza gara dei quarti di finale dei play off scudetto di A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha perso 92-87 in casa col Sassari ed è stata eliminata. Primo quarto, Pierre 9-6 per i sardi. Smith allunga 19-9. Sassari si impone 24-18 in questa fase di gara. Secondo quarto, Gentile 29-21 per la squadra di Pozzecco. Spissu, 35-28. Carte, 41-36. Polonara, Sassari ha di nuovo la meglio 43-42.

Terzo quarto, Banks impatta per i pugliesi, 47-47. Pierre, 54-52 per gli avversari. Spissu, 64-58. Sassari trionfa 67-64. Quarto quarto, Thomas 72-65 per i sardi. Di nuovo Thomas, 77-73. Gentile, 81-77. Banks, 83-81 Happy Casa. Cooley, 88-85 per roster di Pozzecco. Spissu, Sassari vince questo quarto 92-87, tutta la partita si aggiudica l’intera serie 3-0, e si qualifica per la semifinale. Sconfitta immeritata per l’Happy Casa Brindisi. 

La squadra di Frank Vitucci però ha dato delle belle soddisfazioni ai tifosi. Si è qualificata dopo qualche anno ai play off scudetto. Ha disputato per la prima volta nella sua storia la finale di Coppa Italia. E’ stata certamente una buona stagione per i pugliesi.

Ad Oria torna la 'Notte dell'Imperatore'


ORIA (BR) - Nel centro storico di Oria, tutto pronto per la "Notte dell'Imperatore": un grande contenitore di eventi - tra spettacoli ed enogastronomia - nel nome di Federico II di Svevia, organizzato dalla Pro Loco in collaborazione con la Compagnia d'arme "Milites Friderici II" e patrocinato da Regione Puglia e Comune di Oria.

La manifestazione avrà luogo per le caratteristiche stradine del borgo antico a partire dalle 18 di sabato 25 maggio e fino a tarda sera.

In particolare, alle 18 apriranno le danze in piazza Manfredi i bambini della scuola primaria "Edmondo De Amicis" e, a seguire:

18,30, piazza Manfredi: apertura ufficiale de "La Notte dell'Imperatore" con la presentazione e i saluti istituzionali;
Dalle 19,00: apertura di spettacoli ed eventi; esibizione dei bimbi delle scuole in piazzale Cattedrale; presentazione del libro di Christian Guzzao "Federico II di Svevia: l'uomo oltre il mito, il mito oltre l'uomo"; spettacoli dei gruppi sbandieratori e musici Rione Lama, Città di Oria, San Basilio;
20,30: spettacolo teatrale "Si muore soli ovvero la resa dei conti di ognuno" - adattamento del morality play "The Summoning of Everyman" di Anna Maria Andriani a cura del liceo scientifico e delle scienze applicate di Oria;
21,00: danze medievali a cura della scuola di danza "Arte in movimento"; esibizioni musicali a cura dei "Calenda Maia" e dei "Musices Friderici II"; spettacoli di giocoleria di Tiziano, il giullare senza radici; combattimenti ed esibizioni della Compagnia d'arma "Milites Friderici II"; spettacoli delle odalische.

Ristorazione ed enogastronomia saranno a cura di Pro Loco, Rione Lama, Rione Judea, Rione San Basilio, Sbandieratori Città di Oria, Sbandieratori Rione Lama, Sbandieratori San Basilio; Spina Sapori di Puglia, Birrificio Federico II; Passiante confetti ricci.

Parteciperanno inoltre: Arcieri di San Sebastiano; Cavalieri Teutonici; Gruppo danzatrici del ventre e odalische.

Sarà una grandissima serata all'insegna del divertimento, della socializzazione ma anche della storia che ha scritto e fatto grande lo Stupor Mundi e, al suo tempo, anche Oria.

Basket, play off: l'Happy Casa Brindisi perde 106-97 a Sassari la seconda gara dei quarti


di FRANCESCO LOIACONO - Nella seconda gara dei quarti di finale dei play off scudetto di A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha perso 106-97 a Sassari. Primo quarto, Chappell 7-0 per i pugliesi. Ma Carter ribalta, 10-9 per la squadra di Pozzecco. Banks impatta per il roster di Frank Vitucci, 12-12. Moraschini, 20-17 Happy Casa. Brindisi si impone 26-25. Secondo quarto, Thomas 31-26 per i sardi. Gentile allunga 36-31. Banks permette la parità ai pugliesi, 38-38. Polonara, 48-46 Sassari. I sardi prevalgono 49-47. 

Terzo quarto, Zanelli, 56-55 Happy Casa. Pierre, 65-61 per gli avversari. Smith,71-63. Sassari trionfa 74-70. Quarto quarto, Spissu 79-77 Sassari. Gentile, 86-82. Pierre aumenta il vantaggio,93-87 per il roster di Pozzecco. Gentile,100-93. Sassari vince questo quarto e 106-97 tutta la partita. Sconfitta immeritata per l’Happy Casa Brindisi. I sardi si portano in vantaggio 2-0. La terza gara si giocherà a Brindisi. I pugliesi devono vincere per evitare l’eliminazione.

Basket: play off l'Happy Casa Brindisi perde 89-73 a Sassari


di FRANCESCO LOIACONO - Nella prima gara dei quarti di finale dei play off scudetto di A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha perso 89-73 a Sassari. Primo quarto, Polonara 6-2 per i sardi. Gaffney ribalta, 15-14 per i pugliesi. Thomas, 20-15 per la squadra di Pozzecco. Pierre, Sassari si impone 25-19. Secondo quarto, Gentile 34-27 per gli avversari. Banks impatta per il roster di Frank Vitucci, 34-34. Polonara, i sardi hanno la meglio di nuovo 42-38. Terzo quarto, Brown pareggia per Brindisi, 44-44. Moraschini, 52-48 Happy Casa. Spissu, 53-52 Sassari. I sardi trionfano 67-59. 

Quarto quarto, Polonara 76-65 per la squadra di Pozzecco. Pierre, Sassari vince questo quarto e 89-73 tutta la partita. Sconfitta immeritata per l’Happy Casa Brindisi. Stasera si gioca la seconda gara ancora a Sassari. Nei sardi probabile il rientro dall’inizio di Mc Gee dopo l’infortunio. Nei pugliesi ancora assente Wojciechowski per problemi al ginocchio. Potrebbe esordire Greene IV. La squadra di Frank Vitucci questa volta può farcela a vincere al “Pala Serradimigni” e a portarsi sull’1-1.

Decarbonizzazione Enel Brindisi, L'Abbate (M5S): "Transizione veloce, fluido iter autorizzativo e supporto del Governo"


BARI - "Brindisi non verrà lasciata sola ad affrontare questa delicata fase di transizione industriale: il Governo farà il necessario perché la conversione della Centrale Federico II avvenga nei tempi più brevi, secondo un iter autorizzativo fluido, che accompagni l'azienda Enel nel percorso di decarbonizzazione che la porterà a continuare ad operare sul territorio secondo nuove logiche di sostenibilità, salvaguardando ambiente e salute da un lato e occupazione ed economia dall'altro" così ha preso posizione la Senatrice del MoVimento 5 Stelle, Patty L’Abbate, capogruppo della Commissione ambiente per il M5S, che ha fatto delle battaglie per la sostenibilità ambientale un suo baluardo nell'azione politica. 

Negli incontri con i rappresentanti del Governo l'azienda si è impegnata a garantire la tutela dei livelli occupazionali dei lavoratori diretti e indiretti, insieme alla tutela della salute e il rispetto dell'ambiente. 

"Tre mesi fa, 15 febbraio scorso, in qualità di capogruppo M5S in commissione Ambiente, insieme agli altri esponenti locali del Movimento, ho avuto modo di incontrare i vertici Enel e in quella occasione si è discusso delle prospettive future per la centrale. Apprendemmo già allora che l'azienda era disponibile alla decarbonizzazione entro il 2025, con una riduzione di capacità produrre da fonte fossile di 8GW, e via via una riduzione delle emissioni già dal prossimo anno" ha aggiunto Patty L'Abbate che conferma, ancora, la piena disponibilità di Enel a velocizzare il percorso di conversione della centrale di Cerano, garantendo Enel si è impegnata nel suo programma di abbandono del carbone garantendo l’affidabilità del sistema e il contenimento degli impatti sociali e occupazionali. 

"Sento doveroso prendere la parola in questo momento per rassicurare il territorio e i brindisini che è nostra premura seguire, passo per passo, la conversione di una delle centrali di notevole importanza per l'intera nazione, coerentemente con le misure per attuare il Piano Nazionale Energia e Clima per il 2030, come predisposto dal Governo italiano. Il territorio Brindisino da anni aspetta risposte e l'avvio dell'iter autorizzativo di Enel per la conversione della centrale, utilizzando pannelli fotovoltaici, eolico e gas. Questo dimostra che è possibile conciliare sostenibilità e sviluppo economico, perché l'investimento dell'azienda è uno storico cambio di rotta. Continueremo nel confronto aperto con le aziende, per il bene del territorio e dei cittadini. Il Governo punta con decisione alla decarbonizzazione, e non solo della Puglia" ha aggiunto la senatrice.

Enel, infatti, ha presentato al Ministero dell’Ambiente le istanze per trasformazione della centrale da carbone a gas per quattro impianti, compreso la Federico II, come ha annunciato lo stesso direttore Carlo Tamburi durante l’audizione in Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati. 

"Un risultato raggiunto grazie al coinvolgimento attivo di tutti gli attori interessati nell'avviare, per il bene di tutta la nostra nazione, un sistema energetico moderno, efficiente e pulito che non neghi i diritti primari al benessere, alla salute ma anche all'occupazione; il nostro vicepremier Luigi Di Maio è stato chiaro, serve un nuovo patto con gli industriali per la riconversione ecologica del nostro Paese" ha concluso la senatrice.

La Regione Puglia celebra 'Brindisi Capitale d’Italia'


BRINDISI - La Regione Puglia celebra Brindisi Capitale d’Italia con una giornata dedicata al tema della Resistenza e al ruolo della città di Brindisi nel percorso di ricostruzione post fascista che portò alla nascita della Costituzione italiana. Pugliapromozione, attraverso il Bando "InPuglia 365 Cultura, Natura, Gusto" 2018-2019 ha finanziato il progetto presentato dalla Pro-Loco di Brindisi, “Brindisi capitale d’Italia”, per la capacità di valorizzare i luoghi e la cultura del territorio in chiave turistica, di attivare percorsi di fruizione innovativi e sostenibili in sinergia con Enti e operatori locali, offrendo dunque un modello replicabile a vantaggio del territorio. L’interesse della Regione Puglia e di Pugliapromozione verso il fenomeno del “Turismo della Memoria” è basato sulla considerazione che il patrimonio storico pugliese, legato ai luoghi della Resistenza, meriti di essere valorizzato anche attraverso la creazione di un’offerta turistica che ne favorisca la trasformazione in una vera e propria risorsa dell’incoming e del turismo scolastico. Il Turismo della Memoria è un fenomeno contemporaneo, una nuova forma di curiosità, spesso indotto da un interesse generale per l’identità culturale di un territorio e della sua storia.

Oltre alla giornata inaugurale del 18 maggio, le altre attività finanziate da Pugliapromozione nelle giornate del 19, 25 e 26 maggio sono: itinerari guidati, aperture straordinarie, degustazioni, servizi di comunicazione e promozione (tra cui il video sul tema degli internati militari italiani che ha avuto molto successo in rete visibile a questo link: https://www.newspam.it/video-brindisi-capitale-ditalia-lo-spot-realizzato-da-mimmo-greco-testo-di-roberto-romeo) .

La giornata del 18 maggio inizierà con la intitolazione della banchina del Porto di Brindisi alla regina Elena di Montenegro da parte dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e la pro-Loco di Brindisi e alla presenza del Presidente della Regione Puglia. A seguire un itinerario turistico e culturale su Brindisi Capitale d’Italia con il coinvolgimento dei ragazzi delle ultime due classi delle Scuole Superiori della provincia di Brindisi al quale parteciperà anche il Presidente della Regione. Infine un convegno alla Provincia di Brindisi a cui interverranno, dopo i saluti delle autorità, fra gli altri, il Presidente della Regione  e il Sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

La narrazione di quei giorni nei quali Brindisi fu Capitale d’Italia rappresenta certamente un motivo di richiamo e scoperta del territorio, un modello di turismo lento e attento al territorio basato su una idonea ricerca storico-scientifica.

Il percorso di visita dedicato agli studenti, affidato ad operatori specializzati, comprende il Grande Albergo Internazionale, residenza dei Savoia, largo Crudomonte, sede del Ministero della Pubblica Istruzione, via De Leo, nei pressi di Palazzo della Prefettura, sede del Ministero degli Esteri. E ancora, l'Archivio di Stato con documenti ed immagini storiche, il palazzo della Prefettura su piazza Santa Teresa, Palazzo De Marto, sede del ministro di Grazia e Giustizia Carlo De Marco sotto il re borbone Ferdinando IV di Napoli e delle Due Sicilie. Le attività integrano programmaticamente l'apertura straordinaria del Castello Svevo, sede del Ministero della Guerra, con la partecipazione del Comando della Marina Militare, oltre ·alla sosta presso le sale documentarie dell'Archivio di Stato, dove sarà allestita una esposizione dei materiali di stampa relativi all'epoca. Presso gli ambienti del Grande Albergo Internazionale sarà predisposto un banchetto con le preparazioni enogastronomiche tipiche invalse all'epoca della permanenza del Re e del suo seguito a Brindisi.

Basket: l'Happy Casa Brindisi vince 87-83 ad Avellino e si qualifica per i play off scudetto


di FRANCESCO LOIACONO - Nella ventinovesima giornata di A/1 di basket maschile l’Happy Casa Brindisi ha vinto 87-83 ad Avellino e si è qualificato per i play off scudetto. Primo quarto, Harper 6-2 per gli irpini. Gaffney ribalta, 11-10 per i pugliesi. Chappell allunga 16-10. Brindisi si impone 19-17 in questa fase di gara. Secondo quarto, Moraschini 22-17 per la squadra allenata da Frank Vitucci. Gaffney, 29-21. Banks, 35-26. I pugliesi hanno di nuovo la meglio 39-31. Terzo quarto, Brown 43-34 Happy Casa. Chappell, 53-49. Brown, 60-56. Banks, Brindisi trionfa 65-58. 

Quarto quarto, Chappell 72-60 per i pugliesi. Harper, 76-74 Avellino. Banks determinante con le triple, 80-78 per il roster di Vitucci. Moraschini preciso nei tiri liberi. Brindisi vince questo quarto e 87-83 tutta la partita. Successo importante per l’Happy Casa. I pugliesi sono quarti in classifica con 36 punti. Nel prossimo turno giocheranno al “Pala Pentassuglia” con Trento che ha perso 79-77 in casa dopo un tempo supplementare contro la solitaria capolista Milano.

Aeroporti di Puglia: traffico passeggeri in crescita del 9,8% su Bari e Brindisi


BARI – Aeroporti di Puglia rende noto che nel periodo gennaio – aprile di quest’anno i passeggeri in arrivo e partenza sugli aeroporti di Bari e Brindisi sono stati 2.152.000, in crescita del +9,8 % rispetto allo stesso periodo del 2018. La linea internazionale, con oltre 687 mila passeggeri, cresce del +17,5%, mentre il dato riferito alla linea nazionale, con 1,450 milioni di passeggeri registra un +6,5%.  Nel periodo in esame  i passeggeri su Bari sono stati 1,48 milioni (+14,5%) e 670mila su Brindisi, dei quali 140.000 riferiti a voli di linea internazionale (+17,3%).

“L’internazionalizzazione dell’offerta e l’incremento del traffico incoming dai più importanti mercati esteri costituisce una delle linee guida della nostra programmazione strategica, dichiara Tiziano Onesti Presidente di Aeroporti di Puglia. Il risultato registrato su Bari e Brindisi rappresenta in modo evidente l’attenzione dedicata  allo sviluppo della componente internazionale, la cui incidenza rispetto ai volumi complessivi di traffico diviene sempre più significativa. Attraverso la diversificazione dell’offerta e la maggiore disponibilità di collegamenti, sia diretti sia sui principali hub europei, la rete aeroportuale pugliese rafforza il proprio ruolo nel contesto degli scali del Mezzogiorno e  del Mediterraneo, concorrendo al successo del brand Puglia e alla riduzione della componente 'stagionalità' che incide sull’offerta turistica, soprattutto dell’Italia meridionale. Siamo certi che tutto ciò, unito a un complessivo miglioramento delle connessioni intermodali, in un contesto di sistema che coinvolge tutti i principali stakeholder, porterà ulteriori benefici al sistema economico e turistico di tutta l'area e con esso allo sviluppo aeroportuale.”

Il risultato dei primi quattro mesi 2019 beneficia dell’ottimo andamento del mese di aprile che, complessivamente, con 661mila passeggeri ha registrato su Bari e Brindisi un incremento del 9,7% del traffico. In particolare si segnala l’incremento del 20,2% delle linea internazionale, determinato dal +17,4% (195mila passeggeri) di Bari e dal +30,5% (59mila passeggeri) di Brindisi.

Brindisi, incendio doloso a centro diagnostico


di PIERO CHIMENTI - A poche ore dell'inaugurazione della sede di Mesagne, un incendio ha provocato ingenti danni al Centro diagnosi tumori Diagnostic Apulia. Secondo una perizia dei vigili del fuoco, le fiamme avrebbero origine dolosa. Sul caso indaga la polizia.

Minacciano carabinieri sul posto di blocco


di PIERO CHIMENTI - In un normale posto di blocco i carabinieri di Latiano Riva, in provincia di Brindisi, hanno fermato un ragazzo di 22 anni a cui era stata ritirata la patente da 5 mesi. La situazione, già tesa, è stata ulteriormente surriscaldata dal fratello più piccolo del giovane, che ha inveito contro i carabinieri minacciando di morte un militare.

In questa assurda commedia è intervenuta anche la mamma dei giovani, anche lei schieratasi contro i carabinieri, asserendo che avrebbero "fatto bene ad uccidere il carabiniere di Foggia". I due giovani sono stati arrestati mentre la mamma è ancora a piede libero. Tutti e tre comunque dovranno rispondere in tribunale del loro comportamento.

In Puglia arriva il primo 'Natural Camp' nell'Oasi naturale di Torre Guaceto


BRINDISI - Vivere la natura in modo diverso, un ‘esperienza educativa per i più piccoli durante le vacanze estive. In Puglia arriva il primo “Natural Camp” tra gli spettacolari scenari della Valle d'Itria. Si tratta di una settimana, dal 16 al 23 giugno 2019, riservata a bambini e bambine dagli otto ai dodici anni per scoprire l’avventura immersi nell'Oasi naturale di Torre Guaceto (info 348.431.09.44).

Una valida alternativa per far vivere nuove esperienze ai nostri figli, immersi nella natura e lontani dal divano e dal cellulare. La fine della scuola rappresenta un incubo per tutti i genitori che lavorano, molto spesso, pur essendoci la disponibilità dei nonni, si corre il rischio che i bambini possano trascorrere intere giornate in casa davanti ad un pc e così perdere l'occasione di stare all'aria aperta a giocare o confrontarsi con i suoi coetanei.

Per questo motivo nasce “Natural Camp Puglia”, organizzato da Gymnikos, che ha alle spalle 20 anni di esperienza nel settore. S'imparerà giocando con i laboratori dedicati alla costruzione dei trulli con un vero mastro trullaio, agli elementi della natura, e ancora alla piccola archeologia tra gli scavi di Egnazia. Le giornate saranno scandite da giochi nei boschi, mare nella spiaggia attrezzata del Resort  (incluso servizio di salvataggio) ed escursioni nell’Oasi protetta di Torre Guaceto.

Dunque mare, laboratori e escursioni nell’entroterra pugliese, probabilmente uno dei più belli al mondo: La Valle d’Itria, tra Alberobello, la Selva di Fasano e gli scavi di Egnazia saranno gli ingredienti del primo Natural Camp Puglia. I piccoli ospiti trascorreranno una settimana nel confortevole Torre Guaceto Resort, accolti in comodi alloggi divertendosi con lo staff di animazione del resort e sempre accompagnati da un team specializzato.

Sono aperte le iscrizioni info www.gymnikos.it/natural-camp.html - tel 348.431.09.44

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Bricolage Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia