Visualizzazione post con etichetta Eventi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Eventi. Mostra tutti i post

Pitti Uomo: Stefano De Martino e Fabrizio Corona due 'rivali' a confronto

FIRENZE - Stefano De Martino e Fabrizio Corona per la prima volta, si fanno fotografare insieme, ma per lavoro, ospiti del Pitti Uomo a Firenze. Il 're dei paparazzi' e l'ex ballerino di Amici si sono fatti fotografare durante la moda maschile del Pitti Uomo Firenze tra sorrisi, abbracci e la gioia del pubblico.

I due 'storici ex' della showgirl argentina Belen Rodriguez, non sembrano mostrare rivalità o astio, come si diceva in passato, visto che hanno condiviso la stessa donna.


Unesco in musica, concerti ed eventi in 10 regioni italiane

di REDAZIONE - Con Pomigliano Jazz, anche la Campania partecipa all’International Jazz Day, la giornata UNESCO che dal 2012 mobilita ogni anno centinaia di iniziative in tutto il mondo, per celebrare una musica simbolo di dialogo interculturale e tolleranza.

In Italia, quest’anno per la prima volta, prende forma un progetto unico, con un calendario di concerti e altri eventi organizzati in 19 Siti UNESCO e luoghi del “Patrimonio mondiale dell’umanità”, di ben 10 regioni, con la partecipazione di artisti e formazioni jazz, nazionali e internazionali. UNESCO in Musica si svolgerà da sabato 28 aprile a martedì 1 maggio, in Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Puglia, Sicilia, Sardegna e ovviamente Campania. Il progetto è coordinato a livello nazionale dall’associazione I-Jazz, che raccoglie alcuni dei più noti e seguiti festival jazz italiani, col supporto del MIBACT- Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, in collaborazione con l’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, la Federazione Nazionale Il Jazz Italiano, l’Istituto Italiano di Cultura a Parigi, il Comune di Pomigliano d’Arco, la Reggia di Caserta e l’Associazione Spazio Musica.

Pomigliano Jazz, che è tra i promotori di I-Jazz e referente per la Campania, ha programmato due giornate di iniziative. Domenica il 29 aprile alle 17.30 nella suggestiva e monumentale cornice della Cappella Palatina della Reggia di Caserta con il duo Diálektos composto dalla cantante partenopea Maria Pia De Vito e il pianista britannico Huw Warren. Lunedì 30, invece, a Pomigliano d’Arco (NA) va in scena R.A.M. (random access music), progetto che vede insieme Flavio Guidotti (synth, elettronica), Aldo Capasso (basso elettrico, synth) e Massimo Del Pezzo (batteria), con ospiti Gamino e gli allievi della scuola Spazio Musica, che ospiterà il live set, anticipato alle 17.30 da proiezioni di film e video, ascolto guidato di vinili e presentazione di cd.

Entrambi gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili. Per assistere al concerto alla Reggia di Caserta, sarà consentito l’accesso gratuitamente alla Cappella Palatina, ubicata al primo piano della Reggia, raggiungibile direttamente dallo Scalone monumentale, dalle ore 16:30. La partecipazione al concerto non comporta, tuttavia, anche l’accesso ai percorsi di visita della Reggia (Appartamenti Reali, Giardini ecc.) per i quali è necessario munirsi di apposito biglietto.

Tra i luoghi della grande bellezza italiana che si prestano ad accogliere un calendario ricco di appuntamenti, concerti, degustazioni di prodotti locali e visite guidate, a cura dei volontari di Unesco Giovani, ci sono oltre alla Reggia di Caserta, anche il Sacro Monte di Varallo Sesia, il Castello Reale di Moncalieri, il Parco delle Incisioni Rupestri di Luine in Val Camonica, l’Orto Botanico a Padova, il centro storico di Urbino, Castel del Monte nelle Murge, il Nuraghe di Tanca Manna a Nuoro, il sito archeologico di Barumini Su Nuraxi nel sud della Sardegna, Alghero e il suo centro storico, le isole di Asinara e Tavolara, le Ville Medicee attorno a Firenze, il Palazzo Platamone o della Cultura a Catania, il Teatro Farnese e l’Abbazia di Valserena a Parma.

Il progetto “Diálektos” testimonia l’incontro musicale tra la cantante partenopea Maria Pia De Vito e il pianista e compositore britannico Huw Warren. Due artisti con una forte personalità e con il desiderio di intraprendere nuovi percorsi musicali capaci di dar vita a un progetto in cui la creatività vocale e linguistica si fonde con sorprendenti invenzioni pianistiche.

Da sempre attratta dalle infinite possibilità sonore della voce, Maria Pia De Vito è una delle più raffinate vocalist contemporanee in Europa. Vincitrice di numerosi premi in Italia ed all’estero, ha collaborando con grandi musicisti quali John Taylor, Ralph Towner, Norma Winstone, Joe Zawinul, Rita Marcotulli, Enrico Rava, Steve Swallow, Jim Black, Guinga. Nel 2013 per la prestigiosa etichetta ECM ha pubblicato “Il Pergolese”, un lavoro tra il settecento napoletano e l’improvvisazione libera. Lo scorso anno, invece, è uscito il suo ultimo lavoro “Core Coração“, omaggio alla grande musica brasiliana d’autore tradotta in napoletano, con la collaborazione e la presenza di Chico Buarque de Hollanda.

Pianista e compositore, Huw Warren è un artista riconosciuto per la sua originalità e per la carica innovativa (premio BBC per l’innovazione e la ricerca). Il suo approccio versatile, passionale, innovativo al pianoforte non conosce confini, essendo capace di attraversare tutti gli stili musicali. Collabora con musicisti della scena newyorkese, come Mark Feldman, Theo Blackmann, Jim Black. Tra i suoi lavori di maggior successo, “Quercus”, con June Tabor e Iain Ballamy, pubblicato dalla ECM.

R.A.M. (random access music) è un progetto basato su produzioni originali tra jazz ed elettronica. La band si esprime attraverso la creazione estemporanea dello scenario sonoro in cui la matrice comune è l’improvvisazione e la ricerca dell’interplay che rappresentano da sempre elementi essenziali del linguaggio jazzistico. Protagonisti dell’evento sono Flavio Guidotti (synth, elettronica). Aldo Capasso (basso elettrico, synth), Massimo Del Pezzo (batteria) con ospite Gamino (elettronica). La performance, realizzata in occasione dell’Internescional Jazz Day a Pomigliano d’Arco, culminerà in una jam session dove un ensemble formato da giovani producer del Corso BTEC di Tecnico del Suono darà vita a un live set in cui verranno utilizzati samples estratti da alcune delle più celebri registrazioni jazz.

Capodanno a Ostuni con Eric Turner, Colucci, Terrafino e Libetta


BRINDISI - Iniziati in grande stile con Frankie Hi-Nrg Mc e Raphael Gualazzi, i festeggiamenti per il capodanno ostunese continuano la notte di San Silvestro con l’XI edizione del Ghironda Winter Festival organizzato in collaborazione e il sostegno dell’Assessorato al Turismo e alla Cultura di Ostuni. Tommy Terrafino, Eric Turner, Barty Colucci e diversi dj locali animeranno il viaggio che conduce al nuovo anno, tra musica e cabaret.

Domenica 31 dicembre, la mezzanotte si aspetta in Piazza della Libertà a partire dalle ore 22.30 con il comico Tommy Terrafino, il “vegano” televisivo della trasmissione “Made in Sud”. Dopo aver girovagato per un decennio per le piazze del Meridione col duo comico “Savino e Terrafino”, l’attore barese decide di intraprendere una carriera da solista. E tre anni fa partecipa da vincitore al Festival del Cabaret di Martina Franca. Successivamente entra nella carovana del Boss dei Comici in onda su La7 e nel 2016 approda su RaiDue a Made in Sud, trasmissione che lo vede tuttora nei panni del “vegano” e dell’“addetto”.

Dopo la mezzanotte la festa continua con il concerto di musica soul e r’n’b’ del cantante texano Eric Turner, aka The Soul of a Man. L’artista proporrà una lunga carrellata di hit, classici e successi che hanno reso immortale e conosciuta in tutto il mondo la black music. Una pattuglia di dj del posto farà, quindi, da apripista al conduttore radiofonico e imitatore Barty Colucci, voce di punta di RDS che a Ostuni gioca praticamente in casa. Originario di Ceglie Messapica, Colucci è ormai famoso per il programma “Tutti pazzi per RDS” e le sue celebri imitazioni, da Briatore all’ex Presidente Napolitano, che riproporrà sul palco di Piazza Libertà in uno spettacolo di cabaret unico nel suo genere.

Per celebrare il 2018, la Ghironda propone il Gran Galà di Capodanno. Il raffinato concerto di musica classica si terrà alle ore 19 del 1° gennaio nella chiesa di San Francesco con Francesco Libetta & Friends, progetto capitanato dal noto pianista salentino, concertista di fama internazionale. Nell’esecuzione di Libetta, coadiuvato da un quartetto di pianisti composto da Emanuele Balsano, Giorgio Manni, Alberto Manzo e Alessio Zuccaro, dalla violoncellista Eleonora Fullone e dal soprano Silvia Susan Rosato Franchini, si ascolteranno - in varie formazioni - musiche strumentali e vocali di Mozart (Ouverture dalle Nozze di Figaro), Kalkbrenner (Romanza), Händel (Tecum principium e Rejoice Greatly), Milaurowsky (Sonata per violoncello e pianoforte), Czerny (Rondò Brillante), Brahms (Sonata per violoncello e pianoforte), Lillo (Tema variato), Bellini (Casta Diva) e Schubert (Marcia).

Per motivi di sicurezza, come dispone un’ordinanza del Sindaco, in piazza della Libertà sarà vietata la vendita e l’introduzione di vetro e lattine, mentre sarà consentito il posteggio gratuito presso il Foro Boario, posto a ridosso del centro storico della Città bianca.

Capodanno 2018 in piazza: limitazioni al traffico e collegamenti speciali


BARI - In vista dell’appuntamento con il concerto di Capodanno in piazza Libertà, la sera del 31 dicembre, con apposita ordinanza la Polizia Locale ha disposto una serie di limitazioni alla sosta e alla circolazione, che di seguito si elencano: 
·        Il giorno 30 dicembre 2017, dalle ore 17.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle prove generali, è istituito il “Divieto di transito”, sulle seguenti strade e piazze:
a. piazza Libertà;
b. c.so Vittorio Emanuele II, tratto compreso tra via Cairoli e via Andrea da Bari;
·        Dalle ore 00.01 del giorno 31 dicembre 2017 alle ore 14.00 del giorno 1 gennaio 2018 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “Divieto di sosta - zona rimozione” sulle seguenti strade e piazze:
a. corso Vittorio Emanuele II, ambo i lati, tratto compreso tra via Q. Sella e piazzale IV Novembre;
b. piazza Massari, ambo i lati di entrambe le carreggiate comprese tra corso Vittorio Emanuele II e piazza Federico II di Svevia;
c. via Andrea da Bari, ambo i lati, tratto compreso tra via Piccinni e corso Vittorio Emanuele II;
d. via Melo, ambo i lati, tratto compreso tra via Piccinni e corso Vittorio Emanuele II;
e. via B. Petrone, ambo i lati;
f. corso Cavour, ambo i lati, tratto compreso tra piazzale IV Novembre e via Piccinni;
g. strada Palazzo dell’Intendenza, ambo i lati;
h. via Boemondo, ambo i lati;
i. via Piccinni, tratto compreso tra corso Cavour e via Marchese di Montrone;
·        Dalle ore 00.01 del giorno 31 dicembre 2017 alle ore 06.00 del giorno 1 gennaio 2018 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “Divieto di transito” sulle seguenti strade e piazze:
a. corso Vittorio Emanuele II, tratto compreso tra via Q. Sella e piazzale IV Novembre;
b. piazza Massari, entrambe le carreggiate comprese tra corso Vittorio Emanuele II e piazza Federico II di Svevia e quello compreso tra corso Vittorio Veneto e via San Francesco D’Assisi;
c. via San Francesco D’Assisi tratto compreso tra via Oriani e piazza Massari;
d. via De Rossi, tratto compreso tra via Piccinni e corso Vittorio Emanuele II;
e. via Cairoli, tratto compreso tra via Abate Gimma e corso Vittorio Emanuele II;
f. via Roberto da Bari, tratto compreso tra via Abate Gimma e via Piccinni;
g. via Andrea da Bari, tratto compreso tra via Piccinni e corso Vittorio Emanuele II;
h. via Melo, tratto compreso tra via Abate Gimma e corso Vittorio Emanuele II;
i. via B. Petrone;
j. via Villari, tratto compreso tra via Lombardi e piazza Massari;
k. via Piccinni, tratto compreso tra corso Cavour e via Marchese di Montrone;
·        Dalle ore 18.00 del giorno 31 dicembre 2017 alle ore 06.00 del giorno 1 gennaio 2018 e, comunque, fino al termine delle esigenze:
a. è istituita la “Area di sosta riservata ai veicoli al servizio di persone invalide munite dell’apposito contrassegno”, sulle seguenti strade:
- molo San Nicola, ambo i lati, tratto compreso tra il lung.re sen. A. Di Crollalanza e il palo della pubblica illuminazione posto al centro dell’area di svolta a sinistra;
- corso Vittorio Emanuele II, tratto compreso tra via Latilla e piazza Garibaldi (lato numerazione dispari);
b. è istituita la “Area di sosta riservata ai taxi”, sulle seguenti strade:
- corso Vittorio Emanuele II, tratto compreso tra piazza Garibaldi e via Q. Sella (lato numerazione pari);
·        Il giorno 1 gennaio 2018, dalle ore 06.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “Divieto di transito”, sulle seguenti strade e piazze:
a. piazza Libertà;
b. c.so Vittorio Emanuele II, tratto compreso tra via Cairoli e via Andrea da Bari.

Per consentire a quanti vorranno assistere all’evento musicale di raggiungere piazza Libertà e il centro cittadino utilizzando i mezzi pubblici, l’Amtab ha previsto una serie di collegamenti speciali e di variazioni al percorso di alcune linee urbane:
Saranno potenziati sia gli autobus per i collegamenti con i quartieri periferici sia le navette che collegheranno i parcheggi di scambio con il centro cittadino.
ORDINANZE BOTTI E VETRO
Si ricorda che sono in vigore le ordinanze sindacali che vietano la vendita e l’utilizzo di fuochi d’artificio e il commercio e la somministrazione di bevande in contenitori di vetro. Sarà, infatti, vietato introdurre nell’area dove si terrà il concerto qualsiasi tipo di bottiglia o contenitore in vetro, che saranno prontamente requisite ai varchi di accesso.
ORDINANZA RIFIUTI E SERVIZI DI PULIZIA STRAORDINARIA
Così come previsto per le festività di Natale e Santo Stefano, anche per il 31 dicembre e il giorno di Capodanno sarà consentito conferire i rifiuti indifferenziati, in deroga ai divieti precedentemente emanati sul conferimento nei giorni festivi.
L’Amiu, inoltre, garantirà un servizio straordinario in piazza Libertà, e nelle zone limitrofe, comprese alcune piazze della città vecchia, con l’impiego di:
·        6 operatori, 2 spazzatrici meccaniche, 2 autocarri con vasca e 2 autolavanti la mattina del 31 dicembre
·        10 operatori impegnati in un servizio straordinario di pulizia stradale e svuotamento cestini dalle ore 16.00 alle 19.00 del 31 dicembre
·        2 operatori reperibili dalle ore 19.00 del 31 dicembre all’1.00 del 1 gennaio per eventuali emergenze
·        4 spazzatrici meccaniche, 2 autocarri con vasca, 2 autolavanti, 1 autocompattatore e 22 unità (13 operatori e 9 autisti) dalle ore 1.00 alle 5.00 del 1 gennaio
·        una squadra di operatori, il cui numero sarà stabilito a seconda delle esigenze, per lo spazzamento e la raccolta di rifiuti durante le operazioni di smontaggio del palco, dalle ore 5 alle 12.00 del 1 gennaio
·        1 spazzatrice al termine delle operazioni di smontaggio del palco il 1 gennaio. 

Kiev Radio Symphony Orchestra il 4 gennaio al Teatro Apollo di Lecce


LECCE - Con la performance esclusiva di un’Orchestra che esprime la migliore tradizione musicale ucraina, il Concerto di Capodanno 2018 della Camerata Musicale Salentina si preannuncia davvero imperdibile: giovedì 4 gennaio, al Teatro Apollo di Lecce, l’appuntamento è con la scintillante Kiev Radio Symphony Orchestra, una preziosa ‘gemma musicale’ diretta dal Maestro Volodymyr Sheiko.
Riconosciuta come la migliore orchestra dell’Ucraina, la Kiev Radio Symphony Orchestra ha al suo attivo oltre 85 anni di concerti e di grandi successi in tournèe realizzate in tutto il mondo.
L'attività concertistica ebbe inizio il 5 ottobre 1929, con 45 musicisti stabili che proposero al pubblico di Kharkov (la precedente capitale dell’Ucraina) un ciclo con le sinfonie ed i poemi sinfonici composti da P.I Cajkovskij. In seguito fu trasferita a Kiev ed i musicisti stabili divennero 60.

Nel corso della sua pluridecennale attività, la Kiev Radio Symphony Orchestra è stata diretta dai più importanti direttori russi (da O. Klimov a G. Rozhdestvenskiy), e si è contraddistinta per il rilievo dato nella conservazione e valorizzazione delle tradizioni musicali dell’Europa orientale. Ha un archivio che comprende più di 10.000 incisioni di composizioni orchestrali, effettuate a Kiev in uno dei più grandi studi di registrazione a livello europeo.

L’Orchestra è la più invitata delle orchestre ucraine nel mondo: Oltre a svolgere una intensa attività in patria, ha effettuato numerose tournée in Italia, Germania, Francia, Spagna, Polonia e Corea del Sud.

Dal 2005 è diretta dal M° Volodymyr Sheiko: nato a Kharkiv, ha studiato al Conservatorio di Kiev. Kappelmeister all’Opera Nazionale di Kiev, si è perfezionato al Teatro Bolshoi di Mosca sotto la guida di Fuat Mansurov. Nel corso della sua carriera, Sheiko è stato insignito di varie onorificenze dallo Stato Ucraino per l’intensa opera svolta a favore della diffusione musicale: dal “Diploma Onorario del Parlamento” (2005), fino al recente titolo di “Artista del Popolo” (2015).

Sotto la sua direzione artistica, l’Orchestra ha effettuato oltre duecento registrazioni di musiche internazionali e di capolavori di musica ucraina.

Prevendite disponibili presso la Camerata Musicale Salentina, il Castello Carlo V ed online e nei punti vendita del circuito Bookingshow. Fondata dal M° Carlo Vitale nel 1970, la Camerata Musicale Salentina è sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dalla Regione Puglia e dal Comune di Lecce.  Sponsor della manifestazione Banca Popolare Pugliese.


PROGRAMMA MUSICALE
J. Strauss
“Voci di Primavera” Valzer op. 410
“Tritsch-Tratsch Polka” op. 214
“Storielle del bosco viennese” Valzer op. 325
“Festa dei fiori” op. 11
“Klipp-klapp Galop” op. 466
“Valzer dell'Imperatore” op. 437
“Viva gli ungheresi!” Polka op. 332
“Bluette-Polka” op. 271
“Nel bosco di Krapfen” Polka op. 336
“A caccia!” Polka veloce op. 373
“Sul bel Danubio blu” valzer op. 314

INFO
Camerata Musicale Salentina
Via XXV Luglio 2B – Lecce
Tel: 0832 309901 - Cell: 348 0072654 (Info) - 348 0072655 (Ufficio Stampa)
Email: biglietteria@cameratamusicalesalentina.com

Al via festival “ViandArte”: Bari vecchia si accende con la magia degli artisti di strada


BARI - Si apre oggi “ViandARTE”, il festival delle arti di strada organizzato dall'associazione culturale Vitruvians performing arts su iniziativa del Comune di Bari e con main sponsor Unicredit.

Fino a sabato 30 dicembre, per quattro giornate, un fitto programma di spettacoli e performance animerà dalle ore 18 alle 21 le principali piazze e strade di Bari vecchia. Partendo da piazza del Ferrarese, le postazioni degli artisti si estenderanno su tutta via Venezia percorrendo la Muraglia sino ad arrivare a San Nicola per proseguire su strada Palazzo di città, con alcuni artisti OFF del festival, per tornare poi su piazza Mercantile.

Il percorso proposto vuole evocare l’idea di viandante. Viandante è l’artista di strada per definizione. Viandante è anche lo spettatore che cammina per le strade della città. Dall’incontro di questi due percorsi nasce così un momento di arte.

Nel corso delle giornate del festival, che coinvolge più di 60 artisti, previste performance di tutti i generi: dal teatro alle arti circensi, dalla danza ai numeri col fuoco, dal musical a spettacoli per bambini. La giornata di venerdì 29, in particolare, sarà dedicata ai bambini dai 2 anni in su con moltissime performance pensate proprio per loro. Anche per i più grandi, però, non mancheranno occasioni di arte e divertimento. La sera il festival si protrarrà fino alle ore 22 con i Bandita Officina del ritmo, partner del progetto, che si esibiranno partendo da San Nicola percorrendo poi tutta via Venezia fino a piazza Mercantile.

In occasione di ViandArte gli organizzatori hanno lanciato inoltre un contest fotografico a premi con diverse categorie di pertinenza e il “ViandARTE Passport” che permette di collezionare le performance tramite l’apposizione di timbri su un passaporto per ottenere un simpatico gadget della manifestazione.

27 dicembre 1947: nasce la Costituzione Italiana


"Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione". Sono queste le parole pronunciate nel gennaio del 1955 da Piero Calamandrei ed è questa la chiave di lettura ancora viva che, a settant'anni da quel celebre 27 dicembre 1947, aiuta a comprendere le radici della nostra Carta costituzionale.

La Costituzione italiana nacque ben settant'anni fa, all'indomani della Seconda Guerra mondiale e dalle ceneri del regime fascista. Alla luce dei risultati del referendum istituzionale tenutosi il 2 giugno 1946, un'Assemblea Costituente composta da 551 membri si riunì nell'estate dello stesso anno ed iniziò i lavori per redigere la Legge fondamentale della Repubblica Italiana.

La Commissione incaricata di progettare la Costituzione era formata da 75 membri, presieduta da Meuccio Ruini e suddivisa in tre sotto-Commissioni: una riservata ai diritti e doveri dei cittadini, una dedicata all'organizzazione costituzionale dello Stato ed una per i rapporti economici e sociali.

Dopo 18 mesi, il risultato del lavoro della Commissione approdò in Parlamento e fu oggetto di modifiche e discussioni, che lasciarono però invariato il cuore pulsante del testo, incentrato sui principi di uguaglianza e democrazia. La Carta fu approvata il 22 dicembre e in data 27 dicembre 1947 il Presidente della Repubblica, Enrico De Nicola, ne promulgò il testo. Era nata la Costituzione Italiana.

In occasione del settantesimo anniversario, il Senato della Repubblica apre al pubblico la Sala di Palazzo Giustiniani in cui fu firmato lo storico atto. Inoltre, nel Salone degli Specchi, sono esposti documenti storici e monete appositamente coniate dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

San Severo, Natale in città: ecco tutti gli eventi

SAN SEVERO (FG) - L’Amministrazione Comunale, Assessorato alla Cultura, in vista del Santo Natale, ha organizzato il NATALE IN CITTA’, una serie di eventi e di attrazioni per le vie della città, per creare un’atmosfera suggestiva e trasmettere a tutti lo spirito del Natale.
“Nella fase di organizzazione del Natale in città si è pensato – dichiara l’Assessore alla Cultura, avv. Celeste Iacovino – a tutti i cittadini, sia ai più piccoli, che agli adulti, predisponendo una serie di eventi con tante attrazioni in diversi punti della città, in sintonia con le associazioni dei commercianti del territorio. Gli appuntamenti sono stati pensati per trasmettere divertimento e allegria sino al giorno di Natale.

Il primo momento natalizio si è avuto lo scorso 6 dicembre con l’inaugurazione della Casa di Babbo Natale, allestita nei locali del Palazzo Celestini, che sta riscuotendo un grande successo di pubblico di tutte le età e che l’Amministrazione è riuscita a realizzare grazie alla collaborazione del Centro Polivalente “Il Sorriso” e alla disponibilità di tanti cittadini, privati, commercianti e studenti, nel pieno spirito di Natale. La Casa è stata allestita immaginando la dimora di Babbo Natale in una tipica casa di San Severo. L’Amministrazione è particolarmente grata, oltre che al Centro polivalente “Il Sorriso” e a tutte le famiglie dei ragazzi del Centro, anche a tutti i commercianti e ai privati che hanno messo a disposizione gratuitamente arredi, decori ed il loro tempo per festeggiare insieme a tutti i cittadini la Festa più attesa dell’anno. Un particolare ringraziamento va inoltre ad alcuni nostri studenti del Liceo Classico Tondi e del Liceo Scientifico Checchia Rispoli che con il loro entusiasmo affiancano i nostri bambini per la scrittura e la spedizione della letterina in Piazza Municipio: un grande risultato ottenuto grazie alla perfetta interazione del mondo del sociale, del commercio e della scuola”.

La Casa di Babbo Natale resterà aperta nei giorni 16, 17, 22 e 23 dicembre dalle ore 18,30 alle ore 22,00. Aperture straordinarie nei giorni 17, 24 dicembre dalle ore 11,30 alle ore 13,00.
Gli altri eventi di Natale in Città sono partiti nella giornata di sabato 9 dicembre: “Insieme al Sindaco avv. Francesco Miglio ed ai consiglieri comunali dott.ssa Arcangela De Vivo e Sandra Cafora – aggiunge il Vice Sindaco Francesco Sderlenga – abbiamo pensato ad una serie di eventi distribuiti logisticamente per le strade del centro storico cittadino, a seguito di incontri con i commercianti della città e le organizzazioni di categoria per meglio armonizzare gli eventi programmati fino al Natale”.
Ma ecco il programma completo di tutti gli eventi in programma nei prossimi giorni.

NATALE IN … CITTÀ

16 dicembre 2017

– ore 18,00 / 20,00 per le vie del centro storico BABBO NATALE Band
– ore 18,00 / 20,00 Corso Garibaldi (agenzia Travel Way) GIOCOLERIA
– ore 19,30 / 20,30 via Tiberio Solis (zona Antistante Benetton) BUBBLE SHOW
– ore 18,00 / 20,00 via Tiberio Solis POSTAZIONE TRUCCO

17 dicembre 2017

– ore 18,30 / 20,30 Piazza della Repubblica Compagnia Nazionale TEATRO BURATTINI Premio Charlot 2017 f.lli Ferraiolo
– ore 18,00 / 20,00 Corso Garibaldi ELFI E MASCOTTE
– ore 18,00 / 20,00 Via Tiberio Solis NATALINE

22 dicembre 2017

Centro Storico
– ore 19,30 / 20,30 SPETTACOLO ”CIRCENSE”
– ore 18,00 / 21,00 PHOTOBOOTH Corso Garibaldi (zona antistante Terranova)
– ore 18,00 / 21,00 CHRISTMAS VILLAGE
– ore 18,30 / 20,30 Compagnia Nazionale TEATRO BURATTINI Premio Charlot 2017 f.lli Ferraiolo Via Tiberio Solis
– ore 18,00 / 20,00 SPETTACOLO GIOCOLIERI CON SPUTAFUOCO

23 dicembre 2017

Centro Storico
– ore 18,00 / 20,00 POSTAZIONE TRUCCO
Corso Garibaldi
– ore 18,00 / 20,00 TRAMPOLIERI

24 dicembre 2017

Centro Storico
– ore 11,00 / 13,00 TRAMPOLIERE
Corso Garibaldi
– ore 11,00 / 13,00 MAGIC SHOW
Via Tiberio Solis
– ore 11,00 / 13,00 BABBO NATALE Band
San Severo, 11 dicembre 2017
Il Portavoce
(dott. Michele Princigallo).

Musica: Malika Ayane presenta 'Non solo 25'

MILANO - In vista della Giornata Internazionale per l’eliminazione delle violenze sulle donne che si celebra il 25 novembre in tutto il mondo, Malika Ayane, artista attenta e sensibile a queste problematiche, ha ideato e organizzato una serata per sensibilizzare il pubblico sulla tematica degli abusi sulle donne: NON SOLO 25… in programma giovedì 16 novembre alle ore 21.00 al Teatro Nuovo di Piazza San Babila a Milano.

Malika per l’occasione ha voluto coinvolgere alcuni amici, artisti del panorama musicale e della comicità italiana, che si alterneranno sul palcoscenico, presentati dalla poliedrica cantautrice: i Boiler e Alessandro Betti, Brunori sas, Katia Follesa, Nuzzo Di Biase, Roy Paci, Tommaso Paradiso (TheGiornalisti), Thomas e i Wuz.

Il ricavato sarà interamente devoluto ai progetti di assistenza e accoglienza psicologica e legale realizzati da FARE X BENE ONLUS nei confronti delle vittime di discriminazioni, abusi e violenze, soprattutto donne e madri e ai corsi e percorsi di educazione alle differenze di genere e lotta a ogni forma di discriminazione, bullismo e cyberbullismo nelle scuole di tutta Italia.

Durante la serata, patrocinata dal Comune di Milano, saranno letti alcuni brani di libri sulla tematica della violenza contro le donne e in particolare dal libro di Valentina Pitzalis, Nessuno può toglierti il sorriso, edito da Mondadori.

Attiva protagonista e testimonial dei progetti nelle scuole di FARE x BENE Valentina è una giovane ragazza sarda tristemente salita alla ribalta delle cronache per una storia di violenza subita.

ALCUNI DATI SULLA TEMATICA: nel 2006 l’Istat stimava in 6 milioni 743 mila le donne da 16 a 70 anni vittime di violenza fisica o sessuale nel corso della vita. Nel 2010, l’Istat ha presentato una nuova ricerca sulle molestie e ai ricatti sessuali subiti dalle donne nel corso della vita e siamo passati a 10 milioni 485 mila donne che hanno subito nell’arco della loro vita abusi e violenze verbali, fisiche e sessuali, praticamente 1 donna su 2.

Il 25 novembre si celebra la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, indetta dall’ONU nel 1999, per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema degli abusi sulle donne. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio del 1960 delle tre sorelle Mirabal considerate esempio di donne rivoluzionarie per l'impegno con cui tentarono di contrastare il regime del dittatore Trujillo che tenne la Repubblica Dominicana nell'arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

Ermal Meta protagonista di Hit Week, il più importante Festival di musica italiana

MILANO - Torna Hit Week, il più importante festival di musica italiana nel mondo, in programma dall’1 al 19 Novembre (12 tappe live – un lungo tour – nelle più importanti città tra Europa, Stati Uniti e Canada.

Headliner della nuova edizione è Ermal Meta: protagonista del 2017 con una lunghissima serie di concerti costellati di sold out – partiti ad Aprile con chiusura a Torino il 19 Ottobre – l’artista è stato premiato a Faenza da RAI Radio Live per il Miglior Tour e contemporaneamente il video di Vietato Morire, che ha superato abbondantemente le 41.000.000 di visualizzazioni, si è aggiudicato la Video Indie Music Like del MEI 2017.

Non solo tantissimi appuntamenti live, ma anche giudice di Amici, Best New Artist per i Tim Music Awards di MTV, tra i grandi protagonisti dei Wind Music Awards per l’Oro dell’album Vietato Morire e per il Platino dell’omonimo singolo, finalista nelle Targhe Tenco e vincitore del Wind Summer Festival con il Premio 105. Vietato Morire è inoltre presente nella Top Of The Music FIMI / GfK dei primi 10 dischi più venduti in Italia nel primo semestre del 2017.

Ad affiancare Ermal Meta, oltre ai fedeli Carlo Bolacchi e Cordio (che hanno aperto buona parte delle date italiane e che ritroveremo a Lugano), si sono aggiunti altri artisti provenienti dall’ambiente musicale “Made in Puglia”.

Sin dalla prima edizione il festival si è rivolto anche alle giovani generazioni e il talento della nuova scena italiana, anche in questa occasione – saprà sfruttare al meglio il palcoscenico di rilievo internazionale offerto da Hit Week.

Nella maggior parte delle date del tour, grazie alla sinergia con Puglia Sounds/Medimex, si alterneranno come “special guest” Bari Jungle Brothers, un collettivo urbano che fa rap, Giò Sada and BariSmoothSquad capitanati dal vincitore di “X Factor 2015”, Kalàscima, attualmente una delle formazioni italiane di world music più riconosciute all’estero, i Midihands, duo formato dagli artisti e producer pugliesi Gianfranco Fuso e Francesco Navach e Una, la cantautrice del folk rock pugliese Marzia Stano.

Hit Week 2017 è realizzato con la partecipazione di FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, SIAE (Società Italiana Autori ed Editori), Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura e Puglia Sounds/Medimex (Regione Puglia FSC 2014/2020 Investiamo sul vostro futuro).

Oltre 100 artisti coinvolti, 14 volte il giro del mondo, 40.00.000 di contatti unici, 650.000 spettatori, 232 venues, 9.407 pasti serviti per gli addetti ai lavori, 14.000 bottiglie di vino rigorosamente italiano, 46 contratti di distribuzione, 644 aerei, 22 containers, 232 spedizioni air freight, 37 panel professionali: ecco solo alcuni dei numeri di HIT WEEK che si appresta a festeggiare dieci anni nel 2018 con un’edizione straordinaria.

Gli show di Ermal Meta sono realizzati con il contributo del “Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo” e della SIAE (Società Italiana Autori ed Editori) Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura.

Parallelamente alla manifestazione, nella rodata formula di HIT WEEK, sono previste per ogni tappa: feste, Dj Set, wine and food tasting, momenti di incontro e discussione. Il tutto all’insegna della creatività italiana, fiore all’occhiello del made in Italy.

MIlano, Samsung Electronic Italia: un grande evento con ospiti Pio e Amedeo

MILANO - Samsung Electronics Italia celebra il successo del nuovo Galaxy Note8 e invita i fan della gamma Galaxy Note e non solo. L’appuntamento da non perdere è per il 28 settembre alle 20:30, giorno in cui l’Arena Civica “Gianni Brera” ospiterà uno spettacolo unico “A Bigger Show”. Lo spettacolo vede la partecipazione di grandi nomi del panorama nazionale e internazionale che animeranno la serata attorno ad un palco con l’ologramma più grande mai realizzato, creato per rendere evidente il collegamento tra l’evento milanese e il Samsung Galaxy Note8: come il nuovo smartphone Samsung, il palco sarà uno strumento per accedere a tanti contenuti, e dello smartphone ricorda anche le forme.

Ad animare l’imperdibile show sarà Alessandro Cattelan, che condurrà insieme al duo comico pugliese Pio e Amedeo, alla celebrity social Tess Masazza, alla conduttrice televisiva Diletta Leotta, agli Street Clerks, al duo di youtuber TheShow e a tantissimi altri ospiti a sorpresa. Per chiudere in bellezza, il celebre dj e produttore discografico svedese Sebastian Ingrosso si esibirà e farà ballare tutti i presenti all'interno della meravigliosa cornice dell'Arena. L’evento è gratuito e aperto a tutti previa registrazione tramite l’app Samsung Members che permetterà di ottenere il QR code valido come biglietto per l’ingresso allo show. L’apertura dei cancelli è prevista a partire dalle 19:00, mentre lo show avrà inizio alle 20:30.

Oltre 200 mila in piazza per la Notte della Taranta


LECCE - Non sono nè la paura di attentati, nè le stringenti misure di sicurezza a fermare gli oltre 200 mila spettatori accorsi per partecipare ad uno degli eventi più attesi dell'estate salentina. La Notte della Taranta - quest'anno firmata da Raphael Gualazzi - vanta ospiti illustri, che scatenano al ritmo di pizzica l'ampia platea composta per la maggior parte da giovani under 30.
Dal chitarrista di David Bowie, Gerry Leonard, a Tim Ries, sassofonista dei Rolling Stones, passando per il percussionista Pedrito Martinez e senza rinunciare alla voce di Suzanne Vega: un'armonia musicale che fa ballare il pubblico di Melpignano, insieme agli immancabili ballerini del Corpo di ballo della Taranta.

Libri nel Borgo antico, storie emozionanti e impegno civile nella seconda serata. Domenica il gran finale

di REDAZIONE - La seconda serata di Libri nel Borgo Antico a Bisceglie ha come di consueto offerto la possibilità di presentare i loro libri a decine di autori tra gli angoli più belli della città vecchia, ha replicato l'ottima riuscita della novità dedicata ai giovanissimi con "Libri nel Borgo dei Piccoli", infine ha visto salire sul palco principale di piazza Castello nomi importanti della cultura italiana e dell'impegno civile, concedendosi anche uno spazio per ascoltare un simpatico ma discusso personaggio televisivo.

Ha aperto l'appuntamento serale Antonio Caprarica, giornalista Rai per anni corrispondente d'oltremanica, con la presentazione del suo libro "L'ultima estate di Diana" nel quale ha tracciato un ritratto umano e profondo della principessa, la sua vita, i suoi amori, i suoi tormenti.

Spazio poi a un genere letterario sempre amato, il giallo, con uno degli autori che si sta sempre più affermando nel panorama editoriale italiano: Alberto Garlini ha presentato il suo ultimo romanzo "Il fratello unico. Un'indagine di Saul Lavisoni".

Tra gli incontri più attesi non solo della serata ma di tutta la rassegna, quello con Giovanni Impastato, fratello di Peppino ucciso nel 1978 e icona della lotta alla mafia. Nel libro "Oltre i cento passi", c'è una storia di resistenza, di dignità, di rottura con l'ambiente circostante («La nostra è stata una famiglia di origine mafiosa»), che nel ricordo di Peppino trova la forza per contrastare illegalità e ingiustizie, per denunciare il sistema mafioso ancora lontano dall'essere sconfitto.

Emozionante e allo stesso tempo divertente, l'incontro con un grande maestro del cinema italiano: Pupi Avati. Il regista bolognese è intervenuto in veste di autore del suo finora unico libro "Il ragazzo in soffitta", ma è stato un fiume in piena di storie gustose e a volte commoventi delle persone incontrate nella sua vita: da Lucio Dalla a Mariangela Melato, senza dimenticare l'innocente bugia con cui conquistò la donna che da 53 anni è sua moglie.

Ha chiuso la serata Alberico Lemme, ospite di tanti talk televisivi per parlare di diete, autore del libro "La dieta Lemme", che non lesina sfrontatezza nell'illustrare teorie ardite come «Le calorie sono una bufala, nemmeno i dietologi sanno esattamente come si calcolano».

Intanto è tutto pronto per la serata conclusiva di domenica. Tra gli ospiti principali che si alterneranno in piazza Castello, Wanda Marasco che presenterà "La compagnia delle anime finte", Alessandra Necci con il libro "Alessandra e Lucrezia, le due cognate", Paolo Mieli ed il suo "In guerra con il passato", Marcello Veneziani con "Alla luce del mito".

Per tutto il corso della serata sarà possibile partecipare anche alle visite guidate gratuite e al grande ScambiaLibro, lasciando un libro per prenderne un altro in ciascuno dei lunghi banchetti allestiti nei vicoli del centro storico.

Eremo Club, al via la seconda edizione del Summer Carnival Party

MOLFETTA - Dopo il successo dello scorso anno, sabato 26 agosto dalle 22.30, arriva all’Eremo Club di Molfetta (S.S. Molfetta - Giovinazzo Km. 779, uscita Cola Olidda, ticket  5 euro prima di mezzanotte, 7 post, prevendite disponibili nel circuito booking show. Info: 340/6156380-328/2828244) la seconda edizione del Summer Carnival Party, ideato e organizzato dalle associazioni Link Up e  Just Music Promotion, in collaborazione con Hot Chocolate Black'n'Vibes.

Lo show è ispirato al più grande party d’Europa che si svolgerà lo stesso giorno a Londra, nel quartiere di Notting Hill per celebrare la cultura afro-caraibica, a ritmo di dancehall, reggae, hip-hop, soca e reggaeton. Protagonisti del più grande carnival party dell’estate 2017 i dj CHARLY KS, selecter salentino  con la passione per la reggae music e il barese BIG FAB; a “guidare” le danze, la nota ballerina dancehall JAY SPARKS dal Salento (membro del collettivo Brock Out Dancers) e FAMOUSDANCER UP dalla Giamaica, uno dei massimi esponenti della danza tipica dell’isola caraibica, affiancati da ballerine in abiti tipici del Carnevale estivo. Musica, danza e divertimento con l’Eremo che si trasforma con addobbi e scenografie a tema tropicale/caraibico mentre durante la serata verranno distribuiti gadget “carnival” e saranno disponibili durante l'evento truccatrici per decorazioni al volto e body painting. A completare la serata, prima e dopo gli show degli ospiti, ci saranno le selezioni musicali dei dj del collettivo Hot Chocolate Black'n'Vibes: South Love Vibration, Smorf Sound, Dj Fato aka Supayouth. In sala 2, Pop, Rock & more con i dj  Hardeed e Gaetano Gala.

Charles Selvathurai in arte Charly KS (from Heavy Hammer Sound), leccese classe 1989,  ha il reggae nel sangue. Fa parte della crew Kick Side family dal 2008. Nei suoi dj-set trovano posto vecchie e nuove sonorità come foundation, roots, bashment/dancehall, mescolate con hip-hop, R’n’B e più in generale, black music, condito con numerosi remix auto-prodotti. A contraddistinguerlo nel mixaggio è uno stile conosciuto come “juggling”. Collabora e condivide il palco con artisti nazionali ed internazionali del calibro di Heavy Hammer, BoomDaBash, BlackChiney, SudSoundSistem, Bounty Killer, General Levy, MacroMarco, DjMadkid, Villa Ada, GhettoEden e molti altri. Nel 2012 vince l’IDC Italian dj competition (The Next Generation), gara di selezione musicale di genere “black music”.

Big Fab aka Fabiolone è un punto fermo dell’intrattenimento barese e pugliese. Resident dei party del collettivo Bari Hip Hop Metro e Black Beach Party. I suoi dj-set navigano nell’universo della black music con particolare attenzione a tutte le hit soul, r&b, hip-hop, riuscendo sempre a realizzare set trascinanti e coinvolgenti per il pubblico e il Summer Carnival Party non farà di certo eccezione.

SUMMER CARNIVAL PARTY 2nd edition

Main room: Dancehall - Hip Hop - Reggaeton - Soca

dj Big Fab + dj Charly; dancers Jay Spark + Famous Dancer (from Jamaica)
+South Love Vibration + Smorf Sound + dj Fato

Second floor: Pop, Rock & more
dj Hardeed + Gaetano Gala

Ticket: 5 euro pre-mezzanotte, post 7 euro
 Prevendite disponibili nel circuito bookingshow

Info: 340/3406156380 – 328/2828244
Start: apertura cancelli 22.30
Eremo Club, SS Molfetta-Giovinazzo Km. 779 (uscita Cola Olidda)

Ufficio stampa:
Nicola Signorile (mob. 329/6659847)

Brunori Sas, l'Indie Pop e le nostre storie. Sabato 12 agosto live a Trani


di REDAZIONE - Indie pop. È questa la definizione della combinazione di note adottata da Brunori Sas, calabrese d’origine, classe 1977, primo ad esibirsi sul palco di Fuori Museo – Eventi d’estate 2017 della Fondazione S.E.C.A. con il suo A casa tutto bene Tour.

E mentre la data si avvicina, mancano solo due giorni, le radio mandano i suoi pezzi, le interviste dalle domande più disparate, come, ad esempio quel Sas che segue il cognome. Un omaggio all’azienda di famiglia, la Brunori Sas, appunto.

Spazia tra storie di vita quotidiana, amori, ricordi, rivoluzioni. Tra cinismo ed ironia, passato e futuro, passeggiando per il presente. Non sono solo canzonette ma, orecchiabili, parlano, le sue canzoni, di ognuno. Perché, basta ascoltarle, è impossibile non identificarsi in testi come quello de “Le quattro volte”, ad esempio.

È questo il collante tra l’artista e l’uditore: l’identificazione. Lo spontaneo ritrovarsi protagonista dei suoi testi che fa sorridere, a volte amaro. Una cosa è certa, lasciano un segno, provocano reazioni da cui scaturiscono riflessioni, come ne “La verità”.

La storia di Dario Brunori, in arte Brunori Sas, comincia nel 2009 e cresce, sempre verso la vetta, tra consensi e riconoscimenti. Il cantautore italiano si aggiudica il Premio Ciampi nel 2009, appunto, come miglior disco d’esordio, il KeepOn come miglior Personaggio Live della stagione, la targa Tenco, come miglior esordiente.

Un cammino musicale fatto di successi e di compagni di viaggio: Simona Mazzarro (percussioni e coro), Dario Della Rossa (piano e tastiera), Mirko Onofrio (sax e fiati), Massimo Palermo (batteria).

Tutto da ascoltare, per alcuni, forse pochi, da scoprire, quest’artista dalla sensibilità spiccata, dall’attenzione socio-antropologica acuta, che scruta le vite, la sua, quella di chi lo circonda, per scrivere e produrre specchi dentro i quali riflettersi e porsi domande, ballando, ma riflettendo.

Ad aprire il concerto di Brunori Sas saranno Luca Giura, in arte Molla, compositore interprete e musicista poli – strumentista, accompagnato dall’inseparabile Nico Giannotti alla chitarra ed Orelle, cantautrice dalle sonorità jazz – rock.

L’appuntamento è dunque tra due giorni, con la profondità della musica leggera, che sa entrare con delicatezza e gentilezza, che sa accomodarsi e restare, senza disturbare.

Stelle cadenti: il meglio deve ancora venire


Il suggestivo spettacolo delle stelle cadenti non coincide esattamente con la mitica notte di San Lorenzo. Quest'anno, infatti, l'appuntamento slitta alla notte fra il 12 e il 13 agosto, nella quale si attende il picco di visibilità.
Per l'occasione, le associazioni degli astrofili di tutta Italia hanno organizzato una serie di eventi. Fra i più apprezzati c'è "Calici di Stelle", in collaborazione col movimento del turismo e del vino, anche se non mancano serate all'insegna dell'astronomia e della poesia, leggendo Pascoli, Dante e Tasso sotto la volta celeste.

Le stelle cadenti della notte di San Lorenzo nascono dall'incontro fra il nostro pianeta e le polveri lasciate dalla cometa Swift-Tuttle. L'impatto di queste polveri con l'atmosfera terrestre genera quindi le magiche scie luminose che, nei notturni cieli d'estate, danno vita ai magici spettacoli che conosciamo.

Festival Internazionale dell'arte di strada: 17 agosto, Gagliano del Capo (LE)


di REDAZIONE - Il Festival internazionale dell’arte di strada A Cappello giunge all’ottava edizione, e promette una serata di stupore puro, il 17 agosto a Gagliano del Capo, a partire dalle 21.00. L’obiettivo, di anno in anno rinnovato, è quello di stupire, spiazzare lo sguardo di turisti e salentini, e proporre visioni altre del nostro territorio. Il centro di Gagliano diventa il palcoscenico dei più importanti nomi dell’arte di strada italiana ed internazionale, ospitando spettacolari acrobazie, visioni surreali, incontri comici e poetici, suoni e musiche da tutto il mondo.

“Il festival dell’arte di strada – racconta il direttore artistico, Matteo Greco – vuole essere una porta d’accesso all’inusuale, allo strabiliante, nel cuore dell’estate salentina. Un modo per tornare ad allenare la fantasia, per rieducare lo sguardo alla curiosità e all’interesse verso tutto ciò che non è convenzionale.”

Fra le varie partecipazioni di questa edizione spicca la presenza della Compagnia Mi Santa (Argentina) con il suo Contigo me voy, spettacolo acrobatico aereo e terrestre, che vedrà l’uso contemporaneo del trapezio e del cerchio gigante sotto il campanile della chiesa San Rocco. Altra star della serata sarà il bulgaro Teodor Borisov, reduce da tournée internazionali, che animerà i suoi burattini giganti che si confonderanno con le persone lungo il corso. E ancora, Laura Kibel (Roma) porterà a Gagliano metterà su un teatro usando magicamente i suoi soli piedi, Davide Fontana (Torino) ci porterà nelle atmosfere cariche di suspance degli agenti segreti, i Soul Palco (Napoli) ci porteranno con il loro canto nel calore e nell’irriverenza della tradizione popolare partenopea

Ma lungo le strade del centro si incontreranno anche delle enormi farfalle luminose (Les Brillantes) una sirena che vola fra i tessuti (Ilaria Fonte), un ring improvvisato da un personaggio “catastrofico” (Katastrofa Clown) e una coppia di sposi a dir poco eccentrica (The Squasciò company).

Vedrete il tutto passando certamente fra le creazioni del bollaio matto Yuri Bussi e di Pippi l’arpista, fra le acrobazie esilaranti del Grande Lebuski e fra i mille suoni di Stefano Serino, l’uomo-orchestra. Basterà incamminarsi, nel cuore di Gagliano e dell’estate, per un vicolo o una via, e pronunciare la parola d’ordine: “fantasia”.

Per info: 3294433924
Info espositori mercatino artigianato: 3928836560
pagina fb: A Cappello – Festival dell’arte di strada

Presentazione del libro Mafia Caporale, presso Giovinazzo


di MARIO CONTINO - Il giorno 8 Settembre c.a., alle ore 19,00, presso la Cittadella della Cultura (Piazza S.Agostino, 2 Giovinazzo), si terrà la presentazione del libro: MAFIA CAPORALE, scritto da "Leonardo Palmisano", edito da "Fandango Libri".

Un libro che tratta un argomento delicato quanto infame ed infamante, ossia la riduzione in schiavitù dell'essere umano, da parte di chi lucra senza scrupoli sulla vita altrui. Secondo il Global Slavery Index 2016, solo in Italia sarebbero 129.600 le persone ridotte in schiavitù in Italia.

Principalmente viene affrontato il tema del "caporalato", lo sfruttamento dei lavoratori da parte di aziende che, pur di guadagnare il più possibile, danno origine o si rendono complici, di un vero e proprio sistema mafioso che favorisce la schiavizzazione di esseri umani.

Dalla scheda del libro possiamo leggere quanto segue:
«"Mafia Caporale" è oggi più forte del collocamento pubblico, e dà vita a una moltitudine di agenzie di somministrazione lavoro dentro le quali lava somme inimmaginabili di denaro sporco. Sarte, braccianti, camgirls, muratori, prostitute, blogger, coccobello!, lavavetri, parcheggiatori, vigilanti, camionisti, mendicanti e minori, sono solo alcuni dei volti della schiavitù di cui ci parla Leonardo Palmisano nel suo viaggio dal nord al sud di Italia».

A mio avviso libro che non dovrebbe mancare nella vostra personale biblioteca, in quanto è doveroso comprendere le dinamiche che sono alla base di un sistema marcio che si riperquote sull'intera società.

Il Prof. Leonardo Palmisano,etnografo e scrittore con cattedra in Sociologia Urbana al Politecnico di Bari, sarà quindi disponibile a chiarire ogni vostro dubbio in merito alla delicata, e sconcertante, questione trattata nel suo libro.

Promotrice di questo evento è l'associazione Progetto Socrate, con il Patrocinio del Comune di Giovinazzo.

8 agosto 1991, il Vlora sconvolge la città di Bari


di NICOLA ZUCCARO - Bari, giovedì 8 agosto 1991. Nel corso di una calda mattinata, una montagna galleggiante, paragonabile ad un formicaio umano, cattura l'attenzione dei bagnanti del Lido San Francesco e del Litorale di San Cataldo: è il Vlora. Di lì a poco - sono le 10.30 circa - verso mezzogiorno, attraccherà al Molo Foraneo del Porto barese. In questo preciso punto dello scalo portuale si concludeva così l'odissea del Mercantile inizialmente diretto a Brindisi, ma poi repentinamente dirottato su Bari, a seguito del colloquio telefonico intercorso fra l'allora vice prefetto brindisino, Bruno Pezzuto, e l'allora Capo di Gabinetto della Prefettura barese, Antonio Nunziante. Questo dirottamento fu "motivato" e "giustificato" dal fatto che, non trattandosi di una migrazione composta da poche centinaia di profughi (ma di 20.000 albanesi in fuga) e avendo già Brindisi, nel marzo 1991, fatto fronte ad un precedente e consistente sbarco, la rotta verso Bari divenne a quel punto inevitabile.

Se per il Comandante del Mercantile, Hadim Milaqi, costretto a salpare per l'Italia, terminò un calvario (su misura per un testo di Epica), per la città di Bari iniziarono dei giorni difficilissimi relativamente alla gestione dell'emergenza. Molte furono le difficoltà provocate dalla suddivisione degli interventi di Protezione Civile e legati sia alla sicurezza che all'ordine pubblico (numerosi furono gli albanesi, alcuni dei quali impauriti, che vagavano per la città, fuggendo dal Molo Foraneo, dopo essersi tuffati dalla nave) presso i due luoghi di quella drammatica vigilia ferragostana quali il Porto e lo Stadio della Vittoria. Quest'ultimo, chiuso da un anno al calcio, si trasformò da catino infuocato dal tifo per il Bari, a luogo infernale dove la rabbia e la disperazione si mescolarono, tanto da mobilitare l'Esercito italiano e successivamente le Forze speciali della Polizia di Stato - intervenute sotto il diretto controllo del rispettivo Capo, il Prefetto Vincenzo Parisi. 

Su Bari, anche per la presenza di alcuni rivoltosi e disertori dell'Esercito albanese (inizialmente trasportati dal Porto allo Stadio a bordo dei bus dell'azienda del trasporto urbano e poi, alcuni di essi, ricondotti in Albania, nell'ambito di un ininterrotto ponte aereo) si accesero i riflettori dell'informazione nazionale ed internazionale e si concentrò l'attenzione delle istituzioni italiane. Fra esse, la Presidenza della Repubblica che per voce dell'allora Capo di Stato, Francesco Cossiga, chiese le dimissioni, vocando ad egli, per le funzioni spettanti alla suo ruolo, la rimozione del Sindaco dell'epoca ; il compianto Prof. Enrico Dalfino. Quale fu la motivazione? L'irresponsabilità nella gestione di un'emergenza, le cui colpe dovevano oggettivamente essere attribuite a quella macchina governativa che non riuscì, forse e probabilmente, a prevedere e a frenare per tempo un esodo che mise alla prova la straordinaria solidarietà dei baresi, testimoniata dalla donazione di indumenti e scarpe (la gran parte dei profughi sbarcò scalza al Porto di Bari) e dalla messa a disposizione di alloggi da parte delle parrocchie vicine allo scalo portuale e allo Stadio della Vittoria. 

L'arrivo del Vlora mutò il tessuto sociale di una Bari che dall'agosto 1991 si trasformò in larga parte albanese, per l'inserimento dei componenti della relativa nazionalità, nel contesto lavorativo e universitario, e promuovendo, nello stesso tempo, il capoluogo pugliese quale città italiana, per eccellenza (così la ricordò in una successiva intervista rilasciata nei mesi successivi a quell'evento dal sindaco Dalfino all'emittente televisiva Tele Bari) sul piano dell'accoglienza e dell'integrazione etnico-culturale.

Naso all'insù con gli eventi del Planetario di Bari per la notte di San Lorenzo


Tutti col naso all'insù per la notte di San Lorenzo, che come ogni anno porta migliaia di persone ad ammirare la volta celeste. Per l'occasione, il Planetario di Bari propone tre imperdibili appuntamenti per ammirare lo straordinario fenomeno delle stelle cadenti.

Giovedì 10 agosto, dalle 19:30 presso Villa Framarino al Parco Naturale di Lama Balice, gli esperti della Cooperativa Verderame guideranno i visitatori alla scoperta di flora e fauna del parco e all'osservazione del cielo stellato. Durante l'incontro, tutti gli ospiti potranno scoprire i segreti dell'universo all'interno del planetario che sarà appositamente installato in loco. Successivamente, sarà possibile spostarsi sotto le stelle, per ammirare direttamente la Luna, Saturno e le lune di Giove, per mezzo dei potenti telescopi. Il tutto nella suggestiva cornice delle stelle cadenti.

DURATA: 3h TICKET: € 7,00

Venerdì 11 e Sabato 12 Agosto, per apprezzare al meglio il picco delle Perseidi, dalle 20:00 sarà possibile ammirare i cieli di Puglia dal Parco Nazionale dell'Alta Murgia. Dal centro visite “Torre dei Guardiani”, grazie al più grande telescopio astronomico di Puglia, sarà possibile osservare le Lune di Giove, gli anelli di Saturno, ammassi di stelle, galassie e tanti altri oggetti invisibili dai cieli cittadini. 

TICKET: € 5,00

Info e prenotazioni al: 3934356956 o @ilplanetariodibari.com