Visualizzazione post con etichetta Foggia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Foggia. Mostra tutti i post

Serie B, Foggia-Bari 1-1: autogol di Gyomber per i dauni e rete di Nenè per i biancorossi

di FRANCESCO LOIACONO - Termina 1-1 allo stadio “Zaccheria” di Foggia il derby pugliese Foggia-Bari. In vantaggio nel primo tempo i dauni al 23’. Il difensore del Bari Gyomber nel tentativo di anticipare Kragl su cross di Zambelli ha involontariamente battuto Micai. Al 30’ i biancorossi hanno pareggiato col brasiliano Nenè velocissimo con un tiro di sinistro a mandare il pallone in rete dopo un rinvio sbagliato dal portiere Guarna. Nel primo tempo sullo 0-0 la squadra di Grosso insidiosa. Un tiro di Iocolano è finito fuori. Galano di destro ha mandato il pallone di poco a lato. Il Foggia propositivo. Un destro di Nicastro ha sfiorato il palo. Sull’1-1 Nenè ha tirato a lato da buona posizione.

Nel secondo tempo per la squadra di Stroppa un tiro di Mazzeo è stato deviato in angolo da Micai. Grosso ha mandato in campo Floro Flores al posto di Nenè e Cissè è subentrato a Galano. Floro Flores si è fatto notare con un colpo di testa che non ha inquadrato la porta. Un destro di Cissè per poco non ha centrato il bersaglio. Un buon punto per Foggia e Bari. I dauni sono noni a 51 e hanno speranze di qualificarsi ai play off. I biancorossi sono settimi a 57 in zona play off. Venerdì 27 aprile alle 21 Il Bari giocherà allo stadio “San Nicola” con l’Entella. Sabato 28 il Foggia affronterà fuori casa il Cittadella.

La montagna, la pianura, il mare: al via la Gargano Running Week

FOGGIA - Correre e camminare sul Gargano, da zero agli oltre mille metri sul livello del mare della Foresta Umbra, su tratturi antichi fin sulla costa. Anche quest’anno la Gargano Running Week inaugurerà la stagione turistica a Mattinata. Tre le gare trail: 80, 34 e 15 Km,un mini vertical notturno, un brande raid di trekking diviso in tre stage di 40km l’uno che traversa tutto il Gargano; oltre alla mitica Gastro Run e corsi di Fit Walking in paese.

L’evento organizzato dalla ADS Gargano Run con il patrocinio e il contributo del Parco Nazionale del Gargano e del Comune di Mattinata e la collaborazione del Circolo Ricreativo Culturale Oasis, si svolgerà Sabato 21 e Domenica 22 Aprile.

Oltre agli eventi sportivi, non mancheranno gli spettacoli e le degustazioni. Sabato 21 dalle ore 16.30 in Piazza Aldo Moro, gli Artisti di Strada animeranno la Corsa dei Bimbi, dalle ore 20.00 inizierà la degustazione dei Prodotti Tipici a seguire si esibirà il gruppo New Project Folk, brani della tradizione popolare.

Sindaco di San Giovanni Rotondo frena sulla statua a Frizzi

di PIERO CHIMENTI - Il Sindaco di San Giovanni Rotondo, Costanzo Cascavilla, ha smentito il maestro d'arte Maglionico sull'immediata collocazione della statua in bronzo di Fabrizio Frizzi presso il parco Padre Carmelo Durante.

Il primo cittadino ha negato che sia giunte alla sua amministrazione alcuna richiesta né di patrocinio né di sostegno all'iniziativa da parte del comitato promotore, classificando il caso col solo fine mediatico.

Serie B, Foggia-Bari: derby pugliese insidioso per i biancorossi

di FRANCESCO LOIACONO - Domani alle 15 il Bari giocherà a Foggia. Sarà un derby pugliese molto insidioso per i biancorossi. I dauni dopo il pareggio per 2-2 a Terni nel turno infrasettimanale di serie B cercheranno di vincere per entrare in zona play off. Il tecnico Stroppa dovrà rinunciare a Duhamel e Gerbo infortunati. Ma potrà contare su Mazzeo e Beretta. Il primo ha sorpreso 16 volte i portieri avversari. Il secondo ha realizzato 7 reti. Trequartista il tedesco Kragl il quale ha segnato 6 gol. Sei saranno gli ex della partita. Nel Foggia Guarna, Tonucci Greco e Fedato. I primi tre giocheranno dall’inizio, l’altro andrà in panchina.

Nel Bari Empereur e Brienza che potrebbero entrare in campo durante la partita. I biancorossi dopo l’1-1 allo stadio “San Nicola” contro il Novara devono ottenere i tre punti per avvicinarsi al quarto posto molto importante nei play off. L’allenatore Grosso non potrà utilizzare Basha Salzano Marrone Morleo Oikonomou per problemi muscolari ed Henderson squalificato. In attacco Cissè e Floro Flores. Regista Galano. Arbitra Daniele Chiffi di Padova. Ha diretto in questo campionato il Bari nelle gare perse 3-2 ad Empoli nell’andata e 3-1 a Venezia nel ritorno.

Nel girone di andata vinsero i biancorossi 1-0 con un gol segnato da Galano nel secondo tempo. L’ultimo precedente in serie B allo stadio “Zaccheria” tra le due squadre nel 1996/97 terminò 1-1. Saranno presenti 18000 spettatori.

Foggia-Bari: trasferta vietata ai tifosi baresi per alto rischio scontri

FOGGIA - Trasferta vietata in quel di Foggia alla tifoseria barese per il derby che alle ore 15 di sabato 21 aprile 2018 opporrà i dauni ai baresi. E' quanto definitivamente stabilito nella serata di giovedì 19 aprile 2018 dalla Prefettura di Foggia, dopo una lunga e attenta valutazione dei rischi di scontri fra le opposte tifoserie, come precedentemente valutato dall'Osservatorio nazionale per le manifestazioni sportive, operativo presso il Viminale.

Dunque, nulla da fare per quei 900 tifosi biancorossi ai quali era stato riservato un settore dello Zaccheria e che avevano acquistato il tagliando (da Foggia rassicurano che i biglietti già acquistati, saranno rimborsati) per assistere al derby che torna nella cadetteria a 21 anni di distanza.

Serie B, Ternana-Foggia: un pareggio ricco di emozioni


di GIUSEPPE DEFEUDIS E ROSSELLA MAZZILLI - Martedì di campionato per le squadre di serie B e tra queste anche Ternana e Foggia, squadre con obiettivi diversi. La squadra umbra con la voglia di uscire dal baratro della classifica ed il Foggia con la carica di volersi avvicinare ai playoff, chiudendo definitivamente la questione salvezza, raggiungendo gli agognati 50 punti.

Primo tempo ben giocato dal Foggia e secondo tempo tenacemente affrontato dai verderossi. La partita è terminata 2-2 (Montalto e Carretta per la Ternana e Berretta e Mazzeo per il Foggia) ed ha visto i rossoneri avere un possesso palla del 73% e di aver completato 507 passaggi rispetto ai 186 dei giocatori ternani che, comunque, hanno fatto un tiro in più in porta.

Insomma, una partita interessante ed emozionante, sia per i gol che per i cambi di fronte che si sono visti in campo. Ed ora occhio ai derby... la Ternana contro il Perugia ed il Foggia contro il Bari. Che possano essere spazi di festa, tra cori e gioie, questo l’augurio.

Fabrizio Frizzi a San Giovanni Rotondo

di PIERO CHIMENTI - Mentre è stato scelto Marco Liorni per la conduzione dell'Eredità, a San Giovanni Rotondo è stato annunciato che al Parco Carmelo Durante sorgerà una statua in bronzo che avrà il volto di Fabrizio Frizzi. L'idea e il progetto nascono dal maestro d'arte Michele Miglionico, che colpito dal tragico evento, ha dato vita ad un comitato per la realizzazione. L'opera verrà presentata a Taranto il prossimo 20 aprile presso l'Auditorium del Santissimo Crocifisso.

Foggia, palloncini 'd'argento' volano in Montenegro

di PIERO CHIMENTI - Una coppia alla fine dei festeggiamenti per le nozze d'argento ha lanciato dei palloncini bianchi con un messaggio benaugurante per chi l'avesse trovato col proprio numero di cellulare. L'epilogo qualche giorno più tardi, quando è giunto un sms da parte di una ragazza del Montenegro che comunicava agli sposi che il padre pescatore li aveva trovati mentre pescava.

Serie B, Ternana-Foggia 2-2: terzo pareggio fuori casa per i pugliesi

di FRANCESCO LOIACONO - Nel turno infrasettimanale di serie B il Foggia ha pareggiato per 2-2 fuori casa contro la Ternana. Nel primo tempo al 44’ sono passati in vantaggio gli umbri con Montalto di destro su passaggio di testa di Carretta. Nel secondo tempo al 3’ i pugliesi hanno pareggiato con Beretta di sinistro su assist di Mazzeo. Al 17’ la Ternana è andata di nuovo in gol con Carretta, tiro da pochi metri dopo avere ricevuto il pallone da Tremolada. La squadra di Stroppa ha pareggiato al 39’ con Mazzeo, gran botta di destro su passaggio di Floriano. Nel primo tempo sullo 0-0 i rossoneri pugliesi insidiosi. Un tiro di Kragl è stato deviato in corner dal portiere Sala. Ha tentato Mazzeo, il numero uno degli umbri ha respinto con le mani. La squadra di De Canio in contropiede. Un colpo di testa di Carretta è finito fuori. Un sinistro di Carretta ha centrato il palo.

Nella ripresa sull’1-1 la Ternana velocissima. Un destro di Statella è terminato alto. Buon punto per il Foggia. E’ nono in classifica a quota 50. Terzo pareggio in trasferta per i pugliesi. Settimo gol per l’attaccante Beretta. Sedicesima rete in questo torneo per l’attaccante Mazzeo. Eccellente momento della squadra di Stroppa. Terzo risultato utile consecutivo dopo le vittorie per 4-0 a Cremona e 3-0 allo stadio “Zaccheria” con l’Ascoli.

Foggia, maxi-multa per pescatore

di PIERO CHIMENTI - Un pescatore sportivo è stato sorpreso dalla Guardia Costiera a pescare nel litorale di Marittima in Punto Grugno una gran quantità di ricci di mare, circa 10000 suddivisi in contenitori di plastica, che supera oltremodo il numero consentito per legge. All'uomo, originario della Sesta provincia, è stata comminata una multa di 4 mila euro.

Sopralluogo di Malagò allo Zaccheria di Foggia

di NICOLA ZUCCARO - Sopralluogo nel pomeriggio di venerdì 13 aprile 2018 di Giovanni Malagò allo Stadio Pino Zaccheria di Foggia. Il Presidente nazionale del Coni, accompagnato dal giornalista sportivo Franco Ordine (originario del capoluogo dauno) e da Vito Tisci, quale Presidente del Comitato regionale Figc-Lnd Puglia, ha visionato l'intero impianto sportivo a partire dal rettangolo di gioco.

Non è da escludere che quest'ultimo potrà ospitare una delle 2 prossime amichevoli della Nazionale, fissate nella stessa giornata ma con sede ancora da stabilire. Mercoledì 10 ottobre con l'Ucraina e martedì 20 novembre con gli Stati Uniti.

Serie B, Foggia-Ascoli 3-0: sesta vittoria in casa per i pugliesi

di FRANCESCO LOIACONO - Nell’anticipo di serie B il Foggia ha vinto 3-0 in casa contro l’Ascoli. Nel primo tempo al 24’ i pugliesi sono passati in vantaggio con Deli, tiro di destro su passaggio di Mazzeo. Al 44’ ha raddoppiato Mazzeo, tocco di sinistro su respinta del portiere Agazzi dopo un tiro da fuori area di Nicastro.

Nel secondo tempo al 12’ il terzo gol realizzato da Loiacono, conclusione rasoterra su passaggio di Kragl. All’11’ il Foggia ha sbagliato un rigore con Mazzeo concesso per un fallo del portiere Agazzi che è stato espulso su Deli. L’attaccante si è fatto parare il tiro dal portiere Lanni subentrato a Baldini. Sul 2-0 per il Foggia l’Ascoli in contropiede. Un colpo di testa di Monachello è stato deviato in angolo dal portiere Guarna. Sul 3-0 i pugliesi propositivi. Un colpo di testa di Nicastro è finito alto.

Netta vittoria per il Foggia. E’ nono in classifica a 49 punti. Sesto successo allo stadio “Zaccheria” per la squadra di Stroppa. Quindicesimo gol per l’attaccante Mazzeo. Terza rete per il centrocampista Deli. Primo gol per il difensore Loiacono. Martedì 17 aprile nel turno infrasettimanale il Foggia giocherà alle 20,30 fuori casa con la Ternana.

Foggia, spari sulla Ss16

di PIERO CHIMENTI - Attimi di terrore lungo la Ss16 per due giovani che viaggiavano su una VW Golf da Cerignola. Lungo il loro tragitto, in direzione San Ferdinando, sono stati affiancati da una Lancia con a bordo due-tre malintenzionati, che hanno prima intimato ai ragazzi di fermarsi, per poi esplodere dei colpi di pistola che hanno colpito la parte anteriore e posteriore della Volkswagen che ha accelerato nel tentativo di sfuggire alle loro minacce. Una volta giunti a Cerignola, i 'fuggitivi' hanno sporto denuncia ai Carabinieri.

'C'era una Volta': parte la campagna antiracket degli studenti di Foggia


FOGGIA - È dedicato alla memoria di Stefano Fumarulo, compagno di strada sulla via della legalità, lo spot antiracket realizzato a Foggia nell'ambito del progetto L'Edificio della Memoria e lanciato sui social nell'anniversario della prematura scomparsa del dirigente regionale esperto di antimafia sociale e politiche migratorie. Il video, prodotto dalla Cooperativa Sociale I Bambini di Truffaut (soggetto attuatore del progetto pilota della Regione Puglia per l'educazione della legalità nelle scuole secondarie di primo e secondo grado), è stato ideato dagli studenti del Liceo Scientifico Alessandro Volta di Foggia che hanno partecipato nel corso dell'anno scolastico 2016/2017 ai laboratori sul tema "Vite Spezzate dal Lavoro", finalizzati alla realizzazione di una campagna antiracket.

Fortemente voluto dalla dirigente scolastica, Gabriella Grilli, particolarmente sensibile ai temi della legalità, il progetto di 48 ore complessive è stato articolato in incontri nelle ore curriculari e pomeridiane, condotti dai giornalisti Fulvio Di Giuseppe e Mariangela Mariani e coordinati dalle docenti tutor Raffaella Basso e Maria Antonietta Guida. Riprese e montaggio sono stati realizzati grazie al supporto della Casa di Produzione Cinematografica JRStudio di Roberto Moretto che ha curato anche la regia.

L'IDEA - Lo spot intende promuovere il consumo consapevole e l'adozione del bollino antiracket. L'dea è nata su input delle Associazioni Antiracket di Foggia e Vieste che, durante i laboratori, hanno evidenziato la scarsa propensione dei cittadini a sottoscrivere il manifesto del consumo critico della Federazione Nazionale Antiracket e dei commercianti ad aderire alla campagna nata sulla scorta dell'esperienza di Addio Pizzo. "C'era una Volta" è un bar in cui, puntualmente per anni, la malavita organizzata bussa alla porta per riscuotere il pizzo sotto minaccia. La figlia del titolare assiste spaventata, sin da bambina, alla scena. Quando sarà lei a gestire l'attività, sceglierà di denunciare, ribellarsi ed esporre il bollino antiracket.

I PROTAGONISTI - Gli studenti Alice Marchesino, Francesco Pio Bruno e Maria Chiara De Rosa sono gli attori protagonisti del cortometraggio sceneggiato e ideato da tutte le classi partecipanti al progetto: IIIA, IVA, IIIDSA e IVE a.s. 2016/2017. Il regista e videomaker Roberto Moretto ha partecipato a due laboratori propedeutici per supportare gli studenti nella realizzazione della sceneggiatura dello spot antiracket. In un successivo incontro, l'idea è stata sceneggiata anche in forma di fumetto in un laboratorio tenuto dal fumettista Giuseppe Guida. Lo spot è stato girato all'interno della Piccola Osteria Km Zero di Via Tenente Iorio a Foggia. 

IL PROGETTO - L’Edificio della Memoria è un articolato progetto nato nel 2011, su iniziativa dell’ANM Bari e con la collaborazione dell’Ordine degli Avvocati di Bari, della Cooperativa I Bambini di Truffaut e la partecipazione di numerose altre associazioni no profit. A idearlo sono stati i magistrati Lilly Arbore e Marco Guida e il presidente della Cooperativa I Bambini di Truffaut Giancarlo Visitilli. L'ultima edizione si è occupata delle "Vite spezzate", quelle degli uomini e delle donne caricati di un peso che spesso li sottomette all’obbedienza di regole e comportamenti che spezzano quel legame naturale con le Leggi dello Stato.

I LABORATORI A FOGGIA - Nel corso dell'anno scolastico 2016/2017, il progetto "L'Edificio della Memoria" ha coinvolto tre istituti di istruzione superiore della città di Foggia: l'ITE B. Pascal, il Liceo Scientifico A. Volta e l'I.P.S.I.A. A. Pacinotti. Impegnati sul tema del racket, particolarmente sentito in provincia di Foggia, gli studenti del Liceo Scientifico hanno incontrato la presidente dell'associazione antiracket di Foggia Cristina Cucci; la dirigente della prima associazione antiracket nata a Vieste Vittoria Vescera; Sasy Spinelli, referente locale di Libera; l'avvocato Luigi Miccoli; il dirigente della Divisione Anticrimine Antonio Caricato; il fumettista Giuseppe Guida, autore di una graphic novel su Scampia, pubblicazioni contro il bullismo e sulla legalità. Delegazioni di tutti gli istituti coinvolti hanno partecipato all'incontro con Pietro Grasso a Bari.

Lo spot antiracket sarà diffuso su tutti i canali social dei partner del progetto.
Il video è disponibile al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=CtRp8_SXpsI

Ispezioni della Finanza all'Unifg: 21 indagati

di PIERO CHIMENTI - La Guardia di Finanza si è presentata nel Dipartimento di Agricoltura della Facoltà di Foggia, provvedendo a sequestrare computer e documenti per presunte irregolarità nella rendicontazione di tre progetti finanziati dal Miur, che avrebbero portato ad iscrivere nell'elenco degli indagati 21 persone, tra cui il rettore dell'Università di Foggia.

Il Gargano diventa una 'cattedra ambulante' con le Peregrinazioni botaniche

FOGGIA - Domenica 15 aprile comincerà la seconda edizione delle Peregrinazione botaniche nel Gargano, lezioni di botanica all'aperto rivolte a studenti universitari, cultori, appassionati, professionisti e camminatori/escursionisti.

Si tratta di un vero "Corso di primo livello di Botanica" destinato a coloro i quali vogliono approcciarsi allo studio di questa disciplina, una esperienza didattica strutturata in visite, osservazioni e studio di siti con particolari valenze didattiche.

Il corso, organizzato da Domenico Sergio Antonacci e dalla Schola Botanica Garganicae, sarà condotto dal Prof. Nello Biscotti (con l’apporto del Dott. Gennaro del Viscio e di Daniele Bonsanto) nella sua formula di didattica sul campo (Cattedra Ambulante di Botanica).

Il fine è anche quello di favorire la divulgazione e la valorizzazione dei valori botanico-naturalistici del Parco Nazionale del Gargano.

Le tappe di domenica toccheranno la Foresta Umbra e le località che la circondano, a partire dalla Faggeta di Bosco Manatecco a pochi chilometri da Vico del Gargano, dove i corsisti si approcceranno con la struttura del bosco e il suo ruolo nel paesaggio forestale garganico e europeo, con considerazioni sul bioclima.

Tappa successiva sarà la Faggeta di Sfilzi, dove si approfondiranno la terminologia “depressa” e le norme di salvaguardia; infine si visiterà la Faggeta Falascone, dove sarà affrontato il concetto di Bosco Vetusto, la struttura della faggeta fino a riflettere sul riconoscimento UNESCO.

L’appuntamento si chiuderà in una tipica masseria del Gargano ai margini del bosco offrendo ai corsisti uno spaccato di Gargano slow, capace di offrire emozioni con la sua semplicità e autenticità.

L'iniziativa ha il patrocinio della Società Botanica Italiana e della sua sezione pugliese.

Informazioni e iscrizioni al 393173151 o su Facebook (“Peregrinazioni botaniche nel Gargano”)

Regione Puglia sigla protocollo d'intesa con le Università degli studi di Bari e Foggia

BARI - “È la prima volta che le due Università di Bari e Foggia si mettono insieme per la crescita dell’intero sistema sanitario regionale che provvede alla formazione di tutti i medici pugliesi. è  una decisione politica che la Regione Puglia ha preso tre anni fa con i Rettori, che ci ha consentito di individuare  i punti di debolezza dai quali partire per ricostruire la nostra capacità di formare i giovani medici e di tenerli, dando vita ad un sistema di collaborazione permanente attraverso il quale potremo evitare alcune disavventure accadute in passato e tenere, con un rischio certamente attenuato di chiusura, tutte le scuole di specializzazione necessarie alla formazione dei medici”.
Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano è intervenuto questa mattina a Bari nel corso della conferenza stampa per la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra Regione Puglia e Università degli Studi di Bari e di Foggia per la “Disciplina dell’integrazione fra attività didattiche, assistenziali e di ricerca”.

20 articoli per disegnare, per la prima volta in Puglia, un sistema condiviso e unitario di gestione delle due Aziende universitarie ospedaliere  pugliesi, quelle di Bari e di Foggia, rappresentate questa mattina da entrambi i Rettori, Antonio Felice Uricchio e Maurizio Ricci. Un protocollo innovativo nelle forme e nei contenuti.

“Oggi – ha continuato Emiliano – sigliamo un protocollo che trasforma la competizione naturale tra due Aziende in competizione collaborativa. Abbiamo la consapevolezza che la sfida dei prossimi anni si gioca sulla quantità e la qualità dei medici. Abbiamo valutato che, se i nostri ragazzi fossero costretti ad andare a formarsi fuori dalla Puglia, il loro percorso potrebbe significare una permanenza effettiva fuori dai confini regionali con un danno gravissimo per la comunità. Questi giovani infatti sono la speranza delle loro famiglie, dell’accademia, della ricerca e di chi mira all’umanizzazione delle cure”.

Emiliano ha spiegato come “l’anno scorso a causa della dimensione delle due Università, quella di Bari e quella di Foggia, o delle due Scuole di Medicina, si sia corso il rischio di perdere definitivamente una serie di scuole di specializzazione che avrebbero in qualche modo reso difficile, per la Puglia, laureare e specializzare i medici che ci servono per non avere i reparti vuoti. Sommare al numero degli studenti di Bari, il numero degli studenti di  Foggia, ci rafforza nel parametro fondamentale per le scuole di specializzazione. Questa, a mio avviso, è un esempio di competizione collaborativa”.

“Ovviamente – ha concluso il Presidente Emiliano - questo significa anche un sostegno economico da parte della Regione che, per la prima volta nella storia della Puglia, ha messo d' accordo le due Scuole, facendole lavorare insieme come se fossero una sola ai fini della formazione dei medici pugliesi”.

Per il Rettore dell’Università di Foggia, Maurizio Ricci, “è una scelta molto importante quella di siglare per la prima volta in Puglia un protocollo unitario, ed è molto importante, non solo per la normativa che da oggi sarà identica per le due Scuole di Medicina di Bari e di Foggia, ma anche per i contenuti innovativi che esso contiene”.

Ricci specificatamente ha fatto riferimento all’art. 4 del protocollo che affronta la vera criticità di entrambe le Facoltà. Le scuole di specializzazione, senza le quali “è impossibile migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria”.

“Oggi il vero problema per la comunità – ha detto Ricci – è l’insufficiente numero dei medici, soprattutto dei medici specialisti. Ecco perché va apprezzato aver previsto, proprio all’art 4 del protocollo, un intervento anche da parte della Regione Puglia per poter sostenere le scuole di specializzazione. È evidente che le Scuole di medicina puntano ad un miglioramento della qualità attraverso il potenziamento dei corsi di laurea. Noi dobbiamo essere in grado di formare specialistici e di non perdere i corsi di specializzazione. Insieme ce la possiamo fare”.

Anche per il Rettore dell’Università degli Studi di Bari, Antonio Felice Uricchio, si tratta di un protocollo innovativo soprattutto per i contenuti.

“Si profila così – ha detto Uricchio - un modello di gestione integrato e partecipato tra la sanità pubblica regionale e le due Aziende universitarie ospedaliere, anche e soprattutto in tema di formazione e di rete territoriale. Particolarmente significativo dunque il sistema di governance che disegna una condivisione di tutto, dai beni alle perdite, dagli utili ai fabbisogni del sistema sanitario, fino ad arrivare al personale. Ci sarà una piena condivisione anche di scelte per la ricerca e l’innovazione. Molto importante anche la Carta dei principi contenuta nel protocollo, una Carta che si rifà essenzialmente, tra gli altri, ai principi di Legalità e di sostenibilità dal punto di vista economico finanziario. Non è stato un percorso semplice – ha concluso Uricchio – abbiamo discusso tre anni per arrivare a questo risultato, sempre però avendo accanto la Regione Puglia e il suo sostegno pieno e condiviso”.

Foggia, tragico frontale: scompare nucleo familiare

di PIERO CHIMENTI - Un grave incidente stradale è avvenuto a Foggia, dove padre, madre e figlio minorenne che viaggiavano su una Ford si sono scontrati frontalmente contro una Volkswagen. Il forte impatto che ha reso necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco, di cui ancora non si conoscono le cause, ha causato il decesso dei tre.

Migranti Apricena, Campo: "Il Consiglio comunale decida se costruire la struttura per accoglierli"

BARI - Dichiarazione di Paolo Campo, presidente del gruppo Partito Democratico in Consiglio regionale: “E' il Consiglio comunale di Apricena l'unica istituzione legittimata a decidere se realizzare o meno la struttura di accoglienza dei lavoratori migranti.

I consiglieri dovranno discutere e deliberare sulla proposta dell'Amministrazione, che ha offerto alla Regione Puglia la disponibilità ad accogliere uno delle strutture che fanno parte del piano articolato da Ministero dell'Interno, Regione e Comuni con l'obiettivo di impedire la ricostruzione del Gran Ghetto di Rignano e di tutte le altre indegne baraccopoli che punteggiano le nostre campagne.

A questa soluzione si è arrivati dopo 5 anni di confronti istituzionali e tecnici, curati con particolare attenzione e passione dal compianto Stefano Fumarulo, con l'intento di offrire una soluzione strutturale al problema dell'accoglienza di migliaia di lavoratori migranti nei mesi delle grandi raccolte agricole.

La Regione Puglia - prosegue Campo - ha messo a disposizione terreni di sua proprietà o demaniali nel Tavoliere e in prossimità delle più importanti arterie di comunicazione. I Comuni, come Nardò o San Severo e Apricena, hanno offerto la disponibilità ad accogliere le strutture che saranno realizzate con i fondi regionali e ministeriali.

Ai villaggi, realizzati con moduli prefabbricati in aree delimitate e vigilate, avranno accesso esclusivamente cittadini stranieri con permesso di soggiorno e impiegati nelle aziende agricole in forza di un regolare contratto di lavoro. E la loro permanenza sarà indissolubilmente connessa alla durata dell'impiego.

L'amministrazione comunale di Apricena ha offerto la disponibilità ad accogliere uno di questi villaggi ottenendo dalla Regione Puglia la disponibilità a finanziare un'opera pubblica indicata dall'amministrazione stessa a vantaggio dell'intera comunità apricenese.

Entrambe le disponibilità, però, si potranno perfezionare esclusivamente a seguito di una delibera del Consiglio comunale che ratifichi la realizzazione della struttura per migranti.

In definitiva, sono i cittadini di Apricena a dover decidere, tramite i loro rappresentanti in Comune, se ospitare, o meno, i lavoratori migranti e contribuire, o meno, a risolvere un problema umanitario e di ordine pubblico: la presenza dei ghetti autocostruiti gestiti da organizzazioni criminali che realizzano profitti con il caporalato, la prostituzione, lo spaccio di droga e quant'altro di illegale”, conclude Campo.

Principio di insularità, Distaso: "Aderiamo alla raccolta di firme pensando ai residenti delle Isole Tremiti"

BARI - Oltre 150 firme raccolte in poche ore in una bella giornata di sole a Carbonara (Bari). Noi con l’Italia, coordinamento provinciale di Bari, intende così condividere e collaborare alla battaglia politica sacrosanta che sta portando avanti il movimento politico dei Riformatori Sardi che vogliono che sia inserito il “principio di insularità” nella Costituzione italiana per rendere la vita di chi vive quotidianamente su un’isola meno problematica.

“Abbiamo aderito a questa raccolta di firme per presentare una legge di iniziativa popolare – spiega Antonio Distaso, dirigente di Noi con l’Italia – pensando agli abitanti delle Isole Tremiti, che sono un fiore all'occhiello del nostro turismo, centinaia e centinaia di turisti ne fanno la meta delle vacanze, ma spesso dimentichiamo che in quel paradiso terrestre ci sono residenti che devono affrontare un quotidiano pieno di disagi: vivere su un'isola grande o piccola che sia presenta più problemi di chi vive sulla terra ferma".