Visualizzazione post con etichetta Taranto. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Taranto. Mostra tutti i post

Trail: si corre nella gravina grande di Castellaneta, Luigi Zullo domina in 56'9''

(credits: Edo Giua)
di EDO GIUA - In uno scenario da favola, nella gravina grande di Castellaneta si è svolta, stamane, la prima edizione del C.U.T., Castellaneta Urban Trail ideata ed organizzata da Perdavide Losavio e la sua Fabrica di corsa. I circa 200 runners della gara competitiva hanno avuto un bel da fare per terminare il tracciato misto di 10 km, che si è snodato tra centro storico prima e nelle gravine dopo, con un ultimo tratto veramente impegnativo dove i nostri temerari si sono letteralmente arrampicati su per il costone che porta al centro storico.

Dominatore assoluto, Luigi Zullo della Running Team D’angela Sport che ha chiuso sotto l’ora in 56 minuti e 9 secondi con una media a 5,37 minuti al km, creando il vuoto dopo di lui, come spesso accade. Distaccato di circa 5 minuti il secondo arrivato, il sempre bravo Gianpiero Bianco (stessa squadra del vincitore) che ha chiuso in 1 ora, un minuto e 32 secondi con una media di 6,09 minuti al km. Terzo, il sorprendente Carmelo Ventimiglia (SM50) della Gioia Running, che è giunto qualche secondo dopo Bianco, chiudendo in 1 ora 1 minuto e 47 secondi (6,11 min/km).

Tra le donne, prima assoluta la fortissima atleta della ASD Athletic Academy Bari, Rosa Luchena che ha chiuso in 1 ora 14 minuti e 58 secondi a 7,30 di media lasciandosi alle spalle Nicoletta Ferrante della Atletica Talsano, 1.20.48 ad una media di 8,05 min/km. Terza, non molto distante, Maria Maddalena Milano della ASD La Fenice in 1 ora 21 minuti e 27 secondi (8,09 di media).

Ospedale Moscati, Labriola (Fi): "Sanità tarantina amputata pezzo dopo pezzo"

TARANTO - “Dopo il pronto soccorso, tagliato anche il punto di primo intervento, prosegue senza vergogna il processo di smantellamento della sanità tarantina da parte della Giunta regionale pugliese. L’ospedale Moscati sarà ulteriormente depotenziato con la cancellazione del Ppi, stessa sorte subiranno il San Marco di Grottaglie e l’ospedale di Massafra. Ci dica Emiliano, sarebbe forse questa la riorganizzazione virtuosa della nostra sanità? Come fa, caro presidente, a dirsi consapevole della situazione emergenziale della sanità nel capoluogo ionico e al tempo stesso agire irresponsabilmente? Taranto soffre, si ammala, chi governa fa invece finta di nulla. Forza Italia si batte e si batterà per voltare al più presto pagina”. A dichiararlo l’onorevole Vincenza Labriola di Forza Italia.

Cessione Ilva, Labriola: "Segretezza su piano ambientale inaccettabile, i cittadini devono sapere"

ROMA - “Roma continua a mantenere secretati i contratti relativi alla cessione di Ilva ad Arcelor Mittal, negandovi l’accesso anche alla Regione Puglia. Il presidente Emiliano é dunque il benvenuto tra coloro che chiedono da tempo al Mise, al governo tutto, assoluta trasparenza sulla vicenda. Sul piano industriale, e ancor peggio su quello ambientale, regna infatti il buio più nero. E’ oltre un anno che denuncio pubblicamente la vendita a porte chiuse dell’acciaieria più grande e inquinante d’Europa, e questo mentre Taranto e i tarantini continuano a respirare veleno, ad ammalarsi e a morire". Così in una nota l'on.Vincenza Labriola (Fi).

"Nel febbraio dello scorso anno - prosegue Labriola - , rispondendo a un mia domanda in un question time in commissione Ambiente alla Camera, il sottosegretario Velo affermo’ che i contenuti dei piani sarebbero stati resi pubblici solo al termine della procedura di gara, e individuato l’aggiudicatario, cosa invece mai avvenuta. Per affrontare responsabilmente il nodo ambientale rappresentato da Ilva, e per potere accedere agli atti di vendita, Forza Italia ha anche presentato la proposta di legge per l’istituzione di una commissione d’inchiesta che affronti questa ed altre questioni spinose. La politica ha il dovere di tutelare la salute dei cittadini, partendo proprio da coloro che vivono in una situazione di grave pericolo”, conclude Labriola.

Max Giusti (intervista), "I miei personaggi legati all'attualità"

(credits: A.Castellaneta)
di PIERO CHIMENTI - Max Giusti, per il suo ritorno a Taranto, decide di sorprendere tutti, mischiando le carte e presentando all'Orfeo a sorpresa il suo nuovo show 'Va tutto bene'.

Accompagnato da batteria e tastiere ci proietta in un viaggio divertente sulle differenze tra ieri ed oggi, attraverso il racconto degli aneddoti più divertenti della sua adolescenza, regalando al pubblico due ore di puro divertimento, che si concludono col grande applauso che gli viene tributato al calare del sipario.

Nello spettacolo non possono mancare le incursioni di alcuni dei suoi personaggi che hanno contribuito al suo successo, come Elton John con la 'sua' Candle in the Wind.

L'artista romano, nel pre-show, si è reso disponibile fermandosi con la stampa e firmando qualche autografo.


C'è un personaggio che non vorresti più interpretare, ma sei 'costretto' a farlo perché richiesto dal pubblico? 

No. Di non farli più no, però molti sono legati all'attualità, quindi se non sono attuali non c'è neanche il motivo di farli... certo che se poi il pubblico me li dovesse chiedere! No, uno che non voglio fare più non c'è, però ho voluto fare in modo che i personaggi non diventassero 'me', anche se mi diverto molto a farli. Quest'estate c'era l'opportunità di fare una cosa molto bella per i mondiali di calcio, ma essendomi legato al gruppo Discovery non l'ho potuto fare, ma sono molto contento così perché lavorare, dopo tanti anni di Rai, per un gruppo editoriale che è il più grande al mondo è una bella soddisfazione, sono molto contento.

In un'intervista hai dichiarato che ogni volta che torni a Roma ti sembra un po' come Cuba. C'è qualcosa della Capitale che ti fa dire: 'Va tutto bene'? 

Ma a Roma va tutto bene per il fatto che, comunque sia, è una città votata all'accoglienza; adesso è un po' piena, quindi a volte si può arrivare all'esasperazione, però rimane una città che accoglie tutti. C'è un detto che dice: "Non è romano chi da romano nasce, ma chi da romano agisce". Per me è molto significativa questa frase.

Taranto, avvocato e finanziere arrestati per danneggiamenti

di PIERO CHIMENTI - La Polizia di Taranto ha arrestato un maresciallo della Finanza, un avvocato e due pregiudicati per atti persecutori nei confronti di un fruttivendolo del posto, che ha subito nei mesi dello scorso anno una tentata estorsione e danneggiamenti tra cui tentativi di incendi.

Indotto Ilva, Perrini: "Ora basta, la Regione deve prendere una posizione"

BARI - Dichiarazioni del consigliere regionale DiT-NcI Renato Perrini sul caso dell'indotto Ilva a rischio. “Milioni di euro di arretrato, abbiamo persino perso il conto, oltre 150 giorni, 5 mesi, per liquidare una fattura. Ditte sull’orlo del baratro. Ci sono tutti i presupposti per convocare in IV Commissione in Commissari Straordinari Ilva per discutere finalmente delle aziende dell’appalto che da settimane minacciano una protesta di massa. La loro sofferenza in termini di liquidità non è più gestibile, e ovviamente tali preoccupazioni ricadono sui lavoratori e sulle loro famiglie. Nella partita Ilva che si sta giocando a Roma - prosegue Perrini - le aziende dell’indotto sono l’ultima ruota del carro. E invece io voglio che anche la Regione Puglia si assuma le sue responsabilità, magari firmando un documento che possa impegnare il Governo a trovare le risorse necessarie per far sì che loro attività continui. Mi domando come mai nei tavoli romani dove si discute la cessione alla Am InvestCo non si è mai discusso di come liquidare le imprese dell’indotto? Forse la questione non è centrale a tal punto da meritare l’attenzione del Governo.
Ai Commissari non chiederò solo dell’indotto Ilva ma anche della vendita al gruppo che fa capo agli indiani di Mittal, della situazione occupazionale dei lavoratori diretti, dei lavori di Copertura dei Parchi Minerali affidati alla Cimolai, e anche della questione delle gallerie sotterranee in pessime condizioni che collegano il Mar Piccolo all’Ilva. Sono mesi che chiedo di poter ascoltare i Commissari in audizione, mesi che trascorrono senza risposte. Ci hanno fatto credere che la cessione dello stabilimento fosse vicina, e così hanno rinviato ogni questione ai nuovi acquirenti. Invece il tempo passa, la vendita slitta ogni giorno, e i problemi del quotidiano restano”, ha concluso Perrini.

Orologi contraffatti, arresti in Puglia

di PIERO CHIMENTI - Sei arresti tra la provincia di Brindisi, Taranto e Napoli sono stati eseguiti dalla Guardia di finanza di Brindisi per i reati di riciclaggio e ricettazione di orologi di lusso contraffatti. Il commercio illecito sarebbe avvenuto oltre che in Italia anche in alcuni Paesi Ue.

Consiglio Puglia: approvata mozione contro ottimizzazione orografica della discarica di Grottaglie

BARI - Primo firmatario Mino Borraccino, cui si sono aggiunti tutti i consiglieri jonici di maggioranza ed opposizione, è stata approvata all’unanimità una mozione che impegna il presidente della Regione a valutare, di concerto con l’Avvocatura regionale e della struttura tecnica, l’impugnativa della determina con la quale i competenti uffici della Provincia di Taranto hanno espresso parere di compatibilità ambientale al progetto di ottimizzazione orografica della discarica di Grottaglie attraverso l’aumento delle volumetrie autorizzate.

I lavori del Consiglio regionale sono stati seguiti da numerosi rappresentanti delle amministrazioni comunali dell’area interessata. Tra loro, con indosso la fascia tricolore, i sindaci di Grottaglie e San Marzano di San Giuseppe.

Borraccino: “Il Consiglio regionale esprime il dissenso all’ampliamento della discarica” - Dichiarazione del consigliere regionale di Sinistra Italiana/Liberi E Uguali Mino Borraccino.
“Con la mozione approvata all' unanimità, sottoscritta dai nove consiglieri tarantini, di cui sono il primo firmatario, il Consiglio regionale esprime il proprio dissenso all’ampliamento della discarica di Grottaglie.
Un atto d’indirizzo che certamente condanna le scelte fatte dalla Provincia di Taranto in materia ambientale, in netto contrasto con le indicazioni legislative e di pianificazione che la Regione Puglia ha compiuto negli ultimi otto anni sulla gestione dei “Rifiuti Speciali”. Sinistra Italiana/Liberi e Uguali coglie con estrema soddisfazione questo provvedimento che apre spiragli positivi per il territorio ionico. Apprezziamo la riuscita del gioco di squadra fatto dai 9 consiglieri regionali ionici con la finalità di difendere il proprio territorio dalle minacce di ulteriori carichi inquinanti. La provincia di Taranto non può più contribuire alla soluzione dello stato di crisi nel settore dello smaltimento dei rifiuti in Puglia, perchè inadatta ad ospitare ogni altro tipo di impianti inquinanti, a causa delle problematiche di ordine sanitario legate ai fattori ambientali che tutti conosciamo. Occorre puntare decisamente ad una riorganizzazione del Piano dei rifiuti, spingendo sulla raccolta differenziata che riduce notevolmente i quantitativi destinati allo smaltimento, e parallelamente procedere alla chiusura degli impianti di trattamento e delle discariche. Siamo nettamente contrari alla mercificazione del territorio, considerato sempre più ricettacolo di rifiuti provenienti da ogni dove. Scongiuriamo tale modalità in tutta la nostra bella regione, dove il nuovo progetto presentato da Linea Ambiente s.r.l. per l'ampliamento della discarica di La Torre Caprarica, rappresenterebbe davvero il “colpo di grazia” per la provincia ionica, poichè altamente impattante con l’ottimizzazione orografica pronta ad accogliere altri 1,5 milioni di metri cubi di rifiuti”.

Perrini: "Un territorio unito può ottenere grandi risultati" - Di seguito le dichiarazioni del consigliere regionale Renato Perrini. "Quando il territorio di Taranto è “politicamente” unito, si ottengono grandi risultati. Ne è un esempio la mozione approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale con la quale viene chiaramente espresso un “No” all’ampliamento della discarica di Grottaglie. Oggi, in aula, maggioranza e opposizione hanno votato compatti per la tutela ambientale di un territorio, ma non posso non commentare che tale unità di intenti dovrebbe essere applicata in ogni materia che tocca da vicino Taranto e la sua provincia. Penso soprattutto alla Sanità, sulla quale bisognerebbe comportarsi nella stessa maniera, superando divisioni di campanile, e contrapposizioni di natura strettamente politica. Oggi abbiamo dimostrato di mettere in primo piano i cittadini, e di pensare solamente alla loro tutela. Mi auguro che anche in futuro si possa proseguire sul solco tracciato oggi, perché solo ed esclusivamente ragionando in maniera compatta potremo raggiungere traguardi importanti.

Da domani a Taranto screening cardiovascolare gratuito per tutti i cittadini

TARANTO - Riparte il Progetto Itinerante Nazionale di Prevenzione Cardiovascolare, “Truck Tour Banca del Cuore 2018”, promosso dalla Fondazione per il Tuo Cuore - HCF Onlus dell’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile e di Federsanità-ANCI.

Da mercoledì 18 aprile a venerdì 20 aprile dalle ore 9 alle ore 19 un Jumbo Truck appositamente allestito si fermerà per tre giorni sul Lungomare Vittorio Emanuele III – antistante il Palazzo della Prefettura, per offrire a tutti i cittadini la possibilità di sottoporsi ad uno screening cardiologico gratuito.

Nello specifico, durante le giornate di manifestazione saranno offerti gratuitamente:

- screening di prevenzione cardiovascolare comprensivo di esame elettrocardiografico e screening aritmico;
- una stampa dell’elettrocardiogramma con tutti i valori pressori e anamnestici presenti su BancomHeart;
- lo screening metabolico con il rilievo (estemporaneo) di 9 parametri metabolici con una sola goccia di sangue: Colesterolo Totale, Trigliceridi, Colesterolo HDL, Rapporto Colesterolo HDL / LDL, Colesterolo LDL, Colesterolo non HDL, Glicemia, Emoglobina glicata e Uricemia;
- la stampa del profilo glicidico, lipidico, uricemico e del proprio rischio cardiovascolare;
- la consegna del kit di 11 opuscoli di prevenzione cardiovascolare realizzati dalla Fondazione per il Tuo cuore
- il rilascio gratuito della card BancomHeart attiva;
Grazie al progetto Banca del Cuore, ideato e coordinato dalla Fondazione, a tutti verrà consegnata una Bancomheart personale, una card unica al mondo che permette l’accesso 24 ore su 24 al proprio elettrocardiogramma, ai valori della pressione arteriosa, alle patologie sofferte, alle terapie praticate e a tutti gli esami eseguiti. Tutti i dati verranno custoditi in una “cassaforte” virtuale che consente, attraverso una password segreta conosciuta solo dall'utente, di connettersi dall'Italia e dall'estero alla “Banca del Cuore” per vedere o scaricare i propri dati clinici ogni volta che lo si desidera.

All'interno del Truck Tour “Banca del Cuore”, oltre allo spazio dedicato agli esami clinici, ci sarà un'area attrezzata dove saranno svolti eventi divulgativi sulla prevenzione cardiovascolare rivolti ai cittadini oltre ad incontri/dibattiti/tavole rotonde scientifiche con i medici locali sul tema della prevenzione cardiovascolare, della lotta all’ictus cardioembolico da fibrillazione atriale, alla prevenzione dell’arresto cardiaco improvviso e alla progressione della cardiopatia ischemica.
 “Secondo uno studio dell'Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare condotto, qualche anno fa, con l'Istituto Superiore di Sanità col quale la Fondazione per il Tuo cuore collabora attivamente da oltre 15 anni, le malattie cardiache e l'ipertensione arteriosa, nella fascia di età tra 35 e 75 anni, colpiscono in Italia il 51% degli uomini e il 37% delle donne. Se poi si va a prendere in esame i dati del recente censimento ISTAT sulla mortalità per malattie cardiovascolari, rileviamo che queste rappresentano circa il 44 % di tutte le morti, con un tasso medio di 148 morti per 100.000 abitanti l'anno” - ha dichiarato il prof. Michele Gulizia, Direttore di Struttura Complessa di Cardiologia Ospedale “Garibaldi-Nesima” di Catania e Presidente della Fondazione per il Tuo cuore dell’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, nonché ideatore del Progetto Nazionale di Prevenzione Cardiovascolare Banca del Cuore.

 “In particolare – continua il prof. Gulizia – la cardiopatia ischemica è la prima causa di morte in Italia, rendendo conto del 28% di tutte le morti, mentre gli accidenti cerebrovascolari sono al terzo posto con il 13%, dopo i tumori. Inoltre chi sopravvive a un attacco cardiaco diventa un malato cronico, divenendo affetto da una malattia che, oltre a modificare la qualità della vita (i dati ISTAT identificano in 4,4 per mille i cittadini italiani affetti da invalidità cardiovascolare), comporta notevoli costi economici per la società. Molte di queste morti e di queste invalidità si sarebbero potute evitare con un impegno maggiore sulla prevenzione cardiovascolare dedicata ai cittadini.  Il Truck Tour Banca del Cuore ci permette di andare direttamente a casa degli italiani, ovvero nelle piazze delle principali città, ove attivamente svolgeremo questo importante screening gratuito di prevenzione cardiovascolare, di portata finora mai realizzata nel nostro Paese. Fino a oggi, grazie a questa diffusione capillare, sono state distribuite in due anni oltre 26.000 BancomHeart ad altrettanti cittadini italiani, permettendo di identificare un incredibile aumento di prevalenza di alcune malattie cardiovascolari, soprattutto fibrillazione atriale e scompenso cardiaco, con percentuali quadruple e triple rispetto ai dati di prevalenza finora conosciuti in Letteratura, particolarmente nei giovani maschi di età compresa tra i 18 e i 40 anni.”

 “È in particolari situazioni di stress emotivo o di tensione provocata dalla paura che i problemi cardiologici si manifestano, come nel caso di quelli che la popolazione marchigiana ha provato in questi mesi, nei quali i fenomeni tellurici non si sono mai fermati. Non bisogna mai sottovalutare i piccoli segnali del cuore o i valori non ottimali di alcuni parametri di laboratorio, che riteniamo irrilevanti, che possono invece rappresentare degli importanti campanelli d'allarme - ha messo in evidenza il dottor Massimo Grimaldi, Presidente ANMCO Puglia.

La Campagna Nazionale di Prevenzione Cardiovascolare Truck Tour – Banca del Cuore 2018, è sostenuta interamente dalla Fondazione per il Tuo cuore HCF Onlus e da un parziale contributo istituzionale non condizionante di A. Menarini Industrie Farmaceutiche Riunite Srl, Philips S.p.A. e Sanofi S.p.A.

La campagna sarà attiva anche sui social con l’hashtag #bancadelcuore2018.

www.bancadelcuore.it

Ex Cemerad, Mar Piccolo, consulenze, Perrini (Dit-NcI): "Ho chiesto nuovamente di ascoltare il Commissario straordinario alle Bonifiche di Taranto"

BARI - Di seguito le dichiarazioni del consigliere regionale Renato Perrini. "Ci sono delle questioni che la comunità di Taranto merita di conoscere. La prima: l’intervento nella Ex Cemerad si è concluso in via definitiva? I fusti radioattivi sono stati totalmente rimossi? L’area è stata bonificata? I cittadini di Statte possono finalmente dormire sonni tranquilli? Ma non è solo l’ex Cemerad ad interessare la comunità tarantina. Veniamo a sapere da sporadiche informazioni stampa dei lavori che riguardano la bonifica del Mar Piccolo. Sporadiche e per nulla soddisfacenti. E comunque non comunicazioni che arrivano dalla struttura commissariale. Pur comprendendo la complessità dell’intervento, è necessario, a mio modesto parere, conoscere nel dettaglio le fasi che vengono avviate, ma soprattutto quelle che vengono portate a termine. Non sono io dover sottolineare come il progetto di bonifica del Mar Piccolo sia particolarmente atteso a Taranto, considerando il valore aggiunto di questo specchio d’acqua. Infine, in virtù della trasparenza e della collaborazione, più volte manifestate dallo stesso Commissario Vera Corbelli, in occasioni pubbliche e istituzionali, vorrei conoscere quanto è stato speso fino ad oggi in consulenze per portare a termine tutti gli interventi da lei predisposti. Come consigliere regionale ho scritto nuovamente al presidente della Commissione regionale Ambiente, chiedendo di ascoltare il Commissario Straordinario facendo riferimento a queste specifiche richieste sopra esposte, fornendo così a noi consiglieri informazioni dettagliate e precise", conclude Perrini.

Sanità Taranto, Labriola: "Emergenza sempre più grave, non si potenzia con i tagli"

ROMA - “I recenti casi di scabbia riscontrati nel reparto di cardiologia del Santissima Annunziata di Taranto, che hanno messo in allarme anche il mondo sindacale per l’incolumità del personale stesso, sono solamente un sintomo di una situazione di gravissima difficoltà, la cima di un iceberg enorme, quello di una sanità ionica azzoppata che non riesce a rispondere minimamente alle necessità di un territorio sul quale si sono sviluppate negli anni numerose emergenze ambientali, che hanno avuto e hanno serie ripercussioni sulla salute dei cittadini. La sanità tarantina ha bisogno di essere potenziata, di diventare virtuosa, ma sino ad oggi dalla Regione abbiamo assistito esclusivamente a tagli camuffati da riorganizzazione”, lo dice l’onorevole Vincenza Labriola di Forza Italia.

“Il riordino ospedaliero, ad esempio, si è trasformato in una mera operazione di maquillage, con tanto di taglio di posti di degenza nelle strutture pubbliche – prosegue Labriola –. Non basta cambiare nome a un ospedale per aumentarne la specializzazione. Servono risorse, nuovo personale, attrezzature all’avanguardia. Pur ringraziando i lavoratori della sanità ionica per l’impegno profuso nonostante le palesi difficoltà, è chiara la necessità di cambiare marcia. Una volta a Palazzo Chigi, il Centrodestra chiederà conto di questo drammatico nulla di fatto al governo regionale, puntando a riaffermare il diritto alla salute per tutti i cittadini”.

Palagiano, chiude il Centro Diurno. L'appello del sindaco Lasigna

PALAGIANO (TA) - Anche il Centro Diurno diversabili di Palagiano, come gli altri tre facenti parte dell’Ambito TA/2 e cioè quelli di Massafra, Statte e Mottola, è temporaneamente chiuso.

Nato nel 2000 come “Progetto di vita”, viene gestito dal Comune di Palagiano in accordo con l’Asl. Nel 2012, con la comparsa degli Ambiti territoriali, i centri passano sotto la gestione condivisa e con la compartecipazione economica di Ambito, Asl e Regione Puglia.

Dal 2013, questa la storia, sino al 31 marzo 2018 si sono succedute nella gestione le cooperative sociali Pam Service/La Vela e Consorzio Nestore. Dal 2000 sino al 31 marzo scorso il Centro di Palagiano ha sempre funzionato poiché i vari gestori si sono succeduti senza mai interrompere il servizio.

Lo scorso 27 luglio, però, il Coordinamento di Ambito, con i sindaci dei Comuni componenti hanno deliberato (delibera 11/2017) l’avvio della nuova procedura di gara per l’affidamento del servizio per i tre anni successivi. Ad aggiudicarselo, la cooperativa “Nuova Luce” che avrebbe dovuto erogare il servizio già dal 1° aprile scorso. Ma questo non è accaduto.

“Da giorni – ricorda il sindaco Lasigna - stiamo affrontando la questione con l’attenzione e l’urgenza che merita. Le prime difficoltà si sono presentate quando l’Asl di Taranto ha comunicato la mancanza di fondi per coprire la propria quota di partecipazione. Di conseguenza, lo scorso 29 marzo, abbiamo incontrato al tavolo di concertazione di Ambito il dottor Giovannetti dell’Asl di Taranto, raggiungendo un accordo temporaneo di convenzione per tre mesi (sino a giugno) con l’intesa di reperire, in questo tempo, i fondi necessari per i complessivi tre anni”.

Poi, dalla Regione, la segnalazione del mancato aggiornamento delle autorizzazioni al funzionamento delle strutture e, dunque, l’impossibilità per il nuovo gestore di avviare il servizio. Su sollecitazione del responsabile dell’Ufficio di Piano Ambito TA/2 e dei sindaci dei Comuni interessati, la Regione ha comunicato la disponibilità ad aprire una finestra straordinaria utile a far ripartire il servizio.

Tutto ciò, però, ha provocato dei ritardi e il centro ad oggi resta chiuso. “Ma non demordiamo. In giornata – ricorda Angela Liverano, assessore alle politiche sociali - saremo ricevuti dalla dottoressa Candela, dirigente Dipartimento Promozione della Salute Regione Puglia, con l’auspicio di risolvere definitivamente la questione". “Si pensi a riaprire il Centro – ammonisce il sindaco Lasigna -. Poi, valuteremo le responsabilità che hanno generato questo grave disservizio”. Intanto per domani è stato già convocato un incontro con le famiglie presso la stanza del sindaco per le ore 17.

Taranto, gran successo per il Mysterium Festival 2018

TARANTO - «Il Mysterium Festival porta a casa un grande successo: essere entrato nel cuore dei tarantini». Lo ha dichiarato il direttore artistico Piero Romano al termine della quinta edizione dell’evento che unisce fede e cultura. «Abbiamo accolto molto pubblico – ha continuato il Maestro Romano – e trovato consenso di immagine, giornalistico, di comunicazione e soprattutto nei confronti della città e dei suoi cittadini. Sono orgoglioso del progetto condiviso con l’Arcivescovado di Taranto, il Comune di Taranto e l’Orchestra della Magna Grecia in collaborazione con la Regione Puglia e il Ministero dei Beni Culturali.

Si tratta di un progetto riuscito che ha potuto coniugare cultura, fede, spiritualità, attrazione turistica, lavoro e valorizzazione del territorio e del suo patrimonio artistico e architettonico. Attraverso il premio Mysterium e la raccolta fondi rivolta ai più deboli è stato capace anche di inserirsi nel sociale. Fin dai suoi primi passi il festival ha cercato di entrare in sintonia con l’atmosfera unica che la città di Taranto vive nei giorni della passione di Cristo, un periodo che oggi trascorriamo anche attraverso un’offerta culturale molto partecipata e multidisciplinare che riesce a toccare le molteplici sensibilità artistiche. Ringrazio l’Arcivescovo Filippo Santoro che ha creduto in questo progetto sin dall’inizio e che lo ha supportato attraverso una guida retta e sempre coerente. Ringrazio anche il Comune di Taranto e la Regione Puglia».

Il Mysterium Festival si conferma quindi un successo, grazie anche a un ricco cartellone di eventi. «Siamo molto soddisfatti – ha affermato il presidente del Mysterium Festival, il dottor Donato Fusillo – tra cinema, musica, installazioni multimediali, teatro, arte, letteratura e performance sono stati tanti i volti del Mysterium Festival 2018. L’emozione più grande del Mysterium è affiancare agli splendidi Riti della Settimana Santa una serie di proposte multidisciplinari intorno alle tematiche del sacro. Eventi artistici che si sono svolti in vari luoghi della città, per la prima volta quest’anno siamo stati anche nel quartiere Tamburi. Dalla “Petite Messe Solennelle” di Rossini diretta dal Maestro Gianluigi Gelmetti a Taranto e a Bari, alle proiezioni del Mysterium Film, alla musica de la “Passione di Cristo” di Perosi arrivata nel quartiere Tamburi, all’installazione multimediale “Anima Fluens – visioni sonore attraverso l’acqua” nel Castello Aragonese in collaborazione con "MaterElettrica" Scuola di Musica Elettronica e Applicata del Conservatorio "Duni" di Matera, le opere dalla Mostra della Ceramica di Grottaglie, le improvvisazioni jazzistiche e l’eco del Sacro con “Sax Pacis” di Raffaele Casarano ed il L.A. Chorus, lo spettacolo di narrazione con Giovanni Guarino e il Crest, l’esposizione di Lina Mannara con la mostra “Jeshua, il sacrificio”, il reading dell’attore Sebastiano Somma con “Il mistero dei Santi innocenti”, la musica multietnica de l’Orchestra di Piazza Vittorio, le tessere d’arte nel borgo e nell’isola con e il ritorno dei “Tableaux Vivants”, fino ad arrivare al grande Concerto di Pasqua dedicato a Luis Bacalov “Misa tango” nella Cattedrale di San Cataldo».

Il premio Mysterium è stato assegnato per la prima volta a una scuola, l’istituto superiore di secondo grado Antonio Pacinotti di Taranto, consegnato dall’Arcivescovo metropolita di Taranto Monsignor Filippo Santoro al dirigente dell’istituto Vito Giuseppe Leopardo. L’opera è stata realizzata per l’occasione dall’artista Giulio De Mitri, artista innovativo e sperimentale. «“Tesori nei rifiuti. No allo spreco alimentare”, è un progetto che pone un’attenzione particolare allo sviluppo sostenibile – ha spiegato la professoressa Adriana Chirico del direttivo del Mysterium Festival - in cui il cibo viene riconosciuto come risorsa fondamentale per il suo valore non solo nutrizionale, ma anche etico e morale. Nato nel 2015 con la partecipazione di pochi studenti, il progetto oggi coinvolge 46 giovani impegnati nella raccolta e distribuzione di generi alimentari di prima necessità in accordo, con l’Associazione “Amici di Manaus“».

www.orchestramagnagrecia.it
www.mysteriumfestival.it
mysteriumfestival.ta@gmail.com

Taranto: convegno di studi su il ‘giusto processo’ penale minorile

TARANTO - Martedì 17 aprile 2018, alle ore 9.30, presso la Sala Convegni del Dipartimento Jonico dell’Università di Bari “Aldo Moro” (Taranto, Via Duomo 259), si svolgerà il Convegno di Studi «Il “giusto processo” penale minorile»: l’occasione per fare il punto sul processo penale a carico di imputati minorenni, a quasi trent'anni dall’approvazione del D.P.R. n. 448/1988 che lo ha disciplinato e all’indomani della pubblicazione degli ultimi, preoccupanti dati del Ministero della Giustizia sulla criminalità minorile in Puglia.

A moderare i lavori, il Prof. Nicola Triggiani, Ordinario di Diritto Processuale Penale nell’Università di Bari e Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di

Relazioni di: Francesco Perchinunno, Professore di Diritto Costituzionale UniBa (Le garanzie costituzionali del minore); Danila Certosino, Professore di Diritto Processuale Penale Minorile UniBa (I meccanismi di diversion processuale); Pina Montanaro, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Taranto (Misure precautelari e cautelari. Specificità e problematiche applicative); Giuseppe Centomani, Direttore del Centro per la Giustizia Minorile della Puglia (Regalami una regola ...).

Le conclusioni sono affidate a Bombina Santella, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Taranto.

Il programma prevede indirizzi di saluto di Bruno Notarnicola, Direttore del Dipartimento Jonico UniBa; Vincenzo Di Maggio, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Taranto; Paola Donvito, Presidente della Scuola Forense di Taranto; Gabriella Barcariol, Presidente della Camera Minorile di Taranto.

Saranno attribuiti 0,5 CFU agli Studenti del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza e 3 CFU agli Avvocati partecipanti all’evento.

Castellaneta regina del turismo di Taranto

TARANTO - L’agenzia regionale Puglia Promozione ha pubblicato i dati delle presenze turistiche registrate nel 2017: per il secondo anno consecutivo i numeri della provincia di Taranto sono in crescita e Castellaneta si conferma la meta preferita dell’arco ionico, con poco più di 354mila presenze e un soggiorno medio di 5,7 giorni*. Un successo determinato in particolare dal mare e dalla grande offerta di posti letto, tra villaggi e alberghi della costa.

«Un risultato positivo per il nostro territorio – il commento del sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti – che, dai primi segnali sulle prenotazioni 2018, sarà confermato anche quest’anno. La bellezza della nostra natura ci avvantaggia, certo, ma se mesi fa non avessimo lottato per conservare le nostre potenzialità ricettive, accordandoci con il gruppo “Nuova Concordia” e aprendo di fatto le porte all’investimento “Blu Serena”, oggi non avremmo avuto posti letto da occupare. Con gli alberghi aperti e pronti a rilanciare, creando anche occupazione, possiamo dire che il gioco di squadra ha vinto ancora a Castellaneta: amministrazione e operatori turistici, insieme, stanno favorendo gli investimenti, migliorando l’offerta e ampliando i servizi».

Contestualmente all’operazione “Blu Serena”, infatti, sono partite altre scommesse importanti, come quelle del “Gruppo Simone” con il Blanco Hotel o di “Meriva Group” con il Villaggio del Catalano, solo per citare le più significative in termini di ricettività. Ma anche l’intero tessuto commerciale della zona costiera sta vivendo un… rinascimento: molti lidi si stanno ristrutturando, altri lo hanno già fatto, e il lungomare sta tornando a essere cuore pulsante di Castellaneta Marina.

«Il lavoro da fare nel turismo è ancora tanto, – dichiara Roberto Tanzarella, consigliere comunale con delega al Turismo – come tante sono ancora le potenzialità inespresse, ma la strada è segnata e tutti sono chiamati a mettere in campo il proprio impegno. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato anche sul fronte dell’accoglienza, della rete con gli operatori e della promozione: sono stati potenziati gli uffici turistici di Castellaneta e Castellaneta Marina, abbiamo partecipato a diverse fiere internazionali, abbiamo ospitato un press tour focalizzato sui riti della Settimana Santa, favorendo in particolare anche la scoperta del borgo e delle aree interne con il coinvolgimento di associazioni e aziende del territorio».

Con gli operatori turistici, infine, il Comune sta intrattenendo contatti costanti con lo scopo di condividere esperienze e recepire feedback. Proprio grazie a un accordo fra gli infopoint e le strutture alberghiere, infatti, saranno promosse all’interno delle strutture ricettive di Castellaneta Marina visite guidate al borgo e alle aree naturali, con l’obiettivo di costruire un ponte turistico tra la costa e le aree interne del territorio. «Vogliamo valorizzare la nostra grande bellezza – ha concluso Gugliotti –, il paesaggio mozzafiato delle gravine, il patrimonio culturale del centro storico e i prodotti tipici. Li abbiamo sempre avuti a portata di mano, è arrivato il momento di mostrarli orgogliosamente».

*Fonte Puglia Promozione
https://www.agenziapugliapromozione.it/portal/documents/10180/3025870/Report%20dati%20comunali%202017

Ilva, ArcerlorMittal rassicura la Ue con un piano di cessioni

di PIERO CHIMENTI - La multinazionale ArcelorMittal, in vista dell'acquisto dell'Ilva, ha presentato un piano di cessioni a garanzia del piano di revisioni richiesto dalla Commissione Ue. L'azienda lussemburghese dell'acciaio ha previsto, infatti, la cessione in cui ricade anche anche l'acciaieria Arcelor di Piombino.

I tifosi rossoblu scelgono il logo del Taranto

di PIERO CHIMENTI - Il Taranto Fc 1927 con l'iniziativa #DecidiamoInsieme ha il nuovo logo, scelto tra 1255 pervenuti da tutto il mondo, per il quale sono state necessarie due votazioni on-line. Il nuovo simbolo, che ha ottenuto il 51,03% di consensi e rappresenta il delfino avvolto a un tridente nello sfondo rossoblu, è stata presentato in un evento in cui era presente tutta la squadra dalla dirigenza ai giocatori, oltre a vecchie glorie come il portiere grottagliese Spagnulo con un passato in Serie A.

Amiu Taranto, al via progetto: installati 3 defibrillatori

TARANTO - Il prossimo 19 aprile, alle 12, negli uffici direzionali di piazza Pertini 4 sarà presentato il progetto #cuorediAmiu. L’azienda, a garanzia e tutela della salute e della sicurezza dei propri dipendenti, ha provveduto all’acquisto di tre defibrillatori semiautomatici (DAE), organizzando contestualmente un corso di formazione per acquisire le competenze necessarie al loro utilizzo.

Sono stati coinvolti 15 dipendenti, impiegati nelle unità produttive a più alta densità di presenze (direzione, autoparco e impianto “Pasquinelli”) e già addetti al “primo soccorso”, cui saranno somministrate 6 ore di formazione per l’aggiornamento di quest’ultimo e 5 ore per l’utilizzo del DAE. I corsi si terranno in azienda il 21 e 22 maggio prossimi e saranno tenuti da docenti individuati all’interno del SIT 118 dell’Asl di Taranto dal suo direttore Mario Balzanelli.

Alla conferenza stampa parteciperanno l’assessore comunale a Fondi Strategici, Società Partecipate ed Innovazione Massimiliano Motelese, il presidente del CdA AMIU Luca Tagliente e il direttore del SIT 118 Mario Balzanelli.

Dilettanti Puglia: la Coppa Puglia è del Grottaglie

di PIERO CHIMENTI - Nello stadio Vito Curlo di Fasano, l'Ars Labor Grottaglie vince la sua prima Coppa Italia di categoria piegando il Norba Conversano solo ai calci di rigori, dopo che nei 90' regolamentari il risultato era stato fissato sull'1-1.

I gol arrivano tutti nelle ripresa con Franchini che al 4' porta in vantaggio i canarini. I padroni di casa trovano la risposta di Galeandro al 33', bravo ad insaccare a porta vuota dopo che il portiere barese aveva respinto un diagonale di Carbone per il pareggio biancoblu.

Ai calci di rigori finisce 3-5, facendo esplodere la gioia nella Città delle Ceramiche, con caroselli di auto che hanno festeggiato per le vie con bandiere e sciarpe.

Violenza sulle donne nel tarantino: arrestati aguzzini

di PIERO CHIMENTI - Episodi di violenza nei confronti delle donne sono avvenuti a Grottaglie e a Manduria, nella provincia di Taranto. Nella Città delle Ceramiche un uomo di 76 anni inveiva contro una donna brandendo un crocifisso di legno e con una matita con cui accecarla. La polizia, intervenuta sul posto, ha faticato per riportare la situazione alla normalità provvedendo agli arresti domiciliari per l'aggressore, già noto per stalking alle forze dell'ordine.

Il secondo episodio è avvenuto a Manduria, dove protagonista è un 35enne che con la pistola minacciava la propria moglie. Anche in questo caso l'intervento degli agenti ha sedato la situazione, arrestando l'uomo e sequestrando i due fucili ed una pistola lecitamente detenuti.