Visualizzazione post con etichetta Sessualità. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Sessualità. Mostra tutti i post

Malena è nuda e 'Pura' su MOW: dalla copertina della biografia in uscita, ai rumors sulle prossime novità


MILANO - Malena si svela con “Pura - Il sesso come liberazione”: la biografia della famosa Pornostar orginaria di Gioia del Colle (Ba), edita da Mondadori e che è in prevendita dalla scorsa settimana. In occasione del debutto in libreria dell'astro splendente dell'intrattenimento per adulti, MOW (mowmag.com) pubblica alcuni scatti bucolici della ragazza che si cela nella diva del Cinema per adulti, ritratta dall'obiettivo della fotografa Francesca Ricciardi.

Ma è sul nuovo saggio fresco di stampa, che Milena Mastromarino, in arte Malena, si svela “nuda e pura”, raccontando il proprio personale percorso e le esperienze fin qui vissute, nonché rivolge un suggerimento alle lettrici: “Se c'è un consiglio che mi sento di dare alle donne, di qualsiasi età, è quello di non rinunciare alla gioia di una vita sessuale soddisfacente”.

Il magazine lifestyle di AM Network preannuncia anche un'ulteriore novità, sempre 100% femminile, che vede come protagonista l'attrice hard e volto noto della TV italiana, nel prossimo e breve futuro.

Le persone fanno sempre meno sesso


Il fenomeno riguarda specialmente i più giovani. Tra le cause ci sarebbero l'aumento nell'uso dei social network e dei videogiochi, le restrizioni dovute alla pandemia, e l'uso sempre piu diffuso di sex toys. E' quanto rilevato dalla rivista Focus, che cita uno studio di Herbenick e Fu.

Tra le cause del declino dell'attività sessuale, aggiungono le due autrici, avrebbe influito anche la pandemia.

Secondo la rivista, altri studi hanno dato diverse spiegazioni al generale declino dell'attività sessuale, come il calo nel consumo di alcol – tipicamente associato a un rilascio dei freni inibitori – e la diminuzione dei salari.

OnlyFans rinuncia ai contenuti pornografici

LONDRA - La piattaforma è nota quaasi esclusivamente per i suoi contenuti sessualmente espliciti. Ciononostante, dal primo ottobre questo tipo di post saranno banditi. La decisione ha soprattutto a che fare con le preferenze degli investitori.

"A partire dal 1 ottobre 2021, OnlyFans vieterà la pubblicazione di qualsiasi contenuto che contenga comportamenti sessualmente espliciti - spiega la compagnia - per ospitare una comunità inclusiva di creatori e fan, dobbiamo evolvere le nostre linee guida sui contenuti".

Come spiega il team, i creator continueranno ad essere autorizzati a pubblicare contenuti contenenti nudità, purché siano coerenti con la politica di utilizzo. "Condivideremo maggiori dettagli nei prossimi giorni e supporteremo attivamente i nostri creatori da oggi in futuro".

Dopo lo scandalo sollevato da un reportage dell'editorialista del New York Times, Nicholas Kristof, le due piattaforme di pagamento su OnlyFans, Visa e Mastercard, hanno minacciato un'esclusione dei loro servizi per i navigatori del sito.

'Sex and the Museum': la rassegna estiva prosegue con l'appuntamento sul piacere delle donne

CASTROMEDIANO (LE) - Dopo la prima data della nuova rassegna estiva, Sex and the Museum non si ferma più e continua con la sua "missione" che coniuga argomenti strettamente connessi ad arte e sesso e li porta presso il Museo Sigismondo Castromediano a Lecce: prossimo appuntamento lunedì 5 luglio alle ore 21.00.

Sempre più seguiti e apprezzati, gli appuntamenti sono organizzati da Artem - Dream, Create, Inspire, il coworking nel museo Castromediano, e condotti dalla dott.ssa Azzurra Carrozzo, psicologa, sessuologa e Presidente dell’Associazione Cepss - Centro Pugliese di Sessuologia Scientifica, e dallo storico dell'arte Andrea Laudisa, fotografo freelance. Modera Sara Falangone, Coordinatrice del progetto.

Insieme, i due indagano e disvelano le forme e i tabù della sessualità attraverso l'arte con la partecipazione attiva del pubblico presente che si sente libero di porre domande e dialogare apertamente.

L’obiettivo è quello di promuovere la salute sessuale intesa come attività in grado di sviluppare, nell'essere umano, la capacità di prendere decisioni consapevoli riguardo al proprio benessere psicosessuale e relazionale e di comunicare i propri bisogni nel rispetto di sé e dell’altro.

L’arte nei suoi aspetti dirompenti, offre molteplici spunti di riflessione sulla sessualità umana, sul suo rapporto con le emozioni, sullo scardinamento dei tabù, e permette piena libertà di espressione sulle tematiche spesso oggetto di disapprovazione nella società moderna.

Lunedì 5 luglio, a partire dalle ore 21.00, il cortile del Museo Castromediano sarà la cornice ideale per parlare de "Il piacere delle donne". Tutto quello che avreste sempre voluto sapere e non avete mai avuto il coraggio di chiedere sull'eiaculazione femminile. In occasione dell'incontro sarà presentato il libro della dott.ssa Azzurra Carrozzo dal titolo "Piacere Nostro".

Dating online, qualche domanda su Tinder: tra sesso, amore e disagio

(Shutterstock/ Varavin88)
BARI - La linea tra l'attrazione, i sentimenti e il disagio è sottile. Soprattutto se stai usando una dating app come Tinder. Un'esperienza in cui sempre più persone si stanno lanciando, complice la pandemia.

OPINIONI - “Tinder non è assolutamente un gioco: al centro ci sono le persone”, ha ricordato Elie Seidman, Ceo della società. Persone che, anche quando usano l’app col solo obiettivo di fare sesso, possono trovarsi a fare i conti l’amarezza e la delusione.

“Tinder è come giocare costantemente all’allegro chirurgo mescolando sentimenti e fluidi corporei”, sottolinea Marvi Santamaria che, accanto al racconto di incontri divertenti e appaganti, col suo libro testimonia come tra le lenzuola possano emergere solitudini, insicurezze, bugie, problemi. Dal desiderio di scoperta si passa all’amarezza, alla sensazione di abbandono per un messaggio post-incontro che non arriva, alla necessità di proteggersi dalle delusioni e dal ghosting con l’armatura del cinismo. Nessuna versione premium che sia di aiuto, in questi casi.

“La vita sulle dating app non è una favola. O muori di delusione, o vivi abbastanza a lungo da diventare la persona che l’indomani sparisce”, scrive Santamaria. Nella maggior parte dei casi, si tratta di incontri fugaci, che diventano sempre più frequenti: non è un caso che, stando ad una recente indagine Bayer-Censis, il sesso dei nostri tempi risulti “decomplessato” (“quick sex”). Gli italiani lo fanno spesso e volentieri e senza troppi problemi, da soli e non, fin due o anche in tre, senza disdegnare la pornografia.
(credits: Tinder)
COME UTILIZZARLO - Chi non l'ha ancora utilizzato tende ad essere dubbioso e a cercare "recensioni" ed opinioni sull'app di incontri per eccellenza. Il fatto è che Tinder è in giro ormai da anni, e quindi c'è ormai una vasta letteratura in proposito. Sono già stati pubblicati infatti svariati libri dedicati alla celebre app di incontri, e anche sul web - ovviamente - le testimonianze su blog e siti vari si sprecano. Se vuoi avere materiale sempre fresco e tante testimonianzie sull'uso di Tinder e simili puoi fare un giro sul gruppo Facebook Match & the City, utilissimo anche per chiedere consigli e scambiarsi opinioni con tantissime altre donne.

Va detto però che creare un profilo è tecnicamente semplicissimo, ma non tutti sanno come creare un profilo Tinder efficace, che cioè "funzioni", e attiri molti swipe.

Il segreto non sta solo nelle foto, che devono essere in numero sufficiente (il numero perfetto è 5-6), esteticamente curate e varie (evitare i selfie). Anche la biografia è importante e può essere un ottimo modo per ispirare battute che inneschino una conversazione interessante.

CONSIGLI - Non avere aspettative, in questo modo sarà impossibile restare delusi; Siate voi stessi, a partire dalle foto: fingere con degli sconosciuti non vi servirà a nulla; Abbiate ben chiaro quello che cercate e comunicatelo alle persone che incontrerete; Ciò nonostante, è bene anche essere aperti alle mille inattese pieghe degli eventi; Scrivete per prima e non attendetevi una risposta certa anche dopo il match (anzi, il più delle volte ci sarà un vero e proprio ghosting... a quel punto regola n.1 lasciar perdere e passare al match successivo!); Non avvitatevi in chat infinite e chiedete dopo un certo feeling in chat un contatto social o WhatsApp: lo scopo è incontrarsi, e non deve essere per forza lui (o lei) a invitarvi; Non fate cose rischiose: ricordate sempre che avete a che fare con sconosciuti, quindi sempre meglio incontrarsi in luoghi pubblici.

ABBONAMENTI E PREZZI - Tinder - come molte app - può essere utilizzato sia nella versione gratuita che in quella a pagamento. Se vuoi investire nell'uso di Tinder sappi che i piani di abbonamento sono ben due e hanno diversi vantaggi e diversi prezzi: Tinder Plus, Tinder Gold e da pochi mesi Tinder Platinum. Tinder Plus ti permette di: avere like illimitati, annullare l'ultimo swipe, avere 5 Super Like al giorno, 1 boost al mese e il Passport (possibilità di geolocalizzarti in altri luoghi). Tinder Gold offre queste stesse funzionalità, e in più la possibilità di vedere chi ti ha messo like. Con Tinder Platinum puoi inviare un Messaggio prima della compatibilità allegando un messaggio al tuo Super Mi piace; Fare in modo che i tuoi Mi Piace abbiano la priorità rispetto agli altri con i Mi Piace prioritari; Scoprire i Mi piace che hai inviato negli ultimi 7 giorni; Scoprire A chi piaci prima di mettere Mi piace o No. 5 Super Mi piace al giorno. (Redazione Gdp)

Come vestirsi al primo appuntamento

(Shutterstock)
BARI - Anche un uomo carico di esperienza e charme o una donna matura roma pienamente cosciente del suo fascino, quando devono andare a un'occasione importante come un primo appuntamento rischiano di passare ore di dubbi davanti all'armadio: figuriamoci le persone più giovani e insicure!

Il primo appuntamento, in effetti, è un banco di prova vero e proprio, non solo per sondare se la persona che andremo a conoscere è un vero potenziale partner, ma anche per capire qualcosa in più su noi stessi. Come sceglieremo di presentarci, sapendo che avremo due occhi molto interessati puntati costantemente sul nostro fisico e sul nostro outfit? La cosa non è semplice.

Non esistono, infatti, regole universali e nemmeno degli standard predefiniti: se una regola ci dev'essere, sia solo questa: scegliere qualcosa che ci faccia sentire a nostro agio. E, magari, fare anche attenzione a non cadere in errori fatali indotti dall'insicurezza e dalla confusione. Può essere utile concentrarsi su cosa non mettere, e procedere per esclusione andando a restringere il campo pian piano.

Errori da evitare: ecco quali sono i più comuni

Posto che persino i vip, da sempre, fanno degli scivoloni (ma tutto sommato, non c'è mai niente di irreparabile), vediamo gli errori evitabili negli outfit da primo appuntamento.

Per le donne, l'errore più tipico consiste nell'essere eccessive. Raccomandiamo di non esagerare con il trucco, sfoggiando rossetti troppo appariscenti o occhi eccessivamente caricati (gli uomini tendono a preferire la bellezza naturale) e a non esagerare neppure con l'abbigliamento: gli errori più comuni sono indossare abiti troppo stretti, gonne troppo corte e scollature troppo profonde. Se presentarsi in tuta è un errore per l'altro verso, non potete concedere troppo terreno alla provocazione durante un primo appuntamento perché potreste mettere l'altro a disagio. Per andare sul sicuro, potete scegliere di mettere in risalto una, e una sola, delle parti del vostro corpo: o solo le gambe o solo la scollatura, mai entrambe e mai troppo palesemente.

Per l'uomo: l'errore più comune è vestirsi, semplicemente, in modo sciatto. Le donne sono molto attente a ciò che l'abbigliamento comunica e noteranno subito la presenza o l'assenza di cura nel vestirvi, e le attribuiranno un significato legato all'interesse che avete per loro. Insomma: se volete dimostrare interesse per lei, vi basta vestirvi con un po' più di cura del solito. Cercate di evitare le felpe e un tipo di abbigliamento che ricorda quello dei ragazzi, scegliendo compatibilmente con i vostri gusti dei capi "maturi".

Il corteggiamento è un'arte complessa: l'esteriorità è solo una parte

Se è vero che il vostro outfit verrà squadrato in lungo e in largo, è anche vero che non dovrebbe stare troppo al centro dell'attenzione. Il corteggiamento umano è un'arte che combina attenzione all'estetica, comprensione del linguaggio del corpo proprio e altrui, capacità di ascolto e capacità di coinvolgere l'altro nel proprio mondo attraverso le parole. L'abbigliamento è un linguaggio importante, che viene notato e decodificato all'istante, ma una volta trascorsi i primi secondi dovrebbe scivolare in secondo piano.

Malena compie 38 anni e rilascia un'intervista bollente


MILANO - Tanti auguri a Milena Mastromarino, in arte Malena. La 38enne di Gioia del Colle (BA) compie oggi gli anni, di professione è un'attrice di film hard e ha “acceso” l'irriverente programma radiofonico La Zanzara, condotto su Radio24 dai giornalisti Giuseppe Cruciani e David Parenzo, con un'esplosiva intervista. In diretta radiofonica la temperatura si è alzata con l'arrivo di Malena, come riporta il sempre ben informato Dagospia. 

L'astro italiano dell'intrattenimento per adulti e volto noto della TV, ha risposto con autoironia alle esplicite domande e alle scabrose curiosità dei due intervistatori a riguardo del sesso: dai gusti personali, alle pratiche sui set del cinema a luci rosseprofessionisti. La solare attrice di film per adulti, ha risposto anche a diverse domande sull'attuale situazione politica. 

Infatti, nel 2013 e prima di muovere i passi nella cinematografia mondiale a tripla x, Milena Mastromarino è stata anche membro dell'assemblea nazionale del PD: «Renzi? Una volta stavo con lui. Adesso non me ne frega niente. Ormai mi dedico solo al porno, al mio lavoro, mi sono allontanata dalla politica e non vado a seguire le loro beghe, non mi interessa.»

Malena: la diva a luci rosse alla conduzione di Bergamosex


MILANO - L'affascinante Malena, astro italiano dell'intrattenimento per adulti e volto noto al pubblico della TV, ha scelto le pagine di Men On Wheels, per decantare le lodi del sesso orale. Nel testo, autografo e pubblicato oggi dalla nuova testata lifestyle del gruppo AM Network, l'ex naufraga dei reality ed ex membro dell'assemblea nazionale del PD, declama la propria personale passione per tale pratica sessuale: «Per me saperlo fare bene è appagante, eccitante e molto potente». 

L'attrice di Gioia del Colle (BA) è stata scoperta 4 anni fa dal noto regista, attore e produttore di film per adulti Rocco Siffredi, che l'ha scelta come musa e star prediletta nei propri lungometraggi. Milena Mastromarino, in arte Malena, questo weekend è attesa in Lombardia, nell'inedita veste di conduttrice di Bergamosex: esposizione lombarda a luci rosse, che si svolge all'aperto da venerdì 28 a domenica 30 agosto, in edizione contingentata nel rispetto delle normative e del distanziamento sociale, presso l'area allestita all'esterno del locale notturno Bolgia di Osio Sotto (BG).

Quarantena e piacere sessuale senza pericolo

(Stas_F / Pixabay)
Con la prospettiva di lunghi tempi al chiuso durante l'epidemia, cambia il modo in cui formiamo relazioni e navighiamo tra sesso e intimità. Non tutti convivono con un partner sessuale e, uscire di casa per incontrarsi con qualcuno per condividere momenti di pura passione quando non sono membri della propria famiglia, violerebbe le misure imposte di allontanamento sociale.

Anche se non hai sintomi, rimanere a casa può essere la differenza tra la vita o la morte di un'altra persona se sei portatore del Coronavirus, poiché si diffonde attraverso le goccioline respiratorie inalate con contatto ravvicinato. Per fortuna è possibile restare connessi con gli altri tramite telefono, video o metodi online per sopperire il più possibile alla vita sociale.

Al momento non ci sono prove che il Covid-19 sia presente nelle secrezioni vaginali o nello sperma. Invece risiede nelle secrezioni delle vie aeree superiori: come si può intuire sarebbe praticamente impossibile evitare di entrare in contatto durante un rapporto sessuale con queste seconde secrezioni. Tuttavia - continua Teresa Stillante - è utile e importante non ignorare gli stimoli sessuali fisiologici, soddisfacendoli anche con la masturbazione: offre la possibilità di tenere allenati i muscoli pelvici e perineali e permette la produzione di serotonina che è detto "ormone della felicità", perché in grado di regolare l'umore, il sonno, la memoria e le capacità di apprendimento. Ma nonostante il desiderio Teresa Stillante di HEALTHSPRING, sito per il quale scrive come esperta di Integratori, dichiara che la quarantena può influire negativamente sulla prestazione sessuale a causa della pressione psicologica data dall’incertezza della situazione: può essere questo il caso di ricorrere agli integratori degli aminoacidi essenziali, come l’arginina, l'ornitina e la citrullina, per aumentare la sintesi di ossido nitrico, stimolando l'afflusso di sangue al pene e contrastando l’ipertensione.

Taluni spostano l'intimità fisica online prendendo sul serio la questione, ma molte persone non sono informate o hanno paura o non hanno gli strumenti. Al primo impatto per molti viene istintivo pensare che sia poco comprensibile, quasi una forma di devianza o perversione, ma il ricorso a forme di gratificazione carnale “al bisogno” era già presente nel XII secolo con la prostituzione documentata a Bari.

La scelta di spostare il sesso online riflette solamente il cambiamento culturale e l’emancipazione sessuale che, inevitabilmente, segue anche i nuovi strumenti che è importante conoscere perché tutto avvenga in sicurezza. Il cybersex, che comprende tutte le forme di appagamento sessuale possibili da remoto, vede ancora il dominio dei fruitori di contenuti espliciti (principalmente video) sia registrati che live: si pensi al caso delle cam girl, che costituiscono un settore dell’industria del piacere sempre più rilevante.

Ma oltre alle varie app per incontri alquanto espliciti come Tinder o Grindr, la fantasia degli sviluppatori si è spinta verso Le Petit Mort per apprendere come portare una donna al piacere e molteplici sex toys in grado di riprodurre piuttosto fedelmente le sensazioni tattili provocate dai gesti che avvengono da remoto.

La prostituzione a Bari: note storiche e curiosità

di VITTORIO POLITO - Per prostituzione si intende l’attività abituale e professionale di chi offre prestazioni sessuali a scopo di lucro. Si tratta di un fenomeno antico, ma che ha avuto cambiamenti interessanti dal punto di vista sociologico, semiologico, psicodinamico, fenomenologico e della psicologia sociale.

La prostituta si sottopone a rapporti con diversi individui, generalmente senza partecipazione al piacere. È certo che alcune cause possono essere responsabili di una prostituzione occasionale, o possono favorirla, come l’ambiente, la famiglia, la miseria, ostacoli di varia natura, ecc.

A me piace riprendere una nota di Vito Antonio Melchiorre (1922-2010), riportata sul periodico “Nicolaus Studi Storici” del 2006, nel quale l’autore tratta l’argomento riferito al XII e XVI secolo, citando una pergamena datata 20 novembre 1267, conservata nell’archivio capitolare di Bari, nella quale è inserita una disposizione con la quale il principe Boemondo concesse all’Arcivescovo Elia, nonché ai suoi successori, il dominio su tutte le meretrici, come già accordato all’arcivescovo Ursone, da Roberto il Guiscardo, dal Duca Ruggero e dalla Duchessa Sikelgaita. Il dominio, non poteva che consistere nella guida spirituale di “quelle sventurate donne e anche nella riscossione di qualche diritto fiscale sui guadagni delle stesse realizzati nell’esercizio del loro turpe mestiere”.

Nel 1598, da un “apprezzo” o catasto che comprendeva le generalità di tutti i cittadini baresi con l’indicazione dell’attività esercitata, si evinceva che su 17000 abitanti risultavano solo 9 donne che esercitavano l’attività di cui sopra. La qualifica loro attribuita era di “mulier libera” (donna o moglie libera). A giudicare dall’età giovanile della maggior parte di esse (puntualmente indicata), lascia immaginare che si trattava di persone costrette a prostituirsi per la miseria più nera.

Sta di fatto, comunque stessero le cose, che la piaga della prostituzione si diffuse nei più disparati settori della società barese, come dimostrano i numerosi documenti storici archiviati.

A tal proposito ricordo che Nicola Simonetti, medico e giornalista, e Mimma Sangiorgi, pubblicarono nel 2014, per l’editore Adda, l’interessante volume “Cose di case chiuse”, nel quale gli autori passano in rassegna i vari aspetti della questione attraverso la storia, a partire dall’antica Roma, transitando per Pompei, gli ebrei, i postriboli di Stato, le prostitute di guerra, la prostituzione via internet e quella delle immigrate, la legislazione in altri Stati, e tantissime altre notizie storiche e di cronaca che illustrano al lettore molto bene l’argomento sviscerato da tante angolazioni.

Va considerato che l’industria del sesso nasconde anche fenomeni allarmanti, come l’aumento di minori e baby squillo, di donne mature o meno, costrette per bisogno a prostituirsi – come denuncia il Gruppo Abele Don Manzi – per sostenere la famiglia in tempi di crisi. Se si vuole eliminare il problema, scrivono gli Autori, «non basta sottrarre alle leggi del mercato l’offerta, bisogna incidere sulla domanda proveniente da clienti: 77% sposati per lo più di ceto alto (56%) e nella fascia d’età compresa tra i 40 e 55 anni (43%)».

Ognissanti bollente per Malena: l'astro pugliese del cinema a luci rosse gira un film in Emilia con Siffredi

BARI - Un freddo weekend è previsto sulla Penisola ad Halloween ma, in un preciso luogo d'Italia, la temperatura è scottante a ognissanti: nell'innovativo Certe Notti Spa & Privé Naturist Club in provincia di Bologna, che ha organizzato un sexy horror weekend con la pornostar Malena. Al secolo Milena Mastromarino, ex naufraga dei reality e volto della TV, nonché ex eletta all'assemblea nazionale del PD sei anni fa.

Oggi Malena è l'astro, splendente e italiano, dell'intrattenimento internazionale a luci rosse ed è stata chiamata in Emilia Romagna per eleggere Miss Lap Dance nell'innovativo club vacanze per il benessere libertino degli adulti. L'attrice è attesa anche sabato e domenica, insieme al proprio mentore professionale, colui che l'ha scoperta nel 2016 a Gioia del Colle (BA): il noto attore, regista e produttore internazionale di film per adulti, Rocco Siffredi che, insieme agli attori della sua accademia, si reca in Emilia per ultimare una produzione cinematografica dove è protagonista la solare Malena, nata nel 1983 in provincia di Bari.

Al via la sesta edizione della Settimana del benessere sessuale

BRINDISI - Al via la sesta edizione de “La settimana del benessere affettivo e sessuale, educare a tutte le età” con eventi di promozione della salute affettiva e sessuale. Il progetto “La Settimana del Benessere Affettivo-Sessuale 2019” è patrocinato dal Ministero della Salute, dalla Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica, dal Comune di Mesagne, dalla Provincia e dal Comune di Brindisi ed è a cura della dottoressa Gabriella Gravili, esperta di dinamiche relazionali e sessuali, formatrice e coach per lo sviluppo del potenziale umano, counseling sessuologico e cyberbullismo.

Questa nuova edizione, centrata sulla promozione di stili di vita salutari, è focalizzata sull’educazione: all’affettività e alla sessualità consapevole negli adolescenti; all’uso consapevole del web e dei social da parte di adolescenti e adulti, con una specifica attenzione alla prevenzione di quelle forme di cyberbullismo che si materializzano nel sexting; alle dinamiche di coppia.

Il programma della Settimana prende avvio mercoledì 2 ottobre presso la Feltrinelli Point di Brindisi, in corso Umberto I, 113,  alle ore 18.30 con la presentazione del libro “Punto G” attraverso il quale il giornalista Gianmarco Di Napoli e Gabriella Gravili dialogheranno sull’universo affettivo e sessuale del femminile, occasione per riscoprire nuove forme di intimità nella coppia stessa, oggi sempre più affaticata dalla frenesia del quotidiano.

Altre iniziative di carattere culturale, di sensibilizzazione e informazione si terranno presso l’Auditorium del Castello di Mesagne.  E’ previsto il Cineforum “Liberi di essere, liberi di amare nella cultura del rispetto”, quattro proiezioni di film a tema con introduzione e dibattito facilitato da Gabriella Gravili sui temi dell’eduzione all’affettività e della prevenzione al cyberbullismo. Presenta le proiezioni Katja Cucinelli.

Il primo appuntamento si terrà giovedì 3 ottobre, alle ore 20.00, con la proiezione di “Disobedience”, una delicata indagine sui pregiudizi che condizionano e discriminano la libertà di essere e di amare, anche in una città all’avanguardia come Londra.

Sabato 5 ottobre, destinatari gli studenti delle classi quarte e quinte dell’IISS “Epifanio Ferdinando” di Mesagne, alla presenza del Dirigente, Dott. A. Guglielmi,  si terranno due proiezioni del film “Disconnect” a partire dalle 8.15: cinque storie di adulti e di adolescenti che si intrecciano e che vengono intrappolate dall’uso inconsapevole dei social e del web. Sarà presente il Dott. Walter Lombardi, esperto di settore.

“Her – Lei”, in programma venerdì 11 ottobre alle ore 20.00, è la storia d’amore ambientata in una realtà nella quale le interazioni sentimentali sono poco “reali”, tanto che il protagonista si innamora di un’intelligenza artificiale e scopriremo se “finalmente” almeno in questa dimensione “virtuale” riuscirà a vivere felice e contento.

 “Liberi di Essere, liberi di Amare” è anche la Mostra di pittura che sarà ospitata nell’Auditorium del Castello da giovedì 3 a venerdì 11 ottobre. Saranno esposti i lavori di artisti salentini di fama nazionale ed esordienti: Tania Medico e Lucia Costantini di Brindisi; Valentina D’Andrea di Lecce; Viviana Cazzato, Ajnos di Presicce; giovani esordienti Ambra Grande e Giacomo Faggiano di Brindisi e Mesagne.  Il percorso espositivo è un’esplorazione della dimensione intima; la sensualità e le relazioni affettive sono le muse ispiratrici.

Il programma prevede la Consulenza Gratuita di primo contatto sui temi e sulle domande legate alla sfera relazionale, affettiva, sessuale dell’individuo, della coppia, e per un’educazione più consapevole degli adolescenti. Si richiede prenotazione telefonica al numero 329 4486226.

Sostenitori degli Eventi: Gravili Consulting HRD e Cantine Due Palme di Cellino San Marco.

Vacanza nudista libertina con la pornostar pugliese Malena

BOLOGNA - Sabato e domenica la temperatura diventa bollente in provincia di Bologna, con la prima vacanza nudista e libertina, dedicata alle donne. L'idea del trasgressivo weekend al femminile è di Milena Mastromarino, in arte Malena: stella italiana dell'intrattenimento per adulti, volto noto della TV generalista ed ex eletta all'assemblea nazionale del PD nel 2013. La solare pornostar di Gioia del Colle (BA) ha chiamato a raccolta, questo weekend in Emilia Romagna, le sue più intraprendenti fan per dare vita, a partire da sabato 3 agosto, al primo weekend di villeggiatura, naturista e libertina, declinato al femminile. 

Niente Mikonos, Formentera o altre mete per scattarsi selfie da influencer: la vacanza che Malena ha organizzato per le sue più intime seguaci è una reale immersione nel mondo dell'eros e della trasgressione, alla luce del sole e in totale relax, in una riservata location. Il fine settimana si svolge infatti nel club Certe Notti Spa e Privee (Via Mino, 2, 40061 Minerbio BO): nota struttura benessere, riservata ai soli soci adulti, che annovera spa, solarium e persino un lago da navigare con i pedalò. 

Durante il bollente weekend, un'intera area con piscina è riservata esclusivamente a “Le Malenite”: il cospicuo e affiatato gruppo di sostenitrici di Malena, tra gli oltre mezzo milione di follower che seguono su Instagram la 36enne attrice hard italiana. Nel fine settimana è prevista la partecipazione di oltre 30 ragazze, provenienti da ogni angolo della Penisola, che si incontrano per la prima volta sabato 3 agosto in provincia di Bologna, con l'obiettivo di un caldo e riservato weekend in completa libertà, insieme a Malena. 

“Sono molto contenta di organizzare questa vacanza d'agosto per le mie... Malenite!” - ha sottolineato l'attrice scoperta nel 2016 dal famoso produttore e regista internazionale di film per adulti, Rocco Siffredi - "Un piccolo weekend, che per me è un grande risultato: sono felice di poter condividere quest'esperienza, soprattutto con le ragazze che non hanno mai avuto occasione di sperimentare una... libertà del genere!" - ha concluso con sorridente entusiasmo Malena, in vista dell'imminente villeggiatura trasgressiva che ha organizzato per le sue sostenitrici e fan durante il prossimo fine settimana in provincia di Bologna.

Martina Finocchio: «La perversione attrae perché ha quel pizzico di proibito di cui molti non riescono a fare a meno»

di NICOLA RICCHITELLI – L’ospite di quest’oggi arriva da Pescara, 23 anni, fotomodella e soprattutto influencer. Accogliamo sulle pagine del Giornale di Puglia Martina Finocchio. 

Sul suo canale di YouTube spesso affronta temi legati al sesso e alla sessualità, ma anche tabù quali il ciclo mestruale: «Spesso sono più “sdoganati” argomenti come il sesso orale che non il ciclo mestruale o la disfunzione erettile. Anche per questo collaboriamo io e Mistersex.it, per far vedere che si può parlare di tutto e senza avere vergogna».

La sua originalità in tal senso non è passata inosservata, infatti la sua pagina Instagram ha toccato la quota dei 300.000 followers, e i suoi canali social sono sempre più seguiti: «I miei followers tipo hanno dai 13 ai 60 anni… Spesso mi fanno domande su come sono fuori dai social ma soprattutto mi chiedono consigli sulla sessualità. Le domande più strane sono quelle sulla misura del pene; vogliono tutti essere sicuri di essere “abbastanza” sotto quell’ambito. Per il resto mi arrivano spesso proposte indecenti soprattutto sul feticismo; i più classici sono i feticisti dei piedi ma la cosa più strana che mi hanno proposto è stata una sessione di Ballbusting, la pratica di farsi prendere a calci nei testicoli».

Ciao Martina, innanzitutto grazie per aver accettato il nostro invito di essere qui oggi. Possiamo dire che il tuo stile un po' si differenzia da quello delle solite influencer: chi è Martina Finocchio? 
R:«Martina Finocchio è una ragazza semplice con tanta voglia di migliorarsi ogni giorno sia nel lavoro che nella vita privata».

Perché hai deciso di dare alla tua immagine dei tratti provocanti? 
R:«Credo che la mia fisicità vada già di per sé ad avere dei tratti provocanti… poi posando anche per la fotografia di nudo questi si sono accentuati 😄».

Cos'è per te la seduzione? 
R:«Per me la seduzione è la capacità di attrarre le persone, spingerle ad un interesse».

E la perversione? 
R:«La perversione è la deviazione da ciò che viene definito “normale”, è molto soggettivo e penso sia per questo che ognuno abbia le proprie».

Perché la perversione attrae? 
R:«Perché ha quel pizzico di proibito di cui molti non riescono a fare a meno».

Qual è il confine che non bisogna varcare affinché il tutto non sfoci nella volgarità? 
R:«Bisogna avere chiaro in mente l’obiettivo di ciò che facciamo e ciò che vogliamo ottenere; non credo che ci siano delle regole per non essere volgari».

Nei tuoi post hai parlato di orgasmo e rapporti orali, ma anche di ciclo mestruale... sono ancora da considerarsi tabù? 
R:«Purtroppo si, anzi, spesso sono più “sdoganati” argomenti come il sesso orale che non il ciclo mestruale o la disfunzione erettile. Anche per questo collaboriamo io e Mistersex.it, per far vedere che si può parlare di tutto e senza avere vergogna».


Quando hai capito che in qualche modo la tua immagine funzionava sul web?
R:«Dopo un po’ che avevo aperto il canale su YouTube. Ho notato che le persone si interessavano a me e a quello che avevo da dire».

Quanto ti è stata d'aiuto la tua fisicità? 
R:«Sicuramente 😂… Alcuni amici dicono che sono uno scherzo della natura!».

Quali sono i tuoi followers tipo? 
R:«I miei followers tipo hanno dai 13 ai 60 anni ma sono molto alti nella fascia tra i 25-35 anni. Credo che il mio tipo di contenuti interessi tutte le età».

Quali sono le domande che i tuoi followers spesso ti pongono? 
R:«Spesso mi fanno domande su come sono fuori dai social ma soprattutto mi chiedono consigli sulla sessualità. Amo il fatto che mi vedano come una persona che non giudica e con cui ci si possa confidare».

Le più strane? 
R:«Le domande più strane sono quelle sulla misura del pene; vogliono tutti essere sicuri di essere “abbastanza” sotto quell’ambito 😂. Per il resto mi arrivano spesso proposte indecenti soprattutto sul feticismo; i più classici sono i feticisti dei piedi ma la cosa più strana che mi hanno proposto è stata una sessione di Ballbusting, la pratica di farsi prendere a calci nei testicoli».

Concedimi la più scontata e la più bigotta della domande... Qual è il tuo rapporto con la tua famiglia? 
R:«Il mio rapporto con la mia famiglia è molto equilibrato. All’inizio non avevano ben chiaro quale fosse il mio lavoro ma una volta vista la serietà e la professionalità del tutto si sono rassicurati. Mi appoggiano molto».

E il tuo ragazzo? Cosa ne pensa delle tue attività? 
R:« Il mio compagno è il mio sostenitore numero 1. Mi appoggia in tutto ciò che faccio ed è molto orgoglioso di me».

Martina, come ti vedi nell'immediato futuro?
R:« Nell’immediato futuro mi vedo decisa a continuare a crescere sia personalmente che lavorativamente e a continuare a portare contenuti accattivanti a tutti i miei followers che, come sempre, non posso fare a meno di ringraziare».

Potete seguire Martina Finocchio su:
https://www.youtube.com/user/martymakeup9696

SOCIAL:
https://www.instagram.com/martina_finocchio/

Ph Credits: Simone Favilli

Buon compleanno Malena! La pornostar pugliese festeggia gli anni oggi a Riccione

MILANO - Malena, star dei film per adulti, ex naufraga del reality TV, nonché ex eletta all'assemblea nazionale del PD nel 2013, festeggia oggi il suo compleanno a Riccione. Stasera, presso il locale Pepenero della riviera romagnola, Filomena Mastromarino, viso femminile del cinema internazionale a luci rosse, ha dato appuntamento ad amici e parenti per partecipare a una piccante festa di compleanno.

L'attrice originaria di Gioia del Colle (BA) è stata scoperta nel 2016 dal noto attore, regista e produttore, Rocco Siffredi, che l'ha eletta a musa e insegnante della “Siffredi Hard Academy”: la scuola di formazione per professionisti del cinema per adulti, concepita e diretta personalmente da Rocco Siffredi in Ungheria.

Dall'accademia del pornodivo internazionale, viene tratta una serie televisiva a episodi, che è prodotta e trasmessa da Netflix Italia. Ma ieri notte a Los Angeles, il celebre pornodivo originario di Ortona (CH), ha vinto con “Rocco Siffredi Hard Academy 3”, film vietato ai minori che annovera nel cast anche l'attrice italiana Malena, la categoria “Best Foreign Non-Feature Release of the Year” degli Xbiz Awards 2019: premi e riconoscimenti di settore dell'intrattenimento per adulti, che equivalgono ai Golden Globes per l'industria del Cinema. Un sincronico riconoscimento, che celebra la bella attrice italiana il giorno del suo compleanno.

Ma Rocco Siffredi, unico italiano che ha coniato generi e termini dell'intrattenimento mondiale per adulti, ha letteralmente conquistato anche l'edizione 2019 degli Xbiz di Los Angeles: la leggenda vivente della pornografia mondiale, si è infatti aggiudicato l'ambito titolo di “miglior regista straniero 2019” durante la kermesse californiana di ieri notte.

Anche l'italiana Manuela Arcuri tra le 8 donne più desiderate del 2019

ROMA - Uno studio di Anima Select ha preso in esame un campione di 1.600 uomini tra i 24 ed i 55 anni per tracciare l'identikit della donna ideale del 2019.

Il risultato? «La bellezza è più relativa che mai: nel 2019 diventa una variabile dipendente dalla tipologia emotiva di ciascuno di noi» risponde Giuseppe Gambardella, ideatore e ceo di Anima Select.

«C'è chi la preferisce magra, chi tonda, chi alta con gli occhi neri, chi bassa con gli occhi verdi. Ma, in relazione alla tipologia emotiva di ciascuno di noi, esistono donne più desiderabili di altre» spiega Gambardella.

Ecco allora nel sondaggio di Anima Select, divise per le 8 possibili tipologie emotive, le 8 donne più belle del 2019.

La modella e attrice brasiliana Adriana Lima incarna la tipologia emotiva codificata da Anima Select come "Cleopatra", una donna forte e affascinante, sicura di sé e seducente, che predilige i confronti calmi e pacati e più che l'avere qualcosa preferisce desiderarla..

(Adriana Lima)
Tra le bellissime, Dakota Johnson incarna invece la tipologia "Julia Roberts". È una donna molto femminile e materna, dal carattere dolce e deciso, che ama prendersi cura del suo amore e dei suoi cari. È una sognatrice, ma l'entusiasmo per l'oggetto del desiderio svanisce appena ne entra in possesso.

Kate Upton, nella tipologia emotiva "Brigitte Bardot", sensuale e femminile ma con un carattere fortissimo e deciso, è invece un tipo di donna che tende ad occupare posizioni di leadership. Alle donne come Kate, piace molto catalizzare l'attenzione del suo uomo su di sé.

Vi è poi Eliza Taylor che incarna il modello "Marylin Monroe", una donna che coccola il suo uomo e che si prodiga affinché il suo ambiente domestico sia sempre piacevole e accogliente. Allo stesso modo però vuole ricevere attenzioni. Non le piace sognare, preferisce agire e le lunghe attese la scoraggiano.

Emma Watson incarna il tipo "Audrey Hepburn", una donna che ama occupare ruoli di potere ed essere al centro di ogni tipo di decisione e che per questo è spesso in conflitto con le altre donne. Predilige il dialogo acceso e le piace entrare subito in possesso delle cose che desidera.

(Taylor Hill)
Poi ancora, Taylor Hill, testimonial delle campagne pubblicitarie di Versace, incarna la tipologia emotiva di "Coco Chanel", un tipo di donna che ama molto la cura dei dettagli. È molto precisa e propositiva ed è sempre protettiva e pronta ad aiutare, dote che la porta ad essere un'ottima madre. Ma è spesso in difficoltà a gestire i rapporti con altre donne.

L'ex coniglietta di Playboy Amanda Cerny incarna invece la tipologia emotiva "Jacqueline Kennedy". Donna affascinante e misteriosa, va d'accordo con le donne ed è invece spesso in conflitto con gli uomini. Le piace molto avere il possesso delle cose ma non le piace aspettare a lungo per averle.

Tra le più belle del mondo non poteva mancare un'italiana: Manuela Arcuri che incarna la tipologia emotiva di "Maria Callas". È una donna forte che ama essere sempre al top e avere ruoli di leadership. Il suo carattere duro la porta spesso ad essere in competizione con gli uomini, si lega però a partner che le danno sicurezza e stabilità.

«Il nostro impegno, in base alla tipologia analogica di ogni individuo, è quello di far conoscere a ciascuno quel partner speciale che ha sempre sognato» sostiene il fondatore di Anima Select.

Rocco Siffredi: "Me lo hanno tagliato"


di PIERO CHIMENTI - Il noto pornodivo Rocco Siffredi, nel post operazione alla spalla di cui si conoscono pochi particolari, scherza sui social postando un video in ospedale dalla moglie Rozsa Tassi, in cui dichiara: "Me lo hanno tagliato".

Malena come Moana: dopo venti anni una pornostar su Rai1 a raccontare il proprio lavoro

MILANO - Oggi alle 23:35 su Rai1 è in programma la puntata “Sex Therapy” della trasmissione Petrolio, che indaga i comportamenti sessuali degli italiani. In studio è presente la pornostar Malena per mostrare gli aspetti del suo lavoro nel settore dell'intrattenimento per adulti. Quasi un debutto, dopo vent'anni: negli anni '80 una protagonista di film a luci rosse era chiamata a illustrare la propria professione sul primo canale nazionale, era Moana Pozzi.

Un parallelismo già preannunciato, lo scorso 11 maggio durante la puntata di Chiambretti Matrix su Canale 5, da Rocco Siffredi, scopritore e mentore professionale dell'attrice di Gioia del Colle (BA). Il noto attore, regista e produttore italiano di pellicole per adulti aveva sottolineato che, dopo Moana, la vera pornostar italiana è la 35enne attrice Filomena Mastromarino, in arte Malena.

Quando gli uomini preferiscono la sottomissione

“Dove c’è gusto non c’è perdenza” recita un vecchio detto. Applicandolo alla sfera sessuale ci rendiamo conto di quanto varie possono essere le preferenze in materia. Oggi, infatti, esistono tantissimi accessori fetish che soddisfano qualsiasi tipo di esigenza e perversione. 

Negli ultimi anni, però, c’è stata una netta crescita del numero di uomini che nel sesso amano essere sottomessi. Secondo un’indagine effettuata, infatti, nel mondo Bdsm (di cui fanno parte circa 4 milioni di italiani adulti), la componente maschile pesa per l'89% (3.600.000 individui), nei due ruoli, quella femminile (sempre nei due ruoli) solo per l'11% (400.000 individui). Inoltre per ogni Mistress, ossia per ogni femmina dominante, ci sono cinque slave, ovvero cinque maschi sottomessi.

Non a caso si sta facendo largo una corrente di pensiero femminista radicale, chiamata "Ginarchia", la quale fa della superiorità femminile sul maschio, e del conseguente diritto delle donne a reificare l’uomo stesso e di porlo sotto il totale controllo femminile. Si tratta di un fenomeno molto diffuso negli Stati Uniti che sta trovando terreno fertile nel Bel Paese. Ma per quale motivo agli uomini piace la sottomissione? Questa ha un ragionamento un pò contorto alla base, e di solito prevede il disprezzo dell'altro sesso.

Gli studiosi hanno scoperto che i ricettori del piacere e del dolore sono gli stessi, quindi entrambi percepiscono la carezza e lo schiaffo, ma naturalmente a sollecitarli maggiormente sarà lo schiaffo.

Secondo uno studio, questo genere di preferenza sessuale rappresenta una forma più completa, totale ed appagante di piacere. Si tratta di un qualcosa principalmente mentale che comprende il sentirsi totalmente nelle mani dell'altro/a, che poi diviene intenso piacere fisico.

In questa analisi rientra la voglia degli uomini di fare sesso con i transessuali. Statisticamente, infatti, il 40% degli uomini che frequentano la prostituzione preferisce i transessuali. Secondo uno studio, gli uomini che cercano sesso con transessuali hanno bisogno della vera intimità, di essere sottomessi sia psicologicamente che fisicamente.

È facile, dunque, trovare uomini che fantasticano di essere un oggetto sessuale, essere picchiati, sedotti, brutalizzati, rapiti, costretti con la forza a consumare atti sessuali. Questi godono ad essere sculacciati, tornando indietro nel tempo a quando lo erano da bambini. Altri vogliono che la loro donna sia tutta vestita di cuoio, che lo costringe ad essere suo schiavo.

Altri ancora amano farsi legare durante il sesso perchè questo li libera dalla cosiddetta ansia da prestazione. Insomma, si tratta solo ed esclusivamente di una ricerca approfondita e costante del piacere. E non c’è da meravigliarsi se qualche uomo ricerca ciò nella sottomissione perchè si tratta, come detto, di un qualcosa che rientra nella sfera privata ed intima della persona. D’altronde, come abbiamo detto all’inizio, dove c’è gusto non c’è perdenza. E questo basta a spiegare le scelte di chi preferisce farsi dominare durante il rapporto sessuale.

Ilona Staller (intervista): «Il taglio dei vitalizi? Una delibera illegittima e palesemente incostituzionale»


 di NICOLA RICCHITELLI – Oggi sul Giornale di Puglia abbiamo il piacere di intervistare Ilona Staller, conosciuta in tutto il mondo col suo nome d'arte CICCIOLINA: da sempre un’icona di grande dolcezza, fascino e classe, da modella a ex-parlamentare, da attrice ad artista a 360°.

Perché reputi un’ingiustizia il taglio dei vitalizi?
R:«E’ un diritto acquisito e i giudici, insieme ai numerosi ricorsi ad oggi oltre 700, sicuramente daranno ragione a tutti noi ex parlamentari, ricorsi mirati ad un azione civile ed amministrativa, bisogna fare molta attenzione sui diritti acquisiti. Io stessa insieme ad altri ex parlamentari ho depositato il ricorso, è una reazione di difesa anche da esempio per gli italiani che potrebbero poi loro essere mira di un ridimensionamento drastico delle pensioni dopo i vitalizi di noi ex parlamentari.
Perché reputo un’ingiustizia il taglio dei vitalizi? E’ una delibera che ritengo assolutamente illegittima e palesemente incostituzionale, non si tratta di privilegi ma di diritti acquisiti decisi decenni fa da autorevoli esponenti della politica italiana. I diritti acquisiti dai cittadini, sia ex parlamentari che cittadini normali non possono essere modificati.
Io e i 700 ex onorevoli che abbiamo presentato ricorso siamo molto “onorevoli” e non “disonorevoli”, e abbiamo fatto il nostro dovere come farebbero gli italiani stessi se si arrivasse al taglio delle loro pensioni.
I finanziamenti ai partiti nelle campagne elettorali dei politici non devono più giungere ai politici stessi, devono loro di tasca propria finanziarsi! Col loro portafoglio! I soldi che il Parlamento destina a loro per finanziare la campagna elettorale devono andare alle famiglie bisognose, quelle che non arrivano più a fine mese, e sono moltissime ormai in Italia!».

Su Salvini e Di Maio in questi giorni…
R:«Non tollero più di sentirmi insultare da Salvini e da Di Maio, non accetto più questa istigazione all’odio che portano avanti nei miei confronti, ho ricevuto un sacco di insulti e attacchi. Siano loro i primi a tagliarsi i loro lauti stipendi tra i più alti d’Europa, con quei soldi potrebbero essere aiutati molti italiani in povertà”.
Rispondo a Matteo Salvini, che giorni fa è stato nello studio di “Non è l’Arena” parlando del taglio dei vitalizi, nel quale affermava : “Io proverei vergogna a fare ricorso, è giusto che tutti prendano quello che hanno versato...”.
Io, Ilona Staller, invece dico a Salvini che: “sono stata in Parlamento dal 1987 al 1992, ho fatto 15 proposte di legge e per questo esigo rispetto. Non posso accettare che Salvini mi dica di vergognarmi, così facendo inculca alla gente odio nei miei confronti e questo non posso accettarlo”.
L’avvocato Luca Di Carlo, mio difensore oltre che di altri ex parlamentari, ha già presentato ricorso presso il Consiglio di Giurisdizione della Camera dei Deputati, specificando: “Quello del Governo è un attentato alla Costituzione. Non siamo in una dittatura e dobbiamo difendere ogni diritto umano. Una semplice delibera non può annullare una legge. Ogni forma contraria alla democrazia che reprime i diritti di ogni singolo individuo è da condannare».

Cosa ti spinse in quell'oramai lontano 1987 ad intraprendere la carriera politica?
R:«Il mio rapporto con la politica è stato già subito una scintilla a prima vista da quando arrivai in Italia negli anni ’70, fino a diventare deputato del Parlamento Italiano, nel periodo dal 1987 al 1992, con oltre 20mila preferenze da parte dei votanti, e l’impegno all’interno dell’ambiente politico in tutti i 5 anni del mio mandato è stato tutto nel segno dell’onestà e di promessa nei confronti dei miei votanti, è difficile lavorare nell’ambiente parlamentare per le tante idee, opposizioni ecc., tuttavia ho sempre portato avanti il mio impegno con dignità e onestà per l’Italia».

Che significato ha avuto per te il fare politica, stare in politica, entrare in politica?
R:«Il fare politica per me e stare in politica lo dimostrano i temi affrontati fin da subito, dopo la mia nomina a Onorevole del Parlamento Italiano: temi attuali come la libertà sessuale, ma anche dell' informazione e dell'educazione sessuale nelle scuole, mi battevo per la libertà dei carcerati chiedendo l'amnistia per i reati minori, nel mio programma politico, sostenevo molto il sociale per le classi più bisognose, mi battevo contro l'uso indiscriminato degli animali per esperimenti scientifici, per la depenalizzazione della droga, contro ogni forma di censura, e infine per una efficace educazione sessuale nelle scuole, facendo campagne di informazione sui pericoli dell'AIDS. Di qui i numerosi disegni di legge da me proposti estremamente importanti e straordinari: molto importante fu l’impegno per la Riapertura delle case chiuse in versione profondamente diversa dal passato, con nessun privilegio fiscale e con trattamento previdenziale, tutto con garanzia di igiene, salute pubblica e la sottrazione dal pericolo della strada».

Qual è oggi il tuo rapporto con la politica?
R:«Premetto che non mi ero mai preposta di affezionarmi alla poltrona ma di certo mi sono affezionata a una materia straordinaria come la politica e l’impegno per il sociale, anche oggi mi occupo di temi sociali e, statene certi, continuerò a interessarmi sempre da vicino! E, perché no, potrei rientrare in politica del resto io e il mio avvocato Luca Di Carlo abbiamo fondato nel 2012 un partito politico ancora esistente, col nome di DNA: Democrazia Natura Amore, il cui contrassegno e nome sono depositati presso il Ministero degli Interni e autorizzato per la Camera dei Deputati e per il Senato della Repubblica».

Qual è il tuo giudizio sulla classe politica italiana?
R: «Purtroppo non posso esprimere un giudizio favorevole perché ancora moltissimi italiani vivono in condizioni precarie, senza un lavoro e con famiglia e magari un mutuo da pagare: cosa è stato fatto per loro? Nulla allo stato attuale, nessuna luce di cambiamento. Sono molto triste per tantissimi italiani senza futuro e senza un presente dignitoso. Inoltre, oggi i nostri giovani fanno le valigie e se ne vanno perché non trovano luoghi dove realizzare i loro sogni nel proprio Paese, questo mi dispiace moltissimo ed è questo il lato peggiore di oggi, che non era di certo così negli anni ’70 quando giunsi in questa meravigliosa nazione, che amo quanto la mia patria».

Qualche giornale aveva ipotizzato un tuo ingresso nella casa del “Grande Fratello VIP”. Quanto c’è stato di vero?
R:«Se avessero intenzione e dessero un contratto di partecipazione, ne darei volentieri la notizia,  sinceramente sarebbe una bella novità per tutti i miei fans, la Tv italiana non mi dà spazio ma come si dice “chiusa una porta…si apre un portone…”; difatti nel mese di novembre 2017 ho partecipato ad un fantastico reality per la TV ungherese (non italiana perché probabilmente sono un personaggio scomodo) insieme a 12 VIP in una foresta del Sud Africa, vicino Johannesburg per cui eccomi qui, se decidessero di chiamarmi a fare casting per un reality sono pronta avendo partecipato a reality in Argentina, Inghilterra e Ungheria… attendo proposte dunque dall’Italia».

Ad ogni modo quella del Grande Fratello sarebbe un'esperienza che faresti volentieri?
R: «Assolutamente si, accetterei volentieri, non avrei nessun timore di mettere alla prova le mie capacità di adattamento. Dovete sapere che, nel reality “CELEB VAGYOK, MENTS KI INNEN” per la TV ungherese RTL Klub una specie di “Jungla dei Famosi”, ambientato nella foresta tropicale del Sud Africa, le mie condizioni di vita e partecipazione per 4 settimane erano decisamente scomode e prive di qualsiasi comodità rispetto alla vita agiata delle nostre città o in una stanza tra 4 mura, oltre al maltempo e i continui temporali anche violenti».

A parte questo, cosa stai organizzando di bello in questo periodo per la tua carriera artistica?
R:«Innanzitutto vi ricordo che sono sempre impegnata nel Love Tour by CICCIOLINA che prosegue in tutte le discoteche commerciali e di tendenza: davanti ai miei moltissimi fans mi esibisco in live con le mie canzoni di successo quali “Muscolo Rosso”, “Inno alla Trasgressione”, “Political Woman” ecc., tutte all’insegna di uno splendido revival anni ’80/’90 e spero che anche le discoteche della meravigliosa Puglia possano contattarmi se ancora non hanno avuto il pregio di avere CICCIOLINA come Special Guest Star. Proseguo con le programmazioni di eventi quali Madrina per fiere sia della moda che del cinema, e naturalmente Madrina di eventi legati al settore dell’arte contemporanea. La mia grinta è sempre la stessa, nulla è cambiato se non che la scenografia degli spettacoli non più troppo trasgressiva come in passato: un pizzico di nostalgia non manca… un tempo con me sul palco c’era il mio serpente “Pito Pito” e oggi invece come già in quei tempi, porto sempre il mio inseparabile orsetto di peluche.

E' vero che c'è l'intenzione di girare un film basato sulla tua vita?
R:«Per essere più precisi sto cercando grandi produttori sia nazionali che esteri per la realizzazione del film sulla mia vita, un vero kolossal cinematografico che mi vedrà impegnata in prima persona nei panni di attrice e di regista: sto ricercando vari produttori per proporre le richieste di produzione per il lancio definitivo del mio film che vorrei avvenisse nel 2019. Sarà un vero kolossal d’autore: un film spettacolare che narrerà tutta la mia vita dall’infanzia in Ungheria fino ai giorni nostri qui a Roma, dove vivo da trent’anni.
Il copione di questo mio grande film autobiografico è già pronto e si basa sul libro omonimo: “PER AMORE E PER FORZA” , di cui sono proprietaria dei diritti d’autore, naturalmente sarà integrato con moltissime parti inedite sulla mia vita fino ai giorni nostri».

Sappiamo che fai delle ottime opere visuali. Ne stai realizzando qualcuna o programmi qualche mostra?
R:«In questo momento mi sto dedicando molto all’arte contemporanea, per fare una cronistoria già ho dato lustri e luce ad artisti che oggi sono diventati famosi ispirandosi a me come musa delle loro opere d’arte moderna. Oggi però sono io stessa ad essere anche ideatrice di fantastiche opere d’arte contemporanea surrealistiche per la serie CICCIOLINA MAKE ART: una serie di opere d’arte che con grande entusiasmo illustrano la mia persona, la mia vita, ecc in illustrazioni inedite ed assolutamente esclusive! Le opere sono di varie dimensioni tutte firmate da me, sotto forma di collages coloratissimi esse denotano una sensualità ed una vitalità molto spiccate – saranno il tema centrale delle esposizioni artistiche in programma per il 2019.
Attualmente sono anche alla ricerca di produttori di borse e stilisti che siano interessati a produrre le mie borse artistiche: la mia idea denominata ART IN BAGS è quella di realizzare borse con raffigurate le mie opere d’arte contemporanea ed hanno come pendente la mia bambolina che da sempre mi ha raffigurato nella mia carriera artistica in tutto il mondo».

Potessi tornare indietro, il porno sarebbe stata comunque la tua strada?
R:«Il porno è stato un capitolo artistico della mia carriera a 360°, un porno d’arte fatto di scenografie meravigliose e molto curate, è stato un ramo della mia vena artistica, ma attenzione: molto è cambiato, i meravigliosi tempi del porno con io protagonista, CICCIOLINA regina dell’hard con la coroncina di fiori e la lingerie in pizzo molto curata, sono oggi completamente stravolti da un sistema di business assolutamente vorticoso dove vige la regola: girare velocemente per produrre sempre di più.
Un tempo era tutto molto entusiasmante perché arricchito di scenografie e trame tali da far seguire a fondo l’intero film, nelle mie interpretazioni ho fatto tutto con spontaneità, naturalezza e senza alcun tabù, ma attenzione : sempre nel rispetto della dignità e professionalità e comunque un ramo della mia carriera artistica che oggi non ha eguali».

Perché ad un certo punto della tua vita hai detto basta?
R:«Ad un certo punto si deve passare dal passato al presente, giusto? Quindi al presente sappiate che sono una grande mamma, coraggiosa e leale, amorevole e dolcissima per aver dato alla luce un figlio meraviglioso e bellissimo: Ludwig Koons. Mio figlio rappresenta la mia famiglia, la mia compagnia, il centro di ogni mio impegno, e ad oggi Ludwig è un ragazzo dotato di grande entusiasmo, studia arte e lo seguo nella sua carriera artistica come pittore di opere d’arte contemporanea in tutto il mondo».

Vera la voce che in futuro pensi di lasciare l’Italia?
R:«Non ho per nulla intenzione di lasciare l’Italia».

Siamo giunti al termine…
R:«Auguro con tutto il cuore che nel mondo ci sia tanta pace e non ci siano più guerre e terrorismo. Tanta salute, amore e anche sesso a volontà. Baci baci a tutti i Cicciolini e Ciccioline del Giornale di Puglia, aspetto di essere protagonista di un evento in questa meravigliosa regione del Sud».

Social: 

https://www.facebook.com/IlonaStaller.ContemporaryArt/
https://www.instagram.com/cicciolina_official/

© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo