Visualizzazione post con etichetta musica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta musica. Mostra tutti i post

Elodie madrina del Roma Pride 2022



ROMA - Sarà Elodie la madrina del Roma Pride 2022. La cantante ha accettato senza esitazione l'invito del Coordinamento Roma Pride di essere la madrina dell’edizione 2022 e sarà presente alla "Grande Parata" di sabato 11 giugno con la sua hit “Bagno a mezzanotte”, che sarà l’inno della manifestazione di quest’anno.

Elodie è un'icona trasversale che si è sempre esposta in difesa delle donne, nelle battaglie per le rivendicazioni Lgbt+ e nella lotta contro il razzismo.

“Non poteva esserci una madrina migliore di lei – afferma Mario Colamarino, portavoce del Roma Pride -  Siamo certe e certi che il suo costante apporto alla comunità Lgbt+  e il suo impegno civile per la parità dei diritti diano un importante valore aggiunto alla manifestazione contribuendo a far passare il messaggio centrale che un Paese civile e democratico non può più tollerare discriminazioni e negazioni e deve procedere sulla strada della piena uguaglianza e libertà per tutte e tutti.”

Tananai conquista tutti: annunciate le nuove date della tournée

(Ph Roberto Graziano)

MILANO  - In occasione del tour sold out di Tananai, si annunciano le date della tournée nei club a maggio 2023. 

Sull’onda del successo del tour attualmente in corso che ha registrato il sold out in tutte le date, prodotto da Friends and Partners, Tananai annuncia che tornerà a suonare live anche il prossimo anno con cinque appuntamenti nei club italiani più importanti, a partire da venerdì 5 maggio 2023 a Napoli, alla Casa della Musica, sabato 6 maggio 2023 a Roma, all’Atlantico Live, proseguendo mercoledì 10 maggio 2023 al Tuscany Hall di Firenze, sabato 13 maggio 2023 al Grand Teatro Geox di Padova, per poi concludere giovedì 18 maggio 2023 al Fabrique di Milano. 

Tananai si è già esibito nelle prime due date del tour 2022, a Venaria Reale e Milano, accompagnato dalla sua band, (Donald Renda – batteria, Lucio Fasino – basso, Enrico Wolfgang Leonardo Cavion – chitarre). Non mancano anche momenti in cui è l’artista stesso a suonare il pianoforte e cantare solo, insieme al suo pubblico, proponendo anche qualche sorpresa del suo passato da produttore elettronico. 

Il tour è occasione per Tananai di cantare finalmente dal vivo, oltre alla sua discografia precedente, anche “Sesso Occasionale”, canzone presentata al Festival di Sanremo 2022 e certificata disco di platino, e la hit “Baby Goddamn” (disco di platino), uscita a marzo 2021, stabile da quasi due mesi nella Top5 di Spotify Italia delle canzoni più ascoltate, conquistando anche la #1 posizione, e attualmente in Top10 Fimi/GFk dei singoli più venduti. 

CALENDARIO TANANAI LIVE 2023

Venerdì 5 maggio 2023 – Napoli @ Casa della Musica

Sabato 6 maggio 2023 – Roma @ Atlantico Live

Mercoledì 10 maggio 2023 – Firenze @ TuscanyHall

Sabato 13 maggio 2023 – Padova @ Gran Teatro Geox

Giovedì 18 maggio 2023 – Milano @ Fabrique


CALENDARIO TANANAI LIVE 2022

Venerdì 13 maggio 2022 – Venaria Reale (TO) @ Teatro della Concordia – SOLD OUT

Lunedì 16 maggio 2022 – Milano @ Fabrique – SOLD OUT

Mercoledì 18 maggio 2022 – Roma @ Atlantico Live – SOLD OUT

Venerdì 20 maggio 2022 – Firenze @ TuscanyHall – SOLD OUT

Lunedì 23 maggio 2022 – Milano @ Fabrique – SOLD OUT


CALENDARIO TOUR ESTIVO 2022

Giovedì 2 giugno 2022 – Livorno @ Straborgo

Venerdì 3 giugno 2022 – Cremona @ Tanta Robba Festival

Martedì 21 giugno 2022 – Bologna @ Oltre Festival

Venerdì 1° luglio 2022 – Genova @ Goa Boa Preview

Sabato 9 luglio 2022 – Caorle (VE) @ SuoniCaorle

Venerdì 15 luglio 2022 – L’aquila @ Pinewood Festival

Sabato 16 luglio 2022 – Alba (CN) @ Collisioni Festival

Venerdì 22 luglio 2022 – Marina di Camerota (SA) @ Meeting del Mare XXVI edizione

Mercoledì 27 luglio 2022 – Igea Marina (RN) – OltreaMare – Beky Bay

Sabato 30 luglio 2022 – Alghero (SS) @ Abbabula Festival

Martedì 9 agosto 2022 – Trani (BT) @ EmBi Festival

Venerdì 11 agosto 2022 – Lecce @ Oversound Music Festival

Giovedì 18 agosto 2022 – Roccella Jonica (RC) @ Roccella Summer Festival

Venerdì 19 agosto 2022 – Zafferana Etnea (CT) @ Sottoilvulcano Festival – Etna in scena

Sabato 20 agosto 2022 – Partanna (TP) @ Teatro Lucio Dalla

Giovedì 25 agosto 2022 – Empoli @ Beat Festival

Sabato 27 agosto 2022 – Romano D’Ezzelino (VI) @ Ama Music Festival

Sabato 3 settembre 2022 – Bergamo @ NXT Station




Macy Gray annuncia le date italiane di “The Reset Tour”




La straordinaria interprete del Neo Soul Macy Gray annuncia le date italiane di “The Reset Tour”, prodotte e distribuite da Vivo Concerti. La cantante si esibirà lunedì 17 ottobre a Milano all’Auditorium Fondazione Cariplo, martedì 18 ottobre a Roma al Teatro Brancaccio e mercoledì 19 ottobre a Padova al Gran Teatro Geox. Nel tour Macy Gray è accompagnata dalla band The California Jet Club.

Natalie Renee McIntyre, in arte Macy Gray, è nata a Canton, in Ohio, il 6 settembre 1967. Appassionata di musica fin da bambina, ha sempre coltivato il sogno di diventare una cantante. Si trasferisce a Los Angeles e inizia a esibirsi in alcuni locali jazz. Notata da alcuni discografici, viene messa sotto contratto nel 1999 e pubblica subito un album che diventerà un classico del neo soul: On How Life Is, che contiene la hit mondiale I Try, vincitrice nel 2001 ai Grammy Awards nella categoria “Best Female Pop Vocal Performance” e nominata nelle categorie “Record of the Year” e “Song of the Year”.

Continua a riscuotere successo con la pubblicazione nel 2001 del suo secondo album, The Id, prodotto da Rick Rubin e ricco di grandi collaborazioni, come quella con Erykah Badu. Nel corso del decennio resta una delle voci più importanti del pop soul e del contemporary R&B; la sua carriera continua nel 2016 , quando torna alle radici soul jazz con l’album Stripped, un’antologia completa di brani inediti, cover e remake.

Nel 2022 Gray è stata confermata fra i 56 artisti  che parteciperanno all'American Song Contest in rappresentanza dello stato dell’Ohio.

I biglietti per le date del tour saranno disponibili su vivoconcerti.com  a partire da venerdì 20 maggio alle ore 9.00 e nei punti vendita a partire da mercoledì 25 maggio alle ore 9.00. 

Alessandra Amoroso: ''Camera 209'' è il nuovo singolo


Quanto mi era mancata, questa maledetta felicità” … ritrovarsi, riscoprire quella sana leggerezza e quella spensieratezza, che non significano superficialità, ma che consentono di vivere al massimo ogni istante della vita e goderne fino in fondo. Questo è il messaggio contenuto in “CAMERA 209” (Epic/Sony Music), il nuovo brano di Alessandra Amoroso, disponibile da oggi in tutti gli stores. 

Il brano, che è stato presentato ieri sera in anteprima live alla finale di Amici di Maria De Filippi, è stato scritto da Davide Petrella, prodotto da Zef e contiene un omaggio ai DB Boulevard e al loro celebre successo “Point of view”.

“Camera 209”, canzone up-tempo dal gusto dance, è il racconto di una notte spensierata ma al tempo stesso un inno all’indipendenza e alla capacità di liberarsi da quegli schemi mentali che ci impediscono di vivere a pieno ogni momento, fregandosene dei giudizi altrui.

Mancano meno di due mesi a “TUTTO ACCADE a San Siro”, il primo concerto di Alessandra Amoroso allo Stadio G. Meazza di Milano. L’evento, previsto per il 13 luglio, segna un importante traguardo nella carriera dell’artista che sarà la seconda donna italiana a conquistare uno dei palchi più ambiti della musica pop e rock italiana e internazionale.

La dimensione del live ha avuto un ruolo fondamentale nel percorso di Alessandra che con concerti sempre all’avanguardia e innovativi, ogni volta è stata capace di stupire ed emozionare. “TUTTO ACCADE a San Siro” non fa eccezione e si preannuncia come uno show totale per vivere insieme al suo pubblico (big family) un’esperienza travolgente e indimenticabile.

I biglietti per l’evento sono disponibili in prevendita su TicketOne, su Vivaticket e nei punti vendita e prevendite abituali (info su www.friendsandpartners.it). 

Per l’occasione sono state attivate misure straordinarie in termini di trasporti e alloggi per agevolare il pubblico. Frecciarossa, treno ufficiale di “TUTTO ACCADE a San Siro”, ha attivato l’offerta ‘’Speciale Eventi’’ con sconti fino al 50 % per i possessori del biglietto per il concerto. 

 L’11 giugno Alessandra sarà inoltre tra le protagoniste di “UNA. NESSUNA. CENTOMILA. IL CONCERTO”, il più grande evento musicale di sempre contro la violenza di genere, che si terrà alla RCF ARENA REGGIO EMILIA (Campovolo). Insieme a lei le amiche e colleghe FIORELLA MANNOIA, EMMA, GIORGIA, ELISA, GIANNA NANNINI, LAURA PAUSINI.

Sfera Ebbasta, da settembre il 'Famoso Tour': ''Sono felice di tornare a suonare dal vivo in Italia''

 



MILANO - Sono ormai da mesi sold out le due date al Mediolanum Forum di Milano e a queste si è aggiunta oggi la data al Palazzo dello Sport di Roma del FAMOSO TOUR. Un risultato straordinario per Sfera Ebbasta che potrà finalmente portare sul palco FAMOSO, il monumentale album uscito per Island Records nel 2020 e il nuovo EP ITALIANO realizzato insieme a RVSSIAN. L’artista italiano di maggior successo, indiscusso recordman di vendite nel paese e non solo, dopo aver infranto qualsiasi record di ascolto con la propria musica, potrà finalmente portarla sui più grandi palchi d’Italia. Proprio per celebrare questo ritorno, e come atto di riconoscenza nei confronti dei fan per l’affetto ricevuto, Sfera Ebbasta sarà protagonista di una festa di fine tour al Forum di Assago l’11 ottobre 2022. La data sarà la terza a Milano, la città da cui Sfera è partito verso il mondo e dove torna ora per chiudere il suo tour nei palasport.  

"Sono felice di tornare a suonare dal vivo in Italia, dopo due anni di stop - dice Sfera Ebbasta. Stiamo preparando uno show davvero di altissimo livello. C’è tanta musica da suonare, non vedo l’ora di salire sul palco e rincontrare i miei fan."

Le date del Famoso Tour, prodotte da Trident Music in collaborazione con Thaurus, vanno a tracciare un ulteriore importante capitolo della dimensione live e della carriera di Sfera. Trident Music produrrà e realizzerà uno spettacolo su misura: uno show unico, futuristico e in linea con gli standard oramai mondiali del lavoro di Sfera Ebbasta. Se tante sono ancora le sorprese che Sfera ha in serbo per il suo pubblico, quel che è certo è che questi live saranno un ulteriore passaggio nella sua carriera; l’ennesimo passo avanti, insieme ad un partner da sempre all’avanguardia come Trident Music, in un percorso che è ben lontano dal considerarsi concluso. Un modo per dire, “non avete ancora visto niente”.

I biglietti per la nuova data di Milano saranno disponibili a partire dalle ore 14:00 di martedì 17 maggio su ticketone.it e ticketmaster.com.


 FAMOSO TOUR

RIMINI RDS STADIUM 23 SETTEMBRE 2022

MILANO MEDIOLANUM FORUM 25 SETTEMBRE 2022 (SOLD OUT)

MILANO MEDIOLANUM FORUM  26 SETTEMBRE 2022 (SOLD OUT)

ROMA PALAZZO DELLO SPORT 29 SETTEMBRE 2022 (SOLD OUT)

EBOLI PALASELE 1 OTTOBRE 2022

BOLOGNA UNIPOL ARENA 4 OTTOBRE 2022

FIRENZE MANDELA FORUM 6 OTTOBRE 2022

TORINO PALA ALPITOUR 9 OTTOBRE 2022

MILANO MEDIOLANUM FORUM 11 OTTOBRE 2022 (NUOVA DATA)

"Non finisce così" è il nuovo singolo dei Matia Bazar



“Non finisce cosiÌ è l'inizio del nuovo capitolo dei Matia Bazar. Il brano è un estratto album “The Best Of” dei Matia Bazar, prodotto da DM Produzioni di Danilo Mancuso e distribuito da ADA Music Italy, fuori su tutti i digital store da venerdì 13 maggio e in radio da venerdì 20 maggio.

Il nuovo progetto artistico dei Matia Bazar riparte esattamente da dove tutto ha avuto inizio, da un testo di Giancarlo Golzi, scritto prima della sua prematura scomparsa, ritrovato da Fabio Perversi (tastierista della band da oltre 25 anni) e musicato da Piero Cassano

Il brano, arrangiato, suonato, cantato e confezionato dai Matia Bazar con la guida di Piero Cassano, affronta un tema classico in modo inedito, a partire proprio dall’ambientazione sonora fresca e dal ritmo incalzante, quasi antitetico al tema dell’abbandono. Il testo segue la stessa impostazione, senza la lirica del dolore, della delusione e della rabbia, ma con il desiderio di superare le singole ragioni come primo passo per un nuovo inizio. A recuperare il rapporto è la donna, come spesso accade, attraverso una visione non narcisistica che mette da parte la verità di ciascuno. Non finisce così...la relazione nella quale ci si rimette in gioco con dignità e nuova consapevolezza, all’insegna del rispetto reciproco e dell’amore che ne ha ispirato l’inizio.

Il singolo è un inedito tratto dal nuovo album “The Best of “che  racchiude in dodici tracce alcuni dei successi del gruppo, e rappresenta un vero e proprio passaggio di testimone, la continuità di una storia eccezionale, all’insegna di uno stile che unisce ricercatezza e avanguardismo, tratti distintivi della band che continua ad essere un vero e proprio laboratorio musicale.

Dopo i vari cambiamenti, i Matia Bazar si presentano con una formazione rinnovata guidata da Fabio Perversi (tastierista della band da oltre 25 anni), Piercarlo(Lallo) Tanzi alla batteria e voce, Silvio Melloni al basso, tastiere e voce, Gino Zandonà alla chitarra e voce e Luna Dragonieri, voce solista.

Il progetto discografico dà il via al tour estivo che attraverserà le piazze più belle della penisola.

Cantante della Kalush Orchestra parte al fronte


PIERO CHIMENTI
- Oleh Psjuk, dopo essere salito alla ribalta per la vittoria all'Eurovision con la sua Kalush Orchestra, ha deciso di salutare la propria fidanzata per partire sul fronte in Ucraina. 

La band ha rischiato l'eliminazione dall'esibizione canora dopo aver lanciato l'appello per Mariupol, che lo stesso vocalist aveva commentato: “La squalifica era un prezzo che non avrei esitato a pagare per far passare il mio messaggio - ha detto il cantante e leader del gruppo Oleh Psjuk -. La nostra gente è bloccata nell'acciaieria Azovstal e non può uscire. Bisogna farli uscire e per farlo abbiamo bisogno di far circolare le informazioni, di fare pressione sui politici".

Blanco, la gentilezza d'animo che si riflette nei suoi testi

MILANO - La sua voce ha ammaliato il pubblico di tutta Italia, quando in coppia con Mahmood ha portato sul palco dell'Eurovision la hit 'Brividi'. Preludio di un'estate da incorniciare per Blanco - all'anagrafe Riccardo Fabbriconi - che ha saputo ritagliarsi uno spazio nel cuore degli italiani anche per quella gentilezza d'animo che si riflette nei suoi testi - e che sta portando in giro per l'Italia con il suo BLU CELESTE TOUR, prodotto e distribuito da Vivo Concerti e Friends & Partners. 

Il palco è la sua casa, il suo mondo, il suo rifugio, un momento intimo che condivide con il pubblico e con il suo inseparabile amico e produttore, Michelangelo. Dietro ai suoi grandi successi c'è anche il suo zampino. 

Ventiquattro tappe, che dal 19 maggio al 17 settembre toccheranno tante città da nord al sud del Belpaese. La prossima tappa è a Napoli. E a dimostrare l'amore che il pubblico ha per una delle voci emergenti più cristalline della scena musicale italiana, ci sono i numeri: quasi tutte le tappe già sold-out, tra cui anche quella pugliese, in programma il 4 agosto al Parco Gondar di Gallipoli (Lecce). 

Un successo per l'artista bresciano, che si basa anche sull'incapacità di 'ingabbiarlo' in un genere: un equilibrio instabile fra beat trap ed esuberanza punk, che fanno di Blanco un'artista multiforme, dove traspare un’emotività intensa che si esprime nel contrasto fra liriche inquiete e melodie accattivanti. Una dissonanza che si riflette anche sulla scenografia realizzata in occasione del tour. 

L'ennesimo tassello di un 2022 che di fatto ha segnato una svolta nella carriera di Blanco: a partire dai primi passi mossi su un palco importante come quello dell'Ariston. Dove da outsider è riuscito a imporsi e farsi amare con la sua vocalità, vincendo con un duetto da 'Brividi' la 72esima edizione del Festival di Sanremo. Un brano che, a tre mesi dal termine della kermesse, continua a essere amato dal pubblico e dalle radio, tanto da guadagnarsi il record assoluto in termini di ascolti sulle piattaforme di streaming e visualizzazioni per il videoclip.

E mentre fioccano le richieste per l'organizzazione di data aggiuntive per il tour BLU CELESTE, ricordiamo che i biglietti sono ancora disponibili online e nei punti vendita che aderiscono al circuito Ticketone.


Blanco vi aspetta in tour:

Giovedì 19 MAGGIO 2022 - NAPOLI, CASA DELLA MUSICA SOLD OUT

Domenica 22 MAGGIO 2022 - BOLOGNA, ESTRAGON SOLD OUT 

Lunedì 23 MAGGIO 2022 -  BOLOGNA, ESTRAGON SOLD OUT

Venerdì 27 MAGGIO 2022 - BRESCIA, GRAN TEATRO MORATO SOLD OUT

Sabato 28 MAGGIO 2022 - BRESCIA, GRAN TEATRO MORATO SOLD OUT

 Sabato 18 GIUGNO 2022 - LOCARNO, CONNECTION FESTIVAL SOLD OUT

Venerdì 24 GIUGNO 2022 - GENOVA, GOA BOA_THE NEXT DAY SOLD OUT

Sabato 2 LUGLIO 2022 - PAESTUM (SA), MaCo FESTIVAL 

Venerdì 8 LUGLIO 2022 - FERRARA, SUMMER VIBEZ FESTIVAL NUOVA DATA

Sabato 9 LUGLIO 2022 - ALBA (CN), COLLISIONI FESTIVAL SOLD OUT

Venerdì 15 LUGLIO 2022 - UDINE, VILLA MANIN NUOVA DATA

Domenica 17 LUGLIO 2022 - L’AQUILA, PINEWOOD FESTIVAL SOLD OUT

Giovedì 21 LUGLIO 2022 - LUCCA SUMMER FESTIVAL - MURA DEL CASTELLO 

Sabato 23 LUGLIO 2022 - SERVIGLIANO (FM), NOSOUND FEST SOLD OUT

Mercoledì 27 LUGLIO 2022 - ROMA, ROCK IN ROMA RADDOPPIO DATA

Giovedì 28 LUGLIO 2022 - ROMA, ROCK IN ROMA SOLD OUT

Sabato 30 LUGLIO 2022 - CATANIA, VILLA BELLINI SOLD OUT

Domenica 31 LUGLIO 2022 - CATANIA, VILLA BELLINI RADDOPPIO DATA

Mercoledì 3 AGOSTO 2022 - MATERA, SONIC PARK MATERA SOLD OUT

Giovedì 4 AGOSTO 2022 - GALLIPOLI (LE), PARCO GONDAR SOLD OUT

Sabato 6 AGOSTO 2022 - CATTOLICA (RN), ARENA DELLA REGINA SOLD OUT

Venerdì 12 AGOSTO 2022 - OLBIA, RED VALLEY FESTIVAL

Venerdì 16 SETTEMBRE 2022 - MILANO, IPPODROMO SNAI SAN SIRO RADDOPPIO DATA

Sabato 17 SETTEMBRE 2022 - MILANO, IPPODROMO SNAI SAN SIRO SOLD OUT




 

I Kalush conquistano l'Europa: Sony Music devolverà i proventi del brano a un'associazione umanitaria

(via Kalush Orchestra Ig)
TORINO - I Kalush vincono l’Eurovision Song Contest 2022, in rappresentanza dell’Ucraina, con il brano “STEFANIA (Kalush Orchestra)”, disponibile in digitale, in maxi-CD e attualmente in rotazione radiofonica. 

La manifestazione, che si è svolta a Torino dal 10 al 14 maggio, ha visto la band ucraina raggiungere il gradino più alto del podio con 631 punti, assegnati dalla giuria e dal televoto.

“STEFANIA (Kalush Orchestra)”, composta da un mix di versi rap con un ritornello folk e beat hip hop, è dedicata alle madri dei membri della band e si basa su vere esperienze di vita. Con questo brano, la band ucraina ha conquistato il palco e il cuore del pubblico dell'Eurovision Song Contest 2022 sia con la loro musica incredibilmente unica che con i loro importanti messaggi.

Sony Music Entertainment devolverà tutti i proventi netti del brano a un’associazione umanitaria scelta dalla band.

Con la loro partecipazione al contest, i Kalush sono diventati il volto e la voce di una nazione che sta attraversando tempi strazianti. In mezzo a una guerra che tiene il mondo intero con il fiato sospeso e soffre indirettamente, i KALUSH hanno deciso che adesso è più importante che mai mantenere la propria posizione, i propri sogni e combattere per ciò in cui credono.

KALUSH, il cui nome si ispira alla piccola città industriale in cui è nato il frontman e leader della band Oleh Psiuk (alias The Psiuchyi Son), si sono formati nel 2019 quando i membri Igor Didenchuk e MC CarpetMan (Kylym Men) hanno risposto a un post Facebook di Oleh in cui cercava musicisti per formare la band. A loro si aggiungono i polistrumentisti Tymofii Muzychuk e Vitaliy Duzhyk, formando definitivamente la band. Il loro primo singolo "Shtomber Womber" è stato pubblicato nel dicembre del 2021.

Florence + The Machine pubblica il nuovo album, Dance Fever



Florence + The Machine pubblica oggi il suo attesissimo nuovo album, Dance Fever. L'album contiene i brani già pubblicati "My Love", "Free", "King" e "Heaven is Here", tutti accompagnati dai video mozzafiato dell'acclamata regista Autumn De Wilde.

Dance Fever è stato registrato a Londra nel corso della pandemia, in previsione della riapertura del mondo. Sono stati i club, i balli ai festival, l'essere nel vortice del movimento e, in definitiva, la musica e l'unione che sono mancati di più a Florence durante l'isolamento. Sono state le speranze e i sogni di riunirsi con i propri cari e di ballare con gli sconosciuti a mantenere vivo lo slancio della febbre della danza. L'estasi, la vicinanza, l'euforia per le possibilità del movimento sono servite a ricordare la perdita delle performance e del ballo nei club. In fondo, la musica è l'unica forma d'arte che ha il potere di aiutare a perdersi e a sentirsi liberi dalle ansie, anche se per un momento.

L'immagine e il concetto di coreomania - un fenomeno rinascimentale in cui gruppi di persone ballavano selvaggiamente fino allo sfinimento, al collasso e alla morte - sono diventati un punto focale di ispirazione. La danza ha offerto a Florence propulsione, energia e un modo di guardare alla musica in modo più coreografico.

Partendo, come sempre, armata di un taccuino di poesie e idee, Florence era appena arrivata a New York nel marzo del 2020 per iniziare a registrare, quando Covid-19 la costrinse a ritirarsi a Londra. Rintanata a casa, le canzoni che aveva iniziato cominciano a trasformarsi.

Dance Fever è un album che vede Florence all'apice delle sue capacità, con una piena consapevolezza di sé, dove prende in giro in modo sornione lo stesso personaggio che si è autocreata, giocando con le idee di identità, maschile e femminile, di redenzione, di celebrazione ed entrando a pieno titolo nel pantheon delle icone.

Prodotto da Florence Welch, Jack Antonoff e Dave Bayley, Dance Fever riporta il meglio di Florence ed è stato creato per il palcoscenico. Dopo che il suo tour di tre serate di spettacoli intimi nel Regno Unito è andato esaurito in un minuto dalla messa in vendita, Florence + the Machine ha annunciato il suo Dance Fever Tour per novembre, che prevede diversi spettacoli nelle arene, tra cui due serate all'O2 di Londra.

Rai Documentari presenta "Il coraggio di essere Franco"



ROMA - A un anno dalla morte di Franco Battiato, Rai Documentari gli dedica una prima serata con “Il coraggio di essere Franco” in onda il 18 maggio, alle 21.20 su Rai 1. Scritto e diretto da Angelo Bozzolini e prodotto da Aut Aut Production in collaborazione con Rai Documentari, il film ripercorre la vita e la carriera di uno degli autori più rivoluzionari della musica italiana, pioniere di nuovi mondi musicali. 

Con la voce narrante di Alessandro Preziosi, il documentario cerca di restituire anche un ritratto intimo dell’artista, grazie al racconto della nipote Cristina Battiato e al materiale inedito degli archivi fotografici della famiglia, della Rai, della Cineteca di Bologna, della Universal Music, nonché alle riprese esclusive nelle case di Milano e Milo in Sicilia, oltre che nei luoghi della spiritualità così profondamente cara a Battiato. Tra i documenti inediti, i testi autografi del 1966 e le foto esclusive del suo primo duo con Gregorio Alicata, “Gli ambulanti”, insieme ad un brano mai ascoltato prima. Nessuno come Battiato è riuscito a scardinare le regole del gioco in così tanti ambiti, da quello musicale, cinematografico e televisivo, ma anche mistico e spirituale, votando la sua creatività al risveglio della coscienza del pubblico. 

Ancora oggi si parla del “genio di Battiato”, come colui che ha ridisegnato il concetto di musica pop in Italia. Mai prima di lui era stato possibile scalare le classifiche raccontando storie secondo una grammatica nuova, ispirata da contenuti fuori dal mainstream e alla ricerca continua di una dimensione sacrale dell’arte. Dall’inizio di carriera all’incontro con la musica elettronica di Karlheinz Stockhausen, dal primo album “Fetus” (1972), fino a “La Voce del Padrone” (1981), l’album più venduto in Italia. Oltre a successi intramontabili come “L’era del cinghiale bianco”, “La Cura”, “Centro di gravità permanente”, “Cuccurucucù”. Battiato ha vissuto molte vite, diceva di sé di non essere mai nato e quindi mai morto. E forse per questo è riuscito in ogni decade della sua vita a regalarci un personaggio nuovo. La sua musica è anche un viaggio attraverso il nostro Paese: dalla Sicilia del Dopoguerra, ancora carica di valori cristiani, alla Milano degli anni ’60 e del boom economico, fino all’incontro con le filosofie orientali e il Buddismo. 

Il documentario è arricchito dalle testimonianze di artisti e personalità che maggiormente hanno contribuito al successo di Battiato, ognuna rappresentativa di un mondo artistico su cui si è espresso in prima persona: tra gli altri, Alice, Luca Madonia, Sonia Bergamasco, Willem Dafoe, Antonio Scurati, Giovanni Caccamo, Vittorio Sgarbi, Marco Travaglio. E Morgan, che esegue in anteprima "Battiato mi spezza il cuore”, il brano composto in occasione della malattia di Battiato. “Non voglio comandare e non voglio essere comandato”: questo uno dei motti che rappresenta l’essenza di Franco Battiato, la sua costante ricerca interiore e il desiderio di affermare il suo innovativo concetto di musica all’insegna della contaminazione. Impossibile catalogarlo o inserirlo in un qualsiasi genere, proprio per la facilità con cui riusciva a spaziare dal rock al pop, dall’elettronica alla lirica. Non a caso, infatti, la musica è stata la sua compagna di vita. “Siamo felici di poter raccogliere la sfida di proporre un documentario per la prima serata di Rai 1, grazie a questo progetto così riuscito e così esauriente e approfondito nel tratteggio del percorso umano e artistico del compianto Franco Battiato” – dichiara Fabrizio Zappi, direttore di Rai Documentari. “Il docufilm è arricchito dalla partecipazione dell'attore Alessandro Preziosi che racconta, commenta e accompagna lo spettatore in un viaggio mai banale e pieno di emozioni, suoni, colori e riflessioni”.


Måneskin: la California fonte d'ispirazione per il nuovo singolo 'Supermodel'




I Måneskin, fenomeno rock mondiale, tornano oggi con il nuovo singolo “SUPERMODEL”, scritto a Los Angeles e prodotto dall’acclamato produttore Max Martin (The Weeknd,  Coldplay, Lady Gaga) e dal suo team - ASCOLTA QUI. La band ha inoltre appena raggiunto quota 1 Miliardo di stream per la loro hit “Beggin’”.  

“SUPERMODEL”, dal sound tipicamente californiano e un groove modern rock contagioso, è la nuova, straordinaria prova di maturazione da parte di una band in inarrestabile evoluzione, che continua di volta in volta a definire una propria identità rock’n’roll inimitabile. I Måneskin hanno sviluppato il concept del brano ispirati da una serie di personaggi che hanno incontrato vivendo a Los Angeles. 

La band racconta: “Abbiamo scritto SUPERMODEL dopo aver trascorso dei mesi bellissimi a Los Angeles. A volte ci ha sorpreso - e allo stesso tempo intrigato - il fatto che la gente si preoccupi così tanto di coltivare il proprio status, di essere una celebrità, e sia totalmente ossessionata dalle apparenze, dalle conoscenze. Abbiamo iniziato a immaginare un enigmatico personaggio “SUPERMODEL”: una ragazza fantastica, brillante e molto social, che in realtà è piena di problemi e nasconde tristezza e dipendenza. In un certo senso la adori, perché ti dà l’idea di sapere come ci si diverte, ma allo stesso tempo la eviti, perché sai che potrebbe trascinarti nei guai”.

I Måneskin presenteranno il nuovo singolo dal vivo durante la finale dell’ Eurovision Song Contest a Torino il 14 maggio, a un anno esatto dalla vittoria trionfale che li ha catapultati al n. 1 delle classifiche di tutto il mondo. 

La band partirà con il tour mondiale “LOUD KIDS TOUR” il 31 ottobre dalla data di Seattle, che ha registrato il tutto esaurito, e toccherà altre città Sold Out come New York, San Francisco, Atlanta e Washington. È stata anche aggiunta una nuova data a Los Angeles. I Måneskin partiranno poi per il tour europeo, con già diverse date Sold Out, nel 2023 - durante il quale si esibiranno in location iconiche come London’s O2 Arena, Accor Arena a Parigi e la Mercedes Benz Arena di Berlino. L’estate 2022 li vedrà protagonisti di un tour dei più prestigiosi festival mondiali come il Rock Am Ring & Rock Im Park, Reading & Leeds Festival, Lollapalooza (a Stoccolma, Parigi e infine Chicago), Rock Werchter, passando anche per il Rock in Rio in Brasile e molti altri. Faranno nuovamente tappa in Italia per due date previste giovedì 23 giugno allo Stadio Comunale G. Teghil di Lignano Sabbiadoro e sabato 9 luglio al Circo Massimo di Roma (Sold Out). 

Con un sound classico e allo stesso tempo assolutamente moderno, i Måneskin hanno riportato il rock‘n’roll in cima alle classifiche internazionali, mescolandolo perfettamente con un’attitudine contemporanea. Supportati da grandi artisti del calibro di Iggy Pop, The Rolling Stones, Mark Ronson e altri, Victoria (basso), Damiano (voce), Thomas (chitarra) e Ethan (batteria) hanno iniziato a suonare per le strade di Roma nel 2015 e, in pochissimi anni, hanno conquistato il mondo diventando uno dei gruppi rock più celebri della loro generazione. Al momento la band conta oltre 5 miliardi di stream su tutte le piattaforme digitali. Con il nuovo singolo SUPERMODEL, i Måneskin continuano a confermarsi una delle più entusiasmanti rock band dei nostri tempi.

ESC 2022, Gigliola Cinquetti ospite della 66ª edizione

 


TORINO - Gigliola Cinquetti sarà tra i protagonisti della gran finale dell’Eurovision Song Contest. Sabato 14 maggio, una delle più famose rappresentanti della canzone italiana nel mondo tornerà ad esibirsi per il pubblico eurovisivo. Sul palco del Pala Olimpico di Torino, la Cinquetti porterà la sua intramontabile “Non ho l’età (per amarti)”, la canzone che, nel 1964, l’ha vista trionfare due volte, come prima artista italiana ad aggiudicarsi la vittoria nella competizione, nonché, all’età di soli 16 anni, come la più giovane cantante in assoluto a salire sul podio. 

La performance che attende il pubblico dell’Eurovision Song Contest, è la quarta dell’artista nell’ambito della gara, alla quale tornò a partecipare nel 1974 a Brighton, con "Sì", arrivando al secondo posto dopo gli ABBA, e che condusse per la Rai nel 1991 dagli studi di Cinecittà, dopo la vittoria di Toto Cutugno nel 1990. Con questa nuova esibizione di Gigliola Cinquetti - vero e proprio trait d’union tra tutte le edizioni che hanno visto il nostro Paese come protagonista del contest - si chiuderà così un racconto che, attraverso gli ospiti già annunciati da Rai, ripercorrerà alcuni grandi momenti dell’Italia all’Eurovision. 

Lo spettatore della 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest – in onda su Rai 1 il 10 e il 12 Maggio (con le due semifinali) e il 14 Maggio, con la gran finale - sarà immerso in un teatro delle meraviglie. Organizzata dall’EBU (European Broadcasting Union), la principale alleanza mondiale dei Media di Servizio Pubblico - con Rai quale Host Broadcaster (Emittente Ospite) - e con la conduzione internazionale dello show affidata a Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika, questa edizione vedrà partecipare 40 Paesi: l’Italia sarà in gara con la coppia Mahmood & Blanco e il brano “Brividi”, che ha trionfato alla 72ª edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Oltre che su Rai 1 con il commento di Gabriele Corsi e Cristiano Malgioglio, con la partecipazione di Carolina Di Domenico, la diretta dell'Eurovision Song Contest 2022 sarà trasmessa anche da Rai Radio 2 e disponibile su RaiPlay. 

Gigliola Cinquetti nasce a Verona, diplomata alla scuola d'arte di Verona conseguendo anche l'abilitazione all'insegnamento. La sua carriera musicale rivolta al canto come professionista iniziò a soli 15 anni ottenendo sin da subito risultati internazionali di altissimo livello. Nei primissimi anni, dai nove ai tredici, studiò pianoforte al Conservatorio di Verona. Oltre al canto, l'arte e la pittura sono le sue passioni, al punto da realizzare le copertine di alcuni suoi dischi musicali, come "La Bohème e Mistero". Nel 1963 vince il Festival di Castrocaro con il brano "Le strade di notte/Buonanotte tesoro" scritto da Giorgio Gaber, passando così al Festival di Sanremo nel 1964 con il brano "Non ho l'età (per amarti)” vincendo la manifestazione italiana. Nel marzo dello stesso anno presenzia, vincendo, l'Eurovision Song Contest svoltosi a Copenaghen. Da quel giorno la sua vita cambia, all’insegna di lunghe tournée e milioni di copie vendute in tutto il mondo. Vince nuovamente il Festival di Sanremo nel 1966, in coppia con Domenico Modugno con il brano "Dio come ti amo", consacrando in modo definitivo il suo grande successo internazionale. Nuovamente protagonista all'Eurovision Song Contest nel 1974 con il brano "SI", ottiene il secondo posto. L'Eurovision Song Contest la vedrà nel 1991 anche nelle vesti di conduttrice, al fianco dell'artista Toto Cutugno. Numerose le sue partecipazioni televisive, sia canore come in "Canzonissima" (nove partecipazioni), di cui risulta vincitrice nel 1973 con il brano "Alle porte del sole", sia nelle vesti di ospite al fianco di artisti italiani ed internazionali di grande livello. La televisione italiana la vedrà, inoltre, anche nelle vesti di presentatrice del programma "Italia Rai", tra gli altri. Dopo lunghe tournée internazionali, ultime svolte dal 2015 ad oggi, nel 2021 è di nuovo al Festival di Sanremo in qualità di ospite della penultima serata.  

A Taranto arriva Michela Giraud con lo show 'La verità, nient'altro che la verità'

TARANTO - Dopo il successo del tour 2020 – 2021, torna l’esilarante show di Michela Giraud con nuovi temi. LA VERITÀ, NIENT’ALTRO CHE LA VERITÀ. LO GIURO! …RELOADED! una versione “rivisitata”, che sarà a Taranto sul palco del Teatro Orfeo venerdì 13 maggio alle ore 21.

Da Colorado a Lol, passando per Comedy Central e La Tv delle ragazze, fino a Netflix che le ha dedicato uno special, l’attrice comica romana è stata la prima donna ad approdare sulla piattaforma di streaming con un evento di stand-up comedy.

La fama ha le sue controindicazioni e questo Michela Giraud lo spiega bene in un monologo dal ritmo serratissimo, che farà ridere, ma anche riflettere, come da sua vocazione. Dalle madri “generatori di ansia”, approdando a una denuncia contro la “setta delle curvy” e a uno studio antropologico sulle “fregne con l’ukulele” e sulla “categoria protetta dei maschi bianchi etero”, lo show - che è ormai un cult - si fa megafono di manie e tic di una generazione, facendo a pezzi etichette e convenzioni senza mai tralasciare, in ogni caso, quanto siano importanti forza di volontà e indulgenza verso se stess*.

BIGLIETTI: 25 euro platea e prima galleria; 20 euro seconda galleria e platea laterale; 15 euro terza galleria. 

Prevendita presso il botteghino del teatro in via Pitagora 80 dalle ore 18 in poi, online su www.teatrorfeo.it e circuito www.ticketone.it e presso Pausa Caffè in viale Trentino 5b-7, anche la mattina.

Albe: il finalista di 'Amici' pubblica il disco d'esordio



Albe (vero nome Alberto La Malfa), 22 anni, cantautore e musicista, nato ad Alfianello (Brescia)è tra i finalisti di Amici 21.  Il suo ultimo singolo è Karma, una hit dal sapore estivo che sarà contenuta nel suo omonimo EP d’esordio in uscita il 17 giugno per Warner Music Italy.

L’album conterrà i brani Millevoci” (certificato Oro) prodotto da Tom Beaver, “Così bello” prodotto da Zef/Starchild, “Prima di Te” e “Giravolte” prodotti da Steve Tarta, oltre ad alcune sorprese.

Albe è il più grande di tre fratelli e fin da piccolo si divertiva a giocare con una chitarra e una batteria. Ha sempre avuto un debole per la musica sin da piccolo. Tanto da raccontare di non aver memoria di quando è iniziata questa passione, l’ha sempre avuta. Quando era un bambino suo padre suonava la chitarra e lui rimaneva affascinato ad ascoltarlo.

Studente di Economia all’Università Cattolica di Cremona, durante il primo lockdown inizia quasi per gioco a scrivere le sue barre su delle cover e scrive i primi pezzi che pubblica sul web. I suoi genitori avrebbero preferito che lui continuasse l’Università e quando ha comunicato loro l’intenzione di partecipare ad Amici inizialmente non hanno approvato la sua scelta, temendo che la musica non potesse garantirgli un futuro stabile. Entra nella scuola a settembre durante la prima puntata presentando l’inedito “Millevoci”, primo brano che ha scritto e quello che lo rappresenta di più. 


Eurovision Song Contest 2022: Mahmood e Blanco gli artisti più ascoltati al mondo tra quelli in gara

TORINO - E' iniziato a Torino l’evento più atteso dell'anno: l'Eurovision Song Contest, il più grande evento del calendario musicale europeo. I dati di Spotify mostrano che gli stream delle playlist dell'Eurovision sono aumentati del 594% durante l'Eurovision 2021, con quasi 27 milioni di minuti di streaming. Sempre l’anno scorso, il 71% degli stream delle playlist dell'Eurovision provenivano da ascoltatori di età compresa tra 13 e 34 anni. 

Oltre alla playlist ufficiale dell'Eurovision 2022, Spotify celebra l’edizione di quest’anno con le playlist curate da leggendari concorrenti e personalità dell'Eurovision, che hanno messo al centro la musica e la cultura della loro nazione. Per l’Italia, la playlist “The Sounds of Italy” è stata curata da Francesca Michielin. Inoltre, l’offerta editoriale di Spotify si è espansa con l’aggiunta di sei playlist con il meglio di Eurovision per decennio - Eurovision 20s, 10s, 00s, 90s, 80s, ed Eurovision Gold (con il meglio degli anni ‘50, ‘60 e ‘70) - che celebrano il ricco patrimonio musicale della competizione.

L’Italia punta alla seconda vittoria consecutiva

L'anno scorso, i dati di Spotify hanno predetto la vittoria dei Måneskin: ZITTI E BUONI era stata la canzone dell'Eurovision più ascoltata tra marzo 2021 e maggio 2021 sulla piattaforma. Sembra che l'Italia abbia tutte le carte in regola per replicare la vittoria anche nell’edizione di Torino, con Brividi di Mahmood e BLANCO che è stata la canzone più ascoltata su Spotify tra quelle in gara all’Eurovision tra gennaio e marzo 2022 con oltre 77 milioni di stream, un numero 5 volte superiore rispetto a Hold Me Closer di Cornelia Jakobs (Svezia). Al terzo posto De Deipte di S10 (Paesi Bassi).

Altro dato molto significativo, Brividi è la canzone più ascoltata nella maggior parte dei paesi partecipanti, 28 su 40. Nella storia dell’Eurovision Song Contest, solo quattro paesi - Spagna, Lussemburgo, Israele e Irlanda - hanno vinto per due volte di seguito, con l'Irlanda che ha vinto addirittura tre volte di seguito, tra il 1992 e il 1994.

“Una volta arrivati qui ti rendi conto che tutto quello che è successo prima è come se venisse cancellato perché ti trovi in una situazione diversa e in un contesto nuovo con delle situazioni totalmente differenti sia da Sanremo che da tutto quello che c’è stato prima, quindi in realtà, forse è meglio non pensarci troppo e godersi il momento”, commentano Mahmood e Blanco.

In Italia, la canzone più ascoltata dell’edizione 2022 di Eurovision dopo Brividi è STRIPPER di Achille Lauro, in gara per San Marino, seguita da Halo di LUM!X, feat. PIA MARIA (Austria). Completano la top 5 SloMo di Chanel (Spagna) e Stefania di KALUSH, che rappresenta l’Ucraina. Tra le canzoni delle passate edizioni di Eurovision, la più ascoltata in Italia è ZITTI E BUONI dei Måneskin.

I Måneskin fanno la storia entrando nel club del miliardo di Spotify 

L'Eurovision dell'anno scorso è servito da trampolino di lancio per il dominio globale dei Måneskin, vincitori dell’edizione 2021. I pianeti sembrano essersi allineati per la band italiana in questo mese, con il loro brano Beggin’ che è entrato nell'illustre “Billions Club” - quello delle canzoni con oltre un miliardo di stream sulla piattaforma - giusto in tempo per l'anniversario del loro incredibile successo all'Eurovision 2021. La band può ringraziare una fanbase non solo italiana ma globale: i loro primi cinque mercati per numero di ascolti su Spotify sono infatti gli Stati Uniti al numero uno, seguiti da Italia, Brasile, Germania e Messico. Dalla loro vittoria all'Eurovision, la rock band italiana ha visto un'enorme crescita con il 5.400% in più di stream a livello internazionale nel periodo gennaio-marzo 2022 rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Il sostegno per l'Ucraina

Stefania di KALUSH, in gara per l’Ucraina, è la canzone straniera più ascoltata in cinque paesi partecipanti all’Eurovision, il che la rende la seconda canzone al numero 1 in più paesi dopo Brividi. Il brano ha visto oltre 6 milioni di stream a livello globale sulla piattaforma. In un terzo dei paesi dell'Eurovision, Stefania è al numero 1 o al numero 2, ed è nella top 10 delle canzoni straniere dell'Eurovision in ogni paese partecipante. Il brano è al numero 1 in Repubblica Ceca, Georgia, Lettonia, Moldavia e Polonia, e al numero 2 in Armenia, Austria, Azerbaijan, Bulgaria, Estonia, Israele, Lituania e Paesi Bassi.

Tutti i fan possono godersi la manifestazione e vivere a pieno la settimana di Eurovision grazie a un catalogo di playlist molto ricco e adatto per ogni stato d'animo e occasione. Oltre alla playlist ufficiale, a quelle locali e alle selezioni con il meglio dei decenni passati, sono disponibili sulla piattaforma anche Eurovision Winners, Eurovision Party e Eurovision Ballads - con le voci che hanno segnato le edizioni precedenti e la storia dell’Eurovision Song Contest.

Malika Ayane annuncia le date del tour estivo



Malika Ayane torna live con Malika Summer Tour 2022 toccando alcune delle location più suggestive d'Italia e i principali festival italiani: annunciati i primi otto concerti estivi per poter incontrare la cantautrice e godere della sua musica.

Il Malika Summer Tour, prodotto e organizzato da Friends & Partners, è il nuovo viaggio dal vivo di Malika Ayane che vedrà al suo fianco il manager Angelo Calculli dell’agenzia MK3. I primi otto appuntamenti musicali partiranno il 2 giugno da Viareggio (LU) e proseguiranno poi a Scandiano (RE), Napoli, Bard (AO), Castiglione del lago (PG), Matera, Vigevano (PV), concludendosi infine il 15 settembre a Francavilla Fontana (BR).

Ritorna finalmente ad esibirsi live la cantautrice dalla grande classe, eleganza e raffinatezza che, con la sua voce dal timbro caratteristico e riconoscibile nel panorama italiano, ripercorre la sua carriera artistica fin dagli esordi riportando on stage i brani che l’hanno vista esibirsi sui più importanti palchi italiani, diventando una delle grandi icone della musica italiana. In scaletta non solo i grandi classici dell’artista milanese, ma anche i suoi ultimi successi e una ventata di musica nuova, per regalare al pubblico un clima energico e di festa, dando un tocco di freschezza alle serate estive. Tutto il resto è un’esperienza da vivere.

In questo viaggio musicale e armonico Malika non sarà sola, ma accompagnata da una band eccezionale composta da Stefano Brandoni alla chitarra, Andrea Andreoli al trombone, Raffaele Trapasso al basso, Carlo Gaudiello al piano e Searcy Leif alla batteria. 


CALENDARIO DATE

2 giugno 2022 || Viareggio (LU) @ Terrazza della Repubblica

19 giugno 2022 || Scandiano (RE) @ Festival Love

21 giugno 2022 || Napoli @ Festa della Musica

24 luglio 2022 || Bard (AO) @ Aosta Classica - Forte di Bard

29 luglio 2022 || Castiglione del Lago (PG) @ Lacustica  

9 agosto 2022 || Matera @ SONIC PARK 

4 settembre 2022 || Vigevano (PV) @ Estate in castello 

15 settembre 2022 || Francavilla Fontana (BR) @ Piazza Giovanni XXIII


Eurovision Song Contest 2022: Diodato emoziona sulle note di 'Fai Rumore'



TORINO - Ieri sera, martedì 10 maggio, durante la prima semifinale della 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest, Diodato si è esibito con una performance suggestiva e unica e una versione inedita e alternativa della sua Fai Rumore, con cui nel 2020 ha trionfato al Festival di Sanremo battendo tutti i record.

Dopo essersi esibito nel tempio della musica, un’Arena di Verona vuota, vestita dei colori italiani in occasione di Europe Shine a Light – Accendiamo la Musica, entrando nella storia con delle immagini che hanno fatto il giro del mondo per la forza e la bellezza, Diodato ha cantato Fai Rumore per il pubblico internazionale di Eurovision in una versione riarrangiata.

Il palco si è acceso con un’esibizione nel segno della condivisione, piena di umanità, di contatto e coesione, dalla forte emotività, con una potenza capace di abbattere ancora una volta i muri dell’incomunicabilità e di lanciare un messaggio universale di unione e libertà. Diodato ha voluto raccontare un viaggio in cui sono racchiusi questi due anni, partito da un momento di forte isolamento, di solitudine, per arrivare, attraverso una metamorfosi e un’evoluzione, alla gioia nel ritrovarsi, toccarsi di nuovo in un abbraccio comune, stare insieme fisicamente e a ritrovare un’umanità che piano piano, anche attraverso il potere della musica, è tornata alla vita. Simbolo di questa condivisione ritrovata sono stati i 25 ballerini che hanno accompagnato e circondato Antonio durante la performance, un insieme di corpi, di anime, di volti che incarnano e rappresentano l’umanità, capaci di esprimere il desiderio di quella fisicità che tanto ci è mancata, un grande senso di fratellanza e nuove consapevolezze. La coralità finale rappresenta l’emblema della rinascita, uno sguardo comune verso una nuova visione del mondo, tutti riuniti per rappresentare e comunicare a gran voce lo stesso bisogno di collettività e vicinanza.

Diodato per la sua performance di Fai Rumore in occasione dell'Eurovision Song Contest 2022, ha indossato un look custom Etro con camicia in chiffon bordeaux, con dettaglio in fil coupè oro e pantaloni in lana dello stesso colore.

Con questa performance intensa e piena di significato Diodato ha chiuso un cerchio per proiettarsi verso i suoi prossimi progetti; infatti, seguendo la sua volontà e il desiderio che ha da sempre di poter girare il mondo per sperimentare e vivere nuove esperienze attraverso la musica, oggi il cantautore annuncia il suo tour oltre confine che, da settembre, toccherà le principali città d’Europa.

Con il suo European Tour 2022 Diodato partirà il 21 settembre dal Cafè De La Danse di Parigi per continuare il 23 settembre allo Studio Foce di Lugano, il 27 settembre al Café Berlin di Madrid, il 28 settembre al Luz de Gas di Barcellona, il 1° ottobre all’Espace Lumen di Bruxelles, il 2 ottobre al Nachtleben di Francoforte, il 3 ottobre alla Club Bahnhof Ehrenfeld di Colonia per finire il 4 ottobre allo O2 Academy Islington di Londra.

Il tour è prodotto e organizzato da OTR Live.

I biglietti saranno disponibili da oggi, mercoledì 11 maggio, alle ore 12.00 a questo link: https://www.otrlive.it/tour-dates/diodato-european-tour-2022/

Diodato nel 2020 ha infranto tutti i record della musica in Italia per aver vinto nello stesso anno, con il brano “Fai Rumore” (triplo disco di Platino), il Premio della critica Mia Martini Sanremo, il Premio Sala Stampa Radio Tv e Web. Con il brano “Che vita meravigliosa” (disco d’oro) Diodato ha conquistato contemporaneamente un David di Donatello e un Nastro d’Argento per la “Migliore canzone originale”, confermandosi l’unico artista ad aver ricevuto in un solo anno tutti questi riconoscimenti.


Eurovision: i momenti più belli della serata


TORINO - Martedì si è tenuta la prima semifinale della kermesse musicale internazionale, quest'anno ospitata dalla città di Torino. La kermesse si apre con il volo del drone “Leo” che entra nel Palaolimpico sorvolando l'Eurovision Village e le note del “Nessun dorma” della Turandot di Giacomo Puccini, all'insegna del “Suono della bellezza”. Subito dopo l'ingresso dei tre conduttori: Mika e Alessandro Cattelan in total black con Laura Pausini in abito fucsia.

Arriva subito il momento del primo artista in competizione. "Europa: fai un po' di rumore!" Grida la cantante albanese Ronela Hajati. Al ritmo di danza e orientale di "Sekret" il pubblico del Pala Olimpico si scatena, avvolto da un fiume di luci e fumo. La musica da ballo continua con l'esibizione dei rappresentanti della Lettonia, i Citi Zēni, scatenati sul palco in abiti verde brillante, rosso, bianco e giallo mentre fanno ballare l'edificio al ritmo di "Eat Your Salad".

Mentre il drone "Leo" sorvola Bergamo è tempo di rallentare e permettere al pubblico di riprendere fiato. Iniziano due brani melodici e ispirati come quello della lituana Monika Liu, "Sentimentai" e dello svizzero Marius Bear con "Boys do cry".

Il compito di alzare nuovamente il ritmo è affidato agli sloveni Lps, e ci riescono con "Disko", una canzone coinvolgente eseguita attorno a un'enorme sfera stroboscopica posta al centro del palco.

Tanto folklore e alcune incursioni rock e di scrittura nel resto della formazione dei 17 artisti in competizione: Intelligent Music Project con "Intention" (Bulgaria), S10 con "De diepte" (Paesi Bassi), Zbod si Zdub & Fratii Advahov con "Trenuletul " (Moldavia).

Maro con "Saudade, Saudade" (Portogallo), Mia Dimsic con "Guilty pleasure" (Croazia), Reddi con "The show" (Danimarca), LUM! X ft. Pia Maria con "Halo" (Austria), Systur con "Meo haekkandi sol" (Islanda), Amanda Georgiadi Tenfjord con "Die together" (Grecia), Subwoolfer con "Give that wolf a banana" già successo sui social media (Norvegia) e Rosa Linn con "Snap" (Armenia).

La seconda parte dello spettacolo è incentrata su un piacevole omaggio alla musica italiana. Da Raffaella Carrà, ricordata anche da Laura Pausini con "Fiesta", al medley dedicato alla disco dance, con richiami al torinese Gigi D'Agostino, Eiffel 65 e Robert Miles. Standing ovation finale per Diodato e il suo "Fai rumore".

Bianca Atzei: dal 13 maggio in radio “Siamo tutte uguali” feat. Cristiano Malgioglio

(Foto ufficio stampa Coco District)


MILANO - “Siamo tutte uguali” feat. Cristiano Malgioglio, il nuovo brano della cantautrice BIANCA ATZEI estratto dall’album “VERONICA”, uscito il 29 aprile, sarà in radio da venerdì 13 maggio.

“Siamo tutte uguali”, che vede la straordinaria partecipazione di Malgioglio, è un pezzo ironico e irriverente, nato per gioco, che prende simpaticamente in giro le donne e il loro debole per lo stereotipo dell’uomo “bello e impossibile”.

 “È una canzone molto sincera, perché quando ci ritroviamo a parlare tra amiche, siamo tutte uguali” commenta BIANCA “‘Malgi’ era l’unico che potesse interpretare perfettamente il testo. Con lui e grazie a lui mi sono sentita libera di dire e fare ciò che volevo. Con il sorriso”.

Il singolo è la decima traccia di “Veronica”, il secondo progetto in studio della cantante milanese di origini sarde. Un nuovo punto di partenza per lei, che nel disco percorre una direzione inedita, rappresentata in modo emblematico dal titolo stesso che è il suo nome di battesimo. L’album racconta, infatti, la vera anima ed essenza dell’artista la parte più forte e autentica di sé, con ritrovata consapevolezza e libertà.

 “VERONICA” è un disco ricco di duetti, perché lei ha sempre amato condividere, specialmente nella musica che le permette di respirare nuova energia, ritrovandosi fianco a fianco con gli amici di sempre e conoscendone di nuovi.

Il nuovo progetto custodisce la voglia dell’artista di rinnovarsi e contaminare il proprio stile, scoprendo nuovi lati di sé. Un altro pezzo del puzzle che si aggiunge alla carriera di BIANCA ATZEI, ricco di sfumature, che permette all’inconfondibile voce dell’artista e al suo timbro unico di spaziare tra diverse sonorità mai esplorate prima.

© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo