Visualizzazione post con etichetta Lecce. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Lecce. Mostra tutti i post

Lecce, sciopero dei lavoratori della Comdata. M5S: "La giunta convochi l’azienda per conoscere il futuro della sede"

LECCE - “Le istituzioni non possono restare immobili di fronte ai timori dei lavoratori della Comdata di Lecce, preoccupati dopo l’annuncio da parte dell’azienda di voler chiudere le sedi  di Padova e Pozzuoli. La giunta regionale deve incontrare l’azienda per conoscere il futuro della sede  leccese e salvaguardare gli attuali livelli occupazionali. I lavoratori hanno bisogno di chiarezza”. Così il consigliere del M5S Antonio Trevisi in seguito allo sciopero effettuato venerdì scorso dai lavoratori di tutte le sedi Comdata  per manifestare solidarietà ai colleghi delle due sedi di cui è stata comunicata la chiusura.

“La preoccupazione - continua Trevisi - è quella che le chiusure non si fermino a alle sedi di  Padova e Pozzuoli, ma coinvolgano anche altre sedi italiane. La politica non può restare a guardare, per questo chiediamo alla giunta regionale di far sentire la sua vicinanza ai lavoratori e convocare immediatamente l’azienda: bisogna scongiurare il rischio chiusura e quello di una eventuale riduzione dell’organico. Non è accettabile che vengano violati i diritti dei lavoratori che da un momento all’altro si possono trovare senza un’occupazione. Per colpa del Jobs Act - conclude -  si è avuta come conseguenza la perdita di tutele e garanzie e questo dimostra il fallimento della riforma del mercato del lavoro”.

L'estate pugliese è Trenitalia: più fermate e nuovi collegamenti con Freccialink

BARI - Novità in vista in Puglia e in Basilicata con l’orario estivo al via da domenica 10 giugno.

Fermate estive a Monopoli e Ostuni per quattro Frecciargento

Dal 10 giugno al 16 settembre, confermate le fermate estive a Monopoli e a Ostuni sui Frecciargento 8305 Roma-Lecce e 8324 Lecce-Roma; a queste si aggiungono due nuove fermate estive a Monopoli sui Frecciargento 8315 e 8302. Il Frecciargento 8315 che parte da Roma Termini alle 14.55 ferma a Monopoli (a. 19.25) e arriva a Lecce alle 20.19. Il Frecciargento 8302 che parte da Lecce alle 5.55 ferma a Monopoli (p. 6.47) e arriva a Roma alle 11.23.

In totale, sono 10 i collegamenti giornalieri tra la Puglia e la Capitale in Frecciargento,: tre coppie Lecce-Roma, una coppia no stop Bari –Roma e una Foggia-Roma.

FRECCIAlink arriva a Otranto, Gallipoli  e Marina di Ugento

FRECCIALink apre al turismo estivo e offre altre nuove corse speciali da e per località balneari della Puglia con il servizio integrato treno+bus di Trenitalia. Dal 10 giugno al 16 settembre arriva a Torre San Giovanni/Marina di Ugento (2 corse sabato e domenica da/per Lecce in connessione con i Frecciargento da/per Roma), Otranto (2 corse sabato e domenica da/per Lecce in connessione con i Frecciargento da/per Roma) e Gallipoli (4 corse sabato e domenica per Lecce in connessione con i Frecciargento da/per Roma), Confermati i collegamenti integrati su Matera e Potenza.

Fermate a Ostuni, Fasano, Monopoli per sei Frecciabianca

Confermati i diciotto Frecciabianca sulla linea Adriatica: dal 10 giugno al 16 settembre, quattro collegamenti con Torino e Milano, fermano anche a Ostuni e Monopoli mentre due collegamenti con Venezia fermano a Fasano. Confermati i Frecciarossa Bari –Milano (con fermata estiva nei weekend a Riccione) e Taranto-Milano.

Fermata a Polignano a Mare per due Intercity Bologna-Lecce

Confermati i 22 collegamenti Intercity e Intercity Notte per Bologna, Milano, Torino e Roma. Dal 17 giugno al 16 settembre, due intercity Bologna-Lecce fermano anche a Polignano a Mare.

Fermata a Maratea per due Frecciargento Roma-Reggio Calabria

Dal cambio orario al 16 settembre, due Frecciargento sulla rotta Roma – Reggio Calabria fermano a Maratea il sabato e la domenica. Il Frecciargento 8351 parte da Roma Termini alle 7.22, ferma a Maratea (a. 10.00) e arriva a Reggio Calabria Centrale alle 12.20. Il Frecciargento 8358 parte da Reggio Calabria Centrale alle 16.02, ferma a Maratea (a. p. 18.18) e arriva a Roma alle 21.00.

Collegamenti regionali su Trani, Monopoli, Polignano a Mare, Ostuni, Lecce, Metaponto, Melfi e Castel Lagopesole

Capillare la rete di collegamenti regionali nelle principali località turistiche di Puglia e Basilicata come Monopoli, Polignano a Mare, Ostuni, Trani, Melfi, Castel Lagopesole, Metaponto e Lecce.

Su trenitalia.com orari e collegamenti.

Lecce, atti vandalici in piazzetta Castromediano: interviene il vicesindaco Delli Noci

LECCE - In merito agli atti vandalici verificatisi nella serata di ieri in piazzetta Castromediano, interviene il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Alessandro Delli Noci.

“Quello che è accaduto nella centrale piazzetta Castromediano è un fatto molto grave, un danno ingente che, per il suo ripristino, comporterà l'utilizzo di risorse pubbliche che avrebbero potuto essere destinate ad altro. Un fatto che pare sia accaduto intorno alle 19.30 nella totale indifferenza dei passanti che hanno lasciato che alcuni ragazzini - questo è stato riferito - saltassero sulle vetrate finché le stesse non sono andate in frantumi. Abbiamo denunciato quest'atto vergognoso e - con l'aiuto delle telecamere - non appena saranno individuati i responsabili, l’Amministrazione chiederà il risarcimento di tutti i danni subiti. Voglio ricordare che, solo due settimane fa, avevamo provveduto a ripulire l'area archeologica della piazzetta  e subito dopo ad illuminare la stessa con l'obiettivo di valorizzare questo patrimonio culturale della città. L'assessorato al Turismo sta predisponendo con lo stesso obiettivo, apposita segnaletica. Tutto questo non è stato evidentemente sufficiente e tutto questo ci insegna - qualora ce ne fosse bisogno - che ciascuno di noi, secondo le proprie responsabilità - può e deve prendersi cura dei beni comuni, che non sono né pubblici né privati ma di tutti e di cui tutti dobbiamo farci carico. Se vogliamo una città più bella e decorosa ognuno di noi deve metterci del proprio”.

Nella Supercoppa di serie C il Lecce perde 3-1 a Livorno

di FRANCESCO LOIACONO - Nella Supercoppa di serie C il Lecce ha perso 3-1 a Livorno. Nel primo tempo al 4’ i toscani sono passati in vantaggio con Morelli, tiro di sinistro da trenta metri. Al 18’ hanno raddoppiato con Murilo di destro. Al 22’ i salentini hanno riaperto la partita con Di Piazza di destro. Nel secondo tempo al 12’ il terzo gol del Livorno realizzato da Vantaggiato su rigore concesso per un fallo di Cosenza su Murilo.

Nel primo tempo sullo 0-0 i pugliesi insidiosi. Un tiro di Caturano è finito alto. I toscani arrembanti. Un destro di Morelli ha sfiorato la traversa. Sul 2-1 per il Livorno il Lecce in contropiede. Un tiro di Arrigoni è stato deviato in angolo dal portiere Mazzoni. I toscani velocissimi. Un sinistro di Vantaggiato non ha inquadrato la porta.

Nel secondo tempo sul 3-1 per il Livorno la squadra di Liverani incisiva. Un destro di Arrigoni è terminato in curva. Un sinistro di Saraniti è finito a lato. Un tiro di Arrigoni ha centrato il palo. Netta sconfitta per il Lecce. Nella prima gara il Livorno aveva perso 5-1 a Padova. Sabato 26 maggio nella terza e ultima gara di questa manifestazione il Lecce giocherà alle 18 in casa contro il Padova.

Lecce, M5S visita il Conservatorio Tito Schipa. "Risorse umane eccellenti, va garantita una struttura adeguata"

LECCE - Questa mattina una delegazione del Movimento 5 Stelle ha fatto visita al Conservatorio Tito Schipa di Lecce. Alla visita hanno partecipato la consigliera regionale Antonella Laricchia, il consigliere comunale Fabio Valente, il senatore Iunio Valerio Romano e il deputato Michele Nitti, musicista e direttore d’orchestra del Conservatorio Tito Schipa.

I portavoce del Movimento 5 Stelle hanno incontrato il Presidente Biagio Marzo, il direttore Mº Giuseppe Spedicati, insieme ai rappresentanti del consiglio accademico, del consiglio di amministrazione, alla consulta degli studenti e al personale docente e amministrativo, affrontando diverse tematiche legate al Conservatorio che offre Alta Formazione Artistica e Musicale (AFAM). “È emerso - spiegano i pentastellati - come il sistema AFAM nella politica della Pubblica Istruzione sia purtroppo considerato di serie B rispetto ad altri e per questo decisamente trascurato, nonostante il suo indiscusso valore culturale, economico e sociale. Manca perfino una definizione univoca degli organismi di partecipazione politica in cui esercitare l’attività interlocutoria e contrattuale. La problematica centrale - continuano i cinquestelle - è l’inadeguatezza della struttura attuale, troppo piccola, priva di sale adeguate alle attività e soggetta alle infiltrazioni di acqua piovana e umidità. Questo a fronte della sede originale inutilizzata, donata al Conservatorio proprio da Tito Schipa, e che si vorrebbe finalmente acquisire ma della quale da troppo tempo si attende la conclusione della ristrutturazione, nonostante un finanziamento dalla Regione Puglia gestito dalla Provincia di Lecce. Inoltre c’è una lunga attesa dal 2005 dei decreti interministeriali per sbloccare l’approvazione della pianta organica (docenti e altro personale) della sede staccata di Ceglie Messapica che non permette l’erogazione degli stipendi, nonostante lo stanziamento dei fondi nazionali, e non garantisce la totalità dell’offerta formativa in loco. A questo si deve aggiungere che gli studenti componenti delle consulte nazionali chiedono da tempo di essere ascoltati dal Ministero dell’Istruzione, con il quale avrebbero diritto a un incontro una volta al mese ma che non riescono a organizzare da 4 anni”.

I rappresentanti del M5S si sono impegnati a portare nelle sedi istituzionali i problemi del Conservatorio e dell’alta formazione, in modo da trovare al più presto delle soluzioni. La consigliera Antonella Laricchia ha annunciato la richiesta di audizione in VI Commissione regionale cultura dell’Assessore Capone, degli organi rappresentativi del conservatorio di Lecce, della Provincia e Comune di Lecce, mentre il deputato Michele Nitti si occuperà proprio di portare le istanze dell’ AFAM nella Commissione Cultura di cui è componente, per ottenere quel superamento della politica delle mance del Ministero nei confronti dell’Alta Formazione nonostante l’equiparazione di questo comparto a quello universitario.

“Il Conservatorio è un’istituzione aperta alla società e la sua produzione musicale, culturale e artistica - concludono i cinquestelle - è un’attività da valorizzare e che ora si regge solo sull’impegno e l’altissima professionalità delle risorse umane che ne fanno parte, dal personale all’amministrazione, agli studenti, che con tanta passione vi si dedicano ogni giorno. Non possiamo e non vogliamo lasciarli soli: queste persone hanno bisogno di una struttura adeguata che consenta loro di poter lavorare e studiare al meglio”.

In Salento pochi treni la domenica per le località marine. M5S: "Stanchi di rimpalli di responsabilità tra Regione e Ferrovie"

BARI - “Dopo mesi di promesse apprendiamo da notizie di stampa che anche quest’estate i collegamenti ferroviari verso le località di mare non saranno potenziati per mancanza di personale. Ancora una volta il Salento sarà penalizzato”. Lo dichiara il consigliere del M5S Antonio Trevisi, in seguito al vertice che si è tenuto a Roma tra Trenitalia e Regione Puglia per discutere dell'implementazione dei collegamenti domenicali tra Lecce, Gallipoli ed Otranto. Un incontro da cui sarebbe emersa l’impossibilità di aumentare i treni a causa dei pensionamenti e dell’impossibilità di procedere con nuove assunzioni.

“Siamo stanchi - spiega Trevisi - dei continui rimpalli di responsabilità tra Regione e azienda. I collegamenti ferroviari sono da tempo un serio problema per i cittadini del Salento soprattutto di domenica quando aumenta il flusso dei turisti, ma scompaiono i treni. Il risultato è che per spostarsi sulla costa si è costretti a prendere la macchina, con il traffico che puntualmente va in tilt. A nulla  purtroppo è servito l’ingresso delle Ferrovie del Sud Est nel gruppo Ferrovie dello Stato, la mancanza di corse ferroviarie la domenica costituisce un grave vulnus nel sistema del trasporto locale. Non si può sempre sperare che il turista abbia pazienza perché “il mare è bello e il cibo è buono”.

L’immagine da cartolina non è più sufficiente. Purtroppo negli anni - prosegue il pentastellato - i fondi che sarebbero dovuti servire a garantire un servizio adeguato sono stati sperperati e mal gestiti e il risultato oggi è sotto gli occhi di tutti. È assurdo pensare che per arrivare da Lecce a Leuca servano circa 2 ore e mezzo, ossia circa il doppio del tempo che un turista impiega per arrivare nel Salento con qualsiasi volo nazionale. Un anno fa ho depositato un’interrogazione diretta all’allora assessore ai trasporti Giannini per chiedere quali misure l’assessorato volesse adottare per garantire personale a sufficienza e sicurezza per utenti e dipendenti dei treni FSE sulle linee ferroviarie salentine. Da allora niente è stato fatto e gli utenti continuano a viaggiare su treni vecchi e poco sicuri. Un vero dramma - conclude - per un territorio che offre tanto per bellezza ed enogastronomia ma non garantisce dei servizi adeguati”.

Lecce, la Puglia incontra l’Europa: al via tre giorni di seminari e approfondimenti

LECCE - Il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio, la Prefettura di Lecce e il Comune di Lecce, d’intesa con l’Istituto Europeo di Pubblica Amministrazione (EIPA), organizzano dal 21 al 23 maggio 2018 presso le Officine Cantelmo a Lecce "La Puglia incontra l'Europa", ciclo di incontri per promuovere una piattaforma di dialogo e avvicinare i territori all'Europa.

L'iniziativa sarà presentata da Diana Agosti, Capo Dipartimento Politiche Europee, Carlo Salvemini, Sindaco di Lecce, Claudio Palomba, Prefetto di Lecce, nel corso di un incontro-dibattito aperto alla cittadinanza che si svolgerà lunedì 21 maggio alle ore 17,00. Sono previsti gli interventi di Loredana Capone, Assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Antonio Maria Gabellone, Presidente della Provincia di Lecce, Vincenzo Zara, Rettore dell’Università del Salento, Gianni Stefàno, Vice Presidente Anci Puglia, Patrizia Guida, Assessore all’Europa e alla Cooperazione internazionale del Comune di Lecce, Cristiana Turchetti dell’Istituto Europeo Pubblica Amministrazione.

L'iniziativa si articola in 'seminari formativi' volti a promuovere l’occupazione e la mobilità giovanile e approfondire i temi della progettazione europea. Il primo seminario, che si terrà lunedì 21 maggio, sarà focalizzato sulle opportunità di studio e lavoro in Europa ed è rivolto a studenti universitari e delle scuole secondarie di secondo grado. Il successivo seminario di due giorni (22 e 23 maggio) è aperto a un focus selezionato di partecipanti e sarà dedicato alla progettazione europea e finalizzato alla redazione di una proposta progettuale da candidare all’interno del programma "Interreg Adrion".
Al seminario del 21 maggio dedicato ai più giovani hanno aderito ad oggi 10 Istituti scolastici della provincia di Lecce - Liceo Scientifico “L. da Vinci” di Maglie, Liceo “Virgilio-Redi” di Lecce, I.I.S. “Meucci” di Casarano, I.I.S.S. “F. Calasso” di Lecce, I.I.S. “De Pace” di Lecce, Liceo “Comi” di Tricase, I.I.S.S. “E. Canoce” di Maglie, I.I.S.S. “N. Moccia” di Nardò, Liceo “Palmieri” di Lecce, I.I.S.S. “Galilei-Costa” di Lecce - per un totale di circa 200 studenti.

Durante tutta la durata degli incontri, le Officine Cantelmo ospiteranno la mostra multimediale “L’Italia in Europa - L’Europa in Italia” realizzata dal Dipartimento per le Politiche Europee in collaborazione con l'agenzia Ansa: 115 foto e 29 contenuti multimediali per conoscere non solo il percorso di costruzione dell'Unione e l'azione dell'Italia, ma soprattutto il “valore aggiunto” dell'essere cittadini europei. La mostra si avvale di un progetto di realtà aumentata per coinvolgere maggiormente le giovani generazioni. Grazie all'app dedicata, è possibile visitare interattivamente la mostra: cercando e inquadrando con il proprio dispositivo mobile le foto contrassegnate con l'icona play, si attiva in automatico un contenuto video per rivivere con l’aiuto di immagini storiche e di repertorio sia i momenti salienti dell'integrazione europea dalla Guerra Fredda ad oggi, sia gli eventi mondiali e gli avvenimenti di costume e società che hanno caratterizzato questi decenni di storia. La mostra sarà inaugurata lunedì 21 maggio alle ore 16,45.

Caccia al tesoro nella Lecce fantastica

LECCE - Sabato 19 maggio il Museo Diocesano di Arte Sacra di Lecce partecipa alla Festa dei Musei 2018 con una "Caccia al tesoro nella Lecce Fantastica", organizzata nell'ambito del progetto "Piazza Duomo. Una ricchezza per tutti", in collaborazione con Archistart. Dalle 17 da Porta Napoli partirà una vera e propria caccia al tesoro alla riscoperta di dieci attrazioni e simboli del capoluogo salentino.

I partecipanti, divisi in due squadre capeggiate dagli architetti Giacomo Potì e Anna Serafini, inizieranno la caccia al tesoro, sfidandosi in due percorsi distinti per i vicoli del centro storico. Si ricongiungeranno nel punto finale della caccia, dopo la conquista di 10 tappe. I partecipanti guidati da due capisquadra dovranno cercare in città le risposte agli indizi e inviare una fotografia agli organizzatori dell’evento. Di volta in volta saranno svelato gli indizi che aiuteranno la squadra a procedere nel percorso.

La squadra vincitrice avrà la possibilità di fruire gratuitamente del tour “Piazza Duomo - una ricchezza per tutti” e di sfogliare l’antico tomo dell’Enciclopedia Francese del 1700 dedicato all’Architettura e custodito presso la Biblioteca Innocenziana del Seminario. Evento rivolto soprattutto ad architetti e appassionati di storia architettonica della città.

Gallipoli, Just Cavalli presenta la nuova collezione p.e. 2018

GALLIPOLI - Antonella Espada, negozio leader presente sul territorio salentino da oltre trent’anni, è stato selezionato e scelto per il Sud Italia dalla casa di moda Roberto Cavalli al fine di ospitare la sfilata della nuova collezione Primavera Estate 2018 della linea Just Cavalli. Gli abiti si ispireranno agli anni ’80, rock’roll spirit, fantasie animalier e richiami floreali.

La titolare Antonella Espada si dice entusiasta di poter ospitare a Gallipoli uno dei brand ai quali si sente più affezionata, la città potrà godere di quell’atmosfera magica che le creazioni di Roberto Cavalli sanno trasmettere da anni nel panorama internazionale dell’Alta Moda.

Subito dopo la sfilata si terrà un cocktail party per i clienti e spettatori dell’evento, per conversare in piacevole compagnia sulle nuove tendenze della stagione.

Unisalento: si spegne prof.Semeraro

LECCE - Si è spento questa mattina 15 maggio 2018 il professor Angelo Semeraro, ordinario di Pedagogia Sociale nell’Università del Salento. Sua la cattedra di Pedagogia della Comunicazione sociale nel Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione che ha tenuto fino al 2010, anno in cui è andato in pensione. Il prof. Semeraro ha insegnato negli Atenei di Siena, Bari e Napoli “Orientale”, a partire dal 1972.

I suoi interessi di ricerca si sono concentrati nel tempo sui temi della istituzionalità educativa e scolastica in contesti locali, regionali e internazionali. Negli ultimi dieci anni si è occupato di paideia della comunicazione. Direttore del “Quaderno di Comunicazione”, rivista di dialogo internazionale, edito da Mimesis (Milano), nell’ultimo periodo il suo lavoro si è focalizzato sulla storiografia del territorio jonico-salentino. Per la casa editrice locale Kurumuny dirigeva la collana, “Cultural tour. Ospiti illustri di Puglia”.

“Resteremo sempre grati al professor Semeraro per averci lasciato un’eredita che lo consegnerà ai posteri: il corso di laurea di Scienze della Comunicazione di cui è stato fondatore nel 2000 grazie alla sua tenacia e spirito di sacrificio – ha commentato il rettore dell’Università del Salento, Vincenzo Zara. – Intellettuale raffinato e grande studioso della storia della pedagogia, al prof. Semeraro va il merito di essere riuscito a declinare la radice teoretica della pedagogia con la comunicazione. Burbero in apparenza, ma amatissimo dai suoi studenti, ci lascia da vero maestro e da insigne studioso. Di lui ricorderemo l’investimento costante sulla ricerca piuttosto che sulle relazioni, il suo amore per la verità e la scelta costante di anteporre il bene comune agli interessi personali”.

FlixBus scommette sul Salento per l'estate: al via nuovi collegamenti con Lecce e Gallipoli e nuove fermate a Galatina e Galatone

MILANO – FlixBus punta sul Salento per l’estate 2018: la società degli autobus verdi annuncia oggi nuovi collegamenti con Lecce e Gallipoli e l’istituzione di due nuove fermate a Galatina e Galatone. Un potenziamento che mira a facilitare l’accesso dei turisti in arrivo dalle altre regioni e dall’estero e agevolare al contempo gli spostamenti dei Salentini in Italia e in Europa.

Una delle primissime città collegate in Puglia, Lecce rimane al centro dei progetti di FlixBus per la sua attrattività di meta culturale e la funzione di snodo per chi raggiunge il Salento dalle altre regioni. Alle connessioni con i grandi capoluoghi come Roma, Napoli e Bologna e centri più vicini come Potenza e Matera si aggiungeranno dal 24 maggio nuovi collegamenti con Toscana e Liguria: il Salento sarà così facilmente raggiungibile anche dai turisti in arrivo da Genova, Pisa, Livorno e varie altre città.

Sempre dal 24 maggio saranno potenziati i collegamenti con Gallipoli: la Perla dello Ionio, meta di grande richiamo per il turismo giovanile in Salento e già raggiungibile da Milano e Bologna, sarà collegata con varie altre città, tra cui Verona, Ancona, Perugia e Pescara, mentre il 14 giugno partiranno i primi collegamenti con Roma, Napoli, Salerno, Potenza e Matera.

In linea con l’importanza accordata al territorio, FlixBus ha inoltre istituito nuove fermate a Galatina e Galatone, che si aggiungono a quelle di Lecce, Gallipoli, Maglie e Otranto consolidando la presenza in provincia dell’operatore degli autobus verdi. Alla valorizzazione del Salento come meta turistica di prestigio internazionale concorrono i primi collegamenti con la Germania, che mettono in relazione senza cambi Lecce, Gallipoli, Galatina e Galatone con Monaco di Baviera, Norimberga e Hannover.

Tutti i collegamenti sono prenotabili online, via app e in agenzia, e sono operati in collaborazione con una rete di aziende partner dall’esperienza pluriennale che svolgono il servizio operativo mettendo a disposizione mezzi e autisti, mentre FlixBus si occupa della pianificazione di rete, del marketing, della comunicazione e del pricing. A bordo, Wi-Fi gratuito, prese elettriche, sedili reclinabili e toilette.

Interreg V-A Grecia-Italia: al via a Lecce il progetto di cooperazione Traces

LECCE - In programma il 16 e 17 maggio 2018 a Lecce, al Campus Ecotekne l’incontro di lancio del progetto di cooperazione transfrontaliera “TRACES – TRansnational Accelerator for a Cultural and Creative EcoSystem”, finanziato dal Programma Interreg V-A Grecia–Italia 2014-2020, a valere sulla prima call.

Capofila del progetto l’Università del Salento - Dipartimento di Scienze dell’Economia con due partner italiani, Tecnopolis Parco Scientifico Tecnologico di Bari e il Distretto Puglia Creativa e due partner greci, l’Associazione Ellenica di Management e la Camera di Commercio di Achaia. Sono partner associati: ENCATC – European Network on Cultural Management and Policy e Fondazione per la Finanza Etica.

Il progetto TRACES, finanziato sull’Asse 1 del Programma Innovazione e Competitività per circa 1 milione di euro, intende promuovere l’imprenditorialità creativa e la crescita delle imprese culturali e creative come motori dello sviluppo locale inclusivo e sostenibile in Puglia e Grecia, attraverso la creazione di un acceleratore  cross-frontaliero diffuso a supporto dei processi di incubazione di queste imprese.

A tal fine il progetto implementerà una piattaforma ICT di scambio di servizi creativi tra la Puglia e la Grecia, in cui i talenti creativi possono condividere servizi e visibilità delle loro attività. Saranno allestiti 10 Atelier locali, 5 in Puglia e 5 in Grecia occidentale, quali spazi pubblici riutilizzati secondo il modello dei Laboratori Urbani ed è prevista l’organizzazione della prima edizione della Fiera della Creatività, quale evento biennale in cui artisti,  imprenditori e stakeholder saranno coinvolti per la promozione e la commercializzazione dell’offerta creativa in Puglia e in Grecia.

Lecce, in fiamme auto di avvocatessa

di PIERO CHIMENTI - Ignoti appiccano l'auto di un'avvocatessa di Lizzanello, in provincia di Lecce, che era parcheggiata nei pressi della propria abitazione, provocando danni oltre che al mezzo anche alla facciata della palazzina. A dare l'allarme è stato il vicino che ha allertato la professionista, che da lì a poco si è diretta verso il proprio veicolo per andare al tribunale di Lecce.

Uno studente leccese sul podio dei Giochi nazionali delle Scienze Sperimentali

LECCE - Un altro prestigioso premio per l’Istituto Ammirato-Falcone di Lecce. Dopo la vittoria alle Olimpiadi del Problem Solving, infatti, un altro studente della scuola leccese sale sul podio di una competizione nazionale. Si tratta di Francesco d’Angelo, che ha conquistato il terzo posto nella classifica nazionale dei Giochi nazionali delle Scienze sperimentali, gara organizzata dall’Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali, svoltasi presso l'università LIUC di Castellanza, in provincia di Varese. Con un punteggio di 22,60 - e un distacco di appena 0,90 punti dal primo classificato -  Francesco è salito sul podio dei campioni, vincendo uno stage di una settimana ad Assisi, dedicato all' approfondimento di alcune tematiche  scientifiche e del metodo  sperimentale  e la partecipazione alle gare regionali delle Olimpiadi delle Scienze della Terra della prossima edizione, che si tengono in contemporanea e che si rivolgono agli studenti della scuola secondaria di secondo grado.

Grande soddisfazione per il risultato è stata espressa dalla presidente regionale di ASISN  (Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali) Rosa Roberto, dirigente Scolastica dell'IISS di Noci-Gioia del Colle e  dalla referente regionale, Gabriella Colaprice, dirigente scolastica del IV Circolo di Trani, che hanno sottolineato l'importanza di un risultato che ha visto la Puglia conquistarsi un titolo importante per la prima volta in 8 anni,  ossia dal 2012 da quando sono stati istituiti i Giochi delle Scienze Sperimentali accanto alle Olimpiadi, che si svolgono dal 2002. 

"Iniziative ed eventi di questo genere – commenta felice la dirigente dell’IC Ammirato Falcone Bruna Morena - riescono a mobilitare energie positive e a fare emergere la "buona scuola" quotidiana, che sa "prendersi cura" e valorizzare anche le eccellenze. Una buona scuola che esiste, oltre a quella "brutta " fatta di bulli e di mediocrità che è oggi purtroppo alla ribalta e di cui parlano tanto i media”.

“Rivolgo un grazie particolare – conclude la dirigente - alla prof.ssa Maristella Mazzotta referente di istituto dei Giochi delle Scienze Sperimentali”.

Rosàlia De Souza in prima nazionale a Lecce

(Credits: Santoro)
LECCE - "Ho pensato a questo nuovo album Tempo come un'analisi di quello che sono, di quello che ho vissuto e di quello che inevitabilmente ho lasciato dietro. Penso che le mie origini, il modo in cui il mio popolo guarda la vita, hanno avuto una grande parte nel concepirlo; per questo ho deciso di ritornare all'origine della bossa nova, genere che racconta l’amore nelle sue diverse forme: sogno e realtà, passione e cinismo, desideri e abbandoni. Perché questo titolo? Il tempo non esiste, dicevano i grandi saggi. Ma tra Einstein e S.Agostino c’erano due visioni molte diverse della stessa materia. Il tempo lenisce, matura, risponde e poi diventa inesistente".
Sono le parole appassionate di Rosàlia De Souza, che presenta con la sua sensibilità, la sua esperienza, il nuovo album Tempo. Un disco importante nella storia prestigiosa della vocalist brasiliana: è il suo quinto album e sarà pubblicato da Nau Records (distr. Audioglobe) venerdì 1 giugno 2018, a nove anni di distanza da D'improvviso. Venerdì 18 maggio Rosàlia lo presenta dal vivo in prima nazionale al Teatro Paisiello di Lecce, con un ensemble di fuoriclasse: Antonio De Luise al pianoforte, Sandro Deidda al sax e flauto, Aldo Vigorito al contrabbasso e Dario Congedo alla batteria. In apertura, un intervento di presentazione a cura di Alceste Ayroldi, autorevole firma del giornalismo jazz italiano.

Rosàlia De Souza è l'interprete brasiliana di bossa nova più famosa al mondo tra quelle operanti al di fuori dei confini nazionali: una diva amatissima in ogni dove grazie ai numerosi concerti, alla presenza in tante compilation internazionali di bossa e Musica Popolare Brasiliana, ai quattro album che l'hanno portata alla ribalta come voce inconfondibile e profondamente consapevole della vicenda storica della bossa nova. Nata nel 1966 a Rio De Janeiro nel quartiere di Nilopolis (famoso per la scuola di samba Beija-Flor), Rosàlia è arrivata in Italia nel 1988: ha un rapporto trentennale con il nostro paese ma ha proseguito con grandi partnership all'estero (pensiamo a Alvaro Dos Santos, Marcos Valle, Roberto Menescal, Pilots on Dope) e ha tenuto concerti in venue prestigiose come il Montreux Jazz Festival, il Blue Note, il Cotton Club Tokyo e il Brazil Festival al Barbican Center di Londra. A dimostrazione della popolarità di Rosàlia, sempre al centro dell'interesse per la sua visione della musica brasiliana, moderna ma rispettosa della tradizione, nell'ultimo anno i suoi brani sono stati ascoltati oltre 1 milione e 300.000 volte.

Tempo esce a nove anni da D'Improvviso, in questo lungo periodo Rosàlia ha dedicato il suo tempo, pur proseguendo tra concerti e collaborazioni internazionali, ad una ricerca personale di spiritualità e approfondimento dell’aspetto letterario della sua arte. Tempo si muove con libertà ed autorevolezza tra la bossa nova e il samba, tra il jazz, il bolero e la musica popolare brasiliana. E' un lavoro senza filtri, votato alla purezza del suono e dell'interpretazione. Per la stella brasiliana Tempo rappresenta una rinascita artistica e personale, nella quale la sua vena poetica si concretizza pienamente anche attraverso i testi, di cui è autrice.

Rosàlia De Souza sarà molto impegnata dal vivo per la promozione di Tempo, ecco i primi concerti confermati: 24 maggio Auditorium Parco della Musica - Roma, 28 Giugno Caserta Jazz Festival - Caserta, 19 Agosto Roccella Jazz Festival - Roccella Ionica (RC), 13 Ottobre Teatro Cilea - Reggio Calabria.

Venerdì 18 maggio 2018
Ore 20.30
Teatro Paisiello
Via Giuseppe Palmieri 83
Lecce

ROSALIA DE SOUZA
in concerto
 
Biglietti: 20.00€

Rosàlia De Souza: voce
Antonio De Luise: piano
Sandro Deidda: sassofono e flauto 
Aldo Vigorito: contrabbasso
Dario Congedo: batteria

Info:

Rosalia De Souza:
https://www.facebook.com/RosaliaDeSouzaUfficiale/

Nau Records:
http://www.naurecords.com/

Synpress44 ufficio stampa:
http://www.synpress44.com

Xylella, mobilitazione nazionale di Cia Agricoltori Italiani

PRESICCE (LE) – Un problema di ordine nazionale da affrontare con tempestività, lucidità, visione d’insieme, per tutelare il futuro dell’agricoltura e, più in particolare, dell’olivicoltura pugliese: sulla questione Xylella, si mobilitano il presidente nazionale Dino Scanavino e la giunta nazionale di CIA Agricoltori Italiani. Martedì 15 maggio, a Presicce (LE), il presidente Dino Scanavino e la giunta nazionale dell’organizzazione, assieme a dirigenti regionali e provinciali della CIA, terranno una conferenza stampa sul problema xylella.

L’incontro con i giornalisti inizierà alle ore 11 e si svolgerà a Presicce, presso il Frantoio Oleario Alessandro Luigi Negro, ubicato sulla Strada Provinciale Presicce-Lido Marini. Proposte e linee direttive della CIA sulla drammatica questione del batterio che distrugge gli ulivi, assieme al grido d’aiuto che giunge dagli olivicoltori, saranno al centro di due giorni in cui il presidente Dino Scanavino e la giunta nazionale di CIA Agricoltori Italiani saranno in Puglia anche per un sopralluogo sulle zone direttamente colpite dal batterio della sputacchina. La due giorni comincerà oggi, lunedì 14 maggio, a Ostuni (BR) e proseguirà a Presicce (LE) il 15 maggio con la conferenza stampa e i sopralluoghi.

MOBILITAZIONE PERMANENTE - La due giorni dei dirigenti nazionali in Puglia arriva nel momento di massima mobilitazione di CIA Agricoltori Italiani. Una mobilitazione espressa, nelle settimane e nei mesi che ci lasciamo alle spalle, da una lunga serie di incontri pubblici, eventi informativi, prese di posizione e documenti attraverso i quali l’organizzazione ha prodotto, e continuerà a farlo mantenendo permanente la propria mobilitazione, un impegno orientato ad affrontare la questione Xylella in modo strutturale.

“Lo ribadiamo ancora una volta”, ha dichiarato Raffaele Carrabba, presidente regionale di CIA Agricoltori Italiani di Puglia, “occorre fermare l’espandersi del batterio, mettendo in atto senza indugi le misure concordate dai livelli istituzionali. E’ necessario procedere ai reimpianti, sostenere gli olivicoltori con una programmazione chiara che metta in campo, e lo faccia celermente, le risorse necessarie a dare un futuro al comparto olivicolo”, ha ribadito Carrabba. “Con i due giorni in Puglia, il nostro presidente Dino Scanavino e la nostra giunta nazionale vogliono dare un messaggio forte, chiaro, univoco anche a Roma e Bruxelles: servono un impegno e una catalizzazione di attenzione e risorse internazionali per affrontare un problema enorme, epocale, che rischia di cambiare i connotati alla nostra economia e alla stessa identità della Puglia”, ha concluso Carrabba.

Lecce e il Salento nuovamente tra le top 'mete' per il turismo in Italia secondo le migliori riviste internazionali specializzate

LECCE - Ancora una volta Lecce e il Salento in vetrina tra le migliori “mete” per il turismo secondo una delle pi apprezzate riviste internazionali specializzate in viaggi e turismo. Anche Luxury Travel Magazine rilancia la Terra d’Otranto, addirittura in cima nella classifica, tra “Le migliori alternative agli hotspot italiani affollati quest'estate” facendo un paragone non azzardato con Firenze.

Nella sua versione online si ricorda che se “Firenze è famosa nel mondo per essere la città rinascimentale d'Italia, tuttavia la città meno nota di Lecce vanta incredibili edifici barocchi e un'atmosfera giovane e vivace.

La zona costiera circostante ospita incantevoli località balneari (Gallipoli, Otranto), mentre la campagna ha molte masserie (tipiche fattorie pugliesi) che producono vino, olive, formaggio e altro ancora. Qui i viaggiatori possono prendere lezioni di cucina intima in una delle masserie o gustare esclusivi piatti e degustazioni per far rinascere la loro fuga dal Rinascimento italiano.”

Ormai, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sono quotidiani i riconoscimenti e gli apprezzamenti di caratura internazionale per le amenità di Lecce e del Salento che dovrebbero indurre tutti gli operatori a continuare a garantire non solo un’offerta turistico ricettiva sempre più in grado di soddisfare ogni richiesta del turismo mondiale, ma anche la conservazione delle bellezze che rendono unica e così gradita questa realtà.

Notte Taranta, il tour dell'orchestra popolare fa tappa alla festa patronale di Aradeo

ARADEO (LE) - Il tour dell’Orchestra Popolare La Notte della Taranta fa tappa, lunedì 17 maggio, ad Aradeo (Le). Ospiti della Festa patronale San Nicola, i musicisti e i danzatori si esibiranno sulla splendida cassa armonica alle 21:30 in piazza San Nicola, per un concerto che si preannuncia carico di ritmo.

Diretti dal maestro Daniele Durante a Aradeo ci saranno i musicisti Antonio Marra (batteria), Alessandro Monteduro (percussioni),   Roberto Gemma (fisarmonica), Stefano Rielli (basso), Gianluca Longo (mandola), Nico Berardi (fiati), Roberto Chiga (tamburello), Attilio Turrisi (chitarra battente).

A interpretare i brani della tradizione salentina le voci di Alessandra Caiulo,  Enza Pagliara e Antonio Amato. Grande spazio sarà riservato alla danza con la presenza dei ballerini Anna Donadei e Marco Martano , componenti del Corpo di Ballo de La Notte della Taranta, che presenteranno una nuova coreografia, sintesi tra pizzica e ballo latino-americano, sul brano Lu Zinzale.

Saranno proposti i grandi successi dell’Orchestra Popolare, canti di lavoro, di protesta e d’amore tra i più amati dal pubblico: Fimmine Fimmine, Acqua de la Funtana, Lu Rusciu de lu Mare, Aria Gaddhipulina, e le potenti pizziche da Copertino a Ostuni da Torchiarolo a San Vito. Gran finale con il canto in grico, lingua minoritaria dell’area ellenofona del Salento, che chiude ogni anno il Concertone di Melpignano: Kalinifta.

Il tour dell’Orchestra Popolare proseguirà  il 2 giugno a Rally del Salento di  MELPIGNANO (LE), il 12 giugno a La Notte del Liscio  di CESENATICO (FC), il 20 luglio a ROMA, il 28 luglio al GruVillage Music Festival di  GRUGLIASCO (TO).

Lecce, l'infermiere di famiglia: incontro dell'Ordine degli infermieri

LECCE - Il malato cronico curato in casa dall’infermiere di famiglia? E’ questo il futuro dell’assistenza sul territorio. Si è parlato dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità ieri in un corso formativo organizzato dall’Ordine degli Infermieri della provincia di Lecce. L’infermiere non più in un rapporto di dipendenza dal medico, ma di collaborazione, secondo una logica multi-professionale.

Il modello attuale, che riprende e aggiorna il progetto Leonardo, premiato dal Forum della P.A. nel 2007, prevede che l’infermiere di famiglia sia responsabile di un gruppo «predefinito» di famiglie o di una comunità, curando il collegamento tra servizio sanitario pubblico, enti gestori delle funzioni socio-assistenziali, enti locali, associazionismo e famiglie.

«Noi stiamo lanciando l’idea di presa in carico del paziente presso il domicilio – spiega il dr. Marcello Antonazzo, (in foto) presidente dell’Ordine degli Infermieri della provincia di Lecce – Abbiamo riscontrato con dati alla mano, che questo modello fa risparmiare la Regione e aiuta il sistema a ridurre la pressione sui Pronto Soccorso. L’infermiere oggi può svolgere la sua funzione anche presso i Gruppi e le Reti dei medici di famiglia.

La decisione se assumere l’infermiere come dipendente o come libero professionista spetta ai medici associati. Noi puntiamo a un modello di convenzionamento come quello che c’è già per il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta. Il ruolo dell’infermiere nello studio medico è quello di prendere in carico un gruppo di pazienti di categorie a rischio, come patologie cardiache, diabete, scompensi. Per evitare che la gente che non trova risposte si rivolga al Pronto soccorso».

In ogni caso bisogna fare sempre i conti con le risorse. Oggi infatti, la figura dell’infermiere di famiglia non c’è ancora.

Salute Salento ha chiesto le ragioni al dr. Rodolfo Rollo, direttore del Distretto Socio-sanitario di Lecce, che raggruppa 10 comuni e 178mila residenti.

«E’ un sistema, quello dell’infermiere di comunità, che potrà svilupparsi – spiega il direttore Rollo – Il nuovo contratto darà un forte slancio a questa innovazione. Significa che, come avviene oggi per il medico che può andare a fare la visita all’anziano in difficoltà, questo può essere fatto dall’infermiere, il quale si potrà prendere cura del paziente con riacutizzazioni, con febbre e con patologie trattabili a domicilio. Ma l’infermiere  - aggiunge Rollo – può svolgere il suo ruolo anche nella “medicina di iniziativa”. Se per esempio un figlio di diabetici è in sovrappeso, prima o poi diventerà diabetico; oppure un figlio di ipertesi che non ha mai controllato la sua pressione, prima o poi diventerà iperteso. Quindi, di fronte a questi fattori di rischio, l’infermiere sollecita queste persone a sottoporsi a esami preventivi con l’adesione a screening come la mammella, la cervice uterina o il colon-retto».

Il ruolo e la formazione di questa nuova figura dell’infermiere di famiglia è stata illustrata dal dr. Ginetto Menarello, vice direttore del Master di Infermieristica di Famiglia e di Comunità all’università di Torino.

E’ seguita una tavola rotonda moderata dal giornalista Giovanni Delle Donne.

Lecce e la Puglia, per Forbes tra i 7 luoghi favolosi e convenienti in Italia

LECCE - Forbes incorona la Puglia, Lecce con Otranto e Santa Maria Di Leuca tra i migliori posti e convenienti in Italia. La rivista americana di economia e finanza ha stilato un elenco dei luoghi in alternativa alle città e nei resort più famosi d'Italia .

"Le destinazioni più famose d'Italia, Roma, Venezia, Firenze, le Cinque Terre, sono infinitamente seducenti, ma nei mesi estivi possono essere affollate e costose. Le attrazioni classiche del paese - arte, architettura, cibo, vino, borghi medievali e splendidi paesaggi di campagna - si possono trovare al di fuori dei suoi luoghi famosi. Ma dove sono i posti migliori dove andare, anche economici e favolosi?".

Tramite i suoi esperti, la rivista statunitense raccomanda sette aree in cui le esperienze saranno autentiche e il costo di alberghi, ristoranti e proprietà immobiliari meno-spesso molto meno - che nelle città e nei resort più famosi d'Italia. "Mentre in queste aree non troverai molte proprietà a cinque stelle o ville da affittare, ci sono molti piccoli B & B e boutique hotel tra cui scegliere". Forbes raccomanda giugno, settembre e ottobre come mesi ideali per viaggiare verso le destinazioni sotto dettagliate, il tempo è buono e le folle di turisti non hanno ancora raggiunto il loro massimo.

"La Puglia è una delle migliori offerte in Italia ora. In particolare per le sue spiagge. Ci sono così tante belle coste e città, cibo e vino eccellenti. Le masserie (case coloniche in pietra della Puglia) sono state trasformate in hotel e splendidi centri termali".

"Tra le raccomandazioni ci sono Alberobello, città famosa per i suoi trulli, le rustiche strutture in pietra calcarea bianca con tetti a forma di cono che ora sono un famoso sito UNESCO; la scogliera di Polignano a Mare con una famosa insenatura sull'Adriatico; Ostuni, una città collinare a volte chiamata la Città Bianca della Puglia a causa dei suoi edifici in pietra color avorio ; la bellissima città barocca di Lecce; Otranto , abitata dai Greci, sede di un castello medievale, una cattedrale con mosaici del XII secolo e un ampio lungomare; e Santa Maria di Leuca sulla punta estrema del "tacco" italiano che offre splendide spiagge sia sul mare Adriatico e Ionio, calette drammatiche e ville in stile Liberty.

Per le vacanze al mare, la rivista suggerisce anche la penisola del Gargano in Puglia . "I resort sulla costa occidentale italiana sono meglio conosciuti, ma molte delle spiagge sono rocciose. Nel Gargano troverai spettacolari spiagge di sabbia. Vieste è una città costiera meravigliosa da visitare ". Vale anche la pena di visitare le idilliache isole Tremiti al largo della costa settentrionale del Gargano, con coste incontaminate e acque limpide e verdi. "È un paradiso per lo snorkeling." Al di là della classifica e dell’importante riconoscimento, per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è la dimostrazione che Lecce continua ad incantare a livello internazionale sempre più viaggiatori e che l’offerta ricettiva si sta adeguando alle esigenze del turismo mondiale.