Visualizzazione post con etichetta Lecce. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Lecce. Mostra tutti i post

Covid Puglia: +584 casi e nessun decesso. Tasso al 9,8%


BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia non si registrano decessi a causa del Covid.

Dai 5.972 test eseguiti nelle ultime 24 ore sono stati individuati 584 nuovi casi (incidenza del 9,8%) così distribuiti: 203 in provincia di Bari, 44 nella provincia Bat, 62 in quella di Brindisi, 77 nel Foggiano, 125 nel Leccese e 69 in provincia di Taranto.

Sono residenti fuori regione altre 2 persone risultate positive mentre non si conosce la provincia di appartenenza di altri due casi. Delle 43.122 persone attualmente positive 363 sono ricoverate in area non critica (ieri 358) e 20 in terapia intensiva (stabile rispetto a ieri).

Capaci, 23 maggio '92: la Puglia perse gli agenti Dicillo e Montinaro


NICOLA ZUCCARO -
Sabato 23 maggio 1992. Alle ore 17.57, nei pressi di Capaci (sul territorio dell'Isola delle Femmine in provincia di Palermo), un potente ordigno pari a 500 kg di tritolo esplode sul tratto dell'autostrada A29, mentre vi transitava sopra il corteo della scorta composto da 3 Fiat Croma. In quella di colore bianco vi era a bordo il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo (anche lei giudice). 

Oltre a Giovanni Falcone e la sua consorte (morti in ospedale nella tarda serata del 23 maggio), morirono anche gli agenti della scorta Antonio Montinaro (nato a Calimera in provincia di Lecce) e Rocco Dicillo, nato a Triggiano in provincia di Bari. Entrambe pugliesi, e in forza alla Polizia di Stato, perirono con il collega-poliziotto Vito Schifani (originario di Palermo), a bordo della Fiat Croma Azzurra. Vi furono 23 feriti, fra i quali gli agenti Paolo Capruzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l'autista giudiziario Giuseppe Costanza. 

La strage di Capaci, così definita nella sua semplificazione storico-giornalistica, fu un attentato di stampo terroristico-mafioso compiuto 30 anni fa da Cosa Nostra e progettato dalla stessa organizzazione criminale tra il settembre e il dicembre 1991, nel corso di alcune riunioni della "Commissione interprovinciale" presieduta dal boss Salvatore Riina e nelle quali vennero individuati anche altri obiettivi da colpire.

Covid Puglia: +1.184 casi e zero decessi, il 9,7% dei test

BARI - Nelle ultime 24 ore soono 1.184 i nuovi positivi al Covid-19 registrati nelle ultime ore in Puglia a fronte di 12.209 tamponi eseguiti, con un indice di positività del 9,7% rispetto al 12,4% di ieri.

Non si registrano decessi.

43.198 le persone attualmente positive, 358 quelle ricoverate in area non critica, 20 sono in terapia (ieri 21). Questa la suddivisione dei nuovi casi per provincia: Bari 402, Bat 73, Brindisi 126, Foggia 151, Lecce 256, Taranto 164, residenti fuori regione 8, in provincia in via di definizione 4.

Confindustria Lecce: "Solidarietà a Luciano Barbetta"

LECCE - Confindustria Lecce esprime solidarietà e vicinanza per le intimidazioni subite a Luciano Barbetta, stimato imprenditore del settore Tessile, Abbigliamento Calzaturiero e del Metalmeccanico, da sempre "tifoso" di questa terra e strenuo difensore dei valori dello sport.

"Fa davvero male - afferma il presidente reggente Nicola Delle Donne - assistere ad episodi di minacce ad un uomo di grande lealtà e cuore, impegnato ogni giorno su tanti fronti per far crescere il territorio e dare un futuro alla sua gente. Il recente investimento nel Lecce Calcio è il giusto coronamento di un imprenditore che tiene a valorizzare i talenti della nostra provincia e che continuerà a credere anche nelle possibilità di tutto lo sport del territorio. Nessun alibi, pertanto, per coloro i quali hanno cercato di minare e ferire un impegno del genere. Esprimo a nome mio personale e di tutti gli associati il mio sostegno a Luciano Barbetta e la ferma condanna degli autori di questo vile gesto criminale".

Confindustria Lecce auspica che le Forze dell'Ordine individuino nel più breve tempo possibile i responsabili per assicurare e garantire la sicurezza sul territorio, unica condizione di contesto nella quale ciascuno può davvero fare bene la propria parte per la crescita economica e sociale del Salento.

"Serve un ulteriore sforzo corale - conclude Delle Donne - per dare a questa terra alti livelli di legalità in modo che possa esplicare tutto il proprio potenziale".

Covid Puglia: +1.632 casi e 3 decessi. Incidenza al 12,4%

BARI - Nelle ultime 24 ore sono 1.632 i nuovi casi di Covid-19 rilevati in Puglia su 13.121 test giornalieri registrati (con una incidenza del 12,4%). I decessi sono 3 mentre delle 43.853 (ieri erano 44.868) persone attualmente positive, 359 (ieri 381) sono ricoverate in area non critica e 21 in terapia intensiva, una in più di ieri.

Questa la distribuzione dei nuovi casi per provincia: Bari: 604; Bat: 114; Brindisi: 132; Foggia: 196; Lecce: 328; Taranto: 229.

I residenti fuori regione sono 19 e quelli di provincia in definizione 10.

Salone del Libro, le luci di Santoro da Alessano


FRANCESCO GRECO - ALESSANO (LE). E luce fu sui libri, la cultura, la parola. Mai come in questo periodo tanto buio ce n’è bisogno. Da Alessano (Lecce), le luminarie Santoro illuminano Torino e il Salone Internazionale del Libro (è la XXXIV edizione). Nello specifico: lo stand della Regione Puglia e del Teatro Pubblico Pugliese.

“Ne siamo orgogliosi - afferma soddisfatto il fondatore Antonio Santoro – abbiamo dato luce alla lettura, il dialogo, l’incontro, i libri: perché chi legge non è mai solo”.

Dopo due anni di sosta forzata, a via Ruggiano (Montesardo) sede della bottega dove nascono le bellissime architetture, si torna dunque a lavorare: prossima tappa dell’azienda salentina ai primi di giugno, a Racale, la festa di san Sebastiano il protettore.
 

Nata nel 1990, la Santoro Luminarie è cresciuta molto in questi anni con un concept rispettoso dell’ambiente, del committente e delle relazioni col personale che collabora.

Portando l’aria della festa illuminando vie e piazze di feste religiose e civili un po’ ovunque, sia in Italia che all’estero: Firenze, Siena, Pisa, Forlì, Lecce, Brindisi sono solo alcune delle tappe. E poi: Germania, Turchia, Palestina (Betlemme), etc.

Fino alla scenografia di Torino, con grande visibilità mediatica, del Salone del Libro. Importante era ricominciare.

Covid Puglia: +1761 casi e 6 decessi, il 12,6% dei test

BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia si registrano 1.761 nuovi casi di contagio da Covid su 14.009 test (incidenza del 12,6%) e sei decessi.

I nuovi casi sono stati individuati in provincia di Bari (618), nella provincia Barletta-Andria-Trani (127), e in quelle di Brindisi (142), Foggia (224), Lecce (365) e Taranto (258).

Sono residenti fuori regione altre 15 persone risultate positive in Puglia, mentre per altri 12 casi non si conosce ancora la provincia di appartenenza. Sono attualmente positive 44.868 persone di cui 381 sono ricoverate in area non critica (ieri 395) e 20 in terapia intensiva (ieri 22).

A scuola insieme a piedi: per i bambini del De Amicis arriva il Pedibus


LECCE - Una settimana per sperimentare insieme un nuovo modo di raggiungere a piedi la scuola e prepararsi alla stabilizzazione del servizio per il prossimo anno scolastico. Per i bambini delle classi prime, seconde e terze della scuola primaria II circolo “De Amicis” da lunedì 23 maggio a venerdì 27 maggio sarà disponibile il “Pedibus”, realizzato in collaborazione dal Comune di Lecce, settore Mobilità sostenibile e Polizia Municipale, con la scuola e i volontari di Fiab Lecce e del movimento LeccePedala.

Come funziona? Due punti di ritrovo, Porta Napoli e Via Stampacchia, ai quali i genitori potranno accompagnare i propri bambini che saranno accompagnati a piedi in gruppo e in sicurezza all’ingresso della scuola. Stesso percorso all’uscita. Si chiama “pedibus dell’ultimo miglio” e punta a offrire ai bambini una bella esperienza di socialità negli orari di entrata e uscita dalle scuole e ai genitori un servizio utile per evitare lo stress e consentire ai propri figli di raggiungere la scuola in maniera sicura e senza auto. E di prenderli all’uscita agli stessi punti di ritrovo.

Appuntamento dunque a Porta Napoli o in Via Stampacchia alle ore 7.50 per l’entrata e al ritorno cinque minuti dopo l'orario di uscita: alle 13.25 dal lunedì al giovedì, alle 12.55 il venerdì. Ogni gruppo sarà accompagnato da due adulti, volontari di Fiab e del movimento LeccePedala (pre-segnalati alla scuola e individuabili da pettorine), assieme ad eventuali genitori disponibili.

Nel modulo di adesione, distribuito in questi giorni a scuola, i genitori potranno scegliere il punto di ritrovo preferito (per tutto il periodo di durata del pedibus) e potranno comunicare l'eventuale disponibilità ad accompagnare, indicando giorni e orari.

Il Pedibus è un’iniziativa del Comune di Lecce settore Mobilità sostenibile e Polizia Municipale e rientra nell’ambito del progetto “Muoversi Sostenibile” (finanziato dal Programma di Incentivazione della Mobilità Urbana Sostenibile – PrIMUS, del Ministero della Transizione Ecologica) che ha come obiettivo principale quello di sostenere, incentivare e supportare la mobilità sostenibile vicino ai plessi scolastici.

Ad accompagnare a scuola i bambini nella prima giornata di pedibus ci saranno anche il sindaco Carlo Salvemini nel punto di ritrovo a Porta Napoli e l’assessore Marco De Matteis dal punto di ritrovo in Via Stampacchia.

«Il pedibus è una buona pratica che contribuisce a decongestionare le vie e le piazze di accesso alle scuole dal traffico automobilistico, per consentire ai bambini un ingresso a scuola più sereno e meno viziato dai gas di scarico delle auto – dichiara l’assessore alla mobilità sostenibile Marco De Matteis – Ringrazio il dirigente, i docenti, i rappresentanti dei genitori e le famiglie che vorranno partecipare del II Circolo De Amicis per aver garantito la collaborazione fattiva della scuola. Il rapporto tra Comune e Istituti scolastici e tramite essi le famiglie e i docenti è fondamentale per costruire insieme quel cambiamento che auspichiamo a beneficio dei nostri bambini. E ringrazio Fiab e LeccePedala che con la loro disponibilità, passione ed esempio rappresentano un movimento di cittadinanza attiva fondamentale per costruire insieme una mobilità più sostenibile per la città».

Adp, Vasile replica a Pagliaro: "Nessuna penalizzazione nei confronti dell'Aeroporto del Salento"

BARI – “Quanto dichiarato dal consigliere regionale Paolo Pagliaro, in ordine a una presunta penalizzazione perpetrata ai danni dell’Aeroporto del Salento, è assolutamente privo di fondamento. Lo testimoniano i numeri relativi al primi quattro mesi del 2022 che indicano una ripresa del traffico che si attesta ai valori del 2019, e i dati parziali dei primi 15 giorni di maggio che riportano un incremento del 20% rispetto allo stesso periodo del 2019, trend identico, in termini percentuali, al dato di Bari". Così in una nota il presidente Adp Antonio Maria Vasile.

"Altrettanto privo di fondamento - prosegue Vasile - è quanto dichiarato dal Consigliere regionale circa un errore di visione rispetto alle strategie che porterebbero a penalizzare l’incoming verso il Salento a favore del traffico in uscita verso altre mete turistiche; nulla di più errato dal momento che al successo registrato dalla destinazione Salento un enorme contributo va riconosciuto al capillare network di destinazioni nazionali e internazionali costruito da Aeroporti di Puglia in accordo con i vettori e con l’Amministrazione regionale e le sue partecipate. Fondamentale, in tal senso, il radicamento dei più importanti vettori sul territorio che tra basi già operative e basi di prossima apertura credono nelle potenzialità del mercato pugliese e individuano in Aeroporti di Puglia un partner commerciale serio e affidabile“.

La Puglia tra le regione più visitate anche per l'estate 2022


Anche per l'estate 2022 la Puglia continua ad essere una delle regioni italiane più attraenti per i vacanzieri di tutto il mondo: ma quali sono le località più ambite per la prossima alta stagione estiva in Puglia? Holidu, uno dei maggiori motori di ricerca per case e appartamenti vacanza in Europa, ha creato l'indice dei prezzi per le vacanze in Puglia per la prossima estate, indicando le località più ambite nonché i prezzi medi e la disponibilità per ciascuna destinazione.


Fonte e graduatoria completa di tutte le posizioni con prezzi medi e disponibilità di alloggio per ciascuna destinazione in percentuale è consultabile alla pagina: https://www.holidu.it/casa-vacanze/italia/puglia#price-index

Gallipoli è la località più ambita


La location più gettonata è senza ombra di dubbio Gallipoli: luogo simbolo della movida estiva salentina precede Otranto e Ostuni che completano il podio, con Torre dell'Orso e Porto Cesareo a completare la top 5. Al sesto posto Pescoluse, che precede Vieste, Monopoli e il Bari al nono posto, mentre il Lecce chiude la top 10.

Prezzi medi: San Pietro in Bevagna, Maruggio e Gallipoli i più cari


La località più cara in termini di case vacanza e appartamenti è San Pietro in Bevagna con i suoi 261 € di media a notte, leggermente superiore a Maruggio con 250 € a notte e la "leader" Gallipoli con 244 €. Leuca, Porto Cesareo e Otranto sopra il muro dei 230€, fino a Polignano a Mare con i suoi 220€ di media a notte. Delle 30 località più gettonate, le più economiche sono, come è comprensibile, mete non strettamente legate al turismo balneare, ovvero Bari e Taranto con 134€, Trani con 124€, Brindisi chiude con "soli" 120€ di media. per notte.

Qual è la percentuale di case vacanza ancora prenotabili in Puglia rispetto al totale delle case esistenti in ciascuna località?


Con l'obiettivo di dare ai potenziali turisti un'idea di quali siano i luoghi in cui le strutture ricettive tendono a esaurirsi più velocemente per potersi muovere in tempo al momento della prenotazione, segnaliamo che per avere la più alta disponibilità di alloggi prenotabili al momento. il totale degli alloggi esistenti sono San Foca, Otranto e Torre Vado con oltre il 60% degli alloggi ancora disponibili. Non ancora sold out ma con una disponibilità inferiore al 50% circa troviamo Martina Franca e Torre dell'Orso. Vieste e Rodi Garganico si collocano sotto il 40%, Pulsano e Maruggio sotto il 30% con solo il 25% di alloggi ancora prenotabili.

Com'è la disponibilità di alloggi prenotabili in Puglia rispetto ad altre regioni italiane?


Per quanto riguarda la disponibilità di alloggi prenotabili ancora in alta stagione, la Puglia ha una disponibilità che si aggira intorno al 50%, non molto diversa da Calabria e Sicilia, più del Veneto con il 40% e anche più di regioni come Sardegna e Sicilia. Marche con il 33%, il dato più basso dopo solo la Toscana con il 31%.

Come sono i prezzi in Puglia rispetto alle altre regioni italiane?


La Puglia con i suoi 200€ di media a notte ha il secondo prezzo medio più alto dopo solo il Trentino-Alto Adige con 230€. La Sardegna ha il terzo prezzo medio più alto, ovvero 197€, mentre seguono tutte le altre regioni da Campania e Toscana con 180€ in su a 139€ in Abruzzo, 132€ in Piemonte e ai “soli” 129€ in Molise.

Come variano i prezzi tra alta e bassa stagione nelle varie regioni?


La regione con la maggiore variazione dei prezzi in alta stagione rispetto alla bassa stagione è il Friuli-Venezia Giulia con il 67% in più (da € 93 a € 155), seguita dalla Puglia con il 65% e dalla Sardegna con il 60%. Tutti gli altri seguono progressivamente fino al Lazio, l'unica regione dove il prezzo medio delle abitazioni non risente sostanzialmente della stagionalità.

La classifica completa delle località più ambite con prezzi medi e disponibilità di alloggi per destinazione è consultabile alla pagina seguente: https://www.holidu.it/casa-vacanze/italia/puglia#price-index

Metodologia:
La classifica riporta le 30 destinazioni in Puglia più cercate su Holidu in tutti i mercati in cui è presente il portale (quindi non solo utenti italiani) relative ai soggiorni compresi tra il 1 giugno 2022 e il 30 settembre 2022. Per ognuna di queste 30 destinazioni sono state poi indicate il numero di alloggi ancora disponibili per la prenotazione, quanto rappresentano tali alloggi in termini percentuali rispetto alla totalità delle case vacanza esistenti in ciascuna destinazione, nonché i prezzi medi delle case vacanza. Per la definizione di alta e bassa stagione sono stati presi come riferimento rispettivamente i periodi dal 8 agosto 2022 al 12 agosto e dal 19 settembre 2022 al 26 settembre 20

Covid Puglia: +1.868 casi e 13 decessi, quasi il 12% dei test

BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia sono 1.868 i nuovi casi di Covid rilevati, l'11,9 dei 15.638 test giornalieri registrati.

I decessi sono 13, mentre delle 45.581 persone attualmente positive, 395 sono ricoverate in area non critica (ieri erano 421) e 22 in terapia intensiva (ieri 27).

Questi i nuovi casi per provincia: Bari: 650; Bat: 127; Brindisi: 146; Foggia: 243; Lecce: 394; Taranto: 293; i residenti fuori regione sono 11, di provincia in definizione: 4.

Artigianato d'eccellenza, al via l'11ma edizione a Lecce

LECCE - Torna domani, venerdì 20 maggio, dopo due anni di stop, “Artigianato d’eccellenza”, la mostra-mercato del manufatto d’autore, in programma anche quest’anno nel cuore barocco del capoluogo salentino, sino a domenica 22 maggio, nell’ex Chiesa di San Francesco della Scarpa di Lecce.

Di altissimo livello, come di consueto, i nomi dell’artigianato internazionale ospiti della rassegna, che nell’ultimo giorno di apertura fa pendant ideale con le suggestioni di “Cortili aperti”, storica manifestazione dedicata alle bellezze architettoniche italiane che apre anche a Lecce, per una volta all’anno, l’interno di prestigiosi palazzi privati. Tra gli ospiti dell’edizione 2022 - l’undicesima - anche Roberto di Alicudi, l’artista napoletano residente nell’antica Ericussa, che metterà in palio una delle sue opere a sostegno di una delle attività di Fondazione Sylva, che ha come obiettivo il recupero e rimboschimento di aree degradate del Salento.

Ma non sarà l’unica attività solidale collegata ad Artigianato d’eccellenza, che come di consueto devolverà infatti parte del suo ricavato a Progetto Itaca, associazione nazionale fondata a Milano da Ughetta Radice Fossatiper il supporto alle persone affette da disturbi della salute mentale e alle loro famiglie - oggi presente anche nel Salento - e all’Antdi Lecce.

Orari di apertura: venerdì 20 dalle 18 alle 21, sabato 21 e domenica 22 dalle 10 alle 21.


ARTIGIANATO D’ECCELLENZA, mostra-mercato nata da un’idea di Maria Lucia Seracca Guerrieri Portaluri, si tiene ogni anno a fine maggio presso l’ex Chiesa di San Francesco della Scarpa, nel centro storico di Lecce, e ha come obiettivo principale la promozione dell’artigianato nelle sue forme più alte e la valorizzazione del territorio che la ospita, il Salento. La rassegna si ripromette infatti di mescolare virtuosamente i grandi nomi internazionali del manufatto d’autore con selezionatissimi espositori locali che, grazie ai contatti sviluppati in quest’occasione, riescono spesso ad inserirsi in circuiti artigianali di respiro più ampio.

Nel corso degli anni l’evento - inaugurato nel 2009, alla sua prima edizione, da Alberto e Paola di Liegi- ha fatto registrare la partecipazione di centinaia di artigiani illustri da tutta l’Europa. L’iniziativa si svolge in concomitanza con il weekend fiorito di “Cortili aperti”, ovvero nei giorni in cui la città si svela magicamente in tutta la sua bellezza alle migliaia di visitatori che accorrono nel Salento per ammirare sia le pietre luminose del barocco leccese, sia i meravigliosi manufatti di Artigianato d’eccellenza.

Ma non è solo l’aspetto culturale quello valorizzato dalla rassegna, che ha sempre abbinato alla bellezza il valore della solidarietà. Negli anni, infatti, la manifestazione ha inserito nella propria programmazione iniziative pensate per raccogliere fondi a sostegno dell’associazione “Tria Corda”, del reparto di Onco-ematologia pediatrica dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce e di Progetto Itaca: nel 2017, in occasione della sua ottava edizione, Artigianato d’eccellenza ha organizzato ad esempio uno straordinario concerto con Beatrice Rana, pianista di fama internazionale originaria del Salento. Nel 2019, invece - in occasione della decima edizione - “Artigianato d’eccellenza”, ha voluto celebrare la ricorrenza finanziando il restauro, d’intesa con la Curia leccese, della tela settecentesca “Il Martirio di San Fortunato”, opera del pittore tardo-barocco di scuola napoletana Oronzo Tisocustodita nel Duomo del capoluogo salentino.

L’ultima edizione della manifestazione si è conclusa con oltre 10mila visitatori e una ricca rassegna stampa nazionale e locale. Gli istituti bancari che hanno supportato la kermesse nel corso degli anni sono stati Monte dei Paschi di Siena, Banca Popolare di Bari, Banca Popolare Pugliese.

Per maggiori informazioni:

https://www.instagram.com/artigianatodeccellenza_lecce/
artigianatoeccellenza@gmail.com

A Lecce le creazioni dello stilista Pietro Paradiso


LECCE - Nella splendida cornice della Chiesa di San Francesco della Scarpa, in Lecce, la sfilata di moda Animus, dove le creazioni dello stilista Pietro Paradiso, insieme agli accessori di Michela Anastasia creatrice del brand Michy_hm_ accessories e i Bijoux di Patrizia e Antonella Cardone, titolari del brand La habitual, hanno omaggiato le donne, la loro anima generosa, coraggiosa, riflessiva.

Donne che vivono la propria vita sempre a testa alta, che ne sanno cogliere le sfumature, che sanno rialzarsi, mogli, madri, figlie e nonne in equilibrio tra mille impegni lavorativi, familiari e personali, rappresentate straordinariamente dalle nostre modelle per un giorno, Paola, Carmela, Ornella, Anna Rita, Antonella, Anna, Fernanda, Chiara e Maria Assunta.

La kermesse, patrocinata dalla provincia di Lecce, è stata curata e diretta da Daria Vernaleone.  M Arti di Lecce che ha allestito per l’occasione  una mostra di abiti e accessori realizzati nel corso di Decorazione che afferisce al DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE, diretto dalla Professoressa Lucia Ghionna Antonella Vadruccio mekup style e Massimo Fedele  hair stylist della serata.

In collaborazione con Banca Popolare Pugliese, Fatano 1880, Cantine Sanpancrazio e l'Accademia di Belle. 


Covid Puglia: +1.888 casi e 9 decessi


BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia si registrano 1.888 nuovi casi di contagio da Covid-19 su 15.818 test (incidenza del 12%) e nove decessi.

I nuovi casi sono stati individuati in provincia di Bari (665), nella provincia Bat (130), in quella di Brindisi (174), in provincia di Foggia (259), in provincia di Lecce (400), nella provincia di Taranto (244).

Sono residenti fuori regione altre 10 persone positive, mentre non si conosce la provincia di appartenenza di altri sei casi.

Delle 86.616 persone attualmente positive in Puglia 421 sono ricoverate in area non critica (ieri 433) e 27 in terapia intensiva (ieri 28).

Turismo: riapre a Lecce l’hotel President


LECCE - Nuova vita per lo storico hotel President. Riapre a Lecce dopo un rilevante intervento di ammodernamento, presentato dalla Siga (Società Immobiliare Gestioni Alberghiere) e realizzato grazie alle agevolazioni della misura regionale Titolo II Capo 6, lo strumento rivolto alle Pmi del settore turistico-alberghiero promosso dalla Regione Puglia (Sezione Competitività) e gestito da Puglia Sviluppo in qualità di organismo intermedio.

L’hotel riapre oggi sotto l’insegna di Mercure del gruppo alberghiero internazionale Accor e sarà gestito dalla Green Blu Hotels & Resort.

L’investimento del valore di circa 500mila euro (con agevolazioni pari a circa 160mila euro), ha riguardato l’ammodernamento della struttura e l’acquisto di nuove attrezzature ed arredi. Sono stati rispettati i canoni estetici originali, rivisitati e valorizzati mediante l’uso di tecnologie moderne. Così oggi l’hotel a quattro stelle presente a Lecce dal 1973 a ridosso del centro storico, riapre con 150 camere, ristorante, bar e aree congressuali con 9 sale meeting riprogettate e dotate di attrezzature moderne e multimediali e spazi espositivi polifunzionali.

Grazie al progetto sostenuto dalla misura regionale, sarà offerta una nuova sistemazione non solo moderna ma anche sostenibile, sia per i turisti che per quanti soggiornano a Lecce per affari.

“Un altro bene restituito alla collettività – ha commentato l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia – in una città, Lecce, che vuole offrire, oltre alle sue bellezze, comfort e servizi a quanti la visitano sia per turismo che per affari. Così, dopo il campanile del Duomo, un’altra struttura rivive e diventa fruibile in chiave contemporanea grazie ad uno strumento regionale, il Titolo II Capo 6, che ha mostrato la sua efficacia soprattutto a Lecce. Delle 1.481 domande pervenute fino ad oggi, 591 provengono dalla provincia di Lecce, che è la prima in Puglia per numero dei progetti presentati. Ed è al primo posto anche per gli investimenti, con un valore complessivo di oltre 342,5 milioni di euro, che equivale al 45,5% del totale (pari ad oltre 753 milioni di euro). Un’altra osservazione riguarda la tipologia di intervento. Tra quelle previste in questa misura, l’ampliamento, l’ammodernamento e la ristrutturazione delle strutture turistico-alberghiere - che è la tipologia di investimento scelta per il President - è al primo posto con 355 domande per investimenti che sfiorano i 200 milioni di euro, segno di un gradimento rivolto alla rifunzionalizzazione, al recupero e alla salvaguardia del patrimonio esistente”.

La misura “Titolo II Capo 6” - lo ricordiamo - permette di ampliare, ammodernare e ristrutturare le strutture turistico-alberghiere (inclusi gli alberghi diffusi), ma anche di realizzare o rinnovare stabilimenti balneari e approdi turistici, di creare strutture alberghiere, ristrutturando immobili di pregio storico e architettonico. Agevola investimenti tra 30mila e 4 milioni di euro per le medie imprese e tra 30mila e 2 milioni per le micro e piccole imprese.

Con 1.481 richieste al 13 aprile 2022, lo strumento sta generando investimenti per oltre 753 milioni di euro (di cui 273 milioni di agevolazioni richieste) e incrementi occupazionali per 3.673 nuove unità, mentre l’occupazione a regime prevista è di 11.719 unità.

Grazie a questa misura stati realizzati oltre 9mila posti letto in più e 4mila nuove camere e recuperati 400 palazzi di pregio storico-culturale.

Calcio: il Lecce Primavera vince 2-1 in casa col Torino


FRANCESCO LOIACONO -
Nella trentaquattresima e ultima giornata del campionato Primavera 1 il Lecce vince 2-1 a San Pietro in Lama col Torino. Nel secondo tempo al 7’ i salentini passano in vantaggio con l’albanese Dario Daka con un colpo di testa in tuffo. Al 17’ raddoppia Dario Daka con un tocco al volo su cross di Rob Nizet nato in Gambia. 

Al 39’ i granata accorciano le distanze con Alessandro Della Valle con una conclusione rasoterra. Il Lecce Primavera termina il torneo al quartultimo posto con 40 punti e riesce a salvarsi. Evita i play out per stabilire chi retrocede nel campionato Primavera 2. Permanenza meritata per la squadra allenata da Vito Grieco che presto inizierà a programmare la prossima stagione.

Covid Puglia: +3.355 casi e 14 decessi


BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia si registrano 3.355 nuovi casi di contagio da Covid-19 su 21.229 test (incidenza del 15,8%) e 14 decessi.

I nuovi casi sono stati riscontrati nelle province di Bari (1.176), Bat (205), Brindisi (304), Foggia (438), Lecce (685), Taranto (501).

Sono residenti fuori regione altre 30 persone positive mentre per altri 16 casi la provincia di appartenenza è in definizione. Ad oggi in Puglia sono positive 87.807 persone di cui 433 sono ricoverate in area (ieri 451) non critica e 28 in terapia intensiva (ieri 25).

I colori e le tradizioni del Salento ispirano la 'nuova' Acaya: riapre il Golf Resort & Spa di Mira completamente rinnovato


LECCE - L’Acaya Golf Resort & SPA è pronto a riaprire il 29 aprile, con tante novità. Posizionato a poca distanza dalle spiagge più selvagge e incontaminate della Puglia, tra ulivi secolari e macchia mediterranea, l’hotel è stato completamente rinnovato, soprattutto dal punto di vista dell’interior design. Ora esprime, attraverso colori, elementi di arredo e dettagli, lo spirito unico del Salento, la sua cultura e tradizione, rivisitati in chiave contemporanea.

Un’operazione ambiziosa, in linea con la filosofia di Mira Hotels & Resort: il gruppo desidera sempre più caratterizzare i suoi resort bioattivi, rendendoli ambasciatori dei loro territori.

Il progetto è stato portato a termine in appena cinque mesi, tempi record per un intervento che ha riguardato entrambi gli edifici, la struttura principale del resort e la Conference & Spa. Il restyling ha investito, a livello di interior design, la hall, la sala colazione del Gian Giacomo – il principale ristorante del resort – le camere e i bagni, oltre alla parte impiantistica.

Il tema dell’intervento, concordato con la proprietà, è stato il passaggio da ambienti di ispirazione internazionale, poco ancorati alle peculiarità del territorio, a spazi di più spiccato carattere salentino. L’intera operazione mirava a portare alla luce il potenziale inespresso del resort, lavorando per sottrazione almeno quanto per addizione.

“Il progetto è nato da un repertorio di immagini che rimandando al Mediterraneo ed alle sue atmosfere. Il risultato è un ambiente luminoso e chiaro in cui si incontrano frammenti evocativi della tradizione, materiali del territorio e colori naturali nei toni della sabbia e del bianco.” Ci introduce l’architetto Valentina Capodieci.

La hall e la sala ristorante, originariamente erano caratterizzate da linee curve a controsoffitto, specchi e lampade di gusto molto distanti dal luogo e dalle sue specificità. Le sale sono state liberate da questi elementi per recuperare la luminosità naturale degli spazi. I pilastri di entrambe le sale sono stati rivestiti di pietra ricostruita, trattata in superficie per rievocare la sensazione tattile della pietra naturale, la pietra di Lecce, tipica della zona. I materiali utilizzati evidenziano il legame con il territorio, con cenni di barocco salentino evidenziati dalle decorazioni, i bassorilievi e le cornici applicate a controsoffitto.

Il back office della Hall è stato ottimizzato ed è stato così possibile arretrare il banco della reception. Nello spazio liberato sono stati ricavato ambienti a disposizione degli ospiti: un piccolo bar completamente nuovo, un negozio, e salottini dove soggiornare. Queste zone di relax e incontro, divise idealmente da teli a soffitto che ricordano la piacevole matericità del lino, sono arredati con divani morbidi ed accoglienti. La luminosità diretta viene filtrata e addolcita dai tessuti che si sovrappongono generando giochi di luci ed ombre.

Nella sala colazioni, come anche nel Ristorante, sono stati rinnovati tutti gli arredi per i quali si è cercato un connubio tra forme moderne, confort e richiami alla tradizione. La stessa operazione ha riguardato l’illuminazione e la parte impiantistica della sala colazioni: sono state installate cornici in gesso a citazione degli elementi decorativi delle facciate barocche. Questi elementi decorativi celano la parte tecnica dell’illuminazione e dell’impianto di condizionamento.

Anche i bagni delle camere sono stati rinnovati attraverso un’operazione di semplificazione ed alleggerimento. Si è operato puntando su demolizioni minime in un’ottica di sostenibilità e conservazione ambientale. Anche in questo caso i rimandi estetici richiamano il territorio: l’irregolarità delle superfici della terra e della sabbia, la pietra di lecce, gli elementi della natura tipici della Puglia.

Quanto alla parte impiantistica, è stata profondamente modernizzata, per offrire uno standard elevato dal punto di vista tecnologico.

Il progetto di restyling è stato concepito come un elemento essenziale del benessere a tutto tondo promosso nel resort bioattivo, ideato per stimolare sensazioni positive e una rigenerazione sia mentale che fisica. Questo concept è alla base di un’altra novità firmata Mira: il gruppo alberghiero si è affidato a Integra Fragrances per creare una fragranza personalizzata, ADMIRATION, diffusa nelle aree comuni, nelle camere, nei Pro Shop e nei piccoli gift da portare a casa. Realizzata con materie prime sostenibili ed etiche, stimola gli ospiti a creare ricordi più intensi legati alla vacanza.

Così, all’Acaya Golf Resort & SPA, ogni elemento visivo e sensoriale contribuisce a trasmettere emozioni positive e profondamente autentiche – perché legate all’identità del Salento, in una struttura che anche per questo motivo impiega principalmente dipendenti locali.

Il legame con il territorio si esprime in diversi modi, che includono le esperienze attive di scoperta del luogo, tra scorci e bellezze naturali, e gli sport – su tutti il golf. Il campo da18 buche vanta un design sfidante, servizi e professionisti pronti ad accogliere sia i golfisti esperti che i neofiti. Immerso nel verde della macchia mediterranea e accarezzato dalla brezza marina, ha una Club house ricavata in una antica masseria del XVI secolo.

Dopo una giornata di allenamenti e partite gli ospiti si rigenerano grazie alla proposta beauty & wellness: nella Spa si può provare il lettino Zerobody di Starpool, che grazie a una tecnologia innovativa favorisce il recupero muscolare, la riduzione dello stress e la concentrazione.

E tra le novità del 2022 c’è in arrivo in autunno l’apertura del primo spazio Health Club Rinnova, un’oasi di rigenerazione mentale e fisica dove iniziare un percorso di ottimizzazione del proprio stato di salute. Sarà possibile effettuare test diagnostici per valutare lo stato di benessere generale e il livello di stress presente. I dati verranno analizzati da un board di medici esperti in Well Aging e Longevity Medicine. Grazie ad apparecchiature specifiche e tecnologie di ultima generazione sarà quindi possibile seguire un percorso terapeutico individualizzato all’interno dello spazio Health Club Rinnova, scegliendo fra quattro programmi specifici: Immune-Detox, Mind, Performance, Longevity, con l’obiettivo di riattivare il potenziale di salute e vitalità.

Piccoli stilisti crescono, da Leuca alla conquista del mondo

(credits: Nico Giaccari)
FRANCESCO GRECO - LEUCA (LE). Concept dettato dall’attualità quotidiana che sta rimodulando tutti i nostri archetipi culturali: riciclaggio di materiali e ripescaggio di vecchi abiti, soffitte e bauli della nonna sempre generosi per il vintage e saccheggiati dalle nipoti (perfino l’uso del loro telaio). E poi l’uncinetto, tulle e organze, stoffe della memoria e tante provocazioni (uso di catene, bicchieri di plastica, frammenti di cd, tappi di bottiglia, blister di farmaci, mascherine a rete) come forma di esorcismo delle paure del presente. In sintonia con la filosofia del nostro tempo barocco.

Background mediterraneo nei richiami all’arte egizia e greca, postulati estetici di una dichiarata, perseguita “voglia di rinascita”. Ma, a ben guardare, ci sono tanti altri intrecci e password sottintese, suggestioni e contaminazioni carsiche nell’evento “Arte è moda” (Armonia fra i due mari), concorso per giovani fashion designer che si è svolto a Leuca, nella deliziosa location di Villa Antonio Fuortes, sede della Pro Loco (guidata dall’infaticabile presidente Vincenzo Corina, col prezioso lavoro del suo staff), davanti al mare argentato di Santa Maria de Finibus Terrae, guest star graditissima la luna piena.

E’ partita così, in una serata magica, fiabesca, di una calda domenica di metà maggio - ma sembrava già agosto - la stagione 2022. Sotto una buona stella, perché tutti hanno dato il massimo in impegno, passione, professionalità, il che, dati i tempi, ci rende un po’ ottimisti per il domani; e se è vero quel che diceva Dostoevskij, che “la bellezza salverà il mondo”, siamo sulla buona strada.

Una giuria autorevole (guidata da Maria Luisa Morroy Capasa e composta da Santo Fino, Rosanna Calcagnile, Isabella Diso-Pisani, Rita Melcarne, Giuseppe Coluccia, Paolo Protopapa, Rossella Galante Arditi e Francesca Sergi), era chiamata a esprimersi sulle proposte di studenti e studentesse delle scuole del territorio di Terra d’Otranto, tutte di ottimo livello e con insegnanti appassionati: Accademia Calcagnile, Lecce, Accademia Cordella, Lecce, “Enrico Giannelli” (Parabita-Gallipoli), “Egidio Lanoce” (Maglie), “Don Tonino Bello” (Tricase), Politecnico Moda Casarano, e alcun stilisti indipendenti, alla loro prima, emozionante uscita, singoli e gruppi, con le proposte di abiti e accessori (le borse di Maria Francesca Ferraro, “Preziosi straccetti”, etc.).

(credits: Nico Giaccari)

La proposta più trasgressiva è apparsa quella di Michela Stefanelli da Montesardo con “CDress”, un abito incredibile fatto di pezzi di cd-room. Quelli più romantici, che evocano atmosfere delicate, intimiste “Leuca” e “Aurora su Leuca” (Alessandra De Matteis, fuori concorso). “Vivere a colori” di Anastasia Tramacere (Aradeo), in organza, il più sofisticato. Il più sobrio quello della deliziosa bambina Eleonora (“Le Veneri”). Mentre Laura Forestieri, siciliana, ha proposto “Vivere a Palermo”: ha solo 14 anni, è la stilista più giovane d’Italia e ha mandato modelli, disegni e abiti tramite la nonna che vive a Leuca.

La giuria ha espresso queste valutazioni: vincitore assoluto “Notre Dame de Paris” (di Sofia Siciliano e Emanuele Corvaglia, Istituto “Don Tonino Bello”, Tricase); al secondo posto “Ecce homo” (di Federica Manco, Istituto “Filippo Bottazzi”, Taurisano); terzo “CDress” (Michela Stefanelli, Accademia Cordella, Lecce). Categoria gruppi: “Recynciling e Vintage” (Istituto “Lanoce”, Maglie).

La manifestazione è stata sostenuta dal Comune di Castrignano del Capo, l’UNPLI e un pool di aziende del territorio. In video-collegamento, l’evento è stato “lanciato” da Ennio Capasa: “E’ importante collegare il mondo della scuola a quello del lavoro per le nuove generazioni – ha detto – il nostro è un mestiere affascinante, che richiede professionalità… Siamo leader mondiali nella moda”.

Piccoli stilisti crescono, a Sud-Est, e partono da Finibus Terrae, agorà millenaria di incanto e bellezza, alla conquista del mondo con le loro proposte fresche, innovative, provocatorie. E se nello sguardo del maestro Santo Fino da Gagliano, che negli anni del dopoguerra a Roma ha vestito le star del cinema e politici famosi, c’era una luce di approvazione, è segno che la qualità c’è.

Ha condotto con brio e professionalità la bravissima stilista Romina Morciano (atelier a Castrignano, frequentatissimo, ambitissimo), gli applauditi intermezzi musicali della maestra Dionisia Cassiano (pianoforte e canto)e l’apertura della Cascata Monumentale con i suoi giochi di colori hanno chiuso una serata da tramandare ai posteri. Le riprese della web-tv di Michelle Ferilli hanno spalmato urbi et orbi il sogno, la bellezza, la poesia, la magia.

Bravi! Bravi! Bravi e… arrivederci al 2023!

Covid Puglia: +814 casi e un decesso


BARI - Nelle ultime 24 ore in Puglia si registrano 814 nuovi casi su 8.127 test (incidenza del 10% rispetto al 13,6% di ieri) e un decesso.

I nuovi casi sono stati individuati in provincia di Bari (293), nella provincia Bat (42) in quella di Brindisi (89), nel Foggiano (110), in provincia di Lecce (202) e in quella di Taranto (71).

Sono residenti fuori regione altre 6 persone risultate positive in Puglia. Complessivamente in Puglia risultano positive 89.054 persone di cui 451 sono ricoverate in area non critica (ieri 462) e 25 in terapia intensiva (come ieri).
© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo