Visualizzazione post con etichetta Auto e motori. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Auto e motori. Mostra tutti i post

Difetto in tre modelli Maserati del 2017: il bollettino Rapex segnala “rischio lesioni"

Tre delle supercar, Ghibli, Quattroporte e Levante sono stata segnalate per un grave problema tecnico che potrebbe potenzialmente creare 'situazioni di guida non sicure'. L'avviso con "Livello di rischio serio" è inserito da Berlino nel bollettino del 13 luglio del Rapex - Rapid Alert System for non-food dangerous products - il sistema di segnalazioni istituito dalla Commissione Europea.

Il richiamo che sta per essere attuato dalla casa di Maranello riguarda le Ghibli, Quattroporte e Levante prodotte tra il 24.7.2017 e il 18.12.2017.: numero di omologazione: e3 * 2007/46 * 0224 * 10; Tipo: M156. La segnalazione " A12 / 0944/18", nel bollettino Rapex pubblicato oggi si riferisce ad una “saldatura sul telaio dell'asse anteriore potrebbe essere difettosa. Ciò potrebbe causare una perdita di stabilità di guida'. E il bollettino Rapex conclude sinteticamente ''non si possono escludere condizioni di guida non sicure''. L'avviso è stato presentato dalla Germania e analoghe misure sono state prese anche in Polonia.

Pur non essendoci stati incidenti - segnala Giovanni D'Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” - è consigliabile che i proprietari di queste auto prestino la massima attenzione e che si rivolgano subito alle autofficine autorizzate o ai Concessionari Maserati in Italia nel caso in cui la propria autovettura corrisponda ai lotti in questione. La difettosità segnalata è potenzialmente ancora più rischiosa se si pensa che le supercar in questione dispongono di un'accelerazione da 0 a 100 km/h che si può realizzare in frazione di secondi e che la velocità massima è di oltre 300 km/h. Maseratinon ha indicato quanti modelli sono stati identificati in Italia.

Concorso d’eleganza per auto d’epoca di Triggiano: i vincitori della II edizione della competizione

BARI - Il Concorso d’Eleganza per Auto d’Epoca firmato Targa Puglia fa il bis con il grande successo della sua seconda edizione, patrocinata dall’Automobile Club Bari-Bat e dal Club ACI Storico e ospitata, lo scorso week end, dal Centro Commerciale Bariblu.

Passione ed eleganza su quattro ruote hanno animato la passeggiata dei visitatori che, con un divertente fuori programma in aggiunta allo shopping, hanno potuto ammirare e votare, all’interno e all’esterno del centro commerciale, vetture storiche datate tra gli anni Venti e gli anni Ottanta, suddivise tra le categorie Berline, Coupé, Spider, Youngtimer, Sportive, Spiaggine e addirittura furgoni d’epoca.

Non poche difficoltà per la giuria nel decretare i vincitori delle singole categorie, selezionati in base a parametri quali l’interesse storico, tecnico ed estetico, la rarità, l’autenticità e l’eleganza del design. Attenzione particolare alla meccanica più sofisticata è stata invece rivolta per l’assegnazione del Memorial Mangialardi, dedicato alla memoria del Prof. Luigi Mangialardi, membro della giuria nell’edizione 2017, scomparso proprio il giorno del primo anniversario dell’evento.

Passione e cuore hanno invece guidato il voto del pubblico che, partecipando al contest “Trofeo Donatelli - Vota la più bella”, ha potuto concorrere per la vittoria di uno splendido week end alla scoperta delle bellezze del Gargano.

Di seguito l’elenco completo dei vincitori della 2^ edizione del Concorso:

Categoria “Berline”: Alfa Romeo 1900 (De Vincenzo)
Categoria “Coupé”: Alfa Romeo 1750 Gtv (Russo)
Categoria “Spider”: Alfa Romeo 1600 Spider (Pacciani)
Categoria “Youngtimer”: Jaguar XKR (Mangialardi)
Categoria “Spiaggine”: Citroen Mehari (Ninni)
Categoria “OldVan”: Citroen H (Ferrara)
Categoria “Sportive”: Alfa Gtv2000 Bertone (De Giosa)
Vincitrice Trofeo Donatelli: Ferrari 330 Gt (Russo)
Memorial Mangialardi: Alfa Romeo Montreal (Russo)
Premio del pubblico Best of Show: MG A (Rutigliano)

Kia ai Mondiali di Russia

Uno spot TV, visibilità all’interno della maggior parte degli stadi. Una flotta di 424 veicoli a disposizione di calciatori, ufficiali di gara e VIP per tutta la durata del Campionato del mondo di calcio 2018. E l’Operazione Mondiale, con promozioni attive presso tutti i concessionari italiani della Rete. Kia Motors festeggia così, con numerose iniziative speciali, il ruolo di partner ufficiale della FIFA World Cup Russia™. La dimensione della flotta Kia World Cup dimostra, ancora una volta, il supporto e la passione di Kia per il Campionato di calcio più popolare e seguito al mondo.

Stonic, il primo urban crossover targato Kia. Sportage, il modello di maggiore successo di Kia in Europa. E Niro, il crossover nato ibrido. Sono loro i protagonisti della speciale “Squadra Crossover Kia” che durante i Mondiali sarà protagonista di uno spot TV dedicato all’impegno di Kia Motors nel più importante appuntamento calcistico del mondo. Lo spot, oltre ai valori condivisi fra il marchio e il più popolare sport del mondo, invita ad approfittare dell’Operazione Mondiale, la promozione che consente di avere fino a 6.000 euro di vantaggi sulla gamma crossover Kia.

La voce narrante è quella di José Altafini, storico commentatore ed ex-calciatore, il cui contributo rende lo spot riconoscibile e memorabile. A un altro grande calciatore, Alex Del Piero, Kia ambassador, la battuta finale dello spot TV che chiude sull’unicità della garanzia estesa Kia di 7 anni/150.000 km.

Auto: vendite in Europa +0,6% a maggio, Italia -2,8%

ROMA - Nel mese di maggio '18 il mercato europeo (Ue + Efta) dell'auto sale soltanto dello 0,6% rispetto allo stesso periodo del 2017, a 1.442.643 unità. A rilevarlo l'Acea, l'associazione dei produttori di auto. Brusca frenata in Italia, dove si registra una caduta del 2,8% a 119.113 unità. Nei primi cinque mesi dell'anno in Europa sono state vendute 7.076.504 auto, il 2,2% in più del maggio 2017.

Il gruppo Fca ha venduto a maggio lo 0,2% in piu' dello stesso mese dello scorso anno, a 110.120 unità. La sua quota di mercato scende dal 7,7% al 7,6%. Nei primi cinque mesi dell'anno il Gruppo ha immatricolato 491.738 auto, il 2,2% in meno rispetto allo stesso periodo 2017. La quota di mercato è stata pari al 6,9% contro il 7,3% di un anno fa.

Al Bariblu di Triggiano il '2° Concorso d’Eleganza per Auto D’Epoca'


BARI - Dopo il grande successo della prima edizione, svoltasi a maggio del 2017 a Torre Quetta, sul Lungomare di Bari, sabato 16 e domenica 17 giugno torna il Concorso d’Eleganza per Auto d’Epoca firmato Targa Puglia, patrocinato dall’Automobile Club Bari-Bat e dal Club ACI Storico e ospitato, quest’anno, dal Centro Commerciale Bariblu.

Una due giorni all’insegna dell’eleganza e della passione per le auto d’epoca, in cui i visitatori avranno l’opportunità di ammirare, all’interno e all’esterno del centro commerciale, vetture costruite tra gli anni Venti e gli anni Ottanta, suddivise tra le categorie Berline, Cabriolet, Coupé, Spiaggine, Microcar e un’ultima categoria a sorpresa.

Sarà una giuria composta da cinque membri esperti del settore a selezionare le vetture in base a parametri quali l’interesse storico, tecnico ed estetico, la rarità, l’autenticità e l’eleganza del design e a decretare i vincitori per categoria e per il premio Best of Show. Una votazione che si concentrerà anche sull’eleganza degli equipaggi e sulla pertinenza degli abiti con il periodo storico di riferimento della vettura e che coinvolgerà anche il pubblico presente, che potrà prendere parte al contest “Trofeo Donatelli - Vota la più bella” e concorrere per la vittoria di splendidi gadget.

Attenzione particolare alla meccanica più sofisticata sarà, invece, rivolta dai giudici per l’assegnazione del Memorial Mangialardi, dedicato alla memoria del Prof. Luigi Mangialardi, membro della giuria nell’edizione 2017, scomparso proprio il giorno del primo anniversario dell’evento.

Spazio anche agli amanti della fotografia, con il Concorso Fotografico Bariblu: nel pomeriggio di sabato 16 maggio, fotografi professionisti o semplici amanti dello scatto potranno infatti accedere all’area espositiva per immortalare le auto più belle e gli equipaggi più eleganti.

E ancora, grande coinvolgimento del pubblico fino a tardi per l’evento del sabato sera targato Bariblu e, nella mattinata di domenica, scuola di sicurezza stradale a cura dell’Automobile Club Bari-Bat. Il tutto, rigorosamente incorniciato dell’eleganza delle vetture storiche in mostra.

Da non perdere, la cerimonia di premiazione del concorso di eleganza, prevista per il pomeriggio di domenica 17 giugno, a seguito della quale saranno resi noti anche i nomi dei vincitori dei contest dedicati al pubblico di visitatori.

Info e iscrizioni concorso:

Email: concorso@targapuglia.it
Whatsapp: 350.039.71.82
www.targapuglia.it
www.baribluweb.com

Bari, Millenia srl insignita del Premio 'Industria Felix'

BARI - Millenia s.r.l., società di Maldarizzi Automotive Group, sarà premiata insieme a 25 imprese pugliesi, nell’ambito della quarta edizione del Premio “Industria Felix”, domani sabato 9 giugno all’Acaya Golf Resort in provincia di Lecce. L’azienda è stata selezionata, nella provincia di Bari, in relazione ai bilanci dell’anno 2016, per i risultati conseguiti in termini di performance gestionali e primati di bilancio, sulla base dell’inchiesta realizzata dal giornalista Michele Montemurro in collaborazione col Centro Studi Economici di Cerved, una delle principali agenzie di rating in Europa.

A decretare il meritorio riconoscimento, un Comitato Scientifico composto dai delegati degli Atenei pugliesi, della Luiss, di Confindustria Puglia e Regione Puglia, dopo aver analizzato 10.970 bilanci di società di capitali con sede legale in Puglia e fatturati/ricavi compresi tra i 500mila e 1,5 miliardi di euro (nuovo primato di ricavi regionale), da cui Millenia s.r.l.è risultata tra le migliori aziende della Regione. Un’attestazione importante dei successi economici e imprenditoriali del Gruppo, che si riconferma una delle realtà più floride nel panorama industriale non soltanto della Puglia ma dell’Italia meridionale.

“Si tratta di un riconoscimento prestigioso che ci inorgoglisce per i risultati conseguiti sino a questo momento, non senza i sacrifici che un imprenditore conosce bene, soprattutto nel Mezzogiorno”, sono le parole del Cavaliere Dott. Francesco Maldarizzi, Ceo di Maldarizzi Automotive Group, che sarà ad Acaya per la cerimonia di premiazione. “Proprio per questo, il Premio che avrò l’onore ed il piacere di ritirare, è anche una profonda e ulteriore spinta motivazionale a guardare alle sfide del futuro con tenacia, determinazione, spirito d’iniziativa e coraggio di perseguire l’investimento che da anni portiamo avanti”, prosegue il Dottor Maldarizzi.

“La nostra è un’azienda in costante espansione e crescita, non soltanto in termini di fatturato e di business, ma anche e soprattutto per ciò che concerne l’accrescimento professionale e le risorse umane”, aggiunge ancora l’Amministratore delegato di Maldarizzi Automotive Group. “Abbiamo un obiettivo, per i prossimi anni, di pari passo con quelli aziendali ed altrettanto prioritario, per noi: continuare a mettere a frutto su questo territorio il nostro impegno, per contribuire allo sviluppo economico del tessuto imprenditoriale locale e alla crescita di un territorio, quello del Sud Italia, ricco di potenzialità ancora inespresse”, conclude il Cavalier Maldarizzi.

Fca: Marchionne, entro giugno debito azzerato

ROMA - "Fca azzererà entro giugno l'indebitamento netto industriale". A dichiararlo l'ad Sergio Marchionne il quale aveva promesso che si sarebbe presentato con la cravatta al Capital Markets Day se l'obiettivo fosse stato raggiunto. Il manager si è presentato in maglioncino ma sotto indossa una cravatta blu "ben annodata".

Entro il 2022 Fca raggiungerà la piena capacità produttiva negli stabilimenti italiani ed europei ha aggiunto rilevando come "Investiremo 9 miliardi di dollari per l'elettrificazione dei nuovi prodotti".

Il gruppo Fca prevede di investire 45 miliardi di euro nel periodo del piano industriale dal 2018 al 2022, di cui il 75% destinato ai brand globali. Lo ha annunciato l'ad Sergio Marchionne spiegando poi che l'obiettivo è realizzare una crescita annuale media dei ricavi del 7% puntando soprattutto su Jeep, Alfa, Maserati, Ram e Fiat Professional che dovranno salire dal 65% all'80% del totale. Fca investira' poi oltre 9 miliardi di euro per le auto elettriche e dirà addio al diesel puntando sui motori ibridi ed elettrici, che saranno presenti su ogni modello della gamma dei principali brand, Jeep, Alfa e Maserati.

Fca richiama 4,8 milioni di auto per un aggiornamento software

ROMA - Fiat Chrysler Automobiles (Fca) richiama 4,8 milioni di veicoli per un aggiornamento del software Powertrain Control Modules. Il problema è stato riscontrato nel test della rete di computer dei veicoli. FCA dice che non ha segnalazioni di incidenti o feriti. Dopo che il test ha scoperto il problema, FCA ha affermato di aver esaminato i reclami dei clienti e ne ha trovato solo uno correlato. Il richiamo include 15 modelli di Jeep, Dodge, Chrysler e Ram da sei anni modello con motori a benzina e trasmissioni automatiche. Anche i modelli in Canada, Messico e altri paesi sono interessati, ma la società sta ancora valutando quali.

I modelli interessati includono il pickup Ram 1500 2014-2019, così come i pickup Ram 2500, 3500, 4500 e 5500 del 2014-2018 e carrelli elevatori. Sono inoltre coperti Chrysler 200 2015-2017, Chrysler 300 del 2014-2018, minivan Chrysler Pacifica 2017 e 2018 Chrysler. I veicoli Dodge inclusi sono Challenger 2015-2018 e Charger, Journey e Durango dal 2014 al 2018, mentre le Jeep interessate includono Cherokee e Grand Cherokee dal 2014 al 2018 e Wrangler 2018. Lo annuncia l'azienda italo-statunitense in una nota. «Abbiamo deciso questa azione perché siamo impegnati per la sicurezza dei nostri veicoli», afferma Mark Chernoby, dirigente di Fca. L'aggiornamento sarà gratuito e Fca inizierà ad allertare i clienti interessati a partire dalla prossima settimana. L'autorità per la sicurezza stradale americana precisa che i veicoli sono richiamati per risolvere un "difetto" nel software.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari FCA Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

Harry e Meghan da Carlo a bordo di una Jaguar E type ecologica

(epa)
Ieri pomeriggio dopo il royal wedding le cui immagini hanno fatto parlare tutto il mondo, accompagnati da una raffica di scatti dei fotografi, il duca e la duchessa di Sussex, sono usciti dal castello di Windsor tenendosi per mano.

(ap)
Indossando un abito di Stella McCartney bianco in crepe di seta, senza maniche e con spalle e schiena scoperte, Meghan, aiutata da Harry che le ha aperto lo sportello, è salita sulla Jaguar E type azzurro metallizzato che li attendeva davanti al castello. Quindi Harry è salito al posto di guida e ha messo in moto la Jaguar del 1968 che, precisa Kensington Palace in un tweet, è stata riconvertita in auto elettrica.

Bari, presentato il 14mo 'Giro dei 3 mari del Vespa club'

BARI - È stato presentato nella mattinata di ieri - ndr venerdì 18 maggiio 2018 -  a Palazzo di Città, il “Giro dei Tre Mari 2018”, la manifestazione organizzata dal Vespa club di Bari, giunta quest’anno alla 14° edizione. L’appuntamento, che rientra nel calendario nazionale dei grandi eventi della Federazione Motociclistica Italiana e gode del patrocinio del Comune di Bari, si svolgerà in Albania con partenza il 28 maggio da Bari. Dopo cinque tappe, nelle città di Durazzo, Saranda, Butrinto, Tirana e Kruja, si ritornerà nel capoluogo pugliese domenica 3 giugno.

All’incontro con la stampa hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco Antonio Decaro, l’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli, Artur Beu, ufficiale di collegamento del Consolato albanese a Bari, e il segretario della “Città dei Motori” Danilo Moriero, giornalista e storico appassionato del Giro dei Tre Mari.

Quest’anno al Giro dei Tre Mari, per cui è ammessa la sola partecipazione di vespe, lambrette e scooter con il cambio meccanico al manubrio, sono 200 gli iscritti, tra italiani, inglesi, tedeschi e belgi.

“Per l’amministrazione - ha sottolineato il sindaco Decaro - è motivo di orgoglio patrocinare il Giro dei Tre Mari, perché suggella la vicinanza e l’affetto che la comunità barese prova nei confronti dei dirimpettai albanesi che, lo ricordo ancora con emozione, nel 1991 videro allontanarsi dal porto di Durazzo una nave carica di 20 mila persone disperate che furono accolte proprio qui, a Bari. Adesso quel paese è totalmente diverso, è cresciuto, ha fatto passi da gigante. Torno proprio oggi da Durazzo dove ho incontrato il sindaco, anche lui ingegnere come me. Sono certo che questa iniziativa rafforzerà ulteriormente i legami culturali e sociali tra i due paesi, al fine di avvicinarsi all’obiettivo finale: l’inclusione dell’Albania nell’Unione europea”.

“Questo appuntamento - ha detto l’assessore Petruzzelli - rappresenta un’eccellenza del nostro territorio e una scelta lungimirante per generare turismo sportivo in Albania: da anni ormai l’amministrazione è impegnata nello sviluppo questo genere di turismo attraverso manifestazioni come il Giro. Tra l’altro, la scelta di varcare l’Adriatico rappresenta un modo per sostenere i Vespa club locali e la cultura romantica delle due ruote da guidare a passo lento, per godere della bellezza dei paesaggi che si attraversano”.

Artur Beu ha spiegato che “Il Giro è anche un ottimo strumento di promozione del territorio: l’Albania non è più quella dei viaggi della disperazione. Le nostre autorità daranno il benvenuto agli equipaggi, che potranno godere della bellezza delle nostre città e delle nostre spiagge: il gran finale, è previsto a Kruja, città dove si può ammirare il castello di Skanderbeg, il nostro eroe nazionale. Gli scambi culturali tra Puglia e Albania sono notevoli. Abbiamo avuto il piacere di ospitare il sindaco in questi giorni, e ringrazio Bari e la Puglia per tutto quello che hanno fatto e stanno facendo per il mio Paese”.

“Un’avventura che parte da Bari e arriva a Bari nel solco delle edizioni degli anni ’50 e ’60 - ha concluso Danilo Moriero - ed è aperta a vespe e lambrette storiche. Una sorta di ‘Mille Miglia’ barese quindi, che getta simbolicamente un ponte tra la Puglia e l’Albania”.

Dieselgate: ritirate 60mila Porsche

L'ufficio federale automobilistico tedesco (KBA) ha disposto il richiamo dal mercato di 60'000 esemplari di due modelli Porsche di tipo diesel, nell'ambito dell'inchiesta sul dieselgate. Nel mirino sono finiti i modelli Cayenne 4.2 e Macan 3.0. Nel corso dei test la motorizzazione avrebbe scoperto diverse manipolazioni dei valori dei NOx (ossidi di azoto) grazie all'installazione di software.

Il 20 aprile, ricorda Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti, un manager della Porsche era stato arrestato su mandato della procura di Stoccarda, nell'ambito delle indagini sul dieselgate, che hanno visto anche diverse perquisizioni nelle fabbriche e negli uffici del gruppo automobilistico tedesco. Tre dipendenti della Porsche, fra cui anche un esponente del CDA, sono stati iscritti nel registro degli indagati, col sospetto di frode.

Mercato auto classiche, direttore Bonhams a Bari per il Rotary

BARI - Si terrà domani 16 maggio a Bari, alle ore 20.30, nella bella cornice di Villa Romanazzi Carducci “Non solo dipinti. Il Mercato internazionale dell’Arte raccontato da una delle più antiche casa d’aste inglesi”, un evento realizzato dal Rotary Club Bari Mediterrano con relatori della serata la dott.ssa Emma Dalla Libera, direttore Bonhams per l'area Centro-Sud ed i dirigenti Bonhams Caroline Oliphant e Gregor Wenner.

Bonhams è una casa d'aste londinese specializzata nella vendita di arte e antiquariato fondata nel lontano 1793 e gestisce otto sedi d'asta in tutto il mondo.

L'interclub, organizzato dal RC Bari Mediterraneo, vedrà anche la partecipazione del RC Bari Castello, RC Bari Ovest, RC Bari Sud, Rotaract Bari, Rotaract Bari Agorà, Inner Wheel Bari e Inner Wheel Bari Levante.

Fiat Chrysler richiama 325 mila Jeep Liberty in Usa

ROMA - Fiat Chrysler Automobiles sta per annunciare nelle prossime ore che chiamerà per la revisione circa 325 mila unità della Jeep Liberty per riparare un problema della sospensione che potrebbe far perdere ai piloti il ​​pieno controllo dei loro veicoli.

La Fiat-Chrysler ha anche scoperto che l'acqua potrebbe entrare nei bracci posteriori inferiori del veicolo, causando la ruggine o la rottura delle parti. Ciò potrebbe causare danni al disco del freno e un maggiore rischio di incidente.

Il richiamo in officina riguarda veicoli modelli Jeep Liberty fabbricati dal 2004 al 2007. Il costruttore di automobili ha spiegato che non sa ancora se ci sono stati incidenti, lesioni o problemi a causa di questi difetti - segnala Giovanni D'Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”.

Fiat Chrysler Automobiles assicura che fornirà veicoli in prestito nel caso in cui il tempo necessario per eseguire la riparazione dovesse richiedere al cliente di lasciare l’auto in officina.

Volvo, l'ammiraglia vien da la campagna: arriva la V90 Cross Country


di BRUNO ALLEVI - ALBA ADRIATICA. La Volvo propone per la prima volta in assoluto sulla sua ammiraglia la versione fuoristradistica Cross Country. A essere oggetto di questa trasformazione è la V90, station wagon top di gamma della casa di Goteborg. La vettura svedese è equipaggiata con 1 Motore Benzina 2000 (Denominazione T5 per la variante da 254 cv, Denominazione T6 per la variante da 320 cv) o con 1 Motore Turbodiesel 2000 (Denominazione D4 per la variante da 190 cv, Denominazione D5 per la variante da 235 cv), negli allestimenti Cross Country, Cross Country Pro. Esternamente la V90 Cross Country è  rialzata di 7 centimetri rispetto alla V90 dalla quale deriva (e della quale ricalca la lunghezza, di poco inferiore ai 5 metri); è caratterizzata da protezioni in plastica nera (ma a richiesta la si può avere nel colore della carrozzeria) sugli archi passaruota e da paracolpi nei sottoporta e alla base dei paraurti. Per il resto l'imponente ed elegante corpo vettura (frontale con fari a Martello di Thor, posteriore con fari a L Rovesciata etc.) è immutato rispetto alla station svedese da cui deriva. Internamente non vi sono modifiche di rilievo o varianti rispetto all'abitacolo della V90: spazioso, tecnologico, lussuoso, un salotto su ruote.

Ed ora il momento del test drive: la Volvo V90 Cross Country provata è stata la D4 AWD Geartronic Cross Country da 72404 €. Per la prima volta la gamma Cross Country di casa Volvo arriva al top di gamma: stranote e molto apprezzate sono la V70, la V40, la V60 e la S60 in questa declinazione di carrozzeria. Su strada la station nordica è un salotto viaggiante: si viaggia in un'ambiente ovattato, comodo e confortevole, guidarla fa rilassare corpo e mente. Se si pigia il pedale dell'acceleratore, però, i 190 cv del motore turbodiesel D4 si scatenano indomiti e fanno diventare la V90 Cross Country una supercar degna di prestazioni di alto livello.

Inoltre grazie all'altezza da terra maggiorata di 7 cm rispetto alla V90 classica e grazie alla presenza della trazione integrale, questa versione Cross Country, trova nel mondo del fuoristrada, del fango, dello sterrato, il suo habitat ideale. Infine il listino prezzi: si va da 59460 € della T5 AWD Cross Country Geartronic per arrivare a 72440 € della T6 AWD Cross Country Pro Geartronic (Benzina); si va da 57010 € della D4 AWD Cross Country per arrivare a 69040 € della D5 AWD Cross Country Pro Geartronic (Diesel).

Per ulteriori informazioni sul mondo dei motori visitate il magazine www.bestmotori.it

Auto: T-Roc, quando il crossover è 'roc'


di BRUNO ALLEVI - GIULIANOVA LIDO. Volkswagen presenta il suo primo crossover compatto, il T-Roc. Il nuovo prodotto della casa di Wolfsburg è disponibile con 2 Motori a Benzina (1000 da 115 cv, 1500 da 150 cv) o con 1 Motore Turbodiesel TDI (2000 da 150 cv), negli allestimenti Style, Advanced.

Gli Esterni

Esternamente la T-Roc, primo crossover di casa Volkswagen, è lunga 423 cm, ha una linea dinamica e giovanile, con i tratti decisi tipici dei modelli del gruppo: i passaruota larghi, il tetto ad arco, lo spesso montante posteriore e il lunotto molto inclinato, che crea una coda dal profilo sfuggente. E’ una vettura che riesce a coniugare l’aspetto forte e muscoloso della suv con il dinamismo della sportiva e con gli ingombri a prova di città dell’utilitaria. Il frontale, grintoso, dà carattere alla T-Roc; il robusto cofano è solcato da due evidenti nervature, e i sottili fari a led sono uniti alla mascherina e al massiccio paraurti da un listello cromato. Le fiancate sono solcate, nella parte inferiore, da una fascia color alluminio, e sotto la linea alla base dei finestrini da una profonda nervatura. Un tocco di personalità in più arriva dal tetto e dai montanti anteriori di colore a contrasto. Dietro, il design del portellone e quello, piuttosto elaborato, del paraurti delineano una superficie a tre piani, che aumenta visivamente la sensazione di larghezza della vettura.

Gli Interni

Gli interni comunicano immediatamente una sensazione di ariosità, che trova conferma nella buona disponibilità di spazio, sia davanti sia dietro. Lo stile è lineare ed è arricchito dai toni a due colori della plancia e della consolle, che vivacizzano l’abitacolo. Davvero ben fatto il cruscotto e chiaro il grande schermo del sistema multimediale. La posizione di guida è confortevole e i comandi principali sono ordinati e si trovano al posto giusto. Comodi e ben sagomati i sedili, con la precisa regolazione a rotella. Non male il baule, capiente e dalla bocca ampia e abbastanza regolare. Ripiegando in avanti lo schienale del sedile del passeggero anteriore si hanno a disposizione ben 235 cm in lunghezza.

Il Test Drive

Ed ora il momento del test drive: la Volkswagen T-Roc guidata è stata la 2000 TDI 150 cv Advanced DSG 4Motion da 37387 €. Volkswagen, con la T-Roc, entra nel segmento dei crossover compatti, con un prodotto moderno e accattivante, fatto su misura per un pubblico giovane. Guidandolo, il T-Roc è un mezzo comodo, confortevole, agile nel traffico cittadino grazie alle dimensioni compatte. Lo sterzo è sempre pronto, il cambio automatico DSG è rapido negli innesti e fluido in ordine di marcia. L’altezza da terra, in linea con quella degli altri crossover, le permettono, insieme alla Trazione Integrale 4Motion, di avventurarsi in tutta tranquillità anche su sterrato e fondi sconnessi. Il motore che batte sotto il cofano è l’ottimo 2000 TDI da 150 cv, per ora unico diesel a listino: motore potente, brillante, elastico, silenzioso, parco nei consumi.

Il Listino Prezzi

Infine il listino prezzi: si va da 22850 € della 1000 Style per arrivare a 27250 € della 1500 Advanced (Benzina); si va da 30400 € della 2000 TDI Style 4Motion per arrivare a 34400 € della 2000 TDI 150 cv Advanced 4Motion DSG (Diesel).

L’auto in oggetto è stata provata presso la Concessionaria Volkswagen “Autocori” di Giulianova

A Corsano (Le) sfilerà la prima auto 'Made in Puglia'


CORSANO (LE) - Al via a Corsano un importante raduno automobilistico, giunto ormai alla seconda edizione, dopo il successo dell'anno precedente con lo staff che ha messo in moto una grande organizzazione per accogliere tutti gli appassionati di motori di tutta la Puglia.

Lo start il 29 Aprile alle ore 08.30, per dare il via ad una grande giornata ricca di spettacoli ed eventi collaterali fino a tardo pomeriggio dove sfileranno auto e moto d'epoca, auto-tuning e competizione. Nel pomeriggio vi sarà l'arrivo delle Ferrari del club "bolidi rossi" di Parabita da contorno a quello che dovrà essere una grande giornata all'insegna della passione.

Grande ospite d'onore della manifestazione il progetto 'Evoluzione GT ', la prima auto costruita e nata nel Salento, che ha fatto parlare di sè in tutto il mondo suscitando l'interesse di molti addetti ai lavori in campo automobilistico. Tutto il suo staff sarà a disposizione del pubblico, che potrà ammirare il fantastico "muletto prototipo" dal vivo.

Grande orgoglio del suo ideatore, Enrico Cerfeda, residente in Depressa, il piccolo paese del Salento da dove è partito questo progetto e che ha visto un escalation di successi nei teatri automobilistici mondiali, grazie all'interessamento del gruppo aziendale Brindisino della RAV aerospace & WEB composite, che ha investito nel futuro per creare in Puglia una produzione automobilistica.

Tutto il pubblico è invitato a non perdere questo entusiasmante evento che saprà coinvolgere per l'intero arco della giornata i presenti con gioia e passione.

James Bond mette in vendita la sua Aston Martin

di PIERO CHIMENTI - La Centenary Vanquish della Aston Martin è stata battuta all'asta di New York per 468.500 dollari alla presenza di Daniel Craig presso la casa d'aste Christie's.

La raccolta fondi servirà alla ong Opportunity Network che sostiene i ragazzi talentuosi ma con poche disponibilità economiche, agli studi presso il college e università.

Auto a km 0: cosa sono e perché convengono


Nel settore automotive c’è un trend che sta riscuotendo un successo molto ampio: si tratta del fenomeno delle automobili a km 0 che ha conquistato un +27% di offerta nel 2017, stando al report dell’Osservatorio Auto. Sorprendenti anche i dati relativi alle immatricolazioni: solo nel primo semestre dello scorso anno le vetture a km zero sono arrivate a quota 130.000 immatricolazioni. Tali numeri permettono di comprendere a fondo questa tendenza: paragonandoli a quelli del 2015, infatti, emerge una crescita di immatricolazioni superiore al 70%.

Auto a chilometro zero: cosa sono?
Le auto a chilometro zero sono esemplari di auto che le concessionarie ordinano direttamente alle case automobilistiche e che utilizzano per le esposizioni all’interno di saloni, fiere e punti vendita. Si tratta di auto praticamente nuove, ma per legge non possono essere considerate tali: di riflesso il prezzo di una vettura a km 0 sarà più basso rispetto a quello di un’automobile nuova. Per rientrare in questa categoria, però, l’automobile in questione non potrà superare i 100 chilometri percorsi: superata questa quota sarà infatti considerata alla stregua di un’auto di seconda mano.

Quali vantaggi comportano?
Uno dei vantaggi più notevoli legati all’acquisto di una km 0 è quello relativo al prezzo, che può arrivare a essere fino al 25% più basso rispetto a quello di un’auto nuova. Da non sottovalutare l’importanza del chilometraggio pressoché nullo e la disponibilità praticamente immediata della vettura. Il mercato delle auto a km 0 potrebbe risultare inizialmente limitante in termini di offerta di modelli, ma si tratta di un problema che può essere risolto grazie a siti come automobile.it, che espone moltissime automobili a km 0 e offre dunque un ampio ventaglio di scelta. Un consiglio utile prima dell’acquisto è quello di fare attenzione alla durata della garanzia (generalmente minore rispetto a una nuova) e a eventuali difetti dovuti alla prolungata esposizione in ambienti esterni.

Quali sono le auto a km 0 più diffuse?
Classifica alla mano, la regina del mercato delle auto a km 0 è la Fiat Panda, con più di 12.000 unità vendute durante lo scorso anno. Seguono sul podio la Lancia Ypsilon e la Peugeot 208, con una quota di 8.000 e di 6.000 unità vendute; a seguire troviamo la Fiat 500, con oltre 5.000 immatricolazioni nel 2017. Altri modelli a km 0 che continuano a riscuotere successo sono la Fiat Punto e la Volkswagen Polo.

Mercedes, arriva la E All Terrain 'suvvation'

di BRUNO ALLEVI - MOSCIANO SANT'ANGELO. La Mercedes crea la sua prima SUVvation, unione fra un SUV e una Station Wagon. Questa vettura della casa tedesca è la E All Terrain, versione particolare della Classe E SW. La E All Terrain è disponibile con 1 solo Motore Turbodiesel (220d da 194 cv), negli allstimenti Sport, Business Sport, Premium, Premium Plus.

Esternamente si ripresenta con una mascherina a due sole lamelle (simile a quelle delle suv della casa), rivestimenti neri attorno ai passaruota, cerchi in lega leggera con pneumatici a fianchi alti: si tratta, insomma, di una famigliare E SW in allestimento “suvizzato”. La trazione integrale 4Matic e la maggiore altezza libera dal suolo la rendono più versatile ed eclettica: adatta alla famiglia e al tempo libero anche quando si tratta di percorrere un fuori strada leggero, come accade spesso in campagna. Proprio per questo, ci sono appendici in plastica sulla carrozzeria, a proteggerla da possibili danni dovuti a contatti con arbusti e al pietrisco sollevato dalle ruote.

Il look, è gradevole, con linee filanti e snelle. Internamente, l'abitacolo è molto spazioso, curatissimo e costruito con materiali di alta qualità. La conformazione è praticamente identica a quella della E SW da cui seriva: tecnologia a piene mani incorniciata da un lusso da top di gamma. Ora è il momento del test drive: la Mercedes E All Terrain guidata è stata la 220d Business Sport 4Matic da 70761 €. La Mercedes fonde l'anima fuoristradistica del SUV con quella stradale e spaziosa della Station Wagon, creando il primo SUVvation (SUV+Station Wagon).

La derivata della E SW, su strada è un salotto viaggiante: comodo, confortevole, facile e intuitivo nella guida. Ottimo è anche l'uso che se ne può fare nel fuoristrada grazie alle sospensioni ad aria regolabili, alla Trazione Integrale 4Matic, all'ottimo Cambio Automatico. Il propulsore che pulsa sotto la E guidata, e finora l'unico motore a listino, è il 2000 Turbodiesel da 194 cv, denominato 220d. Questo motore, che ha fatto il suo debutto con la E Berlina attualmente in listino, è un'ottimo 2000 con prestazioni da cilindrata superiore (brillantezza, potenza, accelerazione, silenziosità, fluidità di marcia....), ma con la parsimonia di consumi e costi di gestione che un motore piccolo di cilindrata può dare. Da ultimo il listino prezzi: si va da 60690 € della 220d Sport 4Matic per arrivare a 75710 € della 220d Premium Plus 4Matic (Diesel).

Per ulteriori informazioni sul mondo dei motori visitate il mio magazine www.bestmotori.it

Mercedes: richiamo per airbag e piantone dello sterzo (potenzialmente) difettosi anche in Italia

ROMA - Arriva la conferma da parte di alcuni proprietari di autovetture della casa automobilistica tedesca Daimler titolare del marchio Mercedes che il richiamo per l’airbag e piantone dello sterzo potenzialmente difettosi riguarda anche autovetture vendute in Italia. Proprio da qualche giorno alcuni utenti hanno comunicato allo “Sportello dei Diritti”, che la multinazionale dell’auto ha trasmesso una nota raccomandata relativa al richiamo volontario denominato n. R29_17 sulle vetture della gamma Mercedes Classe A, B, C e E, nonché i coupé CLA, GLA e GLC e alcuni modelli sportivi costruiti tra novembre 2011 e luglio 2017 per il seguente problema: “accertato che sulla sua vettura il collegamento a terra del piantone dello sterzo potrebbe essere inadeguato.

In combinazione con un danneggiamento interno dei contatti nel modulo interruttori sul fodero del piantone dello sterzo nel caso in cui si verifichi una scarica elettrostatica potrebbe avere luogo un’attivazione immotivata dell’airbag lato guida. Ciò potrebbe causare lesioni al conducente e aumentare il rischio di provocare un incidente. La presenza di un danneggiamento viene segnalata anticipatamente al conducente da un messaggio di avvertimento relativo all’airbag nella strumentazione e dalla spia di controllo airbag”.

Avendo appreso solo da alcuni proprietari circa il contenuto della lettera con cui si preannuncia la suddetta procedura di richiamo, Giovanni D'Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” rileva che tutti i proprietari dei modelli indicati della casa automobilistica di Stoccarda dovrebbero prestare attenzione nel caso in cui non dovesse pervenire alcuna nota di richiamo. In tal caso, è opportuno verificare con un semplice passaggio presso le officine autorizzate il cui elenco è consultabile sul sito www.mercedes-benz.it se la propria autovettura rientri nella procedura in questione i cui interventi sono a totale carico della casa produttrice.