Visualizzazione post con etichetta Bat. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Bat. Mostra tutti i post

Bari, controlli di ferragosto: tre arresti e due denunce



BARI - I Carabinieri della Compagnia di Barletta hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nella settimana del ferragosto, con perquisizioni domiciliari e posti di controllo alla circolazione stradale, in modo particolare lungo le arterie di collegamento con gli altri paesi della costa, lungo la SS 16 e nei pressi degli accessi ai caselli autostradali. Tali servizi hanno consentito l’arresto in flagranza di tre persone.

Il primo arresto per droga si è realizzato nell’ambito di un accesso effettuato in orario serale presso un bar di Barletta frequentato da numerosi giovani. Nel corso del controllo, all’arrivo dei Carabinieri, un ragazzo ha tentato subito di defilarsi guadagnando l’uscita dal retro del locale, dove però erano ad attenderlo, per sua sfortuna, altri militari che lo hanno bloccato nel tentativo di darsi alla fuga. Nella circostanza, il giovane tentava di disfarsi di un involucro in plastica gettandolo a terra che veniva prontamente recuperato ed all’interno del quale venivano rinvenute due dosi di cocaina. La successiva perquisizione personale permetteva altresì di rinvenire, occultate all’interno del pacchetto di sigarette, altre dosi della medesima sostanza e 70 euro provento dell’attività di spaccio. Il giovane, 20enne della Romania, già noto alle FF.OO., su disposizione della competente A.G., veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Trani (BT), in attesa di giudizio.

Nell’ambito della medesima attività tra gli avventori del bar venivano identificati alcuni soggetti con precedenti penali e deferito per inosservanza all’autorità giudiziaria un barlettano, sorvegliato speciale.

Il secondo arresto è quello avvenuto nei confronti di un pregiudicato di origini marocchine, 35enne da anni residente in Barletta. In tarda serata giungeva una segnalazione al 112 di un cittadino che chiedeva assistenza nella zona del lungomare di Ponente per la presenza di un uomo che per consentirgli il parcheggio dell’auto lo aveva minacciato chiedendogli del denaro. La pattuglia, recatasi sul posto, raccoglieva le dichiarazioni del segnalante che forniva una descrizione dettagliata del reo, il quale, dopo un minuzioso pattugliamento veniva rintracciato. Il soggetto fermato, corrispondente alla descrizione fornita e già noto ai militari, veniva pertanto accompagnato in caserma per gli accertamenti del caso e la ricostruzione dei fatti. 

Il terzo arresto, invece, è avvenuto a carico di un 20enne di Barletta, finito agli arresti domiciliari su ordine dell’Autorità Giudiziaria, per violazioni alle prescrizione dell’obbligo di dimora a cui era sottoposto.

A Bisceglie 'Libri nel Borgo antico'

BISCEGLIE (BT) - A Bisceglie, antica e nobile cittadina pugliese diventata un autentico punto di riferimento nel panorama degli incontri letterari nazionali, i clari Poeti Antonella Pagano, Franco Leone e lo Storico Luigi Palmiotti, per la Rassegna “Libri nel borgo antico”, sabato 25 agosto, presentano i loro libri,  presso Vecchie Segherie Mastrototaro -  Bookstore Mondadori. In questo spazio suggestivo, reso ancora più emozionante dall’essere incastonato nel Bastione san Gennaro del borgo antico marinaro, costruito tra il 1400 – 1500 per rafforzare le mura della città, contenitore culturale prestigioso, i tre Autori saranno intervistati dal Fotografo d’Arte  Pina Catino, Presidente del Club per l’UNESCO di Bisceglie. La rassegna promossa dall’Ass. Borgo antico, Presidente Francesco Dente, è un grande salotto letterario all’aperto che registra, da nove edizioni, nell’ultima settimana di agosto,  la presenza di centinaia di autori, (saggisti, politici, narratori e giornalisti, volti noti dello sport e dello spettacolo) e case editrici nazionali, fra le antiche piazzette medievali, i vicoletti del borgo.

Alle ore 19:30, reduce dal “Premio Gabicce in Rosa” dei giorni scorsi, Antonella Pagano, presenta una lettura scenica del suo “Percorrimi” con commento musicale di Sara Nigri. La Pagano, sociologa e scrittrice da sempre impegnata a fare concreta la sua stessa equazione: “che la bella parola sappia farsi bell’azione” – ha materializzato finanche le sue metafore poetiche divenute libri d’Artista e il Florileggio – il leggio più grande del mondo……la poetessa materana Antonella Pagano tra i numerosi Premi e Onorificenze è vincitrice del 1° Premio Naz “Domenico Rea”…..

ore 21:30, la presentazione del volume  “Le ville di Bisceglie dal 1500 al 1900” di Luigi Palmiotti,  uno studio archivistico, dettagliatamente descrittivo e fotografico che illustra un patrimonio storico-artistico che rischia di essere cancellato dai tentacoli dell’edilizia……..Palmiotti, Direttore fondatore del Museo Etnografico “F.sco Prelorenzo” e Presidente di Archeoclub d’Italia Sede Bisceglie, autore di numerose pubblicazioni sull’Archeologia preistorica di Bisceglie e della Puglia, svolge da oltre quaran’anni un  ruolo decisivo per la tutela di molti monumenti non solo cittadini.  Cavaliere al merito della Repubblica,  Accademico Tiberino,  ha ricevuto numerosi riconoscimenti, ultimo  il Premio internaz. per i Diritti umani “Paolo VI, Apostolo dell’umanità” per il suo impegno come storico.

A seguire, alle ore 22:00 “ Caravaggio Poesia della Luce -  tutte le opere in versi” di Franco Leone, declamatrice delle poesie Dott.ssa Sarah Guerra. Il volume ha ricevuto superlative recensioni da famosi critici d’Arte come Vittorio Sgarbi, dal  “caravaggista” prof. Tomaso Montanari - storico di Rai 5, da Alberto Angela, Philippe Daverio e inoltre, il libro è stato presente alla mostra “Dentro il Caravaggio” a Palazzo Reale di Milano. A Franco Leone che ha partecipato al Giubileo delle Università 2016, sono stati riconosciuti numerosi riconoscimenti tra cui: Premio Letterario Internazionale “Salvatore Quasimodo 2015”,  William Shakespeare conferito dal Centro Europeo di Studi Universitari di Messina 2016,  Taormina “Poesia Villa Garbo 2017”.

"Mercati e negozi chiusi a Ferragosto, anche nella Bat"

ANDRIA - Continua a piacere l’iniziativa lanciata alcuni anni fa dall’Associazione di Categoria UNIMPRESA Bat con la chiusura dei negozi e dei mercati nelle più importanti e significative festività. Oltre a quelle religiose, come ad esempio la Santa Pasqua ed il Santo Natale, allorquando nonostante la possibilità di tenere aperti negozi e mercati si è messa in moto una macchina organizzativa per evitare ciò, anche in occasione del Ferragosto la cosa si ripeterà e l’iniziativa parte ancora una volta dal Presidente di UNIMPRESA Bat, l’andriese Savino Montaruli il quale ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a mezzo stampa: “anche in occasione del Ferragosto abbiamo chiesto l’adesione alla nostra iniziativa di tenere negozi e mercati chiusi per motivi evidentemente legati alla necessità di salvaguardare le festività più importanti da dedicare agli affetti familiari e al tempo libero. Lo abbiamo fatto su tutti i mercati pugliesi e siamo felici che i Sindaci, anche in questa occasione, abbiano recepito positivamente le nostre richieste. Infatti i mercati coincidenti con la giornata festiva del Ferragosto, mercoledì 15 agosto, saranno anticipati al martedì oppure, come abbiamo ottenuto con un risultato storico in alcuni comuni del barese e del tarantino, saranno anticipati a domenica 12 agosto, come nel caso di Putignano o quello posticipato, sempre su nostra richiesta, a domenica 19 agosto a Castellaneta. Stiamo seguendo molto da vicino ed attentamente – prosegue Montaruli – l’iter legislativo verso il riconoscimento del riposo festivo con la chiusura dei negozi e dei centri commerciali in modo che l’apertura torni ad essere la deroga alla chiusura obbligatoria e non il contrario, come invece trasformato dalle lobby politiche e polisindacali che hanno completamente deregolamentato un settore che invece aveva ed ha necessità di tutele perdute. Oggi e solo oggi pare che anche quel mondo poliasservito stia cambiando idea, dopo i tantissimi danni arrecati alla piccola distribuzione ed ai grandissimi benefici ottenuti con leggerezza e facilità”.

Intanto a Bisceglie scoppia il caso di un mercato serale proprio nel giorno di Ferragosto da svolgersi sul Lungomare.

A tal proposito la domanda è stata posta proprio al Presidente Montaruli il quale ha replicato: “abbiamo ricercato la fonte di tale informazione ed abbiamo trovato sul sito del comune di Bisceglie, sull’Albo Pretorio, uno “strano” provvedimento che parla di numerosi mercati da svolgersi sul Lungomare di Bisceglie in più giornate, tra le quali quella di Ferragosto 2018. Prendiamo apertamente le distanze da tale provvedimento che giudichiamo palesemente illegittimo in quanto assunto assolutamente al di fuori di qualunque norma regionale, nazionale, comunitaria e locale in materia. Addirittura il Comandante della Polizia Municipale di Bisceglie, con Ordinanza nr. 00125 del 28 maggio 2018, ha determinato le “Limitazioni al transito veicolare in zona parcheggio pubblico via della Libertà zona Grotta dei Monaci per svolgimento mercati straordinari”, facendo riferimento ad una nota del 15 maggio scorso con la quale il vice presidente di un Consorzio privato di commercianti avrebbe chiesto di organizzare in concomitanza delle manifestazioni ed eventi del programma dell’Estate Biscegliese 2018, lo svolgimento di mercati straordinari nella zona parcheggio pubblico Grotta dei Monaci, anche nei giorni 12, 13, 14 e 15 Agosto 2018, fino alle ore 23,00. Il Comandante scrive di aver acquisito l’indirizzo favorevole dell’allora Vice Sindaco di Bisceglie facente Funzioni per lo svolgimento di detti mercati. Siamo di fronte ad una concessione allo svolgimento di mercati straordinari assolutamente illegittima e siamo sconcertati che l’ex Vice Sindaco avv. Vittorio Fata abbia potuto concedere tale consenso, in piena campagna elettorale, ad una manifestazione evidentemente al di fuori di ogni contesto normativo, come recentemente altresì emerge dalla nota della Regione Puglia in risposta ad un preciso quesito formulato dal sottoscritto proprio a proposito dei mercati straordinari. Secondo tale nota interpretativa tutti i mercati straordinari programmati nella città di Bisceglie sarebbero palesemente esercitati in violazione di tali disposizioni soprattutto in relazione al mancato rispetto dei criteri di assegnazioni dei posteggi, rappresentando una condizione di illegittima disparità tra Operatori a vantaggio di talaltri appartenenti al giro magico. Nell’imminente incontro che avremo con il neo Sindaco Angelantonio Angarano pretenderemo un chiarimento finale su tutto quanto accaduto negli ultimi anni a Bisceglie e soprattutto su ciò che ancora oggi accade, contra legem e con enormi danni economici per mancati incassi da parte dell’Ente Pubblico ma a vantaggio di soggetti privati. Confermo che per quanto ci riguarda  mercati e negozi resteranno chiusi a Ferragosto, anche a Bisceglie”. – ha concluso Montaruli.

Tagli ai fondi per le periferie, Damiani conferma: "Il progetto della BAT è salvo"

ROMA - Oltre due miliardi e mezzo di euro bloccati dal Governo per i prossimi due anni, destinati a progetti di riqualificazione delle periferie. L'emendamento al decreto milleproroghe dovrà essere confermato dalla Camera a settembre, ma comunque ha suscitato già grande clamore mediatico e pesanti polemiche, poiché penalizza in tutto il Paese proprio quelle zone delle città che attendono da tempo interventi strutturali di recupero.

In sintesi, le convenzioni relative al bando per la riqualificazione delle periferie sono differite all’anno 2020, cioè il governo si impegna a dare ai comuni il denaro necessario a realizzare i progetti approvati, ma solo dopo il 2020.

"Anche il nostro territorio ha in campo il progetto "Centrare le periferie", che coinvolge i comuni di Barletta Andria e Trani con 6 milioni di euro ciascuno e pertanto ho voluto verificare con apposite ricerche presso la Presidenza del Consiglio e il servizio Bilancio dello Stato quali effetti la sospensione biennale avrebbe avuto su di esso - dichiara il sen. Dario Damiani (FI). Posso rassicurare i nostri enti locali e i cittadini: il progetto con capofila Andria, poiché si è classificato al dodicesimo posto, rientra tra i primi 24 ai quali non si applica il blocco biennale dei fondi, poiché già dotati di copertura finanziaria. L'approvazione dell'emendamento, dunque, che purtroppo penalizzerà tantissime situazioni urbane che speravano in tempi brevi di potersi riqualificare, non avrà alcun effetto negativo per il nostro territorio e i fondi saranno erogati secondo la tempistica già prevista".

Viandante 2018, la II edizione raddoppia tra spettacoli d’arte ed enogastronomia di qualità

TRINITAPOLI (BT) - Metti due sere nell’antica Salpi: luci, colori, sentori di un tempo che fu, risa di bambini, la meraviglia e lo stupore sui volti di grandi e piccini. E ancora artisti di strada, giocolieri, la magia delle bolle di sapone, teatrini con le marionette, madonnari, fontane danzanti e un percorso enogastronomico di qualità. No, non è il Paese dei balocchi, è Viandante a Trinitapoli (BT). Un clima di festa assoluto in cui il Viandante che ha “sete di esperienza” assapora cibo, profumi, palpiti, arte, in una parola vita!

Dopo il successo della prima edizione, quest’anno Viandante raddoppia. Due serate a ridosso del Ferragosto (12 e 13 agosto), un percorso avvincente dal cibo all’arte di strada tra prelibatezze d’ogni genere e spettacoli imperdibili.

 “Anche quest’anno abbiamo fortemente voluto che Viandante prendesse forma. – Così i maître à penser Patrizia Sarcina e Michele Cognetti del Piccolo Birrificio Indipendente Decimoprimo – Non volevamo rinunciare al nostro Viandante, una creatura che abbiamo immaginato, costruito e difeso con amore e il cui ingrediente fondamentale è la passione per la nostra terra”.

È dall’incontro di due importanti realtà di Trinitapoli che nasce Viandante: un progetto a quattro mani tra il Piccolo Birrificio Indipendente Decimoprimo e l’associazione culturale StandingOvation di Gerardo Russo, in collaborazione con Areagrafica47.

Con il patrocinio del Comune di Trinitapoli, domenica 12 e lunedì 13 agosto, andrà in scena la narrazione di un percorso di eccellenze che si dipanerà tra Piazza Umberto I, Piazza Parlamento e Piazzetta Santo Stefano.

Chi decide di unirsi a loro in questo viaggio, accetta di lasciarsi stupire dalla vera essenza delle nostre radici nel ricordo delle “feste di paese”. Ogni Viandante che decida di arrivare verrà accolto e ristorato in uno spazio a “misura d’uomo”.  Piazza Umberto I a Trinitapoli sarà come una vecchia posta in cui viaggiatori e genti di passaggio trovavano ristoro. Il loro percorso verrà allietato con i sorrisi dell’accoglienza, inebriato dai sentori dello street food, dissetato da un’ottima birra artigianale e confortato da quel divertimento genuino, fatto di cose semplici di un tempo, quando ancora si aveva la capacità di stupirsi. Viandante vuole riportare in vita la piacevole euforia che accompagnava quelle serate spensierate. Spettacoli, artisti di strada, musica, buon cibo e fiumi di birra artigianale daranno a chi arriva la sensazione di essere trasportato in un tempo sospeso, sognante che offre loro ristoro e benessere dell’anima.

Viandante interpreta la filosofia del viaggio, dove non conta la destinazione ma il viaggio stesso. Tanti gli spettacoli pensati per i più piccoli, ma anche per gli adulti che vogliano ritornare bambini. La ricca sezione artistica è curata da un produttore importante che ci ha abituati a meraviglie: Gerardo Russo per l’Associazione culturale StandingOvation.

Come in un grande luna park si potrà passare attraverso un rutilante viaggio nella tradizione e nel tempo con l’arte di strada: dallo spettacolo dei burattini (due spettacoli a sera), con il laboratorio per i più piccoli per creare la propria marionetta, allo spettacolo delle bolle. Dai caricaturisti, chi vuole porterà a casa il suo “ritratto” in ricordo di una serata speciale, ai Madonnari di Scuola napoletana, gli “Street paiting Italia 3”, con i loro dipinti in 3D (nel Vicolo degli artisti) che permetteranno ai Viandanti di interagire con il dipinto. Ancora l’artista di strada Guido con la compagnia dei Birbanti, uno spettacolo con fuoco e rettili. E poi la musica con il gruppo live trascinante dei Blue Stuff Blues Band. Tutto nella serata del 12 agosto.

Il clou sarà lunedì 13 agosto. Immancabile la parata di apertura con la Junior Band Conturband e lo spettacolo comico-interattivo di giocoleria di Mr Big Circus Cabaret, un eclettico artista dall’accento straniero dalla provenienza indecifrabile. Uno show coinvolgente in cui la tecnica circense ben armonizza con un’esilarante comicità.

Viandante chiuderà in bellezza lunedì 13 agosto con il grande spettacolo dell’acqua, “La Fonte del Viandante”, incredibili fontane danzanti in Piazza Umberto I alle ore 22,30. Gli elementi Acqua, Aria, Fuoco al ritmo delle sette note. Prodotto dall’Associazione culturale Viandante, scritto e diretto da Gerardo Russo, con l’elaborazione video-musicale di Michele Sicoli, La Fonte del Viandante sarà uno show sospeso tra realtà e magia con un'unica protagonista: l'acqua. Un'atmosfera incredibile con i suoi duemila zampilli dalle mille sfumature. Giochi d'acqua danzeranno su melodie trascinanti e “disseteranno” la voglia di stupore di ciascun Viandante.

Ma Viandante è essenzialmente legato ad un sapiente Street Food, il fenomeno del momento. Sceglie così di celebrare il cibo pugliese in tante declinazioni. Si passerà dalla cucina del birraio che proporrà pietanze succulente al cooking show affidato alla straordinaria creatività e sapienza dello chef Antonio Bufi. Nei food trucks che si incontreranno durante il percorso si potranno degustare appetitosi primi piatti, pesce con panini di mare, ma anche vegetariani, sino al cibo da strada per eccellenza: i panzerotti, in versione “gourmet” e poi granite e dolci per tutti i gusti. Tutto innaffiato ad arte dal Beer point, firmato Decimoprimo, il Piccolo Birrificio Indipendente di Trinitapoli.

Viandante ha anche un’anima social con la Sosta del Viandante, il social corner dove poter scattare foto e selfie da condividere sui social più popolari.

VIANDANTE vi aspetta domenica 12 e lunedì 13 agosto a Trinitapoli (BT), il percorso partirà da Piazza Umberto I, h.19-24. Info & Prenotazione Laboratori: 3204934807

www.facebook.com/trinitapolistreetfestival/

PROGRAMMA SEZIONE ARTISTICA VIANDANTE a cura della StandingOvation di Gerardo Russo

Domenica 12 agosto

ore 19,00 LABORATORIO DI CREAZIONE DELLE MARIONETTE (Due laboratori a sera a cura di GIORGIO FERRAIOLO, per un massimo di 40 bambini. I laboratori hanno il costo di 5 euro e ogni bambino porta a casa la sua marionetta. Il laboratorio è su prenotazione fino ad esaurimento posti). Info/ Prenotazione Laboratori: 3204934807

Ore 19,00: STREET ART 3D a cura di STREET PAINTING ITALIA 3 (Madonnari di Scuola Napoletana) (eseguiranno 2 dipinti 3D a sera)

Ore 19,30 SPETTACOLO DELLE BOLLE

Ore 20,00 SPETTACOLO TEATRO DEI BURATTINI (Due spettacoli a sera, per grandi e bambini)

Ore 21,00 GUIDO E LA COMPAGNIA DEI BIRBANTI, spettacolo con fuoco e rettili

ore 21,15 LABORATORIO DI CREAZIONE DELLE MARIONETTE a cura di GIORGIO FERRAIOLO

Ore 21,30 SPETTACOLO DELLE BOLLE

Ore 21,50 SPETTACOLO TEATRO DEI BURATTINI (Due spettacoli a sera, per grandi e bambini)

Ore 22,00 GUIDO E LA COMPAGNIA DEI BIRBANTI, spettacolo con fuoco e rettili

CARICATURISTA Nelle serate di Viandante sarà possibile farsi fare un “ritratto” e portarlo via come ricordo di una serata speciale

Ore 22,15 SPETTACOLO DELLE BOLLE

Ore 22,30 BLUE STUFF BLUES BAND LIVE


Lunedì 13 agosto

Ore 18,30 Parata di apertura con la JUNIOR BAND CONTURBAND

ore 19,00 LABORATORIO DI CREAZIONE DELLE MARIONETTE a cura di GIORGIO FERRAIOLO

Due laboratori a sera, per un massimo di 40 bambini. I laboratori hanno il costo di 5 euro e ogni bambino porta a casa la sua marionetta. Il laboratorio è su prenotazione fino ad esaurimento posti. (Info & Prenotazione Laboratori: 3204934807)

Ore 19,00: STREET ART 3D a cura di STREET PAINTING ITALIA 3 (Madonnari di Scuola Napoletana) (eseguiranno 2 dipinti 3D a sera)

Ore 20,00 MR BIG CIRCUS CABARET spettacolo comico - interattivo di giocoleria con protagonista un eclettico giocoliere dall’accento straniero di incerta provenienza. Uno show in cui la tecnica circense ben armonizza con un’esilarante comicità!

Ore 20,00 SPETTACOLO TEATRO DEI BURATTINI (Due spettacoli a sera, per grandi e bambini)

Ore 21,15 LABORATORIO DI CREAZIONE DELLE MARIONETTE a cura di GIORGIO FERRAIOLO

Ore 21,50 SPETTACOLO TEATRO DEI BURATTINI

Ore 22,00 MR BIG CIRCUS CABARET

CARICATURISTA Nelle serate di Viandante sarà possibile farsi fare un “ritratto” e portarlo via come ricordo di una serata speciale

Ore 22,30 LA FONTE DEL VIANDANTE, grande spettacolo dell’acqua con fontane danzanti

Ore 23,00 JUNIOR BAND CONTURBAND LIVE

Barletta, venti anni fa l’ultima volta di San Cataldo tra le acque della città della Disfida


di NICOLA RICCHITELLI – Oramai il gioco è diventato bello così, ricordare. Difficile che qualcuno ricordi di quel caldo week-end di vent’anni fa, di una festa sognata da parecchi anni, voluta in lungo e largo fino a materializzarsi in quel 8 e 9 agosto del 1998.   

Quei due giorni colmavano un vuoto di quasi vent’anni senza pensare che altri venti ne sarebbero passati e chissà ancora quanti altri ne passeranno. 

Era la festa dei marinai, era la festa della marineria e se vogliamo era la festa dell’orgoglio marinaro, in poche parole era la festa del quartiere Santa Maria. A Lui si affidava la vita in mare con tutti i suoi rischi e pericoli, a Lui affidavano sogni e prospettive le tante famiglie marinare che popolavano il quartiere di Santa Maria di Barletta, a Lui chiedevano di tenere lontane le tempeste mentre i loro mariti erano in mare le donne dei pescatori e sempre; a Lui chiedevano mari prosperi e reti gonfie i tanti pescatori che nella notte cercavano fortuna nei mari della città di Barletta.

La ricordo come se fosse ieri, nonostante tutto è accaduto per l’ultima volta quasi vent’anni fa; c’era don Gino Spadaro e il sindaco Francesco Salerno, c’era un giovanissimo don Vito Carpentiere –in processione portava la reliquia del santo – e mio padre che mi portava per mano mentre sulle spalle portava quella pesantissima grande statua che poggiava su una grande base di legno dorata.

C’era quel pescatore che chiamavano “l’americano”, si chiamava Nicola D’Ambra un uomo che al mare aveva dato la vita, la volle lui con tutto se stesso quella festa assieme ad Antonio Rociola, Nicola Riefolo e Giuseppe Lattanzio.

Vi era il porto di Barletta gremito di gente e il mare gremito di pescherecci; vi era il mio entusiasmo di vivere quel giro in mare e a pensarci bene di vivere un momento che ad oggi sembra essere irripetibile.

Vi erano le sirene dei pescherecci che salutavano il Santo all’arrivo del porto di Barletta, vi era la gioia dei tanti barlettani a cui non sembrava essere vero di essersi riappropriati di quella tradizione tutta barlettana. 

Erano appunto all’incirca le ore 20:30 di un caldo sabato dell’8 agosto del 1998 quando il peschereccio “Immacolata Madre” di proprietà di Domenico Sciascia prendeva il largo dal porto di Barletta con a bordo la statua di San Cataldo, mentre il peschereccio “Natalina Lucia” dei fratelli Riefolo a bordo trasportava la banda. La processione prese il largo fino a raggiungere il mare aperto per la consueta preghiera in onore delle vittime del mare per poi concludersi con una corona di fiori lanciata da don Gino Spadaro che galleggiò sul pelo dell’acqua di un mare non troppo calmo.

All’indomani la processione – dopo la messa celebrata dallo stesso don Gino Spadaro dinanzi a porta Marina - percorreva il borgo marinaro, saliva le mura di San Cataldo fino ad arrivare in piazza Castello per poi voltare verso via Cavour e quindi Corso Garibaldi fino ad arrivare in via Duomo per ritornare quindi in piazza Castello e riscendere le mura di San Cataldo. 

In molti a Lui quel giorno affidarono l’ultima preghiera, così come per molti vecchi leoni del mare quello fu l’ultimo saluto al Santo, fu l’ultimo saluto di quel vecchio lupo di mare di cui mi onoro di portare nome e cognome che sornione dinanzi a quel grosso portone di via Cavour se lo vide passare per l’ultima volta.

Forse fu l’ultima volta che il borgo Santa Maria potette guardarsi allo specchio prima di cambiare volto e lasciarsi sfregiare da tavolini e squallida movida, fu l’ultima volta di un quartiere che fino a quel momento faceva bella mostra di sé per la sua orgogliosa identità, fu l’ultima volta che il quartiere Santa Maria fu il quartiere dei pescatori prima che ne divenisse quella dei B&B, pub e ristoranti vari.       

Andria, sorprende ladri in casa: investito è grave

ANDRIA - Momenti di paura ad Andria, dove un 44enne ha sorpreso due ladri che gli stavano rubando le auto di famiglia parcheggiate nel garage di casa e ha tentato di fermarli, ma è stato investito da una delle vetture rubate partita a tutta velocità. La vittima ha subito diverse gravi lesioni e fratture alle vertebre ed è ora ricoverata con riserva di prognosi in ospedale dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico.

Il dramma si è consumato in un quartiere periferico della città. Intorno alle 5 di mattina l'uomo ha avvertito strani rumori e si è affacciato dal balcone accorgendosi che il cancello del garage era aperto e ha quindi chiamato il 113. Nel frattempo è sceso a controllare e ha sorpreso due persone a bordo delle auto parcheggiate. Uno dei ladri, a bordo di una Focus, ha ingranato la retromarcia e lo ha investito violentemente, guadagnando la fuga con il complice e con un'altra auto. Provvidenziali ai fini delle indagini potrebbero essere le immagini delle telecamere di videosorveglianza acquisite dagli investigatori.

Il 'Calici di stelle tour' approda nelle terre del primitivo


CORATO - E' stata una serata magica la seconda tappa di Calici di stelle ieri sera a Corato da La Locanda di Beatrice,  ma con il terzo appuntamento il Movimento Turismo del Vino Puglia è pronto a stupire ancora il suo pubblico: l’8 agosto Calici di Stelle sbarca infatti al Vinilia Wine Resort di Manduria, dimora storica d’eccellenza nel cuore delle Terre del Primitivo. A partire dalle 20.30 fino a poco dopo dopo la mezzanotte, un ricco programma accompagnerà i partecipanti in una indimenticabile notte di vino, musica e stelle.

Si parte alle 20.30 con le oltre 60 aziende socie del Movimento Turismo del Vino Puglia, protagoniste assolute della serata, che proporranno il meglio della loro produzione dai principali territori vitivinicoli della regione. In degustazione nelle isole d’assaggio soltanto Top Wines del Consorzio: etichette pluripremiate, rinomate in tutto il mondo, e rarità di pregio accompagnate dal racconto dei sommelier della Fondazione Italiana Sommelier Puglia.

Per i più appassionati, il racconto continua nelle Degustazioni guidate, sempre a cura della FIS Puglia: quattro sessioni da 30 minuti, nel corso della serata, sul tema dei Rosati di Puglia e dei grandi autoctoni della nostra regione (Nero di Troia, Negroamaro e Primitivo nelle sue diverse declinazioni). In apertura di ogni sessione anche la degustazione guidata di un Extravergine, per imparare a conoscere e riconoscere le diverse cultivar del territorio, a cura di Buonaterra – Movimento Turismo dell’Olio Puglia.

A seguire, il gioco “A prova di naso” metterà alla prova il talento da sommelier dei partecipanti, invitandoli ad abbinare i descrittori olfattivi ai relativi vitigni autoctoni pugliesi.

Ad accompagnare le degustazioni di vino, quest’anno per la prima volta anche le preparazioni a cura del Consorzio La Puglia è Servita, con una postazione nell’area Evo & Food a cura di un cuoco da un altro territorio: ospite a Manduria sarà Antonio Di Nunno, cuoco della Locanda Di Nunno di Canosa di Puglia. Inoltre, nell’isola degli Evo, a cura di Buonaterra – Movimento Turismo dell’Olio Puglia, sarà possibile degustare e acquistare gli extravergine e i prodotti tipici di Santoro, Frisino e Sololio.

Un’esperienza unica, pensata per i palati più raffinati, sarà la Cena di Calici di Stelle. Grandi tavoli conviviali, musica e la suggestiva atmosfera del Casamatta Restaurant fanno da cornice all’incontro tra i Top Wines del Consorzio e la migliore gastronomia di Puglia, un esclusivo menù solo su prenotazione, ideato e preparato per l’occasione.

La proposta di Vinilia è una linea che collega tra terra e mare, Murgia e Ionio, con un innovativo incontro tra i più autentici sapori dell’entroterra murgiano e i profumi del pescato tarantino, con 6 portate all’insegna della freschezza estiva, a cura di un duetto d’eccezione: il cuoco di Casamatta Pietro Penna ospiterà infatti il cuoco-contadino Pietro Zito del ristorante Antichi Sapori di Montegrosso (Andria).

Accompagna la cena una ricca carta degli Evo e dei Vini, con degustazione riservata ai soli ospiti della cena di tutti i Top Wines e una selezione di bianchi e rosati, a cura della Fondazione Italiana Sommelier Puglia.

Coronano il programma gli incontri tra vino e cultura nel Salotto del Libro, a cura di Eventi d’Autore, in collaborazione con la libreria Laterza di Bari: nella tappa di Manduria, il reading musicale del musicista Domenico Mezzina, sulle note di Lucio Battisti, accompagnerà la presentazione del libro Vento nel vento di Fulvio Frezza, ed. Florestano.

Accompagnerà la serata la musica dal vivo della Birbantband, che spostandosi attraverso le diverse aree della masseria farà ballare gli ospiti per tutta la notte.

Schede tecniche dei Top Wines, carte dei vini e degli Evo, menù e programma completo di ogni serata sono sempre aggiornati sul sito mtvpuglia.it e anche attraverso la pratica App, insieme ai contatti e alla geolocalizzazione delle location, e ai link per le prenotazioni e la prevendita: un set di comodi strumenti, per avere Calici di Stelle sempre a portata di smartphone.

Calici di Stelle è un viaggio che dura tutto il giorno, con gli itinerari di visita a cura di Eventi d’Autore. La proposta abbinata alla tappa dell’8 agosto è la visita al Parco archeologico delle Mura Messapiche, custode delle radici storiche più antiche di questo territorio. Il Parco Archeologico di Manduria conserva ampi tratti della triplice cerchia di mura che in età messapica circondava la città; la più grande necropoli messapica mai scoperta (con più di 2000 sepolture) si estende all’esterno delle mura. Suggestiva la discesa al Fonte Pliniano, monumento citato da Plinio il Vecchio: un pozzo, alimentato perennemente da una falda acquifera sotterranea, dal quale sboccia un mandorlo.

Per il gran finale di venerdì 10 agosto, Calici di Stelle raddoppia. Per la notte di San Lorenzo, l'evento da appuntamento a tutti gli enoappassionati a Masseria Le Stanzie (Supersano - Le), e in cantina. Aperte per l'occasione: Mazzone (Ruvo di Puglia Ba) nella zona di Castel del Monte; Amastuola (Crispiano - Ta), Claudio Quarta Tenute Emèra (Lizzano - Ta) e Felline (Manduria - Ta) in Magna Grecia; Castel di Salve (Depressa di Tricase) in Salento.

Calici di Stelle è inserita nella programmazione progettuale triennale del Consorzio Movimento Turismo del Vino Puglia dal titolo “Puglia: cultura del vino scoperta di un territorio”, a valere sul Fondo di Sviluppo e Coesione - FSC 2014-2020 “Patto per la Puglia”, Avviso pubblico per iniziative progettuali riguardanti le attività culturali, promosso dall’Assessorato all’Industria turistica e culturale.

Si ringraziano inoltre gli sponsor Biotec e Acqua Orsini per il supporto alla realizzazione della manifestazione. 

Barletta: sindaco si è dimesso

BARLETTA - Ha annunciato le dimissioni il sindaco di Barletta, Cosimo Damiano Cannito, eletto lo scorso 10 giugno con il sostegno di una vasta coalizione di civiche di centrodestra e centrosinistra. Il fatto è avvenuto al termine della nuova seduta del Consiglio comunale convocata per eleggere il presidente dell'assise, figura che Cannito aveva individuato - sulla base di accordi politici - nella persona di Sabino Dicataldo. La sua elezione però era sfumata già nella seduta del 3 agosto.

Il primo cittadino della Città di Eraclio aveva già paventato il rischio dimissioni e ieri sera al termine di un sofferto dibattito ha detto: "Annuncio le mie dimissioni da sindaco di questa città. Se entro 20 giorni non si trovasse un accordo - ha continuato Cannito - se non riuscissimo a esprimere una maggioranza o una rappresentanza politica capace di governare la città, è giusto che si vada tutti a casa".

Obbligo vaccinale rinviato nelle scuole, Damiani (Fi): "Irresponsabile per la salute dei bambini"

BARI - Rinviato di dodici mesi, quindi a partire dall'anno scolastico 2019-2010, l'obbligo vaccinale nella scuola d'infanzia e negli asili nido. Approvato, infatti, dal Senato ieri, 3 agosto, con 149 voti favorevoli, 110 contrari e un solo astenuto un emendamento della maggioranza al decreto Milleproroghe. Dura la protesta delle opposizioni, fra le quali il gruppo di Forza Italia, che considera questa proroga "rischiosa per la salute degli italiani".

"Vergognoso l'emendamento approvato dalla maggioranza Lega-M5S che proroga l'entrata in vigore dell'obbligo vaccinale - dichiara il sen. Dario Damiani (FI). Un comportamento irresponsabile che ci delude e che si affianca alle posizioni No vax. Noi continueremo la nostra battaglia civile in favore dell'obbligo vaccinale a tutela della salute dei bambini e in linea con le convinzioni della comunità scientifica internazionale. Diamo atto con piacere che la senatrice pentastellata Fattori si sia espressa in dissenso dal suo gruppo in coerenza con le sue convinzioni". 

Agguato in scooter: ucciso 23enne

di PIERO CHIMENTI - L'agguato è avvenuto nella sera in Piazza Abbazia gremita di gente, a Corato, dove un giovane albanese incensurato è stato freddato alle spalle da colpi di arma da fuoco, partiti da due persone in sella su uno scooter.

I colpi di pistola avrebbero colpito testa e polmone, non lasciando scampo al giovane.

Trani, parte la cinquina di 'Fuori Museo 2018': arrivano Sting &Shaggy, Moro, De Gregori, Brignano e i Gen Verde

TRANI - Agosto è alle porte ed i grandi nomi della musica e dello spettacolo stanno per giungere in piazza Duomo, nell’ambito di estivi Fuori Museo – eventi d’estate 2018 della Fondazione S.E.C.A. in collaborazione con il Comune di Trani e la partnership di Fondazione Megamark e Università Lum Jean Monnet.

Il prossimo attesissimo appuntamento di questa terza edizione è con Sting & Saggy il 4 agosto, tra una settimana. A seguire, il 20 agosto, sarà la volta di Francesco De Gregori e delle sue canzoni, che sono storie e pura poesia. Il 21 si esibirà Fabrizio Moro, con la sua voce graffiante e le sue tematiche assolutamente mai banali, che hanno fatto breccia nel cuore dei suoi molti fans. Il 23 si cambia registro, non musica, ma grande show con Enrico Brignano, geniale rappresentatore della realtà in chiave comica, artista sorprendente e dallo stile inconfondibile.

A chiudere la cinquina saranno i Gen Verde, una sorpresa. Ventuno donne tutte al comando di un gruppo multietnico, provenienti da tutto il mondo e che fanno tournee dappertutto. In questo momento in Asia, i Gen Verde porteranno il loro pop coinvolgente in piazza, in uno spettacolo musicale col botto, che chiuderà l’edizione 2018 del Fuori Museo.

Musica, comicità, spettacoli che la Fondazione S.E.C.A., con le suddette collaborazioni e partnership, ha riunito in un unico cartellone col fine di animare una delle piazze più belle d’Italia e far conoscere, ancora i più, un Polo Museale ricco di tesori: il Museo della storia della scrittura meccanica, il Museo diocesano con la sua sezione archeologica ed il Museo di storia ebraica, la Sinagoga museo sant’Anna.

Da Teocoli, a Piovani, ad Arbore e alla Mannoia nelle precedenti edizioni, fino a Riki, che ha fatto battere il cuore di tantissimi ragazzi giunti dalla sera prima per ascoltare il loro idolo. E poi l’evento sportivo, Jumping in the square, elemento di novità nel cartellone Fuori museo, inaugurato lo scorso 30 giugno dalla Banda delle Interforze, Guardia di Finanza e Polizia di Stato, unitamente alla mostra sul centenario dal termine della Grande Guerra.

Fuori museo si afferma sempre più nel calendario dell’estate a Trani e diventa certezza per coloro che aspettano, ogni anno, di scoprire quale artista sceglierà di esibirsi ai piedi della cattedrale più bella di Puglia, accanto ad un Polo museale dalla singolare ricchezza.

Info 0883.582470

Nina Zilli ad Andria con 'Ti Amo Mi Uccidi Tour'

ANDRIA - Una cornice suggestiva, elegante e raffinata per un concerto versatile che sicuramente regalerà forti emozioni. La voce di Nina Zilli arriva ad Andria, ai piedi del Castel del Monte con il suo “Ti Amo Mi Uccidi Tour”.

L’artista torna cosìonstage, la sua dimensione più congeniale, dopo la tournée invernale e la partecipazione al 68° Festival di Sanremo con il brano “Senza Appartenere”.

L’11 agosto alle 21.30, accompagnata sul palco da Riccardo Gibertini “Jeeba” (tromba, trombone, dub, tastiere), Antonio Vezzano “Heggy” (chitarre), Nicola Roccamo “Nico” (batteria), Lucio Enrico Fasino (basso), Riccardo Di Paola (tastiere) ed Enzo Tribuzio “Dj Zak” (scretch, campioni), Nina Zilli ripercorrerà i suoi successi più amati fino ai brani del suo ultimo album “MoDERN ART”, comeMi hai fatto fare tardiche ha anticipato l’uscita del disco, il nuovo singolo in radio questi giorni1xUnAttimoeTi Amo Mi uccidi, canzone che dà il nome al nuovo tour.

“Ti Amo Mi Uccidi Tour” è una produzione Massimo Levantini per Just Me Levarco; i biglietti della tournée sono disponibili nelle prevendite abituali, suwww.vivaticket.ite presso la Tabaccheria del Corso in Corso Cavour ad Andria.

“MoDERN ART” è il quarto album di Nina Zilli, interprete, musicista, autrice, conduttrice televisiva e radiofonica, e forse ne mette a fuoco come non mai la versatilità e lo spessore da artista “completa” che in Italia sono appannaggio di pochi. Un lavoro fatto di tante forme e stili musicali che convivono felicemente e compongono insieme il profilo della loro interprete. Il disco, prodotto da Michele Canova e registrato tra Milano e la Giamaica, è stato ripubblicato in edizione speciale il 9 febbraio: “MoDERN ART (Sanremo edition)”, contiene il brano in gara al Festival e una versione unplugged di “1XUNaTTIMO”.

Info: 0883/591525

Barletta Piano Festival: sabato 28 luglio il top-prize winner del Val Cliburn, Davide Cabassi

BARLETTA - È accaduto tutto poco più di dieci anni fa. Prima la vittoria al Concorso Van Cliburn di Forth Worth, negli Stati Uniti, definitiva consacrazione sulla scena internazionale. Poi le incisioni per la Sony BMG, che più recentemente gli hanno aperto le porte della Decca, etichetta di vertice nel mondo della classica. Lui è Davide Cabassi, ospite del Barletta Piano Festival, sabato 28 luglio (ore 21) a Palazzo della Marra. Ex enfant prodige (il debutto a soli tredici anni con l’Orchestra Sinfonica della Rai), ha poi mantenuto le promesse intraprendendo una splendida carriera internazionale con recital per le più importanti istituzioni concertistiche nei templi mondiali della musica, dalla Carnegie Hall di New York al Mozarteum di Salisbrugo. E per la manifestazione diretta da Pasquale Iannone e organizzata dall’Associazione Mauro Giuliani nella Rete di musica d’arte Orfeo Futuro, si cimenta con pagine di Debussy e Musorgskij, compositori a lui molto cari.

Del musicista francese Cabassi suonerà le suite «Estampes» e «Children’s corner», mentre dell’autore russo interpreterà i «Quadri di un’esposizione», l’opera della quale anni più tardi Ravel realizzò una celebre versione per orchestra. E con alcune importanti formazioni Cabassi ha sinora suonato in giro per il pianeta. Nel suo curriculum sterminato ci sono concerti con la Munchner Philharmoniker, l’Orchestra Filarmonica della Scala, la Neue Philharmonie Westfalen, la Russian Chamber Orchestra e, ancora, la Magdeburg Philhamoniker, la Fort Worth Symphony, l’Orchestra Verdi Milano e molte altre ancora. I direttori con cui ha collaborato portano il nome di Gustav Kuhn, James Conlon, Marco Angius e Daniele Gatti, giusto per citarne alcuni. E non si possono dimenticare le incursioni nel mondo della danza per le étoile Roberto Bolle, Svetlana Zacharova, Massimo Murru e Sylvie Guillem.

Didatta di grande valore, Cabassi si è anche distinto come organizzatore e direttore artistico della stagione concertistica «Primavera di Baggio», da lui fondata a Milano con la moglie, la pianista russa Tatiana Larionova. Un progetto per valorizzare e rilanciare culturalmente la periferia disagiata della città attraverso il coinvolgimento dei bambini e l’“invasione”  di spazi associativi riscattati dalle mafie.

Info 347.6194215. Biglietti 5 euro

Aeroporti di Puglia, Mennea: “Senza il nostro intervento finanziario, nel 2017 la società non avrebbe avuto utili”

BARI - “Aeroporti di Puglia è una grande società partecipata della Regione Puglia e la sua attività è cresciuta molto negli ultimi anni. Ma non sono cresciuti, di pari passo, la solidità finanziaria e i risultati economici del bilancio, che quest’anno ci hanno messo nella condizione di dover intervenire in maniera straordinaria per ripianare un debito fuori bilancio di oltre 10 milioni di euro.  E questo anche per una gestione a dir poco leggera degli organi amministrativi responsabili, che non hanno prevenuto opportunamente e diligentemente per evitare una situazione di squilibrio finanziario. Se non ci fosse stato il nostro intervento, non solo non ci sarebbe stato un utile nel bilancio 2017, ma sarebbe stato dimezzato il capitale sociale con tutte le conseguenze annesse e connesse”. Lo dichiara il consigliere regionale Pd, vice presidente della commissione Bilancio e componente di quella alle Attività produttive, Ruggiero Mennea, commentando l’avvenuta approvazione del bilancio 2017 di Aeroporti di Puglia.

“Solo per un senso di responsabilità – ricorda Mennea - abbiamo approvato il debito fuori bilancio relativo all’Iva arbitrariamente non versata da Adp negli anni scorsi. Ma ciò non toglie, come già anticipato formalmente in aula, che bisogna individuare e approfondire le responsabilità di questa situazione di squilibrio finanziario. Per questo chiederò un’audizione di tutti gli organi competenti, addetti al controllo dell’attività amministrativa di Adp, che dovranno spiegare se ci sono delle responsabilità ed eventualmente in capo a chi sono. La questione dunque – precisa - non va chiusa e, anzi, intendo chiedere una verifica supplementare sui conti di tutte le società partecipate e agenzie proprio in via cautelativa. Per questo – sottolinea - proporrò di valutare l’approvazione di uno strumento legislativo, o di altro genere, per controllare ed accertare i conti delle nostre partecipate”.

“Per quel che riguarda i conti di Adp – conclude Mennea - spero non siano stati previsti dei premi di produttività o di altro genere, legati all’utile di bilancio, perché sarebbe davvero un paradosso e una beffa, dal momento che senza il riconoscimento del debito fuori bilancio quell’utile non ci sarebbe stato. Altrimenti, sarebbe un atto davvero molto grave”.

Un viaggio nel tempo tra le bellezze archeologiche di Canosa

CANOSA DI PUGLIA - “Le Notti dell’Archeologia 2018” a Canosa di Puglia (BT)  proseguono con un nuovo itinerario, il 21 Luglio 2018, dopo il successo dell’ultimo appuntamento dedicato esclusivamente alle tombe daune, tipiche del sottosuolo canosino. La rassegna estiva è realizzata dalla Fondazione Archeologica Canosina  e dalla Tango Renato-servizi per l’archeologia e il turismoe rientra nella programmazione “Estate Canosina 2018” del Comune di Canosa di Puglia.

Si continua con “Canosa, indietro nel tempo”, che catapulterà i partecipanti secoli addietro, ripercorrendo la prospera storia di Canusium.

Grazie alla passione per il territorio dei volontari, delle guide turistiche e dei sostenitori della FAC, impegnata da oltre venticinque anni nella valorizzazione e tutela dei beni archeologici canosini, il flusso turistico è in ascesa. Nelle prossime settimane, difatti, è previsto l’arrivo di vacanzieri ed emigranti canosini, residenti al nord Italia e all’estero, i quali ritornano nella terra natia per rifugiarsi dal caos della vita quotidiana o semplicemente per vivere alcuni momenti nell’eterna Canusium.

Prendendo parte alla passeggiata archeologica si potranno ammirare le millenarie vestigia, portando con sé un ricordo indelebile delle antiche bellezze della “piccola Roma”. L’appuntamento è per le ore 19.30 in Piazza Vittorio Veneto, da cui avrà inizio il tour, cominciando con il Mausoleo di Boemondo d’Altavilla, simbolo dell’età normanno-sveva (XI sec. d.C.-XII sec. d.C.) ed eterna dimora del principe Boemondo d'Altavilla, eroe della I Crociata e zio di Federico II.

Successivamente si ripercorreranno le orme del Santo vescovo Sabino con il periodo paleocristiano (VI sec. d.C. ). Egli fondò numerosi edifici religiosi nell'ambito del comprensorio ofantino tra cui il Parco Archeologico di San Giovanni (VI sec. d.C.), parte integrante di un complesso di edifici cristiani comprendete la Basilica del Salvatore (VII - VIII sec. d.C.) e la Basilica di S. Maria (IV - VI sec d.C.).

Con l’epoca romana alto imperiale (I sec. a.C.- III sec. d.C), si osserveranno monumenti testimoni di un periodo florido per i cittadini canosini, come la domus romana di Colle Montescupolo, tipico esempio di residenza dell’età augustea articolata secondo lo schema italico ad atrio, dove, sono esposti tipici abiti dell’età romana, realizzati dalla Prof.ssa Elena Di Ruvo.

Infine, il periodo daunio-ellenistico (IV –III sec.a.C), epoca dei principes dauni e delle loro tombe a camera, tra le quali sarà oggetto di visita il caratteristico Ipogeo Scocchera B, nel quale fu rinvenuta una serie di vasi a figure rosse, una corazza anatomica in bronzo e un elmo celtico, probabile trofeo di guerra.

Per ulteriori informazioni e per la prenotazione obbligatoria, si rimanda all'utenza 333 8856300 ed alla pagina Facebook della Fondazione Archeologica Canosina. A fine percorso sarà possibile degustare le tipicità canosine presso i ristoranti aderenti all’iniziativa.

Serie C: la Covisoc non iscrive l’Andria, la Reggiana e il Mestre

di FRANCESCO LOIACONO - La Reggiana l’Andria e il Mestre non si sono iscritte alla serie C. Escluse giovedì 12 luglio dalla Covisoc non hanno presentato ricorso. La Reggiana non è riuscita a cambiare proprietà, l’Andria non ha presentato la fideiussione e pagato i contributi INPS. Il Mestre ha problemi con lo stadio e ripartirà dall’Eccellenza. Ad Andria il presidente Montemurro non ha trovato l’aiuto di altri imprenditori ed ha dovuto alzare la classica bandiera bianca.

I pugliesi ripartiranno dalla serie D o dall’Eccellenza.Hanno fatto ricorso il Matera, la Lucchese il Cuneo il Trapani la Juve Stabia la Triestina il Siracusa la Pistoiese e il Monza. C’è qualche problema per la Lucchese. A Matera il presidente Columella ha ricapitalizzato e dovrebbe farcela a essere ammesso alla C.

A Trapani il proprietario Morace non ha ceduto la società siciliana ma ha presentato la fideiussione. A Castellammare di Stabia il nuovo presidente Felice Ceccone ha messo i conti a posto nel bilancio della società campana. I verdetti definitivi venerdì 20 luglio nel Consiglio Federale.

Bisceglie, aperte le iscrizioni della 9a edizione di 'Libri nel Borgo Antico'

BISCEGLIE - L'edizione 2018 di "Libri nel Borgo Antico" si arricchisce di tante novità. Oltre ai qualificati autori che animeranno le conversazioni, nei tre giorni della rassegna, 24, 25 e 26 agosto, le piazze del centro storico ospiteranno anche artigiani e artisti biscegliesi, i quali esporranno produzioni di qualità.

Il pubblico avrà quindi la possibilità di ammirare i lavori dei nostri artigiani, dei nostri artisti e delle nostre ricamatrici.

"Libri nel Borgo Antico" si conferma sempre più come una tre giorni di promozione a tutto tondo delle bellezze e delle eccellenze del nostro territorio.

L'Associazione Borgo Antico sta selezionando in questi giorni artigiani, artisti e ricamatrici da ospitare: quanti fossero interessati posso scrivere all'indirizzo info@librinelborgoantico.it o contattare il numero 3929588055.

L'associazione organizzatrice si riserva di selezionare gli artigiani tra le diverse proposte pervenute. La partecipazione degli artigiani selezionati - come quella di tutti coloro che partecipano a "Libri nel Borgo Antico" o assistono alle conversazioni degli autori - è assolutamente libera e gratuita.

Schianto treni Andria-Corato: Regione Puglia si costituisce parte civile nel processo

TRANI - La Regione Puglia si è costituita parte civile nel processo sullo scontro dei treni avvenuto sulla linea Andria-Corato il 12 luglio 2016 in cui persero la vita 23 persone. Ha voluto essere presente in aula all’udienza preliminare il presidente Michele Emiliano.

“Noi saremo al fianco delle famiglie delle persone offese, perché hanno avuto vittime e feriti e lo faremo con grande determinazione. Seguirò personalmente il processo con l'avvocatura regionale e ci auguriamo che la verità possa contribuire almeno un po' a lenire il dolore gravissimo che queste persone stanno ancora vivendo e vivranno per tutta la vita” ha detto Emiliano a margine dell’udienza.

“Voglio rassegnare la mia gratitudine nei confronti dell'autorità giudiziaria di Trani, sia alla Procura della Repubblica che agli uffici del Tribunale, per la rapidità con la quale si sono mosse in un processo estremamente complesso.

A due anni dall'evento siamo già all'udienza preliminare e, in situazioni del genere, questo è veramente un record. La totale esclusione di qualsivoglia responsabilità della Regione Puglia ovviamente per noi è un motivo di conforto, perché il chiacchiericcio in questi due anni è stato pesantissimo.

Le regioni purtroppo non hanno organismi che possano controllare i loro concessionari, gli unici organi di controllo sono dello Stato, in passato l'USTIF, adesso l'Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria, e questo è un gravissimo vulnus perché le regioni hanno la gestione dei contratti di servizio e non hanno gli organismi di controllo, quindi non siamo messi nelle condizioni, se non dal Governo stesso, di controllare l'adempimento dei contratti di servizio. E questo evidentemente deve indurre il legislatore a prendere una decisione definitiva su questo punto”.

Assalito da api muore 45enne

di PIERO CHIMENTI - Nelle campagne di Trinitapoli, provincia Bat, un uomo di 45 anni è stato investito da uno sciame di api che gli ha causato la morte per shock anafilattico. A trovarlo riverso al suolo, con le api ancora ad avvolgere il corpo della vittima, sono stati i familiari preoccupati per il mancato rientro.