Ad Section

Visualizzazione post con etichetta Bat. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Bat. Mostra tutti i post

Serie A calcio a 5 femminile: la Salinis Margherita di Savoia supera 4-1 lo Scandicci

Serie A calcio a 5 femminile: la Salinis Margherita di Savoia supera 4-1 lo Scandicci


di FRANCESCO LOIACONO - Nella terza giornata di andata di serie A di calcio a cinque donne la Salinis Margherita di Savoia ha vinto 4-1 in casa con lo Scandicci. Nel primo tempo sono passate in vantaggio le pugliesi con la Rozo, tiro al volo. Hanno raddoppiato con la Taty di destro.

Nel secondo tempo la Salinis ha segnato la terza rete con la Siclari su rigore dato per un fallo della Duco sulla Giuliano. Le pugliesi hanno realizzato la quarta rete con la Guliano di sinistro. Le toscane hanno segnato. La portiera Ceravolo ha involontariamente deviato il pallone nella propria porta su un tiro della Duco. Terza vittoria consecutiva della Salinis che è prima in classifica con 6 punti.

Per quanto riguarda le altre squadre pugliesi lo Statte ha vinto 7-0 a Montemesola col Ragusa, il Noci ha perso 7-1 in casa col Falconara e il Bisceglie è stato sconfitto 3-2 a Cagliari. Nel prossimo turno la Salinis giocherà in trasferta con la Florentia, il Bisceglie sfiderà in casa nel derby pugliese il Noci e lo Statte affronterà fuori casa il Grisignano.

Emiliano a Barletta per consegna nuovi alloggi popolari

Emiliano a Barletta per consegna nuovi alloggi popolari

BARLETTA - Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha consegnato oggi a Barletta 24 nuovi alloggi popolari, con il sindaco Cosimo Cannito e l’assessore comunale Rosa Tupputi.

“Il bene di una casa per una persona non è un bene qualunque, è una di quelle cose attorno alla quale si costruisce una vita intera - ha detto Emiliano - Oggi a Barletta abbiamo assegnato i nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica. Sono stati assegnati agli aventi diritto in base alla graduatoria del Comune, con un canone concordato. Casa significa dignità della vita. Quando mancano i beni essenziali come una casa e un lavoro i drammi della società sono infiniti. Per questo siamo al lavoro incessantemente per moltiplicare gli sguardi di gioia e le emozioni positive che abbiamo vissuto oggi”.

I nuovi alloggi realizzati all’interno del nuovo piano di zona 167 si trovano in via Velasquez n.1 a Barletta, e sono stati assegnati agli aventi diritto, in base a graduatoria del Comune, in locazione a canone concordato. Tre milioni di euro sono stati destinati dalla Regione Puglia per la realizzazione dell’opera.

A Barletta, l’Arca ha in corso altri due cantieri di ristrutturazione, in via Maranco e via Pirandello, e sono in via di completamento i servizi alla cittadinanza per altro fabbricato di case popolari.

Con il fondo comunitario FESR sono stati investiti nell’edilizia popolare 100 milioni di euro, di questi oltre 7 milioni di euro sono stati destinati a Barletta per efficientamento energetico dei fabbricati in via Achille Bruni e via Canosa. La procedura di approvazione dei progetti è in corso di completamento tra Comunità Europea, Regione Puglia ed Arca. Con il nuovo anno partiranno le gare d’appalto.

Da Singapore a Forlì, le meraviglie della Puglia in mostra alla Fondazione Dino Zoli

Da Singapore a Forlì, le meraviglie della Puglia in mostra alla Fondazione Dino Zoli

(credits: L.Marianaccio)
ROMA - Dopo il successo riscosso a Singapore, in occasione del Gran Premio di Formula 1, il progetto “Gradazioni di luce. Geografie di sguardi tra storia e contemporaneità” approda dal 19 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020 alla Fondazione Dino Zoli di Forlì, presentandosi nella sua interezza.

La mostra, promossa da DZ Engineering e Fondazione Dino Zoli, è curata da Gigliola Foschi e Nadia Stefanel con opere realizzate per l’occasione da Alessandra Baldoni, Luca Gilli, Cosmo Laera, Luca Marianaccio, Lucrezia Roda e Pio Tarantini, sei fotografi italiani che si sono fatti portavoce nel mondo della cultura, della storia e della ricchezza dei luoghi che caratterizzano il nostro paese.

Cosmo Laera (Alberobello, 1962) ha fotografato il Bastione di Santa Scolastica (Bari, XVI sec), l'Abbazia di San Leonardo in Lama Volara di Siponto (Manfredonia, XII sec) e Canne della Battaglia (Barletta, II sec AC).

Il bastione aragonese di Santa Scolastica, risalente al XVI secolo, fu edificato dopo la demolizione della chiesa medievale dedicata ai Santi Giovanni e Paolo. Attraverso l’ingresso ai piedi del bastione, ricavato all’interno di una cannoniera, si intraprende un itinerario archeologico attraverso le testimonianze di oltre 4000 anni di storia del territorio, dalla Preistoria al Medioevo. La valorizzazione del Complesso che si trova presso il Lungomare che prende il nome dall'Imperatore Augusto è iniziato nel 2014 con il percorso di luci e narrazione che ha portato alla scoperta della storia del Bastione.

L’Abbazia di San Leonardo in Lama Volara di Siponto è un antico complesso risalente al XII sec. costituito dalla Chiesa, dal Monastero e dall’Ospedale che a breve ospiterà il museo di San Leonardo. La chiesa abbaziale è un esempio ammirevole di architettura romanica pugliese; di grande rilevanza il portale nord, rivolto al Gargano.

Circondato da possenti mura, che per molti secoli hanno protetto le popolazioni locali da attacchi nemici, il parco archeologico di Canne della Battaglia offre un lungo e affascinante percorso attraverso preziosi rinvenimenti di epoca romana, paleocristiana e medievale.

(credits: P.Tarantini)
Pio Tarantini (Torchiarolo, 1950) ha fotografato la Chiesa di Santa Maria Maddalena a Uggiano (Lecce, seconda metà XVIII sec.) e la Cripta della Cattedrale di Otranto (Lecce, XI sec.).

L'attuale Chiesa Santa Maria Maddalena fu realizzata nella seconda metà del XVIII secolo sullo stesso sito in cui sorgevano le precedenti, più volte ricostruite. La costruzione della chiesa matrice oscilla tra storia e leggenda. Si racconta che il famoso medico Celestino Cominale fu chiamato a consulto dal Re di Napoli Ferdinando I di Borbone per la figlia gravemente malata. Ottenuta la guarigione il Re si impegnò ad esaudire qualsiasi desiderio dell'eminente luminare. Il Cominale volle che a beneficiare della generosità del re fosse la popolazione di Uggiano con la costruzione della nuova chiesa, più grande di quella esistente. La facciata, in stile barocco, fu ultimata nel 1775.

La Cripta della Cattedrale di Otranto, che si snoda nell'area sottostante dell'abside, del presbiterio e di parte dell'aula, risale all'XI secolo ed è una miniatura della celebre Cisterna di Teodosio o della Moschea di Cordova. Si trova nella cattedrale di Santa Maria Annunziata, il più importante luogo di culto cattolico della città di Otranto, chiesa madre dell'omonima arcidiocesi. Nel luglio del 1945 papa Pio XII elevò la cattedrale alla dignità di Basilica minore.

Luca Marianaccio (Agnone, Isernia, 1986) ha fotografato Castel del Monte (Andria, 1240).

Castel del Monte possiede un valore universale eccezionale per la perfezione delle sue forme, il mistero legato al rigore astronomico della sua planimetria, l'armonia e la fusione di elementi culturali venuti dal Nord dell'Europa, dal mondo Musulmano e dall'antichità classica. È un capolavoro unico dell'architettura medievale, che riflette l'umanesimo del suo fondatore: Federico II di Svevia.

Con questa motivazione, nel 1996, il Comitato del Patrimonio Mondiale UNESCO, ha inserito nella World Heritage List il castello.

Tutt'altro che casuale, e non solo a livello strategico, appare quindi la scelta del luogo di costruzione del castello: una collina inondata dal sole in tutte le ore del giorno, con cui il monumento sembra costantemente in relazione.

L’esposizione, che sarà inaugurata sabato 19 ottobre alle ore 18.00, è realizzata in collaborazione con Ambasciata d’Italia a Singapore, EuroCham, Camera di commercio italiana a Singapore (ICCS), Regione Emilia Romagna, Regione Puglia, Polo Museale della Puglia e Comune di Forlì; con il sostegno di Credem Banca, ELFI SPA, I Sabbioni. Apertura al pubblico da martedì a giovedì ore 9.30-12.30, da venerdì a domenica ore 9.30-12.30 e 16.30-19.30, chiuso lunedì e festivi. Ingresso libero.

Nel corso della mostra saranno organizzate tre conversazioni con gli artisti, in programma il sabato pomeriggio alle ore 18.00: 16 novembre 2019, conversazione con Cosmo Laera e Pio Tarantini; 14 dicembre 2019, conversazione con Alessandra Baldoni e Luca Gilli; 11 gennaio 2020, conversazione con Luca Marianaccio e Lucrezia Roda.

Una parte della mostra, ad aprile 2020, volerà in Vietnam, paese in cui la Formula 1 farà il suo esordio. Attraverso la sua controllata DZE Asia Pte Ltd, la DZ Engineering ha infatti recentemente acquisito la realizzazione dei Sistemi Elettronici per il circuito cittadino di Hanoi.

Per informazioni: DZ Engineering (tel.  +39 0543 1917350, www.dz-e.com); Fondazione Dino Zoli (tel. +39 0543 755770, info@fondazionedinozoli.com, www.fondazionedinozoli.com).

Trani, al via il 19 e 20 ottobre la sesta edizione del 'Wedding Fashion'

Trani, al via il 19 e 20 ottobre la sesta edizione del 'Wedding Fashion'

TRANI - Una due giorni dedicata interamente al sogno di una vita, al sogno dell’abito bianco, ai “Fiori d’arancio”, al giorno da ricordare per sempre, una due giorni al servizio delle future coppie che sognano e hanno in programma di pronunciare il fatidico SI.

Appuntamento presso il Giardino Broquier di Trani – via Giovanni Beltrani 17, nei pressi del castello – il prossimo 19 e 20 ottobre per una rassegna interamente dedicata alle coppie che intendono organizzare il giorno del fatidico SI, ad accoglierli, la preziosa presenza della image consultant e bridal stylist, Sabrina Altamura – ospite dell’evento – io quale accoglierà gli ospiti con i suoi consigli di stile e tendenze bridal 2020.     

«Un evento pensato per i tanti che sognano di fare del giorno del proprio matrimonio un sogno, il giorno della vita, un giorno da ricordare e da portare per sempre nel proprio cuore…», commenta così l’organizzatore dell’evento Vincenzo Peschechera, il quale prosegue: «l’ambizione di questa sesta edizione del Wedding Fashion – così come quelle passare – è quella di prendere per mano le tante coppie che nel prossimo 2020 e nei prossimi anni intendono vivere questo meraviglioso giorno e accompagnarli nelle innumerevoli scelte che un evento di questo genere comporta, il tutto in linea con le tendenze del momento e che troverà nella presenza della image consultant e bridal stylist Sabrina Altamura una risposta sicura e autorevole alle tante domande che intenderete porre».

Appuntamento quindi nel prossimo week end al Giardino Broquier di Trani con il Wedding Fashion.

Media partner dell’evento: Radio Gamma.

'Cosa succede in Città' torna su Radio Centro per celebrare la decima stagione

'Cosa succede in Città' torna su Radio Centro per celebrare la decima stagione

BISCEGLIE (BT) - Dalla stagione 2010/2011 a oggi Radio Centro Bisceglie ha ospitato ininterrottamente uno dei programmi più freschi, dinamici e attuali della programmazione radiofonica locale: “Cosa Succede in Città”.

Venerdì 18 ottobre sulla radio della città di Bisceglie andrà in onda la prima puntata della decima stagione del programma che unisce informazione e intrattenimento, musica e rubriche, ospiti e interazione con i radioascoltatori.

Un format televisivo adattato alla radio che ha visto avvicendarsi diverse squadre di speaker, ma che da quattro stagioni vede al timone Maristella Lupone e Francesco Brescia, nel ruolo di conduttori e autori del programma, con la partecipazione di Alida Di Giovanni, quest’anno coadiuvata in studio da Grazia Lanotte.

E saranno proprio loro, anche nell’edizione 2019/2020, a guidare “Cosa Succede in Città” alternandosi ogni venerdì a partire dalle 19:30.

Tanti ospiti dal mondo della cultura, della politica, dell’associazionismo, dell’arte, del commercio, dello spettacolo, di caratura locale e nazionale, musica, spazio a giovani emergenti, rubriche riguardanti il territorio e il mondo intero, quiz a premi, collegamenti con direttori e redattori delle redazioni giornalistiche locali per fare il punto sulla città e con Simona Auciello per essere informati sull’attualità e sul mondo dei social.

La sigla iniziale della decima edizione, scritta da Francesco Brescia, è stata realizzata dagli allievi dell’ Hdemia Musicale Zamar di Bisceglie diretta da Daniele Lamarca con la vocal coach Annamaria Carrieri.

Lo spot, scritto da Maristella Lupone, è interpretato dai due presentatori del programma e post prodotto da Leo Di Pinto.

Per ascoltare live la trasmissione occorre visitare il sito www.rcsbisceglie.it cliccando su “diretta” oppure sintonizzarsi sulle frequenze 93.100 Fm.

Dal sabato sarà possibile ascoltare l’intervista all’ospite sulla pagina Facebook “Cosa Succede” ( https://www.facebook.com/cosasuccedeofficial).

Clicca qui per ascoltare lo spot: https://soundcloud.com/user-832571565/spot-x-edizione-cosa-succede-in-citta

Ecco il link per ascoltare la sigla iniziale: https://www.youtube.com/watch?v=tXbc21EutfU

A Trani il congresso 'CardioBat 2019'

A Trani il congresso 'CardioBat 2019'

TRANI - Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte prematura in Europa e contribuiscono al continuo aumento dei costi dell’assistenza sanitaria. Oggi si possono definire le patologie croniche a più alto impatto sulla sopravvivenza, sulla qualità di vita e sull’assorbimento di risorse.

Richiedono una costruttiva integrazione nella gestione dei percorsi diagnostico-terapeutici tra l’ospedale e il comparto delle cure primarie.

Tutte tematiche che saranno affrontate durante il congresso “CardioBat2019”, che si terrà il 18 e 19 ottobre a Trani a Palazzo San Giorgio. Promosso e organizzato dall’Unità Operativa Dipartimentale di Emodinamica di Andria, diretta dal dottore Francesco Bartolomucci, con la collaborazione della segreteria organizzativa di C.lab Meeting (info 080.5061372),  sarà occasione per fare il punto sulle strategie di prevenzione primaria e secondaria nel controllo dei fattori di rischio.

La prontezza nella diagnosi e nel trattamento degli eventi acuti (quali l’infarto del miocardio e la fibrillazione atriale), e le corrette strategie nella gestione del malato cardiovascolare, riducono la mortalità e la disabilità.

Inoltre, sarà dato ampio spazio alla responsabilità professionale e alla gestione dell’esercizio della professione medica.

Invece, del consolidato ruolo dell’emodinamica di Andria nel trattamento dell’infarto miocardico acuto se ne discuterà nel panel dal titolo “La gestione del rischio dopo infarto miocardico”. Da diversi anni ormai il Laboratorio di emodinamica del PO di Andria si attesta stabilmente tra i primi tre centri di Puglia in merito al numero di pazienti trattati in emergenza per infarto miocardico acuto (227 pazienti trattati nel solo 2018 con un trend ancora in crescita nel 2019). Inoltre, da una analisi de Il Sole 24 ore relativa alla salute degli italiani, è emerso come la Asl Bat grazie ad  una efficiente rete per il trattamento dell’infarto miocardico acuto abbia un basso tasso di mortalità per tale patologia tanto da collocarla al quinto posto a livello nazionale in questo ambito.

L’argomento sarà approfondito anche dal professore Francesco Romeo, che presenterà una Lettura Magistrale dal titolo “Prevenire l’infarto si può? Un nuovo marcatore genetico consente di identificare i soggetti più a rischio”.

Da alcuni mesi è partita inoltre una attività di trattamento delle arteriopatie periferiche. Attraverso un approccio percutaneo (ossia non chirurgico), è possibile, infatti, diagnosticare e trattare gravi patologie a carico dell’asse carotideo e degli arti inferiori.  Oltre ad evitare la “migrazione” di pazienti fuori dalla Asl Bat,  tale attività è indispensabile al fine di evitare l’insorgenza di patologie pericolose o gravemente debilitanti. 

Un momento goliardico del congresso, ma di fondamentale interesse, sarà quello dei “Campionati italiani di eco-wars”, coordinati dal professore Miguel Garcia Fernandez dell’Università di Madrid, che condurrà il challenge su nuove tematiche ecocardiografiche e metterà a confronto cardiologi della Asl Bat contro cardiologi della Asl Bari.

Non mancano sfide per il futuro. Infatti, l’Unità Operativa di Andria strizza l’occhio al trattamento delle patologie cosiddette “strutturali” ossia quelle a carico di strutture complesse del cuore, che fino a pochi anni fa erano ad appannaggio esclusivo dei cardiochirurghi. Tramite un accesso percutaneo è infatti possibile trattare patologie a carico della valvola aortica di cui se ne discuterà nel confronto tra la cardiochirurga Lucia Torraca e l’emodinamista Alfredo Marchese nel panel dal titolo “Cardiochirurgia e dintorni”.

Tranincorsa: Giovanni Auciello e Cecilia Flori vincono l’11ᵃ edizione

Tranincorsa: Giovanni Auciello e Cecilia Flori vincono l’11ᵃ edizione

TRANI (BT) - 2.410 iscritti, 253 società sportive iscritte provenienti da oltre 50 province d’Italia. Grandi numeri per l’11a edizione della Tranincorsa “Tommaso Assi Half Marathon”. 21 chilometri e 97 metri in una cornice d’incanto, quella della città di Trani, in una splendida e assolata giornata d’ottobre. Partenza alle 9,00 da Piazza Trieste, prospicente il mare, preceduta dalla solennità dell’Inno di Mameli suonato dalla Banda dell’Esercito Italiano della Brigata meccanizzata Pinerolo, e arrivo in Piazza Quercia, passando per le vie cittadine, all’ombra della maestosa Cattedrale romanica e degli antichi Palazzi nobiliari. Vince in solitaria la Tranincorsa con un tempo di 01:07:46 il pugliese che corre per l’Esercito italiano Giovanni Auciello, già sul podio di altre edizioni della Tranincorsa. All’atleta trentanovenne di Palo del Colle, categoria seniores 35, che milita nelle scuderie della Casone Noceto di Parma, va il Trofeo Franco Assi e la maglia tricolore di Campione d’Italia di categoria.

Varca il traguardo secondo con il tempo di 01:08:41 il barlettano Domenico Ricatti, categoria seniores 40, della società pompeiana Terra dello Sport ASD. Al terzo posto l’atleta italiano di origini burundesi Joachim Nshimirimana dell’Atletica parmense Casone Noceto con 01:09.28 per la categoria seniores 45.

Prima delle donne in gara, circa 450 in tutto, la laziale Cecilia Flori che corre nelle fila dell’ASD Atletica Villa Guglielmi. Classe 1980, laureata in fisica e filosofia, la Flori ha cominciato a correre 5 anni fa. A lei la maglia tricolore per la classifica di categoria e la coppa di prima assoluta tra le donne per il tempo di 01:21.35. Seconda a più di un minuto di distacco la salentina Stefania Scatigna dell’Atletica Capo di Leuca, con 01:22:39, terza Loretta Bettin dell’Atletica bresciana Paratico con 01:23:46. Un testimonial d’eccezione, poi, regolarmente iscritto alla gara, il maratoneta Ottavio Andriani, responsabile regionale FIDAL per il mezzofondo.

Hanno magistralmente condotto e sottolineato le fasi di questo evento eccezionale, oltre che i nomi dei vincitori e il momento emozionante della premiazione, Paolo Liuzzi e Raffaella Dianora.

Un bel colpo d’occhio per tutti gli atleti e le società impegnate in gara, scandita dal passo fiero degli alabardieri e timpanisti dell’associazione culturale Trani Tradizioni, che orgogliosamente portavano il gonfalone della città.

“Una grande giornata di sport quella vissuta dalla Perla dell’Adriatico” - commenta Giovanni Assi, presidente dell’Atletica Tommaso Assi, alla quale era stata affidata l’organizzazione della gara valida come Campionato Italiano Master di Mezza Maratona Individuale e di Società. “Il mio ringraziamento va alla macchina organizzativa, che paragono ad un’orchestra in cui ciascun musicista ha suonato il suo spartito senza stonature, consegnando alla città di Trani e all’Atletica un grande successo. Ringrazio inoltre - conclude Assi - per questa straordinaria due giorni dedicata allo sport, importante dal punto di vista agonistico ma anche foriera di valori aggregativi, ludici e solidali, il nostro braccio operativo Antonio Rutigliano, vicepresidente della Tommaso Assi e delegato provinciale CONI, per aver coordinato in maniera egregia la manifestazione nazionale”.

Un attento sguardo al sociale ha caratterizzato inoltre questo straordinario appuntamento sportivo. Il comitato regionale Fidal (Federazione Italiana Atletica Leggera) Puglia, infatti, patrocinerà il progetto “Beyond the blue”, proposto dalla dott.ssa Raffaella Dianora, responsabile dei progetti sociali Fidal Puglia. La A.S.D. Atletica Tommaso Assi ha scelto inoltre di devolvere una parte del ricavato delle iscrizioni del Campionato Italiano a “Time Aut”, l’associazione di volontariato composta da genitori di bambini e ragazzi autistici di Trani e Bisceglie per l’iniziativa di “acqua psicomotricità”, in linea con la determinazione della città di Trani a diventare Città Blu “Autism friendly”.

La gara nazionale, con i patrocini della Regione Puglia, Comune di Trani, ESERCITO, CONI, FIDAL, UMBRO come main sponsor tecnico che ha fornito circa 5.000 maglie, si è svolta alla presenza del Sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, del Presidente della Fidal Puglia, Giacomo Leone, del Presidente Regionale del CONI, Angelo Giliberto, e del rappresentante di UMBRO Italia con l’AD Pino Magno. A loro vanno i ringraziamenti dell’organizzazione assieme a quelli per tutte le forze dell’ordine impegnate, al Comando di Polizia Municipale per il lavoro egregio profuso, all’Amiu, ai medici che hanno seguito gli atleti, agli studenti del settore alberghiero dell’Istituto superiore Aldo Moro di Trani, che hanno curato e servito il ristoro per tutti gli atleti a fine gara, e a tutte le associazioni che hanno collaborato con la “TraniinCorsa Half Marathon”: A.N.P.S (Associazione nazionale polizia di stato), U.N.P.PE (Unione nazionale Polizia Penitenziaria), G.E.P.A (guardie ecozoofile protezione ambientale), OER (Operatori emergenza radio), Trani Soccorso, Misericordia Trani, Avis Trani, Agesci Trani 2 (Scout), Auser Trani, Associazione Nazionale Falchi Pattuglie Sociali, l’ Associazione culturale Trani Tradizioni.

Barletta, volontari ripuliscono spiaggia Litoranea di Ponente

Barletta, volontari ripuliscono spiaggia Litoranea di Ponente

BARLETTA - I volontari dell’associazione “La Via della Felicità” di Barletta, da anni attivi in campo sociale per migliorare le condizioni ambientali, per quanto riguarda il degrado nel weekend si sono dedicati alla pulizia della spiaggia di Ponente di Barletta. I volontari si erano occupati di questa zona le scorse settimane per rendere l’area più confortevole e sicura ma comunque sono stati ritrovati rifiuti abbandonati. Infatti oltre a rendere più piacevole e pulita la zona frequentata dai passanti ed abitanti della zona, l’iniziativa ha lo scopo di sensibilizzare le persone ed essere più partecipi nel mantenere la città pulita, utilizzando gli appositi contenitori per rifiuti e cercando di insegnare il vivere in società. 

Il filosofo L. Ron Hubbard scrisse diverse cose riguardanti l’uomo tra cui dare il buon esempio, precetto dell’omonimo opuscolo dell’associazione La Via della Felicità: “…noi influenziamo molte persone. Questa influenza può essere buona o cattiva. Se vivi seguendo delle buone regole, darai un buon esempio. Non sottovalutare gli effetti che puoi avere sugli altri semplicemente parlando di queste cose e dando tu stesso un buon esempio”.

Il valore che queste aree ricoprono per il gradevole aspetto, e l’ambiente che creano, sono tutti ingredienti molto apprezzati dalle migliaia di persone, che vivono la città e la spiaggia. Gli interventi di pulizia dei volontari si ripeteranno, a zone alterne, fino alla fine della stagione autunnale; tra l’altro sono attività molto apprezzate dalla comunità a tal punto che le persone si fermano per congratularsi per queste azioni di grande valore. Per unirsi ai volontari e dare una mano scrivi a laviadellafelicitapuglia@gmail.com .

Serie A di calcio a 5 femminile: la Salinis Margherita di Savoia batte 3-1 il Grisignano

Serie A di calcio a 5 femminile: la Salinis Margherita di Savoia batte 3-1 il Grisignano

di FRANCESCO LOIACONO - Nella seconda giornata di serie A di calcio a cinque femminile la Salinis Margherita di Savoia ha vinto 3-1 in casa col Real Grisignano. Nel primo tempo è passato in vantaggio il Grisignano con la Bisognin di destro. Le pugliesi hanno pareggiato con Jessika Manieri, tiro in diagonale. La Salinis ha centrato due pali con la Taty. Nel secondo tempo le pugliesi sono andate di nuovo in gol con Jessika Manieri di sinistro. Hanno colpito il terzo palo con la Rozo. Hanno realizzato la terza rete con Pamela Presto, tiro da pochi metri.

Secondo successo consecutivo per la Salinis dopo quello per 4-2 fuori casa con la Lazio. E’ prima in classifica con 6 punti. Per quanto riguarda le altre squadre pugliesi il Bisceglie ha perso 7-1 in casa col Montesilvano, lo Statte ha vinto 5-2 in trasferta col Tombolo e il Noci ha pareggiato 2-2 fuori casa col Kick Off San Donato Milanese. Nel prossimo turno la Salinis Margherita di Savoia giocherà ancora in casa con le Pelletterie Scandicci, lo Statte sfiderà in Puglia il Ragusa, il Bisceglie affronterà in trasferta il Cagliari e il Noci dovrà vedersela in casa col Falconara.

“Una giornata per lo sport”: due convegni in programma a Trani per la half marathon

“Una giornata per lo sport”: due convegni in programma a Trani per la half marathon

BARI - Quanto ne sappiamo sulla medicina rigenerativa? E sulla sua applicazione allo sport? Sarà questo il tema che animerà “Una giornata per lo sport” il 12 ottobre all’interno di Palazzo San Giorgio a Trani. In programma due importanti convegni, “Laboratorio, sport e inclusione” e “Salute e sport”, che punteranno i riflettori sui rapporti tra Sport e Società e sui più recenti approcci chirurgici, sulle nuove terapie biologiche per il trattamento e la cura di lesioni articolari, dovute a usura o traumi, che caratterizzano soprattutto gli sportivi. Progressi scientifici stanno animando una nuova branca di studio, quella della “medicina rigenerativa” che utilizza le terapie biologiche per ricostruire, riparare o promuovere la rigenerazione di tessuti malati o danneggiati.

Il primo convegno, a partire dalle ore 09.00, sarà a cura della Asd Atletica Tommaso Assi e della dott.ssa Raffaella Dianora, responsabile regionale dei Progetti Sociali Fidal Puglia. Alle ore 11.30 ci sarà la cerimonia di presentazione dei Campionati italiani Master di Mezza Maratona, in programma a Trani domenica 13 ottobre. Questa prima parte della giornata vedrà anche la partecipazione di un ospite speciale: il campione mondiale di ciclismo paraolimpico, Luca Mazzone.

A seguire, nel pomeriggio, a partire dalle 15,30, per la sezione Salute e sport”, il focus si sposterà sulla medicina rigenerativa applicata allo sport con particolare attenzione rivolta alla Risonanza magnetica terapeutica per rigenerare e riequilibrare. Il convegno sarà a cura del Dott. Vincenzo Di Donna, direttore del centro di medicina e chirurgia Dama Salus a Trani e socio fondatore e responsabile della Regione Puglia della Società italiana di Medicina e Chirurgia rigenerativa e del Dott. Marco Massarenti, presidente di Unimpresa, Federazione nazionale sport e tempo libero.

Quello del Dott. Di Donna è un nome di grande rilievo ma non sarà l’unico del convegno. A lui si affiancheranno la Prof.ssa Carla Ferreri e il Prof. Gregorio Martinez Sanchez. Carla Ferreri ricopre il ruolo di primo ricercatore presso l’Istituto della Sintesi Organica e la Fotoreattività (Isof-Cnr) di Bologna e ha ottenuto nel 2010 il premio come migliore innovatrice italiana. Alle 15.45 parlerà di “Diagnostica molecolare lipidomica e nutraceutica personalizzata per lo sportivo”. Subito dopo, Gregorio Martinez Sanchez, presidente dell’International Scientific Committee of ozono Therapy di Cuba, parlerà di stress ossidativo nello sportivo: protocolli terapeutici con ozonoterapia e CGF”. Insieme a loro tantissimi altri esperti.

Il fine dell’iniziativa è quello di sensibilizzare le persone alla cultura sportiva nei suoi aspetti scientifici e nelle sue implicazioni sociali, come sottolineato dal consigliere nazionale di Unimpresa Giovanni Assi, nonché Presidente dell’Atletica Tommaso Assi. «Una due giorni di full immersion nello sport – ha dichiarato - in cui allo sport agonistico si aggiungeranno i workshop dedicati allo sport inteso come strumento di aggregazione e di inclusione. Quest'anno ho voluto fortemente la partecipazione di Unimpresa, insieme al centro medico Dama Salus e a Umbro Italia».

Il convegno, a cura dell’Atletica Tommaso Assi, è organizzato proprio in collaborazione con Unimpresa e il centro medico chirurgico Dama Salus, con il patrocinio della Regione Puglia, del Comune di Trani, del Coni e della Federazione Italiana di Atletica leggera. Coordinatori scientifici: Dott. Vincenzo Di Donna e Dott. Marco Massarenti. L’appuntamento è per sabato 12 ottobre a Palazzo San Giorgio Trani dalle ore 9.00.

Per ulteriori informazioni: http://www.atleticatommasoassi.it

Serie D: Foggia e Andria da tre punti, ko Taranto e Brindisi

Serie D: Foggia e Andria da tre punti, ko Taranto e Brindisi

di FRANCESCO LOIACONO - Nel primo dei cinque derby pugliesi della sesta giornata di andata del girone H di serie D il Foggia ha vinto 1-0 in casa col Taranto. A decidere la gara un gol realizzato nel secondo tempo da Tortori di destro su passaggio di Cannas. Il Foggia è primo in classifica da solo con 13 punti, il Taranto quarto a quota 9.

Nel secondo derby pugliese l’Andria ha vinto 3-2 a Gravina col Brindisi. Nel primo tempo in vantaggio il Brindisi con Maglie di sinistro. L’Andria ha pareggiato con Palazzo su rigore dato per un fallo del portiere Lacirignola sullo stesso Palazzo. Nel secondo tempo l’Andria è andata di nuovo in gol con Palazzo, tiro al volo. L’Andria ha realizzato la terza rete con Banegas su rigore concesso per un fallo di Boccadamo sullo stesso Banegas. Il Brindisi ha segnato con Ancora di destro. L’Andria è quarta con 9 punti, il Brindisi secondo a 12. Nel terzo derby pugliese il Bitonto ha superato allo stadio “Degli Ulivi” 1-0 il Gravina. Determinante la rete segnata nel secondo tempo da Patierno di testa su cross di Turitto. Il Bitonto è secondo con 12 punti, il Gravina terzo a quota 10.

Nel quarto derby pugliese il Fasano ha vinto 3-1 ad Altamura. Nel secondo tempo in gol il Fasano con Corvino di destro. Ha raddoppiato El Kabbou di sinistro. I murgiani hanno segnato con Guadalupi su rigore dato per un fallo di Diop su Dorato. Il Fasano ha realizzato la terza rete con Diaz, tiro rasoterra. Il Fasano è secondo con 12 punti, l’Altamura terzultima a 7. Nel quinto derby pugliese il Nardò ha vinto 1-0 in casa col Cerignola. Decisiva la rete segnata nella ripresa da Aquaro con un tiro dalla lunga distanza. Il Nardò è penultimo a 3 punti, il Cerignola terzultimo a quota 7. Il Casarano ha vinto 2-0 in trasferta col Grumentum. I salentini sono quarti con 9 punti.

AslBtDay, Emiliano visita le strutture della Bat: 'Sanità in miglioramento'

AslBtDay, Emiliano visita le strutture della Bat: 'Sanità in miglioramento'

BARLETTA - Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, accompagnato dalla Direzione Generale, ha visitato questa mattina alcune strutture della Asl Bt, in particolare quelle di Bisceglie, Barletta e Canosa, al centro di importanti processi di rinnovamento. Una riorganizzazione dei servizi che sta ambiando il volto alla sanità pugliese, incrociando sempre di più le esigenze della popolazione.

“Stiamo riorganizzando i servizi sanitari – ha detto il Presidente Emiliano nel corso delle visite di questa mattina – non ci sono ospedali chiusi ma solo trasformati. Stiamo facendo un lavoro molto importante e delicato, con l’aiuto dei moltissimi operatori sanitari e dei tanti sindaci, che ringrazio di cuore, e che si sono messi accanto a noi, al nostro fianco. Non è semplice e neanche scontato, perché quando arriva la protesta è molto facile dare la responsabilità al Presidente della Regione. Bene, i sindaci della Puglia non si comportano così. Affrontano le situazioni, controllano che noi manteniamo gli impegni, però sono consapevoli che la razionalizzazione della sanità pugliese non si può fare mantenendo ospedali vecchi, inutili e pericolosi così come erano 30 anni fa. Non ce lo possiamo permettere e non è consentito dalla legge. Il piano di riordino, voglio ricordarlo ancora una volta, non è stato un mio capriccio, ma un obbligo previsto dal Decreto Ministeriale 70”.

“Quando apriamo un reparto o inauguriamo una nuova struttura - ha detto Emiliano - abbiamo fatto la metà del nostro dovere. È chiaro infatti  che servono anche le assunzioni. Speriamo di riuscire a poterle completare in fretta perché nei reparti hanno ne hanno bisogno. Abbiamo recuperato più di dieci posti in Italia nei Livelli essenziali di assistenza pur avendo 15mila addetti in meno rispetto all’Emilia Romagna a parità di abitanti. Siamo una regione che in pochi anni è migliorata tantissimo”.

Entrando nello specifico dei servizi mantenuti e potenziati, Emiliano ha sottolineato “l’attivazione a Canosa - dove a breve sarà tutto pronto per accogliere le lungodegenze - di nuove sale operatorie per la piccola chirurgia che non richiede ricovero e che abbatterà le liste di attesa”, il potenziamento dell’ospedale di Bisceglie con l’inaugurazione della geriatria, “una cosa che avevamo promesso di fare in passato e che oggi abbiamo realizzato”, l’apertura di Gastroenterologia che si è spostata da Trani a Barletta e l’avvio dei lavori per il nuovo Pronto soccorso del Dimiccoli, secondo le linee guida regionali di Hospitality e infine la salvaguardia del punto nascita di Bisceglie.

“Per noi è stato di fondamentale importanza salvaguardare il punto nascita di Bisceglie – ha concluso il Presidente – del resto non era mai stato nelle nostre intenzioni chiuderlo. Anzi mi auguro che proprio questa riflessione sul Punto nascita di Bisceglie possa far cambiare idea al Ministero della Salute, in generale sulla rete dei Punti Nascita. Non è detto infatti che il numero dei parti debba essere così decisivo. Ci sono anche altre considerazioni e ragionamenti che vanno fatti. E in questo caso, pur non avendo pienamente il target previsto dalle leggi, noi pensiamo che questo Punto nascita debba rimanere in funzione soprattutto per una ragione. Qui c’è la rianimazione e, in tutta sincerità, chiudere un Punto nascita in presenza di rianimazione è una follia. Il Punto nascita di Bisceglie c’è e nessuno lo tocca”.

“Siamo in continuo fermento – ha aggiunto Alessandro Delle Donne, Direttore Generale della Asl Bt – cantieri, percorsi diagnostici-terapeutici, riorganizzazione e riqualificazione dei servizi sono presenti in tutte le strutture del territorio. Stiamo dando seguito alle disposizioni ministeriali e regionali, puntando sulla piena operatività dei Presidi Territoriali di Assistenza. A Trani il Pta è una realtà qualificata e diversificata che garantisce diagnosi, specialistica ambulatoriale e un servizio di day service apprezzato da clinici e pazienti. A Canosa l’attivazione del day service è il segnale dell’avvio di un cambiamento importante che a breve potrà contare su attività di riabilitazione fisica e cardiologica ma anche sul Centro Risvegli, tra i pochi di Puglia. Ad Andria, dove pure registriamo notizie incoraggianti sul nuovo ospedale, sono in corso i lavori al sesto pianto per la Medicina e la Urologia mentre il parco macchine a breve si arricchirà di un nuovo angiografo, una nuova Tac e un mammografo di nuova generazione”.

“L’elenco dei lavori però – ha concluso Delle Donne – non riesce a dare il senso del cambiamento se non associato al racconto del lavoro incessante e incalzante che stanno sostenendo su tutto il territorio gli amministrativi e i sanitari, spesso chiamati a lavorare in condizioni di carenze di organico. A luglio abbiamo deliberato il Piano dei fabbisogni del personale che ha dato il via libera a una serie di procedure di reclutamento già in corso per diverse branche di specializzazione”.

Bisceglie

All’ospedale di Bisceglie il Presidente Emiliano ha inaugurato il reparto di Geriatria con 10 posti letto. La struttura, che si è spostata da Canosa di Puglia a Bisceglie, così come previsto dal piano di riordino ospedaliero, completa le attività svolte dalla Medicina. A dirigere il reparto è il dottor Sergio Carbonara.

Molto importanti per il futuro prossimo dell’ospedale sono le decisioni assunte dalla Giunta regionale e relative alla rimodulazione del posti letto. Solo pochi giorni fa infatti è stata approvata una riorganizzazione che prevede di mantenere attivo il punto nascita con la Pediatria, di spostare l’Spdc da Bisceglie a Barletta dove ci sono 4 posti letto in più e di attivare 12 posti letto di pneumologia e 12 posti letto di endocrinologia.

Barletta

All’ospedale Dimiccoli di Barletta il Presidente ha visitato il reparto di Gastroenterologia diretto dal dottor William Francesco Guglielmi che da Trani si è spostato al Dimiccoli, garantendo il completamento delle procedure di piena realizzazione del Presidio Territoriale di Assistenza di Trani e migliorando l’offerta clinica di diagnosi e cura dell’ospedale di Barletta. La struttura è dotata di 14 posti letto a cui sia aggiungono altri due posti letto dedicati al day hospital.

A Barletta il Presidente ha visitato anche il Pronto Soccorso dove negli ultimi mesi sono state portate a compimento importanti novità organizzative e dove a breve saranno avviati altri lavori di riqualificazione dei percorsi di cura. Intanto è stato attivato il NAA, Nucleo Assistenziale Avanzato con 8 posti letto per la corretta gestione dei codici gialli. Un’area e una specifica organizzazione dedicata allo “sbarellamento” oggi consente di prendere in carico immediatamente i pazienti in codici gialli e verdi e di garantire l’immediato riutilizzo delle ambulanze 118 sul territorio.

Un eliminacode numerico garantisce oggi il rispetto della privacy e il corretto flusso dei pazienti che vengono chiamati con un numero e in base al colore di gravità. I lavori in corso che saranno avviati all’inizio di novembre, consentiranno inoltre di avere un Obi per l’osservazione breve intensiva anche fino a 48 ore - a vantaggio dei pazienti e della organizzazione ospedaliera - e di attivare una Tac dedicata per una diagnosi rapida. La riorganizzazione dei servizi, avviata solo a luglio, ha già fatto registrare significativi risultati in termini di tempi di attesa: per i codici verde i tempi di attesa misurati nello stesso periodo estivo del 2018 e del 2019 sono scesi da 85 minuti a 51 minuti, nonostante un aumento dei pazienti (più 188) mentre per i codici gialli il tempo di attesa è passato da 32 a 30 minuti ma i pazienti in più nel 2019 sono stati 451. In entrambi i casi, comunque, sono ampiamente rispettati i criteri qualità di riferimento stabiliti  a livello nazionale.

A Barletta è stata mostrata l’applicazione delle linee guida regionali Hospitality per l’accoglienza e la comunicazione integrata: sono state già riqualificate le aree esterne e  buona parte delle aree di accoglienza interne dell’ingresso principale, il piano terra, la Gastroenterologia e il Pronto Soccorso.  Sempre al piano terra è stato anche realizzato uno spazio dedicato all’arte e alla bellezza per la condivisione di quadri, libri e riviste.

Canosa

Nel Presidio Post Acuzie di Canosa a luglio 2019 sono state attivate due sale operatorie per il day service chirurgico gestito dal dottor Enrico Restini, Direttore della unità operativa di Chirurgia dell’ospedale Bonomo di Andria: 195 interventi eseguiti fino ad oggi nonostante sia stato seguito il protocollo di star-up rappresentano un risultato molto incoraggiante.

Il day service chirurgico di Canosa è dotato di 6 posti letto, le sale sono state completamente riqualificate e consentono oggi di  gestire interventi chirurgici di diverse branche compresa quella oculistica. L’attivazione del servizio è emblema di un processo di riqualificazione del presidio, a seguito di adeguamento al piano di riordino ospedaliero, che potrà contare anche su un Centro Risvegli su cui l’iter amministrativo è in corso. La continuità della emergenza urgenza è garantita dalla postazione fissa medicalizzata,  istituita come da piano di riordino mentre a breve sarà attivata a lungodegenza (è in corso il processo di autorizzazione).

Il nuovo centro vaccinale ha ridato dignità a un servizio essenziale e fondamentale soprattutto per i più piccoli.

Barletta, l’associazione Asd Mistral in piazza per promuovere il Softair

Barletta, l’associazione Asd Mistral in piazza per promuovere il Softair

BARLETTA - I soci dell’associazione sportiva A.s.d. Mistral saranno presenti domenica 6 ottobre alle spalle della cattedrale con uno stand per promuovere lo sport del Softair. L'A.s.d. Mistral nasce nel 1994 grazie alla passione comune di amici per questo sport diffuso nel nord - Italia ma che in Puglia non aveva avuto molto riscontro, il club barlettano quindi è da considerarsi tra i pionieri del soft air in Puglia.

Ma in cosa consiste questo sport che ha visto nell’arco di questi anni una sempre più maggiore diffusione? A spiegarcelo è il presidente della stessa associazione A.s.d. Mistral, Alessandro Piccolo: «Il softair: è uno sport di squadra tattico - simulativo riservato ad un pubblico maggiorenne dove non è presente il contatto fisico, quindi ha fare da padrone è il gioco di squadra abbinato all'utilizzo di manovre singole e collettive derivanti da azioni militari».

Uno sport dove addestramento e formazione sono basilari per svolgere al meglio questa attività, così come lo stesso Alessandro Piccolo tiene a precisare: «Per far sì che questo avvenga organizziamo corsi di addestramento nei quali i soci imparano o perfezionano quelle che sono le tecniche e tattiche di maggior utilizzo. Oltre l'aspetto simulativo vero e proprio bisogna comprendere come e dove muoversi in caso di pattuglie a lungo raggio ed è quindi indispensabile saper navigare sia con la tradizionale carta topografica affiancata da bussola e quindi attraverso l'ausilio di supporti elettronici quali sono i GPS».

Uno sport che ha anche una valenza sociale in difesa soprattutto dell’ambiente: «L'associazione, svolgendo buona parte delle proprie attività in boschi e/o masserie in disuso, fiancheggia le forze dell'ordine e la pubblica amministrazione segnalando incendi, attività di bracconaggio o attività illecite garantendo in particolare che l'area utilizzata sia sempre pulita da rifiuti. Da parte nostra oltre ad organizzare giornate ecologiche, utilizziamo munizioni biodegradabili. L'associazione è sempre ben propensa a nuove persone che vogliono affacciarsi a questo sport infatti viene fornita tutta l'attrezzatura necessaria per poter provare con noi il Softair».

Appuntamento domenica 6 ottobre presso lo stand dell’associazione A.s.d. Mistral per chiunque volesse conoscere a fondo questo meravigliosa attività sportiva.

Calcio a 5 donne: la Kick Off vince la Supercoppa, ko la Salinis Margherita di Savoia

Calcio a 5 donne: la Kick Off vince la Supercoppa, ko la Salinis Margherita di Savoia

di FRANCESCO LOIACONO - La Kick Off di San Giuliano Milanese ha vinto la Supercoppa di calcio a cinque femminile battendo 5-3 a Molfetta la Salinis Margherita di Savoia. Nel primo tempo in gol le pugliesi con la Manieri di sinistro. Nel secondo tempo le lombarde hanno pareggiato con la Vanin di destro. La Kick Off ha ribaltato la partita con la Brenda, tiro rasoterra. Le lombarde sono andate a segno per la terza volta con la Pomposelli, tiro al volo.

La Salinis ha riaperto l’incontro con la Giuliano, tiro in diagonale. La Kick Off ha realizzato la quarta rete con la Bettioli, tiro da pochi metri. Le pugliesi hanno accorciato le distanze con la Jessika in scivolata. Le lombarde sono andate in gol per la quinta volta con la Pomposelli di destro. Sconfitta immeritata per la Salinis Margherita di Savoia. La Kick Off di San Giuliano Milanese si è aggiudicata per la prima volta nella sua storia la Supercoppa.

'TRANinCORSA Half Marathon 2019', via al countdown per la gara nazionale valida per per il campionato italiano di Mezza maratona

'TRANinCORSA Half Marathon 2019', via al countdown per la gara nazionale valida per per il campionato italiano di Mezza maratona

TRANI - Sarà l’incantevole Trani a ospitare il prossimo 13 ottobre l’11a edizione della Tranincorsa “Tommaso Assi Half Marathon”. Mancano circa dieci giorni al grande evento sportivo nazionale.

Un percorso avvincente di 21,097 Km per la competizione, quest’anno valida per il Campionato Italiano Master Individuale e di Società di Mezza Maratona, che attraverserà l’intero territorio cittadino tranese da nord a sud guardando alla maestosa Cattedrale romanica sul mare in uno scenario mozzafiato, sfiorando tutte le bellezze storico-artistiche dell’imponente patrimonio della città di Trani. Attrattiva questa che creerà un indotto turistico di assoluto rilievo. Il percorso si dipanerà dalla partenza da Piazza Trieste alle ore 9,00 sino all’arrivo in Piazza Quercia, dove avverrà anche la premiazione.

All’Atletica Tommaso Assi, con i patrocini della Regione Puglia, Comune di Trani, ESERCITO, CONI, FIDAL, UMBRO come main sponsor tecnico, Unimpresa e Dama Salus, l’onere e l’onore di organizzare la gara. L’associazione sportiva tranese ha al suo attivo ben 25 edizioni del “Memorial Tommaso Assi”, gara internazionale di corsa su strada di 10 chilometri, e 10 edizioni della “Tranincorsa”. È prevista per l’occasione la presenza di alcuni grandi atleti come Giacomo Leone (vincitore della Maratona di New York ed attualmente Presidente della Fidal Puglia), Ottavio Andriani (più volte azzurro di maratona ed oggi responsabile tecnico delle Rappresentative Pugliesi di Atletica Leggera), Silvia Salis (ex martellista azzurra, vincitrice di dieci titoli italiani tra invernali ed assoluti che dal 2016 è stata eletta nel Consiglio Federale della FIDAL) ed Angelo Carosi (ex siepista, mezzofondista e maratoneta italiano, medaglia d'argento ai campionati europei di Helsinki 1994 nei 3000 metri siepi). Atteso anche il Presidente nazionale della Federazione Italiana di Atletica Leggera Alfio Giomi.

In passato proprio il “Memorial Tommaso Assi” ha visto correre per le strade della città di Trani i più grandi e celebrati campioni dell’atletica leggera (dagli olimpionici Stefano Baldini, Gelindo Bordin e G. Boutayeb, ai mondiali Masai, Sigei e Kororia, agli europei Salvatore Antibo, Stefano Mei, Giacomo Leone, Angelo Carosi, Salvatore Bettiol e Cosimo Caliandro, ai tanti campioni italiani come Lopresti, Barzaghi, Arlati, Andriani, Battocletti, Pertile, Curzi, etc).

Una due giorni dedicata allo sport agonistico, ma anche agli appassionati runner, alle famiglie, ai bambini e agli stili di vita corretti, senza dimenticare l’impegno sociale, a dimostrazione di quanto lo sport possa essere un ottimo veicolo di trasmissione di valori solidali.

 La gara nazionale sarà preceduta sabato 12 ottobre alle ore 17 dalla “Junior Trani race”, una corsa dedicata ai più piccoli delle classi di III-IV e V delle scuole elementari di Trani. Lo stesso giorno alle ore 21,00 andrà in scena la Trani Night Run, aperta a tutti, non solo ai tesserati FIDAL, che ha sempre riscosso un grande successo.

Un attento sguardo al sociale caratterizzerà anche questo straordinario appuntamento sportivo. Il comitato regionale Fidal (Federazione Italiana Atletica Leggera) Puglia, infatti, patrocinerà il progetto “Beyond the blue”, proposto dalla dott.ssa Raffaella Dianora, responsabile dei progetti sociali Fidal Puglia. La A.S.D. Atletica Tommaso Assi ha scelto inoltre di devolvere una parte del ricavato delle iscrizioni del Campionato Italiano a “Time Aut”, l’associazione di volontariato composta da genitori di bambini e ragazzi autistici di Trani e Bisceglie, in linea con la determinazione della città di Trani a diventare Città Blu “Autism friendly”.

La domenica è dedicata alla gara agonistica. Alle ore 9,00 partirà la Tranincorsa Half Marathon, alla quale parteciperanno diversi maratoneti che hanno avuto anche un prestigioso passato tra gli assoluti ed atleti stranieri tesserati per società italiane. Una gara nazionale dedicata ad un grande dello sport, con una carriera incredibile, protagonista da atleta prima e preparatore atletico di molti sport poi, Tommaso Assi.

Determinante l’impegno della famiglia Assi, “una famiglia in corsa da sempre”, che dichiara come sia onorata di ospitare nella città di Trani questa importante gara nazionale che, al di là dell’aspetto meramente agonistico, sarà un momento di socialità, aggregativo e ludico, ma soprattutto vettore di valori importanti come quelli solidali. “Educare i bambini ai valori positivi dello sport - sottolinea Giovanni Assi -significa insegnare loro regole che saranno valide per tutta la vita. Fare sport e seguire un corretto stile di vita sono strumenti fondamentali per diventare Uomini e Donne del domani. In quest’alveo si inserisce la nostra volontà di sostenere la causa di “Time Aut” in favore di bambini e ragazzi autistici, testimoniando ancor più la nostra vicinanza al tema dell’inclusione sociale attraverso lo sport già avvenuta in occasione del Triathlon Trani Tommaso Assi 2019 dello scorso giugno. Non bisogna però trascurare di considerare lo sport come una grande opportunità e volano dell’economia turistica che, siamo sicuri - chiosa Giovanni Assi -, la “Tranincorsa Tommaso Assi Half Marathon” implementerà nella nostra città e in quelle limitrofe”.

Uno speciale ringraziamento dell’organizzazione va a tutte le associazioni che collaborano con la “TraniinCorsa Half Marathon”:  A.N.P.S (Associazione nazionale polizia di stato), U.N.P.PE (Unione nazionale Polizia Penitenziaria, G.E.P.A (guardie ecozoofile protezione ambientale), OER (Operatori emergenza radio), Trani Soccorso, Misericordie Trani, Avis Trani, Agesci Trani 2 (Scout), Auser Trani, Associazione Nazionale Falchi Pattuglie Sociali.

Il ricco programma della due giorni contempla sabato 12 ottobre presso la sala Convegni di Palazzo San Giorgio a Trani (BT) anche il convegno “Una Giornata per lo Sport”, all’interno del quale alle ore 11.30 ci sarà la presentazione dei Campionati Italiani Master di Mezza Maratona 2019 a cura della FIDAL Puglia e di tutti gli eventi e delle gare in programma.

Le iscrizioni alla TRANINCORSA “Tommasso Assi Half Marathon” 2019 si chiudono martedì 8 ottobre. Le iscrizioni si possono effettuare sul sito http://tessonline.fidal.it/login.php

Per ulteriori informazioni: http://www.atleticatommasoassi.it

Il reparto di radioterapia dell’Ospedale “Dimiccoli” di Barletta nella testimonianza di un paziente

Il reparto di radioterapia dell’Ospedale “Dimiccoli” di Barletta nella testimonianza di un paziente

di VITTORIO POLITO - Solitamente ci lamentiamo di quello che non funziona nel delicato campo della sanità, ma è anche giusto segnalare quei servizi che soddisfano gli utenti, come nel caso dell’Unità Operativa Complessa di Radioterapia dell’Ospedale “Mons. A. Raffaele Dimiccoli” di Barletta.

La radioterapia, branca della radiologia medica che si occupa della cura di determinate malattie, specialmente neoplastiche - leggi tumori – e che utilizza, fra diverse strumentazioni, l’acceleratore lineare (apparecchiatura che consente di effettuare la prestazione, in soli tre minuti, con la straordinaria particolarità di dosare le radiazioni, senza invadere gli spazi circostanti.

Una testimonianza dell’efficienza di tale servizio, viene dal signor Francesco Cafaro di Bari, che per la seconda volta ha utilizzato il detto servizio, e che non ha parole per elogiare la validità delle prestazioni offerti all’utenza da parte di tutti i collaboratori del reparto, nessuno escluso, che espletano la loro attività con scrupolosità e rispetto a favore di numerosi pazienti che afferiscono da varie località della Puglia.

Oggi purtroppo i mass media stanno registrando in continuazione notizie shock di malasanità, inefficienze e scandali ed un servizio di grande soddisfazione per gli assistiti va segnalato.

Va dato atto alla dott.ssa Santa Bambace, che dirige la divisione, coadiuvata con competenza e umanità da tutti i collaboratori, per l’efficienza e per l’ottima organizzazione del delicato servizio della radioterapia. Infatti non ci sono attese, l’ambiente è gradevole e la pulizia regna dappertutto (servizi igienici compresi), che ne fanno della divisione un fiore all’occhiello dell’Ospedale.

Andria, Lega Puglia: “Ospedale avanti tutta: Noi sempre coerenti, altri no!”

Andria, Lega Puglia: “Ospedale avanti tutta: Noi sempre coerenti, altri no!”

ANDRIA - La Segreteria cittadina della Lega Salvini Puglia, esprime soddisfazione per l’avvio dell’iter procedimentale amministrativo e progettuale da parte della nostra ASL guidata dal Direttore Generale avv. Alessandro Delle Donne, per la costruzione del nuovo nosocomio di Andria al servizio non solo della comunità andriese ma anche di quelle dei comuni limitrofi. Un progetto voluto e ora finalmente avviato, grazie alla determinazione della scorsa Amministrazione Giorgino con il gruppo consiliare “Noi con Salvini” che lo hanno sostenuto approvando la delibera che individuava l’area in contrada Macchie di Rosa, quale sito idoneo e pienamente rispondente alle caratteristiche definite dalla Regione Puglia. Un sito di circa 19 ettari, sul quale sarà realizzato il nuovo e capiente complesso ospedaliero, denominato Nuovo Ospedale di Andria, ubicato lungo la direttrice Andria-Canosa, al servizio dei Comuni dei distretti socio-sanitari di Andria, Canosa e, in parte, di Trani e Corato, ubicato fuori dal centro abitato e lontano da siti industriali o aree a rischio inquinamento, in grado di garantire la flessibilità per l’orientamento in un’ottica di efficienza energetica e situato in modo adeguato rispetto ai bacini a cui si rivolge l’offerta sanitaria, in particolare con riferimento all’accessibilità e ai tempi di percorrenza per il raggiungimento da parte dei mezzi di soccorso. Tutto questo nonostante la paradossale contrarietà del gruppo M5S che, in quella circostanza, il giorno 16 maggio 2017 in Consiglio Comunale, anziché garantire il proprio sostegno alla proposta, al fine di rafforzarne la valenza propositiva, preferì abbandonare l’Aula Consiliare al momento del voto in segno di protesta, con la scusa che non condividevano la scelta dell’area fatta senza evidenza pubblica nonostante l’evidente parcellizzazione dell’area coinvolta, rifuggendo, come spesso accaduto per altri provvedimenti, dall’assunzione delle proprie responsabilità di fronte agli interessi della comunità andriese che, a parole, dicono di amare. L’auspicio, ora, è che l’iter avviato proceda con una rapida definizione della progettazione e conseguente espropriazione dell’area interessata, così da riconoscere finalmente anche alla nostra città quel ruolo importante nell’offerta sanitaria con un nuovo ospedale con la giusta capienza e servizi sempre più specializzati e professionali. Così in una nota il Segretario cittadino, dott. Benedetto Miscioscia.

Castello Svevo di Bari: parte la Settimana della Cultura italo-polacca

Castello Svevo di Bari: parte la Settimana della Cultura italo-polacca

BARI - Lunedì 30 settembre alle ore 11.00, presso la sala Multimediale del Castello Svevo di Bari sarà presentato alla stampa il programma della terza edizione della "Settimana della cultura italo polacca" che si terrà a Bari dal 14 al 21 ottobre 2019.

L’evento è organizzato dall’Associazione Pugliese Italo Polacca, dal Segretariato regionale del MIBACT, dal Polo Museale della Puglia, dal Dipartimento Turismo Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia,  dalla Mediateca Regionale della Puglia, dall’Istituto Comprensivo “Massari Galilei” di Bari, dall’Associazione Culturale “Nel gioco del jazz” e dal Centro Sportivo “Di Cagno Abbrescia”.

La “Settimana della cultura italo polacca”, sarà l’occasione per ricordare le prime elezioni parzialmente libere che si tennero in Polonia nel 1989,  il movimento Solidarnosc e la straordinaria figura di padre  Jerzy Popiełuszko. Nel solco della tradizione, l’evento intende rinsaldare i legami storici, culturali, economici, turistici e religiosi che da secoli uniscono l'Italia, ed in particolare la Puglia, alla Polonia.

Serie A di calcio a 5 femminile: la Salinis Margherita di Savoia vince 4-2 con la Lazio

Serie A di calcio a 5 femminile: la Salinis Margherita di Savoia vince 4-2 con la Lazio

di FRANCESCO LOIACONO - Nella prima giornata di serie A di calcio a cinque femminile la Salinis Margherita di Savoia ha vinto 4-2 a Roma contro la Lazio. Per le pugliesi due gol di Valentina Siclari, un gol della Rozo e un gol della Giuliano. Per le biancocelesti un gol della Taninha e un gol della Belta. Lo Statte ha vinto 6-1 il derby pugliese in casa col Bisceglie. Il Noci ha pareggiato 2-2 in casa con le Pelletterie Scandicci. Nel prossimo turno il 6 ottobre dopo la sosta, la Salinis Margherita di Savoia giocherà in casa col Grisignano, il Bisceglie sfiderà in Puglia il Montesilvano e il Noci affronterà in trasferta il Kick Off di San Donato Milanese.

A Trani 'Puglia Cake Festival', la solidarietà più dolce

A Trani 'Puglia Cake Festival', la solidarietà più dolce

TRANI - Appuntamento da non perdere per gli amanti dell’arte culinaria: il weekend del 28 e 29 settembre si terrà infatti nel Palazzo San Giorgio di Trani, la quarta edizione di Puglia Cake Festival.

Sarà un vero e proprio festival del cake design, uno spettacolo da vedere e da gustare: in soli 4 anni Puglia Cake Festival è diventato un punto di riferimento nazionale per questo tipo di eventi.

Ma cosa si intende per Cake Design? È l'arte culinaria di decorare, utilizzando pasta di zucchero, ghiaccia reale, cioccolato plastico e altri elementi decorativi commestibili. Nata in Francia, questa vera e propria arte si è imposta rapidamente all’attenzione mondiale. Approdato anche in Italia, il Cake Design è diventato una vera e propria mania, che attira un numero di appassionati di anno in anno sempre più vasto e ha conquistato un posto di rilievo nel settore della pasticcieria artigianale, ma con un tratto distintivo proprio nella presentazione del dolce, che deve essere prima di tutto bello, appariscente e scenografico.

All’evento parteciperà anche il Crazy Sugar Team, squadra composta da 16 artisti, che sarà impegnata in una Demo Live, ovvero una dimostrazione sul campo, nella realizzazione di una torta monumentale che omaggia il grande regista Franco Zeffirelli, recentemente scomparso, che nella sua lunga e strepitosa carriera è stato celebrato in Italia e nel Mondo.

L’operazione avrà anche un importante risvolto benefico: «Abbiamo voluto dedicare la nostra presenza all’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma e l’Associazione Italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma. Tutti i personaggi della composizione – spiega Claudia Losardo, artista del Crazy Sugar Team toccata direttamente dalla perdita di una cugina, Adele, per un Neuroblastoma e che ha già dedicato ad Associazione NB un evento la scorsa primavera – saranno messi all’asta e il ricavato sarà interamente devoluto alle associazioni, che saranno presenti anche all’interno del nostro spazio espositivo. L’invito che il CRAZY SUGAR TEAM rivolge alla generosa gente di Puglia e non solo, è quello di visitare l’intera kermesse e di soffermarsi, anche solo per un attimo, a pensare che ogni piccolo gesto è prezioso per la ricerca scientifica e soprattutto per chi, come gli ammalati, conduce ogni giorno e in prima persona la lotta contro queste terribili malattie».

Ulteriori informazioni sull’evento sulla pagina Facebook www.facebook.com/pugliacakefestival

Iscriviti ora