Visualizzazione post con etichetta CRONACA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CRONACA. Mostra tutti i post

Imane Fadil: chiesta archiviazione per la morte


MILANO - Per i pm della Procura di Milano la modella marocchina, testimone nel processo Ruby, è deceduta per aplasia midollare e non, come era stato ipotizzato in un primo momento, per avvelenamento. 

Le cause della malattia, però, sono tuttora ignote.

Fermata la madre del neonato trovato morto in un frutteto


MERANO - E' stata fermata la madre del neonato trovato morto lo scorso lunedì pomeriggio in un cespuglio tra i frutteti di Lana e Cermes in Alto Adige. Ora la donna, una polacca, si trova piantonata in ospedale a Merano. Oggi, come disposto dalla Procura di Bolzano, sarà effettuata l'autopsia e proseguiranno gli accertamenti al fine di ricostruire quanto accaduto.

Il corpicino senza vita di un maschietto, ancora col cordone ombelicale attaccato e con il capo avvolto da un panno, era stato trovato lunedì da turisti tedeschi attorno alle ore 16.30 lungo la via Raffein non distante dal Buschenschank (trattoria) Gloegglkeller. La Procura ha confermato che "il corpo del bambino mostrava segni di violenza" e quindi non viene esclusa che sia deceduto causa strangolamento.

Venezia, barca si schianta su diga: 3 morti

VENEZIA - Tragedia in Laguna. Tre persone sono morte ed una quarta è rimasta ferita in un incidente nautico avvenuto ieri sera a Venezia. Uno scafo offshore è finito contro la diga di San Nicoletto, in località Lunata, e nello schianto tre occupanti della barca sono morti. Sul posto si trovano i vigili del fuoco e mezzi della Capitaneria di Porto. 

L'incidente, con il buio fitto, è avvenuto davanti alla sulla 'lunata', una diga artificiale fatta di grossi massi calati sul fondale costruita a protezione delle opere del Mose.

I corpi dei primi due deceduti sono stati recuperati subito, mentre un terzo componente dell'equipaggio risultava disperso. E' stato individuato poco dopo, anch'egli deceduto, dai vigili del fuoco.

Sequestrate 16 tonnellate di falso olio extravergine. Loizzo: "Frodi non più tollerabili"

(Pixabay)
FIRENZE - I Nas di Firenze, a conclusione dell'indagine denominata "Croce e Delizia", in collaborazione con i colleghi del Nas di Foggia, dei Comandi provinciali di Firenze e Foggia e personale dell'Ispettorato centrale repressione frodi, hanno scoperto una maxi frode alimentare sull'asse Puglia-Toscana.

A Montespertoli (Firenze) e Cerignola (Foggia) sono finite ai domiciliari due persone ritenute responsabili, rispettivamente, dei reati di riciclaggio e ricettazione. Quattordici complessivamente gli indagati, oltre 16 le tonnellate di olio sequestrate: erano destinate a ristoranti, bar, panifici, venditori all'ingrosso di alimenti - in almeno 11 casi compiacenti - del circuito commerciale toscano.

Gli accertamenti - spiegano i Carabinieri - hanno permesso di far emergere "l'esistenza di un sodalizio criminale che gestiva il traffico di ingenti quantitativi di olio di semi di soia sofisticato mediante l'aggiunta di clorofilla e betacarotene, non dannoso per la salute umana, ma in modo da renderlo simile all'olio extravergine di oliva e commercializzarlo con tale qualità, generando un notevole profitto illecito".

Coinvolti nell'inchiesta, a vario titolo, altri soggetti operanti nel settore - tra i quali 7 prestanome, utilizzati anche per sviare eventuali indagini - indagati in concorso nel reato per aver consentito l'utilizzo del marchio di società a loro intestate da parte dell'uomo arrestato a Cerignola, accusato di curare materialmente la sofisticazione e il confezionamento in lattine e bottiglie apponendo etichette delle menzionate società (inesistenti o, comunque, non più operative).

Nel corso delle indagini, condotte nelle province di Barletta-Andria-Trani, Firenze, Foggia, Pescara, Pisa e Prato, è stato documentato il flusso commerciale di circa 50 tonnellate di olio sofisticato e si è proceduto al sequestro di oltre 16 tonnellate, impedendone l'illecita immissione sul mercato e individuando, nel contempo, i depositi dove veniva temporaneamente stoccato.

Loizzo: "Ancora olio extravergine sofisticato le frodi non sono più tollerabili" - “Olio di semi spacciato per extravergine d'oliva, questa volta tra Cerignola e Firenze: per il presidente del Consiglio regionale della Puglia Mario Loizzo le frodi non sono più tollerabili. Nell’ambito di un’operazione condotta dai Nas del capoluogo toscano, con la collaborazione dei Nucleo anti sofisticazioni di Foggia e dei Carabinieri dei Comandi provinciali di Firenze e Foggia, di concerto con l’Istituto Centrale Repressione Frodi, è stata scoperta una frode tesa a commercializzare olio di semi, spacciandolo come olio extravergine di oliva, con l’aggiunta di sostanze come clorofilla e betacarotene.

“Esprimo il mio più vivo apprezzamento nei confronti delle forze dell’ordine per aver scongiurato questo ennesimo malaffare che colpisce il nostro olio di oliva extravergine - afferma Loizzo – è necessario continuare l’azione di repressione e di prevenzione, per colpire chi non solo fa un danno all’agricoltura, ma spesso può anche fare un danno alla salute dei cittadini. La nostra olivicultura, già aggredita dalla xylella, continua a subire disastri e questo non può essere più tollerato”.

Picchiano e violentano 90enne: arrestati due minorenni

MESSINA - Orrore a Messina, dove una donna anziana è stata seviziata e derubata in casa da due ragazzi di 17 e 14 anni. A lanciare l'allarme è stata la figlia che ha trovato la 90enne a terra con il volto tumefatto. Visitata in ospedale, è emerso che l'anziana è stata anche stuprata.

Migranti: in 10 sbarcano a Lampedusa


LAMPEDUSA - Proseguono gli sbarchi nell'Isola di Lampedusa. Dieci migranti tunisini sono giunti autonomamente nel porto siciliano alle 2 circa di questa notte. Erano a bordo di un piccolo barchino.

I migranti sono scesi dall'imbarcazione seguendo le direttive degli uomini della Capitaneria di porto e successivamente sono stati accompagnati all'interno del centro di accoglienza hot spot dell'isola.

Trasferiti ieri i 70 migranti che erano ospitati nel centro di accoglienza con la nave di linea che collega giornalmente Lampedusa con il resto della Sicilia.

Bimbo trovato morto in una scarpata

MERANO - Dramma in Alto Adige, dove il corpo senza vita di un neonato è stato trovato da turisti nella scarpata di una stradina a Lana di Sopra, nei pressi di Merano. Secondo il quotidiano Dolomiten, la testa del maschietto era avvolta in un panno, legato più volte intorno al collo. Il corpicino, ancora con il cordone ombelicale, si trovava sotto un cespuglio.

Ad intervenire sul posto i carabinieri e la Croce bianca. La morte - secondo il giornale - risalirebbe ad alcune ore prima del ritrovamento. Ordinata l'autopsia dalla Procura di Bolzano.

Gli inquirenti per il momento mantengono il massimo riserbo sull'inchiesta.

Mafia, imponevano i propri buttafuori ai locali di Palermo: 11 arresti


PALERMO - Colpo a Cosa nostra che aveva allungato le mani sui locali notturni palermitani. Undici gli arresti per estorsione aggravata dal metodo mafioso. In azione carabinieri del comando provinciale - coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia - che hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip.

Le indagini hanno documentato gli interessi di Cosa nostra, in città e in provincia, sul controllo di importanti aspetti organizzativi legati alla gestione dei locali notturni e, in particolare, la capacità di infiltrarsi e controllare in maniera pervasiva la gestione dei servizi di sicurezza privata mediante l'imposizione degli addetti alla vigilanza. Interfaccia degli interessi del gruppo nella gestione dei rapporti con i titolari dei locali era A.C., il quale sfruttava i solidi legami con esponenti di vertice dei mandamenti mafiosi di Porta Nuova per imporre il reclutamento di personale di sua scelta per il servizio di vigilanza, demandando a una società privata l'onere della regolarizzazione amministrativa e contabile di coloro che erano impiegati.

Le numerose intercettazioni hanno consentito di documentare le estorsioni nei riguardi dei titolari di almeno cinque locali notturni di Palermo e provincia ai quali veniva imposta, mediante violenze e minacce, l'assunzione dei buttafuori.

Finge incidente per gettare figlio nel dirupo: arrestata 34enne

di PIERO CHIMENTI - Sta prendendo una piega sempre più inquietante la morte del piccolo di 4 mesi, gettato dalla mamma da un dirupo di diversi metri, per poi finirlo colpendolo alla testa con un oggetto pesante, forse una pietra. 

Le indagini hanno rilevato che la donna avrebbe simulato l'incidente sulla SS372 nei pressi di Solopaca, in provincia di Benevento, forse nel tentativo di simulare una morte accidentale. 

La polizia ha convocato il compagno della presunta matricida per far completa chiarezza sulla vicenda.

Capi ultrà juventini arrestati per estorsione. Agnelli: 'Eravamo minacciati'

TORINO - La Polizia di Stato di Torino, coordinata dal Gruppo criminalità organizzata della procura, ha eseguito un blitz nei confronti delle frange ultrà della Juventus. Nell’ambito dell’operazione denominata “Last Banner”, la Digos di Torino ha eseguito 12 misure cautelari nei confronti dei capi e dei principali referenti dei “Drughi”, di “Tradizione-Antichi Valori”, dei “Viking”, del “Nucleo 1985” e di “Quelli.. di via Filadelfia”, indagati a vario titolo per associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata.

Sono state eseguite anche 39 perquisizioni con la collaborazione delle Digos di Alessandria, Asti, Como, Savona, Milano, Genova, Pescara, La Spezia, L’Aquila, Firenze, Mantova, Monza, Bergamo e Biella, nei riguardi di 37 fra i principali referenti dei gruppi ultrà in questione (ed anche del “N.A.B. – Nucleo Armato Bianconero”), indagati nell’ambito della stessa indagine.

Secondo la Procura, i capi ultrà della Juve avevano "posto in essere una precisa strategia estorsiva" nei confronti della società bianconera. Strategia di cui esistono "incontrovertibili elementi probatori". E' quanto emerso dalle indagini della Digos durate oltre un anno e partite da una denuncia presentata dalla stessa Juventus.

In particolare - secondo gli investigatori - "l'interruzione, alla fine del campionato 2017/18, di alcuni privilegi concessi ai gruppi ultrà ha infatti determinato, sin da subito, una 'reazione' dei leader storici che, hanno definito una capillare strategia criminale per 'ripristinare' quei vantaggi soppressi ed affermare nuovamente la posizione 'di forza' nei riguardi della Juventus".

Agnelli, costretti ad aderire alle loro richieste - La Juve "è stata costretta ad aderire" alle richieste degli ultrà, "consapevole delle possibili conseguenze negative come cori razzisti ed altre condotte idonee a comportare sanzioni pecuniarie, squalifiche o la chiusura della curva". E' quanto ha messo a verbale davanti ai pm di Torino il presidente della Juve Andrea Agnelli sottolineando che la denuncia fatta dal delegato ai rapporti con la tifoseria Alberto Pairetto ha segnato un "punto di rottura con i gruppi ultras" che, "con una serie di comportamenti minacciosi e violenti sono stati in grado di danneggiare e ricattare la società". Ai magistrati Agnelli ha anche ammesso di essere "ben consapevole" che Pairetto fino ad allora "gestiva la distribuzione dei biglietti" ai gruppi organizzati con una "formula agevolata". Una prassi che, mette a verbale il numero uno bianconero, serviva a "garantire un certo flusso dei tifosi allo stadio" e per "controllarli proprio per la loro capacità di creare problemi per l'ordine pubblico".

Muore in ospedale per errata trasfusione

VIMERCATE (MONZA) - Dramma per una donna di 84 anni morta a seguito di una presunta errata trasfusione di sangue, venerdì scorso all'ospedale di Vimercate, in provincia di Monza. Il plasma potrebbe essere stato scambiato con quello di un altro paziente.

L'ospedale ha confermato il decesso della donna e di aver immediatamente allertato la Procura di Monza, parallelamente all'avvio di un'indagine interna.

Il ministro della Salute Speranza ha inviato gli ispettori del Centro Nazionale Sangue per indagare sul decesso.

Migranti: 3 fermati per torture in hotspot di Messina

PALERMO - E' stato disposto dalla Dda di Palermo il fermo di tre persone accusate di sequestro di persona, tratta di esseri umani e tortura. L'accusa è di aver trattenuto in un campo di prigionia libico decine di profughi pronti a partire per l'Italia. Testimoni che li hanno identificati hanno raccontato di essere stati torturati, picchiati e di aver visto morire compagni di prigionia.

Al momento del fermo si trovavano nell'hotspot di Messina. 

I tre gestivano per conto di una organizzazione criminale un campo di prigionia a Zawyia, in Libia, dove i profughi pronti a partire per l'Italia venivano tenuti sotto sequestro e rilasciati solo dopo il pagamento di un riscatto. 

Le accuse per i fermati vanno a vario titolo dall'associazione a delinquere finalizzata alla tratta di persone, alla violenza sessuale, alla tortura, all'omicidio e al sequestro di persona a scopo di estorsione. 

Gabriel Natale Hjort rimane in carcere


ROMA - Resta in carcere Gabriel Christian Natale Hjorth, il californiano accusato di concorso nell'omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega assieme al connazionale Finnigan Lee Elder. 

Il ventenne, d'accordo con i suoi difensori, ha rinunciato al ricorso davanti al Riesame che avrebbe dovuto valutare questa mattina la richiesta di modifica o revoca della misura cautelare decisa dal gip a fine luglio.

La decisione dei difensori di Hjorth è legata al fatto che la procura ha depositato soltanto tre giorni fa l'informativa dei carabinieri relativa all'estrapolazione di dati dal cellulare dell'arrestato, attività di indagine che però non è ancora conclusa. 

Pinerolo: papà e figlioletta muoiono in Mini in fiamme

TORINO - Dramma sulla statale Torino-Pinerolo dove una bimba di sei anni e il padre di 42 hanno perso la vita dopo che la Mini d'epoca su cui viaggiavano è stata tamponata mentre era ferma sulla corsia d'emergenza, nei pressi di uno svincolo.

Ad assistere alla tragedia la moglie e madre delle due vittime che si trovava su un'altra vettura e ha tentato invano di estrarli dall'auto in fiamme. Il dramma si è consumato poco dopo le 8,30 vicino all'uscita di Riva di Pinerolo: anche la Yaris che ha tamponato la Mini ha preso fuoco, ma il conducente è riuscito a mettersi in salvo. 

La vittima era diretta a un raduno d'auto storiche insieme alla moglie che viaggiava a pochi metri di distanza su una seconda Mini d'epoca insieme all'altra figlia neonata della coppia di Orbassano. La donna, la cui vettura non è stata coinvolta nell'incidente, ha assistito allo scontro e ha tentato invano con la forza della disperazione di salvare il marito e la figlioletta. Le fiamme le hanno bruciato parte della capigliatura, ma non ha potuto fare nulla se non dare l'allarme, prima di essere ricoverata in stato di shock. 

Nuova morte sul lavoro in Puglia, Loizzo: "Assurdo morire così"


BARI - Dramma sul lavoro ad Altamura, lo sdegno del presidente del Consiglio regionale Loizzo: "Inaccettabile, assurdo morire sul lavoro”. L’incidente nell’azienda di calcestruzzi nell’area industriale di Altamura, costato la vita ad un dipendente ventottenne, Kreshnik Gockaj, solleva lo sdegno del presidente del Consiglio regionale della Puglia.

“La morte terrificante dell’operaio del cementificio di Altamura ci riporta ancora una volta drammaticamente al problema irrisolto delle morti bianche.e chiama tutti alla responsabilità. È assurdo morire in questo mododo, uscire di casa come ogni mattina e non fare ritorno. Siamo di fronte a casi continui.

Occorre da una parte un serio, più cosciente impegno da parte delle imprese, che devono mettere in atto tutti i procedimenti per garantire la sicurezza dei lavoratori e dall’altra una fortissima azione ispettiva e di controllo di chi è tenuto a vigilare”.

Niente affitto ai meridionali: "Sono salviniana"


di PIERO CHIMENTI - Brutto episodio che ha il sapore amaro di razzismo quello accaduto a Robecchetto, dove una ragazza di 28 anni, dopo aver individuato la casa dei propri sogni in cui andare ad abitare in affitto, per stare vicino alla propria ragazza, dopo gli accordi presi con la proprietà a cui mancava solo la sottoscrizione del contratto, si vede rispondere dalla proprietaria che ha cambiato idea e di volerla vendere. 

Nella discussione interviene anche la mamma della proprietaria, che rincara la dose dicendo all'aspirante affittuaria che la vera regione per cui non le vuole dare casa è perché è di Foggia, ritenendo che nella sua casa i meridionali non debbano entrarci. Alla minaccia della ragazza foggiana alla denuncia dell'accaduto, la signora ha risposto di essere salviniana e di essere stata addirittura in prima linea ai tempi di Bossi.

Prende a schiaffi minorenne disabile, video finisce su Fb

(foto generica)
CATANIA - Nuova storia di violenze su disabili dal Sud Italia. Prende a schiaffi un minorenne disabile e gli altri ragazzi presenti ridono e filmano la scena. Il video è stato scoperto dalla polizia postale di Catania che ha individuato l'autore dell'aggressione. Si tratta di un 15enne che è stato denunciato per percosse nei confronti di un disabile. 

Il minorenne è stato convocato dalla polizia e alla presenza dei genitori ha ammesso le sue responsabilità, ma cercando di sminuire l'accaduto, riconducendolo a uno 'scherzo'. La sua posizione è al vaglio della Procura per i minorenni di Catania.

In corso le indagini per risalire all'autore del video e su chi lo abbia pubblicato sul social network.

Dramma in crociera: sviene, batte la testa e muore a 33 anni

ROMA - Si è conclusa in tragedia una crociera per Matteo Sartori, 33anne, nato a Piove di Sacco e residente a Fossò, tagliatosi durante la cena. Il giovane, mentre stava raggiungendo la stanza per medicarsi, è caduto battendo la testa.

Il giovane, assieme alla fidanzata Sonia Marcato, aveva deciso di trascorrere una meravigliosa vacanza, ma la sera del 7 settembre mentre si trovavano nella sala da pranzo della nave il giovane si è ferito con un coltello al dito. Ha deciso di tornare in cabina per medicarsi, poco dopo la fidanzata lo ha seguito. 

Ed è qui che Sonia lo trova riverso a terra ai piedi di una scala, caduto probabilmente a causa di uno svenimento. La nave si trovava poco lontano dalla costa dell'Albania e il giovane è stato trasportato all'ospedale dove pochi giorni dopo il suo cuore si è fermato. In un gesto di estrema genorisità la famiglia ha deciso di donare i suoi organi.

Avellino, rogo in azienda: "Stato di emergenza"

AVELLINO - Fiamme alla Igs di Avellino, un'azienda insediata nel Nucleo industriale che produce contenitori in plastica per batterie automobilistiche. L'incendio si è sviluppato poco dopo le 13.30 nel piazzale esterno all'azienda dove erano state stoccate le produzioni. Non ci sono notizie di feriti o intossicati.

Il prefetto di Avellino, Maria Tirone, ha convocato il Centro di coordinamento soccorsi-stato di emergenza. Un'alta nube nera, visibile da tutta la città, si è alzata, mentre numerose squadre dei Vigili del Fuoco si stanno adoperando per circoscrivere e spegnere le fiamme.

Sono state evacuate a titolo precauzionale le aziende vicine e particolari misure di sicurezza sono state messe in atto per impedire che le fiamme si possano propagare ad una stazione di servizio carburanti che si trova a poche decine di metri dall'Igs.

Ad intervenire sul posto anche i tecnici dell'Arpac per valutare le sostanze tossiche rilasciate nell'aria e nell'ambiente circostante.

Andria, ucciso a coltellate per non aver dato la precedenza

ANDRIA - Dramma nella Bat, dove un uomo di 28 anni di Trani, Giovanni Di Vito, è deceduto dopo essere stato accoltellato durante un litigio per una mancata precedenza ad una rotatoria ad Andria. Il dramma si è consumato in serata in via Puccini, poco distante dal centro della città. 

Indaga sull'accaduto la polizia che sta verificando quanto riferito da alcuni testimoni che hanno visto un automobilista a bordo di una Mercedes allontanatosi dopo il ferimento. 

Gli agenti stanno visionando anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona. Identificato e sottoposto a fermo un 50enne con precedenti penali, sospettato di avere ucciso il 28enne.

Speciale 83ma Campionaria

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Immobiliare Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Teatro Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia