Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post

Mafia, Bellomo (Lega): "Adottare una strategia e metodo Falcone anche in Puglia"


BARI - “La Puglia quel drammatico giorno di trent’anni fa a Capaci era presente. Lo era dalla parte giusta, dalla parte del giudice Giovanni Falcone, della giovane moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e dell’agente Vito Schifani, che guidava l’auto sulla quale viaggiavano con lui due ragazzi della nostra terra, entrambi trentenni: Antonio Montinaro, caposcorta originario del Salento, e Rocco Dicillo, che era nato a Triggiano, in provincia di Bari. Due poliziotti che facevano al meglio il loro lavoro, che credevano in un metodo investigativo fondato sul rigore dei fatti, in particolare sul riscontro dell’ attendibilità dei pentiti, e in grado di fare luce sugli intrecci finanziari, anche internazionali, della nuova mafia. Una meglio gioventù che non aveva bisogno di ammantare di ideologie il proprio impegno, ma capace di sacrificare tutto in nome di un ideale di giustizia e di legalità, al servizio di uno Stato che fino ad allora la lotta alla criminalità organizzata l’aveva fatta, per usare le parole dello stesso Falcone, in modo emotivo, episodico, fluttuante. La maniera migliore per celebrare la memoria di questi nostri giovani, che hanno onorato la Puglia e l’Italia, è dunque quella di continuare la loro opera, unendo forma e sostanza, tecnologie moderne e capacità psicologiche, scienza e coraggio. I fenomeni mafiosi sono presenti, come tutti sanno, anche in Puglia, con particolare virulenza in alcuni territori. Inviare una manciata di poliziotti in più, come fa il ministro Lamorgese, serve a poco o a nulla. E’ tempo di prendere esempio da Giovanni Falcone, e sono certo che la Dia locale lo stia già facendo. Le mafie sono organizzazioni agili, duttili, pragmatiche. O si adottano strategie e metodi che abbiano le medesime caratteristiche, oppure si è destinati all’insuccesso. Coltivando l’illusione pericolosa di averle sconfitte”. Lo dichiara Davide Bellomo, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Puglia.

Concorsone Regione Puglia: nota dell'assessore al Personale

BARI - “Lunedì 23 maggio, alle ore 10,30, sarò presente alla Fiera di Foggia - assieme al Commissario straordinario e al Segretario generale dell’Ente, rispettivamente Avv. Massimiliano Arena e Dr. Raimondo Ursitti - per confrontarmi con i candidati che lo vorranno e rendermi conto di persona di eventuali disagi, precisando però che gli orari indicati segnalano quando ci si deve obbligatoriamente presentare fisicamente nel luogo della prova, mentre per l’inizio concreto degli esami sia di mattina che di pomeriggio, per l'altissimo numero di partecipanti previsto in particolar modo proprio per lunedì e martedì, si prevede uno slittamento di una/due ore”. Così l’Assessore al Personale della Regione Puglia in una nota in cui si precisano le modalità tecniche e procedurali obbligatorie “affinché le prove si svolgano nella massima trasparenza”.

L’assessore ne approfitta per scusarsi, anche a nome di Formez, “se soprattutto il primo giorno ci sono stati ritardi nell’avvio della prova scritta, ma si devono avviare una serie di procedure, non da ultime quelle previste dalle norme anti Covid, che applicate a centinaia, se non migliaia di persone – e nell’esclusivo interesse di queste - obbligano ad uno slittamento dell’inizio concreto dell’esame”.

Una situazione che non è eccezionale, dal momento che riguarda tutte le procedure concorsuali, e non solo quelle attuali e future della Regione Puglia. Infatti per la seduta del 23 e 24 maggio prossimo, quando si prevede l’afflusso di migliaia di persone nelle quattro prove in programma, alla sede della Fiera di Foggia, la più grande finora a disposizione, si aggiungerà la Fiera di Lecce, dove saranno presenti il Direttore di Dipartimento, Dott. Ciro Imperio e il Direttore di Sezione, Dott. Nicola Paladino”.

Infine l’Assessore fa appello a “donne e uomini, ragazze e ragazzi che sono certo daranno il massimo impegno in queste prove e nelle prossime che abbiamo giù messo in cantiere: abbiamo lavorato duramente per darvi delle opportunità serie non solo dal punto di vista professionale, ma umano, dedicate queste giornate esclusivamente al concorso, con la massima disponibilità e concentrazione”.

Napolitano operato allo Spallanzani di Roma: è in terapia intensiva


ROMA - Il presidente emerito della Repubblica è stato sottoposto a un intervento chirurgico condotto con tecnica mini-invasiva. Napolitano è ricoverato in terapia intensiva. "E' sveglio e il quadro clinico è stazionario. La prognosi resta riservata", rende noto l'ospedale.

Per motivi di privacy non è stato reso noto quale sia stato il motivo che ha richiesto un intervento chirurgico per il presidente emerito della Repubblica e si attendono nuovi bollettini nelle prossime ore per capire quale sia lo stato di salute del senatore a vita.

Naufragio, D'Amato (Greens): "Governo e Ue facciano di più per sicurezza lavoratori del mare"

ROMA - "Altri morti in mare. Altre vittime sul lavoro. Stavolta piangiamo l'equipaggio di un rimorchiatore affondato a 50 miglia da Bari, al limite tra le acque italiane e quelle croate. Il mio abbraccio va alle loro famiglie. Mi auguro che sia fatta luce sulle cause dell'incidente. Ma la giustizia non potrà certo restituire loro la vita. Semmai, questa ennesima tragedia ci ricorda che la sicurezza sul lavoro è ancora un miraggio in Italia: solo nei primi tre mesi del 2022, sono state ben 189 le vittime. Un'ecatombe che va fermata, nelle fabbriche come in mare. Ieri ho partecipato a un incontro con i piccoli pescatori di Foggia, a Lesina, organizzato dalla Uila. Abbiamo parlato proprio di sicurezza, troppo spesso sacrificata in questo settore. Il caro gasolio rischia di aggravare la crisi della piccola pesca, e anche le condizioni di sicurezza. Ecco perché servono sostegni mirati a questo segmento. Il nuovo Feampa e i recenti aiuti approvati dall'Ue possono essere un'opportunità, ma occorre fare di più e meglio, evitando che i più forti economicamente siano anche quelli che si accaparreranno il grosso delle risorse. Imbarcazioni più sicure riducono i rischi per i lavoratori del mare. E le morti". Lo dice l'eurodeputata dei Greens, Rosa D'Amato.

Sanità, Bellomo (Lega): "Serve programmazione, non improvvisazione"

BARI - “Il governo regionale ha l’obbligo di rafforzare gli organici della sanità pugliese. Il mix di degrado, caos e inefficienza degli ospedali pubblici, in assenza di strategia e programmazione, è destinato inevitabilmente a crescere e non a diminuire. Specie nei pronto soccorso, dove la situazione è ormai incandescente in ogni periodo dell’anno. Esistono precise responsabilità di una politica che non sa anticipare gli eventi, ma li subisce. Non si può essere precari a vita, e chi ha maturato un diritto deve essere stabilizzato, ma questa non può rappresentare la soluzione. E’ necessario fare scelte che non siano dettate dall’emergenza e non creino disparità tra gli aspiranti operatori sanitari. Il merito si seleziona in trasparenza, ha bisogno di regolari concorsi e di studi preliminari sulle esigenze reali, non può mai derivare da colpevole inerzia e malgoverno. Bisogna sostituire da subito l’incertezza e l’instabilità con la certezza e la stabilità che nascono dalla pianificazione e non dall’improvvisazione. L’assessore Palese immagino sia stato chiamato al capezzale della sanità regionale anche per questo. Altrimenti, ci saremmo rivolti a Ridge di Beautiful... Finora, però, e dispiace doverlo constatare, il suo atteso lavoro progettuale risulta non pervenuto”. Lo dichiara Davide Bellomo, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Puglia.

Pirelli investe in Puglia: il progetto prevede 50 assunzioni entro il 2025


BARI – Pirelli investe sulla Puglia e sulle competenze digitali dei suoi giovani aprendo a Bari un nuovo centro per lo sviluppo di software e soluzioni digitali. Il progetto nasce da un incontro costruttivo tra pubblico e privato e prevede 50 nuove assunzioni entro il 2025 fra neolaureati e manager specializzati nello sviluppo di software, in particolare in computer science, software engineering, data science, intelligenza artificiale, machine learning e smart manufacturing. Le nuove figure professionali andranno ad aggiungersi alle circa 160 persone che oggi lavorano nel team Digital Pirelli in Italia, con l’obiettivo di una maggiore internalizzazione di competenze digitali sulle aree più strategiche e differenzianti della strategia aziendale.

Il nuovo “Digital Solutions Center” di Pirelli è stato presentato oggi a Bari nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il Presidente della Regione Puglia, il Vice Presidente Esecutivo e Amministratore Delegato di Pirelli, Marco Tronchetti Provera, e l’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia. L’incontro ha inoltre visto la partecipazione del Chief Digital Officer di Pirelli, Pier Paolo Tamma, e dei rappresentanti degli atenei baresi, con i quali Pirelli sta attivando programmi di collaborazione nell’ambito del nuovo progetto.

Il centro, per la cui realizzazione è stata presentata una domanda di agevolazione alla Regione, attraverso la misura Contratti di Programma, consentirà a Pirelli di rafforzare le attività di sviluppo di software, altamente strategiche nell’ambito della Digital Transformation da tempo intrapresa dall’azienda, e di valorizzare le competenze di un territorio divenuto oggi uno dei maggiori poli italiani nello sviluppo digitale. Il progetto prevede un investimento pari a 9 milioni tra il 2022 e giugno 2024, di cui una parte potrà essere finanziata dalla Regione Puglia in base ai progetti che Pirelli realizzerà.

Il Digital Solutions Center - situato in via Mazzitelli, nel quartiere Poggiofranco - andrà ad affiancare e a rafforzare le unità operative Digital Pirelli concentrandosi sullo sviluppo di software e algoritmi di Machine Learning e Artificial Intelligence a supporto delle aree di Sales & Marketing, Sviluppo Prodotto, Smart Manufacturing & Industrial IOT, Integrated Business Planning e abilitando lo sviluppo di nuovi Prodotti e Servizi Digitali per il mondo Tyre. Oggi la funzione Digital di Pirelli conta a livello globale circa 500 persone, distribuite tra l’Headquarters italiano, le diverse unità nelle macro aree in cui è presente l’azienda in tutto il mondo attraverso i suoi 18 stabilimenti in 12 Paesi e il Service Operation Center con copertura worldwide localizzato a Craiova, in Romania.


Bari, un polo universitario di eccellenza


Per valorizzare i giovani talenti del capoluogo pugliese, diventato in breve tempo un bacino di competenze legate a innovative discipline quali Data Science, Intelligenza Artificiale e Cyber Security, Pirelli ha avviato un programma di collaborazione con l’Università di Bari – in particolare con il suo Corso di Laurea in Computer Science e Data Science - e con il Politecnico di Bari – che ha tra i suoi corsi una Laurea in Ingegneria informatica e Trasformazione Digitale - che prevede la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo congiunti e iniziative quali career day, seminari e hackaton, oltre a programmi di stage e tirocini e borse di studio.


Lo sviluppo del nuovo centro consolida i legami tra Pirelli e il mondo universitario e rafforza il suo modello di open innovation che oggi vede l’azienda al lavoro su circa 40 progetti con 12 Università. Le collaborazioni dell’area Digital con il mondo accademico integrano e completano quelle della Ricerca & Sviluppo di Pirelli, con i suoi 13 centri di ricerca interni che occupano oltre 2mila persone a livello mondiale. In Italia, in particolare, Pirelli già collabora attivamente con Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università Bocconi, Università Cattolica, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi di Pisa e Università degli Studi di Milano Bicocca.

Presidente della Regione Puglia, “Marco Tronchetti Provera e la Pirelli sono uno di quei rarissimi punti di riferimento che questo Paese può offrire, da sempre attenti alle innovazioni tecnologiche e capaci di avere le giuste intuizioni su cosa accade nel mondo e di cosa il mondo ha bisogno. Oggi hanno avuto l’intuizione e la voglia di confrontarsi con la realtà pugliese, coinvolgendo lo straordinario capitale umano che sono i nostri studenti, i nostri ragazzi del Sud, spina dorsale del Paese. Siamo sicuri che con questo progetto riusciremo a trattenerli qui, permettendo loro di esprimere le grandi potenzialità e competenze acquisite in una terra che ha nel suo Dna l’innovazione e il rispetto delle regole.”

Marco Tronchetti Provera, Vice Presidente Esecutivo e Amministratore Delegato di Pirelli, “Siamo orgogliosi di presentare la nuova sede di Pirelli a Bari, nel cuore del Sud, in un luogo così fertile di conoscenza digitale e di giovani talenti con voglia di imparare, crescere e fare. Ringrazio la Regione Puglia per il sostegno, certo che questo nuovo centro consentirà all’azienda, così come al territorio, di portare valore in termini economici, culturali e sociali”.

Assessore regionale allo Sviluppo economico, “Si conferma il trend di crescita delle imprese nel settore dell’innovazione che decidono di investire in Puglia e di posizionare qui da noi i loro hub strategici più importanti. Questo importante progetto di un’azienda solida e strutturata come Pirelli, la cui presenza in Puglia è frutto di un lavoro sinergico tra pubblico e privato, conferma la capacità della nostra regione di essere una terra attrattiva e al passo coi tempi”.

Stefano Bronzini, Rettore Uniba, “Pirelli e la Puglia si erano già incontrate sin da quando la nave posa cavi collegò la Puglia con le isole Tremiti. Allora la scommessa del visionario fondatore della ditta Pirelli, erano le telecomunicazioni. Giunse dopo la svolta che ha fatto grande nel mondo la Pirelli. Oggi, dopo quasi 150 anni, sapere che la prestigiosa azienda ha deciso di essere in Puglia è una notizia molto importante. Lo è anche per la nostra Università pronta a emulare lo sguardo visionario che guidò l’ingegnere Giovanni Battista Pirelli per essere protagonista della crescita civile, sociale e economica del Paese. Dopotutto il palazzo in via Garruba, dove si svolgono le lezioni di lingue, è stato un deposito proprio della Pirelli. Siamo sulla buona strada!”

Francesco Cupertino, Rettore Politecnico di Bari “L’investimento di Pirelli a Bari conferma che la Puglia, con le sue molteplici risorse, diventa sempre più attrattiva nei confronti dell’industria. L’automotive, in particolare, rappresenta un settore fondamentale per la nostra regione e il Politecnico di Bari, che è stato istituito per sostenere lo sviluppo del territorio, ha sempre seguito la sua evoluzione, adeguando le competenze dei laureati e la ricerca scientifica. Siamo dunque felici di essere parte di questa evoluzione al fianco di un player di così alto profilo, che ha riposto la sua fiducia in noi”.

Galante (M5S): “Circolare Asl Taranto evidenzia necessità di linee guida omogenee su procedure clinico assistenziali e compiti degli infermieri del 118”


TARANTO - “L’ordine di servizio con cui il direttore della centrale operativa del 118 della Asl di Taranto Mario Balzanelli ha comunicato che, in casi di particolare gravità, gli infermieri a bordo delle ambulanze possono somministrare farmaci, seguendo le disposizioni da remoto del medico della centrale operativa, che a sua volta si basa sulle indicazioni sullo stato del paziente ricevute dal personale infermieristico sul posto, è servito per riaccendere i fari sulla situazione della rete dell'emergenza -urgenza pugliese e sulla carenza di personale. Servono linee guida omogenee e un protocollo unico sulle procedure clinico assistenziali e i compiti che gli infermieri del 118 sono chiamati a svolgere, al momento differenti per ogni provincia pugliese. Bisogna iniziare un serio confronto per la riforma della rete dell’emergenza - urgenza, per poter procedere all’istituzione di un apposito tavolo insieme all’assessorato alla sanità”. Così il capogruppo del M5S Marco Galante che chiederà di audire in III Commissione l’assessore alla Sanità Rocco Palese, il direttore del Dipartimento Salute Vito Montanaro, la SIIET (Società Italiana degli infermieri in Emergenza territoriale), Mario Balzanelli presidente della “Società Italiana Sistema 118” e direttore della centrale operativa della Asl di Taranto, assieme ai direttori delle centrali operative delle province pugliesi, e gli OPI provinciali.

“Analizzeremo - continua Galante - i dati, che avevamo già richiesto dopo la precedente audizione, per ogni centrale operativa sui protocolli e sulle procedure utilizzate e sull’effettivo rispetto delle convenzioni stipulate sui territori tra Regione Puglia e associazioni per l’affidamento delle postazioni del 118. La legge del 1992 prevede che il personale infermieristico professionale, nello svolgimento del servizio di emergenza, possa essere autorizzato a praticare iniezioni per via endovenosa e fleboclisi e manovre per salvaguardare le funzioni vitali, previste dai protocolli decisi dal medico responsabile del servizio, ma questo deve essere fatto con un regole scritte e concordate con la Regione e i comitati scientifici, che valgano per l’intero territorio Dobbiamo dare vita a un dibattito costruttivo e proficuo sulla riorganizzazione dell’emergenza -urgenza, solo così potremo garantire anche una maggiore sicurezza agli infermieri che lavorano in Pronto Soccorso, sempre più spesso vittime di aggressioni, come denunciato qualche giorno fa a Taranto. È necessario procedere in questa direzione e agire in maniera tempestiva per garantire le migliori prestazioni ai pazienti, evitando il ricorso inappropriato al pronto soccorso, e adeguate condizioni lavorative al personale che opera nella rete dell’emergenza - urgenza, ogni giorno in prima linea per i cittadini”.

Adp, Vasile replica a Pagliaro: "Nessuna penalizzazione nei confronti dell'Aeroporto del Salento"

BARI – “Quanto dichiarato dal consigliere regionale Paolo Pagliaro, in ordine a una presunta penalizzazione perpetrata ai danni dell’Aeroporto del Salento, è assolutamente privo di fondamento. Lo testimoniano i numeri relativi al primi quattro mesi del 2022 che indicano una ripresa del traffico che si attesta ai valori del 2019, e i dati parziali dei primi 15 giorni di maggio che riportano un incremento del 20% rispetto allo stesso periodo del 2019, trend identico, in termini percentuali, al dato di Bari". Così in una nota il presidente Adp Antonio Maria Vasile.

"Altrettanto privo di fondamento - prosegue Vasile - è quanto dichiarato dal Consigliere regionale circa un errore di visione rispetto alle strategie che porterebbero a penalizzare l’incoming verso il Salento a favore del traffico in uscita verso altre mete turistiche; nulla di più errato dal momento che al successo registrato dalla destinazione Salento un enorme contributo va riconosciuto al capillare network di destinazioni nazionali e internazionali costruito da Aeroporti di Puglia in accordo con i vettori e con l’Amministrazione regionale e le sue partecipate. Fondamentale, in tal senso, il radicamento dei più importanti vettori sul territorio che tra basi già operative e basi di prossima apertura credono nelle potenzialità del mercato pugliese e individuano in Aeroporti di Puglia un partner commerciale serio e affidabile“.

Ucraina, Letta: "Parole Draghi giuste, le sosteniamo e sottoscriviamo"

(Agenzia Vista) Roma, 19 maggio 2022 - Sono convinto che le parole del presidente del Consiglio, oggi, siano quelle giuste. Noi sosteniamo e sottoscriviamo quello che ha detto Mario Draghi in Parlamento. Credo che Draghi abbia dato la giusta indicazione di marcia, quella cioè di un'Italia impegnata per la leadership dell'Europa per trovare la pace. La pace si trova solamente se l'Europa è unita, se lavora al fianco e a sostegno degli ucraini e, soprattutto, se tutti insieme siamo in grado di obbligare Putin a sedersi ai negoziati di pace". Lo ha affermato il segretario del Partito democratico, Enrico Letta, in una dichiarazione prima di entrare a Montecitorio.

Ucraina, Draghi: "Italia orgogliosa per solidarietà e accoglienza"

(Agenzia Vista) Roma, 19 maggio 2022 - "L'Italia è orgogliosa di voi, della vostra umanità e della vostra accoglienza". Così il premier Mario Draghi al Senato a proposito dell'accoglienza in Italia dei profughi ucraini. Palazzo Chigi

Incidenti sul lavoro, il cordoglio del Presidente della Regione Puglia


BARI - “È una giornata terribile per la Puglia, due gravissimi incidenti sul lavoro hanno colpito la nostra comunità. All’alba, in un incidente stradale tra Turi e Casamassima ha perso la vita una donna che stava andando a lavorare in campagna con altre quattro donne, rimaste ferite. E nella notte è affondato un rimorchiatore spezzando la vita di cinque componenti dell’equipaggio, tra loro anche pugliesi. Sono notizie terribili che fanno pensare al sacrificio estremo di questi lavoratori che hanno perso la vita per dare il loro contributo alle loro famiglie e all’Italia. Come ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella il lavoro è un diritto costituzionale e il suo valore non può essere associato al rischio, alla dimensione della morte. La sicurezza sul lavoro si trova alle fondamenta della sicurezza sociale, cioè del valore fondante di una società contemporanea. Tragedie come queste sono ferite profonde che non possono accadere, non devono accadere. Giunga alle famiglie delle vittime e ai feriti la vicinanza mia personale e di tutti i pugliesi”. Lo dichiara il Presidente della Regione Puglia.

Missione della Regione Puglia a Vienna: incontro con il governo della Bassa Austria e sottoscrizione del primo 'memorandum of understanding' tra università


BARI - “È stato un incontro con una delle regioni più importanti dell’Austria. Abbiamo stabilito di lavorare insieme nell’innovazione tecnologica e, in particolare, nel trasferimento delle tecnologie alle imprese per la loro commercializzazione. Questo rapporto di collaborazione si avvia attraverso l’Istituto di tecnologia austriaco, l’Università di Bari e quella privata di Vienna. Si conclude così un giorno e mezzo di lavoro molto intenso a Vienna, nel quale non solo Luisa Torsi ha ricevuto un premio prestigiosissimo sulla sua ricerca per i test salivari predittivi, ma soprattutto la Puglia ha finalmente stabilito relazioni dirette con l’Austria, con l’Istituto di Tecnologia e l’università di questa regione. Con la speranza di poter gestire insieme, ad esempio, il programma di telemedicina del PNRR, che Puglia e Lombardia realizzeranno per conto dell’Italia, che è un risultato di grande interesse anche per questa regione, la Bassa Austria, con la quale oggi abbiamo fatto un incontro”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, dalla sede dell’Airport City Space di Vienna, al termine dell’incontro della delegazione pugliese con i rappresentanti del Governo della Bassa Austria: Jochen Danninger, componente del Governo Provinciale, responsabile per l'Economia, il Turismo e la Tecnologia; Philipp Wolfram, Capo Ufficio per l'Economia, il Turismo e la Tecnologia; Kerstin Koren, Capo Dipartimento per l'Economia, il Turismo e la Tecnologia; Doris Agneter, Amministratore delegato, Tecnet equity; Thomas Eichtinger, Business Development & Innovation Manager all’Airport City Space.
Con il presidente della Regione Puglia anche Luisa Torsi, docente ordinario di Chimica dell’Università di Bari - cui è stata assegnata ieri, 19 maggio, la Wilhelm Exner Medal per il suo progetto di ricerca Single Molecule digital assay –, la direttrice del Dipartimento Sviluppo Economico regionale, Gianna Elisa Berlingerio, il dirigente della Sezione Ricerca e Relazioni Internazionali e della Sezione Trasformazione Digitale, Vito Bavaro, e i ricercatori delle Università degli Studi di Bari e di Brescia.

L’appuntamento tra Regione Puglia e il Governo della Bassa Austria ha consentito di approfondire diversi temi legati allo sviluppo e alla crescita economica di entrambe le regioni e sulle opportunità di nuove collaborazioni nei settori della ricerca, innovazione, del commercio, del trasferimento tecnologico e del turismo.

“Sono veramente contento di aver accolto la Delegazione Pugliese in Low Austria – ha commentato Jochen Danninger, responsabile per l'Economia, il Turismo e la Tecnologia del Governo Provinciale - questo è l’inizio di una buona amicizia tra i nostri due paesi e sono convinto che potremmo imparare molto dalla Puglia e la Puglia può imparare molto dalla Low Austria. Abbiamo stabilito una prima cooperazione tra Danube Private University e Università di Bari ma questo è solo l’inizio perché abbiamo avuto buoni punti di discussione, abbiamo parlato di Digitalizzazione, Telemedicina e sembra essere l’inizio di un’ottima cooperazione. Grazie al Presidente per la sua visita e spero di venire presto anche io in Puglia”.

Nella giornata odierna è stato sottoscritto anche il primo ”Memorandum of understanding” tra Università di Bari e la Danube Private University, come accordo di collaborazione dedicato alle nuove tecnologie per la medicina di precisione. A siglare il memorandum il prof. Francesco Giordano, delegato del Rettore dell’università pugliese, e Robert Wagner, direttore della Danube private University.

“L’Università degli Studi di Bari conferma la volontà a collaborare con la DPU su diversi temi scientifici a forte carattere multidisciplinare - spiega il prof. Giordano. Tale iniziativa rientra tra le azioni che l’ateneo barese sta portando avanti al fine di rafforzare ulteriormente il grado di internazionalizzazione e cooperazione con altri atenei e centri di ricerca di eccellenza”.

“Siamo davvero grati per aver firmato l’Accordo di Cooperazione con l’Università di Bari – ha dichiarato il direttore dell’università austriaca Wagner - e per aver incontrato quest’oggi la delegazione regionale pugliese. Speriamo di avere una buona collaborazione e molti progetti insieme ai ricercatori e la Regione Puglia nell’ottica di una cooperazione”.

Si conclude così la missione della Regione Puglia nella capitale austriaca. Due giorni di incontri con i rappresentanti del governo della Repubblica d’Austria e del Governo provinciale di Vienna insieme all’ambasciatore italiano, in cui la delegazione pugliese ha potuto consolidare i rapporti tra Puglia e Austria. E, in particolare, promuovere e rafforzare legami di collaborazione e scambio di conoscenze, specie in ambito scientifico, della ricerca e dell’innovazione tecnologica.

La Puglia, in linea con le relazioni economiche a livello nazionale, registra, secondo i dati di Agenzia Ice, un trend di crescita negli scambi commerciali: nel 2021, l’interscambio della nostra Regione con l’Austria (esportazioni+importazioni) ha superato i 268,149 milioni di euro, di cui oltre 106,7 milioni di euro le esportazioni e più di 161,3 milioni di euro le importazioni.

Complessivamente nel 2021 l’interscambio è cresciuto di 28 milioni di euro rispetto al 2020, in termini percentuali si tratta dell’11,67% in più. Sono in crescita sia le esportazioni che le importazioni.

Per quanto concerne le esportazioni della Puglia verso l’Austria nel 2021, secondo l’ultimo dato disponibile, la Puglia ha esportato in Austria beni per 106,754 milioni di euro, in crescita del 20,1% rispetto al 2020.

Tra i prodotti maggiormente venduti si annoverano prodotti di colture permanenti (per più di 17,7 milioni di euro); prodotti di colture agricole non permanenti (per un valore superiore ai 13,6 milioni di euro, +5,7% in rapporto all’anno precedente); prodotti della siderurgia (per oltre 8,5 milioni); prodotti chimici di base, fertilizzanti e composti azotati, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie (per più di 7 milioni di euro, +39,1% rispetto al 2020); frutta e ortaggi lavorati e conservati (per oltre 5,7 milioni di euro, +14,6% rispetto ai 12 mesi precedenti).

La Puglia, invece, importa dall’Austria (dato riferito al 2021) merci per un valore di 161,395 milioni di euro (+6,7% rispetto al 2020). Tra i prodotti maggiormente acquistati dalla Puglia, al primo posto motori, generatori e trasformatori elettrici; apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell'elettricità (per un valore di oltre 29,6 milioni di euro); seguono prodotti chimici di base, fertilizzanti e composti azotati, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie (per più di 19,8 milioni di euro, +67,2% rispetto al 2020); legno tagliato e piallato (per oltre 12,3 milioni di euro, + 57,6% rispetto all’anno precedente); parti ed accessori per autoveicoli e loro motori (per più di 10,7 milioni); prodotti in legno, sughero, paglia e materiali da intreccio (per oltre 7,5 milioni di euro).

Draghi: "Sarà Kiev a decidere quale pace accettare"


ROMA - Il presidente del Consiglio ha fatto il punto sul conflitto e sulla posizione dell'Italia durante un'informativa al Senato.

Draghi ha ricordato l'impegno dell'Italia che "continuerà a fare pressione sulla Russia" anche attraverso le sanzioni decise in sede europea, "perchè dobbiamo portare Mosca al tavolo dei negoziati".

"L'Italia - secondo il premier - ha offerto sostegno per indagare sui crimini di guerra" e "sostiene il governo ucraino nei suoi sforzi per respingere l'invasione russa" in accordo con Ue e alleati. Ma, ci tiene a ripetere ancora una volta, "sarà Ucraina e non altri a decidere quale pace accettare, una pace senza Ucraina non sarebbe accettabile".

Draghi ricorda la sua missione a Washington la settimana scorsa: "Dobbiamo raggiungere il prima possibile il cessate il fuoco e far ripartire i negoziati, ho condiviso questo con il presidente Biden. Ho riscontrato - dice sempre con riferimento al suo viaggio negli Usa - apprezzamento per solidità della posizione italiana, che ci permette di essere in prima linea, senza ambiguità, con la ricerca per la pace".

Stando alle stime del governo, il nostro Paese potrà rendersi indipendente dal gas russo a partire dal secondo semestre del 2024.

Mattarella: "Anni della pandemia non sono stati di paralisi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 maggio 2022 - "Siamo consapevoli che la pandemia ha causato riduzione del traffico aereo e che la ripresa non è velocissima. Ma è importante sottolineare che questi due anni non sono stati di paralisi, ma sono stati anni operosi", le parole del Presidente della Repubblica Mattarella che ha inaugurato la nuova area di imbarco A dell’aeroporto “Leonardo da Vinci” di Fiumicino. / Quirinale

Commissione Esteri Senato: Stefania Craxi presidente irrita i 5Stelle


NICOLA ZUCCARO -
"La politica estera di un grande Paese non deve essere essere un argomento divisivo". E' quanto affermato da Stefania Craxi subito dopo la sua elezione alla presidenza della Commissione Esteri del Senato, avvenuta nella mattinata di mercoledì 18 maggio 2022 con 12 voti favorevoli e 9 contrari più un astenuto. 

La senatrice di Forza Italia, forte della formazione politica ricevuta dal suo compianto padre Bettino (leader socialista, presidente del Consiglio negli anni '80 e strenuo difensore delle questioni italiane legate all'estero), hai poi sostenuto che occorrono durezza e segnali chiari per riportare al dialogo Russia e Ucraina quali parti belligeranti nel conflitto in atto dal 24 febbraio 2022. 

L'elezione di Stefania Craxi al posto del pentastellato Vito Petrocelli (sostituito per le posizioni di di dissenso dal Governo sul caso Ucraina e a seguito del quale ha poi deciso di lasciare il Movimento 5 Stelle per aderire al gruppo Costituzione, Ambiente e Lavoro di Palazzo Madama) ha provocato l'ira di Giuseppe Conte che ha deciso di convocare il Consiglio Straordinario dello stesso soggetto politico.

Ex Ilva, Pagano (Pd): "Intollerabile risposta MISE su decreto attuativo fondo indennizzi per danni immobili Taranto"


ROMA - “Schiaffo senza senso del Ministero dello Sviluppo Economico, guidato da Giorgetti, a Taranto, ai tarantini e a quei parlamentari che cercano di riparare ai danni fatti per decenni dall’ex-Ilva. Quasi un anno fa, la Camera ha approvato un mio emendamento per istituire un fondo utile a risarcire i cittadini del quartiere Tamburi che hanno visto danneggiati le proprie abitazioni a causa del “polverino” proveniente dai parchi minerari degli stabilimenti siderurgici. Ad oggi, non solo il decreto attuativo non è stato ancora adottato, nonostante fosse scritto nella norma che avrebbe dovuto farlo entro 60 giorni, ma il MISE si permette di prendere ulteriore tempo, tergiversando e dando risposte evasive alle nostre richieste di spiegazioni.” Così Ubaldo Pagano, deputato del PD, a margine del question time svolto nel primo pomeriggio in Commissione Attività Produttive.

“Il Fondo è legge, è dotato di 7,5 milioni di euro per risarcire cittadini che hanno già ricevuto una sentenza definitiva che riconosce loro l’esistenza di un danno. Eppure, non sono stati sufficienti 9 mesi al MISE per renderlo operativo. È ora di dire basta a questo atteggiamento di totale indifferenza verso i tanti problemi che attanagliano Taranto. Il Ministro Giorgetti dimostri con i fatti ciò che promette con le parole: dalla decarbonizzazione, alle bonifiche fino all’operatività di questo fondo, dov’è la dovuta attenzione per Taranto?”.

Biolaghi, Casili (M5S): “La Regione dia seguito agli studi di fattibilità e al progetto per la loro realizzazione”

BARI - “La sitibonda Puglia oggi è una delle regioni italiane dove purtroppo la crisi idrica è ormai un’emergenza che spesso compromette l’uso agricolo del suolo. Nella passata legislatura mi sono fatto promotore di un progetto per il recupero e il riutilizzo delle acque reflue e non solo, attraverso il riutilizzo delle cave dismesse da trasformare in biolaghi. Grazie a un mio emendamento in legge di Bilancio erano stati stanziati 100mila euro per verificare attraverso studi specialistici la possibilità di riutilizzare circa 600 cave pugliesi, di cui 125 presenti nella provincia di Lecce, che nel complesso sviluppano diverse centinaia di ettari per un potenziale di diversi milioni di metri cubi di acqua. Risorse che hanno permesso alle società di progettazione coinvolte di trasmettere gli studi di fattibilità, alla luce dei quali possiamo dare seguito a questa misura straordinaria che ci permetterebbe di rinaturalizzare questi volumi scavati nella pietra e di recuperare grandi quantità di acqua, oltre a migliorare la biodiversità e il microclima e strappare al degrado importanti zone del nostro territorio”. Così il vicepresidente del Consiglio Regionale Cristian Casili.

La società IRIDRA ha trasmesso lo studio di fattibilità “Recupero delle cave dismesse per permettere il recupero delle acque reflue depurate del comune di Mottola”.

La società SIT&A ha trasmesso lo studio di fattibilità “Riuso delle cave dismesse presenti nel Salento e utilizzazione delle stesse per il riuso delle acque reflue depurate”.

La società ECO-Logica S.r.l. ha trasmesso il programma territoriale per le province BA, BT, FG di intervento per il “recupero di cave dismesse e l’utilizzo delle stesse per il recupero di acque reflue depurate” e lo Studio di Fattibilità FASE 2 “Recupero naturalistico della cava di Cagnano Varano con riutilizzo delle acque depurate dell’impianto di Cagnano Varano”.

“L’acqua - continua Casili - rappresenta il fattore limitante più severo per la prosperità della nostra agricoltura: in Salento abbiamo la dimostrazione plastica della carenza di questa risorsa, che spesso compromette il reimpianto degli ulivi, con l’aggravante che molti nuovi impianti, spesso di piccole dimensioni, vengono effettuati in prossimità dell’innalzamento delle temperature primaverili-estive con esiti negativi che compromettono la sopravvivenza degli stessi alberi. Questo si ripercuote in una perdita di tempo prezioso per la ricostruzione del paesaggio in un territorio devastato dalla Xylella. La realizzazione dei biolaghi - precisa - permetterebbe di riqualificare siti che oggi rappresentano delle ferite per la morfologia del territorio ottenendo una fonte di acqua di qualità a basso costo, recuperata virtuosamente, da utilizzare in periodi di forte stress idrico. Trasformare le nostre cave dismesse in biolaghi migliora non solo la qualità del nostro paesaggio, ma crea condizioni microclimatiche meno severe che favoriscono maggiore biodiversità e un virtuoso recupero delle acque a cui non possiamo più sottrarci. Chiederò al Governo regionale di essere consequenziale a questi studi e realizzare i primi biolaghi con importanti ricadute in termini ambientali e produttivi”.

La Regione Puglia a Vienna: oggi la premiazione della Prof.Torsi con la Wilhelm Exner Medaille


BARI - La Puglia è al lavoro per essere sempre più riconosciuta a livello nazionale e internazionale come regione di riferimento nell’ideazione, sperimentazione e sviluppo di nuove tecnologie. Con le sue misure, la Regione sostiene le imprese e il sistema universitario e della ricerca nel processo di internazionalizzazione. La missione istituzionale a Vienna, dal 17 al 19 maggio, rientra proprio nella strategia di promozione del trasferimento tecnologico, del miglioramento della capacità attrattiva del sistema della ricerca, attraverso lo scambio di conoscenze e la collaborazione anche con Paesi all'avanguardia in ambito scientifico, come l’Austria.

La delegazione pugliese, con il presidente della Regione Puglia, la direttrice del Dipartimento Sviluppo Economico regionale, Gianna Elisa Berlingerio e il dirigente della Sezione Ricerca e Relazioni Internazionali e della Sezione Trasformazione Digitale, Vito Bavaro, è stata accolta ieri nell’Ambasciata italiana a Vienna, a Palazzo Metternich, dall’Ambasciatore Stefano Beltrame. Un’occasione per consolidare i rapporti tra la Puglia e l’Austria e immaginare nuove forme di collaborazione in ambito economico, scientifico, della ricerca, energetico, culturale e turistico.

La giornata odierna si è aperta con la visita all’Austrian Institute of Technology (AIT) insieme al gruppo di ricercatori dell'Università di Bari e dell’Università di Brescia firmatarie, insieme alla Regione Puglia, dell’accordo che darà vita al primo Centro pugliese d’innovazione in single molecule digital essay, per la diagnostica precoce a singola molecola.

L’AIT è una delle più importanti organizzazioni pubbliche di ricerca e tecnologia dell'Austria e, tra gli istituti di ricerca europei, è specializzata nelle questioni chiave delle infrastrutture del futuro nei campi dell'energia, del trasporto a basse emissioni, della salute e delle risorse biologiche, della sicurezza digitale, e delle tecnologie per l'automazione e il controllo. Queste aree di ricerca tecnologica sono integrate dalla competenza nell'area di supporto alle politiche di innovazione.

La delegazione della Regione Puglia, guidata dal presidente, ha incontrato Wolfgang Knoll, direttore scientifico dell’AIT, Stéphane Compant, scienziato del centro di Salute e Biorisorse, Andreas Vrabl, responsabile del Centro Laboratorio di visione artificiale, Angelos Chronis, scienziato laboratorio di intelligenza urbana; presente anche la delegazione dei ricercatori italiani composta da luisa Torsi, Eleonora Macchia, Francesco Giordano, Paolo Bollella e Gaetano Scamarcio per l’Universita degli studi di Bari, e da Fabrizio Torricelli per l’Università degli studi di Brescia.


“Siamo qui per immaginare di fare insieme qualcosa di concreto subito tra la Puglia e l’Austria - ha dichiarato il presidente della Regione Puglia - ne abbiamo parlato ieri con l’Ambasciatore a livello istituzionale e oggi con i vertici dell’AIT, istituto di riferimento nazionale e internazionale per interfacciare scienza e industria. Con la professoressa Torsi e tutto il gruppo di studio si stanno muovendo già i primi passi per importanti collaborazioni. l’AIT permette l'innovazione attraverso la sua competenza scientifico-tecnologica, l'esperienza di mercato, le strette relazioni con i clienti e l'infrastruttura di ricerca di alta qualità. Speriamo davvero di aver gettato le basi per nuovi e proficui percorsi di crescita per la nostra regione”.

“È iniziato tutto con un progetto accademico che cercavamo di sviluppare con la prof.ssa Luisa Torsi dell’Università di Bari – ha dichiarato Wolfgang Knoll, managing director AIT –. Le cose buone iniziano spesso con la comunicazione personale e le amicizie personali e così si può sviluppare qualcosa di buono assieme. Quando ho sentito che il presidente della Regione Puglia sarebbe venuto in visita, ho pensato che fosse un’ottima opportunità, perché le nostre due regioni in effetti hanno molte cose in comune. Sia la bassa Austria, dove abbiamo iniziato, sia la Puglia, sono territori a forte vocazione agricola. Però adesso si stanno aprendo al futuro e vogliono svilupparsi nella direzione della tecnologia. Dunque, vogliamo collaborare per aprirci meglio al futuro con le nuove tecnologie. E questo si può fare meglio insieme, piuttosto che camminando ciascuno per la propria strada”.

A seguire la delegazione si è spostata per far visita alla sede del più grande fornitore regionale di energia in Austria e filiale dell'azienda municipale Wiener Stadtwerke, la Wien Energie. Si tratta del più importante impianto di termovalorizzazione a zero impatto ambientale austriaco, che produce energia, calore e raffreddamento da fonti di energia rinnovabili come il solare, l'eolico e l'idroelettrico, nonché da biomasse, dall'incenerimento smaltimento dei rifiuti e dalla tecnologia di cogenerazione.

“La visita all'impianto di Spittelau - ha spiegato Gianna Elisa Berlingerio - ha consentito alla delegazione pugliese di approfondire i temi legati all’approvvigionamento energetico. La Puglia sta investendo nella transizione energetica, tanto da dotarsi, di recente, di un Osservatorio Regionale sull’Idrogeno, previsto dalla legge regionale approvata per promuovere e sostenere la sperimentazione del vettore idrogeno come ulteriore valorizzazione degli impianti di produzione di energie elettrica da fonte eolica e solare e come sistema per evitare la dispersione di energia, per l'alimentazione pulita di impianti industriali e per la mobilità sostenibile”.


L’appuntamento principale della missione sarà nel pomeriggio, alle 18.30: la cerimonia per il conferimento della prestigiosa Wilhelm Exner Medal a Luisa Torsi, docente ordinaria di Chimica all’Università degli Studi di Bari e vice presidente del Consiglio scientifico nazionale del CNR, attestazione internazionale che viene assegnata agli scienziati che hanno avuto un impatto diretto sulle imprese e sull’industria per i loro risultati scientifici. La premiazione, a due giorni dalla sigla dell’accordo tra Regione Puglia, Università di Bari e Università di Brescia, è il risultato dell’intenso e straordinario lavoro di ricerca che la professoressa Torsi ha svolto nel campo della diagnosi precoce di un numero considerevole di patologie sia umane sia del mondo vegetale attraverso l’analisi di campioni prelevati con metodi non invasivi (es. saliva) per l’individuazione anche di una singola molecola. Quindi con uno screening di massa si potranno individuare i soggetti che sicuramente sono affetti da una patologia molto prima che i sintomi si palesino. Di qui, la volontà della Regione Puglia di investire nel progetto al fine di sviluppare tecnologie abilitanti ad elevatissime prestazioni per il controllo di malattie infettive e la prevenzione di altre gravi patologie.

“I ricercatori e gli scienziati italiani si fanno onore nel mondo, confermando il ruolo dell’Italia come superpotenza culturale - ha detto l’Ambasciatore italiano a Vienna Stefano Beltrame - Oggi viene premiata la Prof.ssa Torsi dell’Università di Bari dalla prestigiosa istituzione austriaca “Wilhelm Exner Medal Foundation” alla presenza del Presidente della Regione Puglia in visita qui a Vienna”.

Sanità, Bellomo (Lega): "Servono misure stroardinarie per situazione di emergenza nei pronto soccorso"

BARI - “La situazione emergenziale che si vive in tutti i Pronto soccorso degli ospedali della Puglia impone un’iniziativa immediata e risolutiva da parte del presidente della Giunta e dell’assessore competente. Ho presentato un’interrogazione urgente al governatore Emiliano e al dottor Rocco Palese per sapere quali dettagliate misure straordinarie di adeguamento del personale e dei posti letto intendano adottare al fine di evitare un ulteriore tracollo, nel rispetto delle esigenze di cittadini e personale sanitario e della qualità dei servizi erogati". Così in una nota Davide Bellomo, capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Puglia.

Poi prosegue: "Dopo aver denunciato in prima persona tanti episodi, tra pazienti parcheggiati, e in qualche caso dimenticati, sulle barelle, stanze con persone ammassate promiscuamente in uno spazio minimo e familiari appesi alla speranza di una chiamata per avere notizie dei propri cari, lo scenario è da girone dantesco per chi presta assistenza e per chi deve riceverla. Mentre mi domando quale legge del contrappasso avrebbe escogitato il Sommo Poeta per Emiliano e Palese, molto più modestamente chiedo proprio a loro, che hanno la responsabilità della sanità regionale, di non lasciare cadere nel vuoto l’ennesimo appello a colmare un sottodimensionamento strutturale delle piante organiche che non è degno di un Paese civile. In Regione giacciono una serie di proposte che puntano alla risoluzione di questi problemi, a cominciare proprio dal sovraffollamento del pronto soccorso e dalla lacunosa gestione delle liste di attesa. L’imminente periodo estivo, con un numero di presenze ovviamente in aumento e le ferie legittime di un personale sanitario spremuto per due anni come un limone, fa prevedere un peggioramento di una situazione già grave. O si prendono provvedimenti immediati, facendo tesoro degli errori del passato, oppure si rischia una situazione incendiaria e dagli effetti prevedibilmente imprevedibili”, conclude Bellomo.

Di Maio: "Ue sia più coraggiosa su tetto al prezzo del gas"

(Agenzia Vista) Napoli, 17 maggio 2022 - Sull'energia crediamo che l'Ue debba essere molto più coraggiosa. Maggiore coraggio serve anche sul fronte dell'importazione del petrolio dalla Russia, sul quale c'è un unico Paese che sta bloccando questa decisione, Questo riporta al dibattito sul superamento unanimità in Ue", perchè "un solo Paese non può bloccarne altri 26". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervenendo al meeting Techagricolture, in corso a Napoli.
© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo