Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Politica. Mostra tutti i post

Salvini: "Lo Stato c'è, sradicheremo i clan"


ROMA - Il ministro Salvini risponde dalle pagine di In Terris all'appello alla legalità lanciato sul quotidiano dal giornalista siciliano sotto scorta Borrometi, ripetutamente minacciato dalla criminalità organizzata anche per questa sua ultima denuncia pubblica, in merito alla tragica morte a Vittoria dei cuginetti. 

"Caro Direttore - scrive il vicepremier e ministro dell'Interno - apprezzo e condivido l'appello di Paolo Borrometi. Vittoria non va abbandonata. E la mafia va combattuta con forza ogni giorno, senza abbassare lo sguardo. Voglio parlare con i fatti. Rivendico il commissariamento del Comune effettuato nel settembre scorso, i patti per la sicurezza, il lavoro degli stessi commissari per riportare ordine nelle casse comunali, recuperare i tributi e ripristinare legalità nella macchina burocratica. E poi l'impegno delle Forze dell'Ordine: nei primi sei mesi dell'anno sono state arrestate circa 80 persone, migliaia i soggetti e i veicoli controllati (6 dei quali confiscati), 260 i denunciati in stato di libertà. Sono state fatte multe per quasi 130 mila euro".

"Il mio impegno - conclude - è passare dalle parole ai fatti, combattendo l'illegalità con i fatti e non con le chiacchiere. Intendo dimostrare che lo Stato c'è e mette in campo tutte le risorse per arrestare i criminali e cancellare non solo i clan ma anche le mentalità mafiose. Faremo sempre di più e meglio. Io ci credo". 

Rom: Salvini invia a prefetti circolare su censimento

ROMA - Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha firmato una circolare indirizzata a tutti i prefetti per chiedere una relazione sulla presenza di insediamenti rom, sinti e caminanti. L'obiettivo - rende noto il Viminale - è quello di verificare la presenza di realtà abusive per predisporre un piano di sgomberi. Il Viminale si aspetta di avere il quadro definito della situazione entro due settimane.

Fondi russi alla Lega: procuratore, "Nessuna necessità di sentire Salvini"


ROMA - Il procuratore Francesco Greco smentisce la necessità da parte della procura milanese di sentire Matteo Salvini nell'ambito dell'indagine sui presunti finanziamenti russi alla Lega. "Assolutamente no", ha risposto alla domanda dei giornalisti". 

"Le indagini sono lunghe, laboriose, complesse, internazionali", ha continuato Greco, specificando che oggi non sono previsti interrogatori ma solo "un confronto di idee tra i magistrati". In mattina si è svolto un vertice tra Greco e il procuratore aggiunto Fabio De Pasquale, che segue le indagini assieme ai pm Gaetano Ruta e Sergio Spadaro. Quanto alla possibilità di una rogatoria in Russia, Greco ha chiarito: "Se anche la facciamo abbiamo bisogno di tempo per tradurla".

Sanità, cartello tra Roche e Novartis, M5S: “La Regione si è attivata per chiedere il rimborso di 45 milioni di euro?”


BARI - “Da un anno e mezzo attendiamo di sapere dall’assessore alla Sanità Emiliano quanto sia stato speso dal 2008 per l’acquisto dei farmaci Avastin e Lucentis e di attivarsi per ottenere il risarcimento delle maggiori spese sostenute per l’acquisto del secondo farmaco, pari a 45 milioni di euro. Oggi, che anche il Consiglio di Stato ha respinto i ricorsi Novartis e Roche confermando quanto stabilito dall’Antitrust sul ‘cartello’ delle due società, torno a chiedere a Emiliano se la domanda per ottenere il risarcimento previsto sia stata inoltrata nei termini stabiliti (lo scorso 28 febbraio) o la Giunta abbia fatto perdere questi soldi alla Puglia. Fondi che potrebbero essere usati per migliorare il servizio sanitario regionale”. Così il consigliere del M5S Mario Conca. 

Il 27 febbraio del 2014 l’Antitrust ha inflitto sanzioni per un valore di circa 180 milioni di euro, alle società produttrici dei due farmaci, che avrebbero fatto 'cartello' per favorire le vendite del farmaco Lucentis, molto più costoso dell’Avastin (40 euro a fiala per l’Avastin e  circa 900 a fiala per il Lucentis). Entrambi i farmaci sono usati per la cura della maculopatia, il Lucentis è però classificato in classe H, mentre l’Avastin è tra gli antitumorali, nonostante l’uso intravitreale ne abbia dimostrato ampia efficacia nella cura della degenerazione maculare senile e delle maculopatie essudative. Secondo quanto stabilito dall’Antitrust l’illegittimità dell’accordo tra le due aziende avrebbe generato una maggiore spesa sanitaria per le Regioni di circa 1,2 miliardi di euro. Il TAR Lazio e la Corte di Giustizia Europea hanno confermato il provvedimento dell’Antitrust e oggi la sentenza del Consiglio di Stato ha confermato quella del TAR.

“Se la Regione non si è attivata per riavere quello che gli spetta - conclude Conca - presenterò un esposto alla Corte dei Conti per valutare se ci siano gli estremi per un possibile danno erariale. Emiliano invece di pensare alla ricandidatura si occupi della sanità pugliese, tristemente tra le peggiori in Italia per la qualità dei servizi offerti”.

Consiglio Puglia: sì a proposta di legge su estensione reti idriche e fognarie


BARI - Si all’unanimità del Consiglio regionale alla proposta di legge sulla “Misure per l’estensione delle reti idriche e fognarie”, presentata da Amati (primo firmatario), Blasi, Campo, Colonna, Mennea e Pentassuglia. 

Il provvedimento, approvato con emendamenti, punta a dotare del servizio integrato gli immobili ad uso prevalentemente civile in zone con destinazione agricola e turistica, attraverso la realizzazione di nuovi reti idriche e fognarie all’esterno del perimetro dell’agglomerato di competenza. La realizzazione dell’opera è subordinata all’autorizzazione dell’Autorità idrica pugliese che deve riconoscere le relative spese nella tariffa del Servizio idrico integrato “compatibilmente con le disponibilità economico-finanziarie e con la sostenibilità tariffaria”. 

In particolare per gli insediamenti rurali e nei territori extraurbani sarà possibile garantire le modalità di allaccio singolo tramite un contatore da posizionare lungo la rete di distribuzione sull’asse viario principale. La realizzazione e gestione dalla rete di distribuzione dal contatore a un'abitazione o attività sarà a carico degli utenti interessati. 

Manovra, Conte contro Salvini: "Scorrettezza istituzionale"

(ANSA)
ROMA - "La manovra economica viene fatta qui, con il ministro dell'Economia e tutti i ministri interessati. Non si fa altrove, non si fa oggi e tengo a precisare che i tempi li decide il presidente del Consiglio. I tempi non li decidono altri". Lo dichiara il premier Giuseppe Conte, commentando coi cronisti l'incontro del ministro dell'Interno Matteo Salvini con le parti sociali al Viminale.

"Se oggi qualcuno pensa che non solo si raccolgono istanze da parte delle parti sociali ma si anticipano dei dettagli di quella che ritiene debba essere la manovra economica, questo non è corretto affatto e si entra sul terreno di scorrettezze istituzionale", ha poi detto il premier.

"Se siamo nella logica di un incontro di partito, ci sta bene la presenza di Siri, se siamo nella logica di un incontro governativo, allora la presenza di Siri non ci sta bene", ha aggiunto Conte, commentando la presenza dell'ex sottosegretario leghista Armando Siri al vertice, "che un leader di una forza politica voglia incontrare le parti sociali, la ritengo una cosa buona e giusta. Anche il ministro e vicepresidente Di Maio potrebbe fare altrettanto per M5s". 

Salvini: "Non voglio sostituirmi al premier" - "Senza voler togliere il lavoro a nessuno e senza volersi sostituire a nessuno è nostro dovere raccogliere suggerimenti di chi produce in Italia". A dichiararlo il vicepremier Matteo Salvini, che ha rivendicato il diritto di incontrare le parti sociali sulla manovra al Viminale, malgrado le perplessità fatte trapelare da Palazzo Chigi già la settimana scorsa.

 "È l'inizio di un percorso - ha detto Salvini secondo quanto riferiscono alcune fonti - Non vogliamo sostituirci al presidente del Consiglio". Salvini avrebbe inoltre affermato che il governo sta preparando una manovra economica anticipata raccogliendo i suggerimenti delle parti: "La manovra economica la facciamo insieme". 

Conte: "Salvini 'accoltellato allo schiena'? Non l'ha mai detto"

ROMA - Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, uscendo da Palazzo Chigi per una pausa caffè risponde alle domande dei giornalisti: "Respingo, non esiste. So che Salvini non l'ha detta, non l'ha pensata, non l'ha dichiarata. E' stato assicurato. Non sta né in cielo né in terra. Quando è uscita la mia precisazione, uscita la sera, nel pomeriggio Salvini ovviamente è stato informato, anche tramite la sua portavoce, quindi era assolutamente una anticipazione che ho ritenuto fare a lui".

Piano di riordino, M5S: “Assistenza territoriale ancora a zero”


BARI - “Siamo alla sesta delibera per la modifica del piano di riordino e ancora una volta ci troviamo davanti al libro delle buone intenzioni che, sulla carta, rispecchia le richieste del DM 70 per riorganizzare la rete ospedaliera. Peccato che la realtà sia del tutto diversa, scelte che hanno sguarnito i bacini periferici delle province pugliesi e un'assistenza territoriale sempre pregna di delibere innovative prive di impegni di spesa. Che senso ha continuare a modificare il testo, che il prossimo giovedì verrà portato a Roma, senza tenere conto non solo delle nostre osservazioni, ma anche di quelle degli addetti ai lavori e di chi lavora sui territori? La partecipazione evidentemente per Emiliano è solo uno slogan”. Lo dichiarano il capogruppo del M5S Marco Galante e il consigliere Mario Conca al termine della seduta della III commissione in cui si è tenuta l’audizione del direttore del dipartimento regionale delle Politiche della Salute Vito Montanaro sul piano di riordino ospedaliero. 

“Avremmo voluto chiedere al Presidente/Assessore della scelta, su cui ancora attendiamo  spiegazioni - incalzano i pentastellati -  di rimodulare i  400 milioni di euro  previsti per i PTA (presidi d’assistenza territoriale), gli ospedali di Comunità e i CPT, facendoli diventare 60 milioni. Peccato che sia impegnato nell’ennesima missione istituzionale, a quanto pare più importante della salute dei pugliesi. E se anche ci fosse stato, ci avrebbe propinato la sua versione dei fatti ben lontana dalla realtà, come accaduto per la chiusura del punto nascita di Bisceglie. Abbiamo ancora bene impresse le sue parole nel consiglio comunale monotematico in cui scaricava la colpa della chiusura sul Ministero, parlando di una sua risolutiva richiesta di deroga, mentre la realtà è ben diversa: il Ministero non c’entra e la chiusura del punto nascita era stata richiesta dal Dipartimento Regionale della Salute nel 2017, come poi, carte alla mano, è stato costretto ad ammettere. Siamo stanchi di queste continue bugie e tentativi di scaricabarile per giustificare un piano pensato male e progettato peggio che non andava semplicemente rivisto, ma totalmente modificato. Un piano fatto di tagli e chiusure immediate a fronte della realizzazione di nuovi ospedali certamente non prossima nel tempo e di promesse di future riconversioni,  che al momento non si sa ancora come realizzare, figuriamoci quando. Ed ancora, un piano che espressamente preannuncia che anche il sistema dell’emergenza urgenza sarà oggetto di profonda trasformazione con necessità di ulteriore revisione del sistema predetto in termini di numero di postazioni, collocazione delle stesse, tipologia di equipaggi. Un documento efficace quindi solo sulla carta - concludono - ma i cui unici effetti al momento, sono l’affollamento dei Pronto Soccorso, i  PPI chiusi e i posti letto tagliati”.

De Leonardis: "Tromba d'aria a San Nicandro, servono risorse straordinarie dalla Regione"

BARI - "Lo scorso sabato, una violenta tromba d'aria, una pioggia battente e raffiche di vento di notevole intensità e durata hanno prodotto danni devastanti sul Gargano, in particolare nel comune di San Nicandro Garganico, nella frazione balneare di Torre Mileto, nella Piana di Sagri, lungo la strada provinciale 42". Così in una nota il consigliere regionale Giannicola De Leonardis.

"Gran parte dei raccolti agricoli - prosegue - sono andati distrutti, e la locale amministrazione con le sue risorse limitate e i pochi mezzi a disposizione non può certo affrontare da sola un tale disastro. Per questo, auspico un immediato intervento delle strutture regionali preposte all'emergenza per avere contezza della situazione, e avviare tutte le azioni necessarie per provvedere al ritorno alla normalità, alla messa in sicurezza delle comunità interessate e al ristoro degli agricoltori e imprenditori che hanno visto vanificato i loro sforzi e i loro investimenti. Sul piano politico, alla vigilia della discussione sul Bilancio, sollecito il reperimento di risorse straordinarie da destinare a quest'area da tempo esposta al rischio idrogeologico, ma sistematicamente penalizzata e ignorata nonostante il ripetersi di avversità e calamità che amplificano errori, ritardi, mancati interventi di prevenzione", conclude De Leonardis.

Conte: "Fiducia in Salvini ma dobbiamo trasparenza"


ROMA - "L'ho già chiarito che ho fiducia nel mio ministro dell'Interno Salvini, ovviamente dobbiamo trasparenza e io per quanto mi riguarda l'ho resa nella massima forma e credo che la questione per quanto riguarda il ruolo della presidenza del Consiglio sia abbastanza definito". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte a margine delle Universiadi. "Per quanto di competenza ho reso un chiarimento che ho ritenuto doveroso, con la precisazione sulla partecipazione del signor Savoini alla famosa cena con Putin", ha aggiunto.

Pensa sia a rischio della tenuta della maggioranza per il caso Savoini? "Direi di no, anche perché il signor Savoini non ha mai avuto un incarico di governo, quindi il fatto che questa indagine, che al momento riguarda solo lui, possa mettere a rischio la tenuta del governo mi sembra al momento un'osservazione impropria".

Palazzo Chigi: "Invito a Savoini sollecitato da un consigliere di Salvini"


ROMA - "Un doveroso chiarimento. Continuano a pervenire alla Presidenza del Consiglio richieste di informazioni sulla presenza del sig. Gianluca Savoini alla cena che si è tenuta a Roma, a Villa Madama, la sera dello scorso 4 luglio, in onore del Presidente Putin. Come già anticipato, il Presidente del Consiglio non conosce personalmente il sig. Savoini". È quanto si apprende in una nota diffusa da Palazzo Chigi.

"La cena è stata offerta dal Presidente Conte e l'invito è stato esteso anche a tutti i partecipanti al Forum di dialogo italo-russo delle società civili - sottolinea la nota - che si è tenuto il pomeriggio dello stesso giorno presso la Farnesina. Il suddetto Forum è stato organizzato dalla Presidenza del Forum stesso e dall'Ispi. Dopo aver compiuto tutte le verifiche del caso, si precisa che l'invito del sig. Savoini al Forum è stato sollecitato dal sig. Claudio D'Amico, consigliere per le attività strategiche di rilievo internazionale del Vicepresidente Salvini, il quale, tramite l'Ufficio di Vicepresidenza, ha giustificato l'invito in virtù del ruolo dell'invitato di Presidente dell'Associazione Lombardia-Russia e ha chiesto ai funzionari del Presidente del Consiglio di inoltrarla agli organizzatori del Forum. L'invito alla cena del sig. Savoini è poi stata una conseguenza automatica della sua partecipazione al Forum", conclude la nota. 

Depuratore Sava-Manduria e querelle su Torre Colimena: intervento di Emiliano

BARI - Si riporta di seguito l’intervento pubblicato dal presidente dell Regione Puglia Michele Emiliano sulla sua pagina Facebook. "Non esiste nessun decisione sulla alimentazione con acqua dolce della vasca di affinamento di Torre Colimena. Depuratore di Sava-Manduria necessario per difendere il dall’inquinamento che oggi devasta la falda sotterranea e il mare.

Il dibattito sul depuratore consortile di Manduria e Sava - dichiara Emiliano - dura da molti anni e ha determinato la mia amministrazione a scegliere di eliminare lo scarico a mare delle acque depurate con condotta sottomarina.

Si tratta dell’unico depuratore di tutta la Puglia le cui acque depurate non finiranno in mare come obbligano a fare le leggi italiane e le leggi europee in presenza di corpo idrico superficiale quale è il mare.

Il mare infatti viene considerato il recapito delle acque da depurazione più rispettoso in assoluto dell’ambiente visto che ha la migliore capacità di abbattimento della carica batterica.

Abbiamo fatto questa scelta straordinaria e inizialmente addirittura vietata dalla legislazione italiana ed europea (abbiamo dovuto sollecitare e attendere dei mutamenti normativi e chiedere delle specifiche deroghe allo scarico in mare al Ministero dell’Ambiente) per assecondare una richiesta pressante delle popolazioni residenti intimorite dallo scarico in mare delle acque depurate.

Tali preoccupazioni erano del tutto infondate (lo scarico in mare è legale e viene considerato il più efficiente in assoluto da tutta la letteratura scientifica), ma ciononostante ho ritenuto di ascoltare e accontentare le numerosissime istanze di eliminazione dello scarico a mare con condotta sottomarina.

Grazie ai tecnici della Regione Puglia e dell’Acquedotto Pugliese abbiamo progettato un sistema di riutilizzo delle acque depurate in agricoltura  e smaltimento dei quantitativi residuali su suolo in trincee drenanti e vasche di contenimento che consentiranno la definizione di una nuova zona umida che a breve sarà colonizzata da flora e fauna di pregio.

Ne consegue che la polemica politica che ancora infuria su questa fondamentale struttura posta a tutela del mare e della falda dall’inquinamento che attualmente devasta l’area e che potrebbe determinate l’apertura da parte della Unione Europea di una procedura di infrazione è frutto di una totale incomprensione delle scelte tecniche che sono state adottate dai progettisti.

Addirittura alcuni soggetti, una volta resisi conto che avevamo effettivamente eliminato lo scarico a mare delle acque depurate e che dunque eravamo pronti a iniziare i lavori del depuratore, hanno aperto una nuova polemica sulla localizzazione dello stesso che in precedenza nessuno aveva posto.

Abbiamo spiegato che le modifiche progettuali che avevamo realizzato per eliminare lo scarico a mare delle acque depurate ci erano state cortesemente concesse già fuori tempo massimo dalla ditta appaltatrice di Aqp che si era aggiudicata i lavori già prima che io divenissi Presidente della Regione e che lo spostamento del sito del
depuratore dal luogo indicato dai Comuni di Avetrana e di Manduria non era più possibile senza che i predetti comuni si facessero carico dei costi milionari delle multe europee per l’inquinamento in atto e dell’azzeramento delle gare già espletate.

Nonostante questi vincoli derivanti dalla gara già espletata dalle precedenti amministrazioni,  la Regione Puglia attraverso il confronto con la cittadinanza e la partecipazione dei territori, ha rivoluzionato il progetto iniziale eliminando lo scarico a mare in condotta sottomarina delle acque depurate.

La Regione non si è mai sottratta agli incontri con tecnici, amministratori locali e cittadini per spiegare, ma soprattutto per ascoltare.

Ci sono state ben sei proposte progettuali discusse, valutate e istruite dagli uffici con la partecipazione di tutti i soggetti del territorio.

Adesso nasce una ennesima “querelle” sulle modalità di scarico delle acque di prima pioggia dell’area del depuratore, il così detto scarico di emergenza, che non ha nulla a che vedere con lo scarico delle acque depurate dal depuratore o peggio con i liquami o con ciò che potrebbe fuoriuscire in caso di guasti.

La legge obbliga tutti gli impianti industriali e persino i semplici parcheggi, nei casi di piogge brevi ed intense, a dotarsi di simili impianti che entrano in funzione non più di dieci volte all’anno calcolati in base alla frequenza di piovaschi eccezionali.

Si dice da parte di alcuni che il recapito finale delle acque di prima pioggia depurate sarà la vasca artificiale di affinamento del consorzio irriguo dell’Arneo sita a Torre Colimena.

Effettivamente - spiega Emiliano - questa è una delle possibilità perché tale vasca di affinamento si sta progressivamente salinizzando a causa dell’intrusione dell’acqua marina con grave danno della flora e della fauna che ivi si è stanziata.

Ma nessuna decisione è stata ancora presa e nulla vieta di installare lo scarico delle acque di prima pioggia in altro sito, in ogni caso costituito da un corpo idrico superficiale.

Dunque la questione relativa al punto di localizzazione dello scarico di emergenza è del tutto aperta.

In sede di conferenza dei servizi che sarà incardinata presso gli uffici regionali competenti potranno essere proposte e valutate altre soluzioni aventi caratteristiche progettuali adeguate e conformi alla legge per quest'ultimo punto di emergenza.

Ció che dovrebbe preoccupare i tanti speculatori politici di questa vicenda è che senza depuratore non sarà possibile allacciare alla fogna pubblica centinaia di case sulla costa  che oggi stanno inquinando il mare che tanto dicono di voler difendere", conclude Emiliano.

Zingaretti: "Pd unica alternativa a deriva italiana"


ROMA - Dobbiamo avere fiducia, nulla è prestabilito. Abbiamo fatto un primo passo, ma ora vogliamo fare la storia. Il Pd è l'unica alternativa credibile a questa deriva italiana". Così il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, nella sua relazione all'assemblea nazionale del Pd.

"Saluto con orgoglio il nuovo Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, un democratico, un europeista - ha aggiunto Zingaretti -. A chi ci diceva scioglietevi dico che siamo noi a rappresentare l'Italia nelle istituzioni europee". 

"Oggi apriamo nuova fase: il primo compito è imporre un'altra agenda, non essere subalterni agli altri, essere proprietari del nostro destino". "Abbiamo contro una forte destra illiberale. Ora - prosegue - guardare in faccia a questa destra è il modo migliore per sconfiggerla".

"I Cinque stelle sono diventati un'amara stampella. E tanti elettori se ne stanno accorgendo. Quindi non basta più urlare e denunciare - ha detto poi il segretario del Pd nella sua relazione all'assemblea nazionale del Pd -. Sono io il primo a dirlo. Ora serve aprire una seconda fase per definire le nostre proposte e imporre una nuova agenda, aprendo un grande confronto nel Paese, su un grande piano per l'alternativa". 

"Sul partito dobbiamo cambiare tutto: così non si può andare avanti, basta arcipelago dove si esercita il potere, con un regime correntizio che soffoca tutto", ha aggiunto Zingaretti. "Ci sono realtà territoriali feudalizzate, c'è ancora patrimonio di militanti prezioso". "Serve una rivoluzione o non ce la facciamo", ha dichiarato il segretario dem.

Sea Watch, Salvini: “Viva Carola, mandatela ad Hollywood o a Temptation Island”


FERRARA - Il ministro dell'Interno e leader della Lega Matteo Salvini ha partecipato alla festa della Lega a Ferrara dove ha tenuto un breve comizio per salutare i militanti del partito. I premi alla capitana di Sea Watch Carola Rackete? «Siamo su 'Scherzi a parte'. (Courtesy Facebook Salvini)

Salvini colto dal vento in spiaggia: “Spero non arrivi dalla Russia sennò qualcuno aprirà indagine”

MILANO MARITTIMA - Salvini pubblica un video dalla riviera romagnola in cui torna a ironizzare sull'inchiesta riguardante i fondi russi alla Lega. (Courtesy Instagram Salvini)

Renzi attacca Salvini, "faccia un selfie-querela"

ROMA - "C'è opacità in quel che Salvini afferma. Il punto fondamentale è che questo stava al tavolo di Salvini e quando Salvini dice querelo tutti quelli che accostano i soldi russi alla Lega e vuole querelare, quereli il suo uomo. Salvini, girati verso i tuoi, fatti un selfie, sarà la prima selfie-querela". Sono le parole dell'ex segretario del Pd Matteo Renzi, che ha attaccato il leader della Lega sui presunti fondi dalla Russia. "Dobbiamo chiedere trasparenza, glielo chiedo anche in russo: Tovarisch Salvini, glasnost!', ha continuato Renzi.

Molinari (Lega): "Appendino è un sindaco delegittimato"

ROMA - "Chiara Appendino è un sindaco delegittimato. Io non chiedo mai le dimissioni di alcuno. Ma è chiaro che qui siamo di fronte a un primo cittadino che ormai è un corpo estraneo rispetto alla città: tragga lei le sue conclusioni". Lo dichiara all'Agi il capogruppo della Lega alla Camera e segretario del partito in Piemonte, Riccardo Molinari, tornando sulla vicenda del 'trasloco' del Salone dell'auto da Torino a Milano e delle responsabilità politiche dell'amministrazione M5s.

"Appendino, putroppo - sostiene Molinari - è vittima delle contraddizioni dei 5 Stelle. Sulle Olimpiadi invernali del 2026 hanno fatto una figuraccia per questioni ideologiche. Sull'Alta velocità, sotto scacco dei 'No Tav', hanno preso una posizione che e' disconnessa rispetto a quella del territorio. E per quanto riguarda il Salone dell'auto hanno pagato - mi sembra evidente - le dichiarazioni di un vice sindaco che si è vantato di aver mandato i vigili a fare le multe agli organizzatori l'anno passato e si augurato che la gradine impedisse la manifestazione. Salvo poi ritrattare goffamente quando è stato ripreso dal sindaco... Non c'e' da sorprendersi se gli organizzatori hanno scelto un altro posto", ha aggiunto il leghista.

Carceri: Tateo, in arrivo 97 nuovi agenti Polizia Penitenziaria


BARI - “A partire dal 1° agosto, sono in arrivo nuovi agenti di Polizia penitenziaria nelle strutture carcerarie del provveditorato Puglia e Basilicata. Sono 97 in tutto, di cui 40 uomini e 57 donne. La Lega ha raccolto il grido d’allarme degli istituti carcerari ed il Governo ha voluto dare una prima risposta alla cronica carenza di organico. Il nostro obiettivo fondamentale è il miglioramento della vita e della sicurezza per gli agenti, che a loro volta lavorano per mantenere l’ordine all’interno delle carceri e il corretto svolgimento della vita dei detenuti. Nonostante le continue e spesso pretestuose critiche, siamo passati ancora una volta dalle parole ai fatti”. Lo dichiara in una nota la deputata pugliese della Lega e membro della Commissione II - Giustizia, Anna Rita Tateo.

Strage treni del 2016, Di Bari: "Un immenso dolore che mi spinge a pretendere risposte"

BARI - In occasione del terzo anniversario dell’incidente ferroviario sulla tratta Andria - Corato la consigliera regionale del M5S Grazia Di Bari ha pubblicato il seguente post sulla sua pagina Facebook: “Sono passati 3 anni dal tragico incidente ferroviario sulla tratta Andria-Corato. Un incidente che ha svelato quanto fosse pericoloso viaggiare su quei treni, una verità difficile da accettare e comprendere. Per anni abbiamo creduto di viaggiare sicuri, per tutti era il trenino, da piccola mia madre mi metteva sul treno e da sola andavo a Barletta dove c'era sempre qualcuno ad aspettarmi. Vi dico questo - prosegue - per farvi comprendere la fiducia che riponevamo su quella ferrovia. Ma non era così e quando l'ho scoperto è stato un colpo duro da sopportare: un dolore che mi ha spinta a pretendere risposte, a pretendere che chi doveva controllare si assumesse le proprie responsabilità per non averlo fatto. Ho cercato e cerco di dare voce agli studenti e pendolari che ancora oggi subiscono i disagi di viaggiare con corse e autobus sostitutivi insufficienti, in piedi stretti come sardine, senza sicurezza. Ho chiesto che la concessione a Ferrotramviaria fosse revocata, invece la Regione unica ad averne la competenza, l'ha addirittura rinnovata. Una beffa che si aggiunge ai danni enormi che ancora oggi subiamo. Per lungo tempo ho sentito il senso di frustrazione e solitudine, poi uno squarcio di speranza si è aperto quando anche i giudici hanno supposto che la Regione potesse essere responsabile per non aver controllato e per aver rinnovato la concessione a Ferrotramviaria. È un piccolo passo verso la giustizia per le 23 vittime e i 51 feriti di quel tragico 12 luglio 2016. C'è ancora tanto lavoro da fare, tanti ostacoli da superare, e sono tante le risposte che ancora attendiamo, ma tutto questo non mi spaventa perché ho la testa dura e tanta determinazione”, conclude Di Bari.

Lega-fondi russi, Salvini: "Savoini? Non l'ho invitato io"


ROMA - "Savoini non era invitato dal ministero dell'Interno", né a Mosca, nell'ottobre 2018, né a Villa Madama nell'incontro bilaterale con Putin. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Riferendosi alla visita a Mosca, Salvini ha aggiunto: "posso produrre i documenti di tutti i passeggeri che hanno viaggiato con me. Che ne so cosa ci facesse al tavolo? Chiedetelo a lui. Faccio il ministro dell'Interno e preferisco occuparmi di cose serie. Questa inchiesta è ridicola"

"E' tutto ridicolo. Non abbiamo mai chiesto un rublo, un dollaro, un gin tonic, un pupazzetto a NESSUNO. Rispetto il lavoro di tutti. Ho la coscienza a posto. Querelerò chi accosterà soldi della Lega alla Russia. Bilanci Lega TRASPARENTI". A scriverlo in un tweet il vicepremier, tornando sulla vicenda dei presunti fondi dalla Russia alla Lega.

Ieri lo scontro politico sul dossier è stato acceso con il Pd che ha chiesto una commissione d'inchiesta mentre M5s ha parlato della necessità di istituirne una su tutti i fondi dei partiti. Il premier Giuseppe Conte si è schierato con Salvini ("mi fido di lui") ma anche sottolineato la necessità che la magistratura faccia il proprio lavoro.

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Bricolage Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia