Libia: nuova strage di migranti. Salvini: "Ong tornano in mare e i migranti a morire"

ROMA - Nuova strage di migranti sulle coste della Libia. "A bordo del gommone avvistato ieri al largo delle coste di Tripoli c'er...

Choc in Spagna: uxoricida esce dal carcere, uccide la sua avvocatessa e si suicida

TERUEL - Questo venerdì avrebbe dovuto partecipare a una festa a sorpresa che stava preparando con altri amici. Ma lei è morta. Il corpo di Rebeca Santamalia Cancer, 47 anni avvocata, è stato ritrovato a Saragozza nella casa di José Javier Salvador Calvo che era stato condannato per l'omicidio della moglie. Uscito dal carcere grazie alla libertà condizionata, ha ucciso l'avvocatessa che lo aveva difeso e con la quale nel frattempo aveva allacciato una relazione e poi si è tolto la vita. La vicenda che ha scioccato la Spagna, alimentando il dibattito sulle leggi contro la violenza sulle donne, è avvenuta nella cittadina di Teruel, nella comunità autonoma di Aragona.

Il caso riguarda Jose Javier Salvador Calvo. L'uomo, 50 anni, era stato condannato a 18 anni di reclusione per aver ucciso a colpi d'arma da fuoco la moglie, Patricia Maurel Conte, 29 anni, nel maggio 2003. Rilasciato nel 2017 grazie alla libertà condizionata, l'uomo ha iniziato una relazione con Rebeca Santamalia Cancer, 47 anni, l'avvocatessa che lo aveva difeso al processo, secondo quanto riferiscono i media spagnoli. Venerdì, la polizia ha trovato il cadavere della donna, uccisa a coltellate, in un'abitazione al numero 21 di via Francisco de Pradilla a Saragozza, dopo che il marito ne aveva denunciato la scomparsa. Poche ore dopo, Calvo si è lanciato da un ponte a Tuerel.

Il caso ha scioccato la Spagna sottolinea Giovanni D'Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”. Su Twitter, il premier Pedro Sanchez ha ricordato che 4 donne sono state assassinate in pochi giorni nel Paese e si è impegnato a continuare a combattere la violenza sulle donne. Il tweet è stato visto come una reazione alla presa di posizione di Vox, il partito di estrema destra e molto influente in Andalusia, che vuole fermare gli aiuti legali per le donne picchiate dagli uomini, dicendo che favoriscono ingiustamente la donna. In Spagna Un totale di 978 donne sono state uccise dai loro partner o ex partner dal 2003.

Usa: procuratore Mueller stronca scoop di BuzzFeed su Trump

WASHINGTON - Colpo di scena sul Russiagate. Il procuratore speciale Robert Mueller ha definito il lavoro di due giornalisti 'impreciso'. Il presidente rischia Donald Trump l'impeachment. Mueller, che indaga sul Russiagate, rompe così il silenzio smentendo lo scoop di BuzzFeed sul presidente Usa che avrebbe chiesto al suo ex legale, Michael Cohen, di mentire sul progetto di costruzione di una 'Torre' con il suo nome a Mosca.

"La descrizione di BuzzFeed di specifiche dichiarazioni dell'ufficio dello speciale procuratore e la caratterizzazione di documenti e delle testimonianze ottenute da questo ufficio riguardanti l'audizione in Congresso di Michael Cohen è imprecisa", si apprende in una dichiarazione dal portavoce di Mueller, Pater Carr.

Si tratta di una mossa senza precedenti da parte dell'ex capo dell'Fbi che non ha mai direttamente commentato indiscrezioni di stampa. Trump ha prima retwittato la notizia e poi parlato di "un triste giorno per il giornalismo ma di un grande giorno per il Paese", ribadendo che le "Fake News sono davvero il nemico del popolo".

L'amore russo di Trump e le divisioni in America

di DOMENICO MACERI* - “È la domanda più offensiva che mi sia stata rivolta”. Ecco la risposta di Donald Trump alla conduttrice Jeanine Pirro della Fox News che le aveva chiesto se avesse mai lavorato per la Russia. Il sorriso ironico della Pirro  ci suggeriva che lei faceva la domanda solo per dare l'opportunità al presidente, amico della rete televisiva, di smentire i suoi contatti con la Russia. La plausibilità della domanda però era chiara, considerando il recentissimo articolo del New York Times secondo cui sarebbero esistiti sospettosi rapporti fra Trump e la Russia prima che fosse lanciata l'inchiesta del Russiagate. La Fbi aveva iniziato un'inchiesta su Trump sospettando che i comportamenti del presidente potessero mettere in pericolo la sicurezza degli Stati Uniti. L'inchiesta era stata iniziata  subito dopo che il 45esimo presidente aveva licenziato James Comey, l'allora direttore della Fbi.

L'articolo del New York Times citava fonti di individui che avevano lavorato nell'intelligence ed altri a conoscenza del contenuto. Pirro ha dato a Trump una prima possibilità di smentire ma un'altra gli si è presentata pochi giorni dopo  in un incontro con giornalisti. Il 45esimo presidente ha etichettato di nuovo la domanda come la più offensiva in vita sua.

Il fatto che un presidente americano debba smentire di non avere lavorato per la Russia, un Paese considerato avversario a livello mondiale, non si era mai verificato. Trump però ha una lunga storia di rapporti con la Russia, alcuni dei quali stanno divenendo sempre più chiari ma altri sono ancora celati. I comportamenti di Trump e dei suoi collaboratori hanno però acceso la miccia dell'inchiesta della Fbi riportata dal New York Times la quale fu dopo poco tempo consegnata da Rod Rosenstein, vice procuratore generale, a Robert Mueller, per investigare l'interferenza russa nell'elezione del 2016.

Non si conoscono tutti i dettagli che hanno spinto la Fbi a lanciare la loro inchiesta ma i legami fra Trump e la Russia erano già noti soprattutto nel campo delle finanze. Dal 2003 al 2017, per esempio, individui della Russia hanno acquistato in contanti 86 proprietà da Trump per un totale di 109 milioni di dollari. Una divisione della Deutsche Bank nel 2010  prestò all'allora tycoon centinaia di milioni di dollari durante il periodo che la banca stava riciclando miliardi di denaro russo. Le banche americane non volevano nulla a che fare con Trump per le sue bancarotte ma i russi presero il loro posto. Nel 2008 Donald J. Trump Junior ha dichiarato che “i russi contribuiscono una grande parte” dei loro fondi. L'altro figlio Eric ha dichiarato nel 2014 che possono ottenere tutti i prestiti che vogliono dalla Russia. Recentemente è anche venuto a galla che durante la campagna elettorale fino all'estate del 2016 Trump stava negoziando per una Trump Tower a Mosca con finanziatori russi.

L'interesse dei russi su Trump era già iniziato nel 1987 quando l'allora tycoon visitò Mosca per la prima volta. Craig Unger, nel suo libro “House of Trump, House of Putin”, ci informa che la Kgb avrebbe ottenuto informazioni compromettenti su Trump durante quella visita. I rapporti amichevoli fra Trump e individui russi ci vengono confermati da Trump stesso durante la campagna elettorale. Come si ricorda, tutti gli avversari dell'allora candidato Trump hanno subito i suoi tweet velenosi. Per Vladimir Putin, invece, Trump ha sempre riservato parole dolcissime, spiegando che i buoni rapporti con la Russia possono essere vantaggiosi per gli Stati Uniti.

I rapporti amichevoli di Trump con la Russia sono continuati anche dopo l'elezione. Il 45esimo presidente ha persino dichiarato nel suo incontro con Putin a Helsinki che la Russia non era responsabile dell'interferenza russa nell'elezione americana, contraddicendo le 17 agenzie di intelligence americane.

Nelle ultime settimane Trump ha fatto Putin molto felice quando ha annunciato il ritiro delle truppe americane dalla Siria. Inoltre Trump ha dichiarato che l'invasione dell'Afghanistan dell'Unione Sovietica nel 1979 era dovuta al terrorismo, tesi sostenuta dai russi ma da nessun altro. Si ricorda anche che gli attacchi di Trump agli alleati americani come la NATO hanno fatto molto piacere alla Russia la quale vede l'alleanza occidentale come un pericolo per la sua sicurezza.

In un'intervista alla Abc, il senatore Dick Durbin, democratico dell'Illinois, ha espresso preoccupazioni per la grande amicizia fra Trump e Putin, considerando il leader russo nemico degli Stati Uniti. Non ci sono al momento spiegazioni definitive ma l'inchiesta iniziale della Fbi ereditata da Mueller dovrebbe fornirle. Trump ha fatto di tutto per silurare il lavoro di Mueller ma non ci è riuscito. William Barr, l'individuo nominato dall'inquilino della Casa Bianca per sostituire Jeff Sessions, ministro della giustizia, ha dichiarato nelle sue testimonianze alla commissione del Senato per la sua conferma, che Mueller non farebbe mai parte di una caccia alle streghe. Barr ha concluso che l'inchiesta di Mueller deve seguire il suo corso per il bene del Paese.

Qualunque cosa Mueller scoprirà Putin ha già vinto, essendo riuscito a seminare discordia, considerando le fratture con gli alleati create da Trump. Ma la vittoria più notevole di Putin è la divisione nazionale che con l'elezione di Trump si è accentuata in America. Lo shutdown attualmente in corso, il più lungo della storia americana, continua a creare problemi agli americani, aggravando altresì il clima politico tossico di Washington. Proprio di questi giorni Nancy Pelosi ha chiesto a Trump di rinviare il tradizionale discorso annuale sullo stato dell'Unione al Congresso, citando problemi di sicurezza dovuti allo shutdown. Trump ha subito ribattuto negando il trasporto aereo per un viaggio estero che Pelosi aveva programmato per un incontro con alleati a Bruxelles e una visita alle truppe in Afghanistan.  Putin  non può fare altro che sorridere.

==================
Domenico Maceri, PhD, è professore emerito all’Allan Hancock College, Santa Maria, California. Alcuni dei suoi articoli hanno vinto premi della  National Association of Hispanic Publications.

Libia: nuova strage di migranti. Salvini: "Ong tornano in mare e i migranti a morire"

ROMA - Nuova strage di migranti sulle coste della Libia. "A bordo del gommone avvistato ieri al largo delle coste di Tripoli c'erano 120 persone", secondo il portavoce dell'Oim, Flavio Di Giacomo.

"I tre sopravvissuti arrivati a Lampedusa ci hanno detto che erano in 120 - ha spiegato Di Giacomo -. Dopo 11 ore di navigazione hanno imbarcato acqua e hanno cominciato ad affondare e le persone ad affogare. Sono rimasti diverse ore in acqua. Tra i dispersi, al momento 117, ci sono 10 donne, di cui una incinta, e due bambini, di cui uno di 2 mesi".

I migranti a bordo del gommone naufragato non indossavano i giubbotti di salvataggio. Dei tre superstiti, due sono riusciti a salire sulla zattera gonfiabile lanciata in mare da un velivolo dell'Aeronautica e uno era in mare. Riguardo al numero dei morti, il dato è incerto, anche se dalle prime stime dovrebbero essere diverse decine.

I sopravvissuti parlano concordemente di 120 persone a bordo, mentre le autorità libiche danno una stima approssimativa di 50. I soccorritori hanno visto 20 persone, ma a quel punto il gommone era già semiaffondato.

La Guardia Costiera italiana in una nota spiega che "l'operazione, sotto il coordinamento libico, si è conclusa nella notte di ieri dopo l'intervento di un elicottero della Marina Militare italiana, che ha tratto in salvo tre naufraghi; una nave mercantile dirottata dai libici, giunta in zona, ha effettuato un'attività di ricerca non trovando alcuna traccia del gommone".

Seawatch è entrata in azione dopo la tragedia. "Abbiamo appena soccorso 47 persone a bordo di un gommone in difficoltà. In precedenza, Alarm Phone (servizio di segnalazione telefonica per imbarcazioni in difficoltà, ndr) e Moonbird (aereo della ong che avvista migranti nel Mediterraneo, ndr) avevano informato l'imbarcazione e le autorità di un possibile caso. Dopo una ricerca, la Sea-Watch 3 li ha trovati. Ora sono tutti in salvo e ci stiamo prendendo cura di loro". A scriverlo la ong su twitter.

CONTE: "SCIOCCATO DA STRAGE" - "Sono rimasto scioccato da questa nuova strage". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte a Matera. "Siamo più convinti di prima - ha aggiunto - nel contrastare i trafficanti".

"Come premier non avrò pace fino a quando questi trafficanti, uno a uno, non saranno assicurati alla Corte internazionale penale", ha detto ancora Conte.

"Sono crimini contro l'umanità", ha aggiunto. "Quando avrò smesso questo mio mandato di servizio per il popolo italiano, mi dedicherò - io sono un avvocato e ho fatto sempre diritto civile e commerciale e amministrativo - al diritto penale per perseguire e assicurare alla Corte internazionale" i trafficanti di uomini.

Conte: "Di fronte alla tragedia della Shoa, il silenzio non è la risposta al male"

ROMA - "Al cospetto della tragedia dell'olocausto il silenzio non è la risposta all'abisso del male. La memoria dei sopravvissuti a campi di sterminio, la testimonianza dolorosa nel raccontare l'indicibile, i soprusi che subirono ha avuto bisogno di parole per essere trasmesso alle generazioni successive e funziona da monito" ha dichiarato il premier, Giuseppe Conte, in visita al Tempio Maggiore di Roma.

"Com'è possibile che nell'Europa dei diritti si sperimentasse un ottundimento delle coscienze di tale portata?", ha aggiunto Conte.

Terrorismo: trenta nomi di latitanti sul tavolo di Salvini

(ANSA)
ROMA - Prosegue dopo la cattura di Cesare Battisti la caccia del Ministero dell'Interno ai terroristi internazionali. Sono trenta i terroristi latitanti, 27 di sinistra e tre di destra, i cui nomi sono sul tavolo del vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini. E' quanto si apprende da fonti del Viminale. Si tratta dell'elenco aggiornato che Intelligence e Forze dell'Ordine hanno rielaborato dopo l'arresto di Cesare Battisti. Dei 30, 14 sono in Francia.

Il governo italiano, su impulso del vicepremier Salvini, è pronto a passi ufficiali per chiedere collaborazione ai Paesi che stanno ospitando i latitanti, a partire dalla Francia, per assicurare i terroristi alla giustizia italiana.

Concorsi truccati: indagati a Firenze docenti di medicina

FIRENZE - Trema l'ateneo fiorentino per una nuova inchiesta della Procura: 14 docenti sono indagati per presunte alterazioni nei concorsi per le cattedre di medicina. Secondo quanto hanno diffuso alcuni media, gli indagati hanno ricevuto gli avvisi di garanzia e una convocazione dal gip, perché nei loro confronti pende una richiesta di interdizione presentata dal pm titolare dell'inchiesta.

In particolare l'accusa contesta i reati di abuso d'ufficio e turbamento del procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando, articolo 353 bis del codice penale. Le Fiamme Gialle hanno condotto le indagini, partite da un esposto di un professore associato, che ha più volte denunciato violazioni sui bandi. Già nel settembre del 2017 un'inchiesta simile investì i 'baroni' del diritto tributario.

Matera 2019: Decaro alla cerimonia di apertura: "Oggi Matera è l'orgoglio d'Italia e del Mezzogiorno"

MATERA - Questa mattina il sindaco Decaro ha partecipato alla cerimonia di apertura di Matera Capitale europea della Cultura 2019. “Oggi Matera è l’orgoglio d’Italia e del Mezzogiorno - ha dichiarato Antonio Decaro -. Per dodici mesi gli occhi del mondo saranno puntati sulla nostra terra. Un riconoscimento che arriva oggi ma è frutto di un lavoro cominciato tanto tempo fa e ha visto, nelle capacità e nella determinazione dei materani e di chi li amministra, il punto di forza. Ascoltare le parole del sindaco attuale e del suo predecessore, Raffaello De Ruggieri e Salvatore Adduce, insieme sul palco, assistere alla loro commozione è stata un’emozione forte. Quelle lacrime, quella solidarietà tra amministratori sono un gesto d’amore condiviso con la comunità.

Oggi si è aperto un anno entusiasmante, in cui Bari e tutti i centri dell’area metropolitana barese saranno alleati naturali di Matera e degli altri Comuni della Basilicata. In particolare, Bari e Matera sono città sorelle non soltanto per continuità geografica, ma per l’antica consuetudine legata agli scambi, ai collegamenti e alle visioni in comune. Noi saremo lieti di fare la nostra parte per fornire la migliore accoglienza possibile ai tantissimi visitatori che scopriranno un altro angolo meraviglioso e unico del nostro Paese.

A nome di tutti i sindaci italiani, offro il mio augurio a Matera, che si trova oggi davanti a una sfida eccezionalmente importante, e sono certo saprà sfruttare questa occasione. E, da sindaco e da presidente dell’Anci, con orgoglio sottolineo che, in questo Paese la cui storia è contrassegnata da quella millenaria dei suoi municipi e dei suoi campanili, una città, una città del Sud, impone l’Italia all’attenzione dell’Europa intera”.

Serie A, Roma-Torino 3-2: El Shaarawy salva di Francesco

di STELLA DIBENEDETTO - Dopo la pausa invernale, il campionato di Serie A della Roma riparte con una vittoria. La squadra di Eusebio Di Francesco porta a casa tre punti importanti battendo 3-2 il torino grazie alle reti di Zaniolo e Kolarov prima del gol decisivo di El Shaarawy. Il Torino, però, ha messo in difficoltà i giallorossi che, dopo il doppio vantaggio, hanno subito il ritorno in partita dei granata, capaci di recuperare due reti di svantaggio.

Dopo appena sei minuti di gioco, Di Francesco perde Under, ma Zaniolo è in una forma strapitosa e prende in mano le redini del gioco sbloccando la partita al 15': il romanista prima impegna dal basso Sirigu, poi sulla ribattuta insacca di sinistro. Il Torino subisce il colpo e i giallorossi ne approfittano trovando la rete del raddoppio al 34' quando Kolarov trasforma un calcio di rigore concesso dall'arbitro per un fallo di Sirigu su El Shaarawy. La partita sembra finita, ma nella ripresa il Torino riapre tutto. Al 51', i granata accorciano le distanze con Rincon mentre al 67' trovano la rete di un insperato pareggio con Ansaldi. I tifosi giallorossi respirano l'aria di un nuovo disastro, ma ci pensa El Shaarawy a risolvere tutto segnando la rete del 3-2 definitivo e permettendo alla propria squadra di portare a casa tre punti pesantissimi per la corsa Champions.

"Ce la siamo complicata. Meritavamo un vantaggio più largo, dovevamo essere più bravi a gestire la palla. C’è grande voglia dei giovani, ma a volte manca l’esperienza e la capacità di addormentarla. Anche sul 2-1 abbiamo avuto l’occasione di chiuderla, ho visto grande capacità di reagire" - sono le parole de tecnico giallorosso a Sky ai cui microfoni ha poi aggiunto - "Stiamo crescendo tanto, dobbiamo lavorare di più insieme difensivamente. A volte dobbiamo essere meno aggressivi e leggere meglio le situazioni. Quando vinci 2-0 e prendi un contropiede così ti vorresti suicidare. Dobbiamo avere maggiore equilibrio ma lo troveremo".

Serie B: il Foggia vince, pareggio del Lecce

di FRANCESCO LOIACONO - Giornata positiva a metà la prima di ritorno di serie B per Foggia e Lecce. La squadra di Padalino ha vinto per 2-0 a Carpi. A decidere il match due gol di Iemmello, uno per tempo. Il primo al 9’ con un tiro da pochi metri dopo un palo colpito dallo stesso Iemmello. Il secondo al 38’ della ripresa di sinistro su passaggio di Zambelli. Al 37’ del secondo tempo gli emiliani hanno sbagliato un rigore dato per un fallo di Zambelli su Arrighini. Vitale si è fatto parare il tiro dal portiere Noppert. Successo importante per il Foggia. E’ quartultimo in classifica con 16 punti.

Il Lecce ha pareggiato 1-1 in casa col Benevento. Nel secondo tempo al 17’ i salentini sono passati in vantaggio con Mancosu di destro su assist di Falco. I campani hanno pareggiato al 25’ con Coda, tiro di sinistro su servizio di Roberto Insigne. Nel Lecce ha debuttato il neo acquisto Tachtsidis, un centrocampista greco. Solo un punto allo stadio “Via del Mare” per la squadra di Liverani. I giallorossi pugliesi sono quarti a quota 31.

Beve al bar detersivo al posto dell'acqua, grave giovane leccese

LECCE - Storia incredibile dal Leccese, esattamente da Castrignano del Capo, dove ad un giovane di 27 anni è stato servito un bicchiere contenente brillantante per lavastoviglie anziché acqua. Il ragazzo, trasportato d'urgenza poco dopo all'ospedale "Cardinale Panico" di Tricase, è stato sottoposto ad un lungo e delicato intervento chirurgico.

Il primario di Chirurgia generale, che ha eseguito l'operazione in laparoscopia, ha dovuto asportare lo stomaco e parte dell'esofago nel tentativo di salvare la vita al paziente che è ora ricoverato nel reparto di Rianimazione in prognosi riservata. Si tratta del primo di una serie di complessi interventi chirurgici previsti.

Guardia giurata suicida in Salento, psicologi: "E’ un’emergenza, ma nessuno lo vuol comprendere"

BARI - Leccese scosso dall'ennesimo suicidio di un uomo che lavorava nel campo della sicurezza. Una guardia giurata di 40 anni, che viveva a Gagliano del Capo e lavorava presso un istituto di sicurezza privata si è tolto la vita. “E’ da tempo che segnaliamo questa emergenza”, sottolinea il presidente dell’Ordine degli Psicologi, Antonio Di Gioia.

“Il tasso di suicidi tra i poliziotti e chi lavora nelle forze militare e di sicurezza, pubblica e privata, è il doppio del resto della popolazione italiana. Finalmente nei giorni scorsi quella che possiamo tranquillamente definire una strage è approdata anche alla Camera dei Deputati, dove è stato affrontato il tema del supporto psicologico a sostegno di chi lavora nelle forze armate e di sicurezza”. A darne notizia è stato l’on. Serse Soverini, membro della Commissione Lavoro, che ha richiamato la necessità di questo servizio ed ha assicurato il suo impegno per assicurare un servizio di sostegno psicologico a questa fascia di lavoratori, persone sofferenti a causa della condizione di minaccia della propria incolumità, alla base dello stato depressivo e dell’atto suicida.

“Ringrazio pubblicamente l’on. Soverini”, prosegue Di Gioia, “per aver posto l’accento su un problema denunciato da anni dall’Ordine degli Psicologi della Puglia, regione fortemente interessata da questa problematica e il caso di Gagliano del Capo lo conferma”. "Dietro quel crescente aumento delle percentuali relative ai suicidi tra i rappresentanti delle forze dell'ordine dobbiamo riconoscere persone che non riescono a chiedere aiuto per svariati motivi", aggiunge il presidente degli psicologi pugliesi. "Le motivazioni personali non possono essere l’unico motivo scatenante e lo stress da lavoro non deve rappresentare l’unico alibi", continua Di Gioia.

"Forse spaventate dal ruolo istituzionale che ricoprono, dal dover rappresentare esse stesse una base d’appoggio per i comuni cittadini, le vittime sono sopraffatte dal senso civico e dal ruolo di rappresentanti dello Stato che ricoprono. Questi motivi, sommati al rischio della sospensione della carica nel caso in cui vengano scoperti psicologicamente ed emotivamente fragili, creano una situazione di difficile gestione”. "Oggi non hanno gli strumenti e la forza necessaria per chiedere aiuto", prosegue il presidente dell’Ordine degli Psicologi. "Ad affrontare momenti di depressione e disperazione si ritrovano soli e con il possesso dell’arma di ordinanza che resta il principale mezzo con il quale si compie l'atto estremo, è stato così nell'80% dei casi degli ultimi 10 anni”. “Per tutte queste ragioni l’iniziativa dell’on. Soverini”, conclude Di Gioia, “rappresenta una speranza concreta che finalmente questa tendenza possa essere invertita”.

Famiglia chiusa da anni in casa schiava del web

di PIERO CHIMENTI - Una famiglia è rimasta in casa per due anni per la sua dipendenza dal web. L'unica ad avere rapporti con il mondo reale era la figlia di 9 anni che continuava a frequentare la scuola, nutrendosi di biscotti e caramelle.

Sono state proprio le insegnanti ad accendere i fari sulla questione, notando le cattive condizioni igieniche con cui si presentava la bambina nell'Istituto. La famiglia del Salento, composta da giovani genitori ed un ragazzo di 15 anni, a cui avevano fatto anche abbandonare gli studi, aveva tagliato i ponti con tutti.

Saline Margherita di Savoia, Gemmato: "Governo salvaguardi nostra specificità"

(credits: Museo Salina)
BARI - "Le Saline di Margherita di Savoia rischiano di finire nelle mani dei francesi. Una delle nostre specificità, pugliese ed italiana, è a rischio rispetto ad una situazione debitoria consolidata e alla vendita degli stessi crediti ad una multinazionale straniera". Il deputato pugliese di Fratelli d'Italia, Marcello Gemmato, questa mattina ha fatto visita alle Saline di Margherita di Savoia con la dirigenza locale di FdI, tra cui il coordinatore cittadino Angela Camporeale, il consigliere comunale Elena Muoio, il consigliere comunale di Barletta Stella Mele ed il coordinatore provinciale della BAT Raimondo Lima.

"Il fatto che i francesi intervengano o possano intervenire direttamente nella gestione del sale margheritano ci pone qualche dubbio di opportunità e di prospettiva dj sviluppo futuro rispetto ai quali il gruppo di Fratelli d'Italia, sia a livello locale con un'interrogazione del consigliere regionale Erio Congedo sia a livello nazionale con un'interrogazione parlamentare da me prodotta e presentata, ha chiesto quali sono le azioni che il Governo, con i ministeri competenti, vorrà mettere in campo per salvaguardare una delle specificità della nostra terra e i 120 posti di lavoro".

Fratelli d'Italia si impegnerà anche a chiarire ogni dubbio e far luce sulla gestione dei crediti vantati da Monte dei Paschi di Siena nei confronti della società Salapia AtiSale.

Buon compleanno Malena! La pornostar pugliese festeggia gli anni oggi a Riccione

MILANO - Malena, star dei film per adulti, ex naufraga del reality TV, nonché ex eletta all'assemblea nazionale del PD nel 2013, festeggia oggi il suo compleanno a Riccione. Stasera, presso il locale Pepenero della riviera romagnola, Filomena Mastromarino, viso femminile del cinema internazionale a luci rosse, ha dato appuntamento ad amici e parenti per partecipare a una piccante festa di compleanno.

L'attrice originaria di Gioia del Colle (BA) è stata scoperta nel 2016 dal noto attore, regista e produttore, Rocco Siffredi, che l'ha eletta a musa e insegnante della “Siffredi Hard Academy”: la scuola di formazione per professionisti del cinema per adulti, concepita e diretta personalmente da Rocco Siffredi in Ungheria.

Dall'accademia del pornodivo internazionale, viene tratta una serie televisiva a episodi, che è prodotta e trasmessa da Netflix Italia. Ma ieri notte a Los Angeles, il celebre pornodivo originario di Ortona (CH), ha vinto con “Rocco Siffredi Hard Academy 3”, film vietato ai minori che annovera nel cast anche l'attrice italiana Malena, la categoria “Best Foreign Non-Feature Release of the Year” degli Xbiz Awards 2019: premi e riconoscimenti di settore dell'intrattenimento per adulti, che equivalgono ai Golden Globes per l'industria del Cinema. Un sincronico riconoscimento, che celebra la bella attrice italiana il giorno del suo compleanno.

Ma Rocco Siffredi, unico italiano che ha coniato generi e termini dell'intrattenimento mondiale per adulti, ha letteralmente conquistato anche l'edizione 2019 degli Xbiz di Los Angeles: la leggenda vivente della pornografia mondiale, si è infatti aggiudicato l'ambito titolo di “miglior regista straniero 2019” durante la kermesse californiana di ieri notte.

Gdp Tv

Interviste

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Brasile2014 Bricolage Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Estate Esteri Eventi Expo 2015 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia