lunedì, settembre 29, 2014

Paranormale: voci e presenze nel Castello di Monte Sant'Angelo

di Mario Contino, fondatore AIRM - Vi è uno spettro nel castello di Monte Sant'Angelo? Al suo interno dimorerebbe realmente lo spirito di Bianca Lancia?

In tutta la Puglia, e non solo, da anni non si parla d'altro che del famoso maniero, posto sul monte sacro pugliese, e del suo presunto ed illustre spettro, avvistato fugacemente da questo o quel turista che ha poi contribuito a divulgare una delle leggende più popolari in Italia.

Avevamo già accennato all'interesse che questa leggenda aveva suscitato nei ricercatori dell'Associazione Italiana Ricercatori del mistero, un interesse che si è trasformato in vere e proprie indagini sul posto, sopralluoghi e registrazioni varie che sono durate diversi mesi ed hanno visto l'impiego di strumentazione scientifica e figure professionali come psicologi, fisici, biologi, storici, linguisti ecc.

Per quanti non lo sapessero, A.I.R.M., acronimo di Associazione Italiana Ricercatori del Mistero, è un'associazione culturale, apolitica e senza fini di lucro avente come scopo lo studio delle Antiche tradizioni, con particolare riguardo verso gli aspetti filosofico-religiosi e storico-esoterici delle più svariate culture del mondo.

Gli aspetti principalmente trattati sono:

- Studio dell'iconologia storica;
- Studio del simbolismo esoterico-religioso;
- Studio dell'architettura in relazione alle varie ideologie interconnesse.
- Studio e conservazione delle leggende inerenti al folklore popolare, proprio della zona presa in esame.

A ciò si aggiunge lo studio e la ricerca delle fenomenologie rientranti nell'ambito del paranormale e delle pseudo scienze, come ad esempio lo spiritismo o l'ufologia, trattate con metodo e serietà grazie all'appoggio di figure professionali in ambito medico-scientifico e tecnico-analitico.

Sul Castello di Monte Sant'Angelo i membri del direttivo ci invitano a pazientare ancora un po' in quanto alcuni files di audio ed immagini restano in fase di analisi, ci ricordano che a seguito di ogni indagine, li dove è accertata la presenza di significanti “anomalie”, l'associazione si impegna a rilasciare un video nel quale si divulgano i risultati ottenuti e si illustra il “modus operandi” del team di ricerca.

Dalle informazioni che l'Associazione ha potuto lasciar trapelare possiamo evidenziale il riscontro di molte anomalie soprattutto su traccia audio.

Sarebbero state riprese voci, soprattutto femminili, rispondere in maniera logica e coerente a determinate domande poste dai ricercatori e rivolte alle ipotetiche entità presenti nel maniero, addirittura una di queste voci sembrerebbe pronunciare una parola in spagnolo, cosa assai interessante visto che il Castello ha risentito molto della dominazione spagnola nel periodo Aragonese.

Vi è uno spettro nel famoso Castello? Secondo le indiscrezioni e gli studi portati avanti dall'associazione Italiana ricercatori del Mistero, sì e più di uno. Non ci resta che attendere il loro video che non tarderà ad arrivare.

6 commenti: