Visualizzazione post con etichetta Cultura e Spettacoli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cultura e Spettacoli. Mostra tutti i post

The Darkness annunciano il nuovo album: a febbraio tour in Italia




MILANO - The Darkness, con il loro inconfondibile stile hard rock anni ’70 ispirato a mostri sacri come AC/DC, Led Zeppelin, The Queen e Van Halen, vincitori di numerosissimi premi tra cui ben 3 Brit Awards e 2 MTV Music Awards, tornano con ‘Easter Is Cancelled’, il nuovo album di studio in arrivo il 4 ottobre (Cooking Vinyl/Egea Music/The Orchard).

Dopo l’anticipazione con ‘Rock and Roll Deserves To Die’ - un brano che, dopo un accenno di chitarra acustica, esplode in cinque epici minuti – ‘Heart Explodes’ è il primo singolo ufficiale. Su tutte le piattaforme digitali dal 16 agosto, ed accompagnato da un lyric video, il brano è il secondo estratto da ‘Easter Is Cancelled’, il nuovo album di studio in arrivo il 4 ottobre.

'Heart Explodes’ è una mini-rock opera che vede The Darkness muoversi tra diverse sfumature musicali, a dimostrazione della nuova direzione artistica intrapresa dalla band che, per la prima volta, si apre a nuove sonorità. Circa il brano, il frontman Justin Hawkins afferma: “It’s about the despair of change. Having to reappraise your life and what you're holding on to. It’s like that feeling when you just want to go for a swim and keep going. Wanting to be enveloped by something that will gradually pull you down. If you really, really want to survive that process, you can. We've all been there - people who say they haven't are lying.”

“The difference between the Darkness’ sadness and other bands’ sadness is that we don’t wallow in it. Even when it’s sad, there’s a playfulness to it.” aggiunge il chitarrista Dan Hawkins.
‘Easter Is Cancelled’, il primo concept album della band, segna infatti una nuova sensazionale era per The Darkness. Il nuovo lavoro, il sesto in studio, arriva a due anni di distanza dall’acclamato ‘Pinewood Smile’. The Darkness accompagnano la pubblicazione di ‘Easter Is Cancelled’ con un lungo tour che, a partire da novembre, porterà la band in concerto in Italia per due date a febbraio 2020.


The Darkness in tour in Italia a febbraio 2020:
6 febbraio, Milano, Alcatraz
7 febbraio, Nonantola (MO), Vox Club

Thomas Grazioso nelle radio con il nuovo singolo 'Honey'




MILANO - Sarà disponibile su tutti i digital store da venerdì 23 agosto 2019 il nuovo lavoro di Thomas Grazioso, si tratta dell’EP “Honey” (etichetta 8P Management), nato per festeggiare i 15 anni di carriera del cantante romano. L’EP “Honey” è composto da tre brani inediti: “Honey”, “Ritornerò” e “Come nessuno” tutti prodotti dallo stesso Thomas.

Il singolo “Honey” è il brano nato più di recente, è stato scritto immaginando un incontro di una notte sola con la più desiderabile ballerina del club più caldo che si possa immaginare….

È frutto dell’immaginazione di Thomas, non è una storia vera ma vuole essere un manifesto di quello che succede sempre più spesso tra i ragazzi di oggi, dell’amore usa e getta, colpi di fulmine che il giorno dopo neanche si ricordano. L’EP prende il nome proprio da questo brano perché è la canzone che più esce dagli schemi artistici fino ad ora utilizzati dallo stesso Thomas. È una canzone totalmente diversa da tutte le altre, un nuovo salto in avanti a livello produttivo per l’artista romano. Sicuramente “Honey” è il frutto anche della contaminazione artistica nata dai tantissimi viaggi di lavoro fatti dall’artista in tantissimi Paesi sia europei che extraeuropei, in particolare questo brano è molto legato alla Russia.

“Ritornerò” è stata scritta durante un momento di depressione legata ai ricordi dei bei tempi dopo la rottura con i FourONE , la boyband che Thomas aveva fondato nel 2012 e con la quale aveva raggiunto il 1° posto della classifica iTunes con il loro singolo d’esordio. Nel 2017 venne scritto questo brano per provare a proporre una reunion ma il progetto non si realizzò così il brano rimase nel cassetto in attesa del momento migliore per farlo conoscere al grande pubblico.

“Come nessuno” è stato il primo dei tre brani ad essere realizzato. È nato da un’idea di Michele Marinelli che, durante un concerto, disse a Thomas di avere scritto un brano vicino alle sue “corde”. In effetti era vero! Ascoltato il provino fu subito amore per il brano che finalmente esce dallo studio e fa il suo esordio ufficiale al grande pubblico.

Tutti e tre i brani dell’EP “Honey” sono stati arrangiati da Alessandro Di Nunzio, già produttore artistico degli album di Thomas “Amami” e “Nono sono raccomandato”.

“L’idea di pubblicare un EP è nata in maniera naturale – dichiara Thomas – avevo voglia di sorprendere il mio pubblico, che mi segue e sostiene con affetto da ormai ben 15 anni. La scelta della data di pubblicazione era ovvia: il 23 agosto… come molti sapranno il 23 a Roma è un numero fortunato…”.

La carriera di Thomas parte nel 2004 con il suo debutto in Mediaset nel programma tv “Amici di Maria De Filippi”. Da allora sino ad oggi l’artista romano non si è mai fermato e nel 2019 vanta una carriera con in attivo 15 tournée e oltre 700 concerti, ma sono gli ultimi anni che segnano per l’artista romano una svolta, soprattutto internazionale. Dall’Egitto al Kazakhistan, passando per la Romania, Thomas ha avuto modo di esibirsi e di farsi apprezzare in tutti questi Paesi, ma uno dei più importanti trampolini di lancio è stata la sua partecipazione a The Voice Russia che lo ha reso talmente popolare da farlo partecipare ad una delle più importanti manifestazioni musicali dell’Est. È proprio in Russia, a Sochi, che a fine agosto rappresenterà l’Italia nel contest internazionale New Wave. I brani con cui Thomas combatterà per la vittoria italiana saranno proprio “Honey” e “Ritornerò”.

Il 2020 vedrà impegnato Thomas Grazioso sia nella sua prima tournée negli Stati Uniti, sia in nuovi ed importanti progetti.

E' morto Peter Fonda, icona di Easy Rider

LOS ANGELES - Si è spento a Los Angeles Peter Fonda. Aveva 79 anni. Due volte nominato all'Oscar, Fonda è il leggendario interprete di 'Easy Rider', il film che ha segnato una generazione. L'attore statunitense, che è deceduto nella sua abitazione, era figlio di Henry Fonda e fratello di Jane Fonda.

Nèra: nelle radio il nuovo singolo 'Per una notte ancora'

MILANO - A rinfrescare l'estate in corso c'è la musica di una delle band più promettenti del panorama indipendente italiano. I Nèra pubblicano il nuovo singolo 'Per una notte ancora' disponibile su tutte le piattaforme di streaming e download , in contemporanea al video su Youtube."Per una notte ancora … quante volte avremmo desiderato che un particolare momento durasse per sempre. Un video provocatorio, al limite della censura, nel quale i Nèra svelano i pensieri più nascosti dell'inconscio di ognuno di noi, per una canzone che parla al cuore, ma alla parte più segreta di esso".

I Nèra sono formati da Samuele Casale (Voce), Niccolò Coveri (Basso) e Giulio Gaudenzi (Batteria). Appassionati di Rock e musica elettronica , il trio si forma nel 2015 cercando di unire questi due generi, per formare una sonorità unica che li rappresenti. Nel 2016 scrivono il loro primo EP contente 5 tracce dal titolo omonimo che pubblicheranno nell'autunno e che li porterà a solcare palchi come il Viper Theatre di Firenze, esibirsi al Beat Festival, vincere il Talent Move fra numerosi artisti da tutta la Toscana e l'Emergenza Festival che gli permetterà di esibirsi, come ospiti, al “The Cage Theatre” di Livorno.

Nel 2018 arrivano fra i 60 finalisti di “ Area Sanremo”, concorso dedicato a artisti emergenti che permette l'accesso a Sanremo Giovani. Nel frattempo tornano in studio per la realizzazione di un album inedito, prodotto da Valerio Carboni.

Notte della Taranta: Concertone del 24 agosto 100% accessibile

MELPIGNANO (LE) - Novità in arrivo per gli amanti della Notte della Taranta: quest’anno, come l’anno scorso, il Concertone di Melpignano sarà 100% accessibile alle persone con disabilità.

Gli organizzatori avevano già ottenuto la certificazione “Abilfesta” per la scorsa edizione. L’edizione 2019, tuttavia, porta con sé un’importante novità per le persone disabili: sarà possibile per loro prenotare gratuitamente il proprio posto all’interno dell’area parcheggio e del palchetto riservato. Considerando la grandissima affluenza di spettatori, per ragioni di sicurezza, è opportuno che le persone con scarsa mobilità assistano al concerto da suddetto palchetto. Il palchetto è rialzato e posizionato al centro dell’area concerti; ciò garantisce un’ottima visibilità agli spettatori disabili. Al suo interno sono presenti sedie per fare accomodare disabili ed accompagnatori, e prese di corrente per garantire un’esperienza sicura anche a chi necessita di ausili elettrici, come ad esempio respiratori.

La prenotazione deve avvenire entro le ore 23.00 del giorno 22 agosto, mediante la compilazione di un modulo, reperibile attraverso il seguente link: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSf1OVsWzUa5jOIbhl18pg_K2B4XJk29-9wE_cdiA1u2-mLGxA/viewform

Le prenotazioni saranno accettate in ordine di arrivo, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Entro 48 ore dalla compilazione verrà inviato un badge uninominale, che darà a ciascun disabile e al proprio accompagnatore priorità per l’accesso all’area riservata.

All’interno dell’area saranno presenti operatori qualificati, per offrire assistenza e supporto agli spettatori disabili e consentire loro eventualmente di assistere al concerto anche senza il proprio accompagnatore.

A gestire il servizio di accoglienza ed assistenza delle persone disabili sarà L'Integrazione Onlus, Soc. Cooperativa guidata da Veronica Calamo, ideatrice del marchio Abilfesta. Il marchio è stato ufficialmente riconosciuto dal Ministero dello sviluppo economico come buona pratica per l'accessibilità degli eventi.  

La Cooperativa l'integrazione Onlus ha un'esperienza ventennale nel settore e ha già garantito l'accessibilità di eventi come Battiti Live, Birra & Sound, Medimex, decine di concerti e grandi eventi religiosi come la visita pastorale di Papa Francesco ad Alessano, dove sono state accolte circa 500 persone con gravi disabilità. 

Oltre a mettere in campo uno staff di operatori qualificati per l'assistenza alle persone con disabilità, la Cooperativa ha attivato un servizio di infoline per dare informazioni prima e durante l'evento (un indirizzo email e due numeri di telefono).

Ancora una volta la Fondazione Notte della Taranta dimostra grande responsabilità, attenzione e sensibilità. La Regione Puglia dal canto suo si riconferma un territorio accogliente ed accessibile a 360 gradi.

'De Andrè in classica', l'omaggio a Faber in Piazza Duomo

BRINDISI - «La Bella Stagione», la rassegna del Comune di Brindisi organizzata per il periodo estivo dalla Fondazione Nuovo Teatro Verdi, è anche un omaggio a Fabrizio De André nel ventennale della morte del grande cantautore genovese: «De André in classica», in programma sabato 17 agosto - con inizio alle ore 21 (ingresso libero) - in piazza Duomo a Brindisi, ricompone i frammenti dell’arte di Faber attraverso la passione di Carlo ed Enrico Martello, con uno speciale quartetto cameristico composto da Artur Xheraj (flauto traverso), Nevila Cobo (violino), Isabella Benone (violino) e Merita Alimillahj (violoncello) e una giovane sezione ritmica formata da Andrea Sirsi (batteria) e Alessandro Muscillo (basso): docenti e musicisti della scuola di musica «Girolamo Frescobaldi» di Brindisi, che cura l’allestimento. Al concerto parteciperà don Salvatore Miscio, autore del libro «Dio del cielo vienimi a cercare - Faber, uomo in ricerca» (Editrice Ave, 2016). L’iniziativa è organizzata con la collaborazione dell’Unità Pastorale del centro storico di Brindisi.

Carlo ed Enrico Martello, con il loro «Faber Tribute», omaggiano uno dei più grandi poeti di sempre. Nel giro di pochi anni il progetto ha preso via via forma e, partendo dalle piccole associazioni, è sbarcato nei club, nei teatri e nelle piazze pugliesi incassando numerosi consensi. I concerti nel tempo hanno visto la collaborazione di moltissimi musicisti di varie estrazioni, presentando una scaletta che tocca i momenti più elevati della carriera di De André, passando per la sua discendenza da George Brassens. Dalla «Canzone di Marinella» a «Bocca di rosa», dal «Pescatore» alla «Guerra di Piero», lo spettacolo si metterà sulle tracce dei maggiori successi di questo immenso cantautore, proponendoli in una chiave neoclassica, per una serata nella quale la musica “suona bene” con la poesia.

Il concerto diventa anche l’occasione per visitare la mostra pittorica di Michele Martina, ispirata alle canzoni di De André, allestita nelle sale della Caffetteria letteraria Nervegna e disponibile al pubblico negli orari di apertura della Caffetteria fino al 31 agosto. Martina, artista di origine francavillese, espone opere che interpretano pittoricamente alcuni brani simbolo del cantautore come «La canzone di Marinella», «La città vecchia», «Via del campo», «Il Cantico dei drogati», «Fiume Sand Creek», «Jamin-a», «Khorakhanè», «Dolcenera», «Prinçesa» e «Anime salve», tutte legate alle figure più amate e più intense dell’universo del grande genovese. In tutto dieci lavori che toccano in modo forte e dirompente la poetica di questo straordinario «Maestro indiscusso in tempi di tumulto».

'The Quake - Il terremoto del secolo': la recensione

di FREDERIC PASCALI - La calura agostana per tradizione è solita riservare un panorama di titoli cinematografici non proprio irresistibili o perlomeno difficilmente ascrivibili alla categoria degli indimenticabili. John Andreas Anderssen prova a opporsi al cliché con una pellicola tutta terremoti e sentimenti. Il regista norvegese dirige una produzione che si iscrive al genere Disaster Movie con un certo pudore, quasi recalcitrante, indecisa fino all’ultimo se abbandonare il suo registro intimista, sostegno della prima parte, a scapito di una deriva più in sintonia con i canoni classici del genere.

Il dubbio persiste sin quasi in prossimità della dirittura d’arrivo con la trama che ripercorre le vicende, come un vero e proprio sequel, narrate in “The Wawe”, precedente produzione norvegese con il geologo Kristian Eikjord, trucemente interpretato da Kristoffer Joner, protagonista di entrambi i lavori. 

In quello diretto da Anderssen lo ritroviamo isolato su di un fiordo in prossimità di Oslo alle prese con i tormenti della memoria e delle proprie paure per una possibile nuova catastrofe naturale. Allontanatosi dalla moglie e i figli, con grande fatica prova a ricucire i rapporti. L’intenzione di tornare a vivere a Oslo sembra avvalorare il tentativo ma la morte cruenta di un suo stimato collega e i suoi dubbi sui movimenti tellurici del sottosuolo cittadino riportano in auge l’incubo del disastro imminente.

“The Quake – Il terremoto del secolo” sorprende e allo stesso tempo delude con la sceneggiatura, di John Kåre Raake e Harald Rosenlow-Eeg,che dopo un superbo e inusuale incipit sembra degradarsi perdendo molto della sua iniziale potenza narrativa con punti di svolta che virano verso il banale o l’inverosimile, tipo la discesa in ascensore del super esperto geologo con il terremoto in arrivo e le successive acrobazie per il salvataggio di Julia, la figlia più piccola.

Un peccato per una pellicola dotata di un cast sicuramente all’altezza e illuminata magistralmente dalla fotografia di John Christian Rosenlund.

E' morta Nadia Toffa. Le Iene: "Niente sarà più come prima"

E' morta, dopo una lunga battaglia contro il cancro, la storica conduttrice e inviata delle Iene Nadia Toffa. Ad annunciarlo stamattina lo staff della trasmissione tv sulle proprie pagine social.

«Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi», si legge sulla pagina Facebook de Le Iene.

«Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la nostra Toffa - prosegue il post della trasmissione Mediaset -, la più tosta di tutti, mentre qualcuno non credeva alla tua lotta, noi restavamo in silenzio e tu sorridevi. Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta: il cancro. E dato che sei stata in grado di perdonare l’imperdonabile, cara Nadia, non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto. Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare ad essere quelli di sempre. Niente per noi sarà più come prima».

Torna la Sagra del Diavolo

GALATONE (LE) - Sabato 17 e domenica 18 agosto (ore 20 - ingresso 7 euro) le campagne in contrada Bascetta (ex B&B Opuntia) a Galatone, in provincia di Lecce, accoglieranno l'ottava edizione della Sagra del Diavolo - Festa di arti, musica e altre eresie. Il ricco programma della rassegna, nata nel 2012 da un’idea del chitarrista e cantante Luigi Bruno e di Giulio Vaglio, propone due lunghe serate con concerti e dj set, esposizioni, performance, videomapping, reading, presentazioni, spettacoli di teatro/danza, proiezioni e uno strano mercatino. Sul palco principale si alterneranno The Winstons, Santa Muerte, Nereide, Clab (sabato 17), Giuda, Ponzio Pilates,  The Sade, Maysnow (domenica 18). Nelle due serate si esibiranno anche le band José Andrés Tarifa Pardo, Mur, Renato Vaglio & Band, Planimo e, in consolle, i dj (Ohm Guru, Max Nocco, Luca Perimetro, Hey Ho Lets Go, Gauze). 

L'area libri ospiterà presentazioni, reading e incontri a cura della casa editrice salentina I libri di Icaro. Sabato 17 appuntamento con la performance “Il circo è in città” a cura di Fabio Siciliani (I libri di Icaro) con Raffaele Vasquez (chitarra e voce) e Marta Siciliano (performer) e la presentazione dei volumi di Giuseppe Resta, Giovanni Leuzzi, Antonella Tamiano, Rosanna Toraldo e Antonio Galati. Domenica 18 si alterneranno Mauro Ragosta, Annatonia Margiotta, Maria Carrassi, Bruna Caroli, Stefano Della Croix, Annamaria Gustapane, Vanessa Paladini, Silvia De Lorenzis, Andrea Bracciale. Nelle due serate la compagnia di danza sperimentale Alii Somnia diretta da Paride Caricato e gli attori Valentina Piccolo e Marco A. Romano della compagnia Témenos Recinti Teatrali presenteranno lo spettacolo Congiura: la vera storia di Elisabeth. Sabato sarà presentato anche il terzo volume della rivista Lamantice (Ergot Edizioni) mentre domenica Max Nocco e Massimo Pasca proporranno "Il segno e l'infinito", contaminazione visivo-musicale ispirata all'infinito di Leopardi. Da segnalare le installazioni site specific di Renzo Buttazzo, Paolo ‘Legnointesta’ e Gustavo Luminari, l'arena delle visioni con Fausto Romano, Lara Bobbio, Patrizia Emma Scialpi, Andrea Fiorito, Giovanna Paiano, Giuseppe Martella, Gianluca Distante e le opere di Lorenzo Matteucci ‘Golden Tempura’, Andrea Semplici, Giovanni Mereghetti, Piero Schirinzi, Francesco ‘Brizzo’ Favale, Hellsandro, Andrea Schifano, Franco Livera, Vincenzo ‘Vincy’ De Bari, ‘Coma Empirico’, Marco ‘Zeno’ Rizzo, MM Costumes & Cosplay, Stefano Palma, Cristina Pappadà, Eleonora A. Bove, Federica Calò, Alessandro 'Sacò' Colazzo, Daniele Paladini, Sergio De Riccardis, Lorenzo Papadia, Giuseppe Martella, Luigi Quarta, Stefania Toma, Giovanni Zelano, Enrica Ciurli, Debora De Massimo, Giorgia Prontera & 189, Tiberiano Marilli, Le Chat Noire, Giorgio Gabe 'Degenart'.

"Quest’anno celebreremo la nostra ottava edizione: otto come il loop, otto come i piatti di una bilancia, otto come i trigrammi del Pakua, otto come l’infinito messo in scena da musicisti, attori, danzatori, performer, artisti, fotografi, maghi, mercanti e tanti strani personaggi che popoleranno il festival in una nuova surreale, misteriosa e onirica location", sottolineano gli organizzatori. "Portate i vostri amici immaginari, le vostre personalità multiple, liberate le voci che avete nella testa, lasciatevi trasportare nella festa alla quale mancare è un vero peccato". 

La Sagra del Diavolo, con la direzione artistica del cantante e chitarrista Luigi Bruno in collaborazione con Paola e Francesca Marzano, Alessandro Colazzo e Gianluca Ramundo è organizzata da Collettivo Sbam con il patrocinio del Comune di Galatone nel programma dell'Estate Galatea 2019. La rassegna è diventata ormai un appuntamento fisso dell’estate salentina crescendo negli anni. Tra gli ospiti delle prime sette edizioni Claudio Simonetti (Goblin), Aldo Tagliapietra (Le Orme), Vincenzo Vasi e Valeria Sturba (Ooopopoiooo), Dome La Muerte, The Cyborgs, Giöbia, Giungla, La Batteria, Mokadelic, Pan Del Diavolo, Yawning Man, Muffx, Universal Sex Arena, Ananda Mida oltre a numerosi artisti locali, fotografi, performer e altri “insoliti personaggi” come Massimo Pasca, Daniele Coricciati, Giuseppe "iosonopipo" Palmisano, Fabrizio Fontana, Francesco Sambati, Gianle Lametà, Gianluca Gallo e numerosi altri che hanno animato un’atmosfera carica di zolfo e divertimento. 

Info e contatti
sagradeldiavolo@gmail.com
www.sagradeldiavolo.it
Facebook / Instagram: @sagradeldiavolo
#sagradeldiavolo - #sagradeldiavolo2019

Il tenore Placido Domingo accusato accuse di molestie

Accuse di molestie ai danni del celebre tenore Placido Domingo che avrebbe costretto numerose donne ad avere rapporti sessuali con lui promettendo loro ingaggi o in alcuni casi maltrattandole se rifiutavano le sue avance. E altre circa 30 persone del mondo dell'opera hanno dichiarato all'Ap di aver assistito a comportamenti inappropriati a sfondo sessuale da parte di Domingo. 

Il tenore spagnolo ha definito le accuse "profondamente preoccupanti e poste in modo inesatto", aggiungendo: "Ho sempre creduto che tutte le mie interazioni e relazioni siano state sempre ben accette e consensuali".

Notte della Taranta: a Lecce la vigilia di Ferragosto tra mostre, danza, musica e la visita a Cerrate

LECCE - Una serata ricca di appuntamenti che si aprirà alle ore 19 presso la Biblioteca Bernardini nel Convitto Palmieri con la sezione De Martino 60 e le mostre La Mitica Estate del ’59 e Menadi Danzanti.

Ernesto De Martino, antropologo e filosofo italiano, con una serie di missioni etnografiche dai primi anni ’50, raccolse una quantità di documenti relativi a manifestazioni magico-religiose e ne studiò le origini storiche, i rapporti con le condizioni storico-sociali attraverso i secoli, i motivi impliciti che ne giustificavano il persistere. Oggetto della sua investigazione furono particolarmente: il complesso mitico-rituale della fascinazione in Lucania (Sud e magia, Milano 1959); le persistenze del pianto funebre in Lucania (Morte e pianto rituale nel mondo antico, Torino 1958); il tarantismo del Salento (La terra del rimorso, Milano 1961).

Fu proprio De Martino a imprimere una svolta decisiva nello studio del fenomeno del tarantismo. Nell’estate del 1959 inaugurando la tecnica dell’indagine interdisciplinare, con l’unione in un’unica équipe di uno psichiatra, una psicologa, un’antropologa culturale, un etnomusicologo e un documentarista cinematografico, indagò a fondo il rituale magico-religioso del tarantismo pugliese, raccogliendo i risultati dell’analisi, in quella mitica estate del ’59, in quello che sarà poi uno dei testi fondamentali: La terra del rimorso.

La mostra La Mitica Estate del '59 ripercorre sessant’anni di indagine sul tarantismo salentino condotta dallo stesso  Ernesto de Martino e dalla sua équipe, tra Nardò, Galatina e Muro Leccese.

Sono a Galatina i luoghi di svolgimento del rito sul tarantismo: la cappella di San Paolo e lo spazio antistante.  La meta dove per decenni tarantate, studiosi del fenomeno, semplici curiosi si sono dati appuntamento per celebrare il rituale magico-religioso del tarantismo. Questa mostra multimediale restituisce gli scatti di fotografi professionisti e non, che nel corso di un cinquantennio hanno varcato la soglia del luogo del culto. Le fotografie sono di Chiara Samugheo, Paolo Longo, Paolo Albanese e Paola Chiari, Salvatore Congedo, Carmelo Caroppo, Fernando Ladiana, Luigi Chiriatti. Un progetto a  cura di Kurumuny  e Polo Bibliomuseale, con la direzione scientifica di Maurizio Agamennone e Luigi Chiriatti.

Passato e futuro del Salento si incontrano nella mostra Menadi Danzanti  progetto realizzato grazie alla sinergia tra Assessorato alla Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Polo Biblio Museale di Lecce e Fondazione La Notte della Taranta. La mostra presso il Convitto Palmieri  propone la visione della straordinaria collezione di ceramiche antiche, greche e magno greche, con immagini legate alla musica ed ai suoi diversi aspetti e funzioni, ai luoghi e alle occasioni in cui si suonava, agli dei che la proteggevano ed ai miti che la raccontavano. Curata dall’archeologa Anna Lucia Tempesta, punta a far conoscere, attraverso le immagini vascolari i reperti musicali e le fonti scritte, i laboratori di gestualità e la “messa in movimento” delle opere, l’importanza della musica nel mondo antico e gli incredibili legami con la contemporaneità. I reperti esposti nel Museo Castromediano di Lecce, insieme ad una selezione di vasi, eccezionalmente allestita nelle sale del palazzo marchesale De Luca di Melpignano, databili tra la fine del VI ed il I secolo a.C.,  documentano i diversi momenti di vita in cui la musica è presente e protagonista. Il percorso laboratoriale presso il museo di Lecce ha come obiettivo un differente approccio alla fruizione degli spazi museali, con la messa in danza e in musica delle opere esposte.

E il centro storico della città sarà invaso dai danzatori di pizzica  del Corpo di Ballo de La Notte della Taranta in un percorso a ritmo di tamburello che farà tappa alle ore 21 a Porta Rudiae, ore 21.15 piazzetta Santa Chiara, ore 21.30 piazza Sant’Oronzo-Sedile, ore 21.45 via Umberto I nei pressi della Basilica di Santa Croce, ore 22 corso Vittorio Emanuele II nei pressi della chiesa di Sant’Irene e infine ore 22.15 corso Vittorio Emanuele II nelle vicinanze di piazza Duomo. Per seguire il percorso dei danzatori basterà farsi trovare alle 21:00 in piazza Rudiae. L'appuntamento è quello della sezione Pizzuca in scena, una delle novità di questa edizione che a Lecce si snoderà  in diversi e caratteristici luoghi della città  in una sorta di flash mob itinerante.  Per Pizzica in scena si esibiranno i danzatori: Cristina Frassanito, Serena Pellegrino, Stefano Campagna, Marco Martano, Fabrizio Nigro, Lucia Scarabino, Andrea Caracuta, Mihaela Coluccia, Nicola Simonetti e Laura Massetti.

Nelle notti itineranti del Festival i borghi antichi svelano la loro bellezza nella sezione Il Borgo Racconta e quello del 14 agosto a Cerrate (Lecce) sarà un appuntamento speciale: in collaborazione con il FAI i visitatori potranno ammirare l’Abbazia di Cerrate, splendido esempio di architettura romanica pugliese impreziosita da importanti affreschi che ne fanno un unicum nel mondo bizantino. Tra i più importanti centri monastici dell’Italia meridionale con scriptorium e biblioteca, poi centro di produzione agricola specializzato nella lavorazione delle olive, oggi dopo un complesso restauro che ha permesso di riaprire al culto la Chiesa di Santa Maria di Cerrate,  il bene è affidato al FAI che curerà la visita guidata per i visitatori del Festival.

La lectio magistralis dedicata sarà volta ad approfondire, anche tramite il racconto di curiosità, gli importanti lavori di restauro che hanno interessato l’Abbazia prima della sua apertura al pubblico, con particolare riferimento agli affreschi presenti all’interno della chiesa e nella Casa del Massaro. Nello specifico, sarà a cura della società ‘Restauri del Sole’ e della restauratrice dott.ssa Maria Buongiorno che ha curato gli interventi. 

La partecipazione alla visita ha un costo di euro 10 a persona, di seguito i dettagli:

I turno (50 persone max.) su prenotazione 
dalle h. 19:30 alle h. 20:15 - benvenuto FAI e lectio magistralis sui restauri
dalle h. 20:15 alle h. 21:00 - visita guidata del Bene

II turno (50 persone max.) su prenotazione 
dalle h. 20:30 alle h. 21:15 - benvenuto FAI e lectio magistralis sui restauri
dalle h. 21:15 alle h. 22:00 - visita guidata del Bene

Per info e prenotazioni chiamare il 3240594511.

Mediaset ricorda Nadia Toffa

COLOGNO MONZESE - Oggi martedì 13 agosto, Mediaset cambia la sua programmazione per ricordare Nadia Toffa, mancata questa mattina dopo una lunga battaglia contro un tumore.

In access prime-time, al posto di “Paperissima Sprint”, Canale 5 e Italia 1 trasmetteranno in simulcast l’ultima intervista che Nadia aveva rilasciato a Silvia Toffanin per “Verissimo”, intervista che sarà inoltre riproposta su Retequattro in seconda serata.

Infine su Italia 1, alle ore 19.00, “Studio Aperto Mag” il magazine del tg, sarà interamente dedicato alla “dolce guerriera”, così come hanno voluto ricordarla questa mattina “Le Iene” nel loro post.

Musica, ambienti e arti: il 23, 24 e 25 agosto torna a Putignano il Festival della Creatività


PUTIGNANO (BA) - Il 23, 24 e 25 agosto, al Parco Grotte di Putignano, si svolgerà la sesta edizione di SPARKS Festival, un evento che coniuga creatività, musica, arti visive e cibo di qualità in un contesto ambientale unico ed affascinante. Nata nel 2014, dal desiderio di associazioni, privati e dell’Assessorato alla Cultura di rivalorizzare uno dei luoghi più affascinanti di Putignano, la manifestazione ha avuto una crescita costante e una specifica definizione identitaria, diventando sempre più un festival della creatività, del gusto e delle arti contestualizzato con il genius loci del territorio. 

Tre giorni tra musica contemporanea, tradizioni artigianali, artisti internazionali e cibo di qualità a raccontare le suggestioni di un territorio nel cuore della Puglia: il 23 – 24 e 25 agosto al Parco Grotte di Putignano (BA) arriva la sesta edizione di SPARKS, il festival dedicato agli incontri virtuosi tra antiche tradizioni e futuro delle arti. Tanti i concerti, le installazioni, i laboratori per grandi e piccini, senza trascurare le molte proposte legate al cibo di qualità a KM0. 

È una vera e propria rete civica e sociale quella che rende possibile la manifestazione, a partire dall’omonima associazione, con il fondamentale supporto dell’Assessorato alla cultura del Comune di Putignano, la partnership con Cantine Polvanera, De Giorgio Distribuzione, Murgella, Luisa Sposa, Woom, BCC di Castellana Grotte e Vìen. Gli altri fondamentali nodi della rete sono Traipler, Nimar Industry, Gruppo Ricerche Carsiche, L.A.B.A., Faniuolo Illuminazioni, Chiodo Fisso,Fau Festival, Resina MAG Scenografie, Coopera, Underwood Festival,Studio F-Project, Birreria OI, DSNC e Sinus. 

Ampio spazio alle sonorità più innovative della nuova scena, con musicisti internazionali che hanno scelto proprio Putignano come “residenza artistica”: l'iconica etichetta tedesca PAN label, tra le più autorevoli al mondo nel campo della musica d'avanguardia, fondata dal guru greco dell’elettronica Bill Kouligas, è infatti “resident label” - cioè etichetta residente - del festival, con le attese performance di alcuni degli artisti più interessanti della sua scuderia: Beatrice Dillon, Toxe, Still feat. Kaiyde e Freweini. A completare il cartellone, il giovane genio olandese Jameszoo, da poco approdato alla Brainfeeder di Flying Lotus, Moses Boyd, astro nascente della fervente scena jazz londinese, i ragazzi di una delle più consolidate realtà del clubbing italiano Fat Fat Fat Soundsystem, gli italiani Ivreatronice Jolly Mare, e i talenti di casa: il maestro Gianni Pinto, About Blank, e gli Smashroom I Need. Sempre protagonista la musica con l’afterparty organizzato con DSNC e Mucca presso Masseria Capone e le performance di Michele Costante b2b Not Mass, Max Cyelle eThink’d e il concerto per all’alba della domenica. 

Un vero e proprio festival della creatività in un contesto ambientale straordinario: Putignano diventa l'epicentro di una tre giorni di respiro internazionale, valorizzando uno dei luoghi più affascinanti della Puglia. In questa edizione, la già suggestiva cornice ambientale del parco sarà resa ancora più suggestiva e affascinante dalle istallazione e gli allestimenti che saranno realizzati grazie alla collaborazione tra Faniuolo Illuminazioni, specializzata nell'arte delle luminarie dal 1875, Chiodo Fisso nella lavorazione di ferro e legno, Fau Festival fabbricazione e arte urbana, le istallazioni visive a cura di Alberto Zampano/Ultralow e Silvia Montevecchi, due talentuosi artisti provenienti dal vivaio di LABA e l’allestimento di Nimar. A rendere ancora più magica l’ambientazione del progetto, i maestri Marino e Biagio Guarnieri di Resin MAG Scenografie trasformeranno la vetroresina in opere d’arti. Per l’occasione coniugheranno la loro visione artistica e le qualità artigiane per ricreare nell’area boschiva del festival l’atmosfera di Urano: caratterizzata dai forti venti e temperature ghiacciate che possono arrivare a 250 gradi al di sotto dello zero. 

E ancora: fotografia con il progetto site specific di Dino Frittoli e dello studio F-Project, performance di arte circense. Immancabile l’areafood, animata da alcuni dei migliori produttori e ristoratori locali, e quella relax, pensata per chi semplicemente vuole cogliere il festival come un’occasione conviviale e sociale con l’allestimento curato da Coopera. Durante le serate del festival sarà possibile immergersi a 30 m. nel sottosuolo per esplorare le grotte carsiche, la cosiddetta Grotta del Trullo. 

PROGRAMMA MUSICALE
Venerdì 23 agosto | start ore 21:00

Andrea Mi _dj set About Blank _live Moses Boyd _live Jameszoo _dj set Fat Fat Fat Soundsystem _dj set

Sabato 24 agosto | start ore 21:00

Gianni Pinto _live PAN Showcase con Beatrice Dillon _dj set Toxe _djset Still feat. Kaiyde e Freweini _live/djset

Open:Gianni Pinto_live

Domenica 25 agosto

start ore 02:00 Sparks Off @ Capone Michele Costante b2b Mastromarino _dj set Max Cyelle e Think’d _dj set

start ore 05:00 concerto all’alba

start ore 21:00 Smashroom I Need _live Jolly Mare logica natura _live Ivreatronic_closing party

Festa del Mare: domani e dopodomani Quo Vado?, Focaccia Blues e Lacapagira a San Girolamo

BARI - Domani e dopodomani a San Girolamo tre appuntamenti – rigorosamente ad ingresso gratuito in collaborazione con Apulia Film Commission- con il cinema made in Puglia per Festa del Mare – Bari 2019 promossa dalla Regione Puglia in collaborazione con Pugliapromozione, organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese con la supervisione artistica del Comune di Bari. Martedì 13 agosto doppia proiezione Waterfont alla ore 21.00 Quo vado? regia di Gennaro Nunziante con Checco Zalone, Eleonora Giovanardi, Sonia Bergamasco, Maurizio Micheli, Ludovica Modugno e alle ore 23.00 Focaccia Blues regia di Nico Cirasola con Dante Marmone, Luca Cirasola, Tiziana Schiavarelli, Renzo Arbore, Lino Banfi. Mercoledì 14 agosto alle ore 21.00 Lacapagira di Alessandro Piva con Dino Abbrescia, Teodoro Dante Marmone, Nicola Pignataro, Mino Barbarese, Teodosio Barresi.

Prosegue fino al 18 agosto, dalle ore 19 alle 2 di notte, il Fortino Sant’Antonio ospita invece la 2^ edizione di “Bari Vinyl Connection”, mercato del vinile e dj set quotidiani a cura di Summit Club Bari, con il coordinamento del gruppo Assioma.

Alain Delon colpito da ictus

PARIGI - Paura per l'attore francese, Alain Delon, 83 anni, colpito da un ictus qualche settimana fa, con una "leggera" emorragia cerebrale. Il celebre attore riposa attualmente in una clinica della Svizzera: a renderlo noto il figlio, Anthony Delon, aggiungendo che le funzioni vitali dell'attore sono "perfette" e il suo "stato, secondo i medici, è stabile".

Il figlio Anthony ha precisato che prima del ritiro in Svizzera il padre è stato "operato alla Pitié-Salpétriere (ospedale di Parigi, ndr.) ed è rimasto tre settimane in terapia intensiva".

Helen Mirren massaia pugliese per una sera

di PIERO CHIMENTI - L'attrice britannica Helen mirren, in occasione dello show food "CiboPerbacco", di Melissano, in provincia di Lecce, si è dilettata con successo nel fare a mano l'orecchietta. Il tutto è avvenuto dinanzi a migliaia di avventori che hanno ammirato ed applaudito la Premio Oscar mentre realizzava il simbolo della cucina pugliese presso lo stand di un pastificio di Aradeo.

Bari Piano festival 2019: presentata la seconda edizione

BARI - È stata presentata questa mattina a Palazzo di Città la seconda edizione del Bari Piano Festival, che dal prossimo 24 agosto in città una intera settimana dedicata alle vibrazioni e suggestioni musicali del pianoforte che attraverseranno il centro urbano e i luoghi della vita quotidiana con il loro magico potere.

All’incontro con la stampa sono intervenuti il sindaco di Bari Antonio Decaro, l’assessora alle Culture Ines Pierucci, il maestro Emanuele Arciuli, direttore artistico della rassegna, il direttore del Teatro Pubblico Pugliese, Sante Levante, e Francesco Salvemini, dg La Lucente spa, tra i main sponsor dell’evento.

“Siamo contentissimi di questa seconda del Bari piano festival - ha dichiarato Antonio Decaro - che sin dal suo esordio nelle intenzioni di Emanuele Arciuli, che ne è l’anima, il motore e il cuore, intendeva colmare un vuoto offrendo una panoramica degli interpreti e dei compositori contemporanei di pianoforte a una città che alla musica ha regalato grandi pianisti.

Questa nuova edizione conferma quell’intuizione e la sviluppa ulteriormente, con un programma ancora più articolato, che mantiene però un legame speciale con il mare, con i concerti all’alba e al tramonto, ne inaugura uno tutto nuovo con i libri e ribadisce la sua vocazione a rompere le consuetudini dei luoghi consacrati alla musica per spingersi oltre ed entrare nelle carceri, negli ospedali e nelle case private.

Bari è cambiata molto in questi ultimi anni: è cambiata nella percezione che ne hanno i baresi e, di conseguenza, in quella dei turisti e dei visitatori, fino a diventare la meta pugliese più richiesta, come confermato dagli ultimi, straordinari dati di Pugliapromozione.

Se questo è accaduto è merito anche di un nuovo fermento che attraversa la città, una specie di effervescenza che si respira nell’aria e che fa sì che molti scelgano di mettersi in gioco in prima persona, come ha fatto Emanuele Arciuli, con il suo indiscutibile talento e la sua esperienza, con questo bellissimo omaggio a Bari.

Credo che questa estate offra davvero un panorama molto ampio di eventi frutto e che il Bari piano festival ne rappresenti un tassello fondamentale. Le collaborazioni istituzionali, su tutte quella con il TPP, le connessioni attivate, gli sponsor, i patrocini di cui si avvale questo festival sono la riprova di quell’effervescenza, e la dimostrazione che la cultura nelle sue diverse espressioni rappresenta ormai una leva formidabile per lo sviluppo economico di un territorio come il nostro”.

 “Questo festival - ha proseguito Ines Pierucci - valorizza il nostro territorio accrescendo anche l’ambizione che Bari ha di diventare meta di punta di un turismo culturale di qualità. Il dato annunciato da Pugliapromozione, +20% di presenze nel 2019, rappresenta la sfida più importante che dobbiamo raccogliere in materia di turismo legato agli eventi culturali e che non deve deludere le aspettative dei tanti turisti che arrivano e che si fermano a Bari.

Spero che ognuno dei protagonisti del festival, attraverso quello che gli addetti ai lavori chiamano word of mouth (passaparola), possa diventare ambasciatore della nostra città fuori regione.

Questa iniziativa ci racconta anche di una città fuori dagli schemi che attraverso grandi rassegne culturali intende esprimere il meglio dell’accoglienza e dell’ospitalità.

Da parte mia, accanto ai grandi nomi in cartellone, apprezzo particolarmente la contaminazione tra musica e narrativa con le presentazioni in programma. La musicografia letteraria è un filone vastissimo e appassionante che conta interpreti molto interessanti anche qui in Puglia.

Infine un apprezzamento sulla scelta dei luoghi, frutto di un approccio trasversale che tiene insieme culturale e sociale, che ci rende particolarmente orgogliosi”.

 “Ringrazio di cuore Antonio Decaro - ha detto Emanuele Arciuli -, che ha fortemente voluto questo festival dandomi la possibilità di fare qualcosa di bello per la mia città, e ringrazio Ines Pierucci che ha “ereditato” questa rassegna ma ha voluto proseguirla, un segnale a mio parere molto importante perché per dare un senso alle cose bisogna garantire loro continuità.

Non potremmo realizzare questo festival senza il contributo del Teatro Pubblico Pugliese, una straordinaria macchina da guerra, e senza una serie di collaborazioni che per me sono irrinunciabili - tra le altre quelle con Christian Calabrese, Cube e i mie due assitenti - e che hanno reso possibile il sostegno di tre main sponsor - Bariblu, La Lucente e Amgas - e altri sponsor più piccoli in termini economici ma altrettanto importanti per la realizzazione del festival.

Di fatto il mio è un intervento di ringraziamento perché per me il senso della gratitudine è importante, e il senso di amicizia è la cosa più importante, quella capace di smuovere le montagne: molti degli ospiti del festival hanno accettato le condizioni contrattuali essenzialmente per amicizia. Mi piace sottolineare che il festival propone pianisti di ogni tipo - musicisti classici ortodossi, musicisti che amano le contaminazioni, musicisti jazz - ed è assolutamente trasversale anche in termini anagrafici, con giovani talenti e pianisti in là con l’età. Parliamo di un festival che non ha paura di abbracciare la complessità, perché parla il linguaggio della musica contemporanea, ma che piace e riesce ad essere recepito grazie alla bravura degli interpreti. Infine, è un festival che si svolge in una città che fino a qualche anno fa quasi ci vergognavamo a citare e che oggi è diventata trendy, sicuramente grazie a Lonely planet ma ancor più perché abbiamo tutti la sensazione che sia un città in crescita, in cui si percepisce un’energia molto forte, che speriamo di contribuire ad alimentare”.

Ideato e patrocinato dal Comune di Bari, promosso e organizzato da Teatro Pubblico Pugliese, con il sostegno di FSC 2014-2020 “Interventi per la tutela e valorizzazione dei beni culturali e per la promozione del patrimonio immateriale”, con il patrocinio del Conservatorio di Bari, in collaborazione con Fondazione Petruzzelli, partner il Circolo della Vela Bari, Torre Quetta e Il Trampolino, main sponsor La Lucente spa, Bariblu e Amgas srl, Bari Piano Festival prevede quindici appuntamenti, tutti a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, che si concluderanno il 1° settembre.

Torre Quetta, il Fortino di Sant’Antonio, la Basilica di San Nicola, il lido Il Trampolino, il Foyer del Teatro Petruzzelli, l’Ospedale Oncologico Giovanni Paolo II di Bari, il Chiostro di Santa Chiara, la Casa Circondariale di Bari, alcune abitazioni private e il Circolo della Vela di Bari sono le location, tra le più suggestive e della città di Bari, che ospiteranno gli artisti selezionati da Emanuele Arciuli per entrare nei luoghi e cambiarne le esperienze di vita quotidiana.

Più in dettaglio, i concerti all’alba (Melnyk) e al tramonto (Mozdzer/Campaner) attraversano i generi, e propongono artisti di raffinata e avvincente qualità. La musica colta trova piena accoglienza nei concerti di due grandi pianisti anglosassoni, Steven Osborne e Jeffrey Swann, e di una giovane promessa italiana, Costanza Principe. La maratona di musica contemporanea vedrà impegnate quattro autentiche “star” del pianoforte (Stella - nomen omen - Vacatello, Namekawa e Benelli Mosell). Il jazz trova una splendida occasione nell’esclusiva nazionale di un nuovo progetto con due dei più amati pianisti italiani (Dado Moroni e Rita Marcotulli). Due presentazioni di libri, con Genisi e Gesuita che dialogano con William Greco e Mirco Ceci, consentono di valorizzare due talenti pianistici della nostra terra. Di libri e musica contemporanea si parlerà, anche, con Carlo Boccadoro e Alessandro Piva, mentre un importante convegno - al Petruzzelli, con cui prosegue una bella collaborazione - sarà incentrato sulle prospettive per i giovani pianisti, e vedrà impegnati musicisti ed esperti, fra cui si segnalano il sovrintendente della Fondazione Massimo Biscardi e la grande pianista italiana Beatrice Rana. Ma il pianoforte diviene pure formidabile grimaldello per accedere a luoghi di disagio e sofferenza, cercando di portarvi conforto e luce: Maurizio Zaccaria e Alessandro Deljavan suonano nella casa circondariale e nell’ospedale oncologico. Tre nuove composizioni, chieste a compositori pugliesi: Massimo De Lillo, Nico Girasole e Raffaele Minella, inaugurano un’idea, che è quella di avere un repertorio di musiche pianistiche scritte e pensate per Bari. Infine, per proseguire nel suo motto “risuona la città”, il festival conferma gli House Concerts, ospitati dal Circolo della Vela Bari, prestigioso circolo cittadino che sostiene il festival e la causa dei giovani, e da alcune abitazioni private che si aprono ai giovani talenti. Il pianoforte è uno strumento che ha dato e continua a dare tanto alla nostra terra. Il Bari Piano Festival è una maniera per ricambiare e rendergli omaggio.

Ad inaugurare il Bari Piano Festival 2019, dopo l’anteprima di Maurizio Baglini del 20 aprile scorso, sarà il concerto all’alba Morning Meditations in programma il 24 agosto alle 6.00 del mattino a Torre Quetta con Lubomyr Melnyk. Sempre il 24 agosto al Fortino di Sant’Antonio è in programma, alle 19.45, Le parole della musica - Analfabeti sonori (Einaudi) in cui Carlo Boccadoro converserà sul suo libro con Alessandro Piva e Emanuele Arciuli.

Il 25 agosto la Basilica di San Nicola ospiterà l’esibizione di Steven Osborne (ore 21.30) in una esecuzione al piano dal titolo Il pianoforte e la spiritualità con le musiche di Olivier Messiaen e Ludwig van Beethoven.

Il 26 e 27 agosto alle 18.45 il lido Il Trampolino ospiterà due appuntamenti La musica incontra i libri realizzati a cura di Libreria Laterza: il primo, presentato da Maria Grazia Rongo, è con Gabriella Genisi, autrice di Pizzica Amara, edito da Rizzoli, sarà accompagnato dalla musica di William Greco; il secondo, presentato da Antonella Daloiso, è con Patrizia Gesuita autrice de Il segreto di Esther, con l’intervento di Dinko Fabris e letture a cura di Antonella Radicci, sarà accompagnato dal concerto del pianista Mirco Ceci che, per l’occasione, eseguirà in prima assoluta Spin di Raffaele Minella, commissionato dal BPF.

Mercoledì 28 agosto il foyer del Teatro Petruzzelli ospiterà il convegno La professione del pianista, prospettive per i giovani (I parte ore 11.30-12.45 - dalla formazione accademica all’attività concertistica - intervengono Massimo Biscardi, Beatrice Rana, Riccardo Risaliti, Jeffrey Swann.

Modera Emanuele Arciuli; II parte ore 17.30-19.00 - prospettive di inserimento nel mondo del lavoro - Stefano Bronzini, Piero Di Egidio, Nicola Scardicchio, Tiziana Tentoni. Modera Lorenzo Mattei). Alla sera, alle 20.00, sempre nel Foyer del Teatro Petruzzelli, ci sarà il recital di Costanza Principe con musiche di Johann Sebastian Bach, Robert Schumann, Franz Schubert.

Il 29 agosto alle 12.00 Alessandro Deljavan si esibirà in un recital, presentato da Barbara Mangini all’Ospedale Oncologico Giovanni Paolo II, in collaborazione con l’OdV Gabriel, su musiche di Johann Sebastian Bach: Variazioni Goldberg. In serata, alle 19.45, Jeffrey Swann presenterà al Fortino di Sant’Antonio la lezione di musica Musique en plein air con le musiche di Franz Liszt, Claude Debussy, Olivier Messiaen, Béla Bartók.

Si continua il 30 agosto alle 21.00 nel Chiostro di Santa Chiara con una singolare Maratona Di Musica Contemporanea i cui protagonisti saranno: Alessandro Stella, Maki Namekawa, Vanessa Benelli Mosell e Mariangela Vacatello su musiche di Karlheinz Stockhausen, Marco Stroppa, John Palmer (prima italiana), Mozart Camargo Guarnieri, Isang Yun, Philip Glass, Arvo Pärt, Giya Kancheli, Pēteris Vasks, Georges Aperghis, György Ligeti.

Sabato 31 agosto alle 10.00 la Casa Circondariale di Bari ospiterà il recital di Maurizio Zaccaria con musiche di Ludwig van Beethoven, Fryderyk Chopin, Richard Wagner, Jules Massenet, George Gershwin, Nico Girasole. Nel corso del concerto sarà eseguito in prima assoluta Profumi per Pianoforte di Nico Girasole, commissionato dal BPF.

Sempre il 31 agosto, alle 21.00 i Dialoghi in Jazz “Tasti Dedicati” (esclusiva nazionale) con Dado Moroni e Rita Marcotulli saranno protagonisti della serata al Chiostro di Santa Chiara.

Per l’ultima giornata, l’1 settembre a partire dalle ore 11.00 sono in programma: l’House Concerts: Risuona la città! tra abitazioni private e il Circolo della Vela Bari, dove sarà eseguito in prima assoluta Welcome di Massimo De Lillo, commissionato dal BPF e presentato da Barbara Mangini; e il Concerto al tramonto (ore 18.45, Torre Quetta) con Leszek Możdżer e Gloria Campaner, pianoforti e tastiere.

Info su: www.baripianofestival.it

Il Cercle Magique Trio chiude l'Hypogeum Jazz Festival

LECCE - Venerdì 9 agosto, presso i Giardini pensili del Palazzo ducale di Presicce sarà di scena il Cercle Magique Trio, con un concerto incentrato sull’amonimo disco pubblicato per l’etichetta Dodicilune. La band, composta da Nando Di Modugno chitarra, Viz Maurogiovanni basso e Gianlivio Liberti batteria, nasce dall’incontro di tre personalità musicali molto diverse fra loro e tuttavia straordinariamente combinate in un dialogo che dal torpore passa alla vita. 

Cercle Magique è un viaggio tra il mistico e l’esoterico, che conosce la sensualità della terra e del fuoco e il battesimo dell’acqua. Paesaggi suggestivi, universi onirici e straniati, che declinano naturalmente dal rarefatto al fisico attraverso gli interventi elettroacustici dei tre musicisti, le suggestioni jazz e un incalzante retropensiero funk-rock. 

Un concerto in cui tutto si anima all’improvviso emergendo in una dimensione nuova nella voce lieve della chitarra di Di Modugno, nelle linee tratteggiate dal basso elettrico di Maurogiovanni e nelle vibrazioni incessanti delle percussioni di Liberti. Il Festival, che gode del patrocinio del Comune di Presicce-Acquarica e del Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce, quest’anno è dedicato al paesaggio, elemento distintivo del Salento, martoriato da malattie ed incuria, bene prezioso da tutelare. 

Come sempre la scelta del programma è incentrata su grandi nomi del jazz pugliese che ormai fanno parte del panorama nazionale ed internazionale. A fare da cornice ai concerti, come per le passate edizioni, vi saranno i luoghi più suggestivi di quello che a ragione è annoverato fra i borghi più belli d’Italia. Alla fine dei concerti sarà dato ampio spazio a degustazioni enogastronomiche offerte da aziende locali.

Inizio concerti ore 21:30. Per info: 334 688 3343 - 338 973 3934

Ritorna il 'Bari Piano Festival 2019'


BARI - Sarà presentata domani in conferenza stampa con tutti i dettagli la programmazione della seconda edizione del Bari Piano Festival, in programma dal 24 agosto al 1° settembre nel capoluogo pugliese.

Ideato e patrocinato dal Comune di Bari, promosso e organizzato da Teatro Pubblico Pugliese, con il sostegno di FSC 2014-2020 “Interventi per la tutela e valorizzazione dei beni culturali e per la promozione del patrimonio immateriale”, con il patrocinio del Conservatorio di Bari, in collaborazione con Fondazione Petruzzelli, partner il Circolo della Vela Bari, Torre Quetta e Il Trampolino, main sponsor La Lucente spa e Bariblu, Bari Piano Festival prevede quindici appuntamenti, tutti a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, che si concluderanno il 1° settembre.

Ad illustrare i dettagli dell’iniziativa, il programma e gli aspetti organizzativi, alla presenza del sindaco di Bari Antonio Decaro, l’assessora alle Culture del Comune di Bari, Ines Pierucci, il maestro Emanuele Arciuli, direttore artistico della rassegna, il direttore del Teatro Pubblico Pugliese, Sante Levante, e Francesco Salvemini, dg La Lucente spa. L'incontro con la stampa si terrà in sala Giunta all’interno del Palazzo di Città di Bari alle ore 12.00

Info: www.baripianofestival.it

Brignano in scena a Lecce: unica tappa in Puglia

LECCE - Enrico Brignano riabbraccia Lecce con il suo nuovo, esilarante e imperdibile one-man-show “Un’ora sola vi vorrei”, uno spettacolo che è una vera e propria corsa contro il tempo. L'appuntamento rientra nel festival Suoni nel Barocco e si terrà domenica 1 settembre in Piazza Libertini a Lecce, a partire dalle 21. Un'occasione unica perché quella del capoluogo salentino è stata confermata come unica data per questo spettacolo. I biglietti sono in vendita nei siti online autorizzati e nei punti vendita Ticketone. Al netto dei diritti di prevendita il prezzo è di 60€ per le poltronissime numerate, di 50€ per le poltrone numerate e di 40€ per le poltrone non numerate.  Infoline: 0832315200 e 3297761511.

La tournée di "Un'ora sola vi vorrei" parte ad agosto e presenta un calendario in rapido aggiornamento. Lo spettacolo è una riflessione sulle nostre ossessioni legate al tempo. “Ruit hora”, dicevano i latini. “Il tempo fugge”, facciamo eco noi oggi. Che poi, che c’avrà da fare il tempo, con tutta questa fretta? E come mai, se il tempo va così veloce, quando stiamo al semaforo non passa mai? A spasso nel suo passato, tra ricordi e nuove proposte che rappresentano un ponte gettato sul futuro, Brignano passeggia sulla linea tratteggiata del nostro presente, saltella tra i minuti, prova a racchiudere il fiume di parole che ha in serbo per il suo pubblico e a concentrarle il più possibile, in un’ora e mezza di spettacolo. Sì, un’ora e mezza. Ma il titolo dice “un’ora sola”. Sì, ma la mezz’ora accademica non ce la mettiamo? E poi c’è il condizionale “vi vorrei”, che indica un desiderio, non una realtà. O magari l'attore riuscirà magicamente, insieme al suo pubblico, a fermare anche il tempo?

Romano del quartiere di Dragona, classe 1966, Brignano è alla regia del suo ventesimo spettacolo teatrale e "Un'ora sola vi vorrei" segue il grandissimo successo di “Innamorato Perso”, la mise-en-scène prodotta da Max Produzioni e Vivo Concerti, con la quale il “Biglietto D’Oro” ha fatto ridere ed emozionare il pubblico italiano nei palazzetti di ben quattordici città lungo tutta la penisola. 

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Immobiliare Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Teatro Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia