Visualizzazione post con etichetta Cultura e Spettacoli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cultura e Spettacoli. Mostra tutti i post

Trinitapoli: grande successo delle poesie sotto le stelle, emozioni in versi e musica


MICHELE MININNI - In una piacevolissima serata d’estate, sul sagrato del Santuario della Beata Vergine Maria di Loreto è calato il sipario sulla bellissima ed emozionante edizione delle “Poesie sotto le Stelle” a Trinitapoli. Un evento organizzato dalla stessa parrocchia grazie al parroco Mons. Giuseppe Pavone ed al Vicario Don Nicola Grosso coordinati da Peppino Beltotto.Sono state decantate poesie in vernacolo ed in lingua italiana,un mixage di declamazioni di versi di diversi autori locali quali Grazia Stella Elia, Francesco Labianca, Peppino Lupo e  Francesco Fiorillo recitati in maniera suggestiva da interpreti della Parrocchia come Michele Cafagna, Anna Grazia Di Biase, Giuseppe Beltotto e Maria Piazzolla. 

La serata è stata circondata da intermezzi musicali degli anni 70-80 dal gruppo musicale Vintage composto da Ruggiero Serafini, Stefano Monterisi, Daniele Monterisi, Giovanni Paolo Andriano e dai vocal Matteo Muriglio, Urbano e Nicola Lopizzo.La serata è stata presentata dal parroco Mons. Giuseppe Pavone, presente la Commissaria straordinaria del Comune di Trinitapoli la dott.ssa Giuseppina Ferri in compagnia della Comandante della Polizia Locale Giuliana Veneziano.  

Sangiovanni e Batistuta: due grandi acquisti per la Partita del Cuore


MONZA - Per la Partita del Cuore 2022, in programma per il prossimo 7 settembre all’U-Power Stadium di Monza, scenderanno in campo anche Sangiovanni e Gabriel Batistuta. Sangiovanni, artista pluri disco di platino, all'esordio assoluto con la Nazionale Cantanti. Il campione argentino torna invece in campo per la solidarietà dopo la doppietta al Franchi di Firenze nella Partita del Cuore 2014 e ricostituisce con Francesco Totti la coppia che portò la Roma allo scudetto del 2001.

La prevendita dell'evento è sul sito www.vivaticket.com e nei punti vendita VivaTicket di tutta Italia.

I biglietti di curva nord e sud al prezzo di 5 Euro, quelli di tribuna est a 10 Euro e tribuna ovest a 15 Euro. Per i biglietti venduti in prevendita potrebbe essere aggiunto un costo di transazione e gestione sistema. I biglietti riservati ai diversamente abili e ai loro accompagnatori saranno invece gratuiti: per tutte le informazioni e prenotazioni degli stessi scrivere all’indirizzo email biglietti@cooplameridiana.it.

I nomi già confermati sono quelli di Gianni Morandi, Francesco Totti, Enrico Ruggeri, Rkomi, Alessandro Cattelan, che scenderanno in campo insieme a Bugo, Leonardo, Fabio Aru, Gianni Bugno, Marco Melandri, Moreno, Marco Simone e Dj Ringo.

Il ricavato della Partita del Cuore, frutto della vendita dei 16mila biglietti disponibili e dell’sms solidale 45527, sarà a sostegno delle persone con Alzheimer del Paese Ritrovato de “La Meridiana Società Cooperativa Sociale” e in favore dei bambini del “Comitato Maria Letizia Verga per lo studio e la cura della leucemia del bambino”.

L’hashtag per l’evento di quest’anno sarà: #partitadelcuore2022. 

Polignano a Mare: prosegue la rassegna FramMenti D'arte con "Madame Butterfly" di Puccini

 


Lirica d’autore e musica, un abbraccio tra le arti nel ricordo di Davide Gaetano D’Accolti, 23enne barese studente di ingegneria elettronica e del Conservatorio di Bari, rimasto vittima di un terribile incidente stradale. Un giovane che amava l’arte in tutte le sue forme, ed è proprio per avvicinare le nuove generazioni a un’offerta culturale di qualità che l’Associazione Musicad’InCanto Davide Gaetano D’Accolti APS organizza ad agosto la rassegna FramMenti D’ARTE a Polignano a Mare.

Il Progetto:

Nasce nel 2016 attraverso il lavoro dell’Associazione guidata da M-aria Antonietta Ressa, per riempire il grande vuoto che la perdita di Davide ha lasciato nell’intera comunità barese, dopo che in una nottata di febbraio di cinque anni la sua auto, fu travolta da un’altra di grossa cilindrata, che procedeva contromano sulla statale 16 di Bari. Sempre nell’ottica di ‘donare’ quello che si è perso, l’Associazione ha restaurato un antico organo settecentesco, stipulando anche un contratto di lavoro per un organista; ha riscoperto e restaurato un grande affresco di un “cristo deposto” presumibilmente cinquecentesco, attraverso una formale convenzione con l’Università di Bari, Facoltà di “Scienze del restauro”, riconoscendo alle tirocinanti, seguite dalla docente di restauro, una forma economica di incentivo. La passione di Davide per la musica non poteva che connotarsi in una restitutio di eventi aperti ai più giovani, con una doppia missione: far rivivere chiostri mai aperti al pubblico, diventati palcoscenici dei concerti dell’Associazione, e avvicinare i giovani talenti dei conservatori pugliesi promuovendo masterclass musicali. L’ambizione è di estendere questo approccio coniugando alla promozione culturale e turistica, la solidarietà anche in termini di collaborazioni artistiche di prestigio, come quella, in corso di definizione,con l’Associazione Capri Opera Festival, ente autonomo che gestisce l’omonimo festival dal 2007.

Gli appuntamenti di FramMenti D’ARTE:

Sono tre le declinazioni di FramMenti D’Arte che hanno coinvolto e continuano a coinvolgere la comunità polignanese nel periodo estivo. Domani, sabato 13 agosto alle 20.30 si realizza così una delle più impegnative eredità lasciate da Davide: realizzare una delle più conosciute opere liriche al mondo, la Madama Butterfly di Giacomo Puccini. Non una classica rappresentazione, ma un’esperienza artistica che include il “Un sogno in musica: il racconto di Madame Butterfly”, prodotta proprio dall’Associazione, che riporta il tema dell’amore sincero – ma anche ingenuo – della protagonista Cio-Cio-San (interpretata dal soprano Maria Luisa Lattante) su un palcoscenico speciale: la piazza Suor Maria La Selva, affacciata sul mare. Con il noto soprano leccese, di origini materne polignanesi, un’altra affermata artista pugliese, Angela Alessandra Notarnicola. Completano la compagnia il tenore Enrico Terrone Guerra, (Pinkerton), e il baritono Donato Di Gioia (Sharpless), che hanno calcato il palco di teatri italiani di fama, come il San Carlo e il Teatro alla Scala oltre a rinomati teatri internazionali. Dall’ esperienza del San Carlo, anche la truccatrice Tiziana Passaro. L’opera sarà eseguita con la narrazione di Michela Italia, nelle vesti di Kate, autrice dei testi originali e diretta collaboratrice del celebre tenore Marcello Giordani.

Figuranti volontari, compreso il piccolo Diego Malena, nei panni di Dolore, e il coro, completano la rappresentazione. La regia internazionale è curata da Vincenzo Grisostomi Travaglini con la consulenza di Ravivaddhana Monipong Sisowath, che porta a Polignano a Mare anche i costumi originali realizzati appositamente per la rappresentazione al Teatro del Giglio di Lucca nel 1982, che vide protagonista la cantante lirica di fama internazionale Raina Kabaivanscka. I costumi di Fabrizio Onali e Otello Camponeschi sono vere e proprie opere d’arte, che saranno esposti, a loro cura, in una speciale mostra aperta al pubblico ospitata nel Palazzo San Giuseppe, nel centro storico di Polignano a Mare, già dall’11 agosto. L’opera si avvale delle scenografie di uno dei più interessanti scenografi pugliesi, Damiano Pastoressa, già responsabile del laboratorio scenico del Teatro Petruzzelli, con all’attivo diverse collaborazioni con i maggiori teatri nazionali. Il disegno delle luci, è affidato al gusto artistico di Giovanni Pirandello, pronipote del drammaturgo Luigi, premio Nobel per la letteratura. Completa il gruppo di lavoro, il maestro collaboratore Andrea Barbato: l’Orchestra Filarmonica Pugliese, sarà diretta dal M° Ferdinando Redavid. Ottocento i posti a sedere messi a disposizione dall’Associazione gratuitamente.

La messa in scena della Madama Butterfly segue all’appuntamento di inaugurazione della rassegna: il concertoFramMenti di luna, che il 18 luglio ha visto versi e musica dialogare. Le note del pianoforte di Ottavia Valentina Pastore, della viola di Paolo Messa, del violoncello di Valentina Maria Irlando hanno accompagnato le poesie declamate dall’attore Vito Facciolla.

A concludere la rassegna sarà invece il 27 agosto il cantante Giovanni Caccamo, protagonista del concerto FramMenti di luce. Appuntamento per la quinta edizione del Concerto all’alba, organizzato nel giardino a mare del Museo Pino Pascali in collaborazione con la Chiesa Matrice di Polignano a Mare. La voce e il pianoforte di un’artista capace di raccontare con delicata e sensibile attenzione i temi del quotidiano si legano alla + 39 Ensemble, composta dai violinisti Francesco Lamanna e Pietro Cicolecchia, Antonio Taranto (chitarre), a cui si aggiungono collaborazioni, quest’anno impreziosite da Francesco Galizia (fisarmonicista) e Francesco M. Sette (percussioni). Al termine del concerto il parroco “volante” della Chiesa Matrice, don Gaetano Luca, svilupperà brevi riflessioni con i presenti.

Gli eventi della rassegna FramMenti D’Arte sono a ingresso libero, con il patrocinio del Comune di Polignano Mare e della Regione Puglia tramite Puglia Promozione. Collaborazione della Fondazione Museo Pino Pascali.

È consigliata la prenotazione. Per informazioni assomusicadincanto@libero.it-assomusicadincanto@pec.it – 3203144989 – 3294479010.

Ostuni. Ultimi appuntamenti di Teatro Madre Festival: in scena "Pasticceri" a all'alba di Ferragosto il concerto degli Yarákä


OSTUNI (BR)
- Volge al termine, questo fine settimana, Teatro Madre Festival: al Parco Archeologico di Santa Maria d’Agnano di Ostuni saluteremo un’edizione speciale, che ha regalato tantissime emozioni, spettacoli di altissimo livello e la bellezza di "stare" in un luogo unico in tutta la Valle d’Itria.

A chiudere questa ricchissima edizione, un doppio appuntamento: domenica 14 agosto (h. 21.00), lo spettacolo teatrale per tutti (dai 3 ai 99 anni) "Pasticceri" con Roberto Abbiati e Leonardo Capuano; a seguire, all’alba di domenica 15 agosto (h. 4.45), gli Yarákä saluteranno l’arrivo del nuovo giorno con i riti e suoni ancestrali del Mediterraneo e del Sud Italia.
Domenica 14 agosto, verrà allestita, nell’anfiteatro che guarda il mare, un’intera e autentica cucina da pasticceria. Attenzione però: non sedetevi in prima fila, o rischierete di ritrovarvi gocce di cioccolato e crema addosso! Anche se poi è forse questo il bello di "Pasticceri. Io e mio fratello Roberto", uno spettacolo scritto da Roberto Abbiati, in scena con Leonardo Capuano.
È proprio quest’ultimo, vero pasticcere-attore, a tessere le fila del racconto, anche se sarà la presenza di Abbiati a capovolgere una visione della vita e dell’amore che passa attraverso fasi sottili. Dalle risate a crepapelle all’ironia amara, fino alla tenerezza e alla poesia. L’intera storia dei due fratelli comincia con i dolci e si svolgerà in pasticceria. Pian piano ci si accorgerà però che il lavoro fantasioso, artistico e poetico di questi due personaggi diventerà una clausura forzata: un’intera vita dietro al bancone, con una visione del mondo esterno assolutamente immaginaria. Insomma, nonostante l’idea di una golosa vita trascorsa tra i dolci possa sembrare leggera e divertente, il senso dello spettacolo è invece profondo e meno ‘divertito’.
A poche ore di distanza, all’alba di lunedì 15 agosto (h. 4.45), in un momento di eccezionale congiunzione tra arte e natura, quando Aurora apre il giorno sorgendo dal mare proprio di fronte al pubblico dell’Anfiteatro, saranno i ritmi ancestrali degli Yarákä, gruppo di origine tarantina a chiudere questa V Edizione di Teatro Madre Festival con Nastya, il Concerto all’Alba.
Yarákä, progetto di origini tarantine nato nel 2015, è un lavoro di ricerca attento ad esaltare la componente multietnica, in particolare quella comune matrice ritmica proveniente dall'Africa che funge da catalizzatore e permette di spingersi oltre sperimentando contaminazioni audaci con le sonorità Mediterranee e del Sud Italia.
Pilastro portante dell'ensemble è la riscoperta del dialetto tarantino, carattere che rende unica la ricerca musicale della band formata da Gianni Sciambarruto (chitarra, berimbau), Virginia Pavone (voce e percussioni) e Simone Carrino (percussioni etniche).
Teatro Madre Festival è un progetto, ideato e fortemente voluto da Armamaxa/PagineBiancheTeatro e dal Museo Archeologico di Ostuni, e realizzato con il sostegno fondamentale del Comune di Ostuni e la collaborazione del Teatro Pubblico Pugliese.

INFORMAZIONI
Per maggiori info e dettagli sugli spettacoli: www.paginebiancheteatro.it
Botteghino e info utili
Biglietto spettacolo Pasticceri: euro 10
Biglietto concerto all’alba: euro 8
La prenotazione è obbligatoria al +39 389 265 6069. In alternativa sarà possibile acquistare i biglietti su vivaticket.it.

Sky Cinema, in prima tv "Il talento di Mr. C" con Nicolas Cage



Nicolas Cage interpreta… Nick Cage nella commedia d’azione “IL TALENTO DI MR. C”, in prima tv lunedì 15 agosto alle 21.15 su Sky Cinema Uno e Sky Cinema 4K. Il film sarà anche in streaming su NOW e disponibile on demand, anche in qualità 4K

In questa divertente action-comedy il premio Oscar® Nicolas Cage porta in scena una esilarante e al contempo adrenalinica parodia di sé stesso. Con la regia di Tom Gormican, il film vede nel cast anche Pedro Pascal ("The Mandalorian", "Narcos", "Game of Thrones”), Sharon Horgan, Ike Barinholtz, Alessandra Mastronardi, Jacob Scipio, Neil Patrick Harris e Tiffany Haddish.

Creativamente insoddisfatto e di fronte alla rovina finanziaria, la versione romanzata di Cage deve accettare un’offerta da un milione di dollari per partecipare al compleanno di un pericoloso superfan (Pedro Pascal). Le cose prendono una svolta selvaggiamente inaspettata quando Cage, reclutato da una agente della CIA (Tiffany Haddish), è costretto ad essere all’altezza della propria leggenda, incanalando i suoi personaggi più iconici e amati sullo schermo per salvare sé stesso e i suoi cari. Con una carriera costruita proprio per questo momento, l’attore fondamentale e pluripremiato deve assumere il ruolo di una vita: Nick Cage.

IL TALENTO DI MR. C– Lunedì 15 agosto in prima tv alle 21.15 su Sky Cinema Uno e Sky Cinema 4K, in streaming su NOW e disponibile on demand, anche in qualità 4K.


Foto: Ufficio Stampa Sky.

Estate a Putignano: gli eventi dal 12 al 21 agosto

PUTIGNANO (BA) - Proseguono gli eventi estivi che stanno animando la città della cartapesta in questi giorni d’estate. Tra musica, teatro per bambini e appuntamenti con i libri, i luoghi della cultura e le piazze putignanesi continuano a popolarsi ed essere vissuti anche dai turisti che stanno visitando la città.

Questa settimana, venerdì 12 agosto, si comincia dalla mattina con la visita guidata gratuita a cura dell’Infopoint di Putignano, alla scoperta del centro storico e dei monumenti cittadini (info e prenotazioni tel. 375.5453515 – email infopoint@comune.putignano.ba.it). Alle ore 19:00 il giardino pensile del Museo Civico “Romanazzi Carducci” (piazza Plebiscito) ospiterà la presentazione del libro Racconti popolari peuceti di Francesco Spilotros, l’autore dialogherà con Teresa Spagnuolo. Il libro è un insieme di racconti raccolti e trascritti direttamente dalla voce dei nostri anziani. Racconti che esprimono la saggezza popolare, che nascono da esperienze di vita, storie che si raccontavano dopo una giornata di duro lavoro, nelle sere d'estate all’aperto o nelle lunghe sere invernali, quando ci si trovava a chiacchierare davanti al braciere acceso. L’autore, insegnante di Scuola Primaria, specializzato in sostegno psico-pedagogico, redattore del periodico molese Città Nostra e della rivista San Michele e la Civetta, coniuga la passione per la lettura e la scrittura con l’interesse per la storia, l’arte e le tradizioni popolari. La serata si concluderà alle ore 20:30 in via Anna Frank con L’estate che vorrei, intrattenimento danzante a cura di Enzo Calabritta.

Gli eventi proseguiranno la settimana di ferragosto. Venerdì 19 agosto, alle ore 19:00 al giardino pensile del Museo Civico, si terrà la presentazione di YEAST, progetto di visual storytelling dedicato alla Puglia. YEAST descrive 52 personalità, donne e uomini che hanno scommesso e continuano a scommettere su di sé attraverso la propria terra. Un racconto per immagini che si sviluppa lungo tutta la Puglia, alla ricerca dell’anima profonda della nostra Regione individuata in alcune delle esperienze di vita e di impresa più audaci, innovative e antiche al contempo. Un progetto artistico curato dai fotografi Flavio e Frank Sabato e dal videomaker Gabriele Surdo. Durante l’incontro di venerdì 19, moderato da Daniele Pratolini, interverranno Angelo Sabatelli e Antonello Magistà, due delle 52 storie raccontate. Nell’occasione sarà anche presentato il nuovo frutto del campo di YEAST, un libro fotografico con un’introduzione di Franco Arminio. La serata proseguirà, alle ore 20:30 al quartiere san Pietro Piturno, con l’intrattenimento danzante a cura di Enzo Calabritta.

Sabato 20 agosto doppio appuntamento curato dall’Infopoint di Putignano. Alle ore 18:00 visita guidata delle installazioni in cartapesta e della bottega del coriandolaio e laboratorio di cake design per bambini al Chiostro della Biblioteca Comunale. Partecipazione gratuita ad entrambe le attività, info e prenotazioni tel. 375.5453515 – email infopoint@comune.putignano.ba.it. Alle ore 20:30 il giardino pensile del “Museo Civico” ospiterà il primo appuntamento della rassegna “Melodie d’estate”. In concerto Air Duo, Giuseppe Amatulli – violino e Roberto Re David – piano. Ambientazioni elettroniche e giochi contrappuntisti si alterneranno durante l’esibizione, in un clima di assoluta libertà interpretativa, nell’infinito oceano delle diverse tradizioni musicali e d’avanguardia (info e prenotazioni musap@comune.putignano.ba.it).

Domenica 21 agosto nuovo appuntamento de “La scena dei ragazzi - estate”, il teatro dedicato ai più piccoli e alle famiglie a cura del Comune di Putignano in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. Dalle ore 19:30 in largo santa Maria (centro storico) in scena lo spettacolo Cantastorie a pedali e artisti di strada. Tra storie, bolle di sapone giganti e spettacoli di giocoleria, Cantastorie a pedali e artisti di strada è portato in scena dalla compagnia Teatro dei Leggeri, per la regia di Dino Parrotta, con Dino Parrotta e Loris Leoci. Un cantastorie e un musico a cavallo di una stravagante bicicletta “side-car”, realizzata con pezzi recuperati da biciclette d’epoca, raccontano storie ai bambini. Al suo pedalare un gigantesco libro sfoglia le sue pagine. Una vecchia sedia trasforma la bici in un divertente side-car, che diventa palco per l’attore o occasione per i bambini di farsi un giro con il cantastorie. Una narrazione interattiva che attraverso l’utilizzo di maschere, strumenti musicali, numeri di magia comica e oggetti di uso quotidiano coinvolgerà i bambini in un viaggio denso di divertimento e incanto. Il programma: ore 19:30, Cravattina – spettacolo di bolle di sapone giganti e giocoleria; ore 20:15, Cantastorie a pedali; ore 21:00, Cravattina – replica. Partecipazione gratuita, età consigliata 5-10 anni.

Rodolfo Martinez: “Kokopelli il vento che suona” è il nuovo libro

 

Lo scrittore e maestro di karate Rodolfo Martinez presenta “Kokopelli il vento che suona”: un racconto per spronare i più giovani a scoprire se stessi

«Se non si hanno sogni in cui credere, se non si tenta anche minimamente di spiccare il volo, si è destinati a una vita triste, senza colori, senza musica e senza emozioni »

“Kokopelli, il vento che suona” è un’opera di narrativa dedicata ai ragazzi, scritta da Rodolfo Martinez, che in questo libro ha trasmesso molto di sé, al fine di aiutare i più giovani a trovare la propria strada. Rey, è un adolescente come tanti, cresciuto da solo con sua madre Ally - un’americana di origine Navajo - che vive una fase di demoralizzazione e apatia. Sarà quindi la madre, a incoraggiarlo a dedicarsi ad altri interessi e tra questi, spicca il karate, un’arte marziale che affascina il ragazzo dopo aver visto il film “Karate Kid”, sia per la sua disciplina, che per la possibilità di imparare tecniche di autodifesa. 

Infatti, Rey studia in una scuola superiore romana, al di fuori della quale, si sono consumati alcuni scippi a mano armata: un’esperienza che l’ha molto segnato e l’ha spinto a cercare in sé la forza di reagire. 

Una storia di cadute e di riprese, quella di Rey, che trarrà giovamento dall’amicizia di Angelo, un ragazzo paraplegico dall’inesauribile entusiasmo per la vita e dal mito di “Kokopelli”: un’antica divinità navajo che ha la fama di aiutare le persone in difficoltà, mostrandosi solo ai puri di cuore. 

Si predispone, dunque, per Rey, una nuova vita ricca di sorprese e soddisfazioni dopo aver imparato a credere in se stesso, aprendosi all’amicizia e agli impegni con determinazione . 

Rodolfo Martinez, nato a Roma nel 1971, lavora presso una società di progettazioni e insegna karate come Maestro Federale per la FESIK - federazione italiana karate - e per la WKMO : World Karate Martial Arts Organization. Sinora segue la linea “Shitokai” del Maestro Yasunari Ishimi: 10 Dan della Federazione Spagnola WKF e della Federazione Giapponese. È stato martial arts therapist con la “Kids Kicking Cancer”, un’associazione nata negli Stati Uniti, con la quale ha fatto il volontario presso l’ospedale pediatrico “Bambino Gesù di Roma”, come spiega appunto nel libro, dove ha trasferito il suo know how . Grazie al karate, ha intrapreso molti viaggi e continua a farlo ancora per tutto il mondo: Europa, Giappone, Indonesia e Stati Uniti d’America, apprendendo storie autentiche che racconta nei suoi romanzi. Ha pubblicato: nel 2004, “Oltre il tempo, viaggio nel meraviglioso mondo degli indiani d’America”, nel 2007 “Kokopelli” e nel 2022 “Kokopelli. Il vento che suona”.


Le meraviglie di Trani: Su Rai 1 il racconto dello chef stellato Felice Sgarra e il marinaio Giuseppe Laurora

 


TRANI - Lo chef stellato Felice Sgarra e il marinaio poeta Giuseppe Laurora raccontano in diretta su Rai 1 le meraviglie di Trani. Stamattina in collegamento dal porto per Uno Mattina Estate

Dal mare arriva la nuova prestigiosa vetrina dedicata a Trani. Un’imbarcazione salpata dalla Lega Navale di Trani è il cuore ed il motore del collegamento di “Uno Mattina Estate” su RAI 1, che nel servizio andato in onda stamattina alle 10,00 racconta dall’ansa naturale del porto le bellezze artistiche e le peculiarità gastronomiche, le storie ed i personaggi dell’incantevole cittadina affacciata sul mare con la cattedrale romanica che si staglia imponente sullo sfondo.

Da Roma la giornalista Maria Soave apre lo spazio “Alla scoperta dei tesori dell’Italia”, avendo come ospite in studio il curatore delle Guide di Repubblica Giuseppe Cerasa e passa la linea all’inviato Massimo Tosi a Trani.  Il coinvolgente giornalista presenta al pubblico i suoi ospiti: il marinaio poeta Giuseppe Laurora e Felice Sgarra, lo chef stellato Michelin del ristorante Casa Sgarra di Trani, presente anche nell’ultima guida di Repubblica su 'Porti e marine di Puglia'.

La storia di grande fascino della città tra cavalieri templari e Statuti marittimi, e la sua incontestabile bellezza e attrattiva architettonica sono accompagnate nella narrazione dalla legittima eccellenza del cibo pugliese, che è sciorinato con maestria da una gloria dell’enogastronomia. La valorizzazione del pescato del giorno (pesce azzurro, triglie, calamari, scorfani), sta nella maestrìa delle sapienti mani dello chef che presenta al pubblico tv le sue prelibate proposte: “l’insalata da mare” o “da amare”, che dir si voglia, e “il calamaro scottato con mandorle di Toritto”. Immancabile a bordo anche il vino nobile per eccellenza, il Moscato di Trani doc.

Il collegamento di RAI 1 è l’ennesima vetrina della rete ammiraglia per la promozione della cittadina ritenuta Perla dell’Adriatico, è un nuovo omaggio all’estate tranese, che in questa stagione ha prodotto un incredibile numero di visitatori, attirati dalla sua eleganza, dalle numerose attrattive di carattere culturale e dalla ricca offerta di ristorazione di alta scuola.

È un nuovo lusinghiero tributo dei media alla Puglia, eletta tra le mete ideali dei vacanzieri, liberati dalla morsa angosciosa del Covid. È un primato da difendere con orgoglio. 

Ostuni: venerdì 12 agosto lo spettacolo "PSS PSS" per Teatro Madre Festival


OSTUNI (BR)
- Due clown stralunati e irresistibili ma anche fragili e ingenui, scherzosi e irriverenti per uno spettacolo poetico, divertente e pluripremiato che ha girato il mondo in lungo e in largo: arriva venerdì 12 agosto (h. 21) al Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano di Ostuni, per Teatro Madre Festival, il meraviglioso spettacolo "PSS PSS" della Compagnia Baccalà.

Ispirandosi all’era dei film muti, Camilla Pessi e Simone Fassari riempiono il palcoscenico con una performance fuori dal tempo, esilarante e tenerissima. Vincitore di 14 premi internazionali, PSS PSS ha superato le 700 repliche sui palcoscenici di oltre 50 paesi, dalla Francia al Brasile, dall’Egitto alla Guiana, dalla Turchia alla Polinesia al Giappone oltre naturalmente anche all’Italia, riscuotendo ovunque entusiastici consensi.
Senza l'uso di parole e attraverso acrobatica, mimica e musica suonata dal vivo la Compagnia Baccalà, con l’invisibile ma ferrea drammaturgia creata dal regista Louis Spagna, PSS PSS coinvolge gli spettatori in un’ora di risate ed emozioni, che si conclude immancabilmente con una standing ovation. Qualcuno ha detto: un’ora di felicità. Da non perdere! Spettacolo per tutta la famiglia, dai 3 ai 99 anni.
Biglietto unico euro 6. Per info e prenotazioni: +393892656069.
Nel pomeriggio Teatro Madre accoglierà i più piccoli, sin dalle 18, con i Giochi Tradizionali curati dal Festival dei Giochi di Casarmonica; a seguire alle 19.30 bambini e adulti potranno come sempre usufruire delle visite guidate gratuite curate da Pamela Viaggi alla Grotta in cui è stata rinvenuta la ‘Madre’ di Ostuni e altre due sepolture preistoriche. Dj Set a cura di Giovanni Calella a partire dalle ore 20.
Ci si appresta così agli ultimi appuntamenti in cartellone di questa quinta edizione di Teatro Madre, con l’ultima lunga notte che arriva fino all’alba: domenica 14 agosto, infatti, doppio appuntamento con il teatro e la musica. Alle ore 21.00 si esibiranno Roberto Abbiati e Leonardo Capuano, con il loro strepitoso PASTICCERI, uno spettacolo esilarante, profumato e a prova di dolci! A poche ore di distanza, all’alba di lunedì 15 Agosto (h.4.45), in un momento di eccezionale congiunzione tra arte e natura, quando Aurora apre il giorno sorgendo dal mare proprio di fronte al pubblico dell’Anfiteatro, i tarantini Yaràkä, Virginia Pavone, Gianni Sciambarruto, Simone Carrino, saluteranno questa V edizione di Teatro Madre Festival con un viaggio musicale che scava tra i suoni dei primordi delle culture del mondo e mescola la matrice ritmica africana con le sonorità mediterranee e del Sud Italia.
Teatro Madre, con la direzione artistica di Enrico Messina e Daria Paoletta, è ideato e realizzato da Armamaxa/PagineBiancheTeatro, insieme al Museo Civico di Ostuni, promotore del festival, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e il sostegno dell’Amministrazione Comunale di Ostuni.

INFORMAZIONI
Per maggiori info e dettagli sugli spettacoli: www.paginebiancheteatro.it
Botteghino e info utili
Biglietto unico non numerato: euro 6.
Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.00.
La prenotazione è obbligatoria al +393892656069. In alternativa sarà possibile acquistare i biglietti su vivaticket.it.

Magna Grecia Festival chiude in bellezza

Ph Aurelio Castellaneta
TARANTO - «E’ stato un Magna Grecia Festival che ha stupito, meravigliato nel suo percorso netto, con una serata dedicata ad Elton John, grande compositore, artista straordinario già omaggiato con un film nel 2019: era nostra intenzione ospitare C.J. Marvin già due stagioni fa, ma per cause non dipendenti dalla nostra volontà, abbiamo dovuto attendere: alla fine rassegna e pubblico sono stati abbondantemente ripagati da uno spettacolo irresistibile». Il Maestro Piero Romano, direttore artistico dell’Orchestra Magna Grecia, ha motivo di essere soddisfatto della qualità dell’evento e per un altro “sold out” registrato dalla rassegna estiva.

“Your song”, “Rocket man”, “Candle in the wind”, “Sorry seems to be the hardest word”, “Blue eyes”, “Crocodile rock” e tante altre ancora, con bis e fuori programma. Applausi a scena aperta mercoledì sera nell’Arena della Villa Peripato di Taranto per l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal Maestro Molinelli, ospite il “miglior me stesso” – parole dello stesso artista britannico – di Sir Elton John. E’ stata una chiusura in bellezza per il Magna Grecia Festival, un “tutto esaurito” annunciato, considerando che solo a causa di circostanze avverse, legate al passato lockdown, l’attesissimo evento era stato rinviato due volte. L’ultimo appuntamento del Magna Grecia Festival, ha celebrato una delle più grandi leggende viventi del rock e del pop con la voce di uno strepitoso C.J. Marvin. «E’ stato un Festival che ha ospitato figure ed eventi importantissimi, da Federico Buffa a Belinda Davis, da Alice che ha cantato Battiato, proseguendo con Laura Marzadori, Anna Serova, Ivan Donchev, artisti che hanno animato un “Magna Grecia” che, oltre che nell’Arena Peripato, si è manifestato anche sul litorale della nostra città con concerti al tramonto».

Ph Aurelio Castellaneta
«Il Magna Grecia Festival non poteva avere conclusione diversa – ha dichiarato Fabiano Marti, assessore alla Cultura del Comune di Taranto – se non con un altro “tutto esaurito”: un concerto fantastico, Taranto ancora una volta ha risposto alla grande: evidentemente la nostra è una città che partecipa con tutta se stessa ad inviti di alto livello: come Amministrazione, in testa il sindaco Rinaldo Melucci, ringraziamo l’Orchestra della Magna Grecia e il suo direttore artistico, il Maestro Piero Romano, che in men che non si dica cambiano spartito e genere: non è un caso che siano l’orgoglio di una città».

“The Elton Show” è stata una celebrazione dei grandi successi di Elton John interpretata dal cantante-compositore di fama internazionale C.J. Marvin. Molto più che un semplice “tributo somigliante”, lo spettacolo ha ricreato gioiosamente il magico spirito di Elton John e la sua musica. Oltre ai titoli già menzionati, tra le altre canzoni eseguite: “Goodbye yellow brick road”, “Philadelphia freedom”, “Tiny dancer”, “Don’to breaking my heart”, “Part time love”, “Burn down the mission”, “Saturday night’s alright for fighting”, “Circle of life” e “Don’t let the sun go down on me”.

«Sono stato particolarmente contento – ha dichiarato Roberto Molinelli, direttore d’orchestra – perché la musica di un grande come Elton John è la classica che si fa pop e il pop che diventa classica, tanto che lui stesso è diventato un classico, grande icona del pop e del rock: un genere, il suo, che sposa perfettamente le sonorità di una importante orchestra sinfonica come quella della Magna Grecia impegnata per la prima volta in questo progetto innovativo che ho avuto l’onore e il piacere di curare».

«Tutta l’attività dell’Orchestra della Magna Grecia – ha concluso il Maestro Piero Romano – è in continua accelerazione, basti pensare all’Orchestra giovanile che ha aperto la rassegna e rappresentato con il “Falstaff” la nostra città in un festival importante come quello di Lerici, in Liguria; ora pensiamo a cosa accadrà a breve con il MediTa Festival con tre ospiti d’eccezione, dal 9 all’11 settembre sulla Rotonda del Lungomare di Taranto: Achille Lauro, Loredana Berté e Malika Ayane; stiamo inoltre lavorando alla prossima stagione invernale, quella dei trent’anni di attività dell’Orchestra, che lanceremo a breve: nomi eccezionali e incredibili ritorni».

Il Magna Grecia Festival è stato realizzato dall’ICO Magna Grecia e dal Comune di Taranto in collaborazione con Regione Puglia, Ministero della Cultura, e con il sostegno di BCC San Marzano di San Giuseppe, Varvaglione 1921, Five Motors, Programma Sviluppo, Teleperformance, Caffè Ninfole e Kyma Mobilità.

X Factor 2022: il conto alla rovescia inizia con...Rumore!


MILANO - Ultimi ritocchi prima della grande partenza: mentre la nuova conduttrice Francesca Michielin si prepara in camerino, Fedez, Ambra Angiolini, Dargen D’Amico e Rkomi sono a un passo dal tavolo della giuria di X Factor e non vedono l’ora di iniziare con le Audition. La tensione è tanta, ma ad allentarla e a dargli la carica c'è un pezzo cult, Rumore di Raffaella Carrà, con il suo ritornello da sempre irresistibile, capace di trasformare ogni situazione in un momento di carica trascinante: ed è così che si ritrovano tutti a canticchiare e fischiettare le note di questo pezzo, liberando l'energia e facendo spazio alla musica. Ecco il promo di X Factor 2022, rilasciato oggi, che riunisce per la prima volta la conduttrice e i giudici della nuova edizione dello show Sky Original prodotto da Fremantle, in arrivo dal 15 settembre su Sky e in streaming su NOW.

La strada verso il palco di #XF2022 è carica di attesa anche per loro: quattro sono all'esordio assoluto - Francesca in conduzione e Ambra, Dargen e Rkomi al tavolo – mentre per Fedez è un ritorno, a 4 anni dalla sua ultima edizione come giudice e mentore dei ragazzi in gara. Nel corso delle Audition ascolteranno e scopriranno decine di ragazzi e di progetti musicali, come sempre chi conquisterà 3 sì otterrà il passaggio al turno successivo, i Bootcamp, che si svolgeranno con il classico meccanismo degli switch sulle 6 sedie a loro disposizione; infine, una inedita fase di Last Call in cui sul palco torneranno le 6 sedie e i quattro al tavolo, riascoltando tutti i contendenti delle proprie squadre, sceglieranno i tre che porteranno ai Live Show. Inizia oggi il conto alla rovescia per vivere questa lunga selezione step by step, sfoggiando grinta e determinazione. Ma soprattutto, facendo Rumore.

Trinitapoli: ''Poesie sotto le stelle'' sul Sagrato del Santuario B.V.M. di Loreto

 


MICHELE MININNI - Appuntamento con la cultura e la poesia per giovedi 11 agosto presso il Sagrato del Santuario B.V.M. di Loreto in Trinitapoli dal titolo “Poesia sotto le stelle- ravviviamo la speranza che è in noi”. In programma una serata dolce, tenera, piacevole e leggera,per poesia e musica insieme, saranno declamati versi, canto e recitazione sicuramente in un suggestivo scenario stellare. 

Diretti dal parroco Mons. Giuseppe Pavone e dal coordinatore Giuseppe Beltotto, quattro saranno gli interpreti di poesie sotto le stelle, Michele Cafagna, Maria Grazia di Biase, Piero Di Leo e la giovane Maria Piazzolla che decanteranno testi sia in vernacolo che in lingua italiana di autori locali e non come Francesco Labianca, Grazia Stella Elia, Peppino Lupo e Francesco Fiorillo. Una serata riflessiva dunque, tra intermezzi musicali, canori grazie all’Orchestra casalina della Parrocchia con la formazione musicale di Stefano Monterisi e Ruggiero Serafini.

Martina Franca, città ad ottantotto tasti Per tre giorni è festa della musica con la grande comunità dei pianisti

MARTINA FRANCA (TA) - Alla vigilia della maratona pianistica «Suona con noi», alla quale sabato 13 e domenica 14 agosto parteciperanno a Martina Franca oltre 270 musicisti provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, il festival itinerante Piano Lab organizzato dall’associazione La Ghironda in collaborazione con Marangi Strumenti Musicali, Steinway & Sons, Schimmel e Fai Scuola, propone venerdì 12 agosto, sempre a Martina Franca, uno «special event» unico e imperdibile, in piazza Plebiscito: un «Concerto per 10 pianoforti» con altrettanti pianisti d’eccellenza di differenti provenienze geografiche.

All’appuntamento, che avrà inizio alle ore 21 e verrà replicato alle ore 22.30, parteciperanno interpreti di grande esperienza come Gilda Buttà, solista e camerista di spicco diventata celebre anche per le sue collaborazioni alle colonne sonore di Ennio Morricone (tra cui «La leggenda del pianista sull’oceano»), l’italo-bulgara Victoria Terekiev, distintasi particolarmente nel repertorio novecentesco e dell’est Europa, Alessandro Stella, per anni ospite regolare del Progetto Martha Argerich, Sandro De Palma, virtuoso e depositario dei segreti della scuola di Vincenzo Vitale, nonché il direttore artistico di «Suoni con noi» Luca Ciammarughi, figura che unisce all’intensa attività pianistica una capillare ricerca sui nuovi modi di comunicare e divulgare la musica. A completare la formazione, talenti emergenti del pianoforte come Giovanni Bertolazzi, secondo premio al Concorso «Franz Liszt» di Budapest lo scorso anno, Giacomo Menegardi, altra punta di diamante della nuovissima generazione e Premio Alkan 2021, Emma Pestugia, vincitrice del Gran Prize International Vienna Competition, lo spagnolo José Vicente Riquelme Ros, primo premio al Concorso di Murcia, e il giovanissimo (anche lui pluripremiato) Giorgio Colleoni.

Oltre al famoso «Bolero» di Ravel, appositamente trascritto per quest’orchestra di dieci pianoforti, il programma del concerto prevede una suite di musiche da film di Nino Rota adattata per lo stesso ensemble dal giovane compositore Paolo Catenaccio non solo per celebrare il grande autore di colonne sonore, che con la Puglia ebbe un rapporto privilegiato, ma anche per avviare una ricerca sulle trascrizioni con nuovi nomi del panorama compositivo. Si ascolteranno i temi più amati dai film «Amarcord», «8 e ½» e «Il Casanova» di Fellini, «Giulietta e Romeo» di Zeffirelli e «Il padrino» di Francis Ford Coppola che, per il secondo atto della saga, a Rota valse l’Oscar nel 1975.

Inoltre, sempre venerdì 12 agosto, in piazza XX Settembre, alle 20.30 (con replica alle 22.15), è previsto un concerto degli acrobati del pianoforte, i jazzisti e intrattenitori tedeschi Stephan Weh e Marcel Dorn, che insieme formano il Duo Pianotainment, progetto con il quale si esibiscono a quattro mani in uno spettacolo di respiro internazionale per grandi e piccini dalla forte carica umoristica. Nati rispettivamente nel 1976 a Memmingen il primo e nel 1977 a Kempten il secondo, Weh e Dorn (che in Asia sono conosciuti come Dabao e Xiaobao), hanno iniziato a collaborare nel 1996, ai tempi in cui erano nelle forze armate tedesche ed entrambi avevano già una solida formazione classica al pianoforte. Poi, l’immersione da autodidatti nel mondo del jazz e del blues, generi entrati prepotentemente nei concerti del duo, show al confine della follia che hanno fatto spellare le mani agli spettatori dei Mondiali di Calcio e del José Carreras Vip After Show.

Quindi, sabato 13 agosto (dalle ore 17) e domenica 14 agosto (dalle ore 18), la due giorni di «Suona con noi» con oltre 270 pianisti provenienti da diverse parti d’Italia e d’Europa, tra professionisti, studenti, dilettanti e semplici amatori per una grande festa nel segno del sovrano degli strumenti, con concerti dislocati tra diciassette postazioni nel centro storico di Martina Franca. Attese anche alcune eccellenze del pianismo italiano come la siciliana Cinzia Dato, il pugliese Leonardo Colafelice e, ancora, Massimiliano Grotto, primo premio assoluto al Crescendo International Music Competition (riconoscimento grazie al quale il musicista si è esibito alla Carnegie Hall di New York), una pattuglia del «Concerto per 10 pianoforti» composta da Giovanni Bertolazzi, Gilda Buttà, Alessandro Stella, Victoria Terekiev, Giacomo Menegardi ed Emma Pestugia, i giovani talenti del Conservatorio Rota di Monopoli Giacomo Anglani, Joseph D’Urso e Vito Alessio Calianno, oltre agli storici amici di Piano Lab, William Greco, Mark Baldwin Harris, Dante Roberto e Roberto Esposito.

Prevista anche la presenza di Alessandro Sgobbio, che sarà inoltre impegnato lunedì 15 agosto nell’appuntamento di chiusura del festival con un «Concerto all’alba» (ore 5.15) nella riserva naturale di Torre Guaceto, a Carovigno.

Gli appuntamenti di Martina Franca del 12, 13 e 14 agosto sono tutti a ingresso libero, mentre il concerto all’alba del 15 agosto è a pagamento (biglietti 25 euro, inclusi i diritti di prevendita).

Il programma nel dettaglio è scaricabile dal sito pianolab.me.

Info 080.4301150.

Katy Perry: venduta la villa a Beverly Hills per 18 milioni di dollari

LOS ANGELES - Katy Perry ha venduto la sua villa a Beverly Hills, acquistata nel 2017, per 18 milioni di dollari. 1.700 metri quadrati e una mega piscina, la villa della pop star americana, è composta da cinque camere da letto e sei bagni, un prato enorme, una master suite romantica, un bagno in marmo, doppi armadi e ampio giardino terrazzato e la palestra con sauna.

Lucio Dalla protagonista di “Italiani” su Rai Storia



ROMA - È Lucio Dalla, grande musicista e cantautore, il protagonista di “Italiani”, in onda giovedì 11 agosto alle 17 su Rai Storia. Nato a Bologna il 4 marzo 1943, a 15 anni Lucio Dalla è un clarinettista autodidatta, ma molto promettente sulla scena del jazz bolognese.  Nel 1964, grazie a Gino Paoli, debutta nel mondo della canzone, e nel 1970 arriva il primo successo con la canzone “Occhi di ragazza” scritta per la voce di Gianni Morandi. Da quella data in poi una carriera costellata di successi: “4 marzo 1943“, “Piazza Grande”, “Il gigante e la bambina” e “Anna e Marco”, “L’anno che verrà”, “Attenti al lupo”. 

Musicista appassionato e delle grandissime doti canore, Dalla canta con De Gregori, con Ron, e raggiunge uno straordinario successo con l’album “DallAmeriCaruso”, registrato dal vivo al Village Gate di New York, nel 1986, la celebre “Caruso” vende oltre 9 milioni di copie in tutto il mondo. Gli ultimi vent’anni di attività lo vedono impegnato in moltissimi ambiti artistici: compone musiche da film per Antonioni, Monicelli, Verdone e Placido; realizza programmi televisivi; cura regie teatrali e operistiche, è docente di tecniche e linguaggi pubblicitari presso l’Università di Urbino. Negli ultimi anni propone nei maggiori teatri italiani i suoi classici in una versione jazz, ma anche in una versione sinfonica con la Royal Philarmonic Orchestra di Londra. Muore d’infarto a quasi 70 anni, il 1° marzo del 2012 in Svizzera, a Montreux, dove la sera prima aveva tenuto il suo ultimo concerto. Il ritratto di Dalla, pieno di affetto e di ricordi indelebili, viene tratteggiato da amici, musicisti e critici musicali.


Davide Sciacca in giro con il tour estivo

 

Il chitarrista siciliano Davide Sciacca, in formazione con il soprano Sachika Ito (Duo d’Ito) torna nella sua terra per il “Concerto d’Estate” organizzato dall’Associazione Musicale Provinciale Sinfonica Ennese, domenica 14 agosto alle 20,30 presso il chiostro dei Padri Cappuccini a Leonforte.

Il Duo d’Ito si esibirà a fianco dell’Ensemble Strumentale Siciliana “Giuseppe Verdi”, del soprano Laura Castrianni e del giovane chitarrista Giuseppe Trecarichi, allievo di Davide Sciacca presso l’Istituto Musicale Bellini di Caltanissetta. 

In programma musiche di M. Giuliani, R. Marino, V. Bellini, N. Piovani, A. Barrios, F. Fonestrella, J. Rodrigo, G. Bizet, G. Rossini, R. Sacco, E. Di Capua, P. Marquina Narro, J. Kande, E. Morricone.

Davide Sciacca da sempre interessato all’esecuzione di un ampio repertorio che spazia dal belcanto, al verismo e alla musica contemporanea ha appena inciso un album di composizioni originali autografe di Victor Frost per TRP Music, etichetta con la quale sono in programma nuove pubblicazioni, anche inedite.

Davide Sciacca ha studiato con il concertista romano Carlo Ambrosio, specializzandosi nel repertorio contemporaneo sotto la guida di Arturo Tallini. È risultato vincitore di primi premi in competizioni nazionali ed internazionali, come solista o camerista. Nel corso degli anni numerosi compositori gli hanno dedicato composizioni originali. Ha ottenuto successi di pubblico e critica durante svariati tour nel Regno Unito nei quali si è esibito in qualità di solista e in duo con la violinista Marianatalia Ruscica. 

Nel 2016 e 2017 si è esibito alla presenza di Sua Maestà la Regina Elisabetta II e gli altri membri della Famiglia Reale Britannica eseguendo in prima mondiale “Mine eyes unto the hills” di Andrea Amici. Nel 2018 si è esibito per la prima volta a New York, per la Ealing Guitar Society di Londra e la Liverpool Guitar Society. Nel mese di ottobre dello stesso anno ha pubblicato il cd “Counter Irish Project” con il Controtenore Riccardo Angelo Strano. Nel 2019 incide il cd “El Tango” e si esibisce presso il prestigioso “Cavern Club” di Liverpool. Nel 2021 pubblica i cd “LockDowning Street” e “Victor Frost music with Guitar”, il secondo edito da TRP Music. In ambito teatrale e televisivo ha collaborato con Michele Placido, Guia Jelo, Ornella Giusto, Sky, Made in Liverpool, BBC Radio ed altri. È docente di Chitarra e presso gli Istituti Musicali Vincenzo Bellini di Caltanissetta e Pietro Vinci di Caltagirone e di Chitarra presso il Liceo Musicale Giovanni Verga di Modica. 

Ricercatore presso il Royal Northern College of Music di Manchester, sotto la supervisione del compositore David Horne, svolge anche un’intensa attività di promozione del repertorio contemporaneo per chitarra e live electronics scritto da compositori siciliani.

“Contemporary Recital – Sicilian Landscape”, è stato presentato presso importanti istituzioni estere quali il Royal Birmingham Conservatoire, il RNCM, l’Università di Nottingham e la Manchester Metropolitan University.

Bari: dal 12 al 17 agosto eventi dal vivo nell’ambito della manifestazione culturale “Le due Bari”

Pixabay 

BARI - In vista del weekend e della festività di Ferragosto sono diversi gli appuntamenti culturali in programma in città. Da venerdì 12 a mercoledì 17 agosto residenti e turisti potranno assistere a concerti ed esibizioni dal vivo proposti da “Le due Bari”, il progetto finanziato per 1.129.154,37 euro dalla direzione generale Spettacolo del Ministero della Cultura (MiC) per la realizzazione di attività di spettacolo dal vivo nelle aree periferiche della città di Bari. 

“Sotto il cielo delle periferie”, organizzato dall’associazione culturale Time Zones nell’ambito della manifestazione, propone un fitto calendario di appuntamenti a ingresso libero per tutte le generazioni. Si parte venerdì 12 agosto, nell’Anfiteatro della Pace dell’Ipercoop Mongolfiera di Japigia, con gli Yellowjackets, storica formazione statunitense di jazz e fusion, mentre sabato 13, sempre nell’Anfiteatro della Pace, sarà la volta del sassofonista James Senese, storico interprete del blues “made in Napoli” di cui è stato profeta e divulgatore assieme a Pino Daniele ed Eduardo Bennato. Sullo stesso palco domenica 14 si esibiranno i Radiodervish, noto gruppo musicale di world music, e nel giorno di Ferragosto, invece, toccherà a Gianni Ciardo con il suo ultimo lavoro su Dante, cui seguirà la proiezione de “Lacapagira”, film cult di Alessandro Piva, e il dj set di dj Ciccio.

Si proseguirà con altri due spettacoli nella piazza della Torre, a Torre a Mare, dove martedì 16 agosto l’attore e regista Vito Signorile sarà in scena con il suo “Ragù”. Seguirà l’esibizione del gruppo barese Radicanto che suonerà con il polistrumentista africano Gabin Dabirè, un’anteprima assoluta di un interessante incrocio tra la cultura popolare pugliese e i suoni archetipici dell’Africa. Mercoledì 17 agosto, infine, sempre nella piazza della Torre, lo spettacolo della Nuova Compagnia di Canto Popolare, un gruppo che da oltre 50 anni racconta, con suoni e parole, le radici della musica napoletana. 

“Nei giorni di massima affluenza turistica in città, in cui peraltro resteranno anche molti baresi, intendiamo garantire la più ampia fruizione dei musei e offrire concerti e spettacoli, tutte le sere, dal 12 al 17 agosto, in modo da trasformare Bari in un palcoscenico a cielo aperto grazie all’esibizione di artisti del calibro dei Yellowjackets, James Senese, Radiodervish, Gianni Ciardo, Radicanto e Gabin Dabiré, Vito Signorile, Tukurù e Semi di vita e della Nuova Compagnia di Canto Popolare - commenta l’assessora alle Culture -. A partire dal 18 agosto, inoltre, proseguiremo con il festival Bari in jazz e il Premio Nino Rota, cui seguiranno il Bari Piano Festival e i concerti di Almamegretta, Roy Paci, P’Funking band e del gruppo Eugenio, a San Girolamo e a Santo Spirito. 

Il progetto Le due Bari nasce proprio per unire i diversi territori della città attraverso la cultura, ponendo in primo piano le esigenze di quanti difficilmente potrebbero godere della bellezza di uno spettacolo dal vivo. Redistribuire le opportunità, superare le diseguaglianze, costruire un modello di crescita sostenibile, laddove la sostenibilità è intesa come accessibilità ai contenuti culturali, costituiscono il nuovo lessico della politica culturale nei contesti urbani e rappresentano appieno gli obiettivi dell’amministrazione comunale, a partire da questa lunga e inedita estate barese”.


Nella giornata di ferragosto residenti e turisti potranno anche visitare i musei e le mostre in programma in città. Di seguito gli orari di apertura: 

Museo Civico: mostra “Blub L’arte sa nuotare” dello street artist Blub, aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle ore 17 alle 20, e il sabato dalle ore 9.30 alle 13.30, e la domenica e nei giorni festivi dalle ore 17 alle 20 

Teatro Margherita: mostra “Obey Peace Revolution” aperta da domenica a giovedì dalle ore 17 alle 22, e il venerdì e il sabato dalle ore 17 alle 23 (struttura aperta anche a Ferragosto)

Museo Archeologico: mostra-evento “Il trionfo della luce. Simboli, rinascite e il dialogo degli opposti”, promossa dalla Città metropolitana in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, aperta da martedì a sabato dalle ore 9 alle 19, e la domenica e nei giorni festivi dalle ore 9 alle 13

Spazio Murat: mostra fotografica“Denis O’Regan with Queen” promossa dal Medimex e a cura di Ono Arte Contemporanea Bologna, aperta dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle 20, e sabato e domenica dalle ore 10 alle 22 (struttura chiusa nella giornata di Ferragosto).

Su Rai 2 il meglio di "TIM Summer Hits"



ROMA - Una puntata speciale per rivivere alcuni dei momenti più belli del tour. Da Piazza del Popolo a Roma, fino a Piazzale Fellini a Rimini, passando per Portopiccolo il meglio di "TIM Summer Hits" è proposto giovedì 11 agosto alle 21.20 su Rai 2.

Protagonista, come sempre, la musica con le hit di alcuni tra i più grandi artisti nazionali e internazionali. Ad alternarsi sul palco Alessandra Amoroso, Biagio Antonacci, Blanco, Boomdabash – Annalisa, Michael Bublè, Coez, Elisa, Fedez - Tananai - Mara Sattei, Fabri Fibra - Maurizio Carucci, Ghali, Rocco Hunt - Elettra Lamborghini, Achille Lauro, Lazza, Marracash, Ana Mena, Marco Mengoni, Mika, Tommaso Paradiso, Pinguini Tattici Nucleari, Raf, Rhove, Rkomi, Luigi Strangis, Tananai.

Rai Radio2 e Radio Italia sono state le radio ufficiali di "TIM Summer Hits", raccontando tutte le emozioni delle serate e anche le curiosità del dietro le quinte. "TIM Summer Hits" sarà disponibile anche in streaming video sul canale tv di Radio2 su RaiPlay e sarà proposto anche da Radio Italia TV.

"TIM Summer Hits" è un branded content di Rai Pubblicità, prodotto da Friends&Partners in collaborazione con Radio Italia.

Amazon.it stila la classifica delle città italiane più appassionate di lettura nel 2022: Bari sale di una posizione

 

(Pixabay)

BARI - Anche quest’anno Amazon.it stila la lista delle città italiane che non vogliono rinunciare alla lettura. Che sia estate o inverno, giorno o notte, gli italiani si confermano grandi lettori, ognuno con il proprio genere e titolo preferito, ma tutti accomunati dalla stessa passione: rilassarsi ed emozionarsi davanti a un libro. E se quasi per tutti tenerne uno in mano e sentirne l’odore è ancora un piacere irrinunciabile, sono bolognesi e napoletani i più inclini a leggere in formato digitale.

Al primo posto in classifica c’è Milano per il decimo anno consecutivo, una posizione a cui i milanesi sono ormai affezionati e che non hanno intenzione di abbandonare. Così come i romani, culturalmente legati all’arte delle parole e della letteratura, che si classificano nuovamente al secondo posto. Seguono le città di Torino e Bologna, che dimostrano a loro volta l’importanza che ancora riveste per tutti la lettura. Genova, che ispira i suoi abitanti con la luce dell’iconico faro, Firenze, patria di grandi poeti, Napoli, città dalle infinite arti e suggestioni, le venete Padova e Verona e, infine, il capoluogo giuliano e culla di Umberto Saba, Trieste, chiudono la classifica. E se Palermo rimane in undicesima posizione, sono Cagliari e Bari a stupire con un balzo in avanti salendo rispettivamente al dodicesimo e quindicesimo posto. 

L’Italia che legge: ecco la Top 10 completa

Milano

Roma

Torino

Bologna

Genova

Firenze

Napoli

Padova

Verona

Trieste 

Un’unica passione, tanti generi diversi.

La lettura fa sentire tutti vicini, da nord a sud, ma ognuno ha il proprio genere preferito. A partire dai milanesi che si concentrano maggiormente su libri di letteratura e studi letterali e dai romani che hanno acquistato di più libri per bambini e ragazzi. La città Magica invece si tinge di tinte orientali: i libri più letti sono i manga, i fumetti originali del Giappone, lasciando a Bologna i thriller. I genovesi sono interessati ai libri di salute e se i fiorentini leggono di scienza e tecnologia, i napoletani si confermano degli inguaribili romantici. Gli abitanti del Veneto approfondiscono sempre più tematiche economiche e si lasciano ispirare dalle biografie dei grandi, mentre nel capoluogo giuliano non si può fare a meno di arte, musica e cinema.

“Fabbricante di lacrime”, un successo da nord a sud, e gli altri libri più amati

Il libro più letto dagli italiani è “Fabbricante di lacrime” di Erin Doom, una storia dove le leggende raccontate a lume di candela diventano realtà trasformando la vita dei protagonisti in un romanzo travolgente. Al secondo posto tra i libri più amati “La canzone di Achille” dell’autrice Madeline Miller, dove gli scenari di guerra, duelli e morte lasciano spazio all’amore. E se questi libri mettono d’accordo tutto lo Stivale, i milanesi hanno un proprio libro preferito: “Conosco un posto. Milano” è l’occasione per tutti i lettori meneghini di scoprire posti imperdibili e ancora inesplorati della propria città. I genovesi, con non poco dispiacere dei tifosi genoani, hanno letto in tantissimi “Una vita rovesciata: la biografia di Francesco Flachi” di Matteo Politanò che racconta la vita di uno dei giocatori più amati nella storia della Sampdoria. I Triestini si sono lasciati invece conquistare da “Tre” di Valérie Perrin, dove la musica non è un semplice elemento accessorio, ma importante filo conduttore del romanzo. Infine, un ultimo libro, il più amato dai baresi: “Badao: ogni parola ha un perché” di Gianluca Giagni, un viaggio volto al ritrovamento della serenità e alla riscoperta del senso delle piccole cose che descrive il mondo attraverso le parole dei bambini.

Amazon storyteller”: ogni libro da scrivere è una storia da leggere

Prosegue la terza edizione italiana di “Amazon storyteller”, il premio letterario per autori autopubblicati, un’opportunità per chi scrive e anche un’occasione per chi legge. Fino al 31 agosto 2022, gli autori hanno ancora la possibilità di inviare la loro candidatura all’iniziativa e pubblicare i loro testi nuovi ed esclusivi in modo semplice, rapido e gratuito, in formato cartaceo e digitale. Tutti i clienti di Amazon.it. hanno la possibilità di leggerli su qualsiasi dispositivo grazie all'app Kindle gratuita per iPhone, iPad, smartphone e tablet Android, PC e Mac, nonché sugli e-reader Kindle e sui tablet Fire. Il vincitore del premio Amazon Storyteller 2022 sarà annunciato a novembre. In allegato, a titolo di approfondimento, il comunicato stampa dedicato al premio letterario con il dettaglio dei libri ad oggi più recensiti e delle regioni italiane con il maggior numero di aspiranti scrittori.

Ostuni: giovedì 11 agosto al Museo Civico presentazione del libro "La Porta magica di Roma" del professor Mino Gabriele


OSTUNI (BR)
- "La Porta magica di Roma, simbolo dell’alchimia occidentale". Il monumento verrà illustrato nei suoi complessi significati formali e concettuali dal Prof. Mino Gabriele, autore del libro La Porta magica di Roma. Simbolo dell’alchimia occidentale (ed. Olschki 2021), volume in cui si spiegano dopo anni di studi e ricerche la storia e il pensiero dell’autore come il senso della sua magistrale opera.

Il libro scritto dal Prof. Mino Gabriele, docente dell’Università di Udine sarà presentato giovedì 11 agosto alle 19:30 presso il Museo Civico di Ostuni ubicato nella Chiesa di San Vito Martire nel Centro storico. A dialogare con l’autore sarà il giornalista Francesco Roma.
La Porta Magica, costruita nel 1680 dal Marchese Massimiliano Palombara nella sua villa sull’Esquilino e oggi in Piazza Vittorio a Roma, è l’unico e più importante monumento alchemico dell’intera tradizione occidentale giunto fino a noi. Essa trasmette il sapere ermetico del Seicento intriso di astrologia e cabbala: una Porta-talismano che allude ad una visione del mondo arcana, segnata dalla relazione tra micro e macrocosmo, tra gli astri e i metalli. Per molto tempo è stata un enigma a causa degli oscuri simboli e scritte che la ornano. Fu il frutto delle ricerche sulla pietra filosofale e l’arte regia da parte di Palombara: erudito, poeta, scienziato e attivo alchimista in contatto con i Rosacroce e con gli autorevoli personaggi del suo tempo, dalla Regina Cristina di Svezia ad Atanasius Kircher, al papa Alessandro VII.
© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo