Visualizzazione post con etichetta Attualità. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Attualità. Mostra tutti i post

Migranti, Conte: "Soluzioni europee o Schengen a rischio"

ROMA - Sul tema dell'immigrazione "servono soluzioni europee" altrimenti il rischio è che si vada verso "la fine di Schengen". A dichiararlo il premier Giuseppe Conte, incontrando la Cancelliera tedesca Angela Merkel. Le frontiere italiane "sono frontiere europee", ha quindi evidenziato Conte, che ha spiegato: "Ho apprezzato molto le parole della cancelliera Merkel. Servono adeguati meccanismi di solidarietà" per arginare il fenomeno dell'immigrazione.

"La posta in gioco per l'Europa è altissima - ha detto il premier Conte -, i temi dell'immigrazione e della governance economica dell'Ue possono e devono essere occasione per pervenire a costruire un'Europa più forte e più equa che possa rispondere ai bisogni primari dei cittadini".

"L'Unione europea deve cambiare approccio. L'Italia non può continuare a fare da sola" sui migranti, ha detto il premier Giuseppe Conte a Berlino. "Servono adeguati meccanismi di solidarietà" della Ue, ha aggiunto.

"Tema cruciale del mio governo è la lotta alla povertà e il reddito di cittadinanza, la riforma dei centri per l'impiego, che si inseriscono in una serie di riforme strutturali - ha detto Giuseppe Conte -. Personalmente non posso come responsabile del governo rimanere indifferente a certi dati: lo scorso anno 2,7 milioni di italiani hanno ricorso a mense per i poveri e pacchi alimentari. La nostra proposta sul reddito di cittadinanza va in questa direzione e l'Europa è essenziale. Dalla Germania possiamo prendere esempio sugli strumenti da utilizzare".

"In sede di discussione del quadro finanziario faremo pesare la nostra voce per orientare i fondi europei verso misure di sostegno proprio a favore del'inclusione sociale".

Si fingevano terremotati per i rimborsi, 120 indagati

ROMA - Le Fiamme Gialle di Camerino hanno accertato 120 casi di richieste illecite di contributi di autonoma sistemazione, per un totale di oltre 500 mila euro. Durante l'operazione 'Anubi', la Gdf ha messo in luce diverse anomalie, per lo più legate al fatto che molti dei comuni inseriti nel cratere sismico, sono mete turistiche e di villeggiatura, con la conseguente presenza di numerose seconde case, vissute solamente per brevi periodi dell'anno da persone aventi, in realtà, dimora e interessi principali in altre località italiane o all'estero.

Bufera sull'Audi: arrestato ceo Rupert Stadler

Bufera sull'Audi. Il ceo della casa automobilistica Rupert Stadler è stato arrestato dalla polizia. A renderlo notola Dpa, citando fonti della Volkswagen. Il manager è indagato nell'ambito del dieselgate. Il titolo Volkswagen perde oltre il 3% in Borsa.

Il gruppo automobilistico è sotto indagine dal 2015 da parte della procura di Monaco di Baviera, oltre che dalle autorità di diversi paesi, per la vicenda dieselgate.

La scorsa settimana la società di Wolfsburg, che controlla il marchio Audi, ha accettato di pagare, riconoscendo la propria responsabilità, la sanzione di 1 miliardo di euro decisa dalla procura di Stato di Braunschweig.

Macron dal Papa il 26 giugno

PARIGI - Il presidente francese, Emmanuel Macron, sarà ricevuto dal Papa il 26 giugno prossimo in una visita ufficiale al Vaticano. A riferirlo l'Eliseo. "Nella visita il presidente della Repubblica francese sarà ricevuto in udienza da sua santità Papa Francesco, e poi incontrerà il cardinale segretario di Stato, monsignor Pietro Parolin", si legge nella nota.

Di Maio: "Da ministro del Lavoro ho deciso di dichiarare guerra al precariato"

ROMA - "Da ministro ho deciso di dichiarare guerra al precariato. Lo stato continuo di precarietà e incertezza dei giovani italiani sta disgregando la nostra società. Sta facendo impennare il consumo di psicofarmaci. E facendo calare la crescita demografica" ha dichiarato, in un post su Facebook, il ministro del Lavoro e vicepremier, Luigi Di Maio.

"Sui diritti dei lavoratori non si accettano ricatti. Inoltre, sono contento che finalmente si inizi a parlare dei diritti dei riders e di tutti i ragazzi che lavorano per le piattaforme digitali. Oggi il managing director di Foodora Italia ha criticato alcuni punti della bozza del Decreto Dignità che riguarda proprio i riders. È giusto che su questo tema ci si confronti pubblicamente e infatti dopo aver incontrato i ragazzi, domani alle 14, al ministero del Lavoro incontrerò anche i rappresentanti delle aziende, compresa Foodora, ma anche Deliveroo, JustEat, Glovo e Domino’s Pizza. Da ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico ho tutta la volontà di favorire la crescita di nuove attività legate alla gig economy e nessuno vuole demonizzare le attività legate all’uso di piattaforme innovative. Ma ho il dovere di tutelare i ragazzi che lavorano in questo settore. I riders oggi sono il simbolo di una generazione abbandonata dallo Stato. Le innovazioni servono a far migliorare la qualità della vita dei cittadini e se si creano ingiustizie a scapito di giovani o meno giovani, spetta allo Stato intervenire con fermezza. Per questo, la mia intenzione è garantire da un lato le condizioni migliori per i lavoratori, dall'altro consentire alle aziende di operare con profitto per creare nuovo lavoro. Se lavoriamo insieme l'Italia diventerà il modello da seguire per le attività legate alle imprese che operano su piattaforme digitali. Ma sia chiaro. Non si accettano ricatti. I nostri giovani prima di tutto".

"Abbiamo fatto più noi in 15 giorni di Governo che il Pd in sei anni"

ROMA - "Abbiamo fatto più noi in quindici giorni di Governo che il Pd in sei anni", ha dichiarato il vicepremier Matteo Salvini da Cinisello Balsamo.

"In queste settimane ho dovuto tenere le spalle larghe: io accetto la critica politica ma quando tirano in ballo i miei figli divento una bestia. Ho visto la copertina di un settimanale, mi dispiace per i giornalisti che ci lavorano ma mi auguro venda zero, che distingue gli uomini in base al colore della pelle. Mi conferma che i veri razzisti in Italia stanno a sinistra e hanno il portafoglio pieno. La domenica non sono a Cinisello ma in spiaggia e hanno il villone con 18 telecamere, non prendono il treno e non portano figli ai giardini pubblici. Noi siamo l’antidoto".

Francia, paura in un supermarket: ferisce due persone al grido di 'Allah Akbar'

di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO - Paura in un supermercato di La Seyne-sur Mer, in Francia, dove una donna al grido di "Allah Akbar" ha ferito con un taglierino un cliente al torace e una cassiera all'occhio. Entrambi i feriti sono stati trasportati all'ospedale, mentre la 24enne è stata subito arrestata.

I testimoni hanno riferito che la donna era vestita di nero, con il velo, e nella zona è conosciuta per avere problemi psichici. La polizia non ha escluso legami con estremisti islamici, avviando dei controlli presso il suo appartamento.

Per ora le ipotesi di reato sono di tentato omicidio e apologia di reato a carattere terroristico.

Nasce la Macedonia del Nord, firmato storico accordo con Atene

ATENE - La Grecia e la repubblica di Macedonia hanno siglato in queste ore una storica intesa che prevede che quest'ultima prenda il nome di Repubblica della Macedonia del Nord. Si chiude così una disputa che durava dal lontano 1991. "Questo è un passo coraggioso, storico e necessario per i nostri popoli", ha dichiarato il premier greco, Alexis Tsipras. "Siamo qui per sanare le ferite del tempo, per aprire un cammino di pace, fratellanza e crescita per i nostri Paesi, i Balcani e l'Europa", ha aggiunto Tsipras.

"I nostri due Paesi dovrebbero uscire dal passato e guardare al futuro", ha detto il collega della Macedonia Zoran Zaev. "I nostri popoli vogliono la pace, saremo partner e alleati".

L'accordo preliminare dovrebbe porre fine a un contenzioso diplomatico fra i più lunghi - e forse arcani - del mondo, iniziato 27 anni fa con la dichiarazione di indipendenza della Macedonia, ma le cui radici affondano nell'antichità.

All'origine delle complicate trattative per arrivare a questo difficile accordo vi è il fatto che nel nord della Grecia esiste già una provincia chiamata Macedonia (di fatto sotto la Macedonia ex jugoslava), che è stata la culla dell’impero di Alessandro Magno ed è fonte di orgoglio per i greci oggi. Da qui il desiderio di non avere omonimie.

Aquarius: migranti sbarcati nel porto di Valencia

(ANSA)
Sono finalmente approdati sulla costa spagnola, dopo ben nove giorni di navigazione, i 629 migranti che da sabato scorso erano a bordo della nave Aquarius. Il primo gruppo di loro, 274 persone, è entrato nel porto di Valencia a bordo di nave Dattilo della Guardia Costiera italiana.

Anche la nave Aquarius delle ong Sos Mediterranèe e Medici senza frontiere è entrata senza problemi nel porto spagnolo. A bordo ci sono 106 dei 629 migranti che erano stati soccorsi sabato scorso al largo della Libia.
Allestiti nel molo 1 due grandi tendoni della Croce Rossa dove verrà effettuato il primo screening sanitario per i migranti: chi è in condizioni precarie di salute, le donne incinte e i bambini, verranno portati in ospedale mentre tutti gli altri saranno indirizzati nei diversi centri di accoglienza disposti dalla Generalitat valenciana in tutta la regione.

RENZI: "SALVINI HA FATTO IL BULLO CON 629 RIFUGIATI" - "Salvini ha fatto il bullo con 629 rifugiati, dei poveri disgraziati. Ma non cambia nulla - ha detto ancora l'ex premier - è una colossale operazione successo dal punto di vista mediatico: tanto di cappello, Salvini è stato come un bravissimo regista che ha fatto uno spot".

Secondo l'ex premier"in Ue non cambia nulla e anzi l'Italia è più isolata. Si può essere d'accordo sull'aiutarli a casa loro, sull'investire in cooperazione internazionale ma non puoi farlo sulla pelle di 629 persone. Un milione di like non vale una vita".

"Diciamo a Orban che se non accolgono i migranti smettono di avere i fondi europei. Ma Salvini non lo fa, perché alleato con lui", ha detto Renzi a "Mezz'ora in più", su Rai 3.

Rivolta social contro il Papa

di PIERO CHIMENTI - Anche il Papa non è esente da hater. L'invito tramite twitter di ospitare i migranti e dar loro un pasto caldo ha scatenato il web contro il Pontefice. I messaggi sono vari: c'è chi lo invita ad ospitarli in Vaticano o in Argentina, sino a chi invita Francesco a pensare anche agli italiani. Anche il cardinale Ravasi fu attaccato per il suo messaggio di accoglienza per la nave Acquarius.

Razzismo, scandalo a Harvard: discriminati gli asiatico-americani

ROMA - Scandalo dietro le mura di pietra e i grandi cancelli di ferro battuto di una delle più prestigiose università non solo d'America ma del mondo: a Harvard si discrimina i candidati asiatico-americani. E' l'accusa contenuta in una denuncia presentata ad un tribunale di Boston da un gruppo no profit, Students for Fair Admissions (Sffa), secondo cui la blasonata università preferisce richiedenti bianchi, neri e ispanici, alcuni dei quali meno qualificati di quelli asiatico-americani.

In particolare l'ateneo valuterebbe ad un livello più basso le loro caratteristiche personali, come la simpatia. Harvard nega l'accusa, sostenendo che il tasso di ammissione degli asiatico-americani è cresciuto del 29% nell'ultimo decennio, portandoli al 22,2% del totale degli studenti ammessi, contro il 14,6% degli afro-americani, l'11,6% dei latinos e il 2,5% dei nativi americani o delle isole del Pacifico.

«Quello che Harvard non ammetterà è che la razza non è solo un fattore importante ma è la considerazione dominante nell'ammettere ispanici e afro-americani», insiste la Sffa. «Un richiedente asiatico-americano con il 25% di chance di ammissione, per esempio, ne avrebbe il 35% se fosse bianco, 75% se fosse ispanico e il 95% se fosse nero», aggiunge. 

Offese a prof.Lucca, scuola 'grazia' 3 studenti: rimandati a settembre

Sono solo 8 gli studenti promossi a giugno e 10 bocciati su 26 nella classe dell'Itc 'Carrara' di Lucca dove si consumò la triste vicenda del prof di italiano che fu fatto oggetto di pesanti offese riprese in video diffusi sul web e poi divenuti virali. A riportarlo sull'edizione odierna il quotidiano La Nazione che precisa che tre dei sei bulli indagati dalla procura minorile di Firenze se la sono cavata col 6 in condotta e con l'essere rimandati a settembre in varie materie.

Gli altri tre indagati invece furono 'bocciati' direttamente quando la vicenda diventò di pubblico dominio.

Il preside ora parla di "amarezza" e di peggioramento nel corso dell'anno scolastico di tutta la classe, e riconosce ai tre 'bulli' adesso rimandati - ma già sospesi dalla scuola per un periodo prima di essere riammessi in classe - di aver reagito alla punizione e di aver avuto una reazione positiva.

Prosegue intanto l'inchiesta della procura dei Minori di Firenze sui sei 'bulli' della classe, indagati per violenza privata e minacce.

Truffe online: email a gogo con falsi messaggi a rischio

ROMA - Non si contano le segnalazioni che giungono allo “Sportello dei Diritti” di cittadini che sono caduti nella trappola di hacker e truffatori telematici dopo aver dato seguito a messaggi che giungono sugli indirizzi di posta elettronica. I testi di queste comunicazioni sono molteplici, ma lo scopo è sempre lo stesso: invitare gli utenti a cliccare su un link o da ultimo a fare della beneficenza. Alla fine chi cade nella rete si vede svuotare il conto o utilizzare la propria identità da malintenzionati.

Comune denominatore che si riscontra sovente in questo tipo di messaggi è un italiano stentato e quasi mai “istituzionale” e solo questo dovrebbe essere indicatore della frode in atto. A segnalarlo la Polizia Postale con due nuovi post sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia”, il primo che riguarda una richiesta di un aiuto economico con la promessa di restituzione del prestito, e l’altro che si riferisce ad un fantomatico debito che dovrebbe essere onorato dopo aver aperto e controllato un allegato che alla fine si rivela un modo per insinuarsi nel nostro dispositivo e sottrarre dati.

Anche questa volta è utile pubblicare le due fotografie postate dalla Polizia Postale, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, perché ancora troppa gente cade nella trappola. Come andiamo ripetendo pressoché quotidianamente, il modo migliore per difendersi è quello di non dar seguito a questi messaggi e quindi di non aprire gli allegati o cliccare sui link indicati. Nel caso siate comunque incappati in frodi analoghe potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

Salvini a Macron: "Accetto le sue scuse, ma se apre i porti a due o tre barconi è meglio"

ROMA -  "Si sono impegnati a spostare la frontiera e i centri di identificazione in Nord Africa. Se alle parole seguiranno fatti è una rivoluzione copernicana". Lo dichiara il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, commentando l'incontro tenutosi ieri tra il presidente Macron e il premier Giuseppe Conte.

"Se oggi (ieri, ndr) il presidente del Consiglio italiano è andato a Parigi e qualcuno ha dovuto chiedere scusa è perché abbiamo alzato la testa".

Il ministro ha poi evidenziato che "se oggi il presidente del Consiglio è andato a Parigi e qualcuno ha dovuto chiedere scusa è perché noi abbiamo alzato la testa".

E in merito al presidente francese Emmanuel Macron il ministro dell'Interno ha aggiunto: "Accetto le sue scuse però oltre le scuse vediamo se si passa dalle parole ai fatti. La Francia accoglie molto meno rispetto all'Italia, e visto che di migranti ne sbarcheranno altri, se oltre alle scuse aprisse i porti francesi a due o tre barconi apprezzerei ancora più le scuse".


"DUE NAVI ONG AL LARGO LIBIA CERCHINO PORTI NON ITALIANI" - "Mentre la nave della Ong Aquarius naviga verso la Spagna (arrivo previsto domani mattina) altre due navi di Ong con bandiera dell’Olanda (Lifeline e Seefuchs) sono arrivate al largo delle coste della Libia, in attesa del loro carico di esseri umani abbandonati dagli scafisti", ha scritto Salvini su Facebook.

"Sappiano questi signori che l’Italia non vuole più essere complice del business dell’immigrazione clandestina, e quindi dovranno cercarsi altri porti (non italiani) dove dirigersi".

"Da ministro e da papà - ha concluso - possono attaccarmi e minacciarmi quanto vogliono, ma io non mollo e lo faccio per il bene di tutti".

Maltempo: domenica all'insegna della pioggia in Puglia

di PIERO CHIMENTI - Continua la morsa del maltempo sulla Puglia, che per le prossime 24 ore sarà attraversata da deboli piogge isolate, che potrebbero assumere moderata intensità nella'area centrale della regione. Maggiori aggiornamenti sulla situazione meteo nelle prossime ore.

Stadio di Roma, Casaleggio: "Cena con Lanzalone? Mai occupato di nomine"

ROMA - "Certo sono andato a una cena l'altro giorno e ho trovato anche Lanzalone a un altro tavolo e l'ho salutato". A dichiararlo Davide Casaleggio ad un giornalista di Repubblica Tv che gli chiedeva se avesse partecipato ad una cena con l'ex presidente di Acea, Luca Lanzalone, coinvolto nella vicenda dell'inchiesta sullo stadio della Roma.

Non si è occupato di nomine a quella cena? "No, io non mi occupo di nomine" ha risposto il presidente dell'Associazione Rousseau.

"Sono molto fiducioso nel modo in cui il Movimento 5 Stelle gestisce le situazioni problematiche". Ha mai incontrato Luca Parnasi? "No, non l'ho mai incontrato" ha risposto il presidente dell'Associazione Rousseau.

Migranti: vescovi, "salvarli e integrarli. Ma l'Italia non venga lasciata sola"

ROMA - "I diritti e la dignità dei migranti, come quelli dei lavoratori e delle fasce più deboli della società, vanno tutelati e difesi. Sempre". Lo dichiara in una nota il presidente dei vescovi italiani, Gualtiero Bassetti, che spiega: "crediamo nella salvaguardia della vita umana: nel grembo materno, nelle officine, nei deserti e nei mari".

Secondo il cardinale, però, "l'Italia, che davanti all'emergenza ha saputo scrivere pagine generose e solidali, non puo' essere lasciata sola ad affrontare eventi cosi' complessi e drammatici". "Proprio perchè crediamo nell'Europa, non ci stanchiamo - sottolinea il presidente della Cei - di alzare la voce perchè questa sfida sia assunta con responsabilità da tutti".

Inoltre, prosegue  la nota, "crediamo nel diritto di ogni persona a non dover essere costretta ad abbandonare la propria terra e in tale prospettiva come Chiesa lavoriamo in spirito di giustizia, solidarietà e condivisione".

Glasgow: a fuoco palazzo Mackintosh, la scuola d'arte più famosa al mondo

GLASGOW - Un vasto incendio sta colpendo in queste ore il Palazzo Mackintosh, a Glasgow, che ospita una delle scuole d'arte più famose del mondo. Sono intervenuti sul posto dalla tarda serata di ieri oltre 120 pompieri.

L'incendio sta devastando il palazzo che è ancora in ristrutturazione dopo un rogo molto simile scoppiato 4 anni fa, ma secondo i testimoni citati dalla Bbc meno intenso di quello di oggi. La premier scozzese Nicola Sturgeon ha detto che il suo cuore "si spezza per l'amata scuola d'arte di Glasgow". Evacuate le case vicine alla struttura.

Iain Bushell, vice capo del servizio di soccorso e antincendio scozzese, ha dichiarato alla Bbc che il lavoro per portare il fuoco sotto controllo sarà lungo e i pompieri stanno affrontando "un incidente estremamente difficile e complesso". 

Fisco: Cgia, in 45 anni incassati 131,8 mld da scudi e condoni

ROMA - Tra scudi, concordati, sanatorie, condoni e altro, negli ultimi 45 anni l’erario ha incassato 131,8 miliardi di euro (valori rivalutati al 2017). A rilevarlo l’Ufficio studi della Cgia. Considerando i gettiti delle singole misure attualizzate al 2017, l’operazione più  “vantaggiosa” per le casse dello Stato è stata la sanatoria fiscale introdotta nel 2003 che ha permesso al fisco di riscuotere 34,1 miliardi di euro.

Altrettanto significativo, si legge in una nota della Cgia, è stato quello fiscale-valutario che nel 1973 ha aperto la lunga stagione dei condoni nel nostro paese; questa misura, avviata prima della riforma fiscale che ha introdotto l’Irpef, ha consentito di incassare 31,6 miliardi. Anche le sanatorie applicate negli anni ’80 sono state particolarmente “generose”: tra il condono fiscale e quello edilizio intercorsi tra il 1982 e il 1988, lo Stato ha beneficiato di 18,4 miliardi. 

Turismo: progetti e prodotti per fare una Puglia grande

BARI - Il 2018 è l’anno del Prodotto per il Piano Strategico Puglia365. Primo incontro e confronto ieri alla Fiera del Levante nel Padiglione della Regione Puglia con gli operatori turistici per avviare un processo di miglioramento qualitativo dell’offerta turistica pugliese che porterà alla costruzione di veri e propri prodotti turistici. L’Assessorato all’Industria Turistica e Culturale e Pugliapromozione hanno avviato un percorso di analisi e sviluppo dei Prodotti turistici ed hanno selezionato con avviso pubblico tre esperti che accompagneranno gli operatori in questo processo.

“Progetti e prodotti turistici per fare una Puglia grande! E' l’impegno che parte quest’anno con il Piano Puglia365. Come arrivarci? La strada la dobbiamo fare insieme con gli operatori turistici e grazie all’impegno della Regione e di Pugliapromozione, insieme con i tre esperti che abbiamo selezionato. Le premesse sono incoraggianti: nonostante il maltempo la sala è gremita di operatori questo pomeriggio per iniziare questo processo che porterà ad una organizzazione più efficace e innovativa dell’offerta turistica – ha affermato l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone -  Oggi abbiamo beni, bellezze, bontà enogastronomiche. Dobbiamo trasformarli in prodotti turistici, aiutando gli operatori ad organizzarsi in reti, ad usare professionalità, competenze, capacità organizzative. Li accompagniamo con analisi, informazioni, formazione. Insieme agli esperti e alle associazioni di categoria E in questo percorso verrà fuori la Puglia migliore, più creativa e collaborativa”.

All’incontro, al quale hanno partecipato tantissimi operatori turistici della Puglia, erano presenti oltre all’Assessore Loredana Capone, i tre esperti, Roberta Garibaldi per il prodotto Enogastronomia, Fabiola Sfodera  per  Arte e Cultura, Pierfelice Rosato  per  Sport Natura e Benessere, il responsabile Prodotto di Pugliapromozione, Rocky Malatesta, coordinati da Luca Scandale, Responsabile del Piano strategico Puglia365. I tre esperti hanno fatto alcune riflessioni introduttive sui trend del turismo enogastronomico,  del turismo culturale e del turismo sportivo e naturalistico in Italia e nel mondo. Trovate le loro analisi sul sito dell’Agenzia Pugliapromozione nella sezione “Scopri i prodotti turistici”  www.agenziapugliapromozione.it/

L’incontro ha aperto un confronto che proseguirà con dei focus di approfondimento che verranno organizzati nei vari territori della Puglia durante l’autunno.