mercoledì, agosto 16, 2017

Roma, gambe in un cassonetto: fratello vittima confessa

ROMA - Orrore nella Capitale, dove ieri sera sono state rinvenute in un cassonetto, in via Maresciallo Pilsudsky nel quartiere Parioli, delle gambe di una donna, successivamente identificata. A fare la macabra scoperta una ragazza mentre rovistava all'interno del secchione. Ad intervenire sul posto la Polizia.

Tuttavia, il resto del corpo non c'era. Secondo alcune fonti investigative riportate dall'agenzia Ansa, un uomo, poi identificato come il fratello della vittima, è stato ripreso da una telecamera di un esercizio commerciale mentre gettava qualcosa all'interno del cassonetto di viale Maresciallo Pilsudsky.

L'uomo, messo sotto torchio dagli investigatori, ha poche ore dopo confessato l'efferato omicidio. L'interrogatorio è durato alcune ore. Alla base dell'assassinio ci sarebbero liti per questioni economiche.

Il killer, un sessantenne italiano, è stato ripreso da una telecamera di videosorveglianza mentre gettava qualcosa all'interno del secchione nella notte tra il 14 e il 15 agosto. I due fratelli abitavano insieme in un appartamento in via Guido Reni, nel quartiere Flaminio, a pochi metri di distanza dal cassonetto in cui la polizia ha rinvenuto la testa e il tronco della donna.

VICINA SOTTO CHOC: NON POSSO CREDERCI - "Non c'è mai stata una lite, un battibecco. Nicoletta e Maurizio li conoscevo bene e mai mi sarei aspettata tutto questo". È visibilmente sotto shock una vicina di casa della donna fatta a pezzi e gettata in alcuni cassonetti a Roma. "La notte tra il 14 e il 15 ero qui, a casa - racconta -. Non ho sentito assolutamente nulla. Poi sono partita per il ferragosto e tornata stamattina. Quando ho visto tutta la polizia sotto casa pensavo stessero girando un film. Poi invece mi è arrivata la notizia scioccante".

Istat, aumenta Pil secondo trimestre: +0,4%

ROMA - Il Pil italiano nel secondo trimestre 2017 è aumentato dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,5% rispetto al secondo trimestre 2016. A renderlo noto l'Istat nella stima preliminare del prodotto interno lordo. I dati sono corretti per gli effetti di calendario e destagionalizzati.

Il secondo trimestre ha avuto tre giornate lavorative in meno del trimestre precedente e due in meno del secondo trimestre 2016. La variazione congiunturale è sintesi di un aumento dell'industria e dei servizi, che hanno un "andamento omogeneo, con i servizi che mantengono un tasso di crescita importante" e di un calo dell'agricoltura. Dal lato della domanda, si registra un apporto positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un limitato contributo negativo della componente estera netta. "Manteniamo un tasso di crescita consistente e persistente", spiegano dall'Istat.

La crescita acquisita per il Pil italiano nel 2017 è pari a 1,2%. La variazione acquisita è quella che si otterrebbe in presenza di una variazione congiunturale nulla nei restanti trimestri dell'anno. Ipotizzando invece, spiegano dall'Istituto di statistica, un tasso di crescita nel terzo e nel quarto trimestre analogo a quello dei primi due periodi la crescita raggiungerebbe l'1,5%.

Regeni, il Nyt: da Usa prove a Renzi su assassinio

ROMA - Gli Usa dell'amministrazione Obama acquisirono prove che Giulio Regeni era stato rapito, torturato e ucciso dai servizi di sicurezza egiziani e avvertirono il governo Renzi. Si tratta della rivelazione del New York Times. "Abbiamo trovato prove incontrovertibili sulla responsabilità di funzionari egiziani", ha dichiarato una fonte dell'amministrazione Obama al New York Times, secondo cui gli Stati Uniti "passarono la raccomandazione al governo Renzi".

Su raccomandazione del Dipartimento di Stato e della Casa Bianca - sottolinea ancora il New York Times in una lunga ricostruzione della vicenda - gli Stati Uniti hanno passato questa conclusione al governo Renzi. ''Non era chiaro chi avesse dato l'ordine di rapire e, presumibilmente, di ucciderlo'', ha detto un'altra fonte. Ma quello che gli americani sapevano per certo - e che hanno condiviso con gli italiani - era che la leadership egiziana era totalmente consapevole delle circostante della morte di Regeni, si legge ancora sul Nyt. "Non avevamo dubbi che questa faccenda era conosciuta ai massimi livelli", ha spiegato una terza fonte dell'amministrazione Obama: "Non so se avessero la responsabilità ma sapevano".

A riguardo dell'inchiesta del New York Times, fonti di Palazzo Chigi sottolineano come nei contatti tra amministrazione USA e governo italiano avvenuti nei mesi successivi all'omicidio di Regeni non furono mai trasmessi elementi di fatto, come ricorda tra l'altro lo stesso giornalista del New York Times, né tantomeno 'prove esplosive'. Si sottolinea,altresì, proseguono le stesse fonti, che la collaborazione con la Procura di Roma in tutto questi mesi è stata piena e completa.

"Sempre più lutto!": e' quanto la mamma di Giulio Regeni, Paola Deffendi, in un post sul proprio profilo Facebook nel quale pubblica le foto della bandiera italiana listata a lutto esposta dal giorno della morte del giovane sul Municipio di Fiumicello. 

Puglia, vittime della strada in vertiginoso aumento

BARI - L’AREM (Agenzia regionale per la Mobilità), sulla base dei dati trasmessi dalla Polizia Stradale, dai Carabinieri e dalle Polizie municipali, ha pubblicato i dati del 2016 relativi agli incidenti stradali in Puglia.

Sono 9.932  gli incidenti stradali gravi che hanno provocato il decesso di 254 persone ed il ferimento di altre 16.768. Nel 2016, rispetto al 2015, il numero degli incidenti con lesioni a persone è aumentato del 4,3%; il numero dei morti è purtroppo aumentato del 9,5% ed il numero dei feriti del 7,2%. Questo incremento nel 2016 si verifica dopo un decennio di costante riduzione degli incidenti in Puglia. L’analisi dei dati consente di effettuare alcune importanti riflessioni sulle principali cause che provocano incidenti stradali attivando strategie di intervento per di ridurre incidentalità, decessi e gravi lesioni che determinano gravissime conseguenze sul piano umano e sociale.

Il 70,1% degli incidenti stradali si è verificato all’interno dei centri abitati, il 29,0% fuori dagli abitati e lo 0,9% lungo le autostrade pugliesi. Rispetto al 2015 si è registrato un incremento della mortalità su tutti gli ambiti stradali con valori pari al 18,9% in ambito urbano e dell’8,9% in ambito extraurbano mentre in autostrada si rileva un decremento del 33,3%.  Si rileva anche come il secondo semestre dell’anno faccia registrare un maggior numero di incidenti mortali (pari al 56,8%) e di decessi (pari al 63,3%). Anche rispetto al 2015 il secondo semestre del 2016 ha fatto registrare un incremento del 6,5% nel numero di sinistri mortali e del 9,5% nel numero di morti. I mesi estivi di Giugno, Luglio e Agosto sono stati i peggiori per numero di incidenti gravi e agosto il peggiore in assoluto con 36 morti su strada rispetto ai 19 registrati nel 2015.

Gli incidenti mortali si sono verificati, per il 49,3% dei casi, tra due o più veicoli, mentre nel 41,0% dei casi ha coinvolto un singolo veicolo; per il restante 9,7% dei casi si è trattato dell’investimento di pedoni. Rispetto al 2015 si è registrato un importante incremento (+25,5%) degli incidenti che hanno interessato singoli veicoli dovuti in molti casi a distrazione. Tra i deceduti il 73,6% si trovava a bordo di un’autovettura, il 10,7% su un motociclo, l’1,6 su un ciclomotore, l’1,6 su una bici e l’8,6% era a piedi.

“L’analisi di dati così drammatici- sottolineano Emiliano e Nunziante, -portano a considerare la distrazione tra le principali cause di incidenti, insieme all’eccesso di velocità”.

 Infatti tra le principali circostanze che hanno determinato incidenti mortali, si registrano: il mancato rispetto dei limiti di velocità o l’eccesso di velocità con sbandamento e uscita di strada del veicolo; la distrazione alla guida ed il mancato rispetto della distanza di sicurezza; la mancata precedenza allo stop o al semaforo e la circolazione contromano. In particolare nel 2016 rispetto all’anno precedente si è rilevato un netto incremento degli incidenti per “guida distratta” pari al 33,3%. L’aumento degli incidenti per eccesso di velocità è stato pari al 26,4% mentre per mancata precedenza l’incremento è stato del 12,7%. Tra i motivi di distrazione diventa sempre più preoccupante l’uso dei cellulari durante la guida.

“Il rapporto sull’incidentalità nel 2016 pubblicato dall’AREM, evidenzia come il fattore umano influisca sensibilmente sull’aumento degli incidenti e sulla mortalità ad essa legata. Quindi –continuano Presidente e Vice presidente- bisogna favorire gli interventi di messa in sicurezza delle strade ma, soprattutto, bisogna incidere sull’atteggiamento culturale della popolazione.

 “A tal fine- aggiunge Nunziante- l’Assessorato alla mobilità e l’Arem, hanno attivato iniziative tese a sensibilizzare la popolazione ad una maggiore consapevolezza dei rischi che si corrono guidando senza la necessaria attenzione. Ad aprile è stata promossa una campagna di comunicazione realizzata dalla Fondazione “Ciao Vinny” con un video spot dal titolo “Fermati un attimo e Pensa. Ama la vita e riempila di colore”. Inoltre proseguiranno, anche per l’anno scolastico 2017-2018, le attività di educazione alla sicurezza stradale rivolte a studenti della scuola secondaria con il progetto “La strada non è una giungla”, realizzato dall’Agenzia Regionale per la Mobilità in collaborazione con Direzione regionale Scolastica.”

Il rapporto completo redatto dall’AREM contenente le mappe tematiche sull’incidentalità stradale è disponibile sui siti www.arem.puglia.it e  http://mobilita.regione.puglia.it.

Madonna si scatena con la pizzica

di PIERO CHIMENTI - La regina del pop, che sta trascorrendo qualche giorno di vacanza a Borgo Egnazia nei pressi di Savelletri, nel brindisino, ha diffuso un video sul suo profilo facebook in cui mostra come, oltre ad apprezzare la terra pugliese, in cui torna spesso per rilassarsi, ami molto la sua musica e le sue tradizioni, scatenandosi sotto le note della pizzica.

Il video in poche ore ha già ricevuto oltre 10mila mi piace.

Frontale nel Barese, due morti

MOLA DI BARI - Nuovo incidente mortale nel barese. Due persone sono morte e un'altra è rimasta ferita in uno frontale avvenuto sulla provinciale 117 che collega Mola di Bari a Noicattaro.

Per cause da accertare ci sarebbe stato uno scontro frontale tra una Ford Focus e un mezzo pesante che trasportava liquido infiammabile.

Ad intervenire sul posto i carabinieri, che stanno eseguendo accertamenti per ricostruire la dinamica dell'incidente, vigili del fuoco e personale del 118. Con quest'ultimo incidente, sale a sette il numero delle vittime della strada in due giorni in territorio barese.

Tragedia stradale di Trani, pm dispone autopsia

TRANI - Il pm di Trani Conticelli ha disposto l'autopsia sui resti carbonizzati delle tre vittime dell'incidente stradale avvenuto la notte fra il 14 e il 15 agosto scorso sulla statale 16 bis, all'altezza di Trani Boccadoro. L'incarico per l'autopsia verrà conferito domani dal pm al medico legale.

Subito dopo sarà possibile celebrare le esequie delle due donne e dell'uomo, che risiedevano tutti a Bisceglie. Le vittime sono Angela Maddalena, di 54 anni, la cittadina ucraina Svitlana Kovalova e Antonio Montrone, di 57 anni. Il sindaco Spina ha annunciato che in concomitanza dei funerali dei giovani ci sarà il lutto cittadino.
   
Resta piantonato in ospedale invece il responsabile dell'incidente, invece, un 22enne di origini albanesi ma nato in Italia, arrestato per omicidio stradale plurimo e risultato ubriaco al momento dell'incidente, resta piantonato in ospedale per le ferite riportate nell'impatto con l'auto in cui viaggiavano le tre vittime.

Caldo, si torna a boccheggiare: previsti picchi di 37°

ROMA - "L'alta pressione farà prevalere i suoi effetti fino a venerdì, con tempo in prevalenza soleggiato e con il caldo che, pur intensificandosi, rimarrà lontano dai livelli eccezionali dell'ultima ondata di calore". Lo spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo: "Le temperature si porteranno su valori di 2-5 gradi sopra le medie, specie al Centrosud, con massime quasi dappertutto fra 30 e 35 gradi e qualche picco fino a 36-37 gradi. Questa nuova fase calda dovrebbe durare poco e interrompersi gradualmente già nel corso fine settimana, quando è probabile l'irruzione sull'Italia di correnti più fresche".

Una perturbazione associata a rovesci o temporali raggiungerà, infatti, le Alpi alla fine di venerdì, per poi interessare sabato anche le pianure del Nord, in particolare tra la Lombardia orientale e il Nordest, con conseguente primo calo termico nelle regioni settentrionali.

Tra la notte successiva e la giornata di domenica - concludono i meteorologi - verrà coinvolto dalla rinfrescata anche il Centrosud, specie il versante adriatico, con temperature in calo verso valori che, a inizio settimana, potranno essere anche leggermente sotto le medie. Poi le proiezioni a lungo periodo per la prossima settimana suggerirebbero il ritorno di giornate in prevalenza soleggiate e temperature in rialzo, da mercoledì-giovedì di nuovo sopra le medie stagionali.

Nasce l'asse Fca-Bmw per le auto a guida autonoma

di PIERO CHIMENTI - Mentre le azioni della Fca crescono in borsa, per una presunta entrata cinese in società, l'amministratore delegato Sergio Marchionne ha annunciato di aver stretto una collaborazione con Bmw, Intel e Mobileye per la realizzazione delle prime auto a guida autonoma, attese per la fine del 2017.

Soddisfatto dell'accordo è anche il presidente del consiglio di gestione di Bmw, Harald Krüger, che commentando l'intesa con la casa automobilistica italo-americana ha dichiarato che "il successo dell'accordo si basano l'eccellenza senza compromessi nello sviluppo e la scalabilità della nostra piattaforma di guida autonoma".

Tra Garcia e Macron 'spunta' Totti

di PIERO CHIMENTI - Il neo presidente francese Macron, grande tifoso del Marsiglia, si è recato al centro sportivo della società, dove si è divertito a palleggiare con i giocatori dell'OM. Nella foto di rito, il tecnico Garcia ha regalato al Presidente la maglia di Francesco Totti, che ha allenato nella scorsa esperienza italiana.

Giallo nel Leccese, trovato corpo di anziano morto in casa

di PIERO CHIMENTI - E' giallo nel leccese, dove un anziano di 91 anni è stato trovato morto in casa a Copertino dai carabinieri. L'allarme è stato dato dalla figlia residente in Germania, che dopo vari tentativi andati a vuoto di contattare il padre, ha allertato i militari che hanno fatto la tragica scoperta.

I militari, insieme ai sanitari del 118, hanno accertato le cause naturali della dipartita dell'anziano.