Migranti, Renzi minimizza l'emergenza

di NICOLA ZUCCARO — "E' fuori luogo parlare di emergenza". Quanto affermato nei giorni scorsi da Matteo Renzi, in merito a...

sabato, maggio 28, 2016

Gigi D'Alessio lascia la Siae. Tutti i diritti a Soundreef


Gigi D'Alessio ha deciso, lascerà la Siae e si affiderà a Soundreef per i suoi diritti d'autore. A partire dal gennaio 2017 Soundreef avrà il mandato per riscuotere tutti i proventi del cantante napoletano, che ha all'attivo circa 750 brani e 20 milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

"Ho cercato di capire meglio e mi ha convinto la trasparenza della rendicontazione al contrario di quella Siae che non è analitica e non chiarisce con esattezza da dove arrivano i proventi", spiega Gigi. "Non era per me una scelta facile, ma ho creduto nel progetto di questi giovani e credo nel libero mercato. Laddove c'è il monopolio il mercato non cresce".
Condividi:

Schianto tra due auto sulla provinciale 13: muore 25enne

ANDRIA - Dramma, poco dopo le 13,30 sulla sp13, tra Andria a Bisceglie. Nello scontro frontale tra due vetture e' morto un ragazzo di 25 anni di Andria. Il conducente ed la passeggera dell'altra auto, marito e moglie, sono stati invece trasportati in codice rosso all'ospedale Bonomo di Andria. Sul posto, per gli accertamenti tecnici, sono subito intervenuti i carabinieri di Bisceglie ed i Vigili del Fuoco, che hanno estratto il corpo della vittima dalle lamiere della sua auto.
Condividi:

Vitalizi, i Cinquestelle replicano a chi difende il privilegio: "Da Emiliano impegno formale per abolirli"

BARI - La proposta di legge per l’abolizione dei vitalizi del Movimento 5 Stelle ha sollevato un vero e proprio polverone, tant’è che alcuni consiglieri regionali di diverso schieramento e alcuni beneficiari di vitalizio hanno provato “stoicamente” ad opporsi con dichiarazioni che non hanno convinto gli otto consiglieri regionali M5S che replicano chiedendo, anche al presidente Emiliano, di assumere un impegno formale dopo l’apertura “a parole” dimostrata nel corso di uno scambio di Tweet con la prima firmataria della proposta di legge Antonella Laricchia.

“Come al solito, quando si tratta di eliminare i privilegi della politica, assistiamo alla fiera dell’arrampicata sugli specchi. - commentano gli otto consiglieri M5S Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Grazia Di Bari, Marco Galante, Antonella Laricchia e Antonio Trevisi - Riteniamo imbarazzanti le parole di Cera, Amati, Mazzarano ed Introna che in alcuni casi sono arrivati a dover dire vere e proprie falsità per difendere un privilegio vergognoso della politica che arriva ad assicurare agli ex consiglieri, vitalizi di oltre 11.000€ al mese. Innanzitutto non è vero che i vitalizi sono stati aboliti - spiegano i cinquestelle - durante la scorsa legislatura si è deciso di riformare i vitalizi dalla successiva legislatura (l'attuale) in poi, ma non sono stati aboliti i vitalizi per gli ex consiglieri che sono ancora esistenti e ne beneficiano 208 “fortunati” che arrivano a percepire “pensioni” da favola che lievitano in media fino a 5 volte in più rispetto ai contributi versati, con un costo per i pugliesi di addirittura 15 milioni di euro all’anno.  A questi consiglieri sono bastati 5 o 10 o 15 anni di attività politica per vedersi maturare quel trattamento pensionistico spropositato quando a un dipendente pubblico qualsiasi, per percepire cifre estremamente inferiori, servono come minimo 42 anni e 11 mesi di lavoro. Apprezziamo e comprendiamo lo sforzo creativo del presidente Introna, uno dei beneficiari del vitalizio, che nel tentativo di difendere i propri interessi riesce a definire gli oltre 9.000€ mensili che percepisce, come una “conquista democratica”: che lo dica a tutti i pensionati che sono costretti a vivere con poche centinaia di euro al mese per non parlare di tanti giovani che la pensione la vedono come un lontano miraggio. Ci chiediamo perché Introna abbia tanto timore di essere equiparato ad un qualsiasi altro cittadino percependo un trattamento pensionistico calcolato con il metodo contributivo, che gli garantirebbe comunque una pensione di tutto rispetto. Ci ha fatto invece sorridere il tentativo maldestro di arrampicarsi sugli specchi da parte dei consiglieri PD Amati e Mazzarano costretti a difendere gli spropositati vitalizi dei loro capi di partito dimostrando, ancora una volta, lontananza dalle reali esigenze di giustizia e solidarietà nei confronti dei cittadini. Vorremmo a questo punto sapere se anche il presidente Emiliano la pensa come i consiglieri della sua maggioranza. Gli abbiamo già chiesto su Twitter se avesse intenzione di abolire i vitalizi ed abbiamo ricevuto in risposta un telegrafico: “Perché no.”, ci auguriamo che adesso il Presidente voglia smentire quanto detto dai suoi colleghi di partito e possa prendere un impegno formale davanti ai pugliesi affinché questa volta le parole trovino un seguito concreto. Già in campagna elettorale prometteva di tagliare gli stipendi dei consiglieri ma non è mai avvenuto. Approviamo la nostra proposta che permetterebbe di risparmiare 50 milioni a legislatura e facciamo in modo che la Puglia diventi la prima regione che abolisce un privilegio diventato ormai insostenibile”.
Condividi:

Spiagge Pulite!, i volontari di Legambiente in azione a Jamaica

TARANTO - Si è svolta nell’isola amministrativa di Taranto, sulla spiaggia nota alla maggior parte dei tarantini come “Jamaica” l’iniziativa di pulizia della spiaggia dai rifiuti abbandonati organizzata da LegambienteTaranto in concomitanza con la campagna nazionale “Spiagge e Fondali puliti”

Da anni Legambiente denuncia i problemi legati ai rifiuti dispersi nell'ecosistema marino e costiero. E svolge una indagine che permette di avere dati su quantità e tipologie dei rifiuti presenti sui litorali nel bacino del Mediterraneo. Una attività inquadrata nell'ambito della Direttiva Europea Marine Strategy che prevede, tra le altre cose, di stimare l'entità del problema dato dai rifiuti marini e approntare azioni mirate a ridurli.

I volontari dell’associazione, armati di guanti e rastrelli, hanno setacciato la spiaggia di Jamaica alla caccia soprattutto di rifiuti plastici, che una volta arrivati in mare troppo spesso vengono scambiati per cibo e ingeriti da mammiferi marini, tartarughe e uccelli, con ripercussioni gravi e spesso mortali, oltre che dei purtoppo consueti mozziconi di sigarette e pezzi di vetro. E alla fine la spiaggia è stata pulita!

Bottiglie di vetro, di plastica, lattine, buste, tappi, coperchi, bicchieri, stoviglie, contenitori, cotton fioc, filo e ami da pesca, mozziconi di sigaretta: la lista delle schifezze abbandonate che possono rovinarci il gusto di andare al mare è lunghissima.

Combattere l’indifferenza e l’incuria, con la forza di un gesto concreto, prenderci cura delle nostre spiagge e liberarle dai rifiuti con una azione volontaria di pulizia: questo il senso dell’iniziativa che torna a chiedere, anche nella nostra realtà, maggiore rispetto e tutela per il mare, incredibile serbatoio di biodiversità e bellezza, fonte di vita e ricchezza.

Abbiamo scelto l’isola amministrativa , per "parlare"  a tutti i cittadini di Taranto, sensibilizzarli a comportamenti civili ed ecosostenibili verso le spiagge, il mare, l'ambiente: Avere spiagge e mare liberi dai rifiuti è un diritto! E tutelarli è un dovere e un bene per ognuno di noi.
Condividi:

Difesa del territorio e delitti ambientali, incontro Rotary a Bari

di DONATO FORENZA — La protezione del paesaggio costituisce una dimensione rilevante da oltre un ventennio: infatti si è elevata la consapevolezza dei cambiamenti climatici e della ecosostenibilità. Recentemente il Rotary Bari presieduto dal Dott. Paolo Ditonno, ha organizzato un interessante incontro con il dott. Domenico Santorsola, Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, ed il prof. Vito Felice Uricchio, Direttore dell’Ispra CNR.

L’Assessore Santorsola, ha parlato della sua ricca esperienza assessorile evidenziando la crescita di sensibilità di cittadini, di associazioni e di enti per la tutela del territorio e del paesaggio, per un nuovo equilibrio tra paesaggio, ecologia ed economia, miglioramento  della vivibilità e tutela della biodiversità; occorre una programmazione oculata in armonia con le Direttive Europee ed internazionali afferenti alla protezione integrata della Terra. Particolare attenzione va data ai reati ambientali ed ai particolari fenomeni criminali, legati allo smaltimento illecito dei rifiuti che può fornire facili guadagni.

La Regione Puglia, dal 2007 ha realizzato un piano di tutela ambientale, d’intesa con IRSA-CNR, ARPA e con le forze di polizia per controllare il territorio in modo mirato ottenendo risultati soddisfacenti. Il prof. Uricchio ha evidenziato l’importanza delle tecnologie ambientali che consentono di compiere accertamenti tecnici e scientifici per individuare chi compie reati ambientali sul territorio ed in mare e segnalarlo all’Autorità Giudiziaria; la Regione Puglia ha ottenuto notevoli benefici. Va segnalato inoltre, l’affondamento volontario in mare (a profondità irrecuperabili) di vecchie carrette nel Mediterraneo, le cui stive sono piene di sostanze venefiche. Alquanto utile è la collaborazione fra forze di polizia, comuni e mondo scientifico per l’analisi della qualità dell’acqua, dell’aria e del suolo e delle loro contaminazioni. Vengono utilizzati dati ambientali, mediante aerei e mezzi speciali, georadar, satelliti, geoscanner e l’anello geomagnetico, che consente di sondare il terreno e le falde fino ad una profondità di 3-400 metri. Particolare attenzione va data all’analisi della biodiversità che  consente di accertare la qualità del suolo. la manifestazione ha riscontrato positivi consensi.

Condividi:

Gallipoli, sbarcate 150 Miss in rappresentanza di tutte le regioni Italiane

GALLIPOLI - Al via le fasi finali di “Miss Mondo Italia” edizione 2016. Ben 150 fasciate provenienti da ogni parte d’Italia, sono pronte a sfidarsi per guadagnare l’ambita finalissima nazionale in programma il prossimo 11 giugno al Teatro Italia di Gallipoli. Durante tutta la giornata di oggi e nella mattinata di domani, le Miss, divise per regione d’appartenenza, sbarcheranno a Gallipoli pronte a contendersi prima la passerella finale e poi l’ambita fascia e la corona oltre che il titolo di Miss Mondo Italia che vale quale pass a rappresentare l’Italia alla finale internazionale di Miss World, il più antico e prestigioso concorso del Pianeta. All’arrivo, lo staff di Miss Mondo Italia, coordinato dalla direttrice artistica Maria Rosaria De Simone, effettuerà le procedure di check-in e la sistemazione delle concorrenti nelle stanze del quartier generale, situato come da tradizione, presso dell'Hotel Bellavista –struttura ricettiva del gruppo Caroli Hotels.

Ospiti e News

Intanto proprio nei giorni scorsi il patron Antonio Marzano ha ufficializzato a stampa e media, il conduttore dell’edizione 2016 ed il programma dell’evento. Riconfermato alla conduzione l’eclettico Paolo Ruffini, quest’anno accanto a Diego Abatantuono nel talent del La7 “Eccezionale Veramente”. Accanto a Ruffini la bellissima Claudia Russo modella/giornalista ed ex Miss Mondo Italia. La direzione artistica ha annunciato anche due altri pezzi da novanta: il presidente di giuria e la special guest dell’evento. Ad incoronare la neo eletta Miss Mondo Italia 2016 dopo sarà infatti il bel Kaspar Capparoni emerso in tutto il suo talento in tante produzioni tv nazionali, da “Solo per amore” a “Rex”, passando per “Incantesimo” e “Capri”. E poi ancora “Elisa di Rivombrosa” e “Donna Detective”, oltre che in due programmi Rai come “Ballando con le stelle” (ha vinto in coppia con Yulia Musikhina due volte) e “Tale e quale show”. Di lui i critici dicono. “Qualunque cosa fa, Kaspar Capparoni regala sempre un’interpretazione intensa e dinamica, che mette in mostra la sua grande formazione”. E così sarà anche per Miss Mondo Italia 2016. Special Guest di livello assoluto sarà invece la notissima “singer” Antonella Ruggiero. Artista che non ha bisogno di presentazioni e che ha fondato e reso famosi i Matia Bazar in Italia e nel mondo. L’intero cast, altri ospiti e le novità dello show finale saranno rese note nel corso dei prossimi giorni, anche se le protagoniste assolute dell’evento saranno le 50 Finaliste Nazionali. Tutti i personaggi al termine dell’evento saranno ospiti del noto Hotel Ristorante ‘Al Pescatore’ per il rituale blindatissimo ed imperdibile ‘After Show’. Le fasi Finali come ogni anno, si svolgeranno dal 28 all’undici giugno, giorni durante i quali eventi collaterali aggiungeranno valore culturale alla manifestazione con l’obiettivo di promozionare territorio e bellezze naturali del Salento con un occhio particolare ad alcune sorprese importanti, attività di stretta attualità, che vedranno protagoniste le bellissime fasciate. Le fasi Finali, del Concorso, sono organizzate con il patrocinio della Regione Puglia ed in collaborazione con il Gruppo “Caroli Hotels”, che sarà il quartier generale della kermesse. Le discipline in cui dovranno cimentarsi le Miss sono: "Talent", "Sport", "Beach" e "Model" ripercorrendo il format adottato da Miss World.
Novità anche per i canali media e social che ruoteranno attorno all’evento Miss Mondo Italia 2014. Diversi i portali giornalistici nazionali che seguiranno live l’intera kermesse.

Vita da Miss

Ma torniamo alle Miss. Originale l’accoglienza ricevuta da tutte le 150 ragazze all’arrivo nella Città Bella. Dopo il rituale dell’accreditamento, lo staff di Miss Mondo ha concesso un meritato pomeriggio di riposo a tutti. Il programma della mattinata prevedrà la sveglia alla buon ora, poi dopo una ricca colazione, via alla lunga fase preparatoria della prefinale, in programma come detto il prossimo 31 maggio con una festa glamour ai bordi della piscina dell’Eco Resort “Le Sirenè – Gruppo Caroli Hotel” di Gallipoli. Per tutte le miss prove di trucco e parrucco, curato dallo staff di “Gil Cagnè” ad Pablo e da uno staff di parrucchieri leader nel settore. A seguire i servizi fotografici, curati da “Marco Perulli” per Miss Mondo Italia e le riprese dei vari format tv previsti. Infine a turno via alle selezioni ed ai passaggi di fronte alla giuria di qualità. Naturalmente sotto la lente di giurati e tecnici, bellezza, fisico, fascino, talento, portamento, spigliatezza e preparazione culturale.

Miss Mondo, sociale e promozione del territorio

Da quest’anno poi la direzione ha comunicato l’istituzione del riconoscimento speciale nazionale “La Miss racconta il Salento”, evento sponsorizzato dalla Banca di Credito Cooperativo di Leverano e patrocinato dalla Regione Puglia. “Le concorrenti –spiegano dallo staff di Miss Mondo avranno il compito di raccontare con i mezzi telematici e le piattaforme social a disposizione, la loro esperienza Salentina, dalle bellezze naturali, agli odori e sapori del Tacco d’Italia. Lo scopo dell’iniziativa infatti è quello di valorizzare e promuovere le risorse culturali, paesaggistiche e gastronomiche del territorio. Alla vincitrice –concludono- scelta da un’apposita giuria oltre al riconoscimento in premio una meravigliosa vacanza di quattro giorni in uno degli alberghi del gruppo Caroli, come detto partner speciale di Miss Mondo”. Ultima nota degna di attenzione è l’importante collaborazione sancita nelle scorse settimane, con ANISC (Associazione Nazionale Italiana Senologi Chirurghi). Miss Mondo Italia infatti sarà impegnata sia nelle fasi finali che nel corso delle oltre 300 serate che si svolgono durante l’anno in Tutta Italia ed organizzate dalle agenzie del concorso, il messaggio di sensibilizzazione per la prevenzione del tumore al seno.
Condividi:

Migranti, Renzi minimizza l'emergenza

di NICOLA ZUCCARO — "E' fuori luogo parlare di emergenza". Quanto affermato nei giorni scorsi da Matteo Renzi, in merito all'emergenza sbarchi, lungo le coste italiane, dovrebbe lasciare stupefatti tutti gli italiani quotidianamente alle prese, anche indirettamente, con la stessa. I dati - complice le favorevoli condizioni climatiche e dei mari - sono in crescita esponenziale e con il rischio di perderne il conto relativamente alla media quotidiana degli sbarchi, l'informazione potrebbe far rima con l'approssimazione.

Nelle prossime ore, mentre si va in scrittura si apprende dalla rete che è previsto l'arrivo di 4000 migranti. Numeri che, se confermati e aggiunti a quelli dei giorni scorsi, devono essere lasciati sulla scrivania del premier affinchè questi possa ricredersi, sostenendo, con un netto realismo e con profondo senso di responsabilità, che si è all'interno dell'emergenza.
Condividi:

Il mito di Pelè torna sul grande schermo

di NICOLA ZUCCARO — A trentacinque anni di distanza da 'Fuga per la vittoria', Pelè torna al cinema. Questa volta, a partire dal 26 maggio, non il fuoriclasse autore della rovesciata nella pellicola precedentemente menzionata, ma la promessa di quel calcio carioca che dopo la finale del Mondiale 1950 persa dalla Nazionale verdeoro per 2-1 contro l'Uruguay, faticò a voltare pagina. Ci pensò un giovanissimo Edson Arantes do Nascimento che nel 1958, a 18 anni non ancora compiuti, consegnò con le sue prodezze la prima Coppa del Mondo dopo aver regolato nella finalissima, di rimonta sulla Svezia, con l'identico punteggio precedentemente menzionato. E' l'ultima sequenza di un film che consegna definitivamente la figura dell'asse brasiliano alla storia della cinematografia sportiva.
Condividi:

Schianto in moto, 21 enne barese muore sul colpo a Prato


Terribile incidente stradale, poco prima dell'alba, a Prato. Vittima dell'ennesima tragedia sull'asfalto è il giovanissimo Cristian Del Core, 21 enne originario di Bari, ma trasferitosi in Toscana. Intorno alle 4 di questa notte, mentre tornava a casa a bordo della sua Yamaha, Cristian è morto a soli 980 metri dalla sua abitazione. Secondo la ricostruzione della polizia, a causare l'incidente sarebbe stato lo stesso ragazzo, che avrebbe toccato lo spartitraffico mentre era in corsa. Forse a causa dell'alta velocità, Cristian si è schiantato contro una rotatoria, perdendo la vita in un impatto fatale. Purtroppo l'immediato intervento della Croce d'Oro si è rivelato inutile, consentendo ai sanitari la sola possibilità di constatare la morte del giovane barese.

Cristian era un amante delle due ruote ed altra sua grande passione era la pallanuoto, sport in cui ha gareggiato giocando nella G. P. Modugno. In tanti gli danno l'ultimo addio su Facebook, incluso la società sportiva, che lo ricorda così:

Condividi:

Lutto nel mondo del teatro, addio a Giorgio Albertazzi


Si è spento all'età di 92 anni, a Roma, una delle più importanti figure del teatro italiano del XX secolo. Nato a Fiesole il 20 agosto 1923, Giorgi Albertazzi debuttò con Troilo e Cressida di Shakespeare (1949), con la regia di Luchino Visconti. Ricordava con orgoglio quando negli anni '60 il suo Amleto, con la regia di Zeffirelli, fu rappresentato all'Old Vic di Londra in occasione del 400° anniversario della nascita del Bardo. Nella sua carriera da artista ha registrato successi dal teatro alla televisione, fino al grande schermo.

Impossibile dimenticare, fra i suoi spettacoli sul palco, Memorie di Adriano, con la regia di Maurizio Scaparro. A contraddistinguerlo, c'era sempre il suo genio creativo, con cui colpiva sempre il pubblico. Come quella volta in cui, a 97 anni, durante lo spettacolo Cercando Picasso, apparì nudo in pubblico, anche se solo per un attimo brevissimo.

MATTARELLA, "MAESTRO PER GENERAZIONE DI ATTORI" - "Con Giorgio Albertazzi scompare uno dei massimi interpreti del teatro e del cinema italiano contemporaneo. Attore versatile e innovativo, ha saputo unire nella sua lunga carriera tradizione e modernità. Le sue interpretazioni dei grandi classici restano una pietra miliare nella storia dello spettacolo. Albertazzi, che ha dedicato al teatro l'intera esistenza, è stato punto di riferimento e maestro per generazioni di attori e registi": così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una dichiarazione diffusa dall'ufficio stampa del Quirinale.
Condividi:

Taranto, sbarcati 706 migranti. A bordo anche 15 salme


Sono 706 i migranti arrivati al porto di Taranto, salvati nel Mediterraneo. Fra questi: 119 donne ed 8 minori. Circa 300 di loro seguiranno le procedure di identificazione, passando per l'hotspot, per poi essere smistati in altre località nei prossimi tre giorni. A bordo della nave spagnola che li ha portati in Puglia, la Reina Sofia, c'erano anche 15 corpi. A coordinare le operazioni ci sono la Prefetture e il Comune di Taranto, coadiuvati dalla Croce Rossa e da diverse associazioni di volontariato.
Condividi:

16 enne violentata da più di 30 uomini e il video finisce in rete


Brasile sotto choc a seguito di un terribile episodio di violenza sessuale avvenuto ai danni di una giovane ragazza di Rio de Janeiro. Una 16 enne, infatti, sarebbe stata drogata dal suo fidanzato, per ritrovarsi il giorno seguente nuda e ferita, in un'altra abitazione. A distanza di pochi giorni, guardando un video su Twitter, si è resa conto che la protagonista della violenza di gruppo condivisa sui social era proprio lei. Prima che la ragazza realizzasse quanto le fosse accaduto, il filmato di 40 secondi è stato largamente visto e condiviso prima di essere rimosso.

Immediata la risposta di numerosi attivisti per i diritti delle donne, che hanno annunciato una serie di eventi di protesta nei prossimi giorni, diffondendo l'hashtag #EstuproNuncaMais.
Condividi:

Andria, auto ribaltata in via Lissa: due 22enni feriti

ANDRIA - Dramma sfiorato ieri ad Andria. Un’autovettura, una Fiat 500, per cause in corso di accertamento, si è ribaltata questa notte attorno alle 2,30 in via Lissa terminando la sua corsa contro una Opel Clio parcheggiata nella stessa via. Dinamica tutta da accertare e ad avere la peggio una ragazza 22enne andriese, passeggera dell’autovettura, trasferita in codice rosso al Pronto Soccorso dell’Ospedale “Dimiccoli” di Barletta.

L’autista dell’autovettura un ragazzo andriese anch’egli 22enne, è stato trasferito in codice giallo al nosocomio barlettano per ulteriori accertamenti. Sul posto l’equipe “Mike 8” ed “India 5” delle postazione di Andria 1 ed Andria 2 del 118 oltre ai Carabinieri di Andria.
Condividi:

Airbag difettoso: BMW richiama 120mila veicoli

MONACO DI BAVIERA - L'elenco dei veicoli richiamati dai costruttori, a causa dei malfunzionamenti causati dall'airbag prodotto dalla Takata Corp, si allunga. E' la volta della casa automobilistica tedesca BMW che ha annunciato un nuovo richiamo negli Stati Uniti. Il gruppo ha annunciato Venerdì di aver richiamato 120mila veicoli a causa di questi airbag difettosi. Il richiamo include i modelli X5 e X6 dagli anni 2006 al 2011. Con questo richiamo l' elenco dei veicoli interessati dalla possibile perdita di valore delle loro airbag realizzati da Takata sale a più di 50 milioni di veicoli richiamati nel 2015.

Si tratta del più grande richiamo automobilistico nella storia degli Stati Uniti, e il governo si aspetta ulteriori provvedimenti simili. Le componenti difettose, accertate nel deterioramento del gas propellente degli airbag prodotti dalla Takata, hanno causato 11 incidenti mortali e provocato 139 feriti a livello mondiale.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari BMW Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.
Condividi:

Comunali Brindisi, Marino: "Avv. Carluccio si accerti prima di correggere altri"

BRINDISI - «Ricordo al candidato Angela Carluccio che la Legge regionale n. 30 del 20 ottobre 2015 destina l’Ostello della Gioventù al Comune di Brindisi, ma ad oggi manca l’acquisizione nel patrimonio del Comune, dunque la presa in carico per la quale è necessario un apposito atto del Consiglio comunale. Per tale motivo, non è mai stata fatta la trascrizione dell’atto di cessione. Il mese scorso, la Regione, e più esattamente l’Ufficio Demanio e Patrimonio, ha sollecitato all’amministrazione commissariale di procedere con l’acquisizione in mancanza dell’organo collegiale: il Commissario straordinario, dopo aver verificato lo stato di decadenza in cui versa l’immobile insieme con un tecnico comunale, e soprattutto la notevole quantità di risorse necessarie per risanarlo, ha ritenuto di rimandare ogni decisione alla prossima Amministrazione. Per il recupero del bene occorre infatti quasi un milione di euro e responsabilmente, in mancanza di un idoneo piano di valorizzazione, il Commissario ha deciso di rimettere all’organo politico le valutazioni sul destino dell’immobile. Angela Carluccio farebbe bene a valutare con più attenzione le cose che dice prima di correggere gli altri». È quanto afferma Nando Marino, candidato sindaco di Brindisi per il centrosinistra, a proposito delle precisazioni fatte dal candidato concorrente su un canale social a proposito dell’iter di trasferimento dell’Ostello della Gioventù di via Brandi dalla Regione al Comune di Brindisi. «Riteniamo che l’acquisizione debba essere preceduta da un piano di valorizzazione – ha concluso Marino – per non ripetere gli errori del passato, quando non si è pensato alla sostenibilità dei beni presi in carico. Ribadisco che l’Ostello sarà candidato alle misure che la Regione adotterà a livello provinciale in materia di rigenerazione del patrimonio pubblico».
Condividi:

Migranti: nuove stragi, tre naufragi in tre giorni

Nuovo dramma nel Canale di Sicilia. Un barcone stracarico di migranti è semiaffondato. Ad intervenire sul posto la nave Vega della Marina militare che ha salvato 135 persone. Sono quarantacinque, invece, i corpi recuperati, mentre si teme che i dispersi siano decine. Così come addirittura "un centinaio" - secondo alcune testimonianze, tutte da verificare - sarebbero le persone che mancano all'appello.

Solo ieri sono state 17 le operazioni di soccorso coordinate dalla centrale operativa di Roma delle Capitanerie di Porto: oltre 2.000 le persone tratte in salvo da mezzi della stessa Guardia costiera, della Marina Militare, di organizzazioni non governativa e di quattro rimorchiatori e un mercantile dirottati per i soccorsi. Circa 1.900 persone erano a bordo di 16 gommoni, tutti soccorsi.

Alcuni centinaia si trovavano invece sul barcone semiaffondato. Venerdì le persone tratte in salvo erano state 4.000. 
Condividi:

venerdì, maggio 27, 2016

Obama a Hiroshima. "Anche le fratture più dolorose possono ricomporsi"

HIROSHIMA - Il presidente Usa Barack Obama è atterrato nella base di Iwakuni, a 40 km da Hiroshima, per la prima visita di un presidente americano nei luoghi in cui gli Stati Uniti lanciarono la bomba atomica durante la Seconda Guerra mondiale.

"La mia visita a Hiroshima è la prova che anche le fratture più dolorose possono essere ricomposte". Sono le parole commosse pronunciate da Obama parlando alle truppe americane e giapponesi alla base di Iwakuni prima di spostarsi a Hiroshima per la prima visita di un presidente americano nei luoghi in cui gli Stati Uniti lanciarono la bomba atomica durante la Seconda Guerra mondiale.

"La guerra nucleare ha raggiunto qui il suo picco peggiore", ha detto Obama che in precedenza ha deposto una corona di fiori, a suo nome, sul Memoriale della Pace.

Il presidente Usa ha parlato poi della necessità di prendere misure perchè i fatti di Hiroshima e Nagasaki non si ripetano: "Dobbiamo fare di più per evitare di soffrire di nuovo, tra pochi anni gli hibakusha (sopravvissuti all'atomica, ndr) non ci saranno più".

"Le sole parole non possono dare voce a quello che é accaduto, ma dobbiamo condividere e una responsabilità e guardare la storia negli occhi e chiedere cosa dobbiamo fare per evitare di soffrire ancora", ha detto Obama. "Un giorno queste forze e queste voci ci aiuteranno e tante sono anche le persone pronte ad ascoltarci - ha proseguito -. Ma la memoria, il ricordo del sei agosto 1945 non é mai abbastanza. Quel ricordo ci permette di andare avanti e soprattutto ci permette di immaginare quel che accadrà, ci permette di cambiare. E proprio sulla base di quella giornata abbiamo fatto delle scelte che ci hanno dato speranza".

Si tratta della prima visita di un presidente statunitense in carica nella città rasa al suolo dalla bomba atomica sganciata dagli americani il 6 agosto di 71 anni fa. Il viaggio di Obama - come più volte indicato dalla Casa Bianca, non è inteso come un'occasione per porgere delle scuse formali ma per promuovere l'impegno solenne a smantellare gli arsenali nucleari presenti nel mondo e onorare le vittime della Seconda guerra mondiale.
Condividi:

Usa, maxi studio trova legami tra l’utilizzo dei cellulari e lo sviluppo di cancro al cervello

STATI UNITI - L'utilizzo del cellulare sembra essere legato allo sviluppo di tumori al cervello. Proprio quando gli studi sul presunto legame tra uso del telefonino e tumori sembravano escludere la possibilità, la più grande ricerca di laboratorio fatta negli Usa su questo tema aggiunge nuovi elementi di allarme. Secondo lo studio durato due anni del National Toxicology Program (Ntp) statunitense, una agenzia federale, infatti, l'esposizione alle radiofrequenze tipiche dei cellulari aumenta i casi di alcuni tipi di cancro, almeno nei ratti maschi. Lo studio, costato 25 milioni di dollari, è stato condotto su oltre 2500 ratti e topi esposti a varie quantità di radiofrequenze in 21 camere progettate appositamente.

La decisione di pubblicare i risultati preliminari sui ratti è venuta dopo che il sito microwave.com ne aveva anticipato i risultati, mentre il rapporto completo, che è stato controllato e verificato da autorità indipendenti, sarà pubblicato l'anno prossimo. Il piccolo aumento, si legge nel rapporto, è stato visto solo negli esemplari maschi, e sia in quelli sottoposti a frequenze Gsm che del tipo Gdma. Per i topi esposti alle radiazioni in utero si è visto un leggero calo del peso medio alla nascita. "Lo studio ha trovato una bassa incidenza di gliomi maligni nel cervello e schwannomi nel cuore dei ratti maschi esposti - scrivono gli esperti -. Dato l'ampio uso a tutte le età delle tecnologie per la comunicazione mobile anche un piccolo aumento che dovesse risultare dall'esposizione potrebbe avere grandi implicazioni per la salute pubblica".

Il tema del legame fra cellulari e tumori è tutt'ora molto dibattuto. L'Oms nel 2011 ha classificato le radiofrequenze nel gruppo 2b dei 'possibili cancerogenì, lo stesso ad esempio della caffeina, basandosi su alcuni studi in laboratorio e su ricerche epidemiologiche che davano un aumento della frequenza proprio dei tumori riportati dalla ricerca dell'Ntp. Altri studi però, l'ultimo dei quali pubblicato pochi giorni fa e condotto in Australia, hanno escluso connessioni, e anche il grande progetto europeo Interphone, almeno nella sua prima fase, aveva escluso aumenti del rischio anche per gli utilizzatori maggiori. Gli stessi autori del rapporto statunitense poi sottolineano che le conclusioni di uno studio condotto sugli animali non sono applicabili automaticamente all'uomo. "Se prima però qualcuno diceva che non c'era nessun rischio - commenta al Wall Street Journal Ron Melnick, a capo del progetto fino al pensionamento nel 2009 e uno dei revisori del rapporto - penso che questi risultati non lo rendano più possibile".

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, nell’altalena tra gli studi che periodicamente gettano sospetti sul fatto che l’uso diffuso ed esteso dei cellulari possa favorire il cancro e quelli che invece non trovano riscontro pratico a questi timori, non c’è dubbio che, anche prima di questa ulteriore conferma, occorre chiarire che i telefonini non emettono radiazioni ionizzanti come quelle usate per le radiografie, capaci di provocare mutazioni del DNA, ma solo onde radio con frequenze vicine a quella utilizzata dai forni a microonde. Anzi alcuni studi condotti dai ricercatori dell’Istituto di Neurologia dell’Università Cattolica-Policlinico Gemelli di Roma, diretti da Paolo Maria Rossini, hanno spiegato che i telefonini avrebbero la capacità di accrescere l’eccitabilità dei neuroni, soprattutto di quelli che si trovano in prossimità dell’antenna ed alla prevenzione di alcune patologie cerebrali come l'Alzheimer. In pratica, “elettrizzano” il cervello e modificano l’attività cognitiva, facendo in modo che alcuni processi addirittura migliorino.

In conclusione quando si parla di scienza e medicina, è difficile dare risposte definitive. Quella uscita in queste ore della National Toxicology Program (Ntp) statunitense non è ancora una condanna definitiva per i cellulari.
Condividi:

Oscar del Turismo, Puglia premiata come regione più amata

(Foto: Polignano a Mare)
BARI - Se l'Italia è la migliore meta culturale, alla Puglia  va l’oscar della regione italiana più amata. A incoronarla Italia Travel  Award,  prima edizione del premio nato per celebrare l’impegno e la competenza nel settore turistico. Il riconoscimento alla Puglia è stato assegnato all'Acquario Romano, nel cuore della Capitale,  un po' gli "Oscar" del settore, alla presenza di quasi tutto il mondo del turismo italiano, dalle istituzioni rappresentate dal sottosegretario del Mibact, Dorina Bianchi, alle agenzie di viaggio, ai tour operator, alle associazioni di categoria e ai principali enti ed uffici del turismo straniero che operano in Italia. 350 gli ospiti  della serata, 43 i premi assegnati  nelle varie categorie da oltre 6.500 agenti di viaggio e viaggiatori durante 6 mesi di votazioni che hanno superato il numero totale di 76.100. Alla Puglia è andato il riconoscimento di  regione migliore destinazione italiana.

“Solo qualche anno fa non si conosceva quasi niente della Puglia all’estero, nemmeno dove si trovasse sulla carta geografica e la Puglia non era considerata una destinazione turistica; oggi questo premio è un riconoscimento al grande e impegnativo lavoro di promozione della destinazione svolto in questi anni. La Puglia è ormai amata e desiderata anche all’estero e  in Italia; secondo i primi dati dell’Istituto Piepoli  diffusi da Ttg è prevista una stagione da record per la Puglia che è al primo posto nei desideri dei turisti – commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Loredana Capone -  L’affermazione del brand Puglia come esperienza da vivere, come nuova destinazione italiana fuori dai circuiti di massa e decisamente ricca di suggestioni, ormai non più  solo mare, ma natura, enogastronomia, arte, autenticità e soprattutto godibile tutto l’anno, è avvenuta alimentando la Puglia nell’immaginario collettivo italiano e straniero  anche attraverso l’impulso di canali quali il cinema, la musica, gli eventi, gli spettacoli, roadshow e soprattutto la presenza sui canali social con la  nuova  community online in lingua inglese su cui viaggia  l’informazione e il dialogo all’estero attraverso l’hashtag #WeAreinPuglia.

Con il Piano strategico del turismo che stiamo costruendo in questi mesi accogliamo la sfida più difficile adesso  che passa dalla organizzazione del territorio e dei suoi diversi prodotti turistici tematici e territoriali per permettere ai diversi viaggiatori (giovani, famiglie, anziani, disabili, sportivi, ecc.) di soddisfare le loro aspettative”.
Condividi:

Marò, Girone atteso in Italia nel pomeriggio

NEW DELHI - Il fuciliere di Marina Salvatore Girone è partito ieri sera da New Delhi a bordo di un volo della Etihad Airways diretto ad Abu Dhabi. Dopo l'autorizzazione concessa ieri dalla Corte Suprema indiana, oggi Girone ha ottenuto un Exit Visa da parte delle autorità indiane che gli ha consentito di lasciare il Paese, accompagnato dall'ambasciatore d'Italia Lorenzo Angeloni. Il marò è atteso oggi pomeriggio all'aeroporto di Ciampino, dove ad accoglierlo ci saranno i ministri degli Esteri Gentiloni e della Difesa Pinotti.   

Sono quindi terminate positivamente in queste ore a New Delhi le pratiche amministrative indiane del marò barese, dopo l'autorizzazione concessa ieri dalla Corte Suprema al suo rientro provvisorio in Italia, ed ora il Fuciliere di Marina è in condizioni di partire in qualsiasi momento.
Il cane Argo, compagno fedele in India di Salvatore Girone
LA MOGLIE, "CON LUI ANCHE ARGO" - Il marò barese Salvatore Girone, che in queste ore tornerà in Italia, sarà in compagnia di Argo, il golden retriever che la sua famiglia gli ha portato in India per farlo sentire meno solo, specialmente da quando, due anni fa, il commilitone Massimiliano Latorre è tornato in Italia per curarsi dai postumi di un ictus. A riportare la notizia è l'Ansa.
 
"E' stato fondamentale anche il nostro cane in questa vicenda", dice in una intervista all'ANSA la moglie di Girone, Vania Ardito: "E' un Golden retriever che per noi è stato veramente importante, specialmente in quest'ultimo periodo in cui Salvatore è stato da solo a Nuova Delhi, gli ha fatto tanta compagnia".
Condividi: