BREAKING NEWS

Attualità

Sport

Spettacoli

Top News

Bari

Media

Taranto

domenica 21 settembre 2014

Numeri da Guiness quelli della 'Caccia ai Tesori di Puglia'

BARI - Complice la bella giornata,è stato un successo che ha coinvolto migliaia di persone in tutta la Puglia suddivise in centinaia di squadre, per la più grande caccia al tesoro mai organizzata in Italia.

Il più piccolo… un’anno di età, il più grande… un simpatico nonno 89enne. Hanno tutti, per ogni età partecipato, organizzati in  centinaia di squadre in ben 7 città Foggia, Barletta, Andria, Molfetta, Bari, Lecce e Taranto alla Caccia ai tesori di Puglia. Una gara a squadre, contro il tempo e contro gli avversari, alla ricerca di soluzioni, ma anche di un po’ di sano divertimento!

Un modo nuovo per esplorare con occhi diversi le 7 città attraverso la scoperta di musei, chiese, piazze e scorci, da riconoscere, con enigmi e indovinelli, prove da superare proposte nella cornice del più classico dei giochi: la Caccia al Tesoro!

Il Museo Civico di Foggia, il Castello Svevo di Bari, Porta Sant’Andrea a Andria, La statua di Eraclio a Barletta, Palazzo Carafa a Lecce, il Castello Aragonese a Taranto sono solo alcune delle soluzioni di enigmi rimati a  cui dovevano arrivare i numerosi partecipanti.

L’iniziativa degli 8  Centri Commerciali Mongolfiera di tutta la Puglia, ha proposto come quota di partecipazione, € 1,00 a persona,  devoluta interamente in beneficenza,  mentre ai partecipanti, ha offerto la soddisfazione di vincere o anche solo di condividere un’avventura divertente  alla scoperta dei tesori di Puglia.

 La Caccia al Tesoro si è svolta attraverso sette enigmi/indizi da risolvere in sequenza. Una volta scoperto il primo luogo, la squadra nei pressi ha trovato  un “personaggio-enigma” (con una t-shirt con un grande punto interrogativo). A questo punto la squadra si è scattata  una fotografia davanti al monumento soluzione dell’enigma.

Un via vai di gente che ha destato curiosità tra chi passeggiava serenamente fra le strade del centro cittadino. Arrivavano a flotte, ovunque  e si distinguevano per la maglietta uguale per tutti con la dicitura Caccia ai tesori di Puglia #tesoridipuglia io c’ero.

Una volta effettuati gli scatti le squadre sono tornate nel Centro Commerciale, da cui erano partiti per recarsi al “desk iscrizioni” e consegnare la fotocamera digitale o lo smartphone al funzionario camerale , per la verifica delle sette fotografie. Hanno vinto le prime tre squadre che hanno risolto nel minor tempo possibile gli enigmi .

Una gara a squadre  alla ricerca di ciò che la Puglia, può raccontare attraverso i suoi luoghi, i suoi preziosi e incantevoli monumenti, l’arte barocca salentina, la valorizzazione della capitanata, la storia di Federico II, e tanto altro con una serie di indovinelli, da risolvere usando abilità e innovazione. Tra gli obbiettivi dell’iniziativa- è stato ricordato -  la volontà di affermare la propria appartenenza ad un territorio spesso non conosciuto e non sfruttato nelle sue potenzialità culturali e turistiche, e l'amore per le tradizioni da salvaguardare. Una vera caccia al tesoro, per stimolare un turismo colto, focalizzando l’attenzione sulla storia, la cultura e la natura, di un territorio così ricco di spazi e monumenti unici al mondo, per quantità e qualità”

Clima, in 310mila in marcia a Ny

NEW YORK - "Almeno 310 mila persone" hanno marciato a New York per il clima: la stima e' degli organizzatori della maxi-protesta a cui ha aderito il segretario generale dell'Onu Ban Ki moon.
   
Tra questi spicca la presenza della star di Hollywood Leonardo Di Caprio.

Ilva, martedì incontro Ministero-Arcelor Mittal

TARANTO - Previsto per martedì prossimo l'incontro di Arcelor Mittal col Ministero dello Sviluppo economico per discutere in merito allo stato dell'Ilva. Arcelor Mittal, azienda leader mondiale nel settore dell'acciaio, manifestò a inizio estate l'intenzione di acquisire il complesso tarantino e pare che vi siano le volontà del Governo e del commissario dell'Ilva - Pietro Guidi - a portare a termine la trattativa.

Obiettivo dell'operazione a cui si sta lavorando è conservare la presenza italiana nell'accordo che sarà stipulato. Elemento piuttosto delicato dell'intera trattativa è l'onerosità dei costi di risanamento dell'impianto di Taranto, motivo per cui si punta all'allargamento del novero degli azionisti, oggi ancora limitato ai Riva.

Oltre agli obsoleti impianti, preoccupano anche i risvolti giudiziari, tassello particolarmente sensibile della questione Ilva, includente le innumerevoli richieste di risarcimento danni. Nonostante questi due ponderanti talloni d'Achille, l'Arcelor Mittal prosegue per la propria strada, seguita dall'indiana Jindal, impresa siderurgica anch'essa interessata all'acquisizione della produzione siderurgica tarantina.

(Pierpaolo De Natale)

Pulsano, nasce il comitato elettorale per Minervini presidente

PULSANO - Si è costituito a Pulsano un comitato spontaneo di cittadini a sostegno della candidatura di Guglielmo Minervini alle primarie del centrosinistra pugliese del prossimo 30 novembre in vista delle elezioni regionali 2015.

Fin da subito, la scelta di sostenere Minervini ci è apparsa necessaria perché rappresenta il naturale interprete di quella visione rivoluzionaria (iniziato dieci anni fa con la vittoria di Vendola) che ha trasformato la Puglia in una regione vitale, laboratorio di sperimentazione, punto di riferimento per un Mezzogiorno diverso dagli stereotipi parassitari, felice eccezione in un grigio paesaggio nazionale.

Adesso, attraverso le primarie, sentiamo la necessità di partecipare attivamente al dibattito sul futuro della nostra terra: occorre, innanzitutto, tutelare e difendere questo enorme capitale di cambiamento e, nel contempo, spingerlo più avanti per continuare a rielaborare, in chiave intelligente, le risorse materiali ed immateriali della Puglia. Non solo, occorre anche fare i conti con gli errori di questi anni, con le ferite aperte sul territorio e nella società, a partire proprio dalla provincia tarantina.

In quest'ottica, il comitato di Pulsano sarà itinerante, mobile, aperto all'incontro e in grado di generare spazi di aggregazione e discussione nella comunità pulsanese, che, spesso, appare divisa, riluttante al confronto, più incline a delegare che a mettersi in gioco. Saranno organizzati, perciò, degli eventi pubblici in luoghi differenti per permettere, attraverso degli ospiti che porteranno la loro personale testimonianza, di conoscere meglio le azioni attuate dall'assessore Minervini in favore delle politiche giovanili (Bollenti Spiriti, Principi Attivi e Laboratori Urbani), lotta alle mafie, trasparenza e legalità, mobilità sostenibile, difesa e valorizzazione delle coste.

Un approfondimento, quindi, su quello che è stato realizzato per poi far partire una discussione su quello che si potrà fare nell'immediato futuro per continuare a “costruire comunità” mediante le azioni politiche.

Box office Usa, The Maze Runner primo in tre giorni

Un debutto in grande stile per il film 'The Maze Runner', primo capitolo di una tetralogia scritta da James Dashner, che ha velocemente conquistato il primo posto del box office Usa, con un incasso di ben 32.5 mln di dollari in 3 giorni.

La Preda Perfetta - A Walk Among the Tombstones - con Liam Neeson è al secondo posto, dopo aver incassato 13 milioni di dollari. Terzo, 'This Is Where I Leave You', commedia della Warner diretta da Shawn Levy, con Jason Bateman e Tina Fey.

P.a., Governo: '2-3 miliardi debiti non pagabili'

"Gli unici non pagabili al momento sono" i debiti della P.A. su investimenti. "Non 60 mld, come abbiamo letto, ma una cifra che oscilla tra 2 e 3 mld, che rischiano di farci sforare il 3%; vincolo europeo che intendiamo onorare e rispettare". A sottolinearlo in una nota P. Chigi.

"Le risorse ci sono, ma rimane il problema di rispettare il patto di stabilità".

"Grazie all'accordo tra Governo, banche e Cdp", "lo Stato si è messo nelle condizione di pagare TUTTI i debiti" della Pa. "E dunque è corretto sostenere che la sfida di liberare risorse per pagare tutti i debiti Pa è vinta", prosegue in una nota Palazzo Chigi. E indica al momento un computo di 30 miliardi di debiti solvibili.

Auto contro guard-rail, tutti morti nel brindisino

BRINDISI - Ancora un dramma sulle strade salentine. Tre cugini romeni sono deceduti nel pomeriggio sulla strada provinciale tra San Vito dei Normanni e Mesagne.

La Fiat Brava sulla quale erano a bordo si è schiantata a forte velocità contro il guard rail, entrato nell'abitacolo della vettura. I corpi sono stati estratti a fatica dai vigili del fuoco dopo alcune ore. 

I rottami dell'auto sono stati sottoposti a sequestro su disposizione del pm di turno presso la Procura di Brindisi.

Altamura, la Madonna del Buoncammino è tornata al Santuario

di Roberto Berloco - Altamura. E’ tornata oggi nella propria naturale dimora la Madonna degli altamurani. Appellata del Buoncammino per via di quella specifica funzione alla quale fu vocata fin dalla sua istituzione diversi secoli fa, ovvero di proteggere il cammino dei pellegrini e dei viandanti lungo la strada verso Bari, la Madonna più cara al popolo altamurano ha lasciato nel pomeriggio l’altare maggiore della Cattedrale per far ritorno nel Santuario a Lei dedicato.

Rispettando la tradizione, dopo una processione senza eccessivo fasto all’interno del paese, l’evento ha voluto la celebrazione di una Messa solenne sul piazzale del Santuario, prima di essere riportata all’interno di quella minuscola cappella, situata all’interno del sacro edificio, che la ospita durante l’intero resto del tempo fino al successivo mese d’Agosto, quando si rinnova il rito del tragitto verso la chiesa madre.

Consistente, come di consueto ad ogni anno, la partecipazione dei devoti altamurani, con le associazioni consacrate fedelmente presenti al corteo che ha accompagnato la Venerata Immagine fino al santo luogo, nell’ampio spiazzo dove è avvenuta la celebrazione eucaristica presieduta da Padre Giacomo Paris, sacerdote e Rettore del Santuario mariano.

Nuova strage di migranti sulle coste libiche, decine di morti

Sono almeno dieci le persone morte nel naufragio di un barcone carico di migranti, avvenuto oggi a circa 30 miglia dalle coste libiche. Una trentina di persone risultano disperse, 55 sono state tratte in salvo da un mercantile. La notizia - appresa dall'ANSA da fonti di marineria - è stata confermata dalla Guardia Costiera italiana.

La Roma supera la prova del nove: 2-0 al Cagliari

di Stella Dibenedetto - La Roma risponde alla Juventus battendo 2-0 il Cagliari grazie alle reti di Destro e Florenzi. I giallorossi conquistano così la terza vittoria consecutiva e raggiungono i bianconeri al primo posto in classifica a punteggio pieno.

Rudi Garcia cambia cinque uomini rispetto agli undici che hanno battuto il Cska Mosca in Champions. Davanti a De Sanctis, si posizionano Maicon, Mainolas, YangaMbiwa e Cole. A centrocampo, torna De Rossi con Keita e Nainggolan mentre in attacco, Garcia schiera Gervinho, Destro e Florenzi.

Roma-Cagliari dura appena tredici minuti. Tanto basta ai giallorossi per archiviare subito il match e portare a casa i tre punti della vittoria. Ad aprire le danze è stato Mattia Destro al 10’ del primo tempo: Manolas serve centralmente Gervinho che apre per Florenzi, cross al centro e Mattia Destro non sbaglia e deposita la palla in rete. Passano appena tre minuti e la Roma chiude la partita: lancio sempre in zona centrale di Keita, Gervinho serve Florenzi che segna il 2-0 e corre in tribuna a festeggiare con la nonna.

Il Cagliari prova una timida reazione ma la squadra di Zeman non crea occasioni e dimostra di essere molto lontana dalle squadre tutte velocità e divertimento tipiche del boemo. I sardi provano l’unica reazione con un calcio di punizione di Ceppitelli. La Roma si limita a controllare e a portare a casa la vittoria. Proprio come in Champions, però, la vittoria giallorossa viene rovinata dagli infortuni. Stavolta è toccato a De Rossi, uscito anzitempo per un problema al polpaccio e le cui condizioni verranno valutate nei prossimi giorni.

Proprio gli infortuni sono l’unica nota dolente della stagione della Roma, iniziata alla grande come ha confermato lo stesso Garcia: “Spero che gli infortuni siano solo un caso, speriamo che tornino velocemente gli infortunati perché non possiamo giocare sempre con gli stessi. De Rossi? Non sembra preoccupante il suo infortunio, anche se per i problemi muscolari bisogna sempre aspettare un giorno o due per capire. La Champions? Se i miei giocatori sentono che ne parlo mi tirano le orecchio, devo pensare al campionato: arriva il Parma adesso, non il Manchester City. Molto contenti della partita di mercoledì contro il Cska, ma ora è passata, non dico altro. Milan-Juventus? Abbiamo preso tre punti al Milan, la Juventus è una conferma, non la scopriamo certo oggi. L'anno scorso è l'anno scorso, abbiamo fatto di tutto per riprendere la Juve, anche sul mercato, speriamo di esserci riusciti".

A tre giornate dall’inizio del campionato, è già duello Juventus-Roma!

F1, GP Singapore: Hamilton trionfa a Marina Bay e torna in testa al Mondiale




di Piero Ladisa – L’illusione di poter scalfire la superiorità della Mercedes, dopo le qualifiche serrate di ieri, è durata sino allo spegnimento dei semafori. Iniziata la corsa, è andato in scena l’Hamilton-show. L’inglese, autore di una gara pressoché perfetta, ha trionfato per la seconda volta in carriera sul tracciato di Marina Bay.

Per il campione del mondo 2008 il successo maturato quest’oggi ha valenza doppia. Complice il ritiro di Nico Rosberg per noie elettriche, Hamilton è tornato nuovamente in testa alla classifica piloti, dopo quattro mesi (Gran Premio di Spagna), superando il compagno di squadra per soli tre punti.

L’affidabilità – unica vera pecca della Mercedes in una stagione a dir poco eccellente – sarà la variabile che deciderà le sorti di questo Mondiale. Un Mondiale, che, a cinque gare dalla conclusione, si preannuncia avvincente ed entusiasmante.

L’ingresso della Safety Car, con conseguente ricompattamento del gruppo, ha dato spazio ad alcuni duelli. Tra i quali va menzionato quello al vertice che ha visto protagonisti Sebastian Vettel (2°), Daniel Ricciardo (3°) e Fernando Alonso (4°). 

Proprio l'entrata in pista della Safety Car ha penalizzato lo spagnolo della Ferrari, autore di un’ennesima prestazione sopra le righe. Solo 8° Kimi Raikkonen. Malgrado due penalizzazioni, Jean-Eric Vergne è riuscito a rimontare sino alla sesta piazza finale. Bene anche la Force India con entrambi i piloti tra i primi dieci (Sergio Perez 7°, Nico Hulkenberg 10°).

Week-end difficile per la Williams che marca punti con il solo Felipe Massa (5°). Valtteri Bottas non è andato oltre l’11° posto. Il finlandese, condizionato da una foratura, ha perso ben quattro posizioni nel giro conclusivo.

Il prossimo appuntamento è in programma in Giappone, sul circuito di Suzuka, il 5 ottobre.



- ORDINE ARRIVO GP SINGAPORE 2014 -

PosPilotaTempoGap
1Lewis HamiltonMercedes2h00m04.795s
2Sebastian VettelRed Bull/Renault13.534s
3Daniel RicciardoRed Bull/Renault14.273s
4Fernando AlonsoFerrari15.389s
5Felipe MassaWilliams/Mercedes42.161s
6Jean-Eric VergneToro Rosso/Renault56.801s
7Sergio PerezForce India/Mercedes59.038s
8Kimi RaikkonenFerrari1m00.641s
9Nico HulkenbergForce India/Mercedes1m01.661s
10Kevin MagnussenMcLaren/Mercedes1m02.230s
11Valtteri BottasWilliams/Mercedes1m05.065s
12Pastor MaldonadoLotus/Renault1m06.915s
13Romain GrosjeanLotus/Renault1m08.029s
14Daniil KvyatToro Rosso/Renault1m12.008s
15Marcus EricssonCaterham/Renault1m34.188s
16Jules BianchiMarussia/Ferrari1m34.543s
17Max ChiltonMarussia/Ferrari1 Lap
-Jenson ButtonMcLaren/MercedesRetirement
-Adrian SutilSauber/FerrariRetirement
-Esteban GutierrezSauber/FerrariRetirement
-Nico RosbergMercedesRetirement
-Kamui KobayashiCaterham/RenaultNot started



CLASSIFICA PILOTI

1Lewis Hamilton241
2Nico Rosberg238
3Daniel Ricciardo181
4Fernando Alonso133
5Sebastian Vettel124
6Valtteri Bottas122
7Jenson Button72
8Nico Hulkenberg72
9Felipe Massa65
10Sergio Perez45
11Kimi Raikkonen45
12Kevin Magnussen39
13Jean-Eric Vergne19
14Romain Grosjean8
15Daniil Kvyat8
16Jules Bianchi2


CLASSIFICA COSTRUTTORI

1Mercedes479
2Red Bull305
3Williams187
4Ferrari178
5Force India117
6McLaren111
7Toro Rosso27
8Lotus8
9Marussia2

Kim Kardashian, le foto 'bollenti' sul web (FOTOGALLERY)








Spara a lepre, ferisce compagno di caccia

LATIANO - Un 46enne di Latiano è rimasto ferito ad una coscia, all'addome e ad un avambraccio dai pallini di una fucilata sparata da un altro cacciatore, che aveva mirato ad una lepre.

L'incidente di caccia è accaduto oggi a Brindisi, in contrada Palmarini.

Il cacciatore ferito, dopo essere stato soccorso, è stato trasportato all'ospedale Perrino di Brindisi dove è stato sottoposto a un intervento chirurgico. Ora in buone condizioni è ricoverato nel reparto di Chirurgia plastica.

Bari, neonata muore durante parto: al via inchiesta

ALTAMURA - La Procura della repubblica di Bari ha aperto un fascicolo d'inchiesta, al momento a carico di ignoti, per il decesso di una neonata avvenuto ieri mattina nell'ospedale della Murgia, ad Altamura, durante un parto cesareo.

I genitori della neonata hanno sporto denuncia e i carabinieri hanno acquisito la cartella clinica.

E' l'ennesimo caso di presunta 'malasanità' che coinvolge l'ospedale della Murgia, inaugurato nel luglio scorso.

Palio 2014 Massafra, vince il rione Imperiali

MASSAFRA - Dopo tre anni, il Palio ritorna nel rione Imperiali. Sono stati gli atleti Nanni Antonante, Paolo Girardi, Sergio Cicerone e Cosimo Magazzile a vincere, ieri sera, la corsa a staffetta dell’edizione 2014 del Palio della Mezzaluna di Massafra, dopo un avvincente testa a testa con il quartetto del rione Santa Caterina, inseguito dal team dei Pappacoda che, alla fine, si è classificato secondo. Terzo Santa Caterina, quarto San Marco, quinto Gesù Bambino e sesto Santi Medici.

Gli Imperiali hanno dedicato la vittoria al loro priore storico, Cosimo Marangi, starter della competizione. Subito dopo l’accensione della coreografia di fuochi d’artificio, il primo pensiero degli atleti e dei figuranti, guidati da Mariagrazia Palmisano, è stato proprio quello di riportare il Palio nelle sue mani, per festeggiare insieme.

La coinvolgente staffetta è stata preceduta dal corteo storico, aperto dagli sbandieratori e dai musici del rione Lama di Oria, seguiti dai figuranti e dai cavalieri dei sei rioni massafresi, con in coda donna Isabella Monsorio, signora di Massafra, e Jacopo Micheli, vescovo di Mottola, al tempo della battaglia contro i turchi del 1594, e il Carroccio, trainato da due buoi, con il Palio del Comune, accompagnato dai musici del rione San Domenico di Oria.

Dopo il giuramento dei capitani dei rioni, l’intervento del sindaco Martino Tamburrano. «In questa piazza, cuore del centro storico – ha dichiarato il primo cittadino di Massafra –, ritroviamo le nostre radici e siamo pronti alle sfide presenti e future, grandi e piccole, facili e difficili».

Sulla tribuna d’onore, le autorità civili, militari e religiose e le delegazioni dei Comuni ospiti per l’occasione della città di Massafra che hanno siglato, lo scorso 13 agosto, a Cuccaro Vetere, il protocollo d’intesa del progetto “Rete delle Città del Palio”, presentato ieri mattina nel Palazzo della Cultura, nel corso di un incontro presieduto dall’assessore comunale alla Cultura Antonio Cerbino, al quale sono intervenuti: per Cuccaro Vetere, il sindaco Aldo Luongo; per Palo del Colle, l’assessore ai Servizi Sociali e al Turismo Lucia Grieco e il consigliere comunale Antonio Amendolara; per Ginosa, il sindaco Vito De Palma e l’assessore alla Cultura Mario Toma; per Galatone il vicesindaco Claudio Botrugno.

Il progetto è finalizzato a stabilizzare gli eventi di promozione e consolidare la rete territoriale, a creare occasioni di sviluppo e di valorizzazione di comuni tradizioni, beni artistici, monumentali e ambientali, «stando insieme» - come sottolineato dall’assessore Cerbino. «È uno strumento importante che mira allo scambio culturale – ha rimarcato ieri sera Aldo Luongo, sindaco di Cuccaro Vetere, Comune capofila del progetto -, alla valorizzazione e al recupero delle tradizioni e alla messa in rete di manifestazioni che possano avere anche la possibilità di intercettare anche finanziamenti europei».

La serata è stata presentata da Tiziana Gentile ed ha visto, oltre alle forze dell’ordine, il prezioso supporto della Protezione Civile e della Croce Rossa di Massafra.

La cerimonia di consegna del drappo del Palio, firmato Nicola Andreace, avrà luogo il prossimo 5 ottobre nella chiesa del “Sacro Cuore”. Calerà così il sipario sull’edizione 2014 del Settembre Massafrese, organizzato dall’associazione culturale “MassafraNostra”, presieduta da Giuseppe Quero, con il patrocinio del Comune e della Consulta delle associazioni.

Al Piccolo di Bari 'Due dozzine di rose scarlatte'

BARI - Tra 1936 e il 1943, in Italia, si è sviluppato un sottogenere cinematografico, detto “cinema dei telefoni bianchi”, poiché nelle sequenze dei primi film prodotti in questo periodo, vi era la presenza di telefoni di colore bianco. Questo era un simbolo del benessere sociale, uno status symbol atto a marcare la differenza dai telefoni "popolari", maggiormente diffusi, che invece erano neri. In questi anni è stato molto attivo Aldo De Benedetti, commediografo e sceneggiatore italiano, di origine ebraica, che proprio nel 36 scrisse uno dei suoi più celebri lavori “Due dozzine di rose scarlatte”.

Proprio questa commedia, inserita nel cartellone come un fuori programma, sabato 27 e domenica 28 settembre, sabato 4 e domenica 5 ottobre, darà il via alla stagione teatrale dell’associazione culturale Piccolo Teatro di Bari, che ha riportato in vita la struttura di strada Borrelli fondata nel 1967 da Eugenio D’Attoma, sotto forma di sede associativa.

L’opera, ripresa già lo scorso anno dal regista Antonio Bellino che l’ha portata in scena su vari palcoscenici della Puglia, è stata ulteriormente rivista e corretta e propone notevoli differenze rispetto la versione precedente. Innanzitutto lo staff sarà composto da Luciano Maggi nel ruolo di Alberto il marito e Lorenzo d’Armento nel ruolo dell’avvocato Savelli e la “new entry” Veronica Ruggeri, nel ruolo di Marina e la regia sarà affidata a Gianfranco Nullo.

“Lo spettacolo a mio parere – ha affermato l’attrice – è molto bello, brillante e attuale, sebbene sia ambientato negli anni ’50. Sono grata ad Antonio Bellino e al regista per avermi dato la possibilità di recitarein questa commedia che si basa sul gioco di equivoci tra marito e moglie, che evidenzia da parte di entrambi la voglia di evadere”.

Nata a Borgotaro, in provincia di Parma, nel 1991, si è prima indirizzata verso la carriera militare, poi ha studiato presso la facoltà di Economia a Parma e nel 2011 ha partecipato a “Miss Italia”. In seguito al concorso di bellezza ha iniziato a posare per alcuni cataloghi e a lavorare nel settore televisivo, prima per Zerosette tv a Parma, poi a Mediaset con “Zelig” e dallo scorso anno a “Le Iene”.

“Sono molto contenta di far parte di questo spettacolo nel quale interpreto la moglie che inaspettatamente riceve delle rose e si ritrova ad affrontare uno pseudo tradimento, arrivato ma non voluto”.

La storia che parla di uomini e donne con le loro debolezze, i loro vezzi, le loro idiosincrasie, rientra in uno spettacolo classico e universale della commedia, sospesa nel tempo e nello spazio, giocata da personaggi straordinariamente disegnati. In questo riadattamento di Antonio Bellino la scenografia e i costumi sono a cura di Rosa Lorusso.


Piccolo Teatro – Strada privata Borrelli, 54 – Bari
Infoline: 3426639005
Website: www.tempiteatrali.it
Inizio spettacolo: Sabato ore 21:00; Domenica ore 19:00

Art.18: Taranto, via alla campagna Fiom Cgil

TARANTO - La Cgil e la Fiom lanciano dalla Città dei Due Mari la campagna in difesa dell'articolo 18 e lo fanno presentando martedi' mattina in una conferenza stampa il caso del lavoratore Roberto Archina', rsu della Fiom Cgil e dipendente dell'azienda Enetec dell'appalto dell'Ilva che e' stato licenziato. "Il 29 luglio scorso - dicono Cgil e Fiom - il giudice del lavoro del Tribunale di Taranto, accogliendo il ricorso della sigla sindacale, ha annullato il licenziamento illegittimo poiche' palesemente discriminatorio, ma Roberto continua ad essere ancora fuori dal suo posto di lavoro".

La vicenda di Archina' costituisce una "storia di esasperazione portata alle estreme conseguenze". Lo dicono Cgil e Fiom di Taranto che colgono il caso di questo lavoratore, licenziato dall'azienda Enetec, appaltatrice dello stabilimento siderurgico Ilva, per la quale lavorava, reintegrato dal magistrato ma non ancora tornato al lavoro, per lanciare una campagna in difesa dei diritti e dell'articolo 18.

"E' il segno di una assenza assoluta di relazioni sindacali, di un clima esasperato di ricatto e vessazione. Solo un caso emblematico - dichiara Giuseppe Massafra, segretario della Cgil di Taranto che proviamo a spiegare in una conferenza stampa, provando con esso a raccontare di una condizione, quella del lavoro a Taranto, ormai non piu' tollerabile. Mentre si dibatte del futuro dell'art.18 la Cgil e la Fiom di Taranto - sottolinea Massafra - alzano gli scudi in favore di questo e di mille altri lavoratori tarantini costretti a subire gli effetti di una crisi e di un atmosfera che nella provincia jonica mette i lavoratori in condizione di ricatto estreme". 

Canalis, abito da sposa all'asta

L'abito da sposa di Elisabetta Canalis, che ha detto il fatidico si' al chirurgo americano Brian Perri, va all'asta sulla piattaforma benefica 'CharityStars', che riporta la notizia sulla sua home page.

Il ricavato sosterra' la Comunita' Criaturas, che si occupa di accoglienza di minori ad Alghero.

Lo splendido abito bianco firmato Alessandro Angelozzi Couture ha un valore commerciale di 15mila euro.
 
'Giornale di Puglia' è una testata registrata n. 1314/2010, Trib. di Bari 06/05/2010 | Direttore: Vito Ferri | Editore: 'Arcadia Club' | Copyright © 2014 Giornale di Puglia
Powered by Gdp 2014