Header Ads

Llorente gol nel finale, la Juve vince e va a +3 dalla Roma

di Alex Nardelli - Vittoria col batticuore per la Juventus di Antonio Conte, che trova i tre punti solo nel finale contro un’Udinese messa benissimo in campo da Guidolin. E’ lo spagnolo Fernando Llorente a decidere il match finalizzando un’azione ben orchestrata dal rientrante Lichtsteiner. Punti fondamentali per i bianconeri che si portano adesso a + 3 dalla Roma, bloccata sul pari dall’Atalanta.

Spirito di sacrificio, la produzione di una grossa mole di azioni offensive e un Buffon in versione Superman, sono state il marchio che la Juventus ha impresso su una partita che fin dall’inizio si preannunciava non facile, visto l’avversario che Tevez e compagni affrontavano. Anche senza l’apporto di Andrea Pirlo, fuori dal match dopo pochi minuti per un infortunio al ginocchio e sostituito da Pogba, i padroni di casa hanno dimostrato di esserci, creando molto in fase offensiva, ma sprecando troppo. Discreta la fase difensiva con Bonucci unico a creare grattacapi a Conte.

L’ex difensore del Bari ha balbettato troppo, rendendosi protagonista di alcuni svarioni davvero preoccupanti per un difensore di una squadra come la Juventus. Ottimi invece Barzagli, solida colonna portante della retroguardia della Madama, anche ieri autore di una prestazione di altissimo livello, e Chiellini, positivo in fase difensiva, ma abbastanza mediocre quando ha superato la metà campo. A centrocampo invece sempre puntuale il cileno Vidal, il quale pur forse provato dall’ultima gara contro il Copenaghen, dove si era eretto a eroe, si è dimostrato comunque fondamentale ai fini del risultato, effettuando un salvataggio e dei recuperi molto importanti. Maluccio Pogba, un po’ a disagio nel ruolo di regista, e Marchisio, oramai divenuto un vero e proprio mistero.

Il talentuoso mediano bianconero, uno dei trascinatori nei primi due anni della gestione Conte, sembra aver perso quella brillantezza che lo contraddistingueva, diventando sempre più involuto. Se dovesse continuare così, la sua cessione, ipotesi ventilata in quest’ultimo periodo, diventerebbe inevitabile. Infine l’attacco ha visto Llorente dominare, mettendo in crisi la difesa avversaria con un’incredibile abilità nel gioco con i piedi, e segnando a coronamento della sua prestazione  il gol decisivo ai fini del risultato. Al suo fianco Tevez,  anche lui tra i più propositivi, con il suo solito concentrato di tecnica e velocità. Bene anche Quagliarella, arma in più per sparigliare i giochi nel finale di partita.

La prossima gara verrà disputata in trasferta contro il Bologna di Stefano Pioli, squadra impegnata nella bagarre salvezza, che vede in Alessandro Diamanti l’uomo più pericoloso.