Header Ads

'Bari Fashion Red Carpet 2020': al Palamartino la sfilata delle collezioni autunno inverno '20/'21 che segnano la ripartenza del settore moda in Puglia

(ph: Checco De Tullio)
BARI - Si è tenuta ieri, al Palamartino, la quarta edizione del Bari Fashion Red Carpet (BFRC): una location insolita e dallo stile urban per l’evento di moda ideato, curato e organizzato dal fashion creator ed editor Vincenzo Maiorano. A presentarlo, la giornalista e conduttrice televisiva Daniela Mazzacane.

Una quarta edizione completamente stravolta rispetto agli anni precedenti. Vincenzo Maiorano ha, infatti, voluto dedicare l’appuntamento ai luoghi “simbolo” della quarantena: balconi, terrazze e giardini. Non più “semplici” spazi abitativi ma veri e propri “affacci sul mondo”. La scenografia creata all’interno dell’impianto sportivo ricrea un grande balcone per le nuove collezioni autunno-inverno che segnano la ripartenza del settore moda in Puglia.

“Per questa quarta edizione del BFRC ho scelto un tema insolito rispetto agli altri anni - ha dichiarato Vincenzo Maiorano - proprio come insoliti sono stati gli ultimi mesi per noi. Il tema della quarta edizione è carico di significato e prende forma da sé nei mesi del lockdown, quando c’era il divieto assoluto di uscire di casa. In quei mesi gli unici spazi esterni che si potevano visitare e abitare erano diventati gli spazi condominiali: balconi, giardini, terrazze. Si cantava sul balcone e si gridava “andrà tutto bene”. Il paradosso è che la quarantena non produceva isolamento ma contatto. Sentivamo applausi ogni tanto scoppiare dalle finestre, applausi per gli operatori sanitari coinvolti in prima linea nell’emergenza, applausi per l’Italia che resiste, che ha resistito. A resistere anche il settore moda che, nonostante le gravi perdite in termini economici, non ha avuto paura. Molti i brand che hanno addirittura convertito le loro produzioni a beneficio dei dispositivi di protezione. Ed è proprio alla moda che non ha avuto paura, all’Italia che ha riscoperto, sui balconi e sulle terrazze, spazi fertili e felici, che ho voluto dedicare questo evento. Oggi la filiera della moda pugliese riparte e lo fa con una marcia in più perché non dobbiamo farci travolgere dalle avversità ma trarne sempre qualcosa di positivo per guardare al futuro e affrontarlo con ottimismo. Il mio ringraziamento va a tutti gli sponsor, al Municipio I e a tutta l’amministrazione comunale e all’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone”.
(ph: Checco De Tullio)
“Ringrazio Vincenzo Maiorano per aver scelto una location nel Municipio I della città di Bari per questa quarta edizione del Bari Fashion Red Carpet - ha dichiarato Lorenzo Leonetti, presidente del Municipio I -. In questo periodo complicato, dove siamo costretti a rivedere il nostro stile di vita, non posso che esprimere tutta la mia ammirazione nei confronti di coloro che vogliono guardare avanti, cercando di superare questo momento con lungimiranza e passione. Il commercio rappresenta il volano della società moderna. Nel massimo rispetto delle norme anti Covid, ben vengano tutte le azioni atte a non bloccare questo trend positivo che da sempre distingue noi italiani nel mondo”.

L’evento ha celebrato l’eleganza, la bellezza e la creatività dell’haute couture pugliese, con lo scopo di valorizzare e sostenere il commercio e tutte quelle piccole-medie imprese e realtà di nicchia che rappresentano l’eccellenza locale.

Le aziende che hanno contribuito e partecipato al Fashion Red Carpet IV sono Nino Armenise, 163 Monopoli di Antonia Napoletano, Sara Ricci, Elleci Boutique.

Per l’occasione Michele Palmisano e Katia Monno di Gruppo Beaute, insieme al loro staff, si sono occupati dell’acconciatura e del make-up delle indossatrici e degli indossatori.

Main sponsor dell’evento il Gruppo Metaresort, con Terranobile Metaresort e Masseria Pietrasole.

L’evento patrocinato dal Municipio I si è svolto nel rispetto di tutte le limitazioni imposte dai protocolli per il contrasto e il contenimento del contagio da Covid-19.