Sfera Ebbasta regna le classifiche con il suo nuovo album 'Famoso'


MILANO - Sfera Ebbasta uscito il 20 novembre in tutto il mondo per Island Records, conferma il proprio esordio trionfale; dopo essere stato il disco italiano più ascoltato di sempre su Spotify nel giorno di uscita, aver piazzato i suoi 13 brani nelle prime 13 posizioni della classifica FIMI, ed essere diventato disco di platino alla prima rilevazione FIMI/GFK, rimane oggi in vetta alle classifiche album, singoli e vinili. Nello specifico oggi 4 brani di Sfera Ebbasta occupano le prime 4 posizioni della classifica mentre sono 7 complessivamente i brani in top 10. Sono già sei settimane che con Bottiglie Privè e Baby, Sfera resta al N1 della classifica singoli. Un esordio davvero clamoroso per un disco attesissimo con cui Sfera bissa e soprassa i risultati del 2018 con Rockstar grazie ai risultati ottenuti a livello internazionale.

Famoso è stato infatti il quarto album più ascoltato al mondo dopo BTS, Ariana Grande e Pop Smoke nella chart album di Spotify della settimana scorsa e rimane il disco italiano che dal gennaio del 2019, nella prima settimana di uscita, ha totalizzato il più alto numero di vendite. Nel frattempo Baby con J Balvin, dopo essere stato il primo brano italiano inserito nella playlist spotify “viva latino” (la playlist latin più importante al mondo) e dopo essere stato in tendenza in 16 paesi rimane al N1 delle classifiche per la seconda settimana consecutiva.

Per raccontare il viaggio e che ha portato alla nascita di Famoso, da ieri è disponibile su Spotify un podcast realizzato da Sfera, Charlie Charles e Shablo, che attraverso aneddoti e retroscena ci portano nel cuore del lavoro fatto per realizzare l’album. Attraverso una chiacchiera senza filtri, i protagonisti ci raccontano le curiosità e i dietro le quinte dei brani che sono finiti nella tracklist; una rara occasione per i fan di sentire in prima persona Sfera e il suo team riflettere sul proprio lavoro e su ciò che ha portato a questo straordinario risultato.

Posta un commento

0 Commenti