Header Ads

Automotive: Poliba e VW Zentrum Bari sottoscrivono un accordo quadro di collaborazione

BARI - Il modello futuro delle case automobilistiche non sarà più basato sul paradigma dell’auto di proprietà bensì sul concetto di servizio di mobilità (Mobility as a Service) che vedrà sempre più presenti nuovi modelli di business per i servizi di mobilità, come ad esempio il car sharing o il nolo a lungo termine o, in generale, la fornitura di un servizio di spostamento on demand.

Questi temi sono di interesse sia del tessuto produttivo che della ricerca nel tentativo di individuare le innovazioni tecnologiche e organizzative per supportare il comparto automotive in questa fase di transizione verso il modello della post-car society. Con queste premesse trova sintonia l'accordo quadro di collaborazione scientifica che il Politecnico di Bari e VW Zentrum Bari hanno sottoscritto ieri, 26 febbraio presso la sede del rettorato.
Il Politecnico di Bari e VW Zentrum Bari, rappresentati dal Rettore, prof. Francesco Cupertino e dal dott. Giuseppe Moramarco, intendono, con questo accordo e per i prossimi due anni, rinnovabili, promuovere il tema della mobilità sostenibile attraverso attività ed eventi divulgativi, tirocini e tesi di laurea oltre a possibili interazioni a livello di ricerca e didattica.

Da subito, VW Zentrum finanzierà quattro borse-premi di studio destinate a studenti dei corsi di laurea magistrale del Politecnico che intenderanno svolgere una tesi di laurea in materia di mobilità sostenibile. Un apposito bando, di prossima pubblicazione, indicherà tempi e modalità. Gli studenti interessati dovranno proporre il tema che si impegneranno ad affrontare nella tesi di laurea e che verrà valutato da una commissione. L'accordo Poliba-VW Zentrum, consentirà il coinvolgimento anche della casa madre tedesca, Wolksvagen che si è dichiarata interessata alla collaborazione con il Poliba.

Responsabili scientifici della convenzione sono: per il Politecnico di Bari il prof. Michele Ottomanelli, mentre per la Zentrum Bari il dott. Fabrizio Resta.