Gheddafi, Hitler, Ceausescu: corsi e ricorsi bunkeriani

di Nicola Zuccaro
Le ultime agenzie che ci aggiornano sulla crisi libica informano del trinceramento di Gheddafi in un bunker. La storia documenta, e per certi versi insegna, che quando un dittatore sceglie di rifugiarsi in un nascondiglio sotterraneo ciò indica che la fine sua e del regime, da egli stesso costruito, è imminente. Scorrendo le pagine delle annate storiche c'è un precedente che risponde al nome e cognome di Adolf Hitler, suicidatosi con la sua compagna, Eva Braun, il 30 Aprile 1945
in un bunker di Berlino. Andando più in là col tempo, si scopre che un altro dittatore che trascorse i suoi ultimi giorni di vita in un sottosuolo fu, nel dicembre 1989, il dittatore Rumeno Nicolae Ceausescu. Questi precedenti indicano che, indipendentemente dall'esito finale della crisi libica, i corsi e ricorsi storici di vichiana memoria possono essere ribattezzati con l'espressione di "corsi e ricorsi bunkeriani" perchè sono i bunker, a volte, a scrivere le pagine dei libri di storia.

Posta un commento

0 Commenti