Progetto Life Alta Murgia: un anno di risultati domani a Gravina

GRAVINA IN PUGLIA - Giunge al primo anno di attività il progetto Life Alta Murgia per l’eradicazione della specie vegetale alloctona invasiva Ailanthus Altissima, la specie invasiva più dannosa presente nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Per illustrare al pubblico e agli addetti ai lavori i principali risultati ottenuti, mercoledi 11 marzo la sede del Parco Nazionale dell’Alta Murgia (Gravina in Puglia, Via Firenze 10)  ospiterà il  convegno: ‘Progetto LIFE Alta Murgia, un anno di risultati’.

Il Progetto, che vede la partecipazione dell’Ente Parco al fianco del Corpo Forestale dello Stato, del CNRIPA – istituto di scienze delle produzioni alimentari e dell’ARIF, ha l’ obiettivo di arrestare la perdita di biodiversità e rafforzare la sua conservazione, salvaguardare e migliorare lo stato di conservazione dei più importanti habitat naturali e delle specie selvatiche nel Parco, fornire una strategia chimica innovativa eco‐compatibile per l’eradicazione di Ailanthus Altissima in grado di aumentare l’efficacia degli erbicidi riducendone al minimo l’uso, tutelare l’ambiente e la salute umana dai rischi dovuti all’esposizione a sostanze chimiche nei siti Natura2000.

Il Progetto mira a diffondere i risultati ottenuti e migliorare la conoscenza di base della popolazione locale e degli operatori del settore sulle problematiche della biodiversità, delle specie aliene invasive e sul potere invasivo dell’ailanto al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e prevenire la nuova introduzione di tali specie, censire la presenza dell’ailanto nel Parco, formare gli agricoltori e proprietari terrieri sull’uso razionale di erbicidi nelle aree naturali.

Tra le attività preliminari (ad oggi concluse) vi sono il censimento e la mappatura dell’infestazione di tutte le piante di ailanto presenti nel Parco ottenuta grazie all’ausilio di un software appositamente progettato. Le azioni di conservazione (in corso di realizzazione) consistono nell’esecuzione degli interventi di eliminazione della specie invasiva e nello smaltimento del legno ottenuto e/o recupero per la produzione di calore.

0 commenti:

Posta un commento