Header Ads

Salvini: "Tra M5S e Pd vedo troppa sintonia"


ROMA - E' ancora scontro tra Lega e M5s. A tener banco è il dialogo con l'opposizione, con Fi da una parte e Pd dall'altra. "Io - dichiara Salvini a Verona - per 11 mesi ho mantenuto la parola con gli italiani e con i 5 Stelle. Inizio a notare troppi accoppiamenti fra PD e 5 Stelle, troppa sintonia". "No alla flat tax, no ad Autonomia, no al nuovo decreto sicurezza. E magari riapriamo i porti - ha aggiunto - . Mi spieghi qualcuno se vuole andare d'accordo con il PD o con gli italiani e la Lega rispettando il patto".

"M5S spostato a sinistra? Se la sinistra è il Pd, per carità…dio ce ne scampi. Non c'è un capo politico che abbia attaccato il Pd come me, il Pd è ancora quello dei renziani con Zingaretti davanti, non voglio averci nulla a che fare", dice Di Maio interpellato da Matrix in proposito. "Da quando c'è stato il caso Siri la Lega l'ha presa sul personale. Sto chiedendo un vertice di governo (per sciogliere i nodi in sospeso, ndr) e vedo un po' di irritazione", dice ancora.