Header Ads

Alberobello Light Festival 2019: verso il secondo e ultimo weekend


ALBEROBELLO - Saranno visitabili fino a domenica 28 luglio 2019, dalle 20,30 fino all’1, le installazioni luminose e i videomapping di quella che è stata già definita come l’edizione migliore di sempre del LiFe Alberobello Light Festival: 9 opere d’arte e 8 artisti provenienti da 5 diversi Paesi.

Tra le iniziative collaterali due workshop, un laboratorio di cartapesta e l’area “Food, Art & Music”.
"C'è un buon motivo per visitare Alberobello in questi giorni, la città è illuminata a festa e sembra la location perfetta per una fiaba moderna": la critica e l’apprezzamento del pubblico hanno già eletto la terza edizione internazionale di LiFe - Alberobello Light Festival come la migliore di sempre. Straordinario successo, per numero di visitatori, spazio sui media e coinvolgimento degli utenti sulle piattaforme social, per la kermesse che mette al centro l’arte visiva in tutte le sue forme con particolare riferimento all’uso della luce e dei colori e alla loro interazione con luoghi e monumenti patrimonio dell’Umanità.

C’è tempo fino a domenica 28 luglio 2019 per ammirare, dalle 20,30 all’1, le 9 opere d’arte tra installazioni luminose e videomapping e per scoprire gli 8 artisti provenienti da 5 diversi Paesi.

“Human Tiles” di Ocubo, installazione interattiva sulla Chiesa a Trullo di Sant’Antonio, “Social Sparkles” dello studio di design Toer, “nuvola” di una decine di luci sospese nell’aria pronte a muoversi con il passaggio dei visitatori presso il Trullo Siamese, “Hourly I Sigh”, installazione che indaga la condizione femminile in una società ancora discriminante, in piazza D’Annunzio, e “L’Albero della Vita”, installazione in ferro e cartapesta parte del carro allegorico vincitore al Carnevale di Putignano 2019 in largo Trevisani (queste ultime due opere firmate entrambe dal maestro cartapestaio putignanese Deni Bianco, “Les Cubes de Lumiere” di Jerome Toqr in largo Martellotta, “Fragments of Light - Frammenti di Luce”, prodotta da LiFe - Alberobello Light Festival e sviluppata in collaborazione con il visual designer Luigi Console, in piazza del Popolo, e, infine, i due videomapping, “The Pantheon of Rock”, tributo molto personale alla musica e ad alcuni dei suoi protagonisti trasformati in divinità di una cosmogonia rock firmata da Lightcones al Trullo Sovrano e “Metamorphosis” dello studio maceratese Luca Agnani alla Basilica dei Santi Medici, stanno creando un percorso di emozioni e luce che attraversa tutta Alberobello.



Intenso il programma del prossimo fine settimana: a Life 2019 arriva anche Matthew Watkins e il suo “Fingerpainting”. L’artista nato a Manchester, cresciuto a Toronto e residente in Italia ormai da 20 anni, riproporrà le proiezioni sui trulli di quadri di luce creati live con il tablet venerdì 26 e sabato 27 luglio, accompagnato dalle musiche di Alberto Totire. Watkins, per il pomeriggio di venerdì 26 luglio presso l’Hotel Colle del Sole terrà anche il workshop in “Digital Creation”.

Il Life Food, Art & Music in Villa Don Giacomo Donnaloja presso la Chiesa di Sant’Antonio si anima con gli eventi targati Radio Puglia (sabato 27 luglio, dalle ore 20,30 show, cabaret e intrattenimento con Maurizio Di Bari) e soprattutto con le scelte enogastronomiche proposte dalle eccellenze del territorio. All’interno della villa Donnaloja, per tutto il fine settimana, in mostra delle opere di cartapesta.

Proprio in questa direzione si intensificano le proposte in collaborazione con la Fondazione Carnevale di Putignano. Da venerdì 26 a domenica 28 luglio, dalle ore 17,30 alle ore 19,30, presso il LiFe "Food, Art & Music" si terrà il workshop "Bagliori di carta", laboratori di cartapesta a cura di Gesy Bianco. Per adulti e bambini la possibilità di sperimentare la lavorazione della cartapesta e realizza un oggetto da portare a casa. Domenica 28 luglio alle ore 20, in piazza D'Annunzio, nei pressi dell'opera Hourly I Sigh del maestro cartapestaio Deni Bianco, il LiFe Alberobello Light Festival incontra il Carnevale di Putignano con la presentazione del libro "Anima e Coriandoli", un’opera che racconta per parole e fotografie quello che c’è dietro e ruota intorno ad uno degli eventi più belli e affascinanti di Puglia, il Carnevale di Putignano appunto.

LiFe - Alberobello Light Festival è una vera e propria esperienza visiva e interattiva che ha l’ambizione di rendere ancora più straordinari spazi unici al mondo, spazi che solo la città di Alberobello può offrire, a partire dai trulli patrimonio Unesco fino alle chiese e alle piazze così caratteristiche e visitate ogni anno da decine di migliaia di turisti.

Alberobello Light Festival è organizzato da Agit - Associazione Giovani Imprenditori del Turismo e da Lightcones che si occupano rispettivamente della direzione organizzativa e della direzione artistica del festival. Per il 2019 l’evento è supportato e patrocinato da Regione Puglia e Comune di Alberobello.

La terza edizione conta anche sul contributo di Bcc di Alberobello e Sammichele di Bari (official partner), di Agrusti Ingrosso, Loran e New Tecnoservice (main sponsor). Nuovamente disponibile la app “LiFe - Alberobello Light Festival”, introdotta già nel 2017 e nata con l’obiettivo di essere guida e mappa interattiva per i tantissimi visitatori del festival.

Ulteriori aggiornamenti sul sito ufficiale www.alberobellolightfestival.it e sui canali social dell’evento. Hashtag ufficiali sono #lifealberobello #lightstories.

AGIT
A.G.I.T. (Associazione Giovani Imprenditori del Turismo) è un’associazione di promozione sociale fondata per promuovere la crescita delle attività economiche e sociali legate al turismo. Negli ultimi anni è stata particolarmente attiva sia nell’organizzazione di eventi culturali e turistici che nel promuovere l’eredità artistica delle città e delle aree urbane UNESCO.

LIGHTCONES
Lightcones è un’associazione di promozione sociale fondata per promuovere e valorizzare l’eredità artistica e culturale delle città e delle aree urbane Unesco attraverso tecniche di visual art, light e video mapping. È formata da un gruppo di ingegneri, programmatori, designers e visual artist con una grande passione per la tecnologia e l’arte audiovisuale.