Header Ads

‘Naufragar amando’, nuovo tascabile di poesie di Gaetano Mele


VITTORIO POLITO
- Dopo l’impegnativo lavoro per dare alle stampe, insieme a Giuseppe Gioia e Francesco Signorile, il corposo dizionario Barese-Italiano e Italiano-Barese “Per non dimenticare”, atteso da anni, Gaetano Mele si rilassa con il tascabile di poesie “Naufragar amando” (entrambi della WIP Edizioni).

Mele ha pubblicato anche altri due testi di poesie in dialetto barese: “Parole al vento” (Favia) e “S’appiccene penzìere” (Progedit). Questa volta ci regala non solo poesie in lingua, ma anche in dialetto barese, nel tentativo di valorizzare l’immediatezza della nostra prima lingua, cosa che gli è riuscito benissimo, anche in considerazione del suo passato, dedicato alla costituzione di un “Seminario di studio sul dialetto barese”.

Mi piace riportare una poesia in dialetto dedicata ad un sorriso, una medicina gratuita che non costa nulla e non ha bisogno di prescrizione medica.

Presentazione di Alessandro Lattarulo

Na pìnnue a la sgròsce

di Gaetano Mele

 

‘Nge stá na pìnnue

ca no còste nudde,

né de rezzètte

iàve má abbesègne.

Ié bóne pe dá nu fiàte

a malanghenì, piòneche e magóne.

‘Nzòmme sta soletùdene

amàre… amàre assá,

ca jìnde a stu gabbióne

te strènge fòrte…

fòrte u córe.

U sacce, ié pròbbie strane

avé na meddecine

adacchesì a la sgròsce.

Stu fatte, pure, ié vére,

non ié na rise.

U nóme de sta pìnnue?

Ié “Nu Serrìse”!