Header Ads

Il casello di Canosa finisce in Parlamento. FdI: "Quali i motivi della chiusura? Quanto manca alla riapertura?"

BARI - Le ragioni del provvedimento di chiusura del casello autostradale di Canosa, dal 19 novembre scorso, da parte di Autostrade per l'Italia e quanto tempo manca alla riapertura. Su sollecitazione del consigliere regionale Francesco Ventola, Fratelli d'Italia ha interrogato il ministro dei trasporti, per voce del deputato pugliese Marcello Gemmato, per fare luce sui reali motivi della chiusura del transito autostradale, nel tratto in entrata verso Pescara e in uscita da Bari.

Non è infatti chiaro se si tratti di un provvedimento adottato a titolo precauzionale, in seguito alle programmate attività di ispezione effettuate sul cavalcavia di svincolo della stessa stazione per ulteriori approfondimenti tecnici -come Autostrade ha dichiarato in un comunicato stampa- oppure di un problema di staticità strutturale,

relativo al cavalcavia stesso, la cui "gravità" avrebbe reso necessari ulteriori ed evidentemente lunghi approfondimenti tecnici. Nel frattempo, la chiusura ha compromesso la viabilità generale e i trasporti che, a loro volta, hanno generato danni ai canosini e ai lavoratori che percorrono quella strada -ancor più nel tratto provinciale 231 Andria-Canosa e SP 2 Foggia-Canosa dove sono in corso lavori di manutenzione- costringendo a seguire percorsi alternativi più lunghi e onerosi.