Fratelli d’Italia: "Asili nido al collasso e famiglie salassate, il regalo di nozze di Emiliano e del M5S ai pugliesi"

BARI - "Il 22 ottobre dello scorso anno sono scaduti i termini di presentazione della documentazione necessaria per l'accreditamento delle strutture da parte della Regione Puglia". Così in una nota il gruppo regionale di Fratelli d'Italia (Luigi Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone, Renato Perrini, Francesco Ventola, e il capogruppo Ignazio Zullo).

"Su 520 domande complessive - proseguono i consiglieri FdI -, 290 sono ancora in attesa di una risposta. È l’ultimo regalo del presidente Michele Emiliano ai gestori e agli operatori negli asili nido, alle imprese sociali e alle famiglie, ai genitori che da ieri 1 febbraio rischiano o di dover pagare per intero la retta per il mancato arrivo del voucher da parte della Regione (la quota privata copre una percentuale del 10/15 per cento rispetto all'importo complessivo), una cifra che in pochissimi si potranno permettere, o di trovare chiuso l'asilo. Perché il Governatore rieletto ha preferito proseguire la sua personalissima campagna elettorale piuttosto che affrontare le emergenze della Puglia, dedicandosi a tempo pieno al corteggiamento del Movimento 5 Stelle lasciando vuota per lunghi mesi la casella più importante - insieme alla Sanità - di una Regione sempre più spinta sull'orlo del baratro: il Welfare. E ancora, continuare la sua opera di creazione di una rete di consenso personale, con la nomina di consulenti piazzati in ruoli chiave dell'amministrazione - suoi candidati non eletti e ovviamente riciclati a spese della collettività - piuttosto che dedicarsi ai disastri per gran parte a lui direttamente riconducibili. Così era inevitabile che tutto il mondo che gravita attorno alla cooperazione e all'impresa sociale, dopo mesi di erogazioni non ricevute, di stipendi anticipati e stipendi non pagati, abbia smesso di aspettare e denunciato la gravità della situazione, che rischia di avere pesantissime ricadute in termini occupazionali e sulle famiglie, con la pandemia tutt'altro che relegata sullo sfondo. L'ennesima emergenza, il regalo di nozze - non gradito e non meritato - di Emiliano e del Movimento 5 Stelle ai pugliesi", concludono.

Posta un commento

0 Commenti