Header Ads

Baresi che hanno fatto la storia di Bari: Beata Elia di San Clemente


VITTORIO POLITO –
Beata Elia di San Clemente (1901-1927), carmelitana, al secolo Teodora Fracasso. Trascorse l’infanzia e l’adolescenza nella pietà e nello studio in casa e presso le Suore Stimmatine e, nel 1911, ricevette la prima Comunione.

Nel 1915 entrò nel Terz’Ordine secolare di San Domenico e nel 1920, nel Monastero di San Giuseppe delle Carmelitane Scalze di Bari, ricevette l’abito ed il nuovo nome di Elia di San Clemente. Dichiarata “venerabile” l’11 dicembre 1987 ed il miracolo per la sua beatificazione è stato riconosciuto il 19 dicembre 2005 e beatificata il 18 marzo 2006.

A 5 anni, Teodora affermò di avere visto in sogno una bella “Signora” che si aggirava tra filari di gigli fioriti, prima di sparire all’improvviso in un fascio di luce. Dopo che la madre le ebbe spiegato il possibile significato di quella visione, Teodora promise alla “Signora” di diventare monaca. Mandata all'asilo dalle Suore Stimmatine, proseguì gli studi fino alla terza elementare. L’8 maggio 1911 ricevette la Prima Comunione; la notte precedente sognò S. Teresa di Gesù Bambino che le predisse “sarai monaca come me”. In seguito frequentò il laboratorio di cucito e di ricamo presso lo stesso istituto.
Entrò quindi a far parte dell'associazione della Beata Imelda Lambertini, domenicana con spiccata pietà eucaristica, e della "Milizia Angelica" di San Tommaso d'Aquino.

Periodicamente, riuniva le amiche per fare meditazione e pregare insieme, leggere il Vangelo, le Massime Eterne, l'Imitazione di Cristo, i Quindici Sabati della Madonna, le vite dei santi ed in particolare l'autobiografia di S. Teresa di Gesù Bambino. Verso la fine del 1917, il sacerdote gesuita Sergio Di Gioia, suo nuovo confessore, decise di indirizzarla al Carmelo di San Giuseppe di Bari. Oltre a Santa Teresa di Gesù, suor Elia prese come sua guida Teresa di Gesù Bambino, seguendo la “piccola via dell’infanzia spirituale”. Fece la professione solenne l'11 Febbraio 1925.

Il suo cammino non fu facile fin dall’inizio. Il problema più grande sorse dopo che la Madre Priora, Angelica Lamberti, nella primavera del 1923, nominò suor Elia maestra di ricamo a macchina nell’educandato per giovanette annesso al Carmelo.


La direttrice, suor Colomba del SS. Sacramento, dal carattere autoritario e severo, non vedeva di buon occhio la bontà e la gentilezza con cui suor Elia trattava le educande, e dopo due anni la fece rimuovere dall’incarico. Suor Elia trascorreva gran parte della giornata nella sua cella, dedita ai lavori di cucito che le venivano affidati, pur continuando a godere di grande stima da parte della Madre Priora.

Colpita nel gennaio del 1927 da una forte influenza che la debilitò molto, suor Elia cominciò ad accusare frequenti mal di testa di cui non si lamentava e che sopportava senza prendere alcun medicinale. Quando, il 21 dicembre, iniziò ad accusare anche una forte febbre ed altri disturbi, pensò che si trattasse di uno dei soliti malesseri, ma la situazione peggiorava di giorno in giorno.
Il 24 dicembre fu visitata da un medico, che, pur avendo diagnosticato una possibile meningite o encefalite, non ritenne la situazione particolarmente grave, per cui soltanto il mattino successivo furono convocati al capezzale dell’inferma due medici, che constatarono l’irreversibilità delle sue condizioni.

Suor Elia morì alle 12.00 del 25 dicembre 1927, realizzando ciò che aveva detto: “Morirò in un giorno di festa”. I funerali furono celebrati il giorno successivo dall’Arcivescovo di Bari, monsignor Augusto Curi (1870-1933), alla presenza dei suoi familiari e di moltissima gente accorsa per visitare la salma.

Il rito della beatificazione si svolse il 18 marzo 2006 durante una celebrazione eucaristica nella Cattedrale di Bari presieduta dall’Arcivescovo Mons. Francesco Cacucci di Bari-Bitonto.

Notizie riprese dal sito internet “Santi e Beati”.

Il Comune di Bari la ricorda con una strada nel Quartiere Murat nell’ultimo tratto di Via De Rossi (da Via Crisanzio a Corso Italia), dove ha sede il Monastero che l’ha ospitò.

Il poeta Giuseppe Gioia (1937-2020), nel 2009 compose una poesia in dialetto barese, dedicata alla Beata Elia, che volentieri riporto.

 

La Biàte Elìe

di Giuseppe Gioia (1937-2020)

 

O spunde de case, a pertàte de màne,

sta u Monastère de le Carmelitàne

che na chiesiòdde sèmb’asseduàte

ca iè nu tresòre assà agrazziàte

 

Susa suse a cudde frabbecàte,

jìnd’a na cellètte assà delecàte

Suor Elìe, da la matìne a la sère,

pregàve a Criste cu córe sengère

 

U Cregefisse, na sègge e nu lìtte,

agnèvene l’ambiènde strìtte strìtte

addò chendènde e cu serrìse,

pe sett’anne e iòtte mìse

 

che la salùte tott’acciaccàte,

de tutte le chelùre ne iàve passàte

e la malatì ca tenève ’nguèdde,

nge l’arrebbò uagnèdde uagnèdde!

 

Da chèdda stanzètte, benedìtte,

che tànda divoziòne assèrene le scrìtte

de cudde cervìdde ’ndellegènde e pure

ca de scole non tenève culdùre

 

Dolge dolge e assà aligànde,

jìnd’a cudde cervìdde, caste e sànde,

nascì na pausì lemenàte

da u Criatóre ca l’avève capàte

 

Da la cellètte, chèdda lusce,

’nzìm’a le scrìtte, se mettì a fusce

e cóm’o fàre ca da sop’ò muèle

ammène la lusce jìnd’ò cièle

 

e non ze n’avvèrte ca chiàne chiàne

sàlve le marenàre da la tramondàne,

acchesì chidde scritte, da tanne,

iègnene de Grazzie ogne vànne

 

e alle crestiàne, auandànne u córe,

‘mbarene la strate de l’Amóre

ca la Biàte Elìe, che cudde serrìse,

nge disce ca va ò Paravìse!