Header Ads

McDonald's criticato per il suo bicchiere d'acqua venduto a 1,70 euro


PARIGI - I clienti francesi di McDonald's hanno ingoiato le patatine nel modo sbagliato quando hanno scoperto il prezzo del suo ultimo prodotto “Eau by McDonald's”, una nuova offerta di acqua presentata come alternativa ecologica. Conta 1,70 euro per una tazza da 25 cl di acqua filtrata. "Probabilmente la più grande truffa del secolo", secondo uno dei dipendenti della catena di fast food. Da parte sua, il gigante sta cercando di spazzare via le critiche... Rendendo un po' più verde la sua immagine. 

Questo è l'obiettivo perseguito da McDonald's da diversi anni, e attraverso diverse iniziative. Ma l'ultimo lancio nei ristoranti francesi della catena non sembra convincere. “Eau by McDonald's”, ovvero acqua filtrata, liscia o frizzante, servita in un bicchiere di cartone usa e getta, è la nuova proposta dal colosso del fast food. Un'alternativa ecologica alle bottiglie di plastica per l'insegna, “probabilmente la più grande truffa del secolo” per uno dei suoi dipendenti che testimonia su Twitter. 

Ed è più precisamente il prezzo di questi bicchieri d'acqua che ha scatenato subito polemiche: conta 1,70 euro per 25 cl di acqua naturale, e 2,30 euro per il formato 40 cl. L'acqua è generalmente servita gratuitamente negli locali francesi. Molti utenti di Internet si ribellano sui social network. Per Dan Lert, vicesindaco di Parigi incaricato della transizione ecologica e presidente di Eau de Paris, «i calcoli non vanno bene», come scrive su Twitter, aggiungendo un confronto tra il prezzo al litro offerto da McDonald's e quello dell'acqua cittadina. nella capitale, a 0,003 euro.France Info e Le Monde hanno indagato per determinare di che cosa è costituito la "Water by McDo". 

Presentata come acqua microfiltrata, è infatti acqua di città raccolta prima di essere passata attraverso “un sistema di depurazione e microfiltrazione usato dagli Chef”, come si legge in un comunicato. McDonald's aggiunge che questo filtraggio produce acqua purificata al 99,9%. La filiera spiega quindi il prezzo di un calice d'acqua con il “prezzo di costo maggiore di certa acqua in bottiglia che si può trovare sul mercato” e l'”investimento” necessario per i locali di ristorazione. Truffa? Una bella truffa o una vera innovazione? 

“Legalmente, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, probabilmente non è una truffa. Ma è fondamentalmente irregolare. Siamo ben oltre l'effettivo costo di produzione per McDonald's. E questo invia un segnale sbagliato perché distoglie i clienti da un'iniziativa che, da un punto di vista ecologico, avrebbe potuto essere positiva. Questa nuova offerta dovrebbe tuttavia essere estesa a tutti i locali McDonald's francesi.