Header Ads

Puma liberato da appartamento a New York: l'animale è stato portato in un rifugio

(credits: Human Society)
NEW YORK - Come hanno annunciato lunedì i soccorritori in una dichiarazione congiunta, oltre alla polizia e ai funzionari della città, hanno preso parte alla cattura del felino anche dipendenti dello zoo del Bronx e attivisti per i diritti degli animali della Humane Society degli Stati Uniti. Il proprietario ha "consegnato" volontariamente il gattone di undici mesi Sasha. 

Il puma pesa circa 40 chilogrammi ed è stato esaminato dai veterinari dello zoo del Bronx dopo essere stato liberato. Il grosso felino è stato quindi portato in un rifugio per animali nello stato meridionale dell'Arkansas, dove i grandi felini trascurati sono particolarmente curati. Kelly Donithan, capo del team di risposta alle emergenze della Humane Society, ha affermato che il puma è stato "un po' fortunato". 

Il suo proprietario ha finalmente capito che i leoni di montagna non possono vivere un appartamento. A proposito, Puma Sasha non è il primo grosso gatto con cui le autorità di New York hanno avuto a che fare. Nel 2003, la polizia ha preso una tigre di 210 libbre di nome Ming da un appartamento ad Harlem. Appena un anno dopo, un bambino di 8 anni è stato attaccato dal leopardo di suo padre a Long Island. 

Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, di sicuro sarà forse difficile che possa ricapitare l'esperienza di vedere un puma vivere in un appartamento in città. Per fortuna in Italia niente tigri, pantere nere o pigri leoni dietro il pergolato. Anche se, gira voce che ce ne siano per davvero, irregolari : leoni, leopardi, pantere e linci da appartamento.