Header Ads

Verso Expo Dubai: la Puglia della green economy a Wetex 2021


BARI - Le politiche regionali per l’internazionalizzazione puntano agli Emirati Arabi Uniti quale mercato strategico per la Puglia. Prosegue così il ciclo di eventi iniziato a giugno che culminerà con la partecipazione della Regione Puglia ad Expo Dubai. Dopo i seminari web di giugno e luglio sulle caratteristiche ed opportunità del mercato emiratino, il prossimo passo è la partecipazione a Wetex 2021, in programma a Dubai dal 5 al 7 ottobre 2021.

Si tratta della più importante manifestazione fieristica negli Emirati Arabi Uniti, dedicata alla filiera delle tecnologie ambientali e delle energie rinnovabili e al trattamento delle acque, vetrina di spicco per la presentazione di nuovi prodotti e soluzioni sostenibili per un’ampia area del mondo che comprende sia i Paesi del Medio Oriente che del Nord Africa. Ad organizzarla la Dewa (Dubai Electricity & Water Authority), ente del governo di Dubai tra i maggiori acquirenti di tecnologie per il settore idrico e l’industria energetica ed ambientale.

La Regione Puglia (Sezione Internazionalizzazione), in collaborazione con Puglia Sviluppo, accompagnerà una delegazione di aziende di settore che avranno a disposizione oltre ad uno spazio espositivo personalizzato all’interno del padiglione regionale, la disponibilità di una piattaforma di matchmaking per l’organizzazione di incontri con potenziali partner e buyer e la possibilità di partecipare a conferenze di alto profilo dedicate alle nuove tecnologie per la green economy.

“Stiamo puntando con grande attenzione su un mercato strategico per la Puglia – ha detto l’assessore regionale allo Sviluppo economico Alessandro Delli Noci – non solo per le opportunità rappresentate dagli Emirati Arabi Uniti, caratterizzati da un grande fermento per la realizzazione di opere civili sia pubbliche che private, ma per l’intera aerea del Medio Oriente e del Nord Africa. Nonostante la congiuntura difficile, nei primi sei mesi del 2021 abbiamo esportato in quest’area beni per quasi 192 milioni di euro, il 16 per cento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Si tratta di un mercato che presenta margini di sviluppo ancora ampi per la Puglia. In questo senso si inserisce la partecipazione regionale alla fiera Wetex dedicata all’ambiente e alla green economy, che anticipa la prima settimana pugliese ad Expo Dubai. Con i risultati raggiunti nelle energie rinnovabili, nelle tecnologie ambientali e nell’edilizia sostenibile portiamo a Wetex il meglio dell’esperienza pugliese nella green economy e apriamo la strada a nuove relazioni commerciali per le nostre imprese”.

La fiera Wetex (acronimo che sta per Water, Energy, Technology and Environment Exhibition), giunta alla 23a edizione, l’anno scorso si è svolta in modalità virtuale, registrando oltre 63.000 visitatori collegati da 126 differenti Paesi e la realizzazione di 2.500 incontri b2b.

Tornata in presenza per l’edizione 2021, si tiene in concomitanza con Expo Dubai (l’esposizione universale è stata inaugurata il 1° ottobre 2021 e termina il 31 marzo 2022) ed è la prima fiera che si svolgerà nel nuovo Dubai Exhibition Center, proprio all’ingresso del sito dell’Expo universale.

Il percorso regionale verso Expo Dubai prevede anche altri appuntamenti: la Regione Puglia parteciperà a Gitex Future Stars (17-20 ottobre 2021), evento leader per il settore Ict, dedicato alla promozione delle startup tecnologiche sui mercati del Medio Oriente e Nord Africa (Mena); Arab Health (24-27 gennaio 2022), il principale evento per il settore healthcare dell’area del Mena; Dubai International Boat Show (8-12 marzo 2022), rivolto alla promozione della nautica nei Paesi del Golfo. La partecipazione della Puglia ad Expo Dubai è stata prevista in due settimane dedicate a temi strategici per l’economia regionale, cioè lo spazio e l’acqua, in programma dal 17 al 23 ottobre la prima (“Space Week”) e dal 20 al 26 marzo la seconda (“Water Week”).

Le imprese della delegazione pugliese a Wetex sono Ake - Architecture & Klima Engineering di Putignano (Ba); Apulia Innovative Technologies di Putignano (Ba); Ecologistica Servizi di San Marzano di San Giuseppe (Ta); Gielle di Luigi Galantucci di Altamura (Ba); Officine D’Amico di Cisternino (Br); Sir di Brindisi; Stc di Mesagne (Br); Telcom di Ostuni (Br).

La partecipazione regionale è co-finanziata con risorse del Por Puglia Fesr-Fse 2014/20, Azione 3.5 “Interventi di rafforzamento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi”.