Lecce, simulavano acquisto di oro all'estero: 7 arresti e maxi-sequestro

PublicDomainPictures/Pixabay

RACALE (LE) - Hanno simulato un ingente acquisto di oro dall’estero. E' il motivo per cui sette membri di una società del Salento, con sede a Racale (Le), sono stati arrestati dalle Fiamme gialle con l’accusa di riciclaggio. 

La società, attiva nei metalli preziosi, avrebbe creato un complesso sistema di frode fiscale attraverso alcune società cantiere a cui venivano versate ingenti somme di denaro per l'acquisto di oro. 

I 120 milioni di euro, suddivisi tra il 2016 e il 2020, sono stati poi prelevati in contanti per essere reintrodotti in Italia. Nell'operazione la Guardia di Finanza ha sequestrato beni per oltre 133 milioni di euro.

Posta un commento

0 Commenti