Bari: stop ai circhi con animali, Comune approva proposta 'La Foresta che avanza'

BARI. Il consiglio comunale di Bari ha approvato all’unanimità la mozione presentata dal consigliere Marcello Gemmato per conto de La Foresta che Avanza, gruppo ecologista di CasaPound Italia. Grazie al provvedimento votato il sindaco Emiliano dovrà revocare l’autorizzazione all’occupazione del territorio ai circhi che sfruttano animali nei loro spettacoli, si impegnerà a promuovere tale divieto presso tutti i comuni della regione e promuoverà una campagna per sensibilizzare e informare i cittadini riguardo le condizioni indegne e contro natura imposte dai circhi agli animali.

“Il circo ha ragione di esistere e meravigliare adulti e bambini, usando solo risorse umane e tramandando la professionalità e la passione delle storiche famiglie circensi” dichiara Guido Bruno, responsabile regionale de Lfca.

“L’approvazione della mozione da parte del consiglio comunale di Bari è la seconda nella nostra regione dopo quella di Brindisi, e rappresenta un passo importante nella battaglia portata avanti in tutta Italia da La Foresta che Avanza. Il riscontro di consensi e i provvedimenti adottati da importanti capoluoghi regionali e provinciali – conclude Guido Bruno – agevola notevolmente l’iter per promuovere una legge statale che ponga fine allo sfruttamento degli animali”.


Posta un commento

1 Commenti

  1. Non sono per nulla d'accordo con questa proposta e spero che non prenda piede. Ci vedo tanta demagogia e poca concretezza. Siete sicuri di sapere come vivono gli animali nei circhi? A me sembra di no.
    E canarini e criceti tenuti in gabbia, (che peraltro sempre di animali esotici si tratta) perchè non si vietano allora? In Italia ce ne saranno centinaia di migliaia, altro che i pochi animali tenuti nei circhi.

    RispondiElimina