Header Ads

Sabato a Brindisi si inaugura la mostra "Caravaggio, L’urlo e la luce”

BRINDISI. Arrivano grandi novità culturali nella città di Brindisi: a partire dal 12 gennaio, infatti, la città ospiterà, nelle ampie sale dell’ex convento delle scuole Pie, la mostra didattica-itinerante dedicata la genio di Caravaggio. Sarà inaugurata alle ore 17:30 nella sede espositiva ed, all'inaugurazione, parteciperanno Mimmo Consales (sindaco della città di Brindisi) e Don Franco Galiano (Direttore della Fondazione Opera Beato Bartolo Longo) e sarà l’architetto Roberto Palasciano, docente di Storia dell’Arte nonché sindaco della città del libro Campi Salentina, a condurre una presentazione dell’intero percorso artistico di Caravaggio.

Per quanto riguarda la mostra “Caravaggio. L’urlo e la Luce”, racconta il percorso creativo del pittore lombardo Michelangelo Merisi da Caravaggio (1571-1610) negli anni della svolta epocale tra gli esordi romani e gli ultimi giorni napoletani, dal 1592 circa al 1610, attraverso la riproduzione a grandi dimensioni e ad alta definizione digitale di 31 opere, disposte in un percorso non cronologico, bensì tematico, dentro cinque ideali stanze.

L’esposizione, prodotta da Itaca società editrice e di promozione culturale, e curata dal professor Roberto Filippetti, studioso d’arte e letteratura, è organizzata dalla Fondazione Opera Beato Bartolo Longo in occasione del 9° Meeting della Cittadinanza Piena e Universale e gode del patrocinio della città di Brindisi.

Alla base di questa iniziativa vi è l’idea che la bellezza artistica autentica, in quanto manifestazione della verità, è intrinsecamente educativa e riabilitativa e può quindi costituire un efficace strumento di crescita culturale e spirituale oltre che di cura per persone di ogni età, a cominciare dai più piccoli e più fragili. Prima ancora che come evento culturale, l’iniziativa è quindi concepita come manifestazione didattico-educativa che vuole rivolgersi agli studenti del nostro territorio, e non solo.

La mostra resterà aperta fino al 3 febbraio e osserverà i seguenti giorni e orari di apertura al pubblico tutti i giorni 9-12, 17-20. L’ingresso è gratuito. Per tutta la durata della mostra è prevista la possibilità di prenotare visite guidate per scolaresche e gruppi. Il servizio di visite guidate è l’elemento qualificante della mostra, perché offre ai visitatori quegli spunti di informazione e riflessione che rendono la visita più arricchente e didatticamente proficua.

Per informazioni e prenotazioni delle visite: tel. 0831.843632, mail eventi@beatobartololongo.it.


Daniele Martini