A lezione di Aeronautica militare alla Terza Regione Aerea di Bari

di Nicola Zuccaro - Coda di rombo, Volo a rovescio eseguito da un solista, Arizona degli aviatori in ricordo di un luogo dove essi convenivano. Sono alcune delle figure disegnate nel cielo di Bari dalla Pattuglia Acrobatica Nazionale in un pomeriggio memorabile per la città.

Le meglio note Frecce Tricolori, una delle eccellenze più apprezzate dell'Arma Azzurra, oltre ad onorare con un repertorio della durata di circa mezz'ora, San Nicola, hanno voluto dedicare questa esibizione a chi, in questo periodo, è meno fortunato: i bambini ricoverati presso il Reparto di Oncologia Pediatrica del Policlinico di Bari e i 2 marò pugliesi Salvatore Girone e Massimiliano Latorre.

Il pomeriggio della memoria è stato completato dal ricordo di Alessandro Musacchio. Il primo maresciallo era un aviere in forza al 15esimo Stormo di Stanza a Pratica di Mare e perì durante un'esercitazione. Ad onorare il suo sacrificio la simulazione di un naufrago recuperato in mare e che ha visto il debutto a Bari dell'ultimissimo modello Augusta A139 erede del vecchio HH3F in dotazione all'84esimo Centro di Soccorso Aereo di stanza a Gioia del Colle.

Impegnato anche per il trasporto di organi umani e in calamità naturali il velivolo ha aperto l'esercitazione con un inchino e l'ha chiusa con un passaggio dinnanzi al Palazzo del Comando della Terza Regione Aerea accompagnato da un tricolore svolazzante a bordo di esso.

Per un pomeriggio, dopo un primo assaggio con il sorvolo di tre aeroplani in dotazione all'Aereo Club di Bari, i tanti convenuti sia sul lungomare stracolmo che sul terrazzo del Presidio Militare precedentemente menzionato hanno potuto assistere dal vivo ad una lezione di Aeronautica Militare.

Posta un commento

0 Commenti