La UIL premia gli anziani che si dimostrano una risorsa anche nella poesia

di Vito Ferri - Si è svolta presso l’Hotel Excelsior di Bari la cerimonia di premiazione dei partecipanti al concorso di poesie in vernacoli pugliesi, organizzata dall’Unione Italiana Lavoratori Pensionati (UIL), in collaborazione con l’A.D.A. (Associazione di volontariato per i diritti degli anziani).

Sono ormai otto anni che la UIL organizza l’evento dedicato alla poesia nei vari dialetti della Puglia e l’iniziativa, oltre a conservare tutta la sua freschezza, vede ogni anno in crescita sia la partecipazione ed il consenso dei pensionati, che la qualità delle composizioni.

Per l’occasione è stata presentata l’VIII edizione 2012-2013 dell’Antologia “Il mio cuore, la mia terra, la mia vita” (Levante Editori), che raccoglie tutte le poesie presentate nei vari dialetti con relativa traduzione a fronte e che ogni anno aumentano sempre di più.

Rocco Matarozzo, segretario generale Uil Pensionati di Bari e di Puglia, che firma l’introduzione scrive che «È un onore e un piacere scrivere, ogni anno, l’introduzione all’antologia di poesie. Ed ogni anno sembra sempre più difficile. Poi, appena si inizia, tutto si risolve come per magia, perché appunto, “magicamente” scopri che di poeti ce ne sono dei nuovi e soprattutto che le cose che dicono tutti sono diverse e piene di contenuti. Ciò che più colpisce è che di anno in anno le menti si affinano e quanti hanno iniziato per gioco oggi si affiancano, quasi alla pari, ai poeti di elevata caratura».

Il segretario generale della UIL pensionati, Romano Bellissima, scrive nella prefazione che «È importante ribadire con ogni mezzo, anche con un concorso di poesie in vernacolo, il valore della memori e del vissuto delle persone anziane, da sempre portatrici di ideali di condivisione e comunità, di capacità di fare sacrifici per il bene comune, di sobrietà nei consumi e negli stili di vita».

Numerosi gli autori meritevoli di essere premiati e ricordati, ma come sempre vi sono perle che vanno esaltate per la grande forza poetica. Il primo premio è stato assegnato a Lucia Delle Grottaglie di Mesagne per la poesia “L’urtumu arvulu ti aulja” (L’ultimo albero di ulivo); i premi per la Sezione Bari sono stati assegnati a Michele Caldarulo per “Caccà” (Balbuziente); A Vincenzo D’Acquaviva per “U Gnùrəchə ’nguèrpə” (Il groppo in corpo); ad Agostino Galati per “Sorriso”. Per la Sezione Bat sono stati premiati: Felice Dimonte, Sante Valentino; per Brindisi, Apollonia Angiulli; per Foggia, Mario Iannacci; per Lecce, Rosanna Gabellone; per Taranto Antonio Spada. Premi speciali sono stati assegnati a Concetta Conte ed Angela Tragni.

Vittorio Polito
Numerose le menzioni speciali tra le quali figurano i nomi di Michele Lucatuorto per la poesia “Tembòrale” (Temporale); Vittorio Polito per la poesia “U Tréne de la vite” (Il treno della vita); Santa Vetturi per “Serafine” (Serafina) e Giuseppe Zaccaro per “U trène de la tèrra noste” (Il treno della nostra terra).

Altrettanti numerosi i diplomi di partecipazione consegnati a Vita Corallo per “U Eure” (L’Euro); a Vito Antonio Corsini per “ U munne de josce… ce cose sta seccète!” (Il mondo di oggi… cosa sta succedendo) e “La Pasque de Resurrezzione” (La Pasqua di Resurrezione); a Vincenzo D’Acquaviva per “Uagnangéddare” (Ragazzini); a Tonino Fonzeca per “Lupràne” (Leporano); a Giuseppe Gioia per “La serène” (La sirena) e “Museche” (Musica); a Michele Lucatuorto per “U’ attòre còmeche” (L’attore comico); a Vittorio Polito per “U giornaliste de iòsce” (Il giornalista di oggi); a Santa Vetturi per “U paravìjse vere” (Il paradiso vero); a Nicola Vitale per Vot’Andònie vot’Andònie” (Vota Antonio).

Fuori concorso le poesie di Antonella Agape “La notte”; di Antonio Salvatore Landolfo “Caru amore mia” e “La nuvoletta” e, infine, di Enzo Migliardi “U sindacàte de la UIL penzionate” (Il sindacato della UIL pensionati).

Il nostro collaboratore Vittorio Polito, si è aggiudicata la coppa con la menzione speciale per la poesia “U Tréne de la vite” (Il treno della vita), che di seguito riportiamo.




U tréne de la vite
di Vittorio Polito



Le giùvene de la redazióne,
che tand’aggarbàta seggezióne,
m’addemànnene sèmbe u motìve
ca me fásce ièsse attìve attìve
cóme crestiáne ca non se stanghe
che la capa biànga biànghe,
ca da la matìne che volondá
va sèmbe fescènne dó e dá
e cóme fòsse nu uagnongídde,
chíne de prísce e de cervídde,
allàsse attùrne chèdda fresckèzze
ca de gevendù iè dòlgia brèzze.

Care giùvene, ve digghe cu córe
ca cusse mbìte iè tradetóre
e a respònne m’àgghia arrènne
allassànne u mbègne o Padretérne.

Ve pòzzeche dísce da crestìáne
ca sènghe nguèdde na máne
de ngualchedùne ca da lendáne,
me vóle béne e cóme a n’attáne
me spènge a scì sèmbe chiú nànze,
chiáne chiáne e senz’arrogànze,
e m’appìcce chèdda lúsce
ca m’auànde e me fásce fúsce
cóme a nu vagóne carresciàte
da nu tréne ca acceleràte
mbrìme pìgghie stràte
e scènne scènne, scapeceràte,
pìgghie na bèlla veloscitá
ca a l’andrasàtte m’àva pertá
a na stanzióna scanesciùte,
chendènde e sterdesciùte.

Chèdda stanzióne, ca me piásce,
iè chiéna chiéne de prísce e pásce
e p’arrevá, che tand’affànne,
non avàstene... n’ald’e cínd’ànne!

Il treno della vita


I giovani della redazione,
con tanta delicata soggezione,
mi domandano sempre il motivo
che mi rende attivo attivo
come persona che non si stanca,
con la testa bianca bianca
che dal mattino con volontà
va sempre correndo qua e là
e come fosse ragazzino,
pieno d’allegria e intelligenza,
sparge attorno quella freschezza
che di gioventù è dolce brezza.

Cari giovani, vi dico col cuore
che questo invito è traditore
e a rispondere mi devo arrendere
lasciando l’impegno al Padreterno.

Vi posso dire da uomo,
che sento addosso una mano
di qualcuno che da lontano,
mi vuol bene e come un padre
mi fa andare sempre più avanti,
pian piano e senza arroganza,
e mi accende quella luce
che mi cattura e mi fa correre
come un vagone trasportato
da un treno che accelerato
velocemente prende strada
e procedendo, sbizzarrito,
prende una bella velocità
che d’improvviso mi porterà
ad una stazione sconosciuta,
contento e stordito.

Quella stazione, che mi piace,
è piena piena di gioia e di pace
e per giungervi, con affanno,
non bastano... altri cent’anni!

Nessun commento

Posta un commento

© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo